Viaggiare con una condizione di salute mentale

Mentre viaggiare è e dovrebbe essere un’esperienza gratificante, può anche porre sfide significative alle persone con condizioni di salute mentale. Pianificare ed eseguire un viaggio è stressante per gli standard di chiunque, ma può essere schiacciante se si soffre di malattie mentali. Si stima che 1 su 4 adulti sperimenteranno problemi di salute mentale almeno una volta nella vita, ma solo perché stai attraversando un periodo difficile non significa che dovresti rinunciare a tutte le meravigliose esperienze che il viaggio può offrire. Il viaggio ha dimostrato di avere benefici positivi per il benessere emotivo e psicologico, quindi un viaggio di successo potrebbe essere proprio quello di cui hai bisogno per iniziare a sentirti di nuovo te stesso.

Quindi dedica alcuni minuti a leggere questa guida e scopri come gestire la tua situazione mentale mentre sei in viaggio. E a prescindere da quanto tu possa considerarti mentalmente sano, tutti i viaggiatori dovrebbero dare la stessa considerazione al loro benessere psicologico come lo sarebbero per la loro salute fisica prima di partire da casa.

Possibili rischi
Ci sono molti fattori che possono influenzare la vostra salute mentale o il benessere durante il viaggio, tra cui:

Routine interrotte – Molte persone con condizioni di salute mentale affrontano seguendo routine di varia severità, ma i viaggi interromperanno necessariamente queste routine. Potrebbe essere necessario adattarsi a un diverso ritmo di vita e creare una nuova routine per adattarsi all’ambiente circostante, e questo può essere difficile. La routine cambiata può farti trascurare le strategie di coping che hai escogitato per te stesso, come meditare o assumere farmaci.
Jet lag: la sensazione di non essere al passo con il mondo intorno a te perché hai cambiato fuso orario. Se il tuo orologio biologico è ancora in orario di casa, questo può gettare i tuoi schemi di sonno e rovinare il tuo stato d’animo.
Isolamento – Spesso quando viaggi, sarai separato da amici e parenti, e questo può essere particolarmente acuto per chi viaggia da solo. Potresti trovare molto più difficile fare connessioni o stringere amicizie con le persone intorno a te a causa di barriere linguistiche o culture diverse. Mentre i compagni di viaggio o la gente del posto possono essere solidali con la tua condizione, le persone che conosci possono contare su di te e assicurarsi che tu sia al sicuro e felice potrebbe essere a centinaia o migliaia di chilometri di distanza.
Ambienti non familiari – Essere in un ambiente molto diverso dai luoghi a cui sei abituato può causare ansia o disorientamento. Una varietà di fattori può contribuire a un senso di non familiarità, dall’assenza di cibi “normali”, a un clima diverso o all’essere circondati da una lingua straniera. Tali fattori possono provocare la nostalgia di casa o lo shock culturale (vedi riquadro).
Uso di droghe o alcol – Mentre essere in vacanza può sembrare una fuga dalla vita reale, ricorda che le sostanze che alterano l’umore hanno ancora effetti reali ovunque tu sia nel mondo.
Lutto – A volte, la causa della tua difficoltà attuale è anche la tua ragione per viaggiare: il viaggio funebre può essere necessario, ma spesso è molto più stressante di una vacanza tanto attesa o di un viaggio d’affari ben pianificato.

Ma non tutto è perduto! Soffrire o aver sofferto di problemi di salute mentale non dovrebbe essere un ostacolo alle esperienze di viaggio. Hai solo bisogno di essere in grado di pianificare e adattare di conseguenza, che questa guida mira a consentire di fare.

Shock
culturale Lo shock culturale è uno stress psicologico temporaneo causato da un’esposizione travolgente a una nuova cultura. Tutti possono sperimentare uno shock culturale, ma i malati di salute mentale sono particolarmente vulnerabili. In alcuni casi, lo shock culturale è inevitabile, ma imparare a riconoscerlo in te stesso è il primo passo per superarlo. I fattori che contribuiscono includono:

non parlare la lingua locale
non appartenente alla religione locale (o essere religioso in una comunità molto secolare)
non capire le abitudini locali o trovarti involontariamente a scuotere le norme comportamentali locali che
non gradiscono il tuo alloggio, cibo o lo stile di vita locale
essendo una minoranza visibile che
assiste o sperimenta negativamente atteggiamenti o discriminazioni, ad esempio razzismo, omofobia, antipatia nei confronti della tua religione o nazionalità che
testimoniano o vivono situazioni o incidenti lontani dalla tua idea di vita “normale”, ad esempio povertà visibile, bambini senzatetto, crudeltà verso gli animali, regimi oppressivi o guerra
visitando una comunità dove estranei sono pochissimi

I sintomi dello shock culturale possono includere:
un senso di insicurezza o inadeguatezza
, nostalgia di casa, isolamento o solitudine
tristezza, confusione, ansia, frustrazione o depressione

Prima che tu parta

Preparazione generale
Il primo passo per prepararsi al viaggio è semplicemente riconoscere a se stessi che potrebbe essere difficile. Questo non significa lasciarsi prendere dal panico o rimuginare su “cosa succede se”; significa semplicemente riconoscere che le cose potrebbero non andare secondo i piani e che dovresti essere adeguatamente preparato per tale eventualità; un disordine non deve diventare un problema ingestibile.
Quando pianifichi il tuo viaggio, assicurati che sia ben congegnato, con un tempo realistico dedicato alla creazione di connessioni e allo sviluppo di piani di emergenza per far fronte ai ritardi. È anche una buona idea imparare il percorso, soprattutto se vai da qualche parte per la prima volta. Quando hai familiarità con il tuo programma e sai dove ti porterà ogni tappa del tuo viaggio e quanto tempo ci vorrà, ti sentirai naturalmente più in controllo. Se soffri di ansia, sii consapevole di tutto ciò che riguarda il processo di viaggio che potrebbe farti sentire ansioso e pensare a come aggirarlo. Ad esempio, se sei un viaggiatore nervoso, potresti voler leggere il consiglio di Wikivoyage per i viaggiatori nervosi, o se pratico potresti considerare modi alternativi per raggiungere la tua destinazione senza mai dover salire su un aereo: in treno, in barca, in auto o in autobus.
Pensa al tipo di viaggio che funzionerà per te. Saresti più felice a bordo di una nave da crociera, che fornirà tutto il necessario o visitando una città, dove potrai esplorare nuovi luoghi d’interesse? Preferiresti vagare da un posto all’altro, o stare in un posto? Vuoi un’avventura urbana o un viaggio con lo zaino in spalla? Vuoi viaggiare da solo, con amici e parenti o con altre persone? Un gruppo di tour fornisce un po ‘di sicurezza e riduce il tuo impegno di pianificazione, ma dovrai essere in grado di tenere il passo con il loro programma. Viaggiare con gli amici e la famiglia può essere piacevole – o, in altri casi, un amato difficile può essere il peso extra che distrugge il tuo spirito.
Ricerca la tua destinazione molto prima di andare lì. Conosci il posto dove starai, la cultura e la lingua il più possibile. Scopri le tradizioni locali e la situazione religiosa e politica che incontrerai. E non trascurare le piccole cose. Scopri dove si trova il supermercato più vicino, se ci sono festività locali che potrebbero disturbare il tuo arrivo o la tua partenza, e dove è un ottimo posto dove mangiare se arrivi in ​​un momento insolito della giornata. E ‘una buona cosa che tu sia su Wikivoyage, eh?
Non sovradimensionarti. Non puntare per otto paesi in sette giorni, o sei cantine in quattro ore, o dieci lunghi incontri d’affari in un solo giorno. Costruisci il tuo programma in modo che non ti serva una vacanza per riposarti dal tuo viaggio.
Comunicare in anticipo i piani e le esigenze. Lascia una copia del tuo itinerario con amici o familiari e comunica loro quando e come li contatterai durante il viaggio. Se si partecipa a un gruppo di tour o ad un altro programma organizzato, inviare in anticipo alcune informazioni pratiche sulla propria condizione all’operatore. La maggior parte dei professionisti di viaggi ha esperienza con problemi comuni, come ansia e disturbi del sonno. Dite loro di cosa potreste aver bisogno: dormire forse di più o evitare zone affollate e claustrofobiche? – così come cosa fare e chi contattare in caso di una seria difficoltà.
Per quanto riguarda la lotta contro i sentimenti di disorientamento, l’età di Internet ti consente di “visitare” gran parte del mondo senza mai metter piede lì. Utilizza risorse come Google Street View per scoprire, ad esempio, il quartiere al di fuori del tuo hotel o persino visualizzare il percorso che potresti prendere dalla stazione al tuo alloggio. Gli articoli aeroportuali di Wikivoyage spiegano i modi migliori per navigare nei principali aeroporti del mondo. Tutto ciò che ti fa sentire meno perso quando arrivi per la prima volta, vale la pena farlo.
Pensa a come resterai in contatto con casa e come puoi contattare le persone in caso di problemi. Il posto in cui stai andando ha una connessione Internet? Quanto costa una telefonata a casa? La tua rete mobile ti consente di effettuare chiamate nel tuo paese di destinazione? Se il peggio arriva al peggio e hai bisogno di assistenza diplomatica, dov’è l’ambasciata, l’alta commissione o il consolato più vicino al tuo paese d’origine in relazione alla tua destinazione? C’è un’ambasciata vicina di un paese terzo che può offrirti servizi diplomatici per conto del tuo paese d’origine?

Considerazioni mediche
Scopri come accedere alle strutture mediche, compresi i servizi di salute mentale, durante il viaggio. Dove sono gli ospedali più vicini? Qual è il numero di emergenza locale? A chi ti rivolgi se ti imbatti in difficoltà? Familiarizza con il sistema di assistenza psichiatrica della tua destinazione. Potresti desiderare di trovare e entrare in contatto con un rispettabile professionista della salute mentale di lingua inglese nella destinazione prescelta prima di uscire di casa. In ogni caso, dovresti stipulare un’assicurazione di viaggio che copra specificatamente problemi di salute mentale e rimpatrio medico.
Se attualmente stai ricevendo un trattamento, pianifica una revisione con un medico (ad esempio il tuo psichiatra, consulente o medico generico). Discutere i piani di viaggio e ascoltare i loro consigli; avvisare se pensano o meno che i tuoi piani siano appropriati o consigliabili con la tua condizione. Richiedi forniture di medicinali adeguate per coprire il tuo viaggio. Potresti anche chiedere loro una lettera ufficiale scritta nella lingua della tua destinazione di viaggio, specificando eventuali diagnosi, piani di trattamento o farmaci che prendi, così come il nome e l’indirizzo del medico a casa. Tale lettera sarà di aiuto se hai bisogno di accedere a servizi medici o psichiatrici mentre sei in viaggio.
Se si dispone di una condizione medica potenzialmente grave, indipendentemente dal fatto che sia correlata alla propria situazione di salute mentale, considerare l’uso di un braccialetto di identificazione medica oltre a rimboccarsi una scheda informativa nel proprio portafoglio. Se si sente gravemente malato, lo staff medico locale sarà grato di sapere se è necessario controllare la presenza di una tiroide iperattiva o di avere un problema con il programma dei farmaci.
Se si assumono farmaci, una regola generale è di avere abbastanza per la durata del viaggio, più un valore di 1-2 settimane in caso di smarrimento, furto o ritardi imprevisti. Se hai bisogno di vaccinazioni di viaggio o di farmaci profilattici come antimalarici o antibiotici, consulta il medico se questi potrebbero interferire con la tua condizione o con i farmaci psichiatrici esistenti e, se necessario, organizzare una medicina alternativa. Se stai cambiando significativamente il fuso orario, chiedi al tuo medico se la tua pianificazione dovrebbe cambiare. Quando viaggi per un lungo periodo di tempo, dovrai ricercare trattamenti e farmaci a cui puoi accedere nella tua destinazione.
Verifica le restrizioni speciali sulla tua destinazione. I farmaci anti-abitudine sono obiettivi frequenti per le restrizioni paese per paese, e mentre la maggior parte è accettabile nella maggior parte delle destinazioni, le eccezioni a volte sorprendono le persone. Ad esempio, le anfetamine come il Ritalin e l’Adderall sono comunemente usate negli Stati Uniti, ma il possesso di questi farmaci comuni è illegale in Giappone. Se prendi farmaci per l’insonnia, l’ansia o le difficoltà di attenzione, allora è meglio controllare con la tua destinazione che le tue medicine specifiche siano a posto. Se trovi che c’è un problema, parla prima con il tuo medico di alternative.

Se trovi le informazioni di cui sopra molto da prendere, prendilo a piccoli passi! Concedi abbastanza tempo prima di uscire di casa, così puoi concentrarti sulla preparazione un passo alla volta senza sentirti sopraffatto. Potresti scrivere un programma per quando comprerai i biglietti di viaggio, quando incontrerai il tuo medico, ecc. Avere una lista di controllo per tenere traccia di ciò che hai già fatto e di ciò che è ancora lasciato fare . Soprattutto, concentrati sul compito immediato.

Entrare in
un lungo viaggio può essere stressante, ma non deve essere eccessivo, se si seguono semplici passaggi:

Contattate la vostra compagnia aerea / compagnia ferroviaria / tour operator, ecc. Prima del vostro viaggio per informarli delle vostre esigenze e scoprire se possono apportare eventuali modifiche per adattarvi.
Inizia il più presto possibile in modo da avere abbastanza tempo per rispettare la pianificazione se si verificano ritardi imprevisti.
Siate consapevoli dei cambiamenti del fuso orario e di come questo possa influenzare la vostra percezione di dove siete nel corso della giornata e per quanto tempo dovete effettuare la connessione di volo o essere in un determinato posto in tempo. Se hai bisogno di assumere farmaci, è importante mantenere il programma che seguiresti a casa. Mantenere un modello regolare di pasti e dormire nei momenti giusti può aiutarti a mantenerti a terra mentre sei in transito. Aggiungendo promemoria programmati sul tuo dispositivo mobile (ad esempio “prendi i farmaci ora”, “dormi subito”), la pressione diminuirà cercando di abbinare diversi fusi orari nella tua testa.
Bevi molta acqua ed evita di bere alcolici durante il viaggio.
Se sei nervoso in grandi folle o in spazi ristretti come quelli che ti aspetteresti di trovare in un aeroporto, in una stazione ferroviaria oa bordo di un aereo, disponi di una buona scorta di musica o podcast allineati sul tuo dispositivo mobile e impacchetta le cuffie a cancellazione di rumore.

Trasporto di farmaci
Trasportare il farmaco in contenitori chiaramente contrassegnati. Se possibile, tieni la confezione originale, comprese le etichette ufficiali della tua farmacia che mostrano che questo farmaco ti è stato rilasciato. Un mucchio di pillole infilate nel fondo di una valigia sembra molto più sospetto di una bottiglia riconoscibile con un’etichetta di prescrizione della tua farmacia. Valuta di aggiungere il tuo nome, nazionalità e numero di passaporto a tutti i contenitori.

Per un breve viaggio, porta tutti i tuoi farmaci nel bagaglio a mano. Per un lungo viaggio, portare con sé almeno una settimana di scorta nel bagaglio a mano, nel caso in cui il bagaglio registrato scompaia durante il trasporto. Dovresti avere la prescrizione appropriata e / o la lettera del medico a portata di mano (es. In una tasca con zip della giacca) se dovessi mostrarla ai servizi di sicurezza o al personale dell’aeroporto.

Sonno
La maggior parte delle condizioni di salute mentale causa disturbi del sonno. Sfortunatamente, così può viaggiare. Prova queste cose:

Pensa a quando andrai a dormire. Gli orari sono importanti e includono sia il tempo che si spera di dormire, sia il tempo prima e dopo. Pianificare una certa flessibilità. Se non riesci a dormire la notte, sarai in grado di fare un pisolino durante il giorno? Il jet lag può colpire chiunque e ci sono alcune cose, come uscire all’aperto durante le ore diurne, che contribuiranno a ridurre i sintomi.
Pensa a come andrai a dormire. Hai bisogno di una maschera per gli occhi, tappi per le orecchie, un’app che genera rumore bianco per il tuo smartphone? Ti aspetti di prendere dei farmaci per aiutarti ad addormentarti?
Pensa a dove andrai a dormire. Avrai la tua stanza o condividerai un ostello con degli sconosciuti? Un buon materasso può fare una grande differenza per alcune persone. Se sei tu, allora cerca specificamente hotel che ottengono buone recensioni per avere materassi di alta qualità.

Far fronte

Mantieni una routine
Anche se il tuo normale programma potrebbe essere impossibile o poco pratico da mantenere durante il tuo viaggio, dovresti comunque mantenere una routine regolare, che dovresti trovare il tempo di escogitare una volta arrivato a destinazione. Annotarlo se ti aiuterà a ricordare, o programmare gli elementi nel calendario del telefono e abilitare le notifiche. Avere un ritmo regolare e prevedibile dei pasti e un buon sonno / veglia ti aiuteranno a sentirti in controllo. Concediti il ​​tempo di riposare e rimanere idratato e nutrito, anche se hai un programma fitto di visite, attività o lavoro. Continua a prendere i farmaci nei tempi corretti, anche se ritieni che la tua salute mentale sia migliorata. Se pratichi a casa qualsiasi tecnica di autoterapia, ad esempio esercizio fisico, consapevolezza, yoga o diario delle emozioni, continuare a farlo quando possibile durante il viaggio, all’incirca alla stessa frequenza che normalmente si manterrà. Tutti questi elementi combinati contribuiranno a mantenere un senso di familiarità e continuità con la tua vita domestica, anche se il resto delle tue esperienze di viaggio è lontano dalla tua zona di comfort.

Evita stressanti non necessari
Prenditi il ​​tuo tempo! Anche se ci sono un milione e una cosa nella tua lista dei secchi, non dovresti semplicemente precipitarti intorno a una destinazione senza fermarti a pensare o pianificare la tua prossima mossa. Fai una lista dei luoghi che vuoi visitare o dei luoghi che vuoi vedere in particolare, e dai loro priorità. Sii ragionevole con la quantità di tempo che assegni per ogni attività e prendi le cose lentamente. Se sei in vacanza, non ha assolutamente senso renderti più stressato di quanto saresti stato se fossi rimasto a casa.

Essere circondati da nuovi panorami, suoni e odori può essere un sovraccarico sensoriale. Se a volte ti ritrovi a superare troppe nuove informazioni da elaborare, puoi radicarti dividendo le esperienze di senso. Per prima cosa chiudi gli occhi e ascolta i suoni intorno a te. Quindi concentrati sul senso del tatto, ad esempio sentendo la temperatura o il vento tra i capelli. Quindi, cerca di identificare eventuali odori che puoi raccogliere e sondare la tua bocca per eventuali gusti persistenti. Finalmente apri gli occhi e prendi la scena di fronte a te. Anche questo può essere suddiviso in blocchi, ad esempio semplicemente guardando un particolare edificio o concentrandosi su istanze di un determinato colore. Quando prendi tempo per familiarizzare con il tuo ambiente, passo dopo passo e al tuo ritmo, puoi tirarti fuori dalla tua mente e nel momento presente, mentre ti senti più connesso e più a tuo agio con ciò che ti circonda. Se questo tipo di auto-terapia fa appello, potresti voler imparare la meditazione.

L’eccessivo consumo di alcol o droghe illecite ha effetti quantificabili sul proprio umore, e gli effetti sono spesso amplificati con persone che soffrono di condizioni di salute mentale o che assumono farmaci legittimi. Certo, i viaggi possono riguardare il divertimento e la ricerca di nuove esperienze, ma se non volessi scaldare quattro vodka-tonici in una serata fuori casa, allora non farlo mentre sei in uno strano ambiente con un clima e una cultura diversi e leggi potresti non avere familiarità con.

Tieniti occupato
Se la nostalgia di casa o la cultura sono un problema, la cosa peggiore che puoi fare è passare del tempo a rimuginare da solo. L’inattività prolungata e la solitudine possono essere particolarmente dannose per chi soffre di disturbi dell’umore come la depressione, e una volta che inizi su quella strada di auto-isolamento, un umore basso e la nebbia di inerzia possono inghiottirti con una velocità spaventosa.

Quindi la cosa da fare è rimanere attivi: gettati alla scoperta dei luoghi intorno a te, incontra nuove persone, cerca nuove esperienze e dì “sì” alle opportunità. Non solo questo ti distrae da ciò che potrebbe essere un po ‘spiacevole pensieri e sentimenti, ma farà anche pompare il cuore, coinvolgere il cervello e i sensi e liberare la serotonina, il che contribuirà a innalzare il tuo umore. Certo, non puoi essere costantemente in movimento e devi dedicare del tempo al relax, ma quando hai dei tempi di inattività, assicurati di avere piani per ciò che viene dopo e, preferibilmente, sapere quando e come porterai il tempo di inattività a una fine.

Lascia la tua sistemazione ogni giorno, durante il giorno, anche se davvero non ne hai voglia. Vai fuori, respira un po ‘, osserva il panorama, dì “ciao” a qualcuno. Per una persona mentalmente sana, passare una giornata semplicemente rilassarsi nella tua camera d’albergo non è un grosso problema, ma per una persona con ansia o depressione, quel giorno può facilmente diventare una settimana, con il raffreddamento sostituito dalla catatonia.

La linea di fondo è che esagerare nel riposo può essere altrettanto brutto di stimolare eccessivamente le attività, quindi trovare un equilibrio adatto a te.

Conoscere i fattori scatenanti
Dovresti eventualmente sapere quali tipi di situazioni o eventi ti danno fastidio, scatenare pensieri o sentimenti sgraditi o altrimenti far peggiorare i sintomi nella tua vita quotidiana a casa. Quindi dovresti sapere quali situazioni evitare durante il viaggio. Ricorda che dal momento che il viaggio coinvolge nuovi ambienti ed esperienze, il tuo corpo o la tua mente potrebbero reagire in modi che non ti aspettavi. Riconoscere i primi segnali di allarme e stroncare il problema sul nascere.

Connetti
È importante mantenere il contatto con i tuoi amici e la tua famiglia a casa, doppiamente se viaggi da solo. Evitare mezzi impersonali di contatto come e-mail o testi; affidati invece a chiamate telefoniche o servizi di video messaggistica per permetterti di parlare realmente con i tuoi cari. Tali chiamate alleggeriranno la solitudine, miglioreranno il tuo stato d’animo mentre condividi le tue esperienze di viaggio con gli altri e ti permetteranno di discutere piani e problemi con persone di cui ti fidi del giudizio. Fornirai anche rassicurazione a coloro a cui tieni che stai affrontando durante i tuoi viaggi.

È sempre meglio prendere accordi per parlare in un momento specifico, tenendo presente le differenze temporali e attenersi a tale disposizione laddove possibile. Può essere confortante sapere che la persona amata aspetterà la tua chiamata ad una certa ora, ma al contrario scoraggiante se chiami casa senza previo accordo e non ottieni risposta.

Vivere all’estero
Se stai pensando di soggiornare a lungo termine all’estero – lavorando all’estero, studiando all’estero o andando in pensione all’estero – allora alcuni dei rischi descritti sopra potrebbero essere alla fine ridotti; avrai tempo per adattarti, per trovare un nuovo circolo sociale, magari per imparare una lingua locale. Tuttavia, tutti si applicano al tuo primo arrivo e alcuni potrebbero diventare più irritanti nel tempo.

Ci sono anche problemi che si presentano solo per un soggiorno di lunga durata. Se rimani qualche anno non puoi aspettarti di portare abbastanza farmaci per tutto il viaggio, o di avere visite di follow-up con il tuo medico a casa; avrete bisogno di un medico locale e una farmacia locale. In alcuni luoghi, i medici o gli ospedali locali potrebbero non essere all’altezza degli standard a casa. Un farmaco che viene utilizzato a casa non può essere approvato nel nuovo paese, o può essere un’importazione costosa. Per molte forme di terapia, i terapeuti hanno bisogno di competenze linguistiche molto sottili, quindi un terapista adatto può essere difficile da trovare in un’area in cui quasi nessuno è madrelingua della tua lingua. L’assicurazione sanitaria ha le sue complicazioni.

Per molte persone – con o senza una storia di problemi psichiatrici – ha molto senso prendere le cose lentamente. Visita una o più destinazioni potenziali, preferibilmente per almeno alcune settimane in modo da avere una sensazione reale per il posto, prima di impegnarti per diversi mesi o anni.

Molte vittime di disturbi mentali relativamente miti andranno bene all’estero. C’è una vecchia battuta che ci sono solo tre tipi di espatriati: missionari, mercenari e disadattati. La maggior parte delle comunità di espatriati include persone che sarebbero disadattate a casa, e sia gli espatriati che i locali sono spesso abbastanza tolleranti.

Le persone con malattie più gravi – e in particolare chiunque abbia mai avuto un episodio psicotico – dovrebbero essere estremamente caute nel trasferirsi all’estero. La situazione implica intrinsecamente alcuni nuovi e diversi stress, tra cui cambiamenti nei meccanismi di supporto disponibili, e se si va oltre il limite in un posto strano, ciò può essere incredibilmente spiacevole e forse piuttosto pericoloso. Detto questo, ci sono persone che vivono all’estero abbastanza felicemente con malattie mentali gravi ma ben controllate.

Mantenersi al sicuro
Gli atteggiamenti sociali e culturali nei confronti della salute mentale variano enormemente tra i paesi e, in molte parti del mondo, l’ignoranza, lo stigma e la discriminazione fanno parte della realtà quotidiana dei malati di condizioni di salute mentale. In alcuni paesi, esibire comportamenti strani o mostrare segni di disagio psicologico può essere motivo di arresto, accuse penali o incarcerazione forzata, mentre in altri casi la discriminazione sistematica contro chi soffre di salute è legale o normale. Altrove, i sintomi dei disturbi psichiatrici possono essere così poco compresi da essere percepiti in termini di soprannaturale, piuttosto che essere riconosciuti come un problema medico.

Nei luoghi in cui tali atteggiamenti sono comuni, è possibile che anche i medici e i professionisti della salute mentale condividano gli stessi pregiudizi. I servizi di salute mentale possono essere limitati o inesistenti. In altri casi, ciò che “aiuta” può essere seriamente inadeguato o superato dagli standard di casa. Ad esempio, la pratica locale può favorire l’istituzionalizzazione forzata, un trattamento discutibile basato su convinzioni antiquate o non scientifiche, o strutture pericolose o insane.

È quindi estremamente importante ricercare le leggi e la cultura pertinenti del proprio paese di destinazione e valutare se vi è un rischio irragionevole per la propria sicurezza o il proprio benessere nel caso in cui si entri in quel paese.

Quando le cose vanno male

Anche i piani migliori possono andare storto. Indipendentemente da quanto pianifichi o da quante strategie di coping adottate, a volte i problemi sono inevitabili. È la vita.

Sei in crisi?
La maggior parte dei paesi dispone di una linea telefonica riservata per le persone in difficoltà emotiva. Che si chiamino Befrienders, Samaritani o qualcos’altro, il concetto è lo stesso: tu parli, loro ascoltano. Wikipedia ha una lista di hotline per paese da consultare. Per favore non soffrire da solo.

L’importante è che tu sappia come ottenere aiuto quando ne hai bisogno. Se conosci i tuoi segnali di allarme e ritieni che la tua salute mentale si stia deteriorando, chiedi aiuto e consigli il prima possibile. Le persone che potresti trasformare in compagni di viaggio, familiari o amici a casa, o un medico locale o un professionista della salute mentale. In casi estremi, potrebbe essere necessario contattare l’ambasciata del proprio paese.

Anche se può sembrare una buona pratica affrontare i tuoi problemi da solo, e persino imbarazzante o vergognoso chiedere aiuto, in realtà non lo è. Mantenere i problemi a se stessi e tentare di gestire tutto da solo è praticamente la cosa peggiore che si possa fare e quasi garantisce che le cose andranno di male in peggio. La tua salute e sicurezza sono la tua preoccupazione numero uno e dovrebbero avere la priorità su tutto il resto.

Tags: