Recensione di Art Basel Hong Kong 2020, Cina

Il 19 marzo 2020, Art Basel torna all’Hong Kong Convention and Exhibition Centre per l’ottava edizione della fiera in Asia. Molti di coloro che si uniscono alle gallerie del settore principale della fiera hanno avuto molta influenza nelle rispettive città e regioni.

La mostra Art Basel Hong Kong 2020, presenta 242 importanti gallerie provenienti da 31 paesi e territori. In un momento difficile per Hong Kong, Art Basel resta da dedicare a questa città. Il motivo per cui Hong Kong rimane il luogo perfetto per la nostra fiera è dovuto alla sua scena artistica circostante, alla sua comunità artistica solidale e alla sua posizione di mercato dell’arte leader in Asia.

Hong Kong Spotlight di Art Basel è una vetrina delle gallerie di Hong Kong che hanno partecipato alla mostra asiatica di Art Basel. Organizzata in collaborazione con Fine Art Asia, questa piattaforma unica è una risposta unitaria per sostenere e riunire la comunità artistica della città durante questi tempi difficili.

Le opere di presentazione comprendevano progetti accuratamente curati, che andavano da mostre tematiche personali e collettive a vetrine storico-artistiche e film. Con Hong Kong Spotlight, la prima presentazione fisica di Art Basel nel 2020, offrire un’opportunità agli appassionati d’arte di incontrarsi, sperimentare l’arte e scambiare idee.

Mantenendo la sua posizione forte in Asia, metà delle gallerie partecipanti, ancora una volta, hanno spazi fisici in Asia e Asia Pacifico, comprese 11 gallerie nostrane. Nel frattempo importanti gallerie degli Stati Uniti e dell’Europa si univano per la prima volta.

Incentrato sulle presentazioni personali di artisti emergenti, il settore Discoveries comprende 25 gallerie nella mostra del 2020, incluso un nuovo progetto dell’artista Leelee Chan con sede a Hong Kong, presentato da Capsule Shanghai e l’artista sudcoreana Yona Lee con sede in Nuova Zelanda, presentato da Fine Arts, Sydney.

La vetrina del settore Insights 21 presenta presentazioni tra cui un tributo alle tradizioni della moderna fiber art in Cina dalla galleria con sede a Shanghai, Bank, che esponeva opere di Shi Hui e della sua insegnante Maryn Varbanov. Mentre da Down Under, la Jan Murphy Gallery esponeva le opere di artisti di Tjala e leader della pittura del deserto occidentale, Sylvia Ken e Tjungkara Ken.

La presenza all’edizione di Hong Kong di Art Basel offre ai visitatori la possibilità di scoprire le opere di una vasta gamma di artisti eccezionali, tra cui Richard Long, Shara Hughes, Liu Dan e Jong Oh.

Punti salienti
Dopo un decennio di lavoro per altre gallerie, Bridget Donahue ha deciso che era giunto il momento di aprirne una sua nel 2015. “Ero a un bivio e ho pensato: non c’è momento migliore per provarci”, dice il New Yorker. La sua omonima galleria sul Bowery è una delle prime partecipanti di quest’anno, con uno stand personale di Jessi Reaves presentato in Statements, il settore dedicato agli artisti emergenti.

Jake Miller è diventato un vero gallerista diciotto anni prima. Ha trasformato The Approach – il suo spazio gestito da artisti al piano sopra l’omonimo pub londinese – in una vera e propria galleria nel 1997, che ha co-gestito con la partner in affari Emma Robertson dal 2003. Conosciuto anche per aver individuato giovani talenti, Miller e la galleria di Robertson da allora è diventata un pilastro della scena artistica londinese e partecipa regolarmente al settore principale di Art Basel, anche quest’anno.

Riflettendo il passaggio degli anni ’50 al digitale, Umer Butt ha avviato la sua galleria Grey Noise nel 2008 come sito web a Lahore, in Pakistan. Sei mesi dopo, ha affittato un piccolo spazio nell’ufficio di un amico e ha messo in scena il primo spettacolo dei Grey Noise. “Allora non ero affatto a conoscenza di quello che facevano le gallerie d’arte, a parte fare mostre, che mi interessavano”, dice. Butt si è trasferito a Dubai nel 2012 e ha collaborato con Hetal Pawani per gestire la galleria. Grey Noise tornerà nel settore Statements per la sua terza partecipazione, con opere di Shreyas Karle.

Un senso di spontaneità ispirata traspare spesso da queste storie. Olivier Antoine, che ha fondato Art: Concept a Nizza nel 1992, dice di aver sentito di “dover aprire uno spazio”. In un momento in cui lo sfarzo e l’eccesso degli anni ’80 si diffondono ancora nel mondo dell’arte, ha intitolato il suo primo spettacolo “Fiasco”. “Ho sempre avuto un debole per le contraddizioni”, aggiunge. Emanuel Layr ha aperto il suo spazio omonimo nel 2011, incoraggiato dalla dinamica culturale di Vienna, che aveva permesso agli artisti locali di raggiungere un nuovo livello. La galleria di Antoine è diventata da allora un appuntamento fisso del settore principale di Art Basel, mentre Layr’s vi si unisce per la prima volta quest’anno.

Donahue ha anche assistito a una serie di cambiamenti da quando ha iniziato a lavorare nel mondo dell’arte, notando l’arrivo di “nuove voci, modelli, collezionisti, geografie e media”. Mentre alcuni dei vecchi modelli potrebbero presto essere un ricordo del passato, Antoine prevede anche l’arrivo di una nuova economia dell’arte, “forse meno ostentata ma più vicina agli aspetti tangibili della vita”.

Questa vicinanza a “esseri e sostanza” è qualcosa per cui Antoine ha sempre sostenuto attraverso il suo programma, che include Ulla von Brandenburg, Michel Blazy e Jeremy Deller. Emanuel Layr individua “chiari modelli di pensiero, modelli di mondi interni ed esterni” come tema ricorrente delle mostre che ha presentato sin dall’inizio della galleria. Le sue presentazioni ad Art Basel di Cécile B. Evans nel 2017 e Stano Filko nel 2018 sono buoni esempi di questa autovalutazione.

Bridget Donahue articola il nucleo della sua motivazione in un modo particolarmente poetico: “Quando decido di lavorare con un artista di solito è perché sono in soggezione di quello che fanno”, dice, “ne sono confusa. Voglio abitare il loro mondo. ‘

Galleria cooperativa
Partecipanti da centrali affermate a imprese emergenti.

Galerie Eva Presenhuber, Zurigo e New York City
Eva Presenhuber ha sempre avuto un forte istinto per gli artisti eccezionali. L’impegno precoce ea lungo termine del gallerista di origine austriaca e residente a Zurigo nei confronti di persone come Ugo Rondinone, Karen Kilimnik, Liam Gillick e Angela Bulloch non ne è l’unica prova. Da quando ha fondato la sua omonima galleria nel 2003, Presenhuber ha regolarmente aggiunto posizioni audaci al suo elenco, che ora include anche Eva Rothschild, Sam Falls, Torbjørn Rødland e Jean-Marie Appriou, tra gli altri. Anche prima dell’apertura di una filiale di New York City nel 2017, la galleria si era affermata come una potenza globale, dove l’incisività concettuale incontra la potenza visiva. La Galerie Eva Presenhuber torna alla fiera Art Basel in Asia dopo una pausa di cinque anni.

Sabrina Amrani, Madrid
Il programma di Sabrina Amrani si concentra su voci artistiche provenienti da Africa, Asia meridionale e Medio Oriente. Istituito nel 2011, il programma di Amrani comprende Joël Andrianomearisoa, che ha rappresentato il Madagascar alla Biennale di Venezia di quest’anno, il maestro egiziano Chant Avedissian, l’artista sudafricana Alexandra Karakashian, il disegnatore pakistano Waqas Khan e lo scultore e video artista dell’Arabia Saudita Manal Al Dowayan, tra gli altri. Molti degli artisti rappresentati dalla galleria utilizzano le tradizioni visive e narrative delle loro terre d’origine come punti di partenza per riflettere su ciò che definisce esattamente la “cultura”. La stessa Amrani è francese di origine algerina e gestisce la galleria da Madrid. Dopo le partecipazioni ai settori Discoveries and Encounters della mostra lo scorso anno, Amrani entrerà a far parte del settore principale delle Gallerie di Art Basel per la seconda volta nel 2020.

Ink Studio, Pechino
Il nome di Ink Studio indica abbastanza chiaramente l’obiettivo della galleria. La tradizione millenaria della pittura a inchiostro in Asia è la pietra angolare di questa galleria di Pechino, fondata nel 2013 da Craig Yee e Christopher Reynolds. Sebbene associato principalmente al passato, il mezzo continua ad essere esplorato dagli artisti fino ad oggi: Zheng Chongbin, Bingyi, Huasheng Li e Xu Bing sono solo alcuni esempi. Ink Studio mostra opere sia storiche che contemporanee, con un’enfasi particolare su un approccio critico e accademico al mezzo. Ad Art Basel Hong Kong, la galleria si concentrerà sugli aspetti transnazionali della pittura a inchiostro presentando una presentazione di gruppo di opere di artisti giapponesi, coreani e cinesi.

Konrad Fischer Galerie, Düsseldorf e Berlino
Konrad Fischer Galerie è a dir poco un’istituzione. Iniziata nel 1967 a Düsseldorf dal suo fondatore omonimo e da sua moglie, Dorothee Fischer, la galleria è stata tra le prime a dare una piattaforma in Europa all’arte minimal e concettuale. Artisti famosi come Bruce Nauman, Sol LeWitt, On Kawara o Hanne Darboven hanno esposto lì presto. Così hanno fatto esponenti dell’Arte Povera, tra cui Jannis Kounellis e Mario Merz. Nel corso degli anni, artisti meno affermati, ma comunque rinomati, si sono uniti alla galleria, tra cui Paloma Varga Weisz, Alice Channer e Manfred Pernice. Dal 2007, la Konrad Fischer Galerie gestisce anche spazi a Berlino, trasformando solo di recente un’ex sottostazione elettrica nella nuova sede nella capitale tedesca. Questa è stata la prima volta che questo evento artworld partecipa all’edizione di Hong Kong di Art Basel.

Mayoral, Barcellona e Parigi
Dal 1989, il sindaco di Barcellona celebra alcuni degli artisti del dopoguerra più affascinanti della regione. Includono Antoni Tàpies, Modest Cuixart, Antonio Saura e Manolo Millares, tutti protagonisti o collaboratori del movimento Dau al Set di ispirazione Dada e Surrealista. La galleria, che solo pochi giorni fa ha inaugurato una filiale parigina, ha anche esposto regolarmente Joan Miró ed Eduardo Chillida, due degli artisti più venerati della Spagna. All’inizio di quest’anno, Mayoral ha mostrato le sculture di Chillida in combinazione con le opere di Fernando Zóbel; il pittore di origine filippina era un maestro nel fondere l’energia dell’espressionismo astratto con la sottigliezza della pittura a inchiostro dell’Asia orientale. Mayoral gli dedicherà il suo intero stand a marzo.

Stanze di visualizzazione in linea
Art Basel lancia due nuove sale di visualizzazione online che abbracciano un concetto completamente nuovo. Con un massimo di 100 espositori, durano solo quattro giorni e si concentrano su temi chiave. ‘OVR: 2020’, dedicato alle opere d’arte prodotte nel 2020, mentre ‘OVR: 20c’, si concentra sulle opere del XX secolo. Entrambe le sale di visualizzazione online sono aperte alle proposte di tutti gli ex espositori di Art Basel dal 2018 in poi.

Le presentazioni, che includono fino a 6 opere d’arte, sono state selezionate da due nuovi comitati di selezione: il Comitato di selezione di settembre comprende Sadie Coles (Sadie Coles HQ), Massimo de Carlo (Massimo de Carlo), Prateek Raja (Experimenter), Lisa Spellman (303 Gallery), Mills Moran (Morán Morán) e Jasmin Tsou (JTT). Il comitato di selezione per l’iterazione di ottobre comprende David Fleiss (Galerie 1900-2000), Emi Eu (STPI), Lucy Mitchell-Innes (Mitchell-Innes & Nash), Mary Sabbatino (Galerie Lelong & Co.), Steve Henry (Paula Cooper Gallery) e Thiago Gomide (Bergamin & Gomide). La quota di partecipazione è di 5.000 CHF e la piattaforma presenta una nuova funzione di chat dal vivo, che consente a collezionisti e visitatori di connettersi senza problemi con le gallerie.

Tags: