Il Laboratorio del Futuro, Rassegna della Biennale di Architettura di Venezia 2023

La 18. Mostra Internazionale di Architettura, dal titolo Il Laboratorio del Futuro, è stata aperta al pubblico da sabato 20 maggio a domenica 26 novembre 2023 ai Giardini e all’Arsenale e a Forte Marghera; sarà curata da Lesley Lokko e organizzata dalla Biennale di Venezia. La pre-apertura si è svolta il 18 e 19 maggio, la cerimonia di premiazione e inaugurazione si è tenuta sabato 20 maggio 2023.

Negli anni attuali l’architettura si è affermata come il campo che più di altri può e deve fornire risposte ai desideri dell’umanità. Quasi alla stregua degli studi medici nel campo della medicina, alla struttura viene chiesto di fornire soluzioni immediate ad imperativi urgenti per la sopravvivenza della terra e dei generi che la popolano. Ciò è stato dimostrato inequivocabilmente negli anni del Covid.

La Biennale di Venezia, dedicando oltre sei mesi alla più bella Mostra Internazionale di Architettura nel panorama internazionale (la 18a di quest’anno), diventerà un centro di dichiarazione globale che gestisce le questioni prevalenti con uno sguardo al futuro. Non a caso la curatrice Lesley Lokko ha intitolato la sua edizione The Laboratory of the Future.

Fino a poco tempo fa l’Esposizione si qualificava come rappresentazione del nuovo, della bellezza e del miglioramento tecnologico all’interno del know-how tecnologico della creazione. Oggi le aspettative e i doveri attribuiti a chi dipinge a tema architettonico sono estremamente eccessivi, rendendo la carriera architettonica sempre più complessa e prendendo di mira temi eccezionalmente concreti che mettono in discussione la verità che ci circonda, nonostante ciò non suggerisca di rinunciare alla ricerca estetica .

Forse è per questo che la curatrice ama definire i membri come professionisti, perché ritiene che il termine ‘architetto’ sia riduttivo. Forse è per questo che la curatrice ama definire i partecipanti come professionisti, perché trova riduttivo il termine ‘architetto’. E la parola praticanti suggerisce subito l’idea di un’azione necessaria e tangibile, senza preferire canoni collaudati o estetici.

Le più recenti Biennali di Architettura hanno fatto della consapevolezza dei temi più urgenti del mondo il loro baricentro: così l’edizione curata da Lesley Lokko si arricchisce di un nuovo e originale programma College (come hanno fatto in precedenza tutte le altre arti della Biennale). Questo è un passo importante: la Facoltà di Architettura non sarà una palestra in cui giovani donne e uomini, futuri laureati o professionisti all’inizio della loro carriera espongono progetti o opere architettoniche, sarà un vero e proprio campus, che sotto la responsabilità di la curatrice e i tutor da lei scelti aiuteranno i partecipanti e tutti noi a comprendere i compiti dell’architettura contemporanea e soprattutto come trasmetterli.

Esposizione

Il Laboratorio del Futuro è una mostra in sei parti. Comprende 89 partecipanti, oltre la metà dei quali provengono dall’Africa o dalla diaspora africana. L’equilibrio di genere è 50/50, e l’età media di tutti i Partecipanti è di 43 anni, che scende a 37 nei Progetti Speciali del Curatore, dove il più giovane ha 24 anni. Il 46% dei partecipanti considera l’istruzione una forma di pratica e, per il primo volta in assoluto, quasi la metà dei partecipanti proviene da studi individuali o individuali di cinque persone o meno. In tutte le parti del Laboratorio del Futuro, oltre il 70% delle mostre riguarda pratiche gestite da un individuo o da un team molto piccolo.

Al centro di tutti i progetti c’è il primato e la potenza di uno strumento: l’immaginazione. È impossibile costruire un mondo migliore se prima non si riesce a immaginarlo. Il Laboratorio del Futuro inizia nel Padiglione Centrale dei Giardini, dove sono riuniti 16 studi che rappresentano un distillato di forza maggiore della produzione architettonica africana e diasporica. Si passa al complesso dell’Arsenale, dove i partecipanti alla sezione Relazioni Pericolose – rappresentata anche a Forte Marghera a Mestre – si confrontano con i Progetti Speciali del Curatore, per la prima volta una categoria numerosa come le altre.

Attraverso le opere di entrambe le sedi si intrecciano giovani professionisti africani e della diaspora, i nostri Ospiti dal Futuro, il cui lavoro si confronta direttamente con i temi gemelli di questa mostra, decolonizzazione e decarbonizzazione, fornendo un’istantanea, uno sguardo sulle pratiche future e sui modi di vivere. vedere ed essere nel mondo. L’evento ha deliberatamente scelto di inquadrare i partecipanti come ‘professionisti’ – ha affermato il Curatore – e non ‘architetti’ e/o ‘urbanisti’, ‘designer’, ‘architetti del paesaggio’, ‘ingegneri’ o ‘accademici’ perché è nostra opinione che le condizioni ricche e complesse dell’Africa e di un mondo in rapida ibridazione richiedono una comprensione diversa e più ampia del termine “architetto”.

Un laboratorio del futuro deve necessariamente partire da un punto di partenza specifico, da una o più ipotesi in cerca di conferma. La Biennale si apre con il parlare delle criticità storiche, economiche, climatiche e politiche dell’Africa e per farci sapere “che molto di ciò che sta accadendo al resto del mondo è già successo a noi. Lavoriamo insieme per capire dove siamo arrivati sbagliato finora e come dobbiamo affrontare il futuro”. Si tratta di un punto di partenza che cerca di dare ascolto a quelle fasce di umanità rimaste fuori dal dibattito, e apre a una molteplicità di voci che sono state messe a tacere per così tanto tempo da colei che si considerava di diritto dominante in un contesto vitale e vitale. gara inevitabile.

La 18. Mostra Internazionale di Architettura è stata la prima a sperimentare sul campo un percorso verso il raggiungimento della carbon neutrality, al punto che la Mostra stessa è strutturata attorno ai temi della decolonizzazione e della decarbonizzazione. Il vero compito della Biennale di Venezia come istituzione, e non solo per l’Architettura. Dobbiamo partire da qui per cogliere l’opportunità che ci permetterà di alzare l’asticella nell’approccio anche a tutte le altre discipline.

Sin dal Festival Internazionale del Cinema del 2021, La Biennale di Venezia è impegnata in questo cruciale obiettivo, ottenendo già lo scorso anno la certificazione di carbon neutrality. Siamo forse la prima grande Istituzione Culturale internazionale a raggiungere questo risultato, grazie ad una meticolosa raccolta di dati sulle cause delle emissioni di CO2 generate da tutti i nostri eventi e all’adozione delle conseguenti misure.

La 18. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia si è chiusa con un totale di 285.000 biglietti venduti, a cui si sono aggiunti 14.150 visitatori intervenuti all’anteprima. Si tratta, quindi, della seconda Biennale di Architettura più frequentata della sua storia, concepita dal Curatore Lesley Lokko per essere la prima Mostra di Architettura a puntare i riflettori sull’Africa e sulla sua diaspora, su quella cultura che il Curatore ha definito “cultura fluida e invischiata”. delle persone di origine africana che oggi attraversano il globo”, sui temi della decolonizzazione e della decarbonizzazione.

Giovani e studenti hanno rappresentato il 38% del totale dei visitatori. I visitatori organizzati in gruppi venuti a vedere la Mostra hanno rappresentato il 23% del pubblico complessivo e circa il 76% erano gruppi provenienti da scuole e/o università. Questo dato denota una Mostra fortemente incentrata sulla circolazione delle idee e sulla trasmissione del sapere, che ha amplificato il fenomeno delle visite collettive da parte degli studenti delle scuole e delle università, con un record di presenze che ha triplicato il numero dei gruppi in visita rispetto all’edizione precedente.

Sono stati 2.500 i giornalisti accreditati solo nei giorni dell’anteprima, in rappresentanza della stampa italiana e internazionale, di agenzie di stampa, televisioni, radio, giornali, periodici, siti di informazione online, più altri giornalisti che si sono registrati come stampa durante l’apertura della Mostra.

Curatori

“Un laboratorio del futuro deve necessariamente partire da un preciso punto di partenza, da una o più ipotesi in cerca di conferma – ha affermato Roberto Cicutto, Presidente della Biennale di Venezia. Lokko parte dal suo continente d’origine, l’Africa, per parlare delle sue origini storiche , criticità economiche, climatiche e politiche e per far sapere a tutti noi «che gran parte di ciò che sta accadendo al resto del mondo è già accaduto a noi. Lavoriamo insieme per capire dove abbiamo sbagliato finora e come dobbiamo affrontarlo futuro”.

Si tratta di un punto di partenza che cerca di dare ascolto a quelle fasce di umanità rimaste fuori dal dibattito e apre a una molteplicità di voci che sono state messe a tacere per così tanto tempo da chi si considerava di diritto dominante in una questione vitale e ineludibile. concorso.”

Cosa significa essere “un agente di cambiamento”? La domanda ha segnato il periodo di gestazione del Laboratorio del Futuro, fungendo da controfigura e da forza vitale al tempo stesso in cui la mostra si è dispiegata nella mente, dove ora aleggia, quasi nel momento della sua nascita. Negli ultimi nove mesi, in centinaia di conversazioni, messaggi di testo, chiamate Zoom e riunioni, la questione se mostre di questa portata – sia in termini di emissioni di carbonio che di costi – siano giustificate, è emersa più e più volte. Nel maggio dello scorso anno ho più volte definito la mostra “una storia”, una narrazione che si svolge nello spazio.

Una mostra di architettura è sia un momento che un processo. Prende in prestito la struttura e il formato dalle mostre d’arte, ma si differenzia dall’arte in modi critici che spesso passano inosservati. A parte il desiderio di raccontare una storia, le questioni relative alla produzione, alle risorse e alla rappresentazione sono centrali nel modo in cui una mostra di architettura viene al mondo, ma raramente vengono riconosciute o discusse. Fin dall’inizio è stato chiaro che il gesto essenziale del Laboratorio del Futuro sarebbe stato il “cambiamento”. In quelle stesse discussioni che cercavano di giustificare l’esistenza della mostra c’erano conversazioni difficili e spesso emotive che avevano a che fare con risorse, diritti e rischi.

Per la prima volta in assoluto, i riflettori sono puntati sull’Africa e sulla diaspora africana, quella cultura fluida e invischiata di persone di origine africana che ora domina il mondo. Cosa desideriamo dire? In che modo ciò che diciamo cambierà qualcosa? E, cosa forse più importante di tutte, in che modo ciò che diciamo interagirà e infonderà ciò che dicono gli “altri”, in modo che la mostra non sia una storia singola, ma storie multiple che riflettono l’irritante, meraviglioso caleidoscopio di idee, contesti, aspirazioni, e significati che ogni voce risponde alle problematiche del proprio tempo?

Si dice spesso che la cultura sia la somma totale delle storie che ci raccontiamo, su noi stessi. Anche se è vero, ciò che manca nell’affermazione è il riconoscimento di chi sia il “noi” in questione. In architettura in particolare, la voce dominante è stata storicamente una voce singolare ed esclusiva, la cui portata e potere ignorano enormi fasce di umanità – finanziariamente, creativamente, concettualmente – come se stessimo ascoltando e parlando in una sola lingua. La “storia” dell’architettura è quindi incompleta. Non sbagliato, ma incompleto. È soprattutto in questo contesto che le mostre contano. Sono un momento unico in cui aumentare, cambiare o raccontare nuovamente una storia, il cui pubblico e il cui impatto si fanno sentire ben oltre le mura fisiche e gli spazi che la contengono. Ciò che diciamo pubblicamente è importante perché è il terreno su cui si costruisce il cambiamento, a piccoli passi così come a passi da gigante.

“Per la prima volta in assoluto, la Biennale Architettura include il Biennale College Architettura, che si svolgerà dal 25 giugno al 22 luglio 2023. Quindici tutor di fama internazionale – Samia Henni, Marina Otero, Nana Biamah-Ofosu, Thireshen Govender, Lorenzo Romito, Jacopo Galli , Philippa Tumubweinee, Ngillan Gbadebo Faal, Rahesh Ram, Guillermo Fernández-Abascal, Urtzi Grau, Samir Pandya, Alice Clancy, Sarah de Villiers e Manijeh Verghese – lavorano con cinquanta studenti, professionisti all’inizio della carriera e accademici da tutto il mondo, selezionati da Lesley Lokko attraverso un processo di Open Call durante le quattro settimane del programma didattico. Alla conclusione del bando, il 17 febbraio, sono pervenute 986 candidature.

Partecipazioni

Al centro della mostra nel Padiglione Centrale ci sono alcuni dei più significativi professionisti africani e della diaspora africana che lavorano oggi. Adjaye Associates, Cave_bureau, MASS Design Group, SOFTLAB@PSU, Kéré Architecture, Ibrahim Mahama, Koffi & Diabaté Architectes, atelier masōmī, Olalekan Jeyifous, Studio Sean Canty, Sumayya Vally e Moad Musbahi, Thandi Loewenson, Theaster Gates Studio, Urban American City (Toni Griffin), Hood Design Studio e Basis rappresentano tutti un’istantanea distillata della miriade di ruoli, modelli e campi in cui lavorano, insegnano e praticano. Quelli qui riuniti rappresentano una frazione della comunità in espansione di praticanti africani e della diaspora africana che stanno ridefinendo il termine “pratica” in modi che non avrebbero potuto essere immaginati dieci anni fa.

Per esplorare ulteriormente l’idea di una definizione di architettura in espansione, nella sezione successiva, Dangerous Liaisons, che si svolge nel complesso dell’Arsenale, i 37 professionisti hanno scelto di lavorare in modi ibridi, oltre i confini disciplinari, attraverso le aree geografiche e attraverso nuove forme di partnership. e collaborazione. Ci sono singoli professionisti (Gloria Cabral, Liam Young, Suzanne Dhaliwal, Huda Tayob, Killing Architects); studi di architettura di medie dimensioni (MMA Design Studio, Kate Otten Architects) così come studi di due o tre persone che combinano equamente insegnamento e pratica (Office 24-7 Architecture e Lemon Pebble Architects, Wolff Architects).

Esistono studi più ampi che si concentrano sulla decarbonizzazione in modi nuovi (White Arkitekter, BDR Bureau & carton123 architecten, Flores & Prats Architects e Andrés Jaque / Office for Political Innovation), così come pratiche sperimentali (Gbolade Design Studio, Studio Barnes, Le laboratoire d’architecture) il cui lavoro cerca di espandere la nostra comprensione di cosa significhi decolonizzare la conoscenza e la produzione.

Qui sono rappresentate opere provenienti da tutti i continenti (RMA Architects, Neri&Hu Design and Research Office, ZAO/standardarchitecture, Grandeza Studio, Ursula Biemann, Gloria Cabral, Paulo Tavares, Studio Barnes, orizzontale, SCAPE Landscape Architecture, Studio of Serge Attukwei Clottey, Twenty Nine Studio, Low Design Office, AMAA Collaborative Architecture, DAAR – Alessandro Petti e Sandi Hilal, David Wengrow e Eyal Weizman con Forensic Architecture e Nebelivka project) e da discipline come cinema, giornalismo investigativo, riuso adattivo, bonifica del territorio, comunità di base- pratica basata.

Per la prima volta alla Biennale Architettura, i Progetti Speciali del Curatore e i Partecipanti Speciali costituiscono una categoria numerosa, fuori concorso. Sono definiti “speciali” a causa dello stretto rapporto con il Curatore e i suoi Assistenti del Curatore, che lavorano insieme per produrre opere in categorie specifiche scelte dal Curatore per completare la Mostra. Tre di queste categorie, Mnemonico; Alimentazione, agricoltura e cambiamento climatico; e Geography and Gender guardano specificamente al complesso rapporto tra memoria e architettura (Adjaye Associates con Kiran Nadar Museum of Art, Craig McClenaghan Architecture, Looty e Studio & e Höweler + Yoon); tra cambiamento climatico, pratiche del territorio e produzione alimentare (Margarida Waco, Gloria Pavita, BothAnd Group) e tra genere, architettura e performance (Ines Weizman, J. Yolande Daniels, Gugulethu Sibonelelo Mthembu, Caroline Wanjiku Kihato, Clare Loveday e Mareli Stolp).

Un’ulteriore categoria, Ospiti dal futuro, presenta 22 professionisti emergenti del colore, il cui lavoro è diffuso in tutto il complesso dell’Arsenale e nel Padiglione Centrale, fornendo uno sguardo su chi sarà probabilmente l’architetto del futuro e dove i loro interessi, preoccupazioni e le ambizioni possono mentire. Black Females in Architecture, Dele Adeyemo, Cartografia Negra, Ibiye Camp, Courage Dzidula Kpodo con Postbox Ghana, Elementerre con Nzinga Biegueng-Mboup e Chérif Tall, Folasade Okunribido, Lauren-Loïs, Miriam Hillawi Abraham, Arinjoy Sen, Faber Futures, Tanoa Sasraku , Riff Studio, Anusha Alamgir, Guada Labs, Banga Collective, New South, Aziza Chaouni Projects, Blac Spac, MOE+ Art Architecture, Juergen Strohmayer e Glenn DeRoché sono stati selezionati per il loro lavoro innovativo su tutte le scale, in molteplici contesti, da dal “reale” all’immaginario e nel mezzo. I progetti speciali del curatore sono inoltre supportati dalla Ford Foundation e da Bloomberg Philanthropies.

Forza maggiore
16 pratiche che rappresentano un distillato di forza maggiore della produzione architettonica africana e diasporica sono state raccolte nel Padiglione Centrale ai Giardini. All’Arsenale è esposta anche un’installazione all’aperto.

relazioni pericolose
Prosegue nel complesso dell’Arsenale il Laboratorio del Futuro con i partecipanti alla sezione Le Relazioni Pericolose. Due installazioni all’aperto sono esposte anche all’Arsenale e al Forte Marghera – Mestre.

Cibo, agricoltura e cambiamenti climatici
La prima sezione dei Progetti Speciali, realizzata in collaborazione con il Curatore, approfondisce il rapporto tra cambiamento climatico, pratiche del territorio e produzione alimentare. Comprende tre progetti esposti all’Arsenale – Artiglierie.

Genere e geografia
Anche la seconda sezione dei Progetti Speciali offre uno sguardo sulle pratiche future. Questa sezione riguarda la relazione tra genere, architettura e performance. Comprende quattro progetti esposti all’Arsenale – Artiglierie.

Mnemonico
La terza sezione dei Progetti Speciali, realizzata in collaborazione con il Curatore, è incentrata sul rapporto tra memoria e architettura. Comprende quattro progetti esposti all’Arsenale – Artiglierie.

Ospiti dal futuro
La quarta sezione dei Progetti Speciali è la più ampia e presenta 14 progetti esposti all’Arsenale – Artiglierie accanto a 8 progetti al Padiglione Centrale dei Giardini, realizzati da professionisti emergenti.

Partecipazioni Speciali

Queste tre Partecipazioni Speciali si trovano all’Arsenale: il filmmaker Amos Gitaï; il primo poeta laureato dell’architettura Rhael ‘LionHeart’ Cape, l’On. FRIBA e il fotografo James Morris.

Amos Gitaï – Casa, rovine, memoria, futuro
L’installazione multimediale di Amos Gitaï rappresenta diverse etnie, lingue, tradizioni musicali e generazioni, riunite per rivelare complesse memorie del passato e la possibilità di immaginare una pacifica convivenza futura. Le installazioni raccontano la storia di una casa a Gerusalemme ovest, che abbraccia un quarto di secolo, condividendo le storie dei suoi successivi occupanti. Le storie intrecciate in questa installazione attraverso la proiezione provengono da una trilogia di Amos Gitaï documentata per oltre venticinque anni. Viene presentata in anteprima una nuova ricerca, comprese le fotografie della casa nel 2023 che mostrano come si è evoluta. Attraverso questa installazione, Amos Gitaï ritorna nel sito della casa, consentendo alla mostra non solo di raccontare la storia della Casa ma anche di diventare il luogo di un dialogo artistico tra esperienze passate e presenti che immaginano un nuovo futuro per la regione.

James Morris-Butabu
Questa serie di fotografie di James Morris, attraversate dalle Corderie, realizzate tra il 1999 e il 2000, esplora la cultura dell’architettura in mattoni della regione Sahal dell’Africa occidentale, e in particolare Mali, Niger, Nigeria, Togo, Benin, Ghana e Burkina Faso. . La parola “Sahel” in arabo significa costa o riva. Il mare che lambisce questa costa è il deserto del Sahara. Le città “portuali” di Segou, Mopti, Djenne, Gao, Agadez e Timbuktu erano a volte centri commerciali e politici di grande ricchezza e potere; Antico Ghana, imperi Mali e Bamana, dinastie Songhay, Fulani e Tukulor. Sebbene facciano parte di lunghe tradizioni e culture antiche, queste sono allo stesso tempo strutture contemporanee, che servono uno scopo attuale. Se perdessero la loro rilevanza e venissero trascurati, crollerebbero. Il mantenimento e il rifacimento del manto edilizio fa parte del ritmo della vita; c’è una partecipazione continua e attiva alla loro continua esistenza.

Mantello di Rhael ‘Lionheart’ – Quelli con le pareti per Windows
Il carnevale, come lo descrive Michail Bachtin, è il luogo in cui “la vita è soggetta solo alle proprie leggi, cioè alle leggi della propria libertà”. Quelli con i muri per Windows è una meditazione e un’esplorazione delle “leggi della libertà”. Attraverso la poesia, una forma d’arte con una propria relazione con la libertà e il controllo, l’opera indaga lo spazio della diaspora, un luogo dove dimenticare, ricordare e reinventare agiscono come dispositivi architettonici nella pianificazione urbana della psiche diasporica. Per LionHeart il carnevale è uno spazio di recupero ed emancipazione; un luogo di immobile culturale e psicologico; uno spazio dove abitare, riposare, riparare, crescere ed evolversi. Quelli con muri per finestre è un arazzo sonoro-visivo-testuale-orale che utilizza performance, ritmo e cancellazione come dispositivi strutturanti, una “chiamata alle armi” per cercatori sonori che cercano la liberazione gioiosa e redentrice di Carnival.

Partecipazioni nazionali

64 Partecipazioni Nazionali organizzano le loro mostre negli storici Padiglioni ai Giardini (27), all’Arsenale (22) e nel centro storico di Venezia (14). Il Niger partecipa per la prima volta alla Biennale Architettura; Panama partecipa per la prima volta con un proprio padiglione e ha già partecipato alle precedenti edizioni nell’ambito dell’IILA (Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana).

La Santa Sede torna alla Biennale Architettura, partecipando con un proprio Padiglione all’Isola di San Giorgio Maggiore (ha partecipato per la prima volta alla Biennale Architettura nel 2018).

Il Padiglione Italia alle Tese delle Vergini dell’Arsenale, patrocinato e promosso dalla Direzione Generale per la Creatività Contemporanea del Ministero dei Beni Culturali, è curato dal collettivo Fosbury Architecture, composto da Giacomo Ardesio, Alessandro Bonizzoni, Nicola Campri, Veronica Caprino , Claudia Mainardi. Il titolo della mostra è SPAZIALE: Tutti appartengono a tutti gli altri.

Albania – Meditazioni inattuali ovvero: Come impariamo a vivere in realtà sintetizzate
Meditazioni inattuali o: come impariamo a vivere in realtà sintetizzate utilizza l’architettura come strumento speculativo per esplorare situazioni contingenti. Si materializza sotto forma di due narrazioni che si svolgono in due spazi civici a Tirana e nel Padiglione della Biennale Architettura 2023. Il Padiglione funge sia da contenitore per esporre le possibili narrazioni, sia da contenuto stesso. La mostra mostra la precaria distinzione tra finzione e realtà, mette in discussione il ruolo dell’architetto nella società post-contemporanea, amplifica l’esperienza umana attraverso la tecnologia e, soprattutto, consente all’homo ludens che è in noi di prendere il sopravvento. Il lavoro esposto funge da strumento di indagine e può essere interpretato in tre diverse forme: — In primo luogo, propone una nuova tipologia della città. — In secondo luogo, accentua il doppio virtuale architettonico. – E in terzo luogo, manifesta un paesaggio antropico.

Argentina – Il futuro dell’acqua
All’interno del Laboratorio del Futuro a Venezia, il Padiglione Argentino studia il Futuro dell’Acqua. La mostra presenta le molteplici sfaccettature e scale dell’acqua in tutto il paese. La mostra presenta le molteplici sfaccettature e scale dell’acqua in tutto il paese. Entrando nel Padiglione ci accorgiamo che un fluido azzurro ha allagato la parte inferiore del padiglione, mentre la parte superiore è rimasta intatta. Questo ‘fluido’ non è un liquido letterale, ma un unico colore che lo ricopre tutto fino ad un livello perfettamente orizzontale di 70 cm di altezza. Sopra questo liquido immateriale, una serie di piani bianchi di luce sono disposti in modo impreciso e contengono la mostra. I criteri curatoriali sono strutturati attraverso un glossario dell’acqua che comprende tutte le scale dell’acqua. Sono disposte immagini che risuonano con ciascun termine del glossario sui piani luminosi. Emergono nuove relazioni tra acqua, territorio, città e una selezione della recente architettura argentina.

Australia: Queenstown inquietante
l’inquietante Queenstown esplora e partecipa alla messa in discussione e alla rivisitazione dell’eredità coloniale australiana alla fine della seconda era elisabettiana. Intrecciandosi tra Queenstown reali e immaginarie, la mostra comprende un frammento spettrale di architettura coloniale, suoni e immagini coinvolgenti e rappresentazioni del paese “smappate” dai suoi modelli coloniali. Le tattiche pertinenti raccolte dalla pratica attuale offrono un archivio aperto di idee per il Laboratorio del futuro di Venezia. Indossando lenti di narrativa e temporalità, questa mostra indaga la relazione tra operazioni di decostruzione e ricostruzione per narrare passati nascosti e ipotizzare futuri alternativi.

Austria – Partecipazione / Partecipazione
La “Partecipazione” era una delle richieste fondamentali degli anni ’70 per una Biennale “aperta e democratica”, così come il lavoro sul posto nel contesto della città. Partecipazione / Beteiligung trasferisce questi due approcci alla realtà contemporanea del centro storico di Venezia. Il collettivo di architettura viennese AKT e l’architetto Hermann Czech spostano la separazione tra la Biennale e la città nel padiglione austriaco. Parte dell’edificio era collegata al sestiere adiacente e liberamente accessibile ai veneziani. Qualora l’apertura alla città fallisse a causa della resistenza della Biennale e/o delle istituzioni coinvolte, questo fallimento diventava il contenuto della mostra.

Bahrein – Risorse sudate
La mostra esplora le condizioni climatiche uniche di caldo e umidità estremi, insieme agli attuali requisiti di comfort. Immaginata come una mostra di microambienti, la ricerca esamina le offerte infrastrutturali trascurate. La mostra attraversa scale diverse, da quella domestica a quella industriale, identificando i punti deboli dei sistemi di raffreddamento in relazione a un’ecologia più ampia. Il lavoro indaga le pratiche idriche storiche, presenti e potenzialmente future in Bahrein.

Belgio – In diretta
Come possiamo ripensare l’architettura in un mondo di risorse limitate? È urgente ripensare la produzione stessa, che ancora troppo spesso viene considerata nel contesto di una politica estrattivista. È urgente anche inventare nuovi modi di vivere. Proponiamo di sperimentare alternative invidiabili per i nostri territori e le nostre città, alternative che sarebbero forgiate con e dai viventi. Proponiamo un’alleanza con i funghi, che possono costituire un materiale altamente disponibile, sostenibile e rinnovabile. Il Padiglione In Vivo offre un tempo e uno spazio per il pensiero critico, soprattutto perché sono state discusse questioni di responsabilità, di presa in considerazione degli altri esseri e di giustizia in relazione all’abitare e al costruire. Ma la sua forza è stata soprattutto rappresentata da proposte concrete e creative per un futuro dell’abitare invidiabile.

Brasile – Terra [Terra]
La Terra è un motivo fondante nelle narrazioni della formazione del Brasile. Le rappresentazioni dell’identità nazionale erano storicamente strutturate da visioni idealizzate e razzializzate della natura di frontiera e tropicale che subalternavano le popolazioni indigene e nere. La Terra è anche un motivo fondante nelle filosofie e negli immaginari delle popolazioni indigene e afro-brasiliane che costituiscono la maggioranza della matrice culturale locale. Ma qui la terra appare in una forma diversa, disegnando territori ancestrali e diasporici che si riferiscono a geografie artistiche e architettoniche più profondamente e oltre il Brasile. Indicano un altro senso della terra e altri immaginari del Brasile e del pianeta, sia come passato che come futuro, come eredità e progetto, come riparazione e progettazione.

Bulgaria – L’istruzione è il movimento dall’oscurità alla luce
La Bulgaria sta vivendo il declino demografico più rapido su scala globale. Man mano che la popolazione diminuisce, ci sono sempre meno bambini a riempire le scuole. Ogni anno decine di scuole chiudono i battenti. Alcuni edifici sono stati ristrutturati e sono tornati ad essere utilizzati come abitazioni o come alberghi. La maggior parte di loro sono abbandonati. La mostra si concentra sulle tracce dell’esistenza, dello spopolamento e delle scuole abbandonate della Bulgaria. È un’esplorazione di un futuro diverso, segnato dal declino urbano e dalla fuga dalle campagne. Basato sul lavoro del fotografo Alexander Dumarey, il padiglione diventa una piattaforma di dibattito e speculazione per il futuro. Come affrontiamo le regioni in contrazione? Come affrontare la conservazione? Come adattarsi al cambiamento?

Canada – Non in vendita!!
c\a\n\a\d\a è nel mezzo di una grave crisi immobiliare. I suoi sintomi includono una diffusa inaccessibilità, la carenza di alloggi, la precarietà degli alloggi e la mancanza di una casa. Non in vendita!! è una campagna di dieci rivendicazioni, ciascuna con un progetto architettonico attivista associato, per porre fine all’alienazione abitativa. Il Padiglione Canada è il quartier generale della campagna e mette in contatto architetti, sostenitori e attivisti all’interno del crescente movimento per l’accessibilità e la convenienza abitativa. Architects Against Housing Alienation sta mobilitando i canadesi per chiedere alloggi che diano potere a tutti a livello sociale, ecologico e creativo.

Cile – Ecologie in movimento
Nel Parco Quinta Normal di Santiago del Cile, architettura e scienza ci hanno permesso di immaginare il futuro di un paese che entrava nella modernità nel XIX secolo. Oggi le sfide non riguardano il progresso e la produzione, ma piuttosto la riparazione ecologica e il ripristino delle città e dei paesaggi. Un futuro progettato e piantato, costruito e coltivato, fatto di architettura e semi, città ed ecologie. Dalle scienze e dall’architettura del paesaggio, dalle specie che viaggiano in ecologie in movimento, riparando i danni che abbiamo causato, lavorando sulle rovine di uno stile di vita capitalista. L’obiettivo di questa mostra è immaginare questo inventario: la raccolta e il gabinetto delle specie che preparano per quei mondi a venire.

Cina – Rinnovamento: una narrazione simbiotica
Negli ultimi quarant’anni, gli architetti cinesi hanno intrapreso una vasta gamma di esperimenti di rinnovamento urbano e rurale, esplorando un mondo simbiotico in cui persone diverse possono comunicare, condividere e coesistere meglio, dove le città e le persone sono interdipendenti e dove più spazio è previsto per la natura. Il tema della mostra racconta gli esperimenti cinesi nel modellare la vivibilità in ambienti ad alta densità. Attraverso questa narrativa cinese unica, cerchiamo discorsi liberi sulle trasformazioni recenti ed emergenti nell’ambiente costruito: dove stiamo andando e cosa è in gioco? Le conclusioni si trovano nell’enigma architettonico della densità? la città futura sarà caratterizzata da torri moderniste, cortili tradizionali o da una simbiosi tra i due? Oppure si possono realizzare altre possibilità attraverso la tecnologia VR e l’energia pulita e rinnovabile? I visitatori sono incoraggiati a trovare le proprie risposte “guardando”, “spiegando”, “contemplando” e “passeggiando” nel Padiglione Cinese.

Croazia: come sempre
Il Padiglione croato è un inno agli ambienti di coesistenza tra natura selvaggia e addomesticata, naturale e fabbricato, inanimato e vivente. Ha origine nelle zone umide della Lonja, dove ambienti dinamici si sono evoluti attraverso secoli di simbiosi tra un paesaggio in continua evoluzione e le comunità che ad esso si sono adattate. Le zone umide vengono prese come campione di laboratorio, una lezione per il futuro, indirizzando verso la reciprocità tra ciò che proviene dalla natura e dalla cultura. Il Padiglione comprende un’installazione spaziale che fa parte del bestiarium di osservatori costruiti e non costruiti nelle zone umide, mentre la rete del padiglione comprende workshop e dibattiti che mettono alla prova temi e azioni future nella formazione degli architetti.

Cipro – Da Khirokitia a Marte
Come possiamo affrontare la prima comunità della Khirokitia neolitica aceramica di Cipro e usarla come trampolino di lancio per affrontare questioni di sostenibilità sociale all’interno di un contesto umanistico e culturale, impostato su una piattaforma verso un ambiente di nuova costruzione creato su Marte? Operando partendo dalla premessa che la sostenibilità sociale può essere raggiunta attraverso mezzi di collaborazione e consapevolezza comune, la mostra mira ad attivare gli spazi in modo tridimensionale e temporale al fine di indurre valori di partecipazione sociale ed egualitaria. I Khirokitiani erano curiosi e persistenti, come lo siamo oggi nell’esplorare il pianeta Marte. La nostra proposta ti porta attraverso la materia, il tempo e lo spazio.

Repubblica ceca – L’Ufficio per un futuro non precario
Gli architetti vengono educati nello spirito della vocazione della professione, l’impulso a trasformare il mondo attraverso un unico atto di genio creativo. Ma come possiamo cambiare il mondo se non siamo in grado di garantire a noi stessi condizioni di lavoro dignitose? The Office for a Non-Precarious Future è un progetto espositivo che metaforicamente assume la forma di una Fabbrica e di un Laboratorio. La Factory, in quanto ambiente distopico, riflette lo status quo negativo della professione. Il Laboratorio fornisce analisi critiche, strumenti ed esempi di migliori pratiche. Essendo uno spazio work-in-progress per i visitatori della mostra e dieci residenti, offre cooperazione, conversazione e speculazione sul futuro non precario della professione di architettura.

Danimarca – Immaginari costieri
Coastal Imaginaries è una mostra di soluzioni progettuali basate sulla natura in un’epoca di distruzione ambientale causata dall’uomo, nonché un campo di formazione per immaginari ecologici emergenti che affrontano l’attuale crisi del paesaggio costiero. La mostra offre un catalogo di proposte per un futuro costiero fondato su sette principi basati sulla natura, affrontando la prospettiva delle emergenze legate alle inondazioni e alle mareggiate. Oltre ad essere meccanismi di resilienza, queste strategie possono fungere da pozzi di CO2, paesaggi alimentari, banche materiali e spazi per la ricreazione umana e l’abitazione più che umana. Offrendo un modo per (ri)sincronizzarsi con la natura, il settetto di principi apre un nuovo incanto con le ecologie naturali attraverso il cambiamento delle pratiche all’interno della professione architettonica.

Egitto – NiLab – Il Nilo come laboratorio
NiLab è un laboratorio per comprendere e sviluppare idee e progetti per il fiume Nilo, uno spazio per esplorare il tema dell’acqua. L’Università Ain-Shams del Cairo e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, curatrici del Padiglione, insieme ad altre ventiquattro università internazionali, lavorano alla realizzazione del laboratorio, attraverso progetti che si concentrano su sei sezioni del paesaggio – Natura, Agricoltura, Urbe , Infrastrutture, Industria, Archeologia – in un confronto internazionale tra Egitto, Africa e mondo. Il Padiglione è concepito come una dimensione spazio-temporale in cui il visitatore sperimenta il paesaggio del Nilo come una parte inclusiva insieme all’acqua, alla natura e alla storia.

Estonia – Fase in casa
Home Stage, la mostra estone alla Biennale Architettura 2023, esplora la contraddizione tra uso e valore di scambio dello spazio abitativo. Una serie di artisti estoni trascorrono un mese, individualmente, in un appartamento in affitto a Venezia che diventa sia una casa che un palcoscenico. La vita quotidiana, vissuta e rappresentata in duetto con l’appartamento attraverso un ciclo di attività scritte e non, si svolge davanti e tra i visitatori della Biennale Architettura. Venire!

Finlandia – Huussi – Immaginare il futuro della storia dei servizi igienico-sanitari
La mostra rivaluta criticamente le infrastrutture igienico-sanitarie nel contesto della carenza globale di acqua dolce che è diventata una realtà in Europa. Le infrastrutture sanitarie sono legate anche alla possibilità di ripristinare il ciclo dei nutrienti nella produzione alimentare. Come soluzione a bassa densità, la mostra presenta una toilette a secco contemporanea, la huussi, che è ancora una tipica soluzione igienico-sanitaria in località remote e cottage estivi in ​​Finlandia. Mettendo in discussione la posizione finora indiscutibile dell’attuale sistema igienico-sanitario basato sull’acqua, la mostra mira a ispirare gli architetti a iniziare a cercare soluzioni alternative, anche su scala urbana, per servire meglio il mondo in cui viviamo oggi.

Francia – Teatro da ballo
The Ball Theatre è un’installazione pensata per risvegliare il nostro desiderio di utopia. La sua forma emisferica suscita molteplici immagini. Può essere interpretato sia come un mappamondo terrestre che come una sfera a specchio, icona kitsch di un’epoca in cui era ancora possibile fare festa. Quest’aura di partito suggerisce un nuovo approccio alle crisi odierne, in cui l’enfasi non è più sull’emergenza, ma sulla possibilità di futuri alternativi. Ciò si realizza in teatro, per tutta la durata della Biennale Architettura 2023, attraverso un’alternanza tra momenti di contemplazione e immersione in un paesaggio sonoro in cui echeggiano voci straniere e lontane, e periodi di intensa frequentazione sotto forma di variazioni sul tema del ‘pallo’, un gioco di laboratori-residenze tra artisti, ricercatori e studenti.

Georgia – gennaio, febbraio, marzo
Gennaio, febbraio e marzo si concentrano simbolicamente sui bacini idrici, sulla loro creazione e sul loro impatto nell’era delle rapide trasformazioni politiche e dei cambiamenti climatici. Quanto è temporanea la nostra impronta sull’ambiente? Quando parliamo di flussi di energia, migrazione, tempo e deflusso del paesaggio stesso, di quali flussi parliamo? Possiamo considerare l’acqua come una determinante dell’ordine? In che misura lo sviluppo politico-spaziale dell’uomo può portare cambiamenti nella natura e nella società e viceversa? Quali forme fisiche e concettuali svaniscono o rimangono con tali trasformazioni? Le creazioni naturali – la loro memoria, la storia e i manufatti – significano la loro vita passata e, soprattutto, considerando sia il contesto globale che quello locale, qual è il loro futuro?

Germania – Aperto per manutenzione – Aperto per ristrutturazione
La nostra installazione è dedicata a questioni di cura, riparazione e manutenzione. Realizzato interamente utilizzando i materiali di scarto della Biennale Arte 2022, che ha lasciato dietro di sé centinaia di tonnellate di rifiuti, il padiglione è diventato un’infrastruttura produttiva, promuovendo principi di riutilizzo e costruzione circolare insieme alla responsabilità sociale dell’architettura. Occupando il padiglione tedesco attraverso una serie di lavori di manutenzione, il contributo rende visibili i processi di lavoro di cura spaziale e sociale tipicamente nascosti agli occhi del pubblico. Il progetto dimostra che la sostenibilità ecologica è indissolubilmente legata alla questione sociale.

Granducato di Lussemburgo – Con i piedi per terra
Down to Earth analizza criticamente il progetto di estrazione spaziale attraverso la prospettiva delle risorse. Trasformando lo spazio del padiglione stesso in un laboratorio lunare, un palcoscenico dove avviene la performance dell’estrazione, la mostra si concentra sullo svelamento dei retroscena del progetto di estrazione spaziale, offrendo un altro modo di vedere la Luna che va oltre l’attuale ottica dell’Antropocene.

Gran Bretagna – Ballando davanti alla luna
La nostra installazione è dedicata a questioni di cura, riparazione e manutenzione. Realizzato interamente utilizzando i materiali di scarto della Biennale Arte 2022, che ha lasciato dietro di sé centinaia di tonnellate di rifiuti, il Padiglione è diventato un’infrastruttura produttiva, promuovendo principi di riutilizzo e costruzione circolare insieme alla responsabilità sociale dell’architettura. Occupando il Padiglione Tedesco attraverso una serie di lavori di manutenzione, il contributo rende visibili i processi di lavoro di cura spaziale e sociale tipicamente nascosti agli occhi del pubblico. Il progetto dimostra che la sostenibilità ecologica è indissolubilmente legata alla questione sociale.

Grecia – Corsi d’acqua
Il territorio ellenico è stato geofisicamente modellato, almeno a partire dal X secolo, in larga misura da una serie di interventi antropici catastrofici o creativi, come il pascolo eccessivo e la desertificazione. Dopo la fondazione del moderno Stato greco, e con grande intensità dopo il 1950, i bacini idrici, nonché i progetti di drenaggio, irrigazione, approvvigionamento idrico e idroelettrico costituiscono un sistema di supporto per la produzione agricola e tutti i tipi di attività umana. È una trasformazione del territorio in cui viene inventata, costruita e resa operativa una nuova mappa idrogeologica del paese. Bodies of Water affronta questo costrutto geologico in evoluzione, indagando e presentando la problematica presenza di questi corpi e le loro opere tecniche come laboratorio del futuro.

Grenada – Camminando sull’acqua
Nella storia stessa di questa piccola isola caraibica, l’attività di costruzione di imbarcazioni affonda le sue radici nella confluenza di saperi e memorie di origini diverse, dalle popolazioni indigene, i Kalinago, dalla Scozia, dall’Africa, dalla creolizzazione di molti, tramandati ridotto e migliorato nelle unità di lavoro collaborativo come i workshop. Immaginare, progettare, costruire e varare una barca è anche lavoro ‘architettonico’, inteso come capacità di trasformare visioni, progetti ed esempi nati dalle conoscenze e dalle competenze delle generazioni precedenti in oggetti nuovi, solidi e reali, capaci di affrontare le profondità e le incertezze del mare. Una ‘Crew’ presenta insieme questa vivace performance attraverso installazioni e brevi video.

Santa Sede – Amicizia Sociale: incontro in giardino
“Prenderci cura del pianeta come facciamo di noi stessi e celebrare la cultura dell’incontro.” Le encicliche di Papa Francesco Laudato si’ e Fratelli tutti sono l’ispirazione della mostra, curata da Roberto Cremascoli, che guida i visitatori attraverso la galleria e il giardino dell’Abbazia benedettina di San Giorgio Maggiore. Amicizia Sociale: Incontro nell’Orto è il risultato di una collaborazione tra il Dicastero per la Cultura e l’Istruzione e Benedicti Claustra Onlus. Si comincia con O Encontro, installazione progettata da Álvaro Siza. Quest’area è stata trasformata in orto e luogo di aggregazione dallo Studio Albori, che ha progettato anche la limonaia, il pollaio, il magazzino delle sementi e gli ombrelloni.

Ungheria – Reziduum – La frequenza dell’architettura
Il punto focale del nostro progetto è il nuovo Museo Etnografico di Budapest progettato da Marcel Ferencz (Napur Architect). È stato completato nel 2022 come parte del Progetto Liget Budapest, uno dei più grandi programmi di sviluppo urbano d’Europa ricco di contenuti culturali. L’architetto abbellì la facciata con trascrizioni contemporanee dei motivi ornamentali utilizzati dalle diverse tradizioni e culture esposte e conservate nel museo. La mostra presenta il nuovo edificio, i suoi ornamenti e la collezione del museo e contempla il culmine di questi elementi osservando la relazione artistica complessiva che collega questo pezzo di architettura con la musica e la luce.

Irlanda – Alla ricerca di Hy-Brasil
Il tempo dell’espansione, dell’estrazione e dello sfruttamento senza fine è passato. Per sfuggire alla gravità del familiare, a queste modalità di vita ormai ridondanti, dobbiamo decolonizzare le nostre menti e configurare nuovi modi di concettualizzare e abitare il mondo. Il padiglione nazionale dell’Irlanda alla Biennale Architettura 2023 pone le diverse comunità, culture ed esperienze delle nostre isole proprio al centro del discorso che circonda il nostro futuro condiviso. In prima linea nella nostra immaginazione. L’installazione offre un’esperienza immersiva che si sposta tra il locale e il territoriale, il micro e il macro, per rendere esplicita l’intelligenza implicita di questi luoghi straordinari.

Israele – Nuvola-terra
La mostra esplora la natura materiale del cloud tecnologico e delle moderne reti di comunicazione attraverso il caso unico di Israele e dei suoi dintorni. Esaminando i rapidi cambiamenti subiti da queste infrastrutture informative, la mostra evidenzia i processi economici e geopolitici attualmente in corso in Israele e nella regione, e il ruolo dell’architettura in questi. Concentrandosi sul passaggio dal suono alla luce, si estende in tutto il padiglione come un’installazione immersiva, esaminando la transizione dalla comunicazione analogica a quella digitale e dagli edifici accessibili nei centri urbani alle strutture sigillate in luoghi periferici: l’hardware della Quarta Rivoluzione Industriale.

Italia – Spaziale: Tutti appartengono a tutti gli altri
Come ogni evento effimero di questa portata, una mostra è per sua stessa natura un processo che dissipa grandi quantità di energie, materie prime e risorse economiche. Se da un lato ciò è evidentemente necessario per celebrare momenti di confronto e contaminazione, dall’altro è altrettanto fondamentale ripensarne drasticamente gli orizzonti. Con l’obiettivo di trasformare il consumo in investimento e la fine in inizio, SPAZIALE prevede un triplice approccio: SPAZIALE presenta, un osservatorio su nove azioni site specific realizzate in tutta Italia e promosso grazie al sostegno della Direzione Generale per la Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura; SPAZIALE. Tutti appartengono a tutti gli altri, che nell’ambito del Padiglione Italia, incarna la sintesi formale e teorica di processi innescati altrove; e, infine, la stessa piattaforma SPAZIALE, che sarà lanciata dopo l’inaugurazione come laboratorio incrementale in un orizzonte temporale ampliato.

Giappone – L’architettura, un luogo da amare, quando l’architettura è vista come una creatura vivente
Anche dopo la pandemia, quando l’importanza della convivenza viene riconsiderata, sviluppi senza volto continuano a sopraffare la città. In un mondo simile, abbiamo motivo di credere che oggi l’architettura sia amata? L’architettura, un luogo da amare, è possibile quando l’architettura racchiude le sue memorie e le sue storie incise e incarna lo scenario e le attività che si sono svolte, conferendo all’architettura un significato più ampio. È anche possibile percepire l’architettura come una creatura vivente, piuttosto che un’entità separata dalla natura. I membri del nostro team hanno molte specialità diverse: tessile, ceramica, fotografia, design, editing e architettura. Attraverso il padiglione giapponese creiamo un’esperienza spaziale che invita i visitatori a pensare all’architettura come a un luogo da amare.

Repubblica di Corea – 2086: Insieme come?
2086: Insieme come? è una mostra che immagina una futura rivoluzione ecoculturale attraverso la valutazione critica della nostra eredità antropocentrica. Al centro c’è un gioco che invita il pubblico a fare delle scelte riguardo alle crisi ambientali. Le loro scelte vengono visualizzate su un tabellone segnapunti e misurate per mostrare il controllo da parte dei giocatori della nostra ideologia faustiana del progresso e del materialismo, che ci sta portando all’estinzione. Inizia dalla collaborazione di ricerca e progettazione tra architetti e leader di comunità in tre piccole comunità della Corea del Sud, uno spaccato di urbanizzazione, modernizzazione e globalizzazione. La mostra utilizza le crisi ambientali per visualizzare una migliore ecocultura nel nostro futuro.

Kosovo – località trascendente rks²
La migrazione ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo sociale del Kosovo fino ai giorni nostri. Durante la tesa situazione politica dalla fine degli anni ‘80 alla fine degli anni ‘90, centinaia di migliaia di persone cercarono rifugio e protezione all’estero, dove spesso rimasero per decenni. La località percepita di questo gruppo migratorio è il punto di partenza per un concetto filosofico-spaziale: località trascendente, che implica il processo di attraversamento di un confine che separa due sfere diverse. Il non poter ritornare in patria per un periodo indefinito ha rappresentato una cesura profonda nella vita degli immigrati, lasciandoli in uno stato intermedio di sospensione. I confini tra l’essere immanente nell’adesso e l’essere trascendente nella mente si confondono: l’individuo migrato si trova in una località trascendente.

Kuwait – Ripensare Ripensare il Kuwait
La città murata del Kuwait, un tempo sede di numerosi aspetti della vita civile kuwaitiana, è stata in gran parte sradicata per far posto alla modernizzazione. Grandi strade oggi attraversano la sua storia, suddividendo il tessuto cittadino in lotti frammentati, con resti del passato sparsi nel mezzo. Come possiamo ripensare la pianificazione urbana sulla base dei bisogni umani fondamentali di trasporto, pedonabilità e accessibilità piuttosto che su modelli di sviluppo urbano orientati al capitalismo? L’interconnettività del tessuto storico della città viene rivisitata attraverso varie scale di interventi urbani, dando vita a una nuova rete di connettività che forma molteplici modalità di trasporto culminanti nella scala umana.

Lettonia – T/C Lettonia (TCL)
La connessione tra La Biennale (come ‘supermercato’) e i Padiglioni Nazionali (come ‘prodotti’) è un’analogia che il Padiglione Lettone esplora. Trova tutto per i tuoi desideri, visioni ed esigenze nell’idea shop di TC Latvija, uno spazio dove tutte le idee si incontrano e trovano posto sullo stesso scaffale. Benvenuti negli orizzonti infiniti degli scaffali della spesa. Non sono i prodotti ad essere importanti, ciò che conta sono le tue decisioni. Una quantità enorme di idee può essere estenuante, ma cosa accadrebbe se il processo decisionale potesse essere divertente? Gli autori chiedono che una parte di questo processo venga spostata all’Arsenale, sottolineando che La Biennale stessa è il Laboratorio del Futuro.

Lituania – Padiglione Foresta dei Bambini
Le foreste sono spazi architettonici e infrastrutturali: ambienti di sistemi naturali governati, sfruttati e regolati da interventi umani, tecnologie, industrie, istituzioni e agenzie, ma anche luoghi di depauperamento della biodiversità. L’installazione è composta come un paesaggio di gioco e concepita per riconoscere gli approcci unici dei bambini nell’osservare, trarre conclusioni, spiegare la foresta e richiedere azione nel formarla. Il Padiglione raccoglie opere e scoperte sviluppate parallelamente alle attività all’aperto svolte con i bambini. Educatori ambientali, attivisti, artisti, architetti e forestali hanno introdotto le foreste come spazi negoziati in cui nessun singolo attore ha un interesse centrale.

Messico – Infrastruttura utopica: il campo da basket campesino
Il Padiglione messicano è uno spazio immersivo basato su un frammento in scala 1:1 del modello ampliato del campo da basket contadino, un’infrastruttura che è stata riproposta come spazio per processi di decolonizzazione polivalenti e plurivalenti nelle comunità indigene del Messico. Il nostro caso di studio su questi campi da basket funziona come un laboratorio per indagare gli adattamenti e le trasformazioni che hanno permesso a questi spazi di trascendere il loro scopo originario e di diventare invece punti focali per la costruzione di processi politici, sociali e culturali. Il campo da basket contadino, riproposto, è molto più della decostruzione di un impianto sportivo occidentale: è l’unità fondamentale di costruzione su cui le utopie indigene costruiscono culture di resistenza.

Montenegro – Miraggi del futuro (MNE)
Il tema della presentazione del Montenegro alla Biennale Architettura 2023 è incentrato sulla ricchezza di risorse naturali, patrimonio e persone il cui talento ha creato artefatti del passato di valore permanente. L’intenzione è quella di creare un’atmosfera e un’esperienza interattive che riportino l’architettura e i concetti nel contesto dei valori del patrimonio e, come tali, nel prossimo futuro possano aprire gli argomenti più preziosi nella (ri)modellatura del paesaggio del futuro e , soprattutto, aprire e instaurare un dialogo creativo e libero tra i più dotati e i più responsabili nella creazione di Nuovi Paradigmi Armonizzati.

Paesi Bassi: Sistema idraulico
L’architettura può essere vista come un’articolazione di sistemi – economici, sociali, politici – che modellano l’ambiente costruito e organizzano e regolano i flussi di persone, attività, risorse ed ecologie. Spesso basati sull’estrazione e sullo sfruttamento, questi sistemi sembrano così profondamente radicati da sembrare immutabili. Ma per procedere verso un futuro più sostenibile, rigenerativo e giusto, molti di questi sistemi devono essere ripensati. Il padiglione olandese mira a mostrare come le alternative potrebbero funzionare su scala macro tentando allo stesso tempo di attuare (e testare) cambiamenti reali a livello micro, offrendo un luogo in cui il pensiero globale e l’azione locale possono incontrarsi.

Niger – Archivi
Il progetto del padiglione nigerino è sostanzialmente la mescolanza di culture diverse: quella africana e quella occidentale che danno vita ad un ‘laboratorio’ culturale dove l’una è al servizio dell’altro creandone una diversa, a cui abbiamo dato il nome di Archifusion (Fusione in Architettura). Archifusion sviluppa il concetto di collaborazione nel senso più ampio di ‘officina/laboratorio’ esteso, dove il concetto base diventa collaborazione basata su uno scambio di esperienze comuni che genera conoscenza per tutte le parti coinvolte nel progetto. Questa crescita è centrale in un’epoca come la nostra in cui la conoscenza, divenuta una risorsa “capitale”, è vista nel mondo come proprietà intellettuale e quindi esclusiva anziché “inclusiva”.

Paesi nordici (Svezia, Norvegia, Finlandia) – Girjegumpi: The Sámi Architecture Library
Girjegumpi è una spazializzazione di conversazioni e ricerche avviate da Joar Nango nel corso di due decenni di pratica all’intersezione tra architettura e arte. Essendo una biblioteca collettiva itinerante, il progetto si è evoluto e ampliato man mano che viaggiava. Ovunque si fermi comporta numerose collaborazioni con architetti, artisti e artigiani. Centrale nel progetto è l’archivio che contiene e condivide: dai titoli rari ai libri contemporanei, la collezione di oltre cinquecento edizioni abbraccia argomenti come l’architettura e il design Sámi, la conoscenza edilizia tradizionale e ancestrale, l’attivismo e la decolonialità.

Macedonia del Nord – Storie della Scuola Estiva di Architettura nel Monastero di San Joakim Osogovski 1992-2017
La Summer School of Architecture presso la Facoltà di Architettura dell’Università dei Santi Cirillo e Metodio è stata aperta dal 1992 al 2017 all’interno dei confini del Monastero di San Joakim Osogovski. Il monastero è situato ai piedi dei Monti Osogovo, divisi rispetto alle ondulazioni del terreno, formando una sorta di nodo aperto ai flussi del territorio circostante. La Scuola ha operato in un periodo di significativi sconvolgimenti geopolitici. Nonostante queste interruzioni, ha riunito persone provenienti da varie parti del mondo, favorendo la collaborazione, la creazione e le discussioni su diversi concetti, metodologie e approcci. Questa mostra mira a fornire una base documentaria alle nostre memorie ed esperienze, collocate su un tavolo comune come oggetti, fotografie, documenti, disegni – tracce del passato per un potenziale futuro.

Panama – Panama: Storie da sotto l’acqua
Per oltre cinquecento anni, l’istmo di Panama, una stretta striscia di terra meglio conosciuta come “il ponte terrestre tra due oceani”, si è rivelata una regione di importanza geopolitica nel trasporto globale. Spesso descritta da una prospettiva occidentale come un luogo lontano dalla bellezza esotica e dalla vegetazione lussureggiante, questa nazione tropicale è diventata un paesaggio di sperimentazione per definire la modernità. Entro questi limiti, una narrazione dell'”altro” ha portato alla delimitazione di “zone di segregazione” che alienano la natura, i panamensi e le loro città. Il padiglione sfida questa ideologia e analizza tre diverse aree all’interno della Zona del Canale di Panama, riflesse nei tre spazi della sede espositiva.

Perù – Camminatori in Amazzonia
I camminatori in Amazzonia riconfigurano manualmente i loro territori da almeno diecimila anni. Il mantenimento di questa conoscenza in rete e la sua cura dipendevano dalla cooperazione collettiva tra umani e non umani. Ciò ha permesso di rigenerare la diversità e le variazioni delle foreste pluviali tropicali. Waman Wasi, attraverso The Calendar Project, li conserva e rinnova. L’installazione permette al visitatore di esplorare, attraverso un’esperienza audiovisiva dinamica, il dritto e il rovescio di una realtà allo stesso tempo vicina e lontana, articolata dall’atto collettivo del camminare. Interagire con un’Amazzonia abitata da persone, con la loro storia culturale, ci consente di cambiare i nostri modi abituali di vedere, comprendere, comunicare e fare. Ci aiuta a immaginare un futuro attivo.

Filippine – Trippa de Gallina: Budella dell’estuario
Gli estuari, o esteros, sono la foce di un fiume, dove l’acqua dolce incontra l’acqua salata. Tuttavia, l’enorme melma accumulata dalla gente lungo la Tripa de Gallina (Budella del Gallo) impedisce questa conversazione. L’estuario resta silenzioso. Le persone sono bloccate. L’esperienza della pandemia grida che questa complicazione persistente è reticolare e necessita di un approfondimento. La mostra offre una diagnosi dello stato dell’acqua e una prognosi del futuro delle persone in una procedura di agopuntura urbana modulare. Il padiglione ispeziona le viscere dell’estuario: un’ecologia imperfetta di esseri umani, acque e feccia. Composto da struttura in bambù, finestre e sporgenze, accoglie un futuro assemblaggio in buona forma.

Polonia – Datamento
Lo sviluppo della civiltà e della tecnologia ha reso la nostra vita quotidiana irreversibilmente dipendente dalla produzione, raccolta ed elaborazione dei dati. Le informazioni prodotte in quantità inimmaginabili, elaborate da calcoli sempre più tecnologicamente avanzati, creano un’illusione di verità sul mondo – la creazione di dati che rappresentano un punto di partenza per prendere decisioni con conseguenze molto reali. La mostra Datament ci avvicina ai dati nella loro forma grezza, permettendoci di sperimentarli così come sono, al di là del loro campo di interpretazione. Partendo dall’esigenza fondamentale di avere un tetto sopra la testa, Datament mostra l’importanza dei dati e le problematiche che essi possono causare in termini di architettura e pianificazione urbana.

Portogallo – Futures fertili
La scarsità e la gestione dell’acqua dolce sono un problema globale, evidente nel contesto portoghese. Concentrandosi su sette distinte idrogeografie, il progetto presenta i risultati di un incarico rivolto a giovani architetti, in collaborazione con specialisti di altre aree della conoscenza, per sviluppare modelli per un domani più sostenibile, sano ed equo, in una cooperazione non gerarchica tra le discipline , generazioni e specie. Basato sulla complementarità strategica tra pratica, teoria e pedagogia in architettura, Fertile Futures sostiene la pertinenza del ruolo dell’architettura nella progettazione di un futuro decarbonizzato, decolonizzato e collaborativo, espandendo la sua azione attraverso cinque Assemblee di pensiero e un Seminario estivo internazionale.

Romania – Ora, qui, là
Il Padiglione della Romania è un generatore di idee, portando in primo piano il percorso di creazione di innovazioni o invenzioni realizzate solo come risultato di una collaborazione interdisciplinare. Idee e oggetti diventano gli ingredienti di un dialogo sul futuro a cui il visitatore è invitato a prendere parte. Il visitatore esplora interattivamente quattro aree di ricerca: Lost Inventions, Lateral Pedagogies, Instant Garden e Co-Thinking Installation, come attivatore di idee, tutte rappresentative di un modo di fare educazione attraverso la ricerca, l’innovazione e l’attivazione sociale, intese come nuove soluzioni per rispondere a un futuro incentrato sulle persone e sul contesto.

San Marino – Ospite Ospitante
Il tempo, le circostanze politiche e storiche, le soglie di inclusione di specie diverse e le esigenze del momento rendono porosi i confini distintivi tra ospite e ospite. Siamo tutti ospiti su questa terra e tuttavia siamo anche tutti ospiti. Il Padiglione San Marino esplora questi doppi ruoli nel contenuto e nella forma; è sia un ospite per la comunità locale con la quale coproduce, co-esplora e sviluppa nuove relazioni, sia un ospite per i visitatori che desiderano sperimentare le opere scultoree intime e coinvolgenti di Vittorio Corsini o co-creare artefatti per esseri locali con gli studenti . Il Padiglione mette in discussione l’orientamento, la portata, la pratica e la materializzazione dell’ospitalità: passato, presente e futuro.

Arabia Saudita – Iresima eredità
Per la Biennale Architettura 2023, il Padiglione Saudita esamina la relazione simbiotica tra materiale e immateriale. La coesione di entrambi informa la percezione e porta in superficie le narrazioni racchiuse in questi elementi architettonici. Viene esplorata la terra utilizzata nell’architettura vernacolare saudita, insieme alla sperimentazione di materiali organici su cui è possibile costruire eredità e pratiche a prova di futuro. L’intento è quello di presentare l’empirico come una finestra sull’essenziale. Il tentativo di archiviazione qui mira a catturare gli aspetti antropologici e storici e provoca la contemplazione di come il passato presenti le risposte agli enigmi del futuro.

Serbia – In riflessi 6°27’48.81″N 3°14’49.20″E
La mostra affronta riflessioni sul passato e sul presente dell’architettura creata attraverso la politica di non allineamento globale nel continente africano. Il viaggio a Lagos e gli incontri con l’architettura della Fiera Internazionale di Lagos mirano a rivalutare e attivare i processi oggi associati a questi spazi. In un’esperienza diretta, gli autori cercano di stabilire riflessioni spaziali e temporali e di creare un proprio rapporto, personale e generazionale, con questa architettura. La mostra rivolge la sua attenzione all’architettura creata attraverso la cooperazione internazionale, considerandola come un potenziale e una risorsa per il futuro.

Singapore: quando sarà abbastanza? Le prestazioni della misurazione
Nel costruire la città che amiamo, come misuriamo l’inmisurabile? Il padiglione di Singapore mette in primo piano architetti e ricercatori le cui pratiche mirano a suscitare inclusione, connessione, libertà, attaccamento, attrazione e azione nella città. Nell’esaminare i processi di progettazione che funzionano per questi sei obiettivi, scopriamo sfide e contraddizioni, portiamo alla luce metodi per affrontare le diverse preferenze e gli enigmi che sorgono, riveliamo tensioni tra posizioni estreme e immaginiamo potenziali spettri intermedi. Quali misure dobbiamo adottare per vivere secondo i nostri valori? Come ci calibriamo per entità, ambienti e sogni diversi? Quando è abbastanza?

Slovenia – +/- 1 °C: alla ricerca dell’architettura ben temperata
L’ecologia viene affrontata dall’architettura in modo piuttosto paradossale. L’architettura tende ad affrontare le questioni ecologiche esclusivamente attraverso la tecnologia applicata nascosta all’interno dei muri. L’“efficienza energetica” appare quindi come una componente completamente separata di un edificio. In passato l’ecologia generava ed era inseparabile dall’architettura stessa, il che significa che gli edifici erano ecologici già nella loro progettazione concettuale. Abbiamo cercato esempi di edifici vernacolari che affrontano la questione dell’ecologia come parte intrinseca della progettazione architettonica e li abbiamo suddivisi in categorie in base ai loro principali principi energetici. L’architettura vernacolare è quindi intesa come un esempio vivente di principi energetici che può essere utilizzato come base per una reinterpretazione critica della produzione architettonica contemporanea.

Sud Africa: la struttura di un popolo
Il padiglione sudafricano, intitolato The Structure of a People, ruota attorno alla rappresentazione architettonica delle strutture sociali – in termini storici e contemporanei. La mostra si sviluppa attraverso tre zone. The Past is the Laboratory of the Future traccia collegamenti con la rappresentazione architettonica delle strutture sociali documentate nelle società precoloniali dell’Africa meridionale. Il Consiglio degli esseri non umani contiene disegni contemporanei sul tema dell’animismo nella pratica architettonica. And Political Animals presenta le strutture organizzative e curriculari delle scuole di architettura sudafricane come oggetti architettonici, come risultato di un concorso di architettura.

Spagna – Paesaggi alimentari
Mangiando digeriamo i territori. Foodscapes è un viaggio attraverso le architetture che nutrono il mondo; dai laboratori domestici delle nostre cucine ai vasti paesaggi operativi che nutrono le nostre città. In un momento in cui i dibattiti sull’energia sono più pertinenti che mai, il cibo resta in secondo piano, ma il modo in cui lo produciamo, lo distribuiamo e lo consumiamo modella il nostro mondo in modo più radicale rispetto a qualsiasi altra fonte di energia. Attraverso cinque film, un archivio sotto forma di ricettario e una piattaforma di ricerca aperta, la mostra indaga il panorama attuale dei nostri sistemi alimentari e guarda al futuro per esplorare altri modelli possibili, capaci di nutrire il mondo senza divorare il pianeta .

Svizzera – “Vicini”
L’artista Karin Sander e lo storico dell’arte Philip Ursprung espongono il Padiglione svizzero come tale, invece di utilizzarlo come contenitore di una mostra. Sottolineano la vicinanza dei padiglioni della Svizzera (1951–1952, Bruno Giacometti) e del Venezuela (1954–1956, Carlo Scarpa). Tra tutti i padiglioni dei Giardini, sono i più vicini. Condividono un muro. Un tappeto nella sala principale raffigura le due planimetrie combinate. Un’apertura temporanea, ricavata nel recinto in mattoni del cortile, rende visibile il collegamento. Il platano morto è stato tagliato ad un’altezza di circa otto metri. Le recinzioni in ferro che chiudevano le aperture del Padiglione svizzero sono state temporaneamente rimosse.

Turchia – Storie di fantasmi: teoria dell’architettura con la borsa della spesa
Al fine di rivelare proposte più promettenti per il futuro, la mostra mira a mettere in discussione le percezioni e gli approcci accettati agli edifici. Basata sul saggio di Ursula Le Guin del 1986 “The Carrier Bag Theory of Fiction”, la mostra trae forza dai cambiamenti radicali che il mondo dell’architettura ha subito negli ultimi due decenni e suggerisce di ascoltare e comprendere le storie degli edifici abbandonati, piuttosto che concentrarsi su esempi più riusciti. La ricerca prevedeva un bando aperto, volto a compilare la documentazione recente degli edifici inutilizzati in tutta la Turchia. Considerando questi edifici come “il laboratorio del futuro”, la mostra introduce nuovi strumenti per trasformare le strutture esistenti sulla base di sogni e discussioni collettive.

Ucraina – Prima del futuro
Raccontando storie, abbiamo l’opportunità di comprenderci a vicenda e quindi di condividere visioni diverse di un futuro in cambiamento. Oltre quattrocento giorni vissuti in guerra ci hanno dimostrato che le storie non possono essere raccontate senza difesa. Ovunque abbia luogo la narrazione, c’è qualcuno e qualcosa che permette alla voce di essere ascoltata in modo relativamente sicuro. Sotto il tetto o dietro il bastione possiamo riunirci e discutere le questioni più urgenti. Tra queste c’è la possibilità di azione per gli architetti in una situazione paradossale di fronte al futuro, nel convivere con la costante distruzione del passato e del presente, con i suoi spazi e le sue interazioni.

Emirati Arabi Uniti – Aridamente Abbondante
La mostra lavora all’intersezione tra conoscenza basata sul territorio e tecnologia contemporanea. Sfida la percezione degli ambienti aridi come spazi di scarsità e precarietà, concentrandosi sulla relazione tra architettura e paesaggi aridi, e trasforma il padiglione in un ambiente che mostra le qualità spaziali, materiali e tattiche degli ambienti aridi e abbondanti, creando uno sfondo per gli ambienti architettonici. provocazioni adatte ai contesti aridi globali contemporanei e futuri. La domanda principale di Aridly Abundant è: quali possibilità architettoniche possono emergere quando reinventiamo i paesaggi aridi come spazi di abbondanza?

Stati Uniti d’America – Plastica eterna
I polimeri petrolchimici noti come plastica sono stati sviluppati negli Stati Uniti come materiale rivoluzionario. Oggi è evidente l’urgenza globale di riformulare il nostro approccio alla sovrabbondanza di detriti di plastica nei nostri corsi d’acqua, nelle discariche e nelle strade. Esplorando la nostra parentela tesa, ma intrappolata, con la plastica, Everspiring Plastics considera i modi in cui questi materiali modellano ed erodono le ecologie, le economie e l’ambiente costruito contemporanei. Questa mostra evidenzia la nostra dipendenza invisibile; dimostra come la plasticità abbia creato aspettative per i comportamenti di altri materiali; e sottolinea l’impatto sconosciuto, a lungo termine e indelebile della plastica sul nostro futuro.

Uruguay – In Opera, Scenari futuri di un giovane Diritto Forestale
L’Uruguay sta attraversando un cambiamento senza precedenti nella sua matrice produttiva. Dall’approvazione della legge forestale nel 1987, la superficie forestale è cresciuta più di trenta volte e si prevede che questa espansione continui. La mostra intende il Diritto Forestale come un insieme ecosistemico in costruzione che dialoga con diverse spazialità e territorialità. È un invito a discutere e conoscere insieme le sue implicazioni nei processi di decarbonizzazione e decolonizzazione e la sua capacità di trasformare l’Uruguay in un laboratorio per il futuro del legno. Un avatar interpreta la Legge in un’opera multiautore insieme ad una serie di brani visivi basati sulle spazialità del legno uruguaiano e sulle irruzioni musicali della nuova generazione di artisti afrouruguaiani.

Uzbekistan: decostruire insieme
La nostra risposta al tema della Biennale Architettura 2023, Il Laboratorio del Futuro, può essere letta come un incontro di orizzonti diversi, permettendoci di osservare da vicino il patrimonio architettonico uzbeko, di scavare nel suo passato per ritrovare il strumenti necessari per l’elaborazione del mondo di domani, decostruendo insieme la modernità mettendo in discussione la nozione di arcaismo. La partecipazione è soprattutto collaborativa, ponendo l’essere umano al centro del nostro approccio. Attraverso gli scambi tra noi e studenti di architettura, artigiani e artisti associati, emerge una proposta collettiva, creando un’architettura sensibile e poetica, che riflette una pratica veramente contemporanea e contestuale.

Venezuela – Università Centrale del Venezuela, Patrimonio dell’Umanità in recupero. Città universitaria di Caracas.
La Ciudad Universitaria de Caracas è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2000 ed è considerata dalla critica internazionale il capolavoro dell’architetto venezuelano Carlos Raúl Villanueva. Questo architetto applicò i principi dell’architettura moderna alle esigenze del nostro Paese, adattandoli alla ricchezza del nostro clima e alle esigenze di sviluppo sociale del Venezuela dell’epoca. Mostriamo, con immagini comparative, planimetrie originali e foto attuali, i valori dei suoi spazi e soprattutto l’utopia moderna della Città Universitaria che riemerge per fungere da guida per il futuro, nelle mani di Carlos Raúl Villanueva, uno dei maestri dell’architettura mondiale.

Padiglione Venezia
L’esposizione del Padiglione Venezia, situato nei Giardini di Sant’Elena, è organizzata dal Comune di Venezia.

Carnevale

Il programma del Laboratorio del Futuro si arricchisce di Carnival, un ciclo di eventi, conferenze, tavole rotonde, film e performance, della durata di sei mesi, che esplorano i temi della Biennale Architettura 2023. “Concepito come uno spazio di liberazione piuttosto che uno spettacolo o un intrattenimento, il Carnevale offre uno spazio di comunicazione in cui parole, punti di vista, prospettive e opinioni vengono scambiati, ascoltati, analizzati e ricordati – ha detto Lokko organizzatori e intellettuali pubblici condividono il palco con architetti, accademici e studenti. Questo programma di eventi pubblici è sempre più una forma di pratica architettonica che tenta di colmare il divario tra architetti e pubblico.

Carnival è supportata da Rolex, Partner Esclusivo e Orologio Ufficiale della Mostra. Il programma della Mostra è arricchito da Carnival, un ciclo di eventi, conferenze, tavole rotonde, film e performance, della durata di sei mesi, che esplorano i temi della 18. Mostra Internazionale di Architettura, a partire da maggio 2023 e culminando a novembre 2023, sostenuto by Rolex: Partner esclusivo e orologio ufficiale del Salone. Concepito come uno spazio di liberazione piuttosto che come spettacolo o intrattenimento, il Carnevale offre uno spazio di comunicazione in cui parole, punti di vista, prospettive e opinioni vengono scambiati, ascoltati, analizzati e ricordati. Politici, politici, poeti, registi, documentaristi, scrittori, attivisti, organizzatori di comunità e intellettuali pubblici condivideranno il palco con architetti, accademici e studenti. Curare un programma di eventi pubblici è sempre più una forma di pratica architettonica che tenta di colmare il divario tra architetti e pubblico.

Costruire il futuro dell’Africa
Gli edifici modellano la politica, articolando le relazioni di potere nel modo in cui sono progettati, costruiti e utilizzati. Gli edifici pubblici africani – parlamenti, ministeri, palazzi presidenziali, tribunali, uffici di registri pubblici, stazioni di polizia – riflettono la complessità e l’ambiguità della politica dei vari stati. I ricercatori e gli studiosi che hanno lavorato a questo progetto di ricerca a più livelli esaminano in una tavola rotonda l’interazione dei cittadini con gli edifici statali, concentrandosi in particolare su Costa d’Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Ghana, Sud Africa e Zimbabwe. Durante l’incontro è stato proiettato un documentario. Partecipanti: Julia Gallagher (moderatrice), Kuukuwa Manful, Emmanuel Ofori-Sarpong, Olufèmi Hinson Yovo, Fiona Nyadero

Governare, progettare ed educare i futuri urbani
Sindaci, scienziati sociali, urbanisti ed educatori erano al Teatro Piccolo Arsenale giovedì 31 agosto per indagare su come le innovazioni nel governo della città, nella pianificazione e nell’educazione urbana possano innescare un cambiamento trasformativo. Il Council on Urban Initiatives è una piattaforma di ricerca e promozione nata nel 2021 dalla collaborazione tra UN-Habitat, UCL Institute for Innovation and Public Purpose e LSE Cities per promuovere città giuste, verdi e sane. È co-presieduto da Ricky Burdett e Mariana Mazzucato, che modereranno il simposio insieme a Lesley Lokko. Alle tavole rotonde partecipano Claudia López, Ada Colau, Soledad Núñez, Laura Lieto, Dan Hill, Rahul Mehrotra, Alcinda Honwana, Richard Sennett.

Carnevale: Maghi Spaziali Africani
African Space Magicians prevede la proiezione di due cortometraggi: il primo diretto da Black Females in Architecture, il secondo diretto da Nzinga Biegueng Mboup e Chérif Tall, partecipanti alla sezione Ospiti dal futuro della Mostra. È seguita una tavola rotonda moderata dalla curatrice Lesley Lokko su cosa significhi essere un architetto “africano”, su quali siano le condizioni, le opportunità creative e le sfide che danno al termine “africano” un significato che va oltre una definizione geografica o razziale. Con: Aziza Chaouni, Black Females in Architecture, Nzinga Biegueng Mboup, Chérif Tall, Papa Omotayo.

Il futuro della ricerca sulla storia architettonica e urbana africana
Quali sono le questioni più urgenti nella storia architettonica e urbana africana che richiedono un’indagine accademica? Chi dovrebbe assumersi la responsabilità di scrivere la storia architettonica e urbana africana e che tipo di approccio dovrebbe adottare? Quale contributo potrebbe dare la storia architettonica e urbana africana per diventare una sfida per la pratica e l’educazione architettonica in altre parti del mondo? Carnevale presenta IL FUTURO DELLA RICERCA SULLA STORIA ARCHITETTONICA E URBANA AFRICANA, una tavola rotonda sul futuro della ricerca architettonica africana nel continente e nella diaspora. Con: Murray Fraser, Ikem Stanley Okoye, Ola Uduku, Warebi Gabriel Brisibe, Kuukuwa Manful, Victoria Okoye, Huda Tayob, Ramota Ruth Obagah-Stephen, Mark Olweny, Neal Shasore.

Nuovi scrittori di architettura. Imparare da Venezia
Lunedì 17 luglio, dalle 14 alle 18, la Sala delle Colonne di Ca’ Giustinian ha ospitato nove scrittori emergenti del New Architecture Writers (NAW), il programma di studio e formazione dedicato alle persone di colore che spesso rappresentano una minoranza nel mondo della progettazione e giornalismo di architettura. Insieme a loro, Thomas Aquilina e Tom Wilkinson (direttori della NAW), Cindy Walters ed Ellis Woodman (Architecture Foundation). Relatori: Nana Biamah Ofosu (#BiennaleCollegeArchitettura), Manon Mollard (Architectural Review), Alice Grandoit Šutka (Deem Journal), Emmanuel Olunkwa (Pin-Up Magazine). NEW ARCHITECTURE WRITERS: LEARNING FROM VENICE è il risultato di una residenza di cinque giorni a #Venezia, nell’ambito delle attività della #BiennaleCollegeArchitettura, e presenta il lavoro del NAW, con una dimostrazione dal vivo dei suoi metodi pedagogici e una tavola rotonda sul tema il futuro della scrittura architettonica.

Eventi collaterali

Sono 9 gli Eventi Collaterali in programma per la 18. Mostra Internazionale di Architettura dal titolo Il Laboratorio del Futuro, curata da Lesley Lokko e organizzata dalla Biennale di Venezia.

Gli Eventi Collaterali, ammessi dal curatore e promossi da enti e istituzioni nazionali e internazionali senza scopo di lucro, si svolgono in più località; offrono un’ampia gamma di contributi e partecipazioni che arricchiscono la diversità di voci che caratterizza l’esposizione di Venezia.

Una fragile corrispondenza – Scozia + Venezia
Ente organizzatore: Scozia +
Il linguaggio è potente e modella il modo in cui comprendiamo il mondo che ci circonda. Come può un rapporto più stretto tra territorio e linguaggio aiutare l’architettura a essere più in sintonia con l’ambiente in cui opera? Evidenziando culture e lingue che hanno una stretta affinità con i paesaggi della Scozia, A Fragile Correspondence esplora nuove prospettive e approcci all’emergenza climatica mondiale. Il progetto ci porta attraverso tre paesaggi scozzesi; gli altopiani, le isole e le pianure. Scrittori, artisti e architetti esplorano questioni chiaramente radicate nel luogo, ma con rilevanza globale per le questioni culturali, ecologiche e climatiche che dobbiamo affrontare.

La Catalogna a Venezia_Seguendo il pesce
Ente organizzatore: Institut Ramon Llull
Un mercato di strada e un laboratorio di riparazione nato dall’alleanza di Leve con Top Manta, una cooperativa fondata da venditori ambulanti africani a Barcellona. Questo incontro ha incoraggiato la creazione di architetture alternative a quelle egemoniche. Nonostante il saccheggio da parte dell’Europa del loro approvvigionamento ittico locale, costringendone la partenza, manovrando le trappole tese dalla Fortezza Europa e attraverso lotte politiche e creative, sono stati capaci di offrire altri modi di vivere, di riparare ciò che ha fallito nelle città ( che non sono riusciti a) riceverli. Attraverso la prospettiva costruttiva delle comunità migranti, cerchiamo di ridefinire i luoghi da cui nasce l’architettura.

Climate Wunderkammer
Ente organizzatore: RWTH Università di Aquisgrana
La Climate Wunderkammer mira a immergerci in un’esperienza multisensoriale sull’impatto del cambiamento climatico condividendo soluzioni pratiche per affrontarlo e adattarci. Espone una raccolta di narrazioni del nostro pianeta attraverso disegni, video e registrazioni vocali, una Wunderkammer di messaggi in bottiglie da aprire e scoprire. In ogni storia che descrive la minaccia e l’impatto del cambiamento climatico, presentiamo risposte provvisorie per adattare o affrontare la nuova condizione per ispirare luoghi che subiranno tendenze climatiche simili in futuro. Questo progetto crea una piattaforma globale per la condivisione della conoscenza e l’apprendimento reciproco, in particolare imparando dai luoghi più fragili che subiscono l’impatto del cambiamento climatico.

Apparati diacronici della Taiwan cinese – Architettura come dettaglio continuo nel paesaggio
Ente organizzatore: Museo Nazionale delle Belle Arti di Taiwan
Il progetto incoraggia un dialogo tra il terreno sintetico e quello reale. Già nella preistoria l’umanità rispettava la terra con il dovuto rispetto. Acquisendo confidenza con gli strumenti sofisticati, cominciò a chiedere qualcosa di più della semplice sopravvivenza o del comfort. Il progetto presenta un inventario dei paesaggi di diverse latitudini e altitudini a Taiwan. La varia topografia e i processi evolutivi hanno dato vita a una ricca biodiversità e a diverse forme floreali e forestali. Pertanto, le analisi in sezione dell’isola possono fornire indizi per la ricerca di una nuova architettura. E questo è anche il risultato che questo progetto tenta di presentare.

Premi EUmies. Giovani Talenti 2023. Il Laboratorio dell’Educazione
Ente organizzatore: Fondazione Mies van der Rohe
Young Talent 2023 mira a sostenere il talento di architetti, urbanisti e architetti paesaggisti neolaureati responsabili della trasformazione del nostro ambiente nel futuro. Young Talent è nato dalla curiosità e dall’interesse per le fasi iniziali dello sviluppo di questi studenti e dal desiderio di sostenere il loro talento mentre entrano nel mondo professionale. Quattro vincitori sono stati scelti nell’aprile 2023 da una giuria internazionale tra dodici finalisti ed è stato selezionato anche un gruppo di opere selezionate. I risultati del processo vengono ora mostrati presentando modelli, disegni e video dei progetti.

Soluzioni spaziali future radicali ma possibili
Ente organizzatore: New European Bauhaus, Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea
Nella capsula Petri di questa conferenza di due giorni della Nuova Biennale Europea del Bauhaus, vogliamo riflettere sulle azioni umane radicali che portano a un migliore utilizzo degli spazi e delle risorse. Esploriamo sforzi umani inesistenti ma desiderosi come la decarbonizzazione dei desideri umani o la decolonizzazione della natura dai bisogni umani. La stretta collaborazione tra relatori, studenti e visitatori della Biennale Architettura in conferenze, dibattiti e workshop rende questo evento di due giorni un laboratorio radicale del futuro e crea opportunità per sperimentare, scoprire e progettare il futuro con il potere delle nostre menti .

Studenti come ricercatori: pratica creativa e formazione universitaria
Ente organizzatore: New York Institute of Technology
L’istruzione universitaria rappresenta un’opportunità per sviluppare visioni radicali in grado di sfidare la convenzionalità delle società orientate al mercato. Il talento e la freschezza degli studenti possono contribuire positivamente a un’inevitabile rivoluzione ambientale che riconosca l’esigenza di trasformare l’obsoleto metabolismo della città da divoratore di energia a generatore di energia senza compromettere il benessere delle generazioni future. Implicando lo scambio di idee con gli studenti, l’insegnamento può anche diventare uno strumento di ricerca, se alimentato da modelli di insegnamento bidirezionali in cui il ruolo di insegnante e discente può potenzialmente scambiarsi.

Blue Trace – Cosa fare in questo posto, a meno che non ci pensiamo?
Ente Organizzatore: CA’ASI
Di fronte alle travolgenti sfide ambientali, Tracé Bleu è allo stesso tempo un approccio, un metodo e un’indagine, un invito collettivo a trasformare, stimolare ed estendere queste domande attraverso il gesto. Questo progetto propone un’immersione sensibile e attiva attraverso le opere di Krijn de Koning, Jonathas de Andrade, Joanie Lemercier e i ‘frammenti’ messi in immagini dall’illustratore francese Serge Bloch, una moltitudine di elementi di progetti urbani e architettonici, che presentano forme circolari e usi rigenerativi delle risorse.

La RAS cinese trasformativa di Hong Kong
Istituzioni organizzatrici: Hong Kong Arts Development Council + Hong Kong Institute of Architects Biennale Foundation
Dopo le significative metamorfosi urbane precedenti, Hong Kong è sull’orlo di un altro momento di trasformazione con progetti su larga scala territoriale e nuove politiche che guidano la prossima fase di cambiamento. Di fronte a questioni ambientali e sociali sempre più complesse, le pratiche architettoniche abbracciano nuovi approcci multidisciplinari. Mentre la Quarta Rivoluzione Industriale sta avendo un ampio impatto, anche le istituzioni e le comunità creative si stanno evolvendo, utilizzando la città come un “laboratorio”. L’installazione è organizzata in tre scale per catturare le trasformazioni territoriali, architettoniche e dello spazio pubblico e presenta dodici progetti che affrontano le questioni derivanti da questo momento trasformativo.

Padiglione delle arti applicate
La Biennale di Venezia e il Victoria and Albert Museum di Londra presentano per il settimo anno consecutivo il progetto speciale del Padiglione delle Arti Applicate (Arsenale, Sale d’Armi A) dal titolo Tropical Modernism: Architecture and Power in West Africa, a cura di Christopher Turner (V&A ) con Nana Biamah-Ofosu e Bushra Mohamed (AA). La presentazione è organizzata in collaborazione con l’Architectural Association (AA), Londra e la Kwame Nkrumah University of Science and Technology (KNUST), Kumasi.

Sessioni biennali

Il Progetto per le Università
La Biennale dedica il progetto Biennale Sessions alle Università, alle Accademie di Belle Arti e ad altri Istituti di Alta Formazione. L’obiettivo è quello di facilitare le visite autoorganizzate di tre giorni da parte di gruppi di almeno 50 studenti e docenti, offrendo assistenza nell’organizzazione del viaggio e del soggiorno e la possibilità di organizzare seminari gratuitamente nelle sedi espositive.

Educativo
Da un decennio la Biennale di Venezia dedica sempre maggiore attenzione alle attività didattiche e ha sviluppato un crescente impegno in iniziative didattiche rivolte al pubblico delle sue Mostre, alle università, ai giovani e ai bambini, delle scuole di ogni ordine e grado. Negli ultimi due anni Biennale Architettura 2021 e Biennale Arte 2022 hanno contato 111.164 partecipanti alle attività Education, di cui 52.392 giovani. Anche nel 2023 è stato offerto un ampio programma Educational, rivolto a singoli e gruppi di studenti, bambini, adulti, famiglie, professionisti, aziende e università. Tutte queste iniziative mirano a coinvolgere attivamente i partecipanti. Sono condotti da operatori professionali, attentamente formati dalla Biennale, e rientrano nelle seguenti categorie: Percorsi Guidati e Attività Laboratoriali e Iniziative Interattive.

Progetto Editoriale e Identità Grafica
Il catalogo ufficiale, intitolato Il Laboratorio del Futuro, è composto da due volumi. Il Volume I è suddiviso in diverse sezioni dedicate agli eventi del Carnevale e ai Progetti Speciali del Curatore. Alla Mostra Internazionale curata da Lesley Lokko sono dedicate due sezioni, intitolate rispettivamente Force Majeure e Dangerous Liaisons. Ogni progetto esposto in Mostra è accompagnato da un testo critico e da una ricca iconografia che completa il lavoro dei Partecipanti. Un’ulteriore sezione è dedicata alla prima edizione di Biennale College Architettura. Incorporati in tutto il volume sono presenti una serie di saggi che sviluppano i temi della mostra e un resoconto dettagliato delle opere esposte. Il Volume II presenta le Partecipazioni Nazionali e gli Eventi Collaterali. Comprende una serie di testi illustrati che approfondiscono i progetti esposti nei Padiglioni e negli Eventi Collaterali ai Giardini, all’Arsenale e in varie sedi di Venezia.

L’identità grafica della Biennale Architettura 2023 e il design delle pubblicazioni sono opera di Die Ateljee – Fred Swart. I volumi sono pubblicati dalle Edizioni La Biennale di Venezia.

Conclusione: l’archivio del futuro

Il Laboratorio del Futuro si chiude con una domanda aperta: e dopo? L’Archivio del futuro è un resoconto visivo dei processi, dei disegni, delle discussioni, delle idee, delle conversazioni, dei vecchi argomenti, delle proposte e delle nuove comprensioni che collettivamente hanno dato vita a questa mostra. Il Laboratorio del Futuro non è didattico. Non conferma indicazioni, non offre soluzioni o impartisce lezioni. È invece inteso come una sorta di rottura, un agente di cambiamento, dove lo scambio tra partecipante, mostra e visitatore non è passivo o predeterminato. Lo scambio è inteso come reciproco, una forma di scambio glorioso e imprevedibile, ciascuno trasformato dall’incontro, ciascuno incoraggiato ad andare avanti verso un altro futuro.