Standard di sostenibilità e certificazione

Gli standard e le certificazioni di sostenibilità sono volontari, generalmente valutati da terzi, norme e standard relativi a questioni ambientali, sociali, etiche e di sicurezza alimentare, adottate dalle aziende per dimostrare le prestazioni delle loro organizzazioni o prodotti in aree specifiche. Ci sono forse fino a 500 standard di questo tipo e il ritmo di introduzione è aumentato nell’ultimo decennio. La tendenza è iniziata alla fine degli anni ’80 e ’90 con l’introduzione degli Ecolabel e degli standard per i prodotti alimentari biologici e altri prodotti. Negli ultimi anni sono stati stabiliti e adottati numerosi standard nell’industria alimentare in particolare. La maggior parte di essi si riferisce alla tripla linea di fondo di qualità ambientale, equità sociale e prosperità economica. Normalmente uno standard è sviluppato da una vasta gamma di parti interessate ed esperti in un particolare settore e comprende una serie di pratiche o criteri per stabilire come una coltura debba essere coltivata in modo sostenibile o una risorsa dovrebbe essere eticamente raccolta. Ciò potrebbe riguardare, ad esempio, pratiche di pesca responsabili che non mettono in pericolo la biodiversità marina, il rispetto dei diritti umani e il pagamento di salari equi in una piantagione di caffè o di tè. Normalmente gli standard di sostenibilità sono accompagnati da un processo di verifica – spesso definito come “certificazione” – per valutare che un’azienda rispetta uno standard, nonché un processo di tracciabilità per i prodotti certificati da vendere lungo la catena di approvvigionamento, spesso risultante in un consumatore etichetta frontale. I programmi di certificazione si concentrano anche sul rafforzamento delle capacità e sulla collaborazione con partner e altre organizzazioni per sostenere i piccoli agricoltori oi produttori svantaggiati a realizzare i miglioramenti sociali e ambientali necessari per soddisfare lo standard.

La premessa di base degli standard di sostenibilità è duplice. In primo luogo, sono emersi in aree in cui la legislazione nazionale e globale era debole, ma dove i movimenti dei consumatori e delle ONG in tutto il mondo richiedevano un’azione. Ad esempio, le campagne di Global Exchange e di altre ONG contro l’acquisto di beni da fabbriche “produttrici” da parte di Nike, Inc., Levi Strauss & Co. e altri marchi leader hanno portato all’emergere di standard di benessere sociale come SA8000 e altri. In secondo luogo, i principali marchi che vendono sia ai consumatori sia alla catena di fornitura B2B potrebbero voler dimostrare i meriti ambientali o biologici dei loro prodotti, il che ha portato all’emergere di centinaia di marchi di qualità ecologica, biologici e di altro tipo. Uno dei principali esempi di standard per i consumatori è il movimento Fairtrade, gestito da FLO International e che mostra un’enorme crescita delle vendite in tutto il mondo per prodotti di origine etica. Un esempio di uno standard B2B che è cresciuto enormemente negli ultimi anni è lo standard del Forest Stewardship Council (FSC) per i prodotti forestali ricavati da alberi raccolti sostenibili.

Tuttavia, la linea tra i consumatori e gli standard di sostenibilità B2B sta diventando sfocata, con i principali acquirenti commerciali che richiedono sempre più la certificazione Fairtrade, ad esempio, ei consumatori che riconoscono sempre più il marchio FSC. Negli ultimi anni, il focus business-to-business degli standard di sostenibilità è aumentato poiché è diventato chiaro che la domanda dei consumatori da sola non può guidare la trasformazione di importanti settori e industrie. In materie come olio di palma, soia, frutti di mare coltivati ​​e zucchero, le iniziative di certificazione mirano all’adozione tradizionale di pratiche migliori e collaborazione industriale precompetitiva. Anche i principali marchi e rivenditori stanno iniziando a prendere impegni per la certificazione nella loro intera catena di fornitura o offerta di prodotti, piuttosto che una singola linea o ingrediente.

Con la crescita degli standard e della certificazione come strumento principale per la produzione e il commercio globali per diventare più sostenibili e per il settore privato a dimostrare leadership di sostenibilità, è essenziale che ci siano modi per valutare la legittimità e le prestazioni delle diverse iniziative. Gli acquirenti di società e governi, nonché le ONG e i gruppi della società civile impegnati nella produzione sostenibile, hanno bisogno di chiarezza su quali standard e marchi di qualità ecologica stanno producendo risultati sociali, ambientali ed economici reali. L’alleanza ISEAL è emersa come l’autorità sulle buone pratiche per gli standard di sostenibilità e i suoi codici di buona pratica rappresentano le linee guida più ampiamente riconosciute su come gli standard dovrebbero essere istituiti e attuati per essere efficaci. Conformandosi a questi Codici e lavorando con altre iniziative di certificazione, i membri ISEAL dimostrano la loro credibilità e lavorano per migliorare i loro impatti positivi.

I tentativi di risolvere i problemi causati da una molteplicità di iniziative di certificazione hanno portato al lancio del progetto State of Sustainability Initiatives (SSI), facilitato dalla Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) e dall’Istituto internazionale per lo sviluppo sostenibile (IISD). sotto l’egida della Sustainable Commodity Initiative (SCI).

Origine degli standard globali
La maggior parte degli standard di sostenibilità adottati oggi sono stati avviati da movimenti sociali in paesi particolari, come Rainforest Alliance negli Stati Uniti e Fairtrade nei Paesi Bassi. Altri standard sono stati avviati da singole società, come Utz Certified (Ahold), Starbucks C.A.F.E. (Starbucks) e Nespresso AAA (Nespresso). Alcuni standard sono stati lanciati da coalizioni di aziende private, agenzie di sviluppo, ONG e altre parti interessate. Ad esempio, il Common Code for the Coffee Community (4C) è stato avviato da un’alleanza tra grandi torrefattori americani di caffè, tra cui Kraft Foods, Sara Lee e Nestle, coadiuvati dall’Agenzia tedesca per la cooperazione tecnica e lo sviluppo (GIZ). Un importante facilitatore per lo sviluppo della maggior parte degli standard globali sono stati una serie di progetti di sviluppo locale che coinvolgono ONG, torrefattori e produttori in diversi paesi in via di sviluppo. Ad esempio, lo standard Fairtrade è stato sviluppato sulla base di progetti pilota con agricoltori messicani. 4C sviluppa progetti di sviluppo in Perù, Colombia e Vietnam, coinvolgendo GIZ, grandi torrefattori e produttori locali.

Gli standard più consolidati e adottati sono in agricoltura, con il 40% della produzione mondiale di caffè certificata in uno dei principali schemi e circa il 15-20% della produzione di cacao e tè è conforme ai principali standard internazionali. La silvicoltura e i frutti di mare selvatici sono anche settori in cui gli standard sono stati influenti, con una produzione certificata che supera il 10% della quota globale. Cotone, olio di palma, soia, biocarburanti e frutti di mare sono alcuni dei prodotti in cui la certificazione sta crescendo più velocemente, in parte a causa dei tavoli rotondi più importanti creati per riunire l’intero settore. Più recentemente, sono iniziati gli standard per l’estrazione e l’estrazione di metalli – tra cui oro, argento, alluminio e petrolio e gas – nonché per bovini, elettronica, plastica e turismo.

Le prove suggeriscono che la responsabilità sociale delle imprese (RSI) adottata volontariamente dalle imprese sarà molto più efficace della RSI regolata dal governo, in modo che gli standard globali delle aziende private promettano un impatto sociale efficace.

La creazione di ISEAL Alliance nel 2002 è stato il primo sforzo collaborativo tra un gruppo di organizzazioni di standard di sostenibilità a concordare di seguire le buone prassi comuni nel modo in cui i loro standard sono implementati e anche di collaborare per aumentare l’uso di standard e certificazioni a livello globale.

Diversi standard di sostenibilità
Negli ultimi anni sono stati sviluppati numerosi standard di sostenibilità per affrontare i problemi di qualità ambientale, equità sociale e prosperità economica della produzione e delle pratiche commerciali globali. Nonostante le somiglianze tra i principali obiettivi e le procedure di certificazione, ci sono alcune differenze significative in termini di sviluppo storico, gruppi target di adottanti, diffusione geografica ed enfasi su questioni ambientali, sociali o economiche.

Una delle principali differenze da tenere presente è basata sul livello di rigore dello standard. Alcuni standard hanno innalzato il livello per un settore, promuovendo le più forti pratiche sociali e ambientali e collaborando con i top performer per aumentare costantemente le aspettative di sostenibilità. Altri standard sono più focalizzati sull’eliminazione delle peggiori pratiche e operano a un livello più alto per ottenere una grande percentuale di un settore che lavora in modo incrementale verso pratiche migliori. Spesso ci sono strategie tra gli standard per spostare i produttori lungo questa scala delle prestazioni della sostenibilità. Un’altra distinzione importante è che alcuni standard possono essere applicati a livello internazionale (di solito con meccanismi per garantire la pertinenza e l’adeguatezza locali) mentre altri standard sono sviluppati interamente con un focus regionale o nazionale.

Ulteriori differenze tra gli standard potrebbero riguardare il processo di certificazione e se è condotto da una prima, seconda o terza parte; il sistema di tracciabilità in atto e se consente la segregazione o la miscelazione di materiali certificati e non certificati; e i tipi di dichiarazioni di sostenibilità che sono fatte sui prodotti.

Commercio equo
Il marchio Fairtrade è stato sviluppato alla fine degli anni ’80 da un’agenzia di sviluppo olandese in collaborazione con agricoltori messicani. L’iniziativa svolge il lavoro di sviluppo e promuove la sua visione politica di un’economia alternativa, vedendo il suo obiettivo principale nel potenziare i piccoli produttori e fornire loro l’accesso e migliorare la loro posizione sui mercati globali. La caratteristica più distintiva del marchio Fairtrade è la garanzia di un prezzo minimo e di un premio sociale che va alla cooperativa e non ai produttori direttamente. Recentemente, Fairtrade ha anche adottato obiettivi ambientali come parte del loro sistema di certificazione.

Rainforest Alliance
La Rainforest Alliance è stata creata alla fine degli anni ’80 da un movimento sociale ed è impegnata nella conservazione delle foreste pluviali e della loro biodiversità. Un elemento chiave dello standard è l’elaborazione obbligatoria e l’attuazione di un piano dettagliato per lo sviluppo di un sistema di gestione agricola sostenibile per aiutare la conservazione della fauna selvatica. Un altro obiettivo è migliorare il benessere dei lavoratori istituendo e garantendo mezzi di sussistenza sostenibili. I prezzi alla produzione possono avere un premio. Eppure, invece di garantire un prezzo fisso del piano, lo standard cerca di migliorare la situazione economica dei produttori attraverso rendimenti più elevati e maggiore efficienza dei costi.

Sigillo del commercio equo
Il Fair Trade Seal è stato sviluppato alla fine degli anni ’80 da un’agenzia di sviluppo olandese in collaborazione con agricoltori messicani. L’iniziativa svolge il lavoro di sviluppo e promuove la sua visione politica di un’economia alternativa, vedendo il suo obiettivo principale nel potenziamento dei piccoli produttori e fornendo loro l’accesso e il miglioramento della loro posizione nel mercato globale. La caratteristica più distintiva del marchio Fair Trade è la garanzia di un prezzo minimo e di un premio sociale che va alla cooperativa e non ai produttori direttamente. Recentemente, il marchio del commercio equo e solidale ha anche adottato obiettivi ambientali come parte del suo sistema di certificazione.

Alleanza per le foreste
L’Alleanza per le foreste (Rainforest Alliance) è stata creata alla fine degli anni ’80, da un movimento sociale, ed è impegnata nella conservazione delle foreste tropicali e della loro biodiversità. Un elemento chiave dello standard è l’elaborazione e l’esecuzione obbligatoria di un piano dettagliato per lo sviluppo di un sistema di gestione agricola sostenibile al fine di aiutare la conservazione della fauna selvatica. Un altro obiettivo è migliorare il benessere dei lavoratori attraverso la creazione e la garanzia di mezzi di sussistenza sostenibili. I prezzi di produzione possono portare a un premio. Tuttavia, invece di garantire un prezzo minimo fisso, lo standard mira a migliorare la situazione economica dei produttori attraverso rendimenti più elevati e una maggiore efficienza dei costi.

Certificato Utz
UTZ Certified (ex Utz Kapeh) è stato co-fondato dalla torrefattore olandese Ahold Coffee Company nel 1997. Il suo obiettivo è creare un mercato aperto e trasparente per prodotti agricoli socialmente e ambientalmente responsabili. Gli strumenti includono il sistema di tracciabilità UTZ e il codice di condotta UTZ. Il sistema di tracciabilità rende i prodotti certificati rintracciabili dal produttore all’acquirente finale e presenta rigide catene di requisiti di custodia. Il Codice di condotta di UTZ enfatizza sia le pratiche ambientali (ad esempio conservazione della biodiversità, trattamento dei rifiuti e uso dell’acqua) che i benefici sociali (ad esempio accesso alle cure mediche, accesso alle strutture sanitarie sul posto di lavoro).

Ecologico
Lo standard ecologico è stato sviluppato negli anni ’70 e si basa sugli standard di base dell’IFOAM. IFOAM significa la Federazione internazionale dei movimenti dell’agricoltura biologica ed è la principale organizzazione globale per il movimento dell’agricoltura biologica. Gli standard di base dell’IFOAM forniscono una serie di requisiti minimi, compresa l’omissione di prodotti chimici come pesticidi e fertilizzanti chimici sintetici. Anche l’uso di mangimi per il bestiame è strettamente regolamentato. Sono vietati l’ingegneria genetica e l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM).

Biologico
Lo standard organico è stato sviluppato negli anni ’70 e si basa sugli standard di base IFOAM. IFOAM è l’acronimo di International Federation of Organic Agriculture Movements ed è la principale organizzazione ombrello per il movimento dell’agricoltura biologica. Gli Standard di Base IFOAM forniscono una struttura di requisiti minimi, compresa l’omissione di prodotti chimici come pesticidi e fertilizzanti chimici-sintetici. Anche l’uso di mangimi è strettamente regolamentato. L’ingegneria genetica e l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM) sono vietati.

trustea
Il codice trustea è progettato per valutare le prestazioni sociali, economiche, agronomiche e ambientali delle piantagioni di tè indiane, dei piccoli proprietari e delle fabbriche produttrici di foglie (BLF).

Si prevede che la conformità con il codice non solo migliori la competitività delle piantagioni di tè, ma faciliti anche le piantagioni di tè nel raggiungere il rispetto delle normative nazionali e degli standard di sostenibilità internazionali in un approccio graduale. I punti di controllo applicabili in undici capitoli devono essere rispettati entro un periodo di quattro anni. Il codice del tè indiano consente ai produttori di dimostrare che operano in modo responsabile, producendo tè di qualità secondo rigorosi standard sociali e ambientali. La verifica sotto il codice fornisce ai produttori la garanzia di una produzione responsabile e offre l’opportunità di dimostrare in modo credibile ai propri clienti.

SuRe® – Lo standard per l’infrastruttura sostenibile e resiliente
SuRe® è uno standard volontario globale che integra i criteri chiave di resilienza e sostenibilità nello sviluppo delle infrastrutture, attraverso vari criteri di governance, fattori sociali e ambientali. Attualmente è sviluppato secondo le linee guida ISEAL dalla Fondazione svizzera Global Infrastructure Basel (GIB) e dalla banca francese Natixis. GIB e Natixis hanno lanciato lo standard SuRe® a un evento COP21 il 9 dicembre 2015.

Altri esempi
Altri tipi di standard includono schemi settoriali come la tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile (RSPO); standard per gli interventi sul clima e sullo sviluppo come il Gold Standard, iniziative di certificazione di sostenibilità guidate dai rivenditori come GlobalGAP; Iniziative di sostenibilità del proprio marchio aziendale come CAFE Practices di Starbucks; e programmi nazionali come lo schema “Origin Green” della Irish Food Board.

Il Forum delle Nazioni Unite sugli standard di sostenibilità (UNFSS) è un’iniziativa congiunta di FAO, UNEP, ITC, UNCTAD e UNIDO sugli standard di sostenibilità.

Tags: