Sviluppo urbano e arte architettonica di Lione, Francia

Lo sviluppo urbano ha lasciato un posto importante per la riqualificazione degli argini dei due fiumi, con l’obiettivo di bonificare gli argini del Rodano e della Saona: ultimato, lo sviluppo degli argini del Rodano ha permesso di trasformare auto di grandi dimensioni parchi e altre semplici banchine in una passeggiata fatta di spazi vegetati, luoghi di relax, fontane e giardini. Lo sviluppo delle rive della Saona le ha anche trasformate in un luogo di relax favorevole alla cultura e alla riunione.

I grandi progetti urbani avviati dalla Grande Lione interessano il territorio comunale, come la riabilitazione in corso del distretto di Duchère e il rinnovo dei distretti di Vaise e Mermoz. Il grande progetto urbano Lyon Confluence, in corso tra il Rodano e la Saona, deve trasformare quello che ieri era un sito dedicato all’industria in una vera e propria estensione del centro cittadino oltre la stazione di Perrache. Alla fine della prima fase, 130.000 m 2 di abitazioni, 120.000 m 2 di hotel, servizi, negozi e 130.000 m 2 di uffici devono sostituire i brownfield. Entro la fine della seconda fase avrebbero dovuto essere costruiti più di un milione di metri quadrati. Sulla punta della penisola è stato costruito il Museo delle Confluenze dall’aspetto futuristico. È stato inaugurato il 20 dicembre 2014 ed è servito da una stazione del tram T1, estesa verso Debourg nel quartiere Gerland (7 ° arrondissement).

Sono stati realizzati altri progetti ad hoc: a Jacqueline Osty è stata affidata la trasformazione di Place des Jacobins nel cuore del secondo arrondissement, uno spazio un tempo molto frequentato dalle auto. La riqualificazione prevede marciapiedi più ampi e un abbellimento della fontana e delle statue che si trovano nel centro anche pedonale. Riconvertito dopo la partenza degli ospizi civili di Lione, l’Hôtel-Dieu ha lasciato il posto a una città della gastronomia, un lussuoso hotel intercontinentale nel corpo centrale dell’edificio, negozi specializzati in stoviglie e decorazioni per interni, nonché uffici aziendali. I molteplici cortili interni sono stati riqualificati in luoghi alti di lusso, come il paradiso di Montaigne a Parigi. La sfida è dare a Lyonnais spazi pubblici tra le strutture private del progetto. Un tetto in vetro che copre uno dei cortili interni così come il restauro della cupola e la sua altezza del soffitto di 58 metri sono i forti segnali architettonici di questa riabilitazione. L’inaugurazione è avvenuta tra la fine del 2017 e la fine del 2019.

Altri progetti nella Grande Lione, nonostante la loro distanza dal centro e situati al di fuori del territorio comunale, contribuiscono all’influenza del centro città: in corso la riqualificazione della Piazza della Seta, a cavallo tra Villeurbanne e Vaulx-en-Velin, anche se per lungo tempo trascurato dalla metropoli di Lione, è oggi al centro di un grande progetto di riqualificazione e ristrutturazione, la cui fine non sarebbe avvenuta prima del 2030. La creazione di un centro ricreativo, l’ampliamento dell’offerta immobiliare, l’emergere di un centro terziario di fama europea, la costruzione di 30.000 m 2 di alberghi. L’area commerciale e affaristica Lyon – Porte des Alpes, parzialmente completata, nella città di Saint-Priest è stata avviata nel 1996. L’obiettivo di questo progetto è fare della Porte des Alpes un vero e proprio centro di servizi. Il parco tecnologico, simbolo del progetto, è quasi completato e dovrebbe fornire alla fine circa 6.000 posti di lavoro. La Porte des Alpes è anche il sito delle “case passive”. 31 in numero, queste case sono prototipi di case ultra ecologiche, destinate all’abitazione.

Dopo la guerra
La storia di Lione dal 1944 non è stata ancora studiata a fondo. Deve essere affrontato con cautela; il senno di poi, le analisi sintetiche e le opere complete mancano ancora per molti aspetti della sua vita contemporanea. Rimanere il più vicino possibile ai fatti è quindi un imperativo fino a quando gli anni e gli studi non consentano di oggettivare opinioni e punti di vista.

Cambiamenti urbani e demografici
Durante i Trent’anni gloriosi, la popolazione della città di Lione aumenta sensibilmente da 442.000 a 527.000 abitanti tra il 1946 e il 1968, ovvero un aumento del 20%. Le periferie dell’area metropolitana di Lione crescono da 348.000 a 595.000 abitanti, con un aumento del 70%. Questi dati sottolineano la forte tendenza, visibile in tutte le città della Francia, di una forte espansione urbana. A Lione, si verifica principalmente nella parte orientale della città, continuando così un processo storico. Dagli anni ’70 e ’80 la crescita urbana è stata visibile soprattutto ai limiti dell’agglomerato, i comuni più centrali vedono stabilizzarsi la loro popolazione. Infine, questo sviluppo è accompagnato da un calo della densità urbana complessiva.

Da grandi complessi residenziali sono costruiti in periferia (Duchère, per accogliere i rimpatriati dall’Algeria, Mermoz, Rillieux …). L’ammodernamento ha portato a una serie di lavori importanti, come la costruzione di un quartiere degli affari a Part-Dieu, il tunnel autostradale di Fourvière o la metropolitana, inaugurato nel 1978). L’espansione urbana ha anche portato alla costruzione di una nuova città a L’Isle-d’Abeau e nel 1975 un nuovo aeroporto a Colombier-Saugnieu denominato Satolas, in sostituzione dell’aeroporto di Bron e ribattezzato nel giugno 2000 aeroporto di Saint-Exupéry.

Queste trasformazioni sono accompagnate da una modifica delle categorie socio-professionali all’interno dell’agglomerato. A partire dagli anni ’80, Lione, ma anche Villeurbanne, raccolse più professioni superiori (dirigenti, industriali, libere professioni, ecc.), Mentre le periferie, e più in particolare quelle dell’est, accolsero popolazioni di operai, operai, impiegati proporzionalmente più grandi.

Dagli anni ’80, le tendenze demografiche sono cambiate. Il centro dell’agglomerato (compresa Villeurbanne) ha visto aumentare la sua popolazione, mentre i comuni delle periferie vicine hanno perso abitanti. Durante gli ultimi due censimenti, la popolazione della città di Lione è passata da 415.500 abitanti nel 1990 a 445.400 nel 1999, raggiungendo i 479.800 durante le indagini del 2009.

Sviluppi economici
Alla fine della seconda guerra mondiale, Lione era una città profondamente segnata dall’industria, tradizionale (metallurgia) o più innovativa (chimica e costruzioni meccaniche); è rimasto così fino agli anni ’60. Nel decennio successivo, la struttura economica dell’agglomerato cambiò rapidamente, fino a diventare un importante centro terziario francese.

I settori in maggiore declino sono: il tessile (e in particolare la seta), la fabbricazione di componenti elettrici e la lavorazione dei metalli. Le industrie chimiche e della meccanica automobilistica, invece, riescono a mantenere un buon livello di attività. Mentre il numero di stabilimenti industriali a Lione è diminuito poco, l’importanza relativa dell’industria nella popolazione attiva complessiva è diminuita considerevolmente negli anni ’80 e ’90.

Negli anni 2000, il settore industriale di Lione era composto da quattro settori principali: chimico e farmaceutico (con Arkema, Sanofi-Pasteur, BioMérieux, ecc.), Metallurgia e costruzioni meccaniche (con Renault Trucks), elettricità (con Alstom e Areva), IT per i software Hewlett-Packard e Cegid e per l’industria tessile. A questi settori che danno il suo carattere all’industria lionese, dobbiamo aggiungere le numerose società di costruzioni, alimentari e logistica. L’economia di Lione è stata stimolata dal 2005 dai cinque cluster competitivi: Lyon Biopôle, Axelera, Lyon Urban Trucks, Lyon Numérique e Techtera.

L’evoluzione del settore tessile Lione
La riconversione della maggior parte dei produttori nell’industria del rayon negli anni ’30 fu solo una soluzione illusoria e questo settore a sua volta crollò durante i Trente Glorieus. Nonostante gli sforzi per organizzare e sostenere il settore attraverso strutture consultive e di mutuo soccorso, la seta naturale è, da parte sua, confinata al mercato del lusso. Lione, d’altra parte, sta sviluppando il know-how nel campo della conservazione, restauro e valorizzazione del patrimonio della seta.

La fine della fabbrica
La seconda metà del XX secolo ha visto la struttura tradizionale della fabbrica di Lione disintegrarsi e scomparire, nonostante i numerosi tentativi di sopravvivenza.

Il declino della seta artificiale
L’adozione della seta artificiale, il rayon, durante lo shock del 1929 da parte dei lavoratori della seta di Lione è solo un rimedio temporaneo alla crisi. In effetti, questa fibra è in forte concorrenza con l’aspetto del nylon negli anni ’50. Tuttavia, questo nuovo materiale richiede investimenti molto più pesanti, che la maggior parte delle case tessili non può permettersi. Allo stesso tempo, gli sforzi per modernizzare gli strumenti di produzione sono deplorevolmente insufficienti, con tempi e volumi di produzione che rimangono inferiori rispetto alla maggior parte delle altre aree di produzione tessile mondiale. La Fabrique non può rivolgersi alla produzione di linee prêt-à-porter a basso costo.

Questo porta a una nuova ondata di scomparsa. Tra il 1964 e il 1974 il numero delle case è diminuito del 55% e quello delle fabbriche del 49%. Le case più piccole furono le prime a scomparire, ma fallirono anche alcune istituzioni, come la casa Gindre nel 1954 o la casa Dognin nel 1975.

Organizzazione del settore
Per resistere al declino, diverse case di Lione hanno unito le forze per mettere insieme gli investimenti e diffondere meglio contatti e idee. Questo “Gruppo di creatori di alta novità”, nato nel 1955, comprende otto società tra cui Brochier e Bianchini-Férier. Questa istituzione ha avuto diversi successi e ha permesso a diverse case di resistere alle crisi del settore. Il settore della seta si è successivamente affidato a diverse altre organizzazioni che l’hanno aiutato a sopravvivere e svilupparsi, tra cui Unitex nel 1974 (associazione di Lione per la consulenza alle aziende tessili), Inter-Soie France nel 1991 (associazione che riunisce i giocatori di seta di Lione e organizza il mercato della seta di Lione ) o l’associazione internazionale della seta.

Disintegrazione della Fabrique
Durante questo periodo, la forza lavoro del mondo della seta si è letteralmente sciolta. In 14 anni, tra il 1974 e il 1988, i dipendenti del settore della seta nella regione di Lione sono passati da 43.000 a 18.000. Il numero di telai è passato da 23.000 nel 1974 a 15.000 nel 1981 e 5.750 nel 1993.

Riorientamento dell’industria setosa di Lione
I soliti outlet sfuggono alla Fabrique, il lusso che non usa quasi più seta e la concorrenza sul prezzo di articoli ordinari diventa insostenibile. Le ultime società di seta di Lione si stanno quindi riorientando verso i tessuti tecnici, la ristorazione e le attività del patrimonio.

La fine dei clienti tradizionali della seta
La clientela tradizionale dei Fabrique che sono le élite, pronta a spendere grandi fortune in abiti serali e cerimoniali e nell’allestimento delle proprie case, è in crisi negli anni ’30 e tende a scomparire negli anni ’50 con le trasformazioni sociali vissute da paesi sviluppati. L’ondata di democratizzazione e l’influenza della cultura americana hanno inferto un colpo definitivo agli ordini di ricchi abiti in seta ricamata. La moda parigina, sbocco naturale e portabandiera delle produzioni lionesi in tutto il mondo, è in grave crisi, con la chiusura di molte case di Haute Couture e il resto sopravvive solo grazie alle loro linee prêt-à-porter.

L’alta moda si allontana dalla seta
Queste case si rivolgono sempre più ad altri materiali. I volumi di seta ordinati si abbassano; dal 1957, l’industria tessile nell’area metropolitana di Lione ha utilizzato solo 800 tonnellate di seta contro più di 24.000 tonnellate di fibre artificiali. Nel 1992 la produzione di tessuti di seta è scesa a 375 tonnellate.

Tuttavia, anche le case che stanno cercando di specializzarsi in beni di lusso devono affrontare molte sfide. La vecchia casa Bonnet scelse questo riorientamento negli anni ’70 separandosi dalle fabbriche che producevano tessuti di fascia media e acquistando aziende con know-how di qualità. Negli anni ’90 ha prodotto articoli di lusso (abbigliamento e sciarpe) con i propri marchi o per case come Dior, Chanel, Gianfranco Ferré o Calvin Klein. I responsabili cercano anche di sfruttare la dimensione storica dell’azienda fondando un museo. Ma rimane fragile ed è morto nel 2001.

Restauro e conservazione del patrimonio
Molto presto, le autorità di Lione cercarono di stabilire depositi sui terreni. In origine, questa attività aveva uno scopo utilitaristico, per consentire il riconoscimento della proprietà, supportare la formazione di futuri designer e fornire ispirazione alle case. Durante il XX secolo, questo progetto assume un’eredità puramente storica e una leadership all’interno del Museo del tessuto. Questo ora ospita collezioni della lunga storia setosa di Lione. Così, i campioni e i disegni conservati dal tribunale del lavoro furono trasferiti al museo nel 1974 quando l’organo giudiziario si trasferì.

Il museo dei tessuti ha un laboratorio per il restauro di vecchi tessuti nel 1985, finanziato in parte dalla direzione dei musei di Francia. Costruito sul modello di quello dell’Abegg-Stiftung di Riggisberg, opera nel restauro di ambienti pubblici o privati.

Le manifatture Tassinari & Chatel e Prelle mantengono la tradizione della tappezzeria in seta, tra l’altro per il restauro di pezzi d’epoca. Negli anni ’60 e ’70 hanno beneficiato della volontà dello Stato di realizzare un vasto piano di restauro degli arredi dei castelli reali. Questo lavoro di restauro è accoppiato con la ricerca archeologica condotta da specialisti delle due case per trovare i colori, le trame e le fantasie identiche agli originali. Questo primo libro apre le porte ad altre società di catering all’estero. Pertanto, il governo tedesco ha affidato loro il restauro di diversi castelli, compresi quelli di Brühl o Nymphenburg.

Tessuti tecnici
Diverse aziende stanno lasciando l’industria della seta per sopravvivere, entrando nel mercato dei tessuti tecnici ad alto valore aggiunto. Nel 1987, le quattro principali società della regione di Lione in questo settore erano Porcher, Brochier, Hexel-Genin e DMC. Questa strategia ha avuto un certo successo. Ad esempio, la produzione di tessuti in fibra di vetro è passata da 13.500 tonnellate nel 1981 a 30.000 nel 1988.

Al giorno d’oggi
Rimane il 20I secolo a Lione pochissimi produttori di seta, posizionati principalmente nel mercato limitato all’abbigliamento e all’arredamento di lusso.

Le case Bianchini-Férier o Bucol lavorano per l’alta moda. Bucol (azienda fondata nel 1928) è riuscita a sopravvivere dedicandosi esclusivamente all’alta novità grazie ad una solida rete all’interno dell’Haute Couture parigina. Ha così unito le forze con Hubert de Givenchy nel 1985 per la produzione di “crepe semplice o foggiata, mussola scolpita o rigata di raso, fiori multicolori gettati in piantine o in grandi stampe, coordinati tra loro o armonizzati con pois, righe o geometrici modelli “. La stessa casa ha unito le forze con diversi artisti contemporanei negli anni ’80 per la creazione di dipinti tessuti. Hanno partecipato Yaacov Agam, Pierre Alechinsky, Paul Delvaux, Jean Dewasne, Hans Hartung, Friedensreich Hundertwasser, Roberto Matta. Acquisita dal gruppo Hermès, la casa Bucol ha prodotto per essa i suoi quadrati di seta stampata.

La casa Tassinari & Chatel, che è stata rilevata dall’editore di tessuti Lelièvre, lavora principalmente per l’industria alberghiera di lusso, gli stati o persone molto facoltose. Maison Prelle segue questo posizionamento, conservando conoscenze sufficienti per continuare a lavorare sul restauro di vecchi pezzi.

Storia urbana di Lione
La storia urbana di Lione permette di ripercorrere le forme assunte dall’occupazione umana del sito durante la storia della città.

Sviluppato dai romani sulla riva destra della Saona, Lugdunum si diffonde rapidamente e comprende la città gallica di Condate situata ai piedi della Croix-Rousse. Man mano che la città si espande, si riversa sull’isola di Canabae (in particolare quartieri artigianali e commerciali) e sulla collina di Fourvière (centro amministrativo e religioso). Questo insediamento sommitale è possibile solo in una seconda fase, grazie alla padronanza delle tecniche idrauliche che consentono all’acquedotto del Gier di portare l’acqua nella cittadella. La fine dell’Impero Romano d’Occidente mise fine a questa pianificazione urbana: Lione si restrinse fino a diventare nient’altro che una piccola città concentrata sulle rive della Saona, intorno a chiese e cimiteri.

Da questa concentrazione lineare tra la Saône e la collina nasce progressivamente l’urbanistica dei traboules, caratteristica di Lione. Sono i vescovi e gli arcivescovi che sollevano Lione: ansiosi di mostrare il sentimento religioso, costruiscono e restaurano la futura cattedrale, la racchiudono, la dotano di uno scriptorium. Allo stesso tempo, le abbazie si stanno sviluppando (Ainay, Île Barbe, Saint-Pierre). La città si sviluppò durante il Rinascimento carolingio, poi riprese la vegetazione.

La sua posizione privilegiata di confluenza e città di confine le è valsa ancora una volta un oggetto di interesse e persino di cupidigia da parte delle grandi potenze del Medioevo centrale (re di Francia, imperatore germanico e papa), oltre che da signori locali. (Forez e Beaujeu). La città è quindi fortificata attorno a edifici religiosi, principalmente la cattedrale che è stata completamente ricostruita, ma anche a Saint-Just o Ainay. Anche i ponti stanno iniziando ad attraversare la Saona. Si tenta anche di attraversare il Rodano, ma i successivi ponti di legno vengono distrutti a più riprese dalle inondazioni, fino alla creazione di un ponte di pietra molto più tardi.

L’integrazione in Francia è inizialmente dolorosa; poi il favore reale, al primo Rinascimento (fiere, seta), aiuta a sviluppare la città, quindi la crescita della popolazione è molto forte: nel XVI secolo si è prima densificato nella penisola e nella vecchia Lione, poi trabocca, principalmente in direzione di Croix-Rousse. I progetti reali sotto l’assolutismo mirano a organizzare solennemente lo spazio centrale della penisola: si creano e si addobbano viali e piazze, il sud della penisola viene definitivamente ripulito e servito. La città, che ha raggiunto una popolazione di 150.000 abitanti alla vigilia della Rivoluzione, è fortemente colpita dai guai rivoluzionari e si sta riprendendo solo lentamente.

È la seconda età dell’oro della seta che è la fonte della crescita di Lione: Croix-Rousse si sviluppa e, soprattutto, la riva sinistra del Rodano, finalmente prosciugata, igienizzata e arginata, è attraversata da strade e da edifici. La ferrovia è stata stabilita a Perrache poi sulla riva sinistra. La crescita, abbastanza spontanea per iniziare, è sempre più inquadrata tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, con importanti operazioni di sviluppo della penisola, teorie del quartiere operaio di Tony Garnier, ristrutturazioni urbane intraprese o pianificate nei quartieri più antichi. Tali ristrutturazioni, proseguite all’inizio del dopoguerra, sono state talvolta eccessive, volte a distruggere un antico patrimonio e sostituirlo con quartieri “funzionali”.

Una consapevolezza del valore del patrimonio dei vecchi quartieri ha caratterizzato la fine del XX secolo, rafforzata dall’inclusione nel Patrimonio Mondiale della Vecchia Lione e della penisola. Allo stesso tempo, l’urbanistica è stata rilevata dall’autorità locale, e principalmente dalla struttura intercomunale che ha assunto le più ampie prerogative come dipartimento nel 2015, la metropoli di Lione.

Durante l’antichità
In epoca gallo-romana, l’attuale città di Lione è divisa in tre distretti distinti: il primo è la città romana di Lugdunum, il secondo è il sobborgo gallico di Condate, corrispondente alle prime pendici della Croix-Rousse; la terza è l’isola o penisola che occupa il sito dell’attuale II arrondissement.

La città romana
La città romana di Lugdunum fu fondata nel 43 a.C. D.C. di Lucius Munatius Plancus. All’inizio, la città romana si trovava soprattutto sulla riva destra della Saona, ai piedi della collina, sul sito dell’attuale quartiere Vieux Lyon. Il motivo è semplice: i primi acquedotti che riforniscono la collina di Fourvière, i monti d’Oro, Yzeron e Brévenne, varcano appena la soglia di Trion e, a fortiori, non raggiungono la cima della collina. “La parte più alta era, per così dire, non abitata a quel tempo”.

Nel 65 Lugdunum fu vittima di un terribile incendio. Seneca precisa: “Abbastanza spesso abbiamo visto città danneggiate da incendi, ma mai così tanto da lasciare qualche traccia di ciò che erano prima … Dopo di che, chi avrebbe creduto che tanti palazzi capaci di abbellire diverse città? Possano essere svaniti durante la notte … Lione, che in Gallia mostravamo come uno dei suoi ornamenti più belli, ora si cerca e non si trova più “. Lo storico lionese André Steyert stimò, nel 1895, che l’autore usasse iperboli ed esagerazioni retoriche: “Il fuoco si propagò nella città bassa, si propagò sui fianchi della collina, ma non raggiunse la parte più alta”. Gli scavi della città alta non hanno evidenziato alcuna traccia di incendio negli strati stratigrafici,

Dopo l’incendio e la ricostruzione della città, il culmine del sito dell’acquedotto Gier, in cui la tecnologia del sifone è sufficientemente sviluppata affinché l’acqua raggiunga l’attuale sito di La Sarra, consente di configurare diversamente la città romana, che è costruita a la cima della collina di Fourvière, compresa l’attuale basilica, il cimitero di Loyasse, il parco delle alture, il santuario di Cibele, ecc. Lugdunum raggiunse il suo apice in questo periodo (sotto gli Antonini, tra il 96 e il 192 circa): allora contava tra i 50.000 e gli 80.000 abitanti. La Saône è quindi il taglio principale nella zona di Lione, separando la città dei patrizi (Fourvière e Vieux Lyon) da quella del popolo (Condate e Canabae).

La città alta
L’esistenza di un recinto che circonda la città alta non è attestata. La sua erezione rimase un privilegio concesso a una città dall’imperatore romano, un fenomeno piuttosto raro in Gallia. Il contributo archeologico è ridotto: nel 1957, i lavori ad est di Place de l’Abbé-Larue hanno portato alla luce un elemento di muro e la base di una torre, e nel 1968, nella parte settentrionale di questo luogo, vicino alla rue des Farges, sono stati scoperti i resti di un antico muro rettilineo, largo 1,80 me lungo 41 m. Amable Audin interpreta questi resti come quelli del recinto romano: “Il cardo sale al muro di cinta che. Tuttavia, nessuna epigrafe o nessun testo corrobora questa ipotesi e potrebbe anche essere un muro di contenimento.

Il foro, centro della vita pubblica, era situato sotto l’attuale spianata situata di fronte alla basilica di Notre-Dame de Fourvière. Era circondato dal Tempio Capitolino, sul sito dell’attuale basilica; la curia, sede delle deliberazioni comunali, e la basilica, quella delle deliberazioni giudiziarie, le cui sedi non sono note con esattezza; infine, il palazzo imperiale, che secondo gli archeologi sarebbe stato situato all’estremità nord-est dell’altopiano (a nord della basilica, vicino alla torre metallica delle telecomunicazioni).

La struttura urbana di questo insieme è in linea con quanto si fa altrove nell’Impero: strade ortogonali orientate secondo i punti cardinali, attorno a un cardo e un decumano. Diverse strade attuali hanno mantenuto l’esatto tracciato della strada romana nel luogo in cui sono state costruite: questo è in particolare il caso di rue Roger-Radisson, rue Cléber e Montée de Fourvière. Secondo Amable Audin, il decumano può essere identificato con l’attuale rue Cléber; scavi recenti tendono piuttosto a dimostrare che si tratta dell’attuale rue Roger-Radisson.

La pista attraversa l’altopiano in diagonale di 12 m di larghezza la cui pavimentazione è costituita da grandi blocchi di granito notevolmente assemblati. Questa strada conduce, a nord-ovest della città, ad un tempio, identificato dagli scavi del Clos du Verbe Incarné, come il santuario municipale del culto imperiale di Lugdunum dove viene scoperto il podio del tempio di Giove. A sud del decumano, la capacità del teatro aumentò da 4.500 a 10.700 posti sotto l’imperatore Adriano. Intorno al 160 al teatro fu aggiunto un odeon di 3.000 posti, dedicato alla musica.

Il circo sarebbe stato situato, secondo Amable Audin, nel fosso di Trion, sufficientemente piatto per ospitare questa struttura, probabilmente costruita in legno data l’assenza di vestigia. La vicinanza delle necropoli rafforza questa supposizione, poiché i giochi del circo e della morte sono spesso legati nell’antica Roma. La soglia di Trion è anche il luogo in cui passavano i quattro acquedotti di Lione: tre di essi (in ordine cronologico, Monts d’Or, Yzeron e Brévenne) provenivano da ovest, varcarono la soglia e confluirono in bacini situati nelle vicinanze (Minimes) . Il quarto, quello di Gier, proveniva da sud (collina di Sainte-Foy), varcava la soglia di Sion per salire verso Fourvière, dove fu costruito il principale bacino idrico della città.

La città di Condate
La città di Condate ha preso il nome dal latino che significa confluenza. Questa città era la parte “nativa” dell’antica Lione. Come tale, è molto più antico di Lugdunum, e gli scavi hanno contribuito a far risalire le origini al IX o VIII secolo a.C. ANNO DOMINI. Tuttavia, alcuni studi contestano la necessità di un accordo anticipato sulla Condate.

Oltre alla presenza (possibile e ancora incerta) della prima confluenza del Rodano e della vicina Saona, il quartiere di Condate presentava un’altra differenza topografica con la città attuale. I lavori di Via Terme hanno abbassato di circa nove metri la rupe prospiciente piazza Sathonay; precedentemente era alta una quindicina di metri. La presenza di un ponte o di un guado che attraversa la Saona non è ancora provata, anche se possibile.

Il distretto concentrò diverse strutture gallo-romane, la più famosa delle quali è l’Anfiteatro dei Tre Galli, inaugurato nell’anno 12 prima di Gesù Cristo. La collocazione di quest’ultimo è stata oggetto di molteplici ipotesi avendola collocata a Saint-Jean, Ainay o al posto del teatro. L’identificazione definitiva dell’anfiteatro con le rovine situate in rue des Tables-Claudiennes fu fatta solo nel 1958. Queste rovine erano state identificate sin dal 1820, ma la presenza dell’euripe aveva erroneamente portato François Artaud a credere che ‘fosse un dispositivo di inondazione destinato organizzare la naumachia. L’anfiteatro, invece, scavato a nord nella collina a sud era costruito su un argine artificiale alto più di venti metri, che doveva fare affidamento sul terrazzo con una rupe sopra citata era il tardo.

Le terme si trovavano nell’attuale sito di Sathonay, senza sapere se si trattava di una struttura pubblica o di programmare una ricca casa. Il quartiere era incentrato attorno all’altare del culto imperiale, circondato da quattro alte colonne sormontate da statue rappresentanti le vittorie militari. La parte più densa di questa città gallica si trovava tra l’attuale rue du Jardin des Plantes e Constantine. Non c’è motivo di credere che questo quartiere fosse rifornito di acqua potabile da uno dei quattro acquedotti che portavano a Fourvière. Ma non ci sono prove dell’esistenza di un acquedotto detto “di Cordieu”, proveniente dalle Dombes, come suggerito da Camille Germain de Montauzan.

L’artigianato si sviluppa in questo distretto: gli scavi a Grande-Côte e Saint-Vincent hanno portato alla luce almeno sette laboratori di vasai, oltre a uno di lavorazione del vetro.

Dalla metà del III secolo questa zona viene lentamente abbandonata. I frammenti rinvenuti nell’elevazione della Great Coast durante gli scavi del 1985 suggeriscono l’esistenza di un muro di cinta del villaggio, assemblato grande dispositivo del III secolo, e le cui pietre originano probabilmente o l’anfiteatro, o forse il santuario, entrambi caduti in disuso a quella volta.

Isola di Canabae
L’isola Canabae, corrispondente grosso modo alla parte centrale dell’attuale penisola, era una zona residenziale e commerciale, costruita probabilmente nel I secolo, anche se il termine compare solo nel II secolo. Era diviso in due parti: il nord dell’attuale rue Sainte-Hélène era più artigianale e commerciale, il sud più residenziale. È in questo quartiere che c’erano i principali magazzini di vino, grano e olio per la popolazione locale o per il commercio.

Nel Medioevo

L’inasprimento della città
Con il declino dell’Impero Romano, precipitato dalle invasioni barbariche, Lione, dalla grande metropoli di scambio che era, tornò a ridiventare una piccola città. La città è ridotta, dal crollo dell’Impero Romano, alle due sponde della Saona. Così, molte parti della città romana vengono svuotate dei loro abitanti, in particolare Fourvière, oi quartieri intorno agli attuali luoghi della Borsa, della Repubblica o del Terreaux. L’occupazione umana continua, tuttavia, nell’area di Place des Célestins e della chiesa di Saint-Nizier. Lo spazio urbano sta diventando rurale; la funzione principale delle strade conservate è quella di servire le aree agricole, principalmente vigneti sulla collina di Fourvière, ma anche di mantenere l’accesso alle rovine, utilizzate come cave di pietra.

Uno dei motivi principali dell’abbandono dei punti alti è la rapida disfunzione degli acquedotti romani. In effetti, quelli del Lione sono particolarmente tecnici, tutti composti da sifoni. Questi ultimi sono fatti di piombo, un materiale molto apprezzato dai saccheggiatori. La scomparsa del quadro giuridico romano revoca i severissimi divieti posti alla protezione delle strutture destinate all’approvvigionamento di acqua potabile. L’invasione saracena del 725 completò la distruzione di queste opere.

Rimettere a fuoco gli edifici religiosi

Il pomerium viene quindi ridotto attorno ai pali formati dalle chiese e soprattutto dai cimiteri adiacenti. La città dell’alto medioevo si riduce così, da nord a sud, da Saint-Paul a Saint-Georges, e in profondità fino a poche centinaia di metri al massimo dalla Saona. Félix Benoît risale a questo periodo l’aspetto di quella che diventerà la forma caratteristica dell’urbanistica di Lione, il traboule .. In effetti, gli edifici si estendono il più possibile parallelamente alla Saône, l’accesso a quest’ultimo essendo ostacolato per tutti gli abitanti non direttamente con vista sul fiume. L’addensamento interviene più tardi nel medioevo: dietro ogni edificio cedendo in cammino, se ne costruisce un altro, che dà sul cortile. Vi si può accedere solo attraverso il passaggio. Le strade trasversali sono molto poche,

La città del IX secolo è ridotta alle istituzioni ecclesiastiche e alle loro dipendenze. Inoltre, non solo lo spazio centrale è molto più piccolo, ma è scarsamente urbanizzato. I mandati dei due grandi proprietari ecclesiastici del centro (capitolo cattedrale e parrocchia San Paolo) sono occupati rispettivamente al sessanta e cinquanta per cento all’inizio del IX secolo. A quella data, il numero totale di incarichi nella città era di 1.144. È quindi possibile, estrapolando i dati demografici dell’epoca, stimare la popolazione lionese di questo secolo a soli 1.500 abitanti, di cui circa 800-1000 laici.

Nell’840 una frana spazzò via il foro romano e ne disperse i resti nell’attuale Giardino del Rosario, sotto la basilica di Fourvière. La bassa crescita inizia all’XI secolo, prima di ampliarsi tra il 1180 e il 1230, dopodiché la città ristagnò fino al XVI secolo.

Un altro inasprimento della città è la perdita dell’influenza politica: mentre Lione, la capitale della Borgogna, irradia ancora in tutte le direzioni, il lionese del Medioevo centrale si estende solo a ovest. A nord, oltre l’attuale Boulevard de la Croix-Rousse, inizia La Bresse; a est, la riva sinistra del Rodano si trova a Dauphiné. La città di Lione è una città di confine, la cui influenza urbana è ostacolata.

La struttura urbana nel Medioevo centrale
Nel Medioevo come nel Rinascimento, la Saona è il vero asse maggiore della città. Commerciale, arteria artigianale, fonte di acqua e di energia idraulica, luogo di intrattenimento, è delimitata da scioperi che vengono via via sviluppati e asfaltati. Al contrario, il Rodano, un fiume dal corso violento e imprevedibile, rimane quasi incontaminato dallo sviluppo. Due distretti distinti si sviluppano sulla riva destra della Saona. Il primo, situato sulle rive della Saône, corrisponde all’attuale Vecchia Lione. È circondato da una cinta muraria, in cui l’ingresso alla città è a sud (dalla porta Saint-Georges) ea nord da quella di Bourgneuf. Tra il 1180 e il 1230, all’epoca in cui iniziò la costruzione dell’attuale primato, la città conobbe una forte crescita demografica.

Nel 13 ° secolo, la popolazione della città cresce francamente. Questo può essere visto in diverse indicazioni indirette, le fonti scritte non consentono di quantificare il fenomeno. In primo luogo, l’estensione degli edifici urbani supera ampiamente le necessità di un semplice aumento naturale degli abitanti della città. Inoltre, il numero di ospedali è aumentato notevolmente, da cinque a dodici nel corso del secolo. Un’altra indicazione dell’aumento della popolazione è la costituzione di un gran numero di conventi di nuovi ordini che accompagnano i limiti dell’urbanizzazione (soprattutto per gli ordini mendicanti). Infine, e anche se la sua costruzione è soggetta a molte incertezze, il ponte sul Rodano è senza dubbio un fattore di sviluppo. Inoltre, il ponte Saône e le fortificazioni ad esso associate sono anche il segno di un nuovo sviluppo.

Tuttavia, al momento dell’annessione della città al Regno di Francia (1312), Lione sarebbe stata solo un piccolo agglomerato di 3.300 incendi, come dichiarato nell’Avisamenta destinato a quantificare le riparazioni dovute dal re. all’arcivescovo per le depredazioni commesse durante l’assedio di Lione. Il documento dovrebbe tuttavia essere considerato con cautela: è molto parziale perché cerca di ridurre al minimo queste riparazioni. Inoltre segue e risponde ad un altro documento, emanato dall’arcivescovo, che al contrario massimizza i torti subiti dalla città.

L’urbanizzazione di Lione durante il Medioevo centrale risponde a una certa logica, anche se a prima vista non appare. Seguendo l’esempio di quanto fatto a Firenze pochi anni dopo sotto la guida di Arnolfo di Cambio, per Lione si trattava di costituire un tessuto urbano pianificato relativamente regolare, con lotti di dimensioni abbastanza simili (anche se vedremo che un si verifica un progressivo allungamento delle parcelle). Il tessuto urbano costituito intorno al 1230 non cambiò quasi per tre secoli. D’altra parte, all’interno di questo telaio fisso, si nota una densificazione del telaio.

Downtown: l’attuale Vieux Lyon
All’epoca in cui iniziarono i lavori per la nuova cattedrale di Saint-Jean, l’arcivescovo Guichard de Pontigny fece fortificare il quartiere, che comprendeva, oltre alla cattedrale, le chiese di Saint-Étienne e Sainte-Croix, nonché l’attuale scuola di coro . Il chiostro della cattedrale, un quadrilatero di circa duecento metri di lato, è circondato da un muro di spessore più di due metri per proteggersi da attacchi come quelli effettuati dal conte di Forez Guigues II nel 1162.

Questo muro è delimitato da un recinto che comprende la chiesa di Saint-Paul a nord (ma non il castello di Pierre Scize), a sud Saint-Georges, e che si arrampica sulle pendici di Fourvière attraversando l’altura di Gourguillon, passando sotto la terrazza dell’Antiquaille e attraverso il giardino del Rosario. Si basa in parte su elementi strutturali risalenti all’antichità. La creazione di un edificio continuo in tutta la Vecchia Lione risale agli anni 1180-1230. È principalmente il risultato della politica dell’arcivescovo o del capitolo della cattedrale.

Questo quartiere è, come oggi, diviso in tre città di dimensioni disuguali, ciascuna costruita attorno a una chiesa o un gruppo di chiese: la più piccola, a sud, è la città di Saint-Georges, intorno alla sua chiesa. A nord, intorno all’omonima chiesa, si sta costruendo il quartiere Saint-Paul. Infine, al centro, intorno al gruppo della cattedrale, ed in particolare intorno alla primatiale, fu costruito il quartiere Saint-Jean, la cui costruzione durò dal 1170 fino al 1435 circa.

Il villaggio di Trion

Il secondo distretto della riva destra si trova sulla collina, al livello della soglia di Trion, e comprende i quartieri di Saint-Just e Saint-Irénée, anch’essi circondati da un muro. Due piccoli elementi spiccano visivamente, ma non conducono poi a nessun nucleo di popolazione: la sommità della collina di Fourvière, con la cappella Saint-Thomas, da un lato, e dall’altro il castello di Pierre Scize. Nessuna testimonianza archeologica può attestare la presenza di un recinto. D’altra parte, le fonti medievali evocano un “castello di Saint-Just”. Questa recinzione è stata in ogni caso giustificata dalla crescente urbanizzazione del settore, o ha consentito questa urbanizzazione, il che è innegabile.

La penisola

Il terzo distretto di Lione è la penisola, sbarrata a nord da una recinzione (“clausura”) trafitta da una porta (Saint-Marcel). Questo recinto fu costruito principalmente dall’arcivescovo Giovanni di Canterbury alla fine del XII secolo. Questa recinzione fu sostituita dopo gli eventi del 1269-1270: fu poi costruito il bastione noto come “muro dei terreaux” per proteggere la città dagli assalti del nord ma anche per proteggere i cittadini dagli appetiti del capitolo. Questo muro, la cui durata era incerta, è rafforzato dall’arrivo del guardiano imposto dal Re di Francia, il quale, nell’interesse del suo padrone, mette la popolazione contro le autorità ecclesiastiche. Questa cinta muraria di Terreaux essendo situata più a sud del recinto preesistente, l’area circostante la città è ridotta, un caso estremamente raro nel Medioevo;

È strutturato intorno alla chiesa di Notre-Dame de la Platière, che Leidrade chiama nelle sue cronache “chiesa di Sainte-Marie”. La Place de la Platière (platea, plateria) si affaccia su quella della Dogana o Saônerie (Saoneria, Salneria), situata sulla riva destra, dall’altra parte del ponte (oggi Pont au Change). Come nell’antica Lugdunum, la città è tagliata tra il quartiere religioso, centro del potere, sulla riva destra del fiume, e la penisola, mercato e popolare. L’urbanizzazione della penisola è in parte dovuta ad azioni ecclesiastiche (arcivescovo, capitoli e soprattutto le abbazie di Saint-Pierre e Ainay), ma anche alla borghesia, a cui testimoniano i nomi delle strade successive: i nomi via “Ponce Olard”, “de Fuers”, “Grôlée” mostrano che le grandi famiglie borghesi,

L’urbanizzazione, protetta dalla recinzione che sbarra la penisola a nord e la separa dalle pendici della Croix-Rousse, si è sviluppata in cinque fasi: prima, intorno al 1180, è stata creata una prima suddivisione a sud della chiesa di Saint-Nizier, compresa la rue Poulailleries, du Bois e Grenette, che servono appezzamenti stretti (larghi in media cinque metri), abbastanza profondi (una ventina di metri) ma non incrociati. In una seconda fase, probabilmente intorno al 1183-1185, contemporaneamente alla posa del primo ponte sul Rodano, il piercing, da un lato, rue Mercière, dall’altro rue Ferrandière, rue de la Boisserie,

Bonneveaux e rue du Palais-Grillet, porta alla creazione, ai lati di quest’ultima, di suddivisioni un po ‘più ampie (6 × 25 metri per i lotti che si affacciano sulla via Mercière). La tappa successiva, dal 1190 e fino al 1200 circa, è quella dello sbocco delle strade sul Rodano, in particolare la rue du Puits-Pelu e quella de la Boisserie. Se le suddivisioni realizzate lungo la prima sono sostanzialmente equivalenti a quelle delle fasi precedenti, quelle adiacenti a rue de la Boisserie sono più ampie (sette metri) e soprattutto molto più profonde (circa quaranta metri). Poi, intorno al 1220-1230, arriva la fase di urbanizzazione dello spazio tra rue Mercière, Bourgchanin e rue du Port-du-Temple a sud e ovest, il Rodano a est e l’urbanizzazione preesistente a nord. Questi complessi residenziali, larghi da cinque a sette metri,

Infine, avviene una fase di completamento della griglia che si è così realizzata nell’arco di mezzo secolo; Le strade di Etableries, Quatre-Chapeaux, Grenouille e Alms sono bucate. La griglia media degli isolotti è un quadrato con un lato di circa quaranta metri. Le vie secondarie conducono poi a quelle principali attraverso portici ricavati sotto le case lungo il fiume. La griglia media degli isolotti è un quadrato con un lato di circa quaranta metri. Le vie secondarie conducono poi a quelle principali attraverso portici ricavati sotto le case lungo il fiume. La griglia media degli isolotti è un quadrato con un lato di circa quaranta metri. Le strade secondarie conducono poi a quelle principali attraverso portici ricavati sotto le case lungo il fiume.

Solo le rive dei corsi d’acqua sono ancora relativamente incontaminate dall’urbanizzazione. Infatti, oltre ai diritti di passaggio ad essi legati, queste banche sono di proprietà legale del signore. La bolla d’oro definisce la proprietà esclusiva (“investizon”) di qualsiasi edificio situato “sulle rive dei fiumi” come quella del signore, conte o arcivescovo. Queste banche sono censite all’inizio del XIII secolo, con molte licenze edilizie, regole di inidoneità o demolizioni ritenute fastidiose.

Limiti della città
Il limite dell’estensione dell’urbanizzazione nel corso del XIII secolo è costituito inizialmente dagli ordini dei cavalieri (i Templari si trasferirono nell’attuale sede del Teatro Célestins), poi in un secondo momento, più sistematicamente, dai conventi degli ordini mendicanti che poi si stabilirono a Lione. I giacobini (domenicani) insediarono nel 1218-1219 Montée du Gourguillon, poi intorno al 1231-1232 nella contrada che porta il loro nome, in un convento di circa quattro ettari. I Cordeliers (francescani) arrivarono nel 1220 e occuparono uno spazio di circa 1,4 ettari sul sito dell’attuale quartiere omonimo. I seguenti insediamenti erano necessariamente più a nord, essendo il luogo già occupato a sud: i Carmelitani arrivarono nel 1291, le Clarisse dal Deserto prima del 1296 e infine le Agostiniane nel 1301.

Nel 1346, mentre la Francia era nel mezzo della Guerra dei Cent’anni, fu lanciato un progetto per un nuovo recinto; avrebbe misurato circa 3.500 metri e, questa volta, sarebbe passato in cima alle colline che sovrastano la città dell’epoca. Il recinto progettato passava approssimativamente al sito dell’attuale Boulevard de la Croix-Rousse; sulla riva destra della Saona, attraversava il castello di Pierre-Scize, conteneva l’attuale cimitero di Loyasse e la città di Trion, e si univa alla Saona all’incirca nello stesso punto dell’attuale muro di Fourvière, nel al centro del molo Fulchiron.

Questa imponente opera era troppo ambiziosa per una città di queste dimensioni, che dovette rinunciare del tutto a costruirla per mancanza di fondi, peste nera che colpì Lione nel 1351. Solo 1.600 metri, vale a dire circa il 45% del progetto, furono costruito. A nord, l’unico lavoro svolto è il fosso di Croix-Rousse, che viene riutilizzato nella costruzione delle mura del 1512. Sulla collina di Fourvière, viene costruito il muro ma, invece di circondare il villaggio di Trion, esso si affida al vecchio muro per isolare il villaggio dalle mura della città. Questa esclusione di Saint-Just e Saint-Irénée dal resto della città è stata vissuta molto male dalle autorità ecclesiastiche, ben radicate in questi quartieri, e che hanno anche finanziato tra un sesto e un terzo del progetto.

Le traversate dei fiumi
Il Medioevo è anche il tempo della costruzione dei ponti. Se la Saona, fiume a regime regolare e relativamente pacifico, è stata attraversata fin dall’antichità su passerelle e ponti – il principale punto di attraversamento, tuttavia, rimanendo il ponte situato sul sito dell’attuale ponte Bonaparte – non lo è. non è vero per l’attraversamento del Rodano: il fiume, che ha un regime quasi livellato, è soggetto a violente inondazioni; i vari ponti in legno costruiti non possono resistere. Inoltre, le fluttuazioni del fiume stanno cambiando rapidamente gli argini, che non si fissano prima del XVIII secolo: i créments vengono creati sulla riva destra del Rodano e allargano gradualmente la penisola, mentre la riva sinistra è erosa e attraversata da solitari. Le due rive della Saona, da parte loro, sono zone di deposito. Così, a destra di Saint-Nizier,

L’installazione di un ponte in pietra è possibile solo se l’arcivescovo Pierre di Savoia ne affida la costruzione all’abbazia cistercense di Hautecombe e poi di Chassagne.

Dal Rinascimento alla Rivoluzione

Crescita demografica e spaziale della città
A metà del XV secolo, Lione è una delle città più popolate d’Europa. Aveva allora trentasei distretti, ognuno dei quali aveva una specialità commerciale. La prosperità economica della città, dovuta in particolare alle quattro fiere annuali concesse da Luigi XI, all’insediamento di numerosi banchieri italiani, allo sviluppo della tipografia e all’avvio dell’industria della seta, portò a un significativo aumento demografico.

Dalla depressione demografica degli anni 1430-1440, la popolazione di Lione è cresciuta costantemente. Arthur Kleinclausz stima che la città contenga 25.000 abitanti a metà del XV secolo. La crescita è stata forte allora, fino a raggiungere circa 35 000 1520 e tra 60 000 e 75 000 a metà del XVI secolo. Questo aumento è dovuto principalmente all’immigrazione da Savoia, Delfinato e Borgogna. La città si estende soprattutto verso la Croix-Rousse, grazie alle nuove mura costruite sotto Francesco I.

Ai piedi delle pendici della Fourvière, la città racchiusa dai chiostri dei canonici fu aperta con la forza dal barone des Adrets, che ne abbatté le mura nel 1562. Il capitano protestante non si accontenta di distruggere questo chiostro: distrugge anche le fortificazioni del castello di Saint-Just, e traccia l’attuale ascesa di Chemin-Neuf tra i due quartieri. Sulla penisola, diversi cimiteri di conventi o chiese furono trasformati in luoghi: quello dei Giacobini nel 1562 (place des Jacobins), dei Cordeliers nel 1567 o della chiesa di Saint-Nizier nel 1593.

L’attuale località Bellecour è un terreno militare più volte riqualificato. Ai piedi delle pendici della Croix-Rousse, l’antico fossato terreaux è stato riempito, per consentire l’espansione urbana ai piedi della collina. Sono in atto trasformazioni anche nella localizzazione delle attività urbane. Il principale mercato del bestiame, situato fino al 1490 in rue Juiverie, nel cuore dell’allora quartiere commerciale in espansione, fu spostato verso Place de la Croix-de-Colle. Allo stesso modo, il mercato dei suini fu spostato nel 1513 dal centro per essere installato nei fossi della Lanterne. Questi cambiamenti, e altri, riflettono la volontà comunale di spingere le attività inquinanti in periferia, per consentire al centro cittadino di concentrarsi sulla sua funzione residenziale e di limitare le cause delle malattie.

È difficile avere una visione generale della morfologia delle case di questo periodo, pochissime di esse si sono conservate. In generale, sono strette, tra i cinque ei sei metri, e profonde fino a venti metri; generalmente hanno due piani. Può essere collegato ad un secondo fabbricato sul retro, unito al primo da ballatoi su ogni piano, a loro volta accessibili tramite scala a chiocciola. Accanto a queste dimore comuni, molte case sontuose sono state costruite a partire dal XV secolo come residenza della Rose, Haberdasher Street, di proprietà del consigliere di Ennemond Syvrieu, poi di Jacques Heart. Ma è nel XVI secolo che furono costruiti i più grandi palazzi con elementi rinascimentali.

Si forma una vasta area dalle caratteristiche rinascimentali
Spinta da un continuo arricchimento, la città si sviluppa e si ricostruisce costantemente. La sua morfologia generale non si muove molto; non si diffonde, diventa più denso. I giardini vengono progressivamente ridotti, le case vengono ricostruite sul posto con qualche piano in più. Ma il sud della penisola e le pendici delle colline non si stanno urbanizzando. Il consolato, di fronte alla trasformazione delle funzioni e all’importanza socio-economica della propria città, cerca di adeguare un’urbanistica ancora tipicamente medievale all’inizio di questo periodo (strade strette, pochi locali pubblici, quartieri omogenei tra loro) a nuove funzioni. Durante i 150 anni del Rinascimento di Lione, le élite della città riescono a farlo evolvere ampiamente; i quartieri diventano individuali e specializzati, compaiono piazze,

Morfologia degli edifici civili
L’aumento del numero di abitanti per casa è concomitante con il boom economico che inizia nel 1460. La riva destra della Saona, in particolare, inizia un movimento di distruzione di vecchi edifici per ricostruire più alti e più ricchi. Le aree ancora coltivate scompaiono in questo periodo, e nel corso del XVI secolo tutte le abitazioni suscettibili di essere rialzate, lo sono. Fino al 1500 le architetture sono di ispirazione gotica, per evolversi poi in un miscuglio confuso dove si mescolano stili di ogni genere. La ricchezza della città permette ai costruttori di rinnovare l’arte gotica degli edifici, senza che lo stile rinascimentale riesca ad imporsi. È da questa intensa densificazione che nascono i traboule, strade private che diventano per forza di cose strade semipubbliche, ma con uno statuto sempre ambiguo, che assumono i pedoni, costretti dalla ristrettezza delle vie e dalla loro congestione a trovare passaggi. diverso.

Una delle particolarità sorprendenti dell’urbanistica di Lione di questo periodo è che, nonostante l’influenza architettonica italiana e il facile approvvigionamento idrico, non fu costruita alcuna fontana monumentale. Gli unici punti d’acqua disponibili sono i pozzi. Allo stesso modo, l’arredamento urbano è molto limitato: alcune statue furono erette in quel momento, fu solo con le grandi opere del XVII secolo per vedere la creazione del primo edificio decorativo una piramide eretta Place des Cordeliers nel 1609 in onore del re e la Trinità.

I quartieri della città
Alla fine del XV secolo, le due parti più densamente popolate sono la riva destra della Saona, sulla penisola, quella urbana e borghese corrispondente all’epoca Via Mercatoria (via mercatoria), che partiva dal ponte sopra la Saona a quella sopra il Rodano, in una lunga linea trasversale. Corporazioni, commerci e nazioni straniere sono fortemente raggruppate in quartieri o strade, segno di una solida organizzazione del corpo sociale di Lione.

Saint-Georges
Durante il Rinascimento, il quartiere di Saint-Georges era un quartiere povero, popolato da affaneurs, pescatori, muratori, tessitori e reveyrans (costruttori di barche). Questo quartiere, che non attira mai i notabili, e comunque abitato dalla Bellièvre (Pomponne de Bellièvre e la sua famiglia) e dalla Commenda dell’Ordine di Malta.

Alla fine del XV secolo viene restaurata la chiesa di San Giorgio. Nel 1492, l’hotel della Commenda dell’Ordine di Malta fu costruito non lontano da Humbert de Beauvoir e ne approfittò per restaurare la chiesa di Saint-Georges. Fece rifare la parte finale del coro e abbellì l’intero edificio. Ha apposto le sue braccia nella chiesa così come quelle dell’Ordine.

Saint-Jean
Attorno al Palais de Roanne e alla rue du Palais, la popolazione è composta principalmente da mercerie, mestoloni, farmacisti, notai, cambiavalute e dottori in giurisprudenza. Questo quartiere, con l’ascesa del potere reale sulla città rappresentato dal guardiano, spinge gli abitanti più poveri a sud. È intorno al quartiere canonico, dalla Porte Froc a nord, passando per rue de la Bombarde, le Gourguillon che troviamo poveri, affaneurs, pescatori, Reverans. Durante il Rinascimento, quando il castello di Pierre-Scize fu definitivamente requisito dal re di Francia, l’arcivescovo Charles de Bourbond decide di tornare al palazzo intramurale.

Ha poi fatto ristrutturare pesantemente l’edificio per aggiornarlo, anche se a Lione era rimasto solo poco tempo. I lavori vengono eseguiti intorno al 1466. Le modifiche più importanti sono la realizzazione di un grande corpo di fabbrica lungo la Saône, la costruzione di una cappella al capezzale della cattedrale e la copertura della rue des Estrées con una terrazza. In modo più secondario, fece costruire anche una garitta sulla facciata rivolta verso il fiume e una porta monumentale a nord-ovest, affacciata su rue de l’Archevêché.

Saint-Paul, Pierre-Scize e Bourgneuf
I distretti di Pierre-Scize e Bourgneuf hanno da tempo concentrate attività tessili. Durante il Rinascimento, tra Saint-Paul e Saint-Christophe, fiorirono gli artigiani delle armi, i tipografi e i librai. La parte sud di Piazza San Paolo vede anche un buon numero di cambiamonete, orafi e mercanti di origine piemontese, fiorentina o spagnola. Questa zona, ancora povera alla fine della Guerra dei Cent’anni, vide per tutto il XV secolo la popolazione arricchirsi ed evolversi, facendo in gran parte scomparire le attività giovanili. Tra rue Juiverie, invece del cambiamento e Nostra Signora del Palazzo c’è il cuore delle banche di Lione, e un vivace centro commerciale, guidato dagli italiani e che ospita impiegati di tutte le nazioni europee.

Il vassoio Fourvière
L’altopiano di Fourvière è ancora molto scarso. I pendii della collina sono suddivisi solo lungo le strade che salgono all’altopiano, come Gourguillon o Chemin-Neuf, creato in quel momento. Gli unici stabilimenti nati a quel tempo alle pendici del colle erano le residenze degli aristocratici; il più noto è quello di Pierre Sala, divenuto poi ospedale Antiquaille.

Il nord della penisola: Saint Nizier
Il quartiere di Saint-Nizier è il centro commerciale sul lato imperiale della città. Di fronte al quartiere del cambiamento, questo distretto riunisce principalmente persone benestanti. Al suo centro, la chiesa di Saint-Nizier fu completata alla fine del XVI secolo. Tutt’intorno alla chiesa troviamo mestoloni, mercerie, stoffe, mercanti e notai, tra le vie Vendrant, Longue e Mercière. Ci sono le grandi famiglie borghesi, come Humbert, Aynard de Varey e Humbert de Villeneuve; la sola rue Mercière concentra Le Maistre, Syvrieu e Thomassin. Nel passaggio tra il XV e il XVI secolo vide il commercio di stoffe e pellicce, fabbricanti di pergamene. Più tardi, molti stampatori si stabilirono lì. Questa borghesia è agglomerata con la nobiltà, dall’acquisto della signoria o dal servizio del re. Ci sono anche milanesi e tedeschi.

Questo quartiere è limitato a nord dal nuovo muro, costruito su iniziativa di Francesco I tra il 1545 e il 1550 da François de Mandon. Una torre di cannoni lo termina a est, difendendo la città da un’invasione proveniente dal lato del Rodano. A ovest, Fort Saint-Jean termina questo muro. Nel mezzo, la recinzione è fortificata con quattro bastioni quadrati. Ciò non impedisce la sopravvivenza della cinta muraria dal XIV secolo fino alla fine del XVI. Nel 1650, questo muro, descritto come “fossati”, fu sostituito da strade e da una spianata (futura Place des Terreaux). Questa spianata è utilizzata in particolare per le esecuzioni capitali, in particolare quelle di Cinq-Mars e Thou. È anche il sito di un tempio protestante effimero, costruito dal barone des Adrets.

Allontanandosi dal cuore del quartiere, ci si imbatte in strade dove artigiani e gente comune vivono meglio che altrove, approfittando delle ricchezze delle fiere. Così, le strade di Pêcherie e de l’Erberie, abitate per lo più da pescatori, preparatori e venditori di pesce, non conoscono più i poveri. Ma altre zone vicine sono ancora abitate da persone di modeste condizioni: andando verso il Rodano, o scendendo verso Bellecour.

Il sud della penisola: Ainay
A sud di Bellecour, e soprattutto da Ainay, ci sono principalmente prati, frutteti, poi paludi e isole. La penisola è santuarizzata da conventi che hanno vaste superfici, destinate alla produzione agricola. Si noti che il ponte in pietra sul Rodano, lungo 270 metri, fu completato all’inizio del XVI secolo. Sostituisce i numerosi ponti in legno costruiti nel Medioevo per attraversare la sponda sinistra del fiume.

Paradossalmente, la costruzione di ponti, sia sul Rodano che sulla Saona, è il primo passo di un lungo processo di disaffezione dei lionesi verso i corsi d’acqua. Vengono infatti abbandonati i ponti che facilitano il trasporto da una sponda all’altra, i traghetti e le moderas (piccole imbarcazioni usate per il trasporto di persone); di conseguenza, essendo inutilizzati i portici dei barcaioli, gli scioperi perdono la loro funzione di luogo di passaggio.

Le piste di Saint-Vincent
I pendii dell’attuale Croix-Rousse, scarsamente popolati, diventano più densi durante questo periodo, così come la riva sinistra del Rodano.

Le grandi opere dell’assolutismo
A Lione nel suo lampadario, Samuel Chappuzeau crede che la città di Lione, “se non vuole disputare con una Londra o una Parigi, per prendere l’altezza dei suoi edifici che sono per lo più innalzati fino a sei piani di altezza, ci sarebbe tre Constantinoples o tre Caires uno sull’altro “. La città di Lione, anche tenendo conto delle esagerazioni di un autore ditirambico, era già a quel tempo una grande città.

Durante l’assolutismo, le prime grandi operazioni di sviluppo urbano furono eseguite a Lione. I primi non sono frutto del potere reale, ma lanciati su iniziativa delle comunità religiose. Due ponti furono costruiti sulla Saona intorno al 1635. L’iniziativa andò all’ingegnere parigino Christophe Marie, imprenditore generale dei ponti di Francia, che in quel momento stava completando il Pont Neuf. Il 7 settembre 1634 fece un accordo con il consolato per la costruzione di un ponte in legno che collegasse l’arcivescovado a sud della penisola (nel sito dell’attuale ponte Bonaparte); il cantiere dovrà durare meno di un anno, poi il ponte sarà oggetto di concessione per trent’anni, con fissazione gratuita della tariffa di passaggio da parte del gestore.

In realtà l’esecuzione è ritardata: un atto del 5 gennaio 1637 testimonia la quasi ultimazione dei lavori, che però le carrozze e i carri non possono ancora prendere in prestito. Questo ponte, alla moda del tempo, era un mercante e supportava trentadue negozi situati su entrambi i lati del ponte. Forte di questo primo successo, Christophe Marie propose il 3 marzo 1637 la costruzione di un altro valico della Saône, collegando le laboriose periferie di Saint-Paul e Saint-Vincent; il contratto viene firmato l’8 maggio; tuttavia, questo secondo sito non è ben accetto dalla popolazione, in particolare i giocolieri le cui barche sono usate per attraversare il fiume, e che temono di essere rovinati dalla costruzione del ponte; si verificano molti degradi e persino attacchi ai lavoratori. Il completamento di questa seconda opera non ebbe luogo fino al 1641.

Place des Terreaux, sebbene ancora sottosviluppata, è già stata allestita; giustifica la costruzione di un nuovo ponte (la futura Passerelle Saint-Vincent). Più a sud, Enrico IV costruì una passeggiata con trecento alberi, nonché un ponte che la serviva: nel 1708, questa passeggiata fu costruita da suo nipote Luigi 14, e prese il nome di Place Louis-le-Grand: è la luogo attuale Bellecour.

I vari spazi allestiti (giacobini e cordeliers in particolare) si trovano negli unici spazi rimasti disponibili nel centro cittadino, ovvero i cimiteri. Le strade invece non seguono un piano preconcetto: sono parallele o perpendicolari ai due fiumi. Emerge una certa ortogonalità spontanea, ma raramente le strade trasversali terminano direttamente sulle banchine. Nei pressi dell’abbazia di Ainay sono in corso importanti lavori di drenaggio e contenimento che collegano l’isola meridionale alla penisola.

Le operazioni reali furono più numerose nel XVIII secolo, con la partecipazione di rinomati urbanisti: Cotte, Soufflot, Perrache e Morand. Un primo progetto di sviluppo per il sud della penisola, molto monumentale, fu proposto alla fine del XVII secolo da Jules Hardouin-Mansart, comprendente una città amministrativa e un parco ispirato a quello di Versailles. Infine, durante questo periodo, diversi ponti furono gettati sulla Saona, che contava cinque alla vigilia della Rivoluzione. D’altra parte, il secondo ponte sul Rodano non fu varato fino al 1774.

È sotto l’assolutismo che si fa la generalizzazione della numerazione delle case. Dopo un primo tentativo nel XVI secolo, il regio decreto del 1768 ne prescrive la generalizzazione a fini militari (truppe residenziali in viaggio).

L’ultimo grande progetto dell’Ancien Régime è il più ambizioso. Si tratta di distruggere le mura dell’abbazia di Ainay e di avviare grandi opere che renderanno praticabili e pronte per l’urbanizzazione le paludi e gli isolotti nel sud della penisola. Inoltre, i terreni vitali così realizzati dovrebbero consentire un miglioramento della strada in direzione della Linguadoca, e autorizzare la realizzazione di numerosi mulini idraulici sulle sponde arginate.

I lavori, supervisionati da Antoine Michel Perrache e Guillaume Delorme, e finanziati dalla Compagnie des Interested aux Travaux du Midi di Lione, iniziarono nel 1771. Ma errori di calcolo rovinano il progresso così come l’ostilità dei proprietari che temono di vedere il valore della proprietà calare con questa nuova offerta stanno ostacolando il lavoro. Sono stati costruiti solo l’argine che sostiene la strada e il ponte Mulatière. Di fronte a queste difficoltà, uno dei progetti previsti è quello di rendere questo spazio un luogo riservato ai protestanti o agli ebrei. Quando Perrache morì nel 1779, l’opera fu abbandonata e la società dovette affrontare un debito di oltre due milioni di sterline. Il re riacquistò il debito diventando proprietario del terreno nel 1784, ma la Rivoluzione portò il colpo finale ai lavori.

Le prime piante topografiche di Lione
La mappatura di Lione, ancora molto frammentata e timida, inizia alla fine del XVIII secolo, con rilievi condotti sotto la direzione di André Ferrand (1714-1790).

Rivoluzione e primo XIX secolo: la transizione di Lione

I cambiamenti durante la Rivoluzione francese
All’alba del nuovo secolo, Lione uscì dal tumulto rivoluzionario diminuito. La città perse almeno 20.000 abitanti durante la Rivoluzione e la sua popolazione era di 94.000 secondo il censimento del 1804. L’assedio di Lione ha danneggiato e bruciato molti quartieri. La pianura di Brotteaux è associata ai massacri del 1793. Sotto il Primo Impero, la crescita della popolazione fu forte, raggiungendo le 121.000 persone a Lione nel 1812.

All’interno di questi limiti originari, ampi spazi furono liberati durante la Rivoluzione dalla vendita dei beni del clero. Sono rapidamente costruiti all’inizio del nuovo secolo. Gli operai che lavorano la seta, dovendosi dotare di nuovi telai molto grandi, migrano dai quartieri Saint Jean e Saint Paul verso nuovi edifici, costruiti appositamente per questa attività negli anni Trenta e Quaranta dell’Ottocento, sulla Croix-Rousse. Compreso.

Trasformazioni topografiche
Mentre la maggior parte dei ventotto distretti del 1746 portava i nomi di cappelle o chiese, la nomenclatura del 1797 cerca di sbarazzarsene: le ridenominazioni si riferiscono a elementi geografici (Rodano e Saona, Midi) o ad importanti edifici o istituzioni ivi situati (Valuta, Biblioteca, Mercato delle tele, ecc.). Nell’anno X (1802-1803) questi nomi furono addirittura sostituiti da numerazioni ritenute più razionali.

Più aneddoticamente ma anche più vicino alla vita di tutti gli abitanti, la segnaletica stradale è standardizzata e standardizzata in base alla direzione della strada rispetto ai due fiumi: quelli che denominano le strade parallele ai fiumi sono di forma ovale, quelli di denominazione che si intersecano le strade (e spesso ortogonali) sono quadrate. Il decreto imperiale del 1805 rese obbligatoria ai fini fiscali la numerazione delle case; l’attuazione a Lione risale al 1811.

Un progetto effimero capitale imperiale
Su iniziativa delle élite cittadine, che vogliono trasformare il sud della penisola, è allo studio un progetto per completare l’opera di Perrache. A tal fine, gli iniziatori del progetto chiesero all’architetto senior Curten di produrre, nel 1805, un piano di sviluppo per un vasto parco di divertimenti. La stima per le varie disposizioni paesaggistiche e idrauliche per il progetto “in stile cinese” è stimata dal Sig. Curten in 350.000 franchi. L’opera di Perrache fu così gradualmente ampliata e il Comune acquistò il terreno nel 1806.

Napoleone I progetta in questo momento di stabilire quattro seggi imperiali distribuiti sul territorio. Scelse Lione su insistenza di diversi notabili della città che si offrirono di offrirgli un grande pezzo di terra alla confluenza perché lui realizzasse. Questa generosità è ovviamente spiegata dai benefici attesi dall’installazione di un tale edificio in città, ma anche dall’importanza del livellamento e della messa in sicurezza del sito, troppo considerevole per essere portato avanti dalle élite locali senza il sostegno parigino.

Napoleon si rivolge all’architetto Pierre-François-Léonard Fontaine per questo edificio, che sta preparando due proposte, una sul luogo della confluenza e l’altra a Sainte-Foy-lès-Lyon. Napoleone scelse quella della confluenza ma ne chiese una versione più semplice di quanto inizialmente previsto dall’architetto. Abbiamo una descrizione di questo progetto fornita dall’intendente Pierre Daru. I lavori iniziarono nel 1810 e proseguirono fino al 1813, poi cessarono a causa della guerra. Il comune conserva il vicolo e il luogo realizzato, che ripristina in un piano del 1782. Il piano di Fontaine prevedeva la via Victor Hugo, che è ugualmente realizzata tra il 1817 e il 1841.

La prima metà del XIX secolo, in espansione oltre il Rodano
Durante il diciannovesimo secolo, la città di Lione si trasforma enormemente. Il cambiamento principale è demografico: tra il 1789 e il 1914 la popolazione è passata da circa 150.000 a 460.000 abitanti nel 1914.

Negli anni 1825 – 1850, la maggiore evoluzione morfologica di Lione è il notevole e anarchico sviluppo dei sobborghi della città, sulla riva sinistra del Rodano, da Brotteaux a la Guillotière. Una moltitudine di industrie sono dispiegate in quest’area e una vasta popolazione si insedia. Questa crescita è accompagnata e rivitalizzata dall’istituzione della ferrovia e si attua nonostante le minacce di inondazioni. La periferia di Lione passò da 18.294 abitanti a 43.524 tra il 1831 e il 1851.

La rappresentazione sistematica dello spazio urbano
La prima rappresentazione catastale di Lione risale al 1835. Copre, all’1 / 2000, 1.024 ettari, che corrispondono alla Vieux Lyon e alla Presqu’île, nonché a Vaise, Saint-Just, Saint-Irénée e La Guillotière. I prelievi vengono effettuati sotto il controllo del capo architetto della città, Louis Flacheron.

Trasporti e industria, sviluppo motori
Uno dei cambiamenti più importanti avvenne nel 1837, con il completamento della prima linea ferroviaria del continente europeo (la linea da Saint-Étienne a Lione). In questa occasione fu costruita la prima stazione di Lione, la stazione Bourbonnais. La ferrovia, in considerazione del progetto di Jean de Lacroix-Laval di trasformare il sud della Presqu’île in un distretto industriale, è particolarmente gradita. All’azienda ferroviaria vengono venduti 283.000 mq. Dopo la legge dell’11 giugno 1842, si sono svolte accese discussioni sul luogo in cui collocare la stazione Parigi-Lione-Marsiglia, e fu Perrache a essere scelto.

Tra il 1830 e il 1855 furono costruiti otto ponti sulla Saona, cinque sul Rodano, ma tutti sono a pagamento (cinque centesimi ad esempio per il ponte Morand), ad eccezione del ponte medievale Guillotière. Fu solo nel 1860 che i ponti del Rodano furono liberati e nel 1865 per quelli della Saona. Questa costruzione di ponti va di pari passo con l’argine, in particolare dopo le gigantesche alluvioni del 1856. Finora posti sullo stesso livello, la città e il fiume sono a gradini, il porto di base è ora dominato per diversi metri dalla banchina protetta a ridosso del diga. Questo lavoro ha portato anche al consolidamento del traffico nell’unico porto Édouard-Herriot. La stazione dell’acqua Vaise è abbandonata. Come molti altri spazi bonificati dalle terre instabili confinanti con i corsi d’acqua, fu rapidamente urbanizzato.

La città entro i suoi confini
A partire dal 1831 e per tutto il XIX secolo fu costruito un anello di fortificazioni destinate a difendere la città dagli attacchi stranieri. Questa ambizione è diversa da quella che a Parigi, spinge alla costruzione delle mura per delimitare lo spazio della città e per percepire la concessione; il suo valore tecnico e militare è però molto basso in molti settori, dove è costituito solo da un “parapetto in terra con fosso pieno d’acqua”. In realtà, furono soprattutto le rivolte dei canut che decisero gli attori politici ed economici di sottomettersi alle richieste dei militari.

Tuttavia, i vincoli di incostruttibilità che impone sono mal percepiti dai lionesi, e soprattutto dagli industriali, che lo vedono come un freno all’attività economica oltre che come una barriera inutile che congela nello spazio una metropoli che continua a crescere. In teoria, i primi duecentocinquanta metri posti davanti al muro rappresentano la “prima zona”, ritenuta non ædificandi; la seconda, anch’essa ampia, può ospitare solo edifici temporanei; la terza, grande il doppio, dove i fossati e gli argini sono soggetti all’approvazione dell’autorità militare. Ci sono così tante eccezioni a queste regole sulla riva sinistra e sulla Croix-Rousse che stanno diventando più comuni della regola; sulla riva destra della Saona, viene rispettata solo la prima zona. Allo stesso modo, a destra dei forti, è prevista una zona vergine di qualsiasi costruzione sul lato della città, ma con più eccezioni. Queste violazioni dei principi militari di rottura impediscono la creazione, come a Parigi, di un corridoio non urbanizzato tra la città e le sue periferie.

Progetti di portata limitata
Il comune, di epoca napoleonica ma anche successiva, è molto attento nei lavori urbanistici da intraprendere per il miglioramento della città.

Iniziò facendo fare un piano di allineamento per le case per standardizzare le larghezze delle strade negli anni 1810 – 1813. Questo piano è stato realizzato su venti assi a 1/300. Queste tavole furono poi utilizzate per un lungo studio per definire quali case ridurre per migliorare la situazione, che durò dal 1813 al 1821. Una sintesi in tre piani generali, da utilizzare per l’azione comunale, fu stabilita nel 1826. I vincoli di bilancio spiegano questa lentezza, e la lentezza nell’applicazione delle disposizioni previste. Il consiglio comunale, infatti, decide di attendere che le scomode abitazioni siano troppo fatiscenti per ordinarne la demolizione, e quindi non resta che acquistare una porzione di terreno.

Il settore immobiliare e urbano del Secondo Impero
Fu sotto il Secondo Impero che ebbe luogo la maggior parte delle ristrutturazioni urbane. Il prefetto del Rodano e sindaco di Lyon Vaïsse ha intrapreso queste grandi trasformazioni, come Haussmann a Parigi, sia per motivi di prestigio che di sicurezza. A differenza delle operazioni effettuate a Parigi, tuttavia, non c’è una vera rottura tra la politica urbana condotta sotto il restauro di Amédée Savoye e Benoit Poncet, da un lato, e quella condotta sotto il Secondo Impero da Vaïsse e dai suoi subordinati il l’altra mano.

Si affida per questo alle sue funzioni di amministratore del dipartimento e sindaco di Lione, e agli uomini: il capo ingegnere stradale, nominato nel 1854, Gustave Bonnet e l’architetto Benoit Poncet, che ha realizzato la rue Impériale (ora rue de la République ) nel 1850. La Guillotière, La Croix-Rousse e Vaise furono annesse a Lione nel 1852; in questa occasione la città di Lione viene suddivisa in cinque arrondissement (i 3 comprendevano poi gli attuali 6, 7 e 8; gli attuali 9 sono compresi in 5). La numerazione è progettata per impedire rivendicazioni di identità da quartieri con una forte memoria locale.

Un’altra caratteristica dell’urbanistica del Secondo Impero è l’attenzione riservata ai nomi delle strade, vecchie o nuove che siano. In effetti, la tripla annessione del marzo 1852 creò situazioni di doppia, o addirittura tripla o quadrupla denominazione di strade. Il decreto prefettizio del 17 febbraio 1855 modifica un centinaio di nomi per evitare confusione. Mira anche a raggruppare sotto lo stesso termine nomi diversi tutti situati nello stesso allineamento. I prefetti del Secondo Impero mirano infatti a fare chiarezza sulla città, per dare alle autorità politiche una lettura più agevole del tessuto urbano. Un altro motivo addotto per la ridenominazione delle strade è la sostituzione dei toponimi che evocano la geografia locale con nomi di personalità di spicco, capaci di forgiare una coscienza nazionale. I vecchi nomi sono descritti come “insignificante”, “ridicolo”

La differenziazione dei quartieri
Man mano che la città si espande, la specializzazione sociologica dei quartieri viene affermata molto chiaramente. Il secondo arrondissement, intorno a Place Bellecour, diventa il quartiere privilegiato della nobiltà (che peraltro parla più facilmente di distretto di “Ainay”, o di luogo “Louis-Le-Grand”); Terreaux e Saint-Clair, poi Brotteaux, quelli di banchieri, commercianti e produttori; rue Mercière, quella dei piccoli commercianti; Saint-Georges e Saint-Paul, poi Croix-Rousse dal 1820, infine Vaise e la Guillotière, quelle degli operai.

Va anche notato che, lontano dai conflitti tra i mestieri che hanno agitato l’urbanistica di Saint-Etienne per tutto il XIX secolo, la convivenza delle diverse industrie è andata relativamente bene a Lione: a tutti sembra che Croix-Rousse sia acquisita da le sete, la tintura e la rifinitura sono indiscusse al quai Saint-Vincent, ecc. L’unico luogo che ogni tanto pone un problema è quello dei macelli Vaise, la cui costruzione a monte di Lione fa temere l’inquinamento delle acque agli abitanti e soprattutto agli artigiani. Le industrie di Lione sono in realtà per la maggior parte complementari e si sviluppano principalmente (almeno nei loro inizi prima della rivoluzione industriale) secondo l’industria tessile.

Tuttavia, se questa geografia vissuta è indiscutibile, i suoi confini a volte rimangono sfocati, soprattutto per i nuovi quartieri. Così, alla fine del XIX secolo, i limiti della Croix-Rousse furono talvolta assimilati a quelli del quarto arrondissement, ma talvolta includevano anche le pendici del primo. Allo stesso modo, La Guillotière non ha un vero confine settentrionale e, secondo le pubblicazioni, include o meno i Brotteaux.

La Croix-Rousse
La Croix-Rousse è stata fortemente sviluppata durante il XIX secolo. È un quartiere operoso, dove i canut allestivano i loro laboratori (in precedenza, la maggior parte si trovava nel quartiere di Saint-Georges). La grande altezza dei telai Jacquard li ha costretti a costruire nuovi edifici, compreso un soffitto molto alto (circa quattro metri) al piano terra. Il quartiere si sta costruendo abbastanza rapidamente. Molti conventi, come quello dei Bernardini, furono chiusi durante la Rivoluzione; tra il 1815 e il 1845 sono messi a frutto da promotori immobiliari che rendono redditizia la superficie disponibile disegnando strade rettilinee prospicienti il ​​pendio, realizzando edifici molto alti, tutti costruiti sullo stesso modello, con officine al piano terra. piano e alloggi per famiglie lavoratrici ai piani superiori,

Come la Vieux Lyon, la Croix-Rousse è bucata da moltissimi traboule, che soprattutto hanno un uso funzionale, consentendo ai residenti di avere a disposizione un percorso pedonale quasi privato dall’altopiano al fondo delle piste. L’aspetto semi-sotterraneo di questi passaggi consente inoltre ai canut di trasportare i loro pezzi di tessuto relativamente al riparo dalla pioggia.

A questo proposito, è interessante notare che La Croix-Rousse era talvolta chiamata “Mont Sauvage” fino ai dintorni, o, più localmente, “collina di Saint-Sébastien”. Il nome locale religioso o riferito ad un aspetto rurale viene qui cancellato.

La penisola
Lo sviluppo della Presqu’île, tra il 1845 e il 1880, è un’operazione urbana su larga scala, che rinnova senza paragoni il patrimonio immobiliare del centro città in Francia (Parigi compresa). L’investitore architetto Benoit Poncet gioca un ruolo di primo piano in questa trasformazione, in cui il capitale privato è come al solito largamente maggioritario. La penisola è attraversata da due ampi viali; i ponti (i cui pedaggi vengono rimossi) vengono ristrutturati, le banchine vengono rialzate in modo che i nuovi quartieri siano protetti dalle inondazioni del Rodano e della Saona.

La parte meridionale della penisola, oltre il Cours Bayard (attuali linee ferroviarie dalla stazione di Perrache), era considerata negli anni venti dell’Ottocento una vasta zona industriale. Nel 1820 il comune vendette i terreni ivi ubicati, specificando che, per un periodo di venticinque anni, vi potevano essere costruiti solo stabilimenti industriali (seguendo i principi di separazione delle funzioni urbane concettualizzati dai Saint-Simoniani nella prima metà del XIX secolo e poi applicato da pianificatori imperiali). Il sindaco di Lione, Jean de Lacroix-Laval, scrisse nel 1827 che voleva creare un “Manchester Lyonnais, una città del fuoco [che attrae non solo la seta meccanica, ma anche] metalli, vetro, molitura del grano, lanifici”, in particolare per fornire lavoro ai serici nei periodi di bassa attività. Rapidamente, questo distretto situato oltre la ferrovia,

La riva sinistra del Rodano
L’area situata sulla riva sinistra del Rodano era, fino al 1852, parte del dipartimento dell’Isère. Il comune di La Guillotière fu annesso a Lione nel 1852 (nella stessa data, anche La Croix-Rousse e Vaise erano annesse a Lione).

La sponda sinistra del Rodano è notevolmente sviluppata, gli edifici che seguono i viali principali e molte case borghesi grandi e piccole (non seguono il modello della “villa privata”) si trovano in mezzo, in un po ‘di verde. Questa parte di Lione ha vissuto due forti ondate di urbanizzazione, nel 1853 e nel 1862. Il parco della Tête d’Or è stato sviluppato e le stazioni sono state installate a Brotteaux e La Guillotière. D’altra parte, questo vasto spazio sulla riva sinistra ha una pianta abbastanza banale.

Le strade costruite sono ortogonali e rettilinee ma ci sono pochi cul-de-sac nei grandi blocchi, i quartieri costruiti hanno pochi spunti visivi. In effetti, vengono costruiti pochi monumenti, ad eccezione delle chiese. Questa monotonia della nuova città è criticata in Vieilles Pierre Lyonnaises da Emmanuel Vingtrinier, che la vede come una copia della “città americana”. Allo stesso modo, Victor-Eugène Ardouin-Dumazet, in Voyage en France: la région lyonnaise, evoca spazi “deserti”, “file interminabili di case”, un “ammasso confuso di quartieri nati spontaneamente”. Allo stesso modo Auguste Bleton, scrivendo Across Lyon, lamenta di perdersi in “Un paese vago che non è né periferia né campagna e che sfugge alle classifiche”.

La Terza Repubblica

L’esplosione demografica
Ancor più che in qualsiasi altro periodo, la popolazione di Lione è cambiata radicalmente nella seconda metà del XIX secolo. In numero assoluto la popolazione del comune, anche entro i limiti attuali (Croix-Rousse, Vaise, Guillotière comprese), passa da 240.955 abitanti nel 1846 a 459.099 nel 1901, cioè quasi il raddoppio in poco più di un mezzo secolo. Questo raddoppio è completato da una riorganizzazione spaziale. A metà del XIX secolo, la penisola riuniva il 58,3% degli abitanti di Lione; all’inizio del secolo questa percentuale è salita al 29,7%. Il trend è opposto per la riva sinistra del Rodano, che passa dal 14,9 al 49,9%. L’altopiano della Croix-Rousse e la riva destra della Saona rimangono relativamente stabili, aumentando in numero assoluto di abitanti ma diminuendo in peso relativo.

Le principali operazioni di rinnovamento urbano
Sotto il nuovo regime repubblicano, il comune di Lione ha intrapreso molti lavori per sviluppare la città. Per molti di loro sono una continuazione di quelle intraprese dal regime precedente. Tuttavia, i grandi progetti sono nati sotto il mandato di Antoine Gailleton e sono stati portati avanti dai suoi successori.

Il completamento della ristrutturazione del centro cittadino è realizzato con il progetto del quartiere Grôlée. L’azienda, guidata dagli architetti Delamare e Ferrand, apre un percorso diagonale tra rue de la République e Pont Lafayette, realizzando edifici a triangolo, come nell’urbanistica haussmaniana. La standardizzazione del sistema di numerazione civica non fu definitivamente decisa fino al consiglio comunale del 12 novembre 1880.

Il comune di Gailleton sta anche costruendo diversi ponti, e in particolare le Facoltà. Infine, sulla riva sinistra del Rodano, fu sotto la sua direzione che fu costruito il Palazzo della Prefettura. Nel 1884 una parte delle fortificazioni fu smantellata, il che rese possibile la costruzione, tra gli altri, del Boulevard des Belges (poi Boulevard du Nord) e del Boulevard Montgolfier.

Continua la politica di rinominare le strade, rimuovendo quasi sistematicamente i nomi riferiti alla religione o alla monarchia, e in particolare i moltissimi nomi che evocano la precedente presenza di monasteri o chiese. I nuovi nomi si riferiscono a figure riconosciute della cultura nazionale, repubblicana (Léon Gambetta, Jules Ferry), scientifica (Louis Pasteur), letteraria (Émile Zola, Victor Hugo, Ernest Renan), ma anche a figure locali della cultura repubblicana. (consiglieri comunali, benefattori della città o degli Hospices Civils, studiosi di società dotte). Altri quartieri non hanno subito grandi cambiamenti durante questi decenni. Quindi, Vaise e Perrache sono aree di magazzini e industrie di medie dimensioni. I Brotteaux, da parte loro, furono in gran parte completati all’epoca.

Il timido emergere di una salvaguardia del patrimonio
Tuttavia, i prefetti Vaïsse e Gailleton prestano poca attenzione alla qualità degli edifici che demoliscono per fare spazio a nuovi edifici. Così, Vaïsse aveva diverse centinaia di case distrutte prima del XVIII secolo; nel 1874, la stazione Saint-Paul fu costruita nell’omonimo quartiere storico a costo della distruzione di molte case rinascimentali. L’ordinanza reale del 2 ottobre 1844, che istituisce un piano di allineamento per Lione, è ancora valida sotto Gailleton. Quest’ultimo prevede di attuare tale piano fino al 1891: l’ingegnere-viaggiatore di settore segnala ufficialmente la presenza di edifici di notevole qualità architettonica, e quindi da preservare.

Molti monumenti religiosi
La vita parrocchiale sta vivendo un forte risveglio. Tra il 1840 e il 1875, oltre alle numerose chiese restaurate, ampliate o i cui lavori ne consentirono il completamento, furono costruiti diciassette nuovi edifici, buona parte dei quali nei nuovi sobborghi come la riva sinistra del Rodano o la Croix-Rousse. Il signor Bonald, arcivescovo della diocesi dal 1839 al 1870, concentra infatti il ​​suo ministero sulla costruzione di un gran numero di parrocchie destinate alla popolazione urbana in rapida crescita.

È in particolare il tempo della predilezione degli architetti Tony Desjardins (restauratore della primatiale, ma anche architetto delle chiese di Notre-Dame-du-Point-du-Jour, Saint-Polycarpe, Saint-Pierre de Vaise, Saint- André, San Bernardo); Pierre Bossan (che ha progettato la chiesa dell’Immacolata Concezione, e in particolare la basilica di Fourvière, vedi paragrafo sotto); poi discepoli di quest’ultimo, in particolare Clair Tisseur (chiese di Sainte-Blandine, du Bon-Pasteur) e Louis Sainte-Marie Perrin (finalizzazione della basilica, di Saint-Bruno-les-Chartreux, poi altri edifici nella periferia di Lione ).

Nello stesso periodo fu costruita la Basilica di Fourvière. Iniziata nel 1872, l’edificio fu sostanzialmente completato nel 1888. Fu progettato da cattolici intransigenti come monumento di combattimento, destinato a combattere il secolarismo della Terza Repubblica. La sua origine, infatti, è molto più antica, risalendo al voto degli assessori del consolato nel 1643, poi al rinnovo di questo voto durante le epidemie che colpirono Lione nel XIX secolo, e durante la guerra del 1870. Tuttavia, la sua modalità di finanziamento, basata essenzialmente su una sottoscrizione popolare di particolare successo, fa della basilica un monumento di proprietà degli stessi lionesi, e non della Chiesa istituzionale (che le consentirà in particolare di non risentire della legge del 1905).

Lione intorno al 1900
All’inizio del secolo, era comune designare Lione con diverse perifrasi: “da La Claire a Quarantine e da La Motte a Saint Irénée” o “da Brotteaux a la Mulatière, da Vaise a La Guillotière”. Alcuni autori sono molto restrittivi nella definizione di “città”, come Joséphin Péladan, per il quale “la penisola di Lione, che inizia ai piedi della Croix-Rousse e termina alla confluenza, contiene la città reale”.

Auguste Canneva si spinge appena oltre: “[Sul lato Brotteaux], la civiltà si ferma all’estremità degli alberi di Cours Morand”. Victor-Eugène Ardouin-Dumazet è più inclusivo, affermando che lo spazio urbano comprende Villeurbanne, Bron, Caluire, Saint-Rambert, Écully, La Mulatière e Oullins. La cinta muraria ha poi perso la sua funzione di confine, poiché la città si estende senza che si senta la necessità di demolirla ovunque: le ultime vestigia del muro di cinta della sponda sinistra furono demolite solo all’inizio del XX secolo; quanto a quelle sulla collina di Fourvière, rimangono in parte ancora all’inizio del XXI secolo. Quanto alla borsa di studio, fu abolita a Lione nel 1901.

I mezzi di comunicazione sono in questo momento notevolmente sviluppati, i veicoli a vapore passano completamente alla fase industriale. Le stazioni vengono costruite più grandi (Saint-Paul nel 1872) o ristrutturate (Perrache, Brotteaux). Le funivie si aggiungono alla prima costruita nel 1862 (che porta a Croix-Rousse), una nel 1878, da Saint-Jean a Saint-Just e un’altra nel 1891 tra Cross Paquet e Croix-Rousse. Il tram apparve nel 1880, tenuto dalla Compagnie des omnibus et tramway de Lyon, e si diffuse rapidamente. La prima linea elettrificata collega Lione a Oullinsin 1884.

Fu in questo periodo che la popolazione iniziò a prendere coscienza della profonda rottura urbana rappresentata dai maggiori assi di trasporto. Édouard Aynard parla così di “Muro della Cina” riferendosi ai binari della stazione di Perrache nel 1907; ma questo giudizio di valore è stato avanzato da circa cinquant’anni dai detrattori della ferrovia. “Dietro le volte”, lo spazio che corrisponde all’attuale Confluenza, è uno spazio quasi abbandonato dal Comune per decenni: dal 1880 al 1910 il quartiere diventa luogo privilegiato per lo scarico dei rifiuti domestici, poi petrolio deposito dal 1907.

Nonostante il potere dell’interlocutore (la Compagnie “PLM”) nonché il timore (espresso in particolare dalla Camera di Commercio) di ostacolare lo sviluppo economico di Lione, che ha reso il comune cedere alle esigenze ferroviarie, la città riesce a ottenere compensazioni: rimozione passaggi a livello, illuminazione e piastrellatura ceramica delle gallerie realizzate. Questa esperienza traumatica invita gli eletti della riva sinistra del Rodano a essere cauti, per paura di creare lo stesso tipo di barriera (perché è già il caso a Vaise) nel loro distretto al livello di piazza Jean-Macé) .

L’ambizione di una città moderna: 1900-1940
Alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo, Lione è stata segnata dalla figura dominante dell’architetto e urbanista Tony Garnier. Teorico, immagina Une Cité Industriel (opera pubblicata nel 1917, ma già parzialmente scritta e rivelata nel 1904). Mette in pratica le sue teorie a Lione, in particolare sulla riva sinistra del Rodano, allora in pieno sviluppo: l’ospedale Grange-Blanche, lo stadio Gerland o il quartiere degli Stati Uniti sono alcune delle conquiste segnate dai suoi principi ..

Il mandato Herriot è un mandato ricco di progetti di pianificazione urbana, in un’atmosfera intellettuale di ricerca per rompere con le pratiche precedenti. Il termine “urbanistica” era scritto in un linguaggio ordinario a quel tempo e corrispondeva pienamente ai desideri dei giocatori di Lione nella trasformazione della città: Tony Garnier, Michel Roux-Spitz, Charles Meysson (architetto del comune), C. Chalumeau (ingegnere capo della città). Si tratta di “creare qualcosa di contemporaneo e non perfezionare qualcosa di esistente.

Nuova mentalità, voglia di situarsi non solo nel presente ma nel futuro “. C. Chalumeau inizia tenendo conto dei dati più precisi possibili della situazione esistente e dei bisogni, e stabilisce un piano di ampliamento presentato alla mostra internazionale del 1914, definitivamente adottato nel dopoguerra nel 1919. Fino al 1914 l’opera svolta era il seguito dei lavori intrapresi da Gailleton, a volte ritoccati. Prima della guerra, Herriot continuava così il quartiere Brotteaux, attorno alla nuova omonima stazione, un quartiere ancora fortemente segnato dall’architettura haussmanniana, che costruì anche un grande liceo, originariamente annesso al liceo Ampère, il liceo Parc, oggi emblematico dell’influenza scientifica intellettuale della città.

Herriot era presente all’inaugurazione nel 1934 del “Gratte-ciel”, il nuovo centro di Villeurbanne urbanizzato da Lazare Goujon. Si concretizza la costituzione del dipolo istituito dall’attività economica “Lyon-Villeurbanne”, e la prima associazione intercomunale attraverso la gestione dell’acqua potabile (correlata al contenimento del Rodano, al parco della Tête d’Or nel prefetto Vaïsse e i binari ferroviari a est).

L’area a sud della confluenza è stata trasformata in modo sostenibile dallo sviluppo della Compagnie Nationale du Rhône, il primo concessionario, che ha costruito la diga Pierre-Bénite lì negli anni ’30: le braccia del Rodano (solitario) e le isole di questo la sezione che è rimasta relativamente conservata scompare.

Progetti di igienisti

Nelle intenzioni generali volute dai titolari del progetto di ammodernamento, un’attenzione particolare è riservata all’igiene (nel 1932, il III Congresso internazionale di sanitari e igiene urbana tenutosi a Lione) e ai viaggi. Così, per rispondere alla crescita del flusso automobilistico, e in particolare al fatto che molte strade nazionali raggiungono la città, si è deciso di creare un semicircuito sfruttando la linea delle fortificazioni declassificate e dei porti inferiori del Rodano. In questo periodo furono costruiti quattro ponti: il ponte umano Roche, il ponte Pasteur, il ponte Wilson e il ponte Feuillée.

Stanno emergendo altri progetti, sotto l’influenza in particolare di Tony Garnier, in stretto coordinamento con il sindaco. Fu in questo periodo che furono lanciati i grandi progetti del mandato Herriot: i macelli di La Mouche (inizio dei lavori nel 1908), che comprendono in particolare la Grande Halle (oggi la sala Tony-Garnier), l’ospedale di Grange- Blanche (1911) che doveva sostituire il vecchio Hôtel-Dieu e lo Stade de Gerland (1913). Tutti questi progetti furono completati nel periodo tra le due guerre.

Dopo la prima guerra mondiale, i progetti accelerarono. L’ospedale Charité fu distrutto, lasciando il suo posto all’ufficio postale centrale e un posto in continuità con Place Bellecour (oggi Place Antonin-Poncet). Il quartiere degli Stati Uniti fortemente ispirato alla città ideale sognata da Tony Garnier, è costruito nel VII distretto (questa parte del distretto divenne poi l’VIII). Lo Stade de Gerland è completato, ma non ospiterà mai i Giochi Olimpici del 1924, che alla fine toccarono a Parigi. Dopo aver esitato sulla posizione, nel 1935 il porto fluviale ha tre banchine costruite nella sua posizione attuale: il porto di Édouard-Herriot.

Il rinnovamento urbano pianificato o realizzato

Altri progetti falliscono. In effetti, la città ha lanciato in questo periodo un concorso all’anno, ogni volta riguardante un sito diverso. Pochi di questi progetti vedono davvero la luce del giorno. Possiamo però citare quello di Tony Garnier che progettava di estendere l’asse Perrache – Victor-Hugo – Bellecour – République – Opéra al Boulevard de la Croix-Rousse, a costo di importanti demolizioni sulle piste e ricostruzione. in uno stile moderno. Questa salita monumentale doveva portare a un monumento ai caduti della Grande Guerra al posto del Gros Caillou, che sarebbe stato visibile dalla riva sinistra, durante la secolare a Fourvière. Anche la demolizione dell’Hôtel-Dieu è stata sottoposta a un concorso. Fa 18 secolo, mentre un nuovo quartiere sarebbe nato nel cuore storico. È stata anche considerata la demolizione-ricostruzione del settore Guillotière intorno a Place du Pont. L’idea di costruire cancelli che rappresentassero simbolicamente i limiti di Lione è stata lanciata, ma mai realizzata nonostante i progetti di diversi architetti tra cui Tony Garnier.

Nella notte tra il 12 e il 13 novembre 1930 si verificò una drammatica frana tra rue Tramassac e l’ascesa di Chemin-Neuf: fu il disastro di Fourvière. Quaranta morti sono da deplorare. Questo disastro rese consapevoli le autorità pubbliche dello stato di diseredazione in cui erano i vecchi quartieri, abbandonati dalle operazioni urbane (già, nel 1852, la riva destra della Saona era definita da Francis Linossier “la seconda città sotto l’intonaco”; altri autori la chiamano “la città del Medioevo” o un “quartiere morto”). Il sindaco Édouard HerriotJudge da parte sua che “la vecchia Lione è un insieme di bassifondi, degna di uno sfasciatore” e che “dobbiamo demolire tutti gli edifici di rue de la Bombarde”.

Nel 1938 fu lanciato un “Concorso per l’abbellimento della vecchia Lione”, i cui principi erano fortemente ispirati dalla Carta di Atene. Il vincitore, Pierre Bourdeix, capo architetto degli edifici civili e dei palazzi nazionali (dal 1937) sta progettando l’ampliamento di Place Saint-Jean, lo sviluppo di un giardino e una fontana di fronte alla cattedrale. Jean Zay, ministro dell’Istruzione nazionale, si oppone a questa distruzione registrando gli edifici di Place Saint-Jean nell’inventario dei monumenti storici. Il passo successivo sarebbe consistito nel rinnovare l’intero quartiere ai lati di una grande strada larga venti metri; tutti gli edifici del quartiere, ritenuti pericolosi e malsani, sono sull’orlo della demolizione, ad eccezione della primatiale e del museo Gadagne.

Il consiglio comunale del 7 marzo 1938 mostra l’opposizione tra un comune “costruttore”, che intende acquisire e distruggere gran parte degli edifici per “liberare la cattedrale fino alla collina di Fourvière”, e un potere “parigino” (Paul Gélis, capo architetto dei monumenti storici, Émile Bollaert, prefetto del Rodano ed ex direttore delle belle arti) preoccupato per la conservazione del patrimonio, che nel 1937 aveva registrato 88 edifici che costituivano quasi un migliaio di abitazioni nell’inventario supplementare dei monumenti storici. Tutti questi progetti furono rimandati, poi definitivamente rinviati dalla seconda guerra mondiale.

Dal 1944

Crescita demografica
La popolazione di Lione è ancora in evoluzione durante la seconda metà del XX secolo. Tra il 1946 e il 1966 la città passò da 460.748 abitanti a 524.569, crescita che in parte costituì un recupero della popolazione persa durante la guerra. Tuttavia, come nel periodo precedente, la distribuzione di questa popolazione continua a cambiare. La sponda sinistra, già preponderante (57% della popolazione comunale) alla fine della guerra, ne riceveva il 59,5% vent’anni dopo. Anche Croix-Rousse (4 ° arrondissement) e la riva destra della Saona (5 e 9) stanno avanzando leggermente più velocemente dell’intero comune. È la penisola (1 e 2 frazioni) che sta perdendo abitanti, anche in termini assoluti, scendendo sotto la soglia dei 100.000 residenti.

Ma l’evoluzione principale della popolazione è da ricercare altrove: la popolazione agglomerata non è più solo quella del comune, ma riunisce un agglomerato con sempre più comuni. L’area metropolitana di Lione è diventata rapidamente milionaria, con 1.152.805 abitanti nel 1975, 1.318.000 nel 1999.

L’urbanistica delle “Carte di Atene”
Nei primi anni del dopoguerra, la Carta di Atene del 1933 rimane ancora un riferimento per coloro che sono coinvolti nella pianificazione. Il suo principio di costruzione di grandi condomini si traduce nella creazione di grandi città che servono in particolare ad ospitare la popolazione in eccedenza creata dal baby boom, dall’immigrazione e dal rimpatrio dei Blackfoot algerini. Il suo principio di separazione delle funzioni porta alla creazione di distretti specializzati. Il sindaco del 1957 Louis Pradel è in un certo senso il simbolo di questo periodo. “Preferendo sempre gettare cemento piuttosto che ripristinare (Carta di Atene 1931) vecchi edifici, avrebbe ordinato un buon bulldozer. Era soddisfatto di un altro progetto: la creazione di un ponte di fronte alla rue Grenette che si estenderebbe su un ampio viale sulla collina di Fourvière. “.

I Trente Glorieuses sono caratterizzati da un forte interventismo dello Stato, che realizza grandi opere in città, in particolare sulle infrastrutture: i ponti vengono ripristinati a partire dalla fine della guerra.

Édouard Herriot, nuovamente sindaco nel 1946, non ha eseguito i grandi lavori richiesti dalle condizioni delle banchine. Il tunnel Croix-Rousse viene scavato riurbanizzando Vaise. A quel tempo, la ricostruzione del settore Jean-Macé era ben realizzata (C. Delfante, sic)}}. Si stanno sviluppando alloggi a basso costo nei quartieri esistenti, che sono diventati centrali.

Negli anni ’50, il Ministero della ricostruzione e dell’urbanistica ha unito le forze con il Lyon Urban Planning Group per sviluppare “città residenziali”. La loro costituzione è in periferia urbana: La Duchère nel nono arrondissement, Bron e Vénissieux fuori Lione.

L’acquisizione dell’autorità locale

La creazione del DATAR (1963) ha permesso di riorientare gli investimenti nelle infrastrutture urbane e nelle abitazioni e di trovare un piano quadro per lo sviluppo della città. Così saranno curati i bassifondi.

La politica di “decentramento territoriale” delle organizzazioni va di pari passo con la delega di responsabilità per ospedali, strutture scolastiche e musei. Gli “ZUP” furono decretati nel 1958 per “costruire” e sostenere Lione per svilupparsi come un agglomerato con una dimensione europea.

Questo periodo è stato segnato dalla costituzione della Comunità Urbana di Lione (COURLY, ribattezzata “Grand Lyon”), una delle strutture intercomunali create dallo Stato per sviluppare e gestire il territorio metropolitano modificando il dipartimento di diversi comuni. Fondazione nel settembre 1978 dell’Agenzia della Comunità Urbana (o AGURCO), che nel 2014 è diventata UrbaLyon.

Il centro di cambio Perrache è costruito attorno al tunnel Fourvière dalla Grande Lione: le autostrade A6 e A7 attraversano ancora il centro della città. Conseguenza: uno dei risultati di questa politica è la persistenza e persino l’aggravarsi dell’isolamento della parte meridionale della Penisola, separata dal distretto di Bellecour dall’ormai doppia barriera formata dal centro di interscambio stradale lungo le linee ferroviarie, e dal Rodano tramite l’autostrada.

La valorizzazione del patrimonio
Dal 1964 è iniziata la consapevolezza dell’interesse per il patrimonio dei vecchi edifici. L’inversione di tendenza più spettacolare riguarda il quartiere della Vieux Lyon: più volte promesso alla distruzione totale o parziale, socialmente deprivato, composto da abitazioni in gran parte antigeniche, fu salvato dalla distruzione da André Malraux: in virtù della legge che il suo nome, votò due anni in precedenza, quest’ultimo ha creato nella vecchia Lione la prima area protetta in Francia.

Il centro di cambio Perrache costruito attorno al Tunnel de Fourvière, le autostrade A6 e A7 attraversano il centro della città. Uno dei risultati di questa politica è la persistenza e persino l’aggravarsi dell’isolamento della parte meridionale della Penisola, separata dal distretto di Bellecour dall’ormai doppia barriera formata dal centro di interscambio stradale lungo le strade principali. ferrovia e separata dal Rodano dall’autostrada.

La riabilitazione degli edifici è stata sistematizzata tra il 1970 e il 1995 e la frequenza dei turisti ha iniziato a crescere. Tuttavia, alcuni riflessi di pesante rinnovamento urbano sono rimasti in vigore: nel 1970, le grandi residenze borghesi in rue Mercière, a tre o quattro piani che si affacciano su un cortile interno, sono state così rase al suolo.

Il 5 dicembre 1998, Vieux Lyon, ma anche le colline di Fourvière e Croix-Rousse e l’intera parte settentrionale della penisola sono classificate come Patrimonio dell’Umanità.

Rinnovo urbano
Durante gli anni Cinquanta e Sessanta, i porti inferiori furono in parte riempiti per sviluppare passaggi dedicati alle auto, il caso più emblematico dei quali rimane l’autostrada che corre lungo la riva destra del Rodano tra il ponte Mulatière e il centro di cambio Perrache. Altrove, quando le banchine inferiori non sono state riempite a livello della banchina, sono state trasformate in parcheggi, su un unico livello (riva sinistra del Rodano) o in silos (riva destra della Saona).

Uno dei simboli forti degli anni ’70 è la costruzione de La Part-Dieu che è composta da un habitat “corbusiano” costruito da Jean Zumbrunnen, le sale di Lione, l’auditorium, la prima torre del grattacielo di Lione, un centro commerciale, il biblioteca comunale, stazione dei treni SNCF e stazione degli autobus.

Negli anni ’90, il principale progetto urbanistico è stata la Cité internationale, che è stata istituita tra il parco della Tête d’Or e il Rodano grazie al trasferimento della fiera di Lione nel sito Eurexpo a Chassieu.

I decenni 2000-2010 e 2010-2020 sono contrassegnati dalla legge SRU che incoraggia la ricostruzione della città su se stessa, il rinnovamento urbano e comporta l’obbligo di seguire nuovi standard di igiene del lavoro e degli alloggi. È in questa prospettiva che si stanno realizzando operazioni urbanistiche molto importanti, come lo sviluppo del distretto di Confluence, che interessa tutto il sud della Presqu’île, oltre la stazione di Perrache. Il mercato della stazione si sposta a Corbas, il sito originale viene distrutto per far posto a un nuovo quartiere; anche le carceri St. Paul e St. Joseph sono sfollate a Corbas, i loro locali sono stati riabilitati dall’Università Cattolica di Lione.

In questi anni, Lione ha conosciuto anche interventi di riqualificazione a favore degli spazi verdi, il più suggestivo dei quali è stato lo sviluppo delle rive del Rodano, ma anche altri importanti sviluppi come il parco Henry-Chabert nel 2000 o il parco Sergent Blandan nel 2010s. Possiamo vedere questa logica anche nel continuo sviluppo della Part-Dieu, con la costruzione di una serie di uffici prima a nord del quartiere lungo Avenue Thiers, poi a sud intorno al quartiere di Montluc e allo ZAC de la Buire. In questi sviluppi, il quartiere Part-Dieu vede la costruzione di grattacieli come la torre Oxygène e poi la torre Incity ..

Un altro distretto interessato da queste ristrutturazioni è quello di Gerland, fortemente specializzato nell’industria farmaceutica, con la creazione di Lyonbiopôle. Il laboratorio P4 Jean Mérieux è stato inaugurato nel 1999. Il quartiere ha ospitato anche la sede di Merial nel 2011. Allo stesso tempo, il nord del distretto di Gerland ha visto la costruzione di molti complessi residenziali densi con lo ZAC des Girondins e lo ZAC du Bon Lait . Infine, il centro storico della città sta anche vivendo diverse operazioni di sviluppo come la riabilitazione del teatro dell’opera di Lione nel 1993, la demolizione dell’ex Grand Bazaar o il perimetro di restauro immobiliare (PRI) delle pendici della Croix-Rousse tra il 2001 e 2006.

Il Musée des Confluences costruito sulla punta della penisola sul luogo del “boulodrome Pradel” è il nuovo segnale forte della “porta della città” di Lione da sud, ha richiesto una grande riqualificazione delle banchine con la costruzione da Pont Raymond-Barre per il tram.

Tags: