Thomas Jefferson Foundation a Monticello, Charlottesville, Virginia, Stati Uniti

Originally posted 2017-03-05 02:42:15.

La Thomas Jefferson Foundation, è una società privata senza scopo di lucro fondata nel 1923 per l’acquisto e la manutenzione di Monticello, la piantagione principale di Thomas Jefferson, il terzo presidente degli Stati Uniti. L’obiettivo iniziale della Fondazione era la conservazione architettonica, con l’obiettivo di ripristinare Monticello come vicino al suo aspetto originale come possibile Da allora è cresciuto fino ad includere altre attività e programmi storici e culturali come la sua celebrazione annuale della festa dell’indipendenza e la cerimonia di naturalizzazione. Pubblica inoltre e fornisce un centro di studi su Jefferson e la sua era

La Thomas Jefferson Foundation, Inc. possiede e gestisce Monticello, un sito del patrimonio mondiale che era la casa di piantagioni di Thomas Jefferson vicino a Charlottesville, Virginia. La duplice missione della Fondazione è la conservazione e l’istruzione. La sua visione generale è quella di coinvolgere un pubblico nazionale e globale in un dialogo con le idee di Jefferson

Jefferson, terzo presidente americano, filosofo, scienziato, storico e autore della Dichiarazione dell’Indipendenza, ha contribuito a stabilire le basi dell’autogoverno e della libertà individuale che conosciamo oggi nelle parole di Jefferson – la Dichiarazione e le sue oltre 19.000 lettere – e la sua architettura – tra cui Monticello e l’Università della Virginia – offrono oggi agli studiosi e ai visitatori un obiettivo per vedere gli inizi dell’America attraverso un impegno virtuale, off-site e sul sito, la Fondazione cerca di eccitare il mondo circa la rilevanza di Jefferson oggi e accendere un passione per la storia

La Fondazione fu ufficialmente lanciata all’Università della Virginia, fondata da Jefferson Nel 1924 la Fondazione aprì Monticello al grande pubblico e iniziò i lavori di riparazione e manutenzione della proprietà, che era caduta in rovina Nello stesso anno lo storico dell’architettura Fiske Kimball fu nominato Presidente del Comitato per il Restauro e avrebbe ricoperto un ruolo da protagonista nel restauro di Monticello fino alla sua morte. L’anno successivo fu istituito il Comitato Nazionale per l’Educazione per “promuovere il restauro di Monticello e diffondere gli ideali Jeffersoniani”

Negli anni immediatamente successivi al suo lancio, la Fondazione divenne attiva in varie ricerche storiche e nel 1929 elesse Thomas Edison come il primo “Ospite d’onore della nazione” in riconoscimento del suo servizio in “scienza, arte, educazione, letteratura o governo” Un anno in seguito questo riconoscimento è andato al contrammiraglio Richard E Byrd

La Fondazione ha pagato la sua prima ipoteca nel 1928 Sebbene abbia vissuto difficoltà finanziarie durante la Grande Depressione, la Fondazione è stata ufficialmente esentata dal debito nel 1940 Nel 1960 ha trasferito la sua sede da New York a Monticello, dove è rimasta Due anni più tardi la Fondazione ha lanciato il suo Celebrazione annuale della festa dell’indipendenza e cerimonia di naturalizzazione, che si tiene ancora oggi ed è considerata la “più antica cerimonia di naturalizzazione continua tenuta fuori da un’aula di tribunale negli Stati Uniti” Nel gennaio 2000 la Thomas Jefferson Memorial Foundation ha cambiato nome in Thomas Jefferson Foundation

Monticello era la principale piantagione di Thomas Jefferson, il terzo presidente degli Stati Uniti, che iniziò a progettare e costruire Monticello all’età di 26 anni dopo aver ereditato terreni da suo padre. Situata appena fuori Charlottesville, in Virginia, nella regione piemontese, la piantagione era originariamente di 5.000 acri (20 km2), con Jefferson che utilizzava gli schiavi per estese coltivazioni di tabacco e colture miste, spostandosi in seguito dalla coltivazione del tabacco al grano in risposta ai cambiamenti dei mercati. A causa del suo significato architettonico e storico, la proprietà è stata designata come monumento storico nazionale. Nel 1987 Monticello e la vicina Università della Virginia, anch’essi progettati da Jefferson, sono stati designati come patrimonio mondiale dell’UNESCO. L’attuale nichel, una moneta degli Stati Uniti, presenta una raffigurazione di Monticello sul retro.

Jefferson progettò la casa principale utilizzando i principi del design neoclassico descritti dall’architetto rinascimentale italiano Andrea Palladio e rielaborando il design attraverso gran parte della sua presidenza per includere elementi di design popolari nell’Europa del tardo XVIII secolo e integrando numerose delle sue soluzioni di design. Situato sulla cima di una vetta di 850 piedi (260 m) nelle montagne sud-occidentali a sud del Rivanna Gap, il nome Monticello deriva dall’italiano per “piccolo monte”. Lungo una corsia prominente adiacente alla casa, Mulberry Row, la piantagione arrivò ad includere numerosi annessi per funzioni specializzate, ad esempio un chiodo; quarti per schiavi domestici; giardini per i fiori, i prodotti e gli esperimenti di Jefferson nella riproduzione vegetale, insieme a campi di tabacco e colture miste. Le cabine per gli schiavi erano più lontane dalla villa.

In direzione di Jefferson, fu sepolto nel terreno, in un’area ora designata come il cimitero di Monticello. Il cimitero è di proprietà della Monticello Association, una società dei suoi discendenti attraverso Martha Wayles Skelton Jefferson. Dopo la morte di Jefferson, sua figlia Martha Jefferson Randolph vendette la proprietà. Nel 1834 fu acquistato da Uriah P. Levy, un commodoro della Marina statunitense, che ammirava Jefferson e spendeva i propri soldi per preservare la proprietà. Suo nipote Jefferson Monroe Levy rilevò la proprietà nel 1879; ha anche investito notevoli somme per ripristinarlo e preservarlo. Nel 1923, Monroe Levy la vendette alla Thomas Jefferson Foundation (TJF), che la gestisce come museo e istituto scolastico.

Gli sforzi per ripristinare Monticello iniziarono poco dopo l’acquisto della Fondazione, e nel 1924 iniziarono i lavori sui muri di sostegno della casa principale Anche le terrazze e il tetto furono riparati e la casa fu ridipinta. La Fondazione iniziò anche a restaurare i giardini di Monticello e invitò il Garden Club of America ( GCA) per dare consigli La GCA avrebbe in seguito assistito con i finanziamenti per il restauro della strada della cucina, che porta dalla casa principale a Mulberry Row

Nel 1927 il Grande Orologio di Monticello fu riparato e durante l’anno seguente la Fondazione restaurò i quartieri degli schiavi sotto la terrazza sud Negli anni seguenti la Fondazione ripristinò il più possibile la piantagione il più vicino possibile al suo stato originale. Ha comprato un terreno aggiuntivo che apparteneva precedentemente o apparteneva a Jefferson, inclusa la piantagione di Shadwell dove nacque il Presidente (acquistato nel 1963), una delle sue fattorie originali, Tufton (acquistato nel 1968) e Montalto (acquisita nel 2004). La Fondazione ora possiede circa 2.500 acri di 5.000 originali di Jefferson – Tenuta di Monticello, di cui ha messo 1.060 ettari in servitù di conservazione permanente

Nel 1987 Monticello, insieme all’Università della Virginia, furono congiuntamente iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO in riconoscimento del loro “eccezionale valore universale”. Questo indica Monticello come l’unica casa presidenziale in America nella Lista del Patrimonio Mondiale.