Turismo delle Nazioni Unite

Le Nazioni Unite (ONU) sono un’organizzazione internazionale che mira a facilitare la cooperazione tra i paesi del mondo su una vasta gamma di argomenti. Questo argomento di viaggio copre la varietà di quartieri generali e attrazioni interessanti delle Nazioni Unite in tutto il mondo.

Comprendere
Le Nazioni Unite sono state fondate all’indomani della seconda guerra mondiale dai poteri vittoriosi, come sostituto de facto della Società delle Nazioni, che era stata fondata dopo la prima guerra mondiale con una missione inizialmente molto più ampia, ma fallita a causa di altre cose, meno dell’appartenenza universale (gli Stati Uniti non si unirono mai, la Germania, il Giappone e l’Unione Sovietica partirono o furono espulsi negli anni ’30). La struttura e il regolamento dell’ONU riflettono ancora questo fatto, come dimostra la loro sede a New York, e la composizione del Consiglio di sicurezza (i cui membri permanenti erano alleati della seconda guerra mondiale – Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito – ma sono ora spesso ai ferri corti).

La maggior parte dei paesi ha una certa presenza alle Nazioni Unite, anche se hanno relativamente poca presenza diplomatica all’estero. Molte agenzie delle Nazioni Unite operano dietro le quinte per stabilire standard globali (come l’International Civil Aeronautics Organization per i passaporti o l’Unione postale universale per i servizi postali) che influenzano i viaggi e le comunicazioni in tutto il mondo.

L’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, conserva la lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO di oltre mille destinazioni globali, insieme a liste di città creative e beni culturali immateriali.

Destinazioni

Quartier generale
Sede delle Nazioni Unite a New York, 1st Ave a 46th St, New York City, USA, ☏ +1 212-963-4475. Il quartier generale delle Nazioni Unite si trova in un sito di 18 acri tra la 42a e la 48a strada, e tra la First Avenue e l’East River. È noto per i suoi giardini e le sculture all’aperto. I tour dell’Assemblea Generale e della Segreteria sono a pagamento, ma è possibile visitare gratuitamente la Lobby dei Visitatori (anche se è necessario passare attraverso un checkpoint di sicurezza). Ci sono due livelli per l’area della lobby che include una galleria, un negozio di articoli da regalo e una libreria. Se stai solo visitando la lobby, non entrare in fila quando sei nella hall, ma solo orientarti. C’è poco in termini di segni per dirti dove puoi andare: questa è l’ONU: ben intenzionata ma non ben organizzata. Gratuito; visite guidate $ 11,50 adulti, $ 8,50 anziani, $ 7,50 studenti, $ 6,50 bambini (6-14 anni).
Palais des Nations (Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra), 14 Avenue de la Paix, Ginevra, Svizzera, ☏ +41 22-917 48 96, ✉ visit-gva@unog.ch. Aperto tutti i giorni apr-ott 10 am e 14-16; Lug-ago 10 AM-5PM; il resto dell’anno MF 10 AM-pomeriggio e 2 PM-4PM (eccetto durante il periodo natalizio). Fu costruito per ospitare la Società delle Nazioni. Il Palais merita una visita solo per ammirare la magnifica Sala delle Assemblee, oltre alla vasta collezione di arte pubblica, alla biblioteca e ai giardini paesaggistici. È il secondo più grande quartier generale delle Nazioni Unite nel mondo. Fr. 12 ciascuno per gli adulti. (gruppi di 20 adulti o più si qualificano per uno sconto del 20%, tour privato di 1-14 adulti Fr. 127.50, Fr. 10 ciascuno per studenti, anziani e disabili, Fr. 4 per scolari, gratuito per bambini sotto i sei anni Anni). I passaporti sono necessari per l’ingresso.
Ufficio delle Nazioni Unite a Vienna, Vienna, Austria, ☏ + 43-1 26060-3328. La casa di molte organizzazioni delle Nazioni Unite, tra cui l’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Le visite guidate sono offerte in inglese o tedesco tre volte al giorno e c’è la possibilità che si possa osservare una riunione in corso. Avrai bisogno di un documento di identità con foto (ad es. Passaporto) per poter entrare all’interno.
Ufficio delle Nazioni Unite a Nairobi (Complesso delle Nazioni Unite Gigiri), United Nations Ave, Nairobi, Kenya, 25 +254 20 762 3798, ✉ un.tours@un.org. Seduto tra la foresta Karura e l’ambasciata degli Stati Uniti, ospita organizzazioni internazionali come il Programma ambientale delle Nazioni Unite, UN-HABITAT ed è la base di tutte le operazioni delle Nazioni Unite in Africa. Nel 2011 è stato inaugurato il primo edificio completamente in carbonio e ad acqua neutrale in Africa. Le visite guidate consentono ai turisti di vedere i principali edifici e regali degli stati membri e di camminare lungo un sentiero naturalistico nelle vicinanze, imparando la storia e il lavoro delle Nazioni Unite.

Altre sedi
Peace Palace, Carnegieplein 2, L’Aia, Paesi Bassi, 31 +31 70 3024137, ✉ carnegie@carnegie-stichting.nl. Il Palazzo della Pace fu costruito nel 1913 per ospitare la Corte di Arbitrato Permanente, che sperava di fornire un mezzo per regolare legalmente le dispute internazionali. La prima guerra mondiale è scoppiata appena un anno dopo. Oggi il Palazzo della Pace ospita anche la Corte internazionale di giustizia, il principale organo giudiziario dell’ONU, che risolve le controversie tra i soli paesi. € 9,50 per visita guidata. Centro visitatori e tour audio è gratuito.
Casa dell’UNESCO, Place de Fontenoy, Parigi, Francia. Sede dell’UNESCO, l’organizzazione che designa i siti del patrimonio mondiale. C’è un museo in loco, e ci sono mostre temporanee occasionali sulla cultura e il patrimonio internazionale.
Cimitero delle Nazioni Unite (재한 유엔 기념 공원), 93, UNpyeonghwa-ro, Nam-gu, Busan, Corea del Sud 부산 광역시 남구 유엔 로 로 93. L’unico cimitero ufficiale delle Nazioni Unite nel mondo, serve per onorare la memoria di soldati di 16 nazioni che hanno combattuto e sono morti sotto l’ONU.
Plaza delle Nazioni Unite per la pace. Appena ad ovest del lotto del tempio. Questo memoriale presenta una bella scultura di una giovane ragazza che rilascia una colomba per simboleggiare le speranze e i sogni rappresentati dalle Nazioni Unite. È considerato l’unico monumento negli Stati Uniti dedicato specificamente alla pace al di fuori del quartier generale delle Nazioni Unite a New York.
Plaza delle Nazioni Unite, San Francisco / Centro civico-Filetto (a Market St e Hyde St). La Carta delle Nazioni Unite fu firmata nel Centro Civico nel 1945, e questa piazza fu costruita in onore della sua ideologia ed è ironicamente sopra il sito del Cimitero di San Francisco originale. Progettato dall’architetto Lawrence Halprin e completato nel 1975, questa è una piazza pedonale di mattoni rossi di tre acri. Colonne di mattoni incise con nomi di paesi membri delle Nazioni Unite rivestono la piazza, e la fontana delle Nazioni Unite si trova al centro. Destinato ad essere un gateway visivo per il centro civico, è spesso abituato dai senzatetto della città, ma ha un mercato degli agricoltori compatto e diversificato il mercoledì e la domenica.

Collezione
d’arte La Collezione d’arte delle Nazioni Unite è un gruppo collettivo di opere d’arte e oggetti storici donati come regali alle Nazioni Unite dai suoi stati membri, associazioni o singoli individui. Questi tesori e beni artistici, per lo più sotto forma di “sculture, dipinti, arazzi e mosaici”, sono rappresentativi “arti delle nazioni” che sono contenuti ed esposti all’interno dei quartieri generali delle Nazioni Unite a New York, negli Stati Uniti, e altre stazioni di servizio, facendo dell’ONU e dei suoi territori internazionali un “piccolo museo raffinato”.

Gli stati membri seguono un protocollo per la presentazione di doni ufficiali alle Nazioni Unite. Procedure, discorsi e cerimonie, come la presentazione di questi doni, sono condotti e coordinati dal Protocollo e dal Servizio di collegamento. Idealmente, ogni nazione membro può presentare solo un’offerta e le nazioni membri sono responsabili dell’installazione degli artefatti offerti.

I doni ufficiali alle Nazioni Unite da parte dei suoi stati membri incarnano gli ideali, il significato e i valori delle Nazioni Unite come organizzazione internazionale.

Il complesso contiene giardini, che in origine erano giardini privati ​​prima di essere aperti al pubblico nel 1958. Il complesso è famoso per i suoi giardini e le sculture all’aperto. Sculture iconiche includono “Knotted Gun”, chiamata Non-Violence, una statua di una pistola Colt Python con la sua canna legata in un nodo, che è stato un dono del governo lussemburghese e Let Us Beat Swords in Plowshares, un dono dal Soviet Unione. Quest’ultima scultura è l’unica rappresentazione della citazione delle “spade in vomeri”, da Isaia 2: 4, all’interno del complesso. Contrariamente alla credenza popolare, la citazione non è scolpita in nessun edificio delle Nazioni Unite. Piuttosto, è scolpito sul “muro di Isaia” di Ralph Bunche Park attraverso la First Avenue. Un pezzo del muro di Berlino si trova anche nel giardino delle Nazioni Unite.

Altre opere di rilievo sul terreno includono Peace – una vetrata Marc Chagall che memorizza la morte di Dag Hammarskjöld – la campana della pace giapponese che viene suonata sull’equinozio di primavera e l’apertura di ogni sessione dell’Assemblea Generale, una scultura in avorio cinese realizzata nel 1974 ( prima che il commercio dell’avorio fosse in gran parte vietato nel 1989) e un mosaico veneziano raffigurante la regola d’oro di Norman Rockwell. Una copia ad arazzo a grandezza naturale di Guernica di Pablo Picasso, di Jacqueline de la Baume Dürrbach, è sul muro del palazzo delle Nazioni Unite all’ingresso della sala del Consiglio di sicurezza. Nel 1952, due murali di Fernand Léger furono installati nella Sala dell’Assemblea Generale. Le opere sono pensate per essere semplicemente decorative senza simbolismo. Si dice che uno assomigli al personaggio dei cartoni animati Bugs Bunny e al presidente degli Stati Uniti Harry S.

Due grandi murali dell’artista brasiliano Cândido Portinari, intitolato Guerra e Paz (Guerra e pace) si trovano nella sala dei delegati. Le opere sono un dono dell’Associazione delle Nazioni Unite degli Stati Uniti d’America e Portinari intendeva eseguirle negli Stati Uniti. Tuttavia, gli è stato negato il visto a causa delle sue convinzioni comuniste e ha deciso di dipingerli a Rio de Janeiro. Furono poi riuniti nel quartier generale. Dopo il loro completamento nel 1957, Portinari, che era già malato quando iniziò il capolavoro, cedette a condurre avvelenamento dai pigmenti che i suoi medici gli consigliavano di abbandonare.

Nel 1964, una vetrata di 15 piedi per 12 piedi di Marc Chagall intitolata La pace fu donata alle Nazioni Unite dai suoi membri dello staff e dallo stesso Chagall per commemorare Dag Hammarskjöld, che fu Segretario generale delle Nazioni Unite dal 1953 fino alla sua morte nel 1961. Il memoriale in vetro colorato contiene numerosi simboli che rappresentano temi di amore e di pace.
Nel 1952, una coppia di murales di Fernand Léger fu installata nella Sala dell’Assemblea Generale.
Guerra e pace, due dipinti dell’artista brasiliano Candido Portinari. Non presenta alcuna arma, ma presenta invece la sofferenza delle vittime della guerra, che illustra la barbarie del combattimento. Il contrasto tra gli elementi del caos e dell’armonia mostra quanto sia importante mantenere la pace e cercare di porre fine ai conflitti violenti.
Nel 1985, come rappresentante degli Stati Uniti, la first lady Nancy Reagan presentò un mosaico alle Nazioni Unite per celebrare il 40 ° anniversario dell’organizzazione. Il mosaico della Regola d’oro era una creazione di artisti veneziani e si basava su un dipinto di Norman Rockwell. Raffigurando persone di tutte le razze, religione, credo e tonalità, il mosaico impartisce il messaggio di “fare agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te”.
La campana della pace giapponese fu presentata alle Nazioni Unite nel giugno del 1954 dall’Associazione delle Nazioni Unite del Giappone. E ‘stato lanciato da monete raccolte da persone provenienti da 60 paesi diversi compresi i bambini, e ospitato in una struttura simile a un santuario shintoista, fatto di legno di cipresso. La campana viene suonata due volte all’anno: il primo giorno di primavera, all’equinozio di primavera, e il 21 settembre in concomitanza con l’apertura dell’Assemblea generale.
Nel 1959, una statua di bronzo che promuoveva lo slogan Let Us Beat Swords in Plowshares fu donata dall’Unione Sovietica alle Nazioni Unite. È stato scolpito da Evgeniy Vuchetich per rappresentare il desiderio umano di porre fine a tutte le guerre convertendo le armi della morte e della distruzione in strumenti pacifici e produttivi che sono più vantaggiosi per l’umanità.
Nel 1996, Sphere Within Sphere dello scultore Arnaldo Pomodoro, è stato presentato in dono all’ONU da Lamberto Dini, ministro degli Affari esteri d’Italia.
Una copia araldica a grandezza naturale di Guernica di Pablo Picasso, di Jacqueline de la Baume Dürrbach, è esposta sul muro del palazzo delle Nazioni Unite a New York, all’ingresso della sala del Consiglio di sicurezza.
Single Form è una scultura fatta da Barbara Hepworth nel 1964 come memoriale del segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld dopo la sua morte in un incidente aereo in Africa nel 1961.