Incertezza, connessione e coesistenza, Museo d’arte I-Park di Suwon City

La mostra Incertezza, Connessione e Coesistenza mostrerà i cambiamenti del nuovo paradigma e il cambiamento della topografia dell’arte contemporanea attraverso un totale di 15 opere di installazione su larga scala di 13 artisti provenienti dalla Corea e dall’estero.

Artisti partecipanti: Kim Sang-jin, Kim Ji-soo, Kim Chang-gyeom, Mun, An Sung-seok, Yang Min-ha, Lee Background, Lee Chang-woon, Lim Seon-yi, Jeon Ji-gil, Jung Kwang -hwa, Simon Whetham, Song-Ming Ang

Incertezza, connessione e convivenza mirano a riconsiderare contesti e compiti contemporanei presentando un mondo in movimento attraverso varie opere d’arte. Il tema della mostra è che è l’incertezza che caratterizza l’era di oggi dopo la post-ideologia, il che significa che il mondo si sta muovendo in relazione agli altri come esseri relativi o oggetti esterni. Il tema della mostra è che il cambiamento del mondo porta una reazione a catena collegando da un problema all’altro. Il riscaldamento globale, l’incertezza economica, i pericoli nucleari e terroristici ci stanno portando all’incertezza che nessuno può permettersi. Questa mostra metaforicamente riorganizza questi fenomeni oggi attraverso opere d’arte. Dai naturali problemi ambientali ecologici come i cambiamenti climatici che ci stanno di fronte, l’ecologia della città, l’ecologia umana, ecc. Sono divisi in relazioni con gli altri, l’anonimato e l’alienazione della città, il ricordo dello spazio sovrapposto, virtuale e realtà, ecc. Da mostrare. La mostra mostra che i problemi globali sono eventualmente collegati a cicli ecologici.

È importante tenere presente che ciò che vogliamo mostrare attraverso la mostra è che l’incertezza non è un significato negativo, ma il rapporto tra l’altro e il soggetto coesiste costantemente cambiandosi. Le opere alla fine esprimono che ciò che possiamo fare in un mondo incerto è “connessione e convivenza” attraverso l’empatia e la condivisione. L’arte contemporanea è “mostrare ed esplorare il processo che porta al significato” invece di puntare a presentare un oggetto completo. A questo punto, gli artisti invitati alla mostra mostreranno il loro aspetto di “navigatori di immagini” nell’accesso alle opere.

La mostra è in gran parte divisa in tre argomenti secondari. Nella sala espositiva, le opere che esprimono la sinestesia sono esposte principalmente sul tema dell’anonimato della città. Sul tema dell’ecologia, problemi come i cambiamenti climatici globali sono mostrati principalmente nella sala espositiva 2. 3 La sala espositiva è composta da opere che riflettono la nostra natura mutevole a causa della rapida modernizzazione del tema della memoria della comunità. La sala dei membri è inoltre dotata di opere video per consentire ai visitatori di rilassarsi e godersi il lavoro.

Museo d’arte I-Park City di Suwon

Il Museo d’Arte I-Park di Suwon è un passaggio che incontra naturalmente il lungo tratto di città tra il Palazzo Hwaseong Haenggung, il Monte Paldal, la Porta Paldalmun e la Porta Janganmun. È progettato per sentire l’armonia tra il moderno e la natura prendendo in prestito il modello di pino basato sulla costruzione in cemento.

La caratteristica più distintiva dell’edificio è la sezione inclinata, e la mostra si distingue in base al design del concetto acromatico in cui il bianco e nero si intersecano in base allo sfondo grigio del cemento.

Trattandosi di un museo d’arte che è entrato in un luogo storico, lo scenario circostante conferisce importanza all’armonia, in modo che possa essere comodamente utilizzato come rifugio per i cittadini.

Tags: