Realismo sociale

Originally posted 2017-02-22 19:10:53.

Il realismo sociale è il termine usato per il lavoro prodotto da pittori, incisori, fotografi, scrittori e cineasti che mira a richiamare l’attenzione sulle reali condizioni socio-politiche della classe lavoratrice come mezzo per criticare le strutture di potere dietro queste condizioni. Mentre le caratteristiche del movimento variano da nazione a nazione, quasi sempre utilizza una forma di realismo descrittivo o critico. Prendendo le sue radici dal realismo europeo, il realismo sociale mira a rivelare le tensioni tra una forza oppressiva, egemonica e le sue vittime.

Termine usato per riferirsi al lavoro di pittori, incisori, fotografi e registi che attirano l’attenzione sulle condizioni quotidiane delle classi lavoratrici e dei poveri e che sono critici nei confronti delle strutture sociali che mantengono queste condizioni In generale non dovrebbe essere confuso con il realismo socialista, la forma d’arte ufficiale dell’URSS, istituzionalizzata da Joseph Stalin nel 1934, e in seguito dai partiti comunisti alleati nel mondo, il realismo sociale, al contrario, rappresenta una tradizione democratica di artisti indipendenti socialmente motivati, di solito di sinistra o persuasione liberale La loro preoccupazione per le condizioni delle classi inferiori era il risultato dei movimenti democratici del XVIII e XIX secolo, quindi il realismo sociale nel suo senso più completo dovrebbe essere visto come un fenomeno internazionale,nonostante la frequente associazione del termine con la pittura americana Mentre lo stile artistico del realismo sociale varia da nazione a nazione, utilizza quasi sempre una forma di realismo descrittivo o critico (ad esempio il lavoro nella Russia del XIX secolo dei vagabondi)

Il termine è a volte usato in modo più ristretto per un movimento artistico fiorito tra le due guerre mondiali come reazione alle difficoltà e ai problemi sofferti dalla gente comune dopo il Grande Incidente. Per rendere la loro arte più accessibile a un pubblico più ampio, gli artisti si sono rivolti a ritratti realisti di lavoratori anonimi e celebrità come simboli eroici di forza di fronte alle avversità. L’obiettivo degli artisti in tal senso era politico in quanto desiderava esporre le condizioni deterioranti dei poveri e delle classi lavoratrici e ritenere responsabili gli attuali sistemi governativi e sociali.

Il realismo sociale non deve essere confuso con il realismo socialista, la forma d’arte ufficiale sovietica che è stata istituzionalizzata da Joseph Stalin nel 1934 e successivamente adottata dai partiti comunisti alleati in tutto il mondo. È anche diverso dal realismo in quanto non solo presenta le condizioni dei poveri, ma lo fa trasmettendo le tensioni tra due forze opposte, come tra gli agricoltori e il loro signore feudale. Tuttavia, a volte i termini realismo sociale e realismo socialista sono usati in modo intercambiabile.

Origini
Il realismo sociale risale al realismo europeo del XIX secolo, tra cui l’arte di Honoré Daumier, Gustave Courbet e Jean-François Millet. La rivoluzione industriale della Gran Bretagna destò preoccupazione per i poveri urbani e negli anni settanta dell’Ottocento il lavoro di artisti come Luke Fildes, Hubert von Herkomer, Frank Holl e William Small furono ampiamente riprodotti in The Graphic.

In Russia, Peredvizhniki o “Realismo sociale” è stato critico dell’ambiente sociale che ha causato le condizioni illustrate e ha denunciato il periodo “cattivo” zarista. Ilya Repin ha detto che la sua opera d’arte era rivolta “a criticare tutte le mostruosità della nostra vile società” del periodo zarista. Preoccupazioni simili sono state affrontate nella Gran Bretagna del 20 ° secolo dall’Associazione internazionale degli artisti, dall’Osservazione di massa e dalla scuola di lavandini della cucina.

La fotografia realista sociale attinge dalle tradizioni documentarie del tardo XIX secolo, come l’opera di Jacob A. Riis e Maksim Dmitriyev.

Scuola di Ashcan
Nel 1900 circa un gruppo di artisti realisti guidati da Robert Henri sfidò l’impressionismo e gli accademici americani, in quella che sarebbe diventata la scuola di Ashcan. Il termine fu suggerito da un disegno di George Bellows, intitolato Disappointments of the Ash Can, che apparve nel Philadelphia Record nell’aprile del 1915.

In dipinti, illustrazioni, incisioni e litografie, gli artisti di Ashcan si sono concentrati sul ritratto della vitalità di New York, con un occhio attento agli eventi attuali e alla retorica sociale e politica dell’epoca. H. Barbara Weinberg del Metropolitan Museum of Art ha descritto gli artisti come “un periodo di transizione e inquietudine caratterizzato da fiducia e dubbio, eccitazione e trepidazione.” Ignorando o registrando solo delicatamente nuove realtà come i problemi dell’immigrazione e della città povertà, hanno illuminato positivamente la loro era “.

Notevoli lavori di Ashcan comprendono Breaker Boy di George Luks e Sixth Avenue di John Sloan. La scuola degli Ashcan influenzò l’arte dell’era della Depressione, incluso il murale City Activity with Subway di Thomas Hart Benton.

Movimento artistico
Il termine risale su scala più ampia al movimento realista nell’arte francese durante la metà del XIX secolo. Il realismo sociale del XX secolo si riferisce alle opere dell’artista francese Gustave Courbet e in particolare alle implicazioni dei suoi dipinti del 19 ° secolo A Burial at Ornans e The Stone Breakers, che scandalizza i frequentatori francesi del Salon del 1850, ed è vista come un fenomeno internazionale è riconducibile anche al realismo europeo e alle opere di Honoré Daumier e Jean-François Millet. Lo stile del realismo sociale cadde fuori moda negli anni ’60 ma è ancora influente nel pensiero e nell’arte di oggi.

Nel significato più limitato del termine, il realismo sociale con radici nel realismo europeo divenne un importante movimento artistico durante la Grande Depressione negli Stati Uniti negli anni ’30. Come movimento artistico americano è strettamente legato alla pittura di scena americana e al regionalismo. Il realismo sociale americano include le opere di artisti come quelli della scuola di Ashcan tra cui Edward Hopper e Thomas Hart Benton, Will Barnet, Ben Shahn, Jacob Lawrence, Paul Meltsner, Romare Bearden, Rafael Soyer, Isaac Soyer, Moses Soyer, Reginald Marsh , John Steuart Curry, Arnold Blanch, Aaron Douglas, Grant Wood, Horace Pippin, Walt Kuhn, Isabel Bishop, Paul Cadmus, Doris Lee, Philip Evergood, Mitchell Siporin, Robert Gwathmey, Adolf Dehn, Harry Sternberg, Gregorio Prestopino, Louis Lozowick, William Gropper, Philip Guston, Jack Levine, Ralph Ward Stackpole, John Augustus Walker e altri. Si estende anche all’arte della fotografia, come esemplificato dalle opere di Walker Evans, Dorothea Lange, Margaret Bourke-White, Lewis Hine, Edward Steichen, Gordon Parks, Arthur Rothstein, Marion Post Wolcott, Doris Ulmann, Berenice Abbott, Aaron Siskind, e Russell Lee tra molti altri.

In Messico la pittrice Frida Kahlo è associata al movimento di realismo sociale. Anche in Messico fu il movimento muralista messicano che ebbe luogo principalmente negli anni ’20 e ’30; ed è stato fonte d’ispirazione per molti artisti a nord del confine e una componente importante del movimento di realismo sociale. Il movimento muralista messicano è caratterizzato dai suoi sottotoni politici, la maggior parte dei quali di natura marxista, e dalla situazione sociale e politica del Messico post-rivoluzionario. Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros, José Clemente Orozco e Rufino Tamayo sono i più noti sostenitori del movimento. Santiago Martínez Delgado, Jorge González Camarena, Roberto Montenegro, Federico Cantú Garza e Jean Charlot, così come molti altri artisti hanno partecipato al movimento.

Molti artisti che aderivano al realismo sociale erano pittori con opinioni politiche socialiste (ma non necessariamente marxiste). Il movimento ha quindi alcuni punti in comune con il realismo socialista usato nell’Unione Sovietica e nel blocco orientale, ma i due non sono identici – il realismo sociale non è un’arte ufficiale, e lascia spazio alla soggettività. In alcuni contesti, il realismo socialista è stato descritto come un ramo specifico del realismo sociale.

Il realismo sociale è stato sintetizzato come segue:

Il realismo sociale si sviluppò come reazione contro l’idealismo e l’ego esagerato incoraggiato dal romanticismo. Le conseguenze della rivoluzione industriale divennero evidenti; i centri urbani sono cresciuti, i bassifondi hanno proliferato su una nuova scala in contrasto con l’esposizione della ricchezza delle classi superiori. Con un nuovo senso di coscienza sociale, i Realisti Sociali si impegnarono a “combattere la bella arte”, uno stile che attrasse lo sguardo o le emozioni. Si sono concentrati sulle brutte realtà della vita contemporanea e hanno simpatizzato con le persone della classe lavoratrice, in particolare i poveri. Hanno registrato ciò che hanno visto (“come è esistito”) in modo spassionato. Il pubblico era indignato dal realismo sociale, in parte, perché non sapevano come guardarlo o cosa fare con esso

Negli Stati Uniti

Progetto FSA
La fotografia realista sociale ha raggiunto il culmine nel lavoro di Dorothea Lange, Walker Evans, Ben Shahn e altri per il progetto FSA (Farm Security Administration), dal 1935 al 1943.

Dopo la prima guerra mondiale, la fiorente economia delle aziende agricole americane crollò a causa della sovrapproduzione, del calo dei prezzi, delle condizioni meteorologiche sfavorevoli e dell’aumento della meccanizzazione. Molti braccianti agricoli erano senza lavoro e molte piccole attività agricole sono state costrette a indebitarsi. Le fattorie costrette a pagare il debito furono pignorate a migliaia, e mezzadri e fittavoli furono allontanati dalla terra. Quando Franklin D. Roosevelt entrò in carica nel 1932, quasi due milioni di famiglie di contadini vivevano in condizioni di povertà e milioni di acri di terreno agricolo erano stati rovinati dall’erosione del suolo e dalle pratiche agricole povere.

La FSA era un’agenzia del New Deal progettata per combattere la povertà rurale durante questo periodo. L’agenzia ha assunto fotografi per fornire prove visive dell’esistenza di un bisogno e che i programmi FSA rispondevano a tale necessità. Alla fine questa missione ha rappresentato oltre 80.000 immagini in bianco e nero ed è ora considerata uno dei progetti di fotografia documentaria più famosi di sempre.

Progetti artistici WPA e Treasury
Il progetto Public Works of Art è stato un programma per impiegare artisti durante la Grande Depressione. Fu il primo programma del genere, in vigore dal dicembre 1933 al giugno 1934. Era diretto da Edward Bruce, sotto il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e finanziato dall’amministrazione dei lavori civili.

Creata nel 1935, la Works Progress Administration è stata la più grande e ambiziosa agenzia New Deal, impiegando milioni di disoccupati (per lo più uomini non qualificati) per realizzare progetti di lavori pubblici, compresa la costruzione di edifici pubblici e strade. In progetti molto più piccoli ma più famosi, la WPA ha impiegato musicisti, artisti, scrittori, attori e registi in progetti artistici, teatrali, di media e alfabetizzazione di grandi dimensioni. Molti degli artisti impiegati nell’ambito della WPA sono associati al realismo sociale. Il realismo sociale divenne un importante movimento artistico durante la Grande Depressione negli Stati Uniti negli anni ’30. Come un movimento artistico americano incoraggiato dall’arte del New Deal, il realismo sociale è strettamente correlato alla scena pittorica americana e al regionalismo.

In Messico la pittrice Frida Kahlo è associata al movimento di realismo sociale. Anche in Messico fu il movimento muralista messicano che ebbe luogo principalmente negli anni ’20 e ’30; ed è stato fonte d’ispirazione per molti artisti a nord del confine e una componente importante del movimento di realismo sociale. Il movimento muralista messicano è caratterizzato dai suoi sottotoni politici, la maggior parte dei quali di natura marxista, e dalla situazione sociale e politica del Messico post-rivoluzionario. Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros, José Clemente Orozco e Rufino Tamayo sono i più noti sostenitori del movimento. Santiago Martínez Delgado, Jorge González Camarena, Roberto Montenegro, Federico Cantú Garza e Jean Charlot, così come molti altri artisti hanno partecipato al movimento.

Molti artisti che aderivano al Realismo Sociale erano pittori con opinioni politiche socialiste (ma non necessariamente marxiste). Il movimento ha quindi alcuni punti in comune con il realismo socialista usato nell’Unione Sovietica e nel blocco orientale, ma i due non sono identici – il realismo sociale non è un’arte ufficiale e lascia spazio alla soggettività. In alcuni contesti, il realismo socialista è stato descritto come un ramo specifico del realismo sociale.

Seconda guerra mondiale da presentare
Con l’inizio dell’espressionismo astratto negli anni ’40, il realismo sociale era passato di moda. Diversi artisti WPA hanno trovato lavoro con l’Office of War Information degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale, realizzando poster e altri materiali visivi per lo sforzo bellico. Dopo la guerra, sebbene mancassero di attenzione nel mercato dell’arte, molti artisti di realismo sociale hanno continuato la loro carriera negli anni ’50, ’60, ’70, ’80, ’90 e negli anni 2000; durante il quale artisti come Jacob Lawrence, Ben Shahn, Bernarda Bryson Shahn, Raphael Soyer, Robert Gwathmey, Antonio Frasconi, Philip Evergood, Sidney Goodman e Aaron Berkman continuarono a lavorare su temi e modalità di realismo sociale.

Sebbene spesso fluttuante dentro e fuori moda, il realismo sociale e l’arte socialmente consapevole non si estingue mai e continua oggi nel mondo dell’arte contemporanea, compresi gli artisti Sue Coe, Mike Alewitz, Kara Walker, Celeste Dupuy Spencer, Allan Sekula, Fred Lonidier, e altri.

In America Latina, gli
artisti di tutto il mondo hanno utilizzato temi di realismo sociale come risposta a questioni sociali, economiche e politiche.

Il realismo sociale negli Stati Uniti fu ispirato dai muralisti attivi in ​​Messico dopo la rivoluzione messicana del 1910. I murales in gran parte propagandistici enfatizzavano uno spirito rivoluzionario e un orgoglio nelle tradizioni delle popolazioni indigene del Messico, e includevano la Storia del Messico di Diego Rivera da la conquista per il futuro, Catharisis di José Clemente Orozco e The Strike di David Alfaro Siqueiros. Questi murales hanno anche incoraggiato il realismo sociale in altri paesi dell’America Latina, dall’Ecuador (The Strike di Oswaldo Guayasamín) al Brasile (Cândido Portinari’s Coffee).

In Europa
In Belgio, i primi rappresentanti del realismo sociale si trovano nel lavoro di artisti del XIX secolo come Constantin Meunier e Charles de Groux. In Gran Bretagna artisti come l’americano James Abbot McNeill Whistler, così come gli artisti inglesi Hubert von Herkomer e Luke Fildes hanno avuto un grande successo con dipinti realistici che trattano questioni sociali e raffigurazioni del mondo “reale”. Gli artisti nell’Europa occidentale abbracciarono anche il realismo sociale all’inizio del XX secolo, tra cui gli artisti tedeschi Käthe Kollwitz (Raped Woman), George Grosz (Teutonic Day), Otto Dix e Max Beckmann; e l’artista svedese Torsten Billman; e gli artisti olandesi Charley Toorop (The Friends ‘Meal) e Pyke Koch; e gli artisti francesi Maurice de Vlaminck, Roger de La Fresnaye, Jean Fautrier e Francis Gruber e gli artisti belgi Eugène Laermans e Constant Permeke.

La polarizzazione politica del periodo offuscò la distinzione del realismo sociale dal realismo socialista, e verso la metà del 20 ° secolo il movimento era stato oscurato dall’arte astratta sia nell’Europa occidentale che negli Stati Uniti.

Francia Il
realismo, uno stile di pittura che descrive l’attualità di ciò che gli occhi possono vedere, era una forma d’arte molto popolare in Francia intorno alla metà del XIX secolo. È nato con l’introduzione della fotografia, una nuova fonte visiva che ha creato il desiderio per le persone di produrre cose che sembrano “oggettivamente reali”. Il realismo era fortemente contro il romanticismo, un genere che domina la letteratura e le opere d’arte francesi a metà del XIX secolo. Indistinto da pregiudizi personali, il realismo credeva nell’ideologia della realtà esterna e si ribellava a un emotivo esagerato. Verità e accuratezza divennero gli obiettivi di molti realisti come Gustave Courbet.

La Russia e l’Unione Sovietica
Il movimento realista francese aveva equivalenti in tutti gli altri paesi occidentali, sviluppandosi un po ‘più tardi. In particolare, il gruppo Peredvizhniki o Wanderers in Russia, formatosi nel 1860 e organizzato mostre dal 1871, comprendeva molti realisti come Ilya Repin e aveva una grande influenza sull’arte russa.

Da quella tendenza importante arrivò lo sviluppo del realismo socialista, che avrebbe dominato la cultura e l’espressione artistica sovietica per oltre 60 anni. Il realismo socialista, che rappresentava le ideologie socialiste, era un movimento artistico che rappresentava la vita sociale e politica contemporanea negli anni ’30, da un punto di vista di sinistra. Rappresentava soggetti di interesse sociale; la lotta del proletariato – disagi della vita quotidiana che la classe operaia ha dovuto sopportare ed enfatizzato eroicamente i valori dei fedeli lavoratori comunisti.

L’ideologia alla base del realismo sociale, raffigurante l’eroismo della classe operaia, era quella di promuovere e scintillare azioni rivoluzionarie e di diffondere l’immagine dell’ottimismo e dell’importanza della produttività. Mantenere le persone ottimiste significava creare un senso di patriottismo, che si rivelerebbe molto importante nella lotta per creare una nazione socialista di successo. Il giornale dei sindacati, il Literaturnaya Gazeta, descriveva il realismo sociale come “la rappresentazione della rivoluzione proletaria”. Durante il regno di Joseph Stalin, era molto importante usare il realismo socialista come una forma di propaganda nei manifesti, poiché manteneva le persone ottimiste e incoraggiava un maggiore sforzo produttivo, una necessità nel suo obiettivo di sviluppare la Russia in una nazione industrializzata.

Vladimir Lenin riteneva che l’arte dovesse appartenere al popolo e dovesse schierarsi dalla parte del proletariato. “L’arte dovrebbe essere basata sui loro sentimenti, pensieri e richieste, e dovrebbe crescere insieme a loro”, ha detto Lenin. Credeva che tutte le forme d’arte sovietiche dovessero “denunciare i crimini del capitalismo e lodare il socialismo … creato per ispirare i lettori e gli spettatori a difendere la rivoluzione”. Dopo la rivoluzione del 1917, i leader del partito comunista appena formato incoraggiavano la sperimentazione di diversi tipi di arte. Lenin riteneva che lo stile dell’arte che l’URSS avrebbe dovuto sostenere avrebbe dovuto essere di facile comprensione (escludendo l’arte astratta come il suprematismo e il costruttivismo), così da essere compreso dalle masse di analfabeti in Russia.

Si svolse un ampio dibattito sull’arte, il principale disaccordo fu tra coloro che credevano nell’arte proletaria, che non avrebbe avuto alcun legame con l’arte passata che usciva dalla società borghese, e quelli (il più rumoroso Leon Trotsky) che credevano che l’arte fosse una società dominata dai valori della classe lavoratrice doveva assorbire tutte le lezioni dell’arte borghese prima che potesse procedere.

La presa del potere da parte della fazione di Joseph Stalin ebbe il suo corollario nella creazione di un’arte ufficiale: il 23 aprile 1932, guidato da Stalin, un’organizzazione formata dal comitato centrale del Partito comunista sviluppò l’Unione degli scrittori sovietici. Questa organizzazione ha sostenuto l’ideologia recentemente designata del realismo sociale.

By 1934 all other independent art groups were abolished, making it nearly impossible for someone not involved in the Union of Soviet Writers to get work published. Any literary piece or painting that did not endorse the ideology of social realism was censored and/or banned. This new art movement, introduced under Joseph Stalin, was one of the most practical and durable artistic approaches of the 20th century. With the communist revolution came also a cultural revolution. It also gave Stalin and his Communist Party greater control over Soviet culture and restricted people from expressing alternative geopolitical ideologies that differed to those represented in Socialist Realism. The decline of Social Realism came with fall of the Soviet Union in 1991.

Nel cinema
il realismo sociale nel cinema affonda le proprie radici nel neorealismo italiano, nei film di Roberto Rossellini, Vittorio De Sica e, in parte, in Federico Fellini.

Nel cinema britannico Il
primo cinema britannico usava l’interazione sociale comune trovata nelle opere letterarie di Charles Dickens e Thomas Hardy. Uno dei primi film britannici a enfatizzare il valore del realismo come protesta sociale è stato A Reservist Before the War di James Williamson e After the War nel 1902. Il film ha ricordato che il militare Boer War sarebbe tornato a casa per la disoccupazione. La censura repressiva durante il 1945-54 impedì ai film britannici di assumere posizioni sociali più radicali.

Dopo la prima guerra mondiale, la borghesia britannica generalmente reagiva al realismo e al controllo del cinema, mentre la classe operaia generalmente prediligeva i film di genere di Hollywood. Quindi il realismo portava connotazioni di educazione e serietà. Queste distinzioni sociali ed estetiche sono diventate temi correnti; Il realismo sociale è ora associato con l’autore d’autore, mentre i film di Hollywood tradizionali sono mostrati al multiplex.

Il produttore Michael Balcon ha fatto rivivere questa distinzione negli anni ’40, riferendosi alla rivalità dell’industria britannica con Hollywood in termini di “realismo e orpelli”. Balcon, il capo di Ealing Studios, divenne una figura chiave nell’emergere di un cinema nazionale caratterizzato da stoicismo e verosimiglianza. “Combinando il temperamento oggettivo e l’estetica del movimento documentario con le stelle e le risorse del cinema d’autore, il cinema britannico degli anni ’40 ha suscitato l’interesse di un pubblico di massa”, ha osservato il critico Richard Armstrong.

Il realismo sociale nel cinema rifletteva la trasformazione della società di guerra in Gran Bretagna. Le donne lavoravano al fianco degli uomini nelle forze armate e nelle fabbriche di munizioni, sfidando i ruoli di genere pre-assegnati. Il razionamento, i bombardamenti aerei e l’intervento dello stato senza precedenti nella vita dell’individuo incoraggiavano una filosofia più sociale e una visione del mondo. I film di realismo sociale dell’epoca includono Target for Tonight (1941), In Which We Serve (1942), Millions Like Us (1943) e This Happy Breed (1944). Lo storico Roger Manvell ha scritto: “Mentre i cinema [chiusi inizialmente per la paura dei raid aerei] si sono riaperti, il pubblico si è inondato, cercando sollievo da duro lavoro, compagnia, liberazione dalla tensione, indulgenza emotiva e, dove potevano trovarli, qualche riaffermazione dei valori dell’umanità. ”

Nel dopoguerra film come Passport to Pimlico (1949), The Blue Lamp (1949) e The Titfield Thunderbolt (1952) hanno reiterato i delicati valori patriziani, creando una tensione tra il cameratismo degli anni della guerra e la fiorente società dei consumi.

Un movimento britannico della New Wave è emerso negli anni ’50 e ’60. Autori britannici come Karel Reisz, Tony Richardson e John Schlesinger hanno portato ampi e chiari racconti a storie di cittadini britannici che negoziavano strutture sociali postbelliche. Tra i film britannici del New Wave ricordiamo Room at the Top (1958), Saturday Night e Sunday Morning (1960), The Loneliness of the Long Distance Runner (1962) e A Kind of Loving (1962). Il rilassamento della censura ha permesso ai registi di ritrarre temi come la prostituzione, l’aborto, l’omosessualità e l’alienazione. I personaggi includevano operai, sottufficiali, mogli insoddisfatte, fidanzate incinte, fuggiaschi, emarginati, poveri e depressi. ”

Mike Leigh e Ken Loach realizzano anche film di realismo sociale contemporaneo.

Nel cinema indiano il
realismo sociale fu adottato anche dai film hindi degli anni ’40 e ’50, tra cui Neecha Nagar di Chetan Anand (1946), che vinse la Palma d’Oro al primo Festival di Cannes, e Due acri di terra di Bimal Roy (1953) , che ha vinto il Premio Internazionale al Festival di Cannes del 1954. Il successo di questi film ha dato vita alla Indian New Wave, con i primi film d’arte bengalesi come Nagarik di Ritwik Ghatak (1952) e La trilogia di Apu di Satyajit Ray (1955-59). Il realismo nel cinema indiano risale agli anni ’20 e ’30, con alcuni esempi iniziali tra cui i film di V. Shantaram Indian Shylock (1925) e The Unaccpected (1937).

Elenco degli artisti
Il seguente elenco incompleto di artisti è stato associato al Realismo Sociale:

Artista Nazionalità Field (s) anni attivi
Abate, Berenice americano fotografia 1923-1991
Anand, Chetan indiano film 1944-1997
Barnet, Will americano pittura, illustrazione, incisione 1930-2012
Bearden, Romare americano pittura 1936-1988
Beckmann, Max Tedesco pittura, incisione, scultura sconosciuta al 1950
Soffietto, George americano pittura, illustrazione 1906-1925
Benton, Thomas Hart americano pittura 1907-1975
Billman, Torsten svedese incisione, illustrazione, pittura 1930-1988
Vescovo, Isabel americano pittura, disegno grafico 1918-1988
Blanch, Arnold americano pittura, incisione, illustrazione, incisione 1923-1968
Bogen, Alexander Polacco / israeliano pittura, incisione, illustrazione, incisione 1916-2010
Bourke-White, Margaret americano fotografia 1920-1971
Brocka, Lino filippina Film 1970-1991
Cadmo, Paul americano pittura, illustrazione 1934-1999
Camarena, Jorge González messicano pittura, scultura 1929-1980
Castejón, Joan spagnolo pittura, scultura, illustrazione 1945-oggi
Charlot, Jean francese pittura, illustrazione 1921-1979
Curry, John Steuart americano pittura 1921-1946
Dehn, Adolf americano litografia, pittura, incisione 1920-1968
Delgado, Santiago Martínez colombiano pittura, scultura, illustrazione 1925-1954
de la Fresnaye, Roger francese pittura 1912-1925
di Vlaminck, Maurice francese pittura 1893-1958
Dix, Otto Tedesco pittura, incisione 1910-1969
Douglas, Aaron americano pittura 1925-1979
Evans, Walker americano fotografia 1928-1975
Evergood, Philip americano pittura, scultura, incisione 1926-1973
Fautrier, Jean francese pittura, scultura 1922-1964
Garza, Federico Cantú messicano pittura, incisione, scultura 1929-1989
Ghatak, Ritwik indiano film, teatro 1948-1976
Gropper, William americano litografia, pittura, illustrazione 1915-1977
Grosz, George Tedesco pittura, illustrazione 1909-1959
Gruber, Francis francese pittura 1930-1948
Guayasamín, Oswaldo ecuadoriano pittura, scultura 1942-1999
Guston, Philip americano pittura, incisione 1927-1980
Gwathmey, Robert americano pittura sconosciuta del 1988
Henri, Robert americano pittura 1883-1929
Hine, Lewis americano fotografia 1904-1940
Hirsch, Joseph americano pittura, illustrazione, incisione 1933-1981
Hopper, Edward americano pittura, incisione 1895-1967
Kahlo, Frida messicano pittura 1925-1954
Koch, Pyke olandese pittura 1927-1991
Kollwitz, Käthe Tedesco pittura, scultura, incisione 1890-1945
Kuhn, Walt americano pittura, illustrazione 1892-1939
Lamangan, Joel filippina Film, televisione, teatro 1991-presente
Lange, Dorothea americano fotografia 1918-1965
Lawrence, Jacob americano pittura 1931-2000
Lee, Doris americano pittura, incisione 1935-1983
Lee, Russell americano fotografia 1936-1986
Levine, Jack americano pittura, incisione 1932-2010
Lozowick, Louis americano pittura, incisione 1926-1973
Luks, George americano pittura, illustrazione 1893-1933
Marsh, Reginald americano pittura 1922-1954
Meltsner, Paul americano pittura 1913-1966
Montenegro, Roberto messicano pittura, illustrazione 1906-1968
Myers, Jerome americano pittura, disegno, acquaforte, illustrazione 1867-1940
Orozco, José Clemente messicano pittura 1922-1949
O’Hara Mario filippina Film 1976-2012
Parchi, Gordon americano fotografia, film 1937-2006
Pipino, Orazio americano pittura 1930-1946
Portinari, Candido brasiliano pittura 1928-1962
Prestopino, Gregorio americano pittura 1930 del 1984
Ray, Satyajit indiano film 1947-1992
Reisz, Karel Britannico film 1955-1990
Richardson, Tony Britannico film 1955-1991
Rivera, Diego messicano pittura 1922-1957
Rothstein, Arthur americano fotografia 1934-1985
Roy, Bimal indiano film 1935-1966
Schlesinger, John Britannico film 1956-1991
Shahn, Ben americano pittura, illustrazione, arte grafica, fotografia 1932-1969
Siporin, Mitchell americano pittura unknown-1976
Siqueiros, David Alfaro messicano pittura 1932-1974
Siskind, Aaron americano fotografia 1930 del 1991
Sloan, John French americano pittura 1890-1951
Soyer, Isaac americano pittura 1930 del 1981
Soyer, Mosè americano pittura 1926-1974
Soyer, Raffaele americano pittura, illustrazione, incisione 1930-1987
Stackpole, Ralph americano scultura, pittura 1910-1973
Steichen, Edward americano fotografia, pittura 1894-1973
Sternberg, Harry americano pittura, incisione 1926-2001
Tamayo, Rufino messicano pittura, illustrazione 1917-1991
Toorop, Charley olandese pittura, litografia 1916-1955
Ulmann, Doris americano fotografia 1918-1934
Walker, John Augustus americano pittura 1926-1967
Williamson, James Britannico film 1901-1933
John Woodrow Wilson americano litografia, scultura 1945-2001
Wolcott, Marion Post americano fotografia 1930 del 1944
Wong, Martin americano pittura 1946-1999
Wood, Grant americano pittura 1913-1942