Rijksmuseum van Oudheden, Leiden, Paesi Bassi

Il Rijksmuseum van Oudheden è il museo archeologico nazionale dei Paesi Bassi. Si trova a Leiden. Il Museo è nato dalla collezione dell’Università di Leida e collabora ancora strettamente con la sua Facoltà di Archeologia. Il museo si autodefinisce centro nazionale per l’archeologia e si concentra sull’antico Egitto, sull’antico Medio Oriente, sul mondo classico della Grecia, sull’Etruria e su Roma e sui primi (preistorici, romani e medievali) Paesi Bassi

Il Museo nazionale olandese delle antichità (Rijksmuseum van Oudheden) è il centro nazionale dell’archeologia dove puoi apprezzare le culture dell’antico Egitto, del vicino Oriente, del mondo classico e dei primi Paesi Bassi

La collezione egiziana è una delle dieci più importanti collezioni egizie al mondo Il dipartimento Archeologia dei Paesi Bassi è una mostra permanente unica, in quanto è l’unico studio completo della storia archeologica dei Paesi Bassi

Reuvens prende in carico:
La collezione del Rijksmuseum van Oudheden iniziò con un’eredità nel 1743 Dopo la morte di Gerard van Papenbroek la sua collezione fu lasciata in eredità all’Università di Leida. Il lascito comprendeva circa 150 antichità e fu pubblicato nel 1746 da un professore dell’università. Fu messo in mostra al pubblico , ma mal curato fino a mezzo secolo più tardi avrebbe finalmente ottenuto un curatore ufficiale. Questo curatore era il dr. Caspar Reuvens, il primo professore di archeologia al mondo. Insieme ai suoi doveri come professore all’università, venne la cura del gabinetto archeologico, poi costituito principalmente dall’eredità Papenbroek

I contributi di Rottiers:
La crescita del Museo Nazionale delle Antichità si sarebbe dimostrata dipendere molto di più dagli investimenti stranieri Nonostante la raccolta di antichità da varie organizzazioni olandesi, le aggiunte davvero importanti al museo sarebbero venute dall’acquisto di collezioni personali. Tra le prime c’era il primo Rottiers Collezione Apparteneva a un colonnello fiammingo in pensione che aveva iniziato a collezionare durante un soggiorno ad Atene Nel 1820 questa raccolta fu offerta al governo dei Paesi Bassi, e Reuvens fu inviato per determinare il suo valore e raccomandare se comprare o no Reuvens era entusiasta della collezione perché conteneva la scultura greca originale e le ceramiche greche, categorie che mancavano nella collezione Leiden fino a quel momento, facendo attenzione a non acquistare il ministero a qualsiasi prezzo, la collezione Rottiers fu infine venduta per la somma di 12.000 fiorini e collocata nel Museo Nazionale di antichità

I contributi di Humbert:
Rottiers non era l’unico agente che lavorava per il governo olandese a procurarsi le antichità. Mentre Rottiers lavorava nel Mediterraneo orientale, Jean Emile Humbert stava raccogliendo e scavando in Tunisia Dopo aver venduto la sua collezione personale al governo, a Humbert fu chiesto di tornare in Tunisia in spedizione archeologica Allevamento dell’Ordine dei Paesi Bassi Leone, con istruzioni di Reuvens e con un budget finanziato dallo Stato, Humbert raccoglierà e scaverà antichità in Tunisia dal 1822 al 1824 Il più importante di questa prima spedizione di Humbert fu l’acquisizione di otto statue, che sono ancora esposti come centrotavola nel museo

Morte di Reuvens:
Negli ultimi anni della vita di Reuvens ci fu un forte declino nel sostegno governativo per il museo La ribellione e la secessione del Belgio nel 1830 furono costose questioni per il re, e poco per niente fu trovata per avventurose spedizioni o scavi Reuvens morì nel 1835 , dopo aver sofferto quello che sembra essere un grave ictus dai rapporti Ha lasciato dietro un giovane museo con una collezione di erudizione rinomata, che era cresciuta dall’eredità Papenbroek per ora includono una grande quantità di Etruschi, Egizi, Cartaginesi, Romani, Greci e altri elementi

Leemans riprende:
Dopo la sua morte, il lavoro di Reuvens è stato rilevato dallo studente Corrado Leemans che aveva scavato con Reuvens ed era presente alla sua morte. Come descritto di seguito, sotto Leemans il museo avrebbe finalmente ottenuto il proprio edificio. Prospettive per continuare la crescita della raccolta sembravano squallide tuttavia, dopo che l’interesse reale calò e con l’enorme costo dell’accordo d’Anastasy ancora in mente Leemans trovò una soluzione usando la gazzetta ufficiale per appellarsi collezionisti privati, ambasciatori e consoli olandesi per donazioni e aiuti nella costruzione della collezione L’appello ebbe successo e oggetti da tutto il mondo continuava a fluire dentro

Tags: