Affare Sokal

L’affare Sokal, chiamato anche lo scherzo di Sokal, era una pubblicazione accademica perpetrata da Alan Sokal, professore di fisica alla New York University e all’University College di Londra. Nel 1996, Sokal ha presentato un articolo a Social Text, una rivista accademica di studi culturali postmoderni. La sottomissione è stata un esperimento per testare il rigore intellettuale della rivista e, in particolare, per indagare se “un importante giornale nordamericano di studi culturali – il cui collettivo editoriale include luminari come Fredric Jameson e Andrew Ross – pubblicherebbe un articolo liberato salato con assurdità se (a) suonava bene e (b) adulava i preconcetti ideologici degli editori “.

L’articolo, “Trasgredire i confini: verso un’ermeneutica trasformativa di gravità quantistica”, è stato pubblicato nel numero “Primavera di scienze della scienza” di Social Text primavera / estate 1996. Proponeva che la gravità quantistica fosse una costruzione sociale e linguistica. A quel tempo, la rivista non praticava la peer review accademica e non sottoponeva l’articolo a una perizia esterna da parte di un fisico. Il giorno della sua pubblicazione nel maggio 1996, Sokal rivelò in Lingua Franca che l’articolo era una bufala.

La beffa suscitò un dibattito sul merito accademico dei commenti sulle scienze fisiche da parte di quelli delle discipline umanistiche; l’influenza della filosofia postmoderna sulle discipline sociali in generale; etica accademica, incluso se Sokal avesse torto a ingannare gli editori e i lettori del Social Text; e se il testo sociale avesse esercitato un adeguato rigore intellettuale.

sfondo
In un’intervista al programma radiofonico americano All Things Considered, Sokal ha detto di essere stato ispirato a presentare l’articolo fasullo dopo aver letto Higher Superstition (1994), in cui gli autori Paul R. Gross e Norman Levitt sostengono che alcune riviste umanistiche pubblicherebbero qualcosa a lungo come aveva “il giusto pensiero di sinistra” e citava (o era scritto da) ben noti pensatori di sinistra.

Gross e Levitt erano stati i difensori vocali del campo di realismo scientifico delle “guerre della scienza”, opponendosi agli accademici postmodernisti che mettevano in dubbio l’oggettività scientifica. Essi affermarono che il sentimento anti-intellettuale nei dipartimenti delle arti liberali (e specialmente nei dipartimenti inglesi) causò l’ascesa del pensiero decostruzionista, che alla fine portò a una critica decostruzionista della scienza. Hanno visto la critica come un “repertorio di razionalizzazioni” per evitare lo studio della scienza.

Articolo
Sokal ragionava sul fatto che, se la presunzione di pigrizia editoriale fosse corretta, il contenuto insensato del suo articolo sarebbe irrilevante se gli editori lo pubblicassero. Ciò che sarebbe importante sarebbe l’ossequiosità ideologica, i riferimenti allettanti agli scrittori decostruzionista e una quantità sufficiente del gergo appropriato. Scrivendo dopo che l’articolo fu pubblicato e la bufala rivelata, dichiarò:

I risultati del mio piccolo esperimento dimostrano, come minimo, che alcuni settori alla moda della sinistra accademica americana sono diventati intellettualmente pigri. Ai redattori di Social Text è piaciuto il mio articolo perché gli è piaciuta la sua conclusione: che “il contenuto e la metodologia della scienza postmoderna forniscono un potente supporto intellettuale per il progetto politico progressista” [sec. 6]. Apparentemente non sentivano il bisogno di analizzare la qualità delle prove, la forza delle argomentazioni o anche la rilevanza degli argomenti alla presunta conclusione.

Contenuto dell’articolo
“Trasgredire i confini: verso una ermeneutica trasformativa della gravità quantistica” ha proposto che la gravità quantistica abbia implicazioni politiche progressiste e che il “campo morfogenetico” potrebbe essere una teoria all’avanguardia della gravità quantistica (un campo morfogenetico è un concetto adattato da Rupert Sheldrake in un modo che Sokal ha definito nel seguito dell’affare come “una bizzarra idea della New Age”). Sokal ha scritto che il concetto di “un mondo esterno le cui proprietà sono indipendenti da ogni singolo essere umano” era “dogma imposto dalla lunga egemonia postilluministica sulle prospettive intellettuali occidentali”.

Dopo aver riferito scetticamente al cosiddetto “metodo scientifico”, l’articolo ha dichiarato che “sta diventando sempre più evidente che la” realtà “fisica è fondamentalmente” una costruzione sociale e linguistica “. Ha proseguito affermando che, poiché la ricerca scientifica è “intrinsecamente carica di teorie e autoreferenziale”, “non può affermare uno status epistemologico privilegiato rispetto alle narrative contrhegemoniche provenienti da comunità dissidenti o emarginate” e che quindi una “scienza liberatoria” e una “matematica emancipatoria”, che respingeva “il canone di casta elitario di ‘alta scienza'”, doveva essere stabilita per una “scienza postmoderna [che] fornisse un potente sostegno intellettuale per il progetto politico progressista”.

Inoltre, le note a piè di pagina dell’articolo riportano i termini accademici con la retorica sociopolitica, ad esempio:

Proprio come le femministe liberali si accontentano spesso di un’agenda minima di uguaglianza legale e sociale per le donne e di “pro-scelta”, i matematici così liberali (e anche alcuni socialisti) si accontentano spesso di lavorare all’interno dell’egemonico quadro di Zermelo-Fraenkel (che, riflettendo le sue origini liberali del diciannovesimo secolo incorporano già l’assioma dell’uguaglianza, integrato solo dall’assioma della scelta.

Pubblicazione
Sokal ha presentato l’articolo a Social Text, i cui redattori stavano raccogliendo articoli per il numero “Guerre della scienza”. “Trasgredire i confini: verso l’ermeneutica trasformativa della gravità quantistica” è stato l’unico articolo presentato da uno scienziato naturale. Più tardi, dopo l’auto-esposizione di Sokal del suo articolo di falsificazione pseudoscientifico sulla rivista Lingua Franca, i redattori del Social Text hanno detto in un saggio pubblicato di aver chiesto modifiche editoriali che Sokal si rifiutava di fare, e aveva espresso preoccupazioni per la qualità della scrittura, affermando “Gli abbiamo chiesto (a) di ascrivere una buona parte della speculazione filosofica e (b) di ascrivere la maggior parte delle sue note a piè di pagina”. Ciononostante, nonostante in seguito avesse designato il fisico come un “autore difficile e non collaborativo”, e notando che tali scrittori erano “ben noti agli editori di riviste”, Social Text pubblicò l’articolo in riconoscimento delle credenziali dell’autore nella primavera / estate del maggio 1996 Problema “Guerre scientifiche”. Gli editori non hanno cercato la revisione da parte dei colleghi dell’articolo da parte di fisici o altro; in seguito hanno difeso questa decisione basandosi sul fatto che il testo sociale era un diario per un’inchiesta intellettuale aperta e l’articolo non è stato offerto come contributo alla disciplina della fisica.

risposte
Follow-up tra Sokal e gli editori
Nel numero di maggio 1996 di Lingua Franca, nell’articolo “Un esperimento di fisica con studi culturali”, Sokal ha rivelato che “Trasgredire i confini” era una bufala e ha concluso che il testo sociale “si sentiva a proprio agio pubblicando un articolo sulla fisica quantistica senza preoccuparsi di consultare chiunque sia a conoscenza dell’argomento “a causa delle sue inclinazioni ideologiche e dei suoi pregiudizi editoriali. In loro difesa, i redattori del Social Text hanno detto che credevano che “Transgressing the Boundaries” fosse il serio tentativo di uno scienziato professionista di cercare qualche tipo di affermazione dalla filosofia postmoderna per gli sviluppi nel suo campo “e che” il suo status di parodia non alterare, sostanzialmente, il nostro interesse per il pezzo stesso, come un documento sintomatico “. Oltre a criticare il suo stile di scrittura, i redattori del Social Text hanno accusato Sokal di comportarsi in modo non etico nell’illustrarli.

Sokal ha detto che la risposta degli editori ha illustrato il problema che ha evidenziato. Il testo sociale, come un giornale accademico, ha pubblicato l’articolo non perché fosse fedele, vero e accurato al suo soggetto, ma perché era stato scritto da una “autorità accademica” e dall’apparizione dell’oscura scrittura. I redattori hanno detto che lo consideravano mal scritto, ma lo hanno pubblicato perché ritenevano che Sokal fosse un accademico alla ricerca della loro affermazione intellettuale. Sokal ha osservato:

Il mio obiettivo non è difendere la scienza dalle orde barbariche di crit lit (sopravviveremo bene, grazie), ma difendere la sinistra da un segmento di tendenza di se stesso. … Ci sono centinaia di importanti questioni politiche ed economiche che circondano la scienza e la tecnologia. La sociologia della scienza, al suo meglio, ha fatto molto per chiarire questi problemi. Ma la sociologia sciatta, come la scienza sciatta, è inutile, o addirittura controproducente.

La risposta di Social Text ha rivelato che nessuno dei redattori aveva sospettato che il pezzo di Sokal fosse una parodia. Invece, hanno ipotizzato che l’ammissione di Sokal “rappresentasse un cambiamento di cuore, o un ripiegamento della sua risoluzione intellettuale”. Sokal trovò ulteriore umorismo nell’idea che l’assurdità dell’articolo fosse difficile da individuare:

Nel secondo paragrafo dichiaro senza la minima evidenza o argomentazione, che la “realtà fisica” (nota le citazioni di paura) è in fondo una costruzione sociale e linguistica “. Non le nostre teorie sulla realtà fisica, bada bene, ma la realtà stessa. Giusto. Chiunque creda che le leggi della fisica siano mere convenzioni sociali è invitato a provare a trasgredire quelle convenzioni dalle finestre del mio appartamento. Vivo al ventunesimo piano.

Prenota da Sokal e Bricmont
Nel 1997, Sokal e Jean Bricmont hanno co-scritto Impostures intellectuelles (U.S .: Fashionons Nonsense: Postmodern Intellectuals ‘Abuse of Science, U.K .: Intellectual Impostures, 1998). Il libro conteneva analisi di estratti da scritti di intellettuali affermati che Sokal e Bricmont reclamavano con un uso improprio della terminologia scientifica. Si è chiuso con una sintesi critica del postmodernismo e la critica del forte programma di costruzionismo sociale nella sociologia della conoscenza scientifica.

Copertura mediatica e Jacques Derrida
Come Sokal ha rivelato la burla, il filosofo francese Jacques Derrida è stato inizialmente uno degli obiettivi del discredito negli Stati Uniti, in particolare nella copertura dei giornali. Un settimanale statunitense ha usato due immagini di Derrida, una foto e una caricatura, per illustrare un “dossier” sull’articolo di Sokal. Derrida ha risposto allo scherzo in “Sokal et Bricmont ne sont pas sérieux” (“Sokal e Bricmont non sono seri”), pubblicato per la prima volta il 20 novembre 1997 a Le Monde. Chiamò l’azione di Sokal triste (triste) per aver messo in ombra il lavoro matematico di Sokal e rovinando la possibilità di risolvere attentamente le controversie sull’oggettività scientifica. Derrida ha continuato a criticare lui e il coautore Jean Bricmont per quello che considerava un atto di malafede intellettuale nel descrivere il loro libro di follow-up, Impostures intellectuelles (Regno Unito: Intellectual Impostures; US: Fashionable Nonsense): avevano pubblicato due articoli quasi contemporaneamente, uno in inglese in The Times Literary Supplement il 17 ottobre 1997 e uno in francese in Libération il 18-19 ottobre 1997, ma mentre i due articoli erano quasi identici, differivano nel modo in cui trattavano Derrida. L’articolo in lingua inglese conteneva un elenco di intellettuali francesi che non erano inclusi nel libro di Sokal e Bricmont: “Questi noti pensatori come Althusser, Barthes e Foucault – che, come ben sanno i lettori del TLS, hanno sempre avuto i loro sostenitori e detrattori su entrambi i lati del Canale – appaiono nel nostro libro solo in un ruolo minore, come cheerleaders per i testi che critichiamo “. L’elenco in lingua francese, tuttavia, includeva Derrida: “Des penseurs célèbres tels qu’Altusser, Barthes, Derrida et Foucault sont essentiellement absents de notre livre.” Derrida potrebbe anche essere stata sensibile a una leggera differenza tra le versioni francese e inglese di Impostures intellectuelles. In francese, la sua citazione dall’articolo di beffa originale si dice che sia un’istanza “isolata” di abuso, mentre il testo inglese aggiunge un’osservazione genetica che il lavoro di Derrida conteneva “nessuna pratica sistematica di uso improprio (o effettivamente attenzione a)”. Derrida gridò fallo, ma Sokal e Bricmont insistettero sul fatto che la differenza tra gli articoli era “banale”. Tuttavia, Derrida concluse, come indica il titolo del suo articolo, che Sokal non era serio nel suo approccio, ma aveva usato lo spettacolo di un “rapido scherzo pratico” per sostituire la borsa di studio che Derrida credeva che il pubblico meritasse.

Critica delle scienze sociali
Il sociologo Stephen Hilgartner, presidente del dipartimento di studi scientifici e tecnologici della Cornell University, ha scritto “The Sokal Affair in Context” (1997), confrontando lo scherzo di Sokal con “Confirmational Response: Bias Among Social Worknals” (1990), un articolo di William M. Epstein ha pubblicato su Science, Technology & Human Values. Epstein ha usato un approccio simile a quello di Sokal, sottoponendo articoli fittizi a veri giornali accademici per misurare la loro risposta. Sebbene molto più sistematico del lavoro di Sokal, ha ricevuto scarsa attenzione da parte dei media. Hilgartner sosteneva che l’impatto intellettuale della beffa di Sokal non poteva essere attribuito alla sua qualità di “dimostrazione”, ma piuttosto a un’iperbole giornalistica e ai pregiudizi anti-intellettuali di alcuni giornalisti americani.

Lo scandalo Sokal Affair esteso dal mondo accademico alla stampa pubblica. L’antropologo Bruno Latour, criticato in Fashionable Nonsense, descrisse lo scandalo come una “tempesta in una tazza da tè”. Il matematico in pensione della Northeastern University ha trasformato lo scienziato sociale Gabriel Stolzenberg in saggi destinati a screditare le dichiarazioni di Sokal e dei suoi alleati, sostenendo che non hanno afferrato sufficientemente la filosofia criticata, rendendo la loro critica priva di significato. In Social Studies of Science, Bricmont e Sokal hanno risposto a Stolzenberg, denunciando le sue “false dichiarazioni tendenziose” del loro lavoro e criticando il commento di Stolzenberg sul “programma forte” della sociologia della scienza. Nello stesso numero, Stolzenberg ha risposto, sostenendo che la loro critica e le accuse di travisamento erano basate su fraintendimenti. Ha consigliato ai lettori di esaminare lentamente e con scetticismo gli argomenti proposti da ciascun partito, tenendo presente che “l’ovvio a volte è il nemico del vero”.

Studio di follow-up sociologico
Nel 2009, il sociologo di Cornell, Robb Willer, ha condotto un esperimento in cui gli studenti universitari hanno letto il foglio di Sokal e gli è stato detto che era stato scritto da un altro studente o che era di un famoso accademico. Ha scoperto che gli studenti che credevano che l’autore del giornale fosse un intellettuale di alto rango, lo giudicavano più elevato in termini di qualità e intelligibilità.