Romanzo romantico

Il romanzo romantico è il romanzo prodotto dal movimento romantico. Tuttavia, il romanzo era un genere relativamente poco professionale da autori romantici, che privilegiavano la poesia, il teatro e il saggio; Nella narrativa, si sono dedicati soprattutto alla storia.

La stessa parola romanticismo è legata all’idea di romanticismo, e il genere romantico ha vissuto un risveglio, alla fine del 18 ° secolo, con la narrativa gotica. L’origine del romanzo gotico è attribuita all’artista inglese Horace Walpole, con il suo romanzo del 1764 Il castello di Otranto, sottotitolato (nella sua seconda edizione) “A Gothic Story”. Altre opere importanti sono The Mysteries of Udolpho (1794) di Ann Radcliffe e The Monk (1795) di Monk Lewis.

I nuovi romanzi sfidarono l’idea che il romanzo implicasse una rappresentazione realistica della vita, e destabilizzarono la differenza che i critici avevano cercato di stabilire, tra arte classica seria e narrativa popolare. I romanzi gotici sfruttavano il grottesco, e alcuni critici pensavano che il loro soggetto meritasse meno credito dei peggiori racconti medievali di cavalleria arturiana, e che se gli Amadis avevano turbato Don Chisciotte con fantasie curiose, i nuovi racconti romantici erano peggiori: descrivevano un incubo mondo, e ha esplorato fantasie sessuali.

Le caratteristiche generali dei romanzi romantici sono annunciate da Werther (1774) di Goethe.

Esempi di romanzieri romantici, nel pieno senso della parola, sono:

nella letteratura tedesca, il citato Goethe, Jean Paul e ETA Hoffmann; Novalis, molto prominente come poeta, ha prodotto un singolo romanzo, importante, ma: l’incompiuto Heinrich von Ofterdingen.
nella letteratura inglese, Walter Scott, Charlotte Brontë, Emily Brontë e Nathaniel Hawthorne; Anche J. Fenimore Cooper, per The Last of the Mohicans, dovrebbe essere incluso.
nella letteratura francese, Chateaubriand, Alfred de Vigny, Prosper Mérimée, Alfred de Musset, Alexandre Dumas (figlio) e George Sand; Victor Hugo appartiene al periodo, ma è lontano dallo spirito romantico.
nella letteratura italiana, Alessandro Manzoni.
Parallelamente al movimento romantico, è stato sviluppato il romanzo del consumo popolare, in particolare con il genere, che, in un certo senso, è stato influenzato da argomenti più o meno romantici.

Colloquialmente il termine romanzo romantico è usato impropriamente per parlare del romanzo sentimentale o “romanzo romantico”.

Storia
Gli autori di questo nuovo tipo di narrativa potrebbero essere (e furono) accusati di sfruttare tutti gli argomenti disponibili per eccitare, destare o spaventare il pubblico. Questi nuovi romanzieri romantici, allo stesso tempo, pretesero di esplorare l’intero regno della finzione. Nuovi interpreti psicologici, all’inizio del XIX secolo, leggevano queste opere come incontri con la più profonda verità nascosta dell’immaginazione umana: questo includeva la sessualità, le ansie e i desideri insaziabili. Sotto tali letture psicologiche, i romanzi venivano descritti come esploratori di motivi umani più profondi, e si suggeriva che tale libertà artistica rivelasse ciò che in precedenza non era stato apertamente visibile.

I romanzi di de Sade, Les 120 Journées de Sodome (1785), Poe’s Tales of the Grotesque e Arabesque (1840), Mary Shelley, Frankenstein (1818), ETA Hoffmann, Die Elixiere des Teufels (1815), in seguito attireranno il 20 ° psicoanalisti del secolo e fornire le immagini per film dell’orrore del 20 ° e 21 ° secolo, romanzi d’amore, romanzi fantasy, videogiochi di ruolo e surrealisti.

Gli antichi romanzieri scrivevano più comunemente fiction sul passato remoto con poca attenzione alla realtà storica. Il romanzo storico di Walter Scott Waverley (1814) rompe con questa precedente tradizione di romanticismo storico, ed è stato “l’inventore del vero romanzo storico”. Allo stesso tempo era un romantico ed è stato influenzato dal romanticismo gotico. Aveva collaborato “con i più famosi romanzieri gotici” Monk “Lewis” a Tales of Wonder nel 1801. Con i suoi romanzi di Waverley, Scott “sperava di fare per il confine scozzese”, quello che Goethe e altri poeti tedeschi “avevano fatto per il Medio Evo “e fa rivivere il suo passato nel romanzo moderno.” I romanzi di Scott “sono nella modalità che lui stesso definì romanticismo”, il cui interesse è rivolto a incidenti meravigliosi e non comuni “. Ha usato la sua immaginazione per rivalutare la storia rendendo le cose, gli incidenti e i protagonisti nel modo in cui solo il romanziere poteva fare.Il suo lavoro è rimasto una finzione storica, ma ha messo in discussione le percezioni storiche esistenti.L’uso della ricerca storica è stato uno strumento importante: Scott, lo scrittore, ha fatto ricorso a fonti documentarie come qualsiasi lo storico lo avrebbe fatto, ma come artista romantico ha dato al suo soggetto un significato più profondo immaginativo ed emotivo. Combinando la ricerca con “incidenti meravigliosi e non comuni”, Scott ha attratto un mercato molto più ampio di qualsiasi storico potrebbe, e divenne il più famoso romanziere della sua generazione, in tutta Europa.

Romanzo francese
Il leader dell’era romantica è Victor Hugo.

Il romanticismo in Francia nel periodo romantico ha conosciuto un importante rinnovamento. Si possono distinguere sommariamente tre grandi nuove forme romanzesche.

Prima menzioneremo il “romanzo dell’anima”, sia nella “prima persona” (narratore e personaggio principale insieme) che nella “terza persona” (narratore separato dal personaggio). Questo tipo di romanzo rappresenta la soggettività di un individuo che si rompe con il mondo circostante. Ad esempio, René de Chateaubriand, Corinne di M me de Stael, Oberman di Senancour … La differenza tra l’individuo e il mondo viene quindi tradotta da una condizione che spesso può essere descritta in modo oggettivo o distaccato (come l’impotenza dell’eroe in Armance of Stendhal o debolezza del personaggio in Adolpheof Benjamin Constant). In questi romanzi, l’interesse del lettore si riferisce quindi alla singolarità soggettiva di un individuo che, lungi dal presentarsi come un modello più o meno eroico, appare essenzialmente diverso dagli altri a causa di una “malattia dell’anima” (come La malinconia o follia di René in Gerard de Nerval) che lo distanzia dagli altri uomini.

Una seconda forma romanzesca di romanzo è il romanzo realistico di cui i due grandi rappresentanti sono Stendhal e Balzac. A Balzac, il mondo oggettivo nella sua diversità e particolarità diventa un elemento essenziale della rappresentazione romanica: la descrizione sarà quindi attaccata ai dettagli esterni (gesti, atteggiamenti dei personaggi, vestiti e modi di essere, decorazioni …) che può sembrare a prima vista insignificante ma in cui il romanziere scopre un significato nascosto, una “armonia” che rivela l’interiorità mascherata dei personaggi. Questo è particolarmente il caso del Giglio nella Valle e delle Illusioni Perdute. Stendhal si concentra sulla dimensione esplicativa del comportamento del personaggio (specialmente nel rosso e nel nero): analizza i diversi fattori che incidono sul comportamento individuale, che si tratti di storia personale, posizione sociale, relazioni interindividuali o persino il corso casuale degli eventi . Rivela così al lettore ciò che i diversi personaggi non conoscono né di se stessi (perché l’individuo stendhaliano conosce solo se stesso in parte) o di altri (le cui reazioni esterne percepisce solo). I romanzieri realisti, Balzac e Stendhal sono così caratterizzati dalla loro “onniscienza”, vale a dire la loro capacità di descrivere il mondo oggettivo nelle sue molteplici dimensioni, di questo mondo che sfugge agli individui che ne fanno parte.

La terza grande forma romanzesca è quella di una finzione che emerge da ogni tipo di verosimiglianza in favore di un dispiegamento immaginario che può arrivare fino al fantastico. Honoré de Balzac, ispirato da Ernst Theodor Amadeus Hoffmann, ha prodotto in questo spirito: La pelle del dolore, la locanda rossa e la maggior parte delle sue opere filosofiche. Victor Hugo a Notre-Dame de Paris si immerge in un mondo diverso e inquietante in un Medioevo oscuro e terrificante ispirato direttamente a Walter Scott. Con Théophile Gautierthe il fantastico sarà assunto come tale, e spetterà al lettore affrontare un mondo irreale (ad esempio l’allucinazione nel Club Hachichin o un amore morto nelle notizie dello stesso nome) e soprattutto dargli un il che significa che non sarà necessariamente condiviso da altri lettori. Quindi, questo tipo di romanzo si basa indubbiamente sulla condivisione di certi valori morali e intellettuali (non c’è né un “messaggio” da trasmettere né un modello di comportamento da ammirare) che su un’identificazione emotiva in cui sia il rifiuto (dal momento che il lettore è confrontato con l’alterità) e il fascino (dal momento che le passioni umane sono comunque indovinate).

In questi tre romanzi, il lettore non deve confrontarsi con personaggi vicini a lui come il xviiiesimo secolo (perché appartenevano allo stesso mondo sociale o condividendo gli stessi valori della Nuova Eloisa Rousseau) ma personaggi diversi, a un umano, psicologico o alterità sociale.

Tags: