Turismo tessile

Un tessuto è un materiale di fibra naturale o artificiale. I tessuti sono usati per l’abbigliamento e l’arredamento, come i tappeti.

La produzione tessile ha una tradizione di millenni in molte parti del mondo. I tessuti artigianali sono un elemento desiderabile per lo shopping.

Comprendere
Un tessuto è un materiale flessibile costituito da una rete di fibre naturali o artificiali (filo o filo). Il filato viene prodotto filando fibre grezze di lana, lino, cotone, canapa o altri materiali per produrre fili lunghi. I tessuti si formano tessendo, lavorando a maglia, uncinetto, annodando o chiacchierino, infeltrimento o trecciatura.

Le parole correlate “tessuto” e “stoffa” e “materiale” sono spesso utilizzate nelle attività di assemblaggio tessile (come sartoria e sartoria) come sinonimi per il tessile. Tuttavia, ci sono sottili differenze in questi termini nell’uso specializzato. Un tessuto è qualsiasi materiale fatto di fibre intrecciate, tra cui moquette e geotessili. Un tessuto è un materiale fatto attraverso la tessitura, la maglia, la diffusione, l’uncinetto o l’incollaggio che può essere utilizzato nella produzione di ulteriori beni (indumenti, ecc.). Il tessuto può essere usato come sinonimo di tessuto, ma spesso è un pezzo di stoffa che è stato lavorato.

Storicamente, molte fibre naturali sono state utilizzate per scopi tessili.

Il cotone è tessuto dal fiore di cotone. La rivoluzione industriale ha reso il cotone la fibra più diffusa al mondo. Economico e facile da mantenere.
La lana è una fibra tessile da peli di mammiferi come pecore, capre, lama e cammello. Viene utilizzato per abbigliamento, arredamento (in particolare tappeti). È anche una delle fibre utilizzate nella produzione del “feltro”.
La seta è fatta dal filo della larva della falena della seta; nei tempi storici la via della seta veniva utilizzata per il trasporto di merci, compresa la seta, tra l’Asia e l’Europa.
La biancheria è fibra dall’erba di lino. Con fibre lunghe e sottili che assorbono molta acqua e sopravvivono al bucato, la biancheria è utile per vestiti estivi, fazzoletti e asciugamani. Non essere confuso con l’uso moderno del termine lino per indicare un tessuto di alta qualità rispetto alla fibra.

Altre fibre naturali utilizzate storicamente includono la iuta e la canapa, che è stata utilizzata nella produzione di tutti i tipi di tela resistente per uso domestico, agricolo e industriale. Corde sono state fatte anche da sostanze come il sisal, derivato da un’agave.

I moderni tessuti sintetici sono altrettanto vari, ma Rayon e Nylon sono stati tra i primi ad essere ampiamente disponibili. A volte le fibre naturali e sintetiche vengono combinate, creando una più ampia varietà di materiali tessili per l’abbigliamento e per gli usi non di abbigliamento.

I tessuti, in cui le fibre tessili sono combinate per formare un foglio di materiale, sono tipicamente di due tipi, tessuti o lavorati a maglia.

Storia
I primi abiti, indossati almeno 70.000 anni fa e forse molto prima, erano probabilmente fatti di pelli di animali e aiutavano a proteggere i primi uomini dalle glaciazioni. Poi a un certo punto la gente ha imparato a tessere fibre vegetali in tessuti.

La scoperta di fibre di lino tinte in una grotta della Repubblica di Georgia risalente al 34.000 aC suggerisce che materiali simili a tessuti sono stati fabbricati anche in epoca preistorica.

La produzione di tessuti è un mestiere la cui velocità e scala di produzione è stata alterata quasi al di là del riconoscimento dall’industrializzazione e dall’introduzione di moderne tecniche di produzione. Tuttavia, per i principali tipi di tessuti, armature a trama piatta, a saia o raso, c’è poca differenza tra i metodi antichi e moderni.

Usi I
tessuti hanno un assortimento di usi, i più comuni dei quali sono per abbigliamento e per contenitori come borse e cestini. Nella famiglia sono utilizzati in moquette, imbottiti, tende, asciugamani, rivestimenti per tavoli, letti e altre superfici piane, e nell’arte. Sul posto di lavoro sono utilizzati in processi industriali e scientifici come il filtraggio. Gli usi vari includono bandiere, zaini, tende, reti, fazzoletti, stracci per la pulizia, dispositivi di trasporto come palloncini, aquiloni, vele e paracadute; i tessuti sono anche usati per fornire rinforzo in materiali compositi come fibra di vetro e geotessili industriali. I tessuti sono utilizzati in molti mestieri tradizionali come il cucito, il quilt e il ricamo.

I tessuti per uso industriale, scelti per caratteristiche diverse dal loro aspetto, sono comunemente definiti tessuti tecnici. I tessuti tecnici comprendono strutture tessili per applicazioni automobilistiche, tessili per uso medico (ad es. Impianti), geotessili (rinforzo di argini), agrotextiles (prodotti tessili per la protezione delle colture), indumenti protettivi (ad esempio contro il calore e le radiazioni per indumenti ignifughi, contro i metalli fusi per saldatori, protezione da pugnalata e giubbotti antiproiettile). In tutte queste applicazioni devono essere soddisfatti requisiti di prestazione rigorosi. Tessuto di fili rivestiti con nanofili di ossido di zinco, tessuto di laboratorio è stato dimostrato capace di “nanosistemi autoalimentati” utilizzando vibrazioni create da azioni quotidiane come il vento o movimenti del corpo.

Fonti e tipi I
tessuti sono fatti da molti materiali, con quattro fonti principali: animale (lana, seta), pianta (cotone, lino, juta, bambù), minerale (amianto, fibra di vetro) e sintetico (nylon, poliestere, acrilico, rayon). I primi tre sono naturali. Nel 20 ° secolo, sono stati integrati da fibre artificiali ricavate dal petrolio.

I tessuti sono realizzati in vari punti di forza e gradi di durabilità, dalla microfibra più fine fatta di fili più sottili di un denaro alla tela più robusta. La terminologia di produzione tessile ha una ricchezza di termini descrittivi, dalla leggera velo simile a una garza al pesante tessuto di gros grain e oltre.

I
tessuti di origine animale sono comunemente fatti di capelli, pelliccia, pelle o seta (nel caso dei bachi da seta).

La lana si riferisce ai capelli della pecora o della capra domestica, che si distingue da altri tipi di peli di animale in quanto i singoli fili sono rivestiti di scaglie e strettamente aggraffati e la lana nel suo complesso è ricoperta da una miscela di cera nota come lanolina ( a volte chiamato lana di lana), che è impermeabile e resistente allo sporco. La lana si riferisce a un filato più voluminoso prodotto da fibre cardate non parallele, mentre il pettinato si riferisce a un filato più fine filato da fibre più lunghe che sono state pettinate per essere parallele. La lana è comunemente usata per vestiti caldi. Il cashmere, i capelli della capra indiana in cashmere e il mohair, i capelli della capra angora nordafricana, sono tipi di lana noti per la loro morbidezza.

Altri tessuti animali che sono fatti di pelo o di pelliccia sono lana di alpaca, lana di vicuña, lana di lama e pelo di cammello, generalmente usati nella produzione di cappotti, giacche, poncho, coperte e altri rivestimenti caldi. L’angora si riferisce ai capelli lunghi, spessi e morbidi del coniglio d’angora. Qiviut è la sottile lana interna del muskox.

Wadmal è un tessuto ruvido di lana, prodotto in Scandinavia, per lo più 1000 ~ 1500 CE.

La seta marina è un tessuto estremamente raffinato, raro e prezioso, fatto con i filamenti o il bisso setosi di una ghiandola posta ai piedi dei gusci delle penne.

La seta è un tessuto animale ricavato dalle fibre del bozzolo del baco da seta cinese che viene filato in un tessuto liscio apprezzato per la sua morbidezza. Esistono due tipi principali di seta: la “seta di gelso” prodotta dal Bombyx Mori e la “seta selvaggia” come la seta di Tussah (seta selvatica). Le larve di bachi da seta producono il primo tipo se coltivate in habitat con foglie di gelso fresche per il consumo, mentre la seta Tussah viene prodotta da bachi da seta che si nutrono esclusivamente di foglie di quercia. Circa quattro quinti della produzione mondiale di seta è costituita da seta coltivata.

Erba vegetale , giunco, canapa e sisal sono tutti utilizzati nella fabbricazione della corda. Nei primi due, l’intera pianta viene utilizzata per questo scopo, mentre negli ultimi due vengono utilizzate solo le fibre della pianta. La fibra di cocco (fibra di cocco) viene utilizzata per la produzione di spago, e anche in floorm, zerbini, spazzole, materassi, piastrelle per pavimenti e sacchi.

Paglia e bambù sono entrambi usati per fare cappelli. La paglia, una forma d’erba essiccata, è usata anche per il ripieno, come il kapok.

Fibre da alberi di legno, cotone, riso, canapa e ortica sono utilizzate nella produzione di carta.

Cotone, lino, iuta, canapa, modal e persino fibra di bambù sono tutti usati nell’abbigliamento. Piña (fibra di ananas) e ramiè sono anche fibre utilizzate nell’abbigliamento, generalmente con una miscela di altre fibre come il cotone. Le ortiche sono state usate anche per fare una fibra e un tessuto molto simile alla canapa o al lino. È stato anche segnalato l’uso della fibra di gambo di alghe, ma tende ad essere un po ‘più debole di altre fibre come la canapa o il lino.

La corteccia interna dell’albero merletto è una rete fine che è stata usata per fare abbigliamento e accessori, nonché articoli utili come la corda.

L’acetato è usato per aumentare la lucentezza di alcuni tessuti come sete, velluti e taffetas.

Le alghe marine sono utilizzate nella produzione di tessuti: una fibra idrosolubile nota come alginato viene prodotta e usata come fibra di mantenimento; quando il tessuto è finito, l’alginato si scioglie, lasciando un’area aperta.

Il rayon è un tessuto fabbricato derivato dalla polpa delle piante. Diversi tipi di rayon possono imitare la sensazione e la consistenza di seta, cotone, lana o lino.

Le fibre dai gambi delle piante, come la canapa, il lino e le ortiche, sono anche conosciute come fibre “bast”.

L’
amianto minerale e la fibra di basalto sono utilizzati per piastrelle in vinile, fogli e adesivi, pannelli “transiti” e rivestimenti, soffitti acustici, tende per palchi e coperte antincendio.

La fibra di vetro viene utilizzata nella produzione di assi da stiro e coprimaterassi, funi e cavi, fibra di rinforzo per materiali compositi, rete anti-insetti, tessuti ignifughi e protettivi, fibre fonoassorbenti, ignifughe e isolanti. Le fibre di vetro sono tessute e rivestite con Teflon per produrre tessuto beta, un tessuto praticamente a prova di fuoco che ha sostituito il nylon nello strato esterno delle tute spaziali degli Stati Uniti dal 1968. [verifica necessaria]

Fibra metallica, lamina metallica e filo metallico hanno una varietà di usi, compresa la produzione di tessuti d’oro e gioielli. Il tessuto dell’hardware (solo per gli Stati Uniti) è una maglia intrecciata di filo di acciaio, utilizzata nella costruzione. È molto simile allo screening di finestre standard, ma più pesante e con una trama più aperta.

Minerali e tessuti naturali e sintetici possono essere combinati, come in tela smeriglio, uno strato di smeriglio abrasivo incollato su un supporto di stoffa. Inoltre, “panno di sabbia” è un termine americano per la rete metallica fine con adesivo abrasivo ad esso, utilizzato come tela smeriglio o carta vetrata grossa.

Tessuti sintetici sintetici sono utilizzati principalmente nella produzione di abbigliamento, così come nella produzione di geotessili.

La fibra di poliestere è utilizzata in tutti i tipi di abbigliamento, da solo o miscelato con fibre come il cotone.

La fibra aramidica (ad es. Twaron) viene utilizzata per indumenti ignifughi, protezione antitaglio e armatura.

L’acrilico è una fibra usata per imitare la lana, incluso il cashmere, ed è spesso usata per sostituirli.

Il nylon è una fibra usata per imitare la seta; è usato nella produzione di collant. Fibre di nylon più spesse vengono utilizzate in abbigliamento da corda e da esterno.

Spandex (nome commerciale Lycra) è un prodotto in poliuretano che può essere reso aderente senza ostacolare il movimento. È usato per fare abbigliamento sportivo, reggiseni e costumi da bagno.

La fibra di olefina è una fibra utilizzata nell’abbigliamento sportivo, nelle fodere e negli indumenti caldi. Le olefine sono idrofobiche, consentendo loro di asciugare rapidamente. Un feltro sinterizzato di fibre olefiniche viene venduto con il nome commerciale Tyvek.

Ingeo è una fibra polilattica miscelata con altre fibre come il cotone e utilizzata nell’abbigliamento. È più idrofilo della maggior parte degli altri materiali sintetici, consentendo di eliminare la traspirazione.

Il lurex è una fibra metallica utilizzata nell’abbigliamento degli abiti.

Le proteine ​​del latte sono state utilizzate anche per creare tessuti sintetici. Il tessuto in fibra di latte o caseina fu sviluppato durante la prima guerra mondiale in Germania, e ulteriormente sviluppato in Italia e America negli anni ’30. Il tessuto in fibra di latte non è molto resistente e facilmente rughe, ma ha un pH simile alla pelle umana e possiede proprietà anti-batteriche. È commercializzato come fibra sintetica biodegradabile e rinnovabile.

La fibra di carbonio è utilizzata principalmente nei materiali compositi, insieme alla resina, come la plastica rinforzata con fibra di carbonio. Le fibre sono fatte da fibre polimeriche attraverso la carbonizzazione.

Metodi di produzione La
tessitura è un metodo di produzione tessile che prevede l’intreccio di un insieme di fili più lunghi (chiamato ordito) con una serie di fili incrociati (detta trama). Questo viene fatto su una trama o macchina nota come telaio, di cui esistono diversi tipi. Alcune tessiture sono ancora fatte a mano, ma la stragrande maggioranza è meccanizzata.

Il lavoro a maglia, il cappio e l’uncinetto comportano l’intreccio di cappi di filo, che si formano o su un ferro da calza, un ago o un uncinetto, insieme in una linea. I processi sono diversi in quanto il lavoro a maglia ha più anelli attivi contemporaneamente, sull’ago da maglia in attesa di interlock con un altro ciclo, mentre Looping e uncinetto non hanno più di un ciclo attivo sull’ago. La lavorazione a maglia può essere eseguita a macchina, ma l’uncinetto può essere eseguito solo a mano.

Spread Tow è un metodo di produzione in cui i filati si diffondono in nastri sottili, quindi i nastri vengono tessuti come trama e ordito. Questo metodo è usato principalmente per materiali compositi; diffondere i tessuti di traino possono essere fatti in carbonio, aramide, ecc.

L’intrecciatura o l’intrecciatura comporta la torsione dei fili insieme in un panno. L’annodatura consiste nel legare insieme i fili e viene utilizzato per fare chiazze e macramè.

Il pizzo è realizzato collegando i fili insieme in modo indipendente, utilizzando un supporto e uno qualsiasi dei metodi descritti sopra, per creare un tessuto sottile con fori aperti nel lavoro. Il pizzo può essere fatto a mano o in macchina.

Tappeti, tappeti, velluto, velluto e velluto sono realizzati intrecciando un filo secondario attraverso un tessuto intrecciato, creando uno strato trapuntato noto come pisolino o pelo.

Infeltrimenti consiste nel premere insieme un tappeto di fibre e lavorarli insieme finché non si ingarbugliano. Un liquido, come l’acqua saponata, viene solitamente aggiunto per lubrificare le fibre e per aprire le squame microscopiche su fili di lana.

I tessuti non tessuti sono prodotti dall’unione di fibre per fare tessuto. L’incollaggio può essere termico o meccanico oppure possono essere utilizzati adesivi.

Il tessuto della corteccia viene prodotto battendo la corteccia fino a renderla morbida e piatta.

Trattamenti I
tessuti sono spesso tinti, con tessuti disponibili in quasi tutti i colori. Il processo di tintura richiede spesso diverse dozzine di litri d’acqua per ogni chilo di vestiti. I disegni colorati in tessuto possono essere creati tessendo insieme fibre di diversi colori (tartan o Ikat uzbeko), aggiungendo punti colorati al tessuto finito (ricamo), creando modelli resistendo ai metodi di tintura, legando le aree di tessuto e tingendo il resto (legatura tintura), o disegni a cera su stoffa e tintura tra di loro (batik), o utilizzando vari processi di stampa su tessuto finito. La stampa a blocchi di legno, ancora utilizzata oggi in India e altrove, è la più antica di queste risalenti ad almeno il 220 CE in Cina. Anche i tessuti sono talvolta sbiancati, rendendo il tessuto pallido o bianco.

I tessuti sono talvolta finiti da processi chimici per cambiare le loro caratteristiche. Nel 19 ° secolo e all’inizio del 20 ° secolo l’inamidazione era comunemente usato per rendere gli indumenti più resistenti alle macchie e alle rughe.

Eisengarn, che significa “filo di ferro” in inglese, è un materiale resistente alla luce, inventato in Germania nel 19 ° secolo. È fatto immergendo i fili di cotone in una soluzione di amido e paraffina. I fili sono quindi stirati e lucidati da rulli e spazzole in acciaio. Il risultato finale del processo è un filo lucente, resistente agli strappi e estremamente resistente.

Dagli anni ’90, con i progressi delle tecnologie come il processo di stampa permanente, gli agenti di finitura sono stati utilizzati per rafforzare i tessuti e renderli senza rughe. Più recentemente, la ricerca sui nanomateriali ha portato ulteriori progressi, con aziende come Nano-Tex e NanoHorizons che sviluppano trattamenti permanenti basati su nanoparticelle metalliche per rendere i tessuti più resistenti a cose come acqua, macchie, rughe e agenti patogeni come batteri e funghi.

I tessuti ricevono una gamma di trattamenti prima che raggiungano l’utente finale. Dalle finiture in formaldeide (per migliorare la piega) alle finiture biocida e dai ritardanti di fiamma alla tintura di molti tipi di tessuto, le possibilità sono quasi infinite. Tuttavia, molte di queste finiture potrebbero avere effetti dannosi sull’utente finale. È stato dimostrato che un certo numero di coloranti dispersi, acidi e reattivi (ad esempio) è allergenico a individui sensibili. Inoltre, è stato dimostrato che coloranti specifici all’interno di questo gruppo inducono dermatite da contatto purpurea.

Sebbene i livelli di formaldeide negli indumenti non siano sufficientemente alti da causare una reazione allergica, a causa della presenza di tale sostanza chimica, il controllo della qualità e il test sono della massima importanza. I ritardanti di fiamma (principalmente nella forma bromurata) sono anche preoccupanti per quanto riguarda l’ambiente e la loro potenziale tossicità. È possibile testare questi additivi in ​​numerosi laboratori commerciali, inoltre è possibile testare i tessuti secondo lo standard di certificazione Oeko-tex che contiene livelli limite per l’uso di determinate sostanze chimiche nei prodotti tessili.

Destinazioni
Bursa, la prima capitale ottomana, è stata famosa per la sua seta, in quanto era uno dei termini occidentali della Via della Seta. Un bazar di seta risalente al 1491 esiste nel centro storico. In periferia, un museo tessile convertito da una fabbrica di lana degli anni ’30 ha sezioni dedicate alla lana e alla seta.
Harris, in Scozia, famoso per i prodotti di lana.

Museo nazionale della lana del Galles, Llandysul, Dre-Fach Felindre, ☏ +44 29 2057-3070.
Museo nazionale della lana australiana, 26 Moorabool St, Geelong (cnr Brougham St). Tutti i giorni 9:30 AM-5PM, tranne il Venerdì Santo e il giorno di Natale. Lasciare 90 minuti. Include un ufficio di informazioni turistiche. $ 7: 30 adulti, $ 5,90 in concessione, $ 3,65 bambino.
Museo della lana (Stia), Museo dell’Arte della Lana di Stia (seguire il fiume Arno a monte), 05 +39 0575 582216, ✉ info@museodellartedellalana.it. Museo della lana nei tessuti nella vecchia fabbrica tessile. Fornisce un bacground storico e visualizza molte delle vecchie macchine. Hanno anche laboratori che producono tessuti. € 3.
Castello di Angers (Château d’Angers), 2 Boulevard du Général de Gaulle. Questo imponente castello del IX secolo ospita un enorme Tapestry of the Apocalypse medievale, davvero un set spettacolare di arazzi che è senza dubbio uno dei più grandi lavori artistici che ci è giunto fino dal Medioevo.
Bayeux Tapestry (Musée de la Tapisserie de Bayeux), Centre Guillaume le Conquérant, Rue de Nesmond, Bayeux, 33 +33 2 31 51 25 50, fax: +33 2 31 51 25 59. aperto tutti i giorni tutto l’anno, tranne il 2 ° settimana di gennaio, 24-26 dicembre, 31 dicembre-2 gennaio, ore: (metà marzo-ottobre) 9: 00-18: 30 (estate una mezz’ora in più) (novembre-febbraio) 9: 30-12: 30 e 14: 00-18: 00. l’arazzo storico di Bayeux è un ricamo di 70 metri di lunghezza, 50 cm di altezza realizzato in lana su tela di lino nel tardo XI secolo per ricordare la conquista dell’Inghilterra di Guglielmo il Conquistatore, duca di Normandia, nel 1066. Le scene includono il Canale attraversando, la battaglia di Hastings (14 ottobre 1066), la morte del re inglese sassone Harold e la successiva incoronazione del duca William come re d’Inghilterra. Le audioguide multilingue sono disponibili e fortemente raccomandate, poiché vi sono pochi strumenti di interpretazione visiva che accompagnano la stessa Tapestry. Lasciare 1-2 ore per visitare, compresa la mostra adiacente. adulti € 9,50, ridotto € 7,50, studenti € 5.
Cromford Mill, Mill Lane. Cromford. La prima filatura di cotone ad acqua sviluppata da Richard Arkwright nel 1771. Gli edifici sono stati restaurati, un tour informativo disponibile ma pochi macchinari da vedere.
National Quilt Museum, 215 Jefferson, Paducah, ☏ +1 270 442-8856.
Lowell National Historical Park, 67 Kirk Street, Lowell (Massachusetts), ☏ +1 978 970-5000. Aperto tutto l’anno. 9 AM-5PM (estate alle 17:30). Commemora la storia della rivoluzione industriale americana a Lowell. Include il Museo dei Mulini di cotone di Boott, le fabbriche tessili, i canali, le case dei lavoratori e gli edifici commerciali del XIX secolo.
Iran’s National Rug Gallery & Carpet Museum (Persiano: موزه فرش ایران), Dr Fatemi (دکتر فاطمی), Teheran (Da M: Enqelab-Eslami 1,5 km N, vicino a Laleh Park, Fatemi e North Kargar Intersection). Questo mostra una varietà di tappeti persiani provenienti da tutto l’Iran, risalenti al 18 ° secolo ad oggi.