Arte pubblica di Barcellona, ​​Spagna

L’arte pubblica a Barcellona è un gruppo designato di monumenti e sculture all’aperto nella città. L’eredità culturale di Barcellona è immensa. La città ha un passato strettamente legato alla produzione culturale e artistica che è servita da ispirazione per le generazioni di oggi. Oltre all’architettura e ad una rete di musei, parchi e giardini, le opere danno un’impronta artistica alla capitale catalana. Le opere d’arte si trovano tipicamente all’interno di nicchie e sulle facciate degli edifici pubblici. Sono concentrati a causa della cinta muraria della città dalle mura difensive medievali. Le mura furono demolite nel XIX secolo, innescando un boom di opere pubbliche come il progetto Eixample di Ildefons Cerdà.

L’insieme di monumenti e sculture all’aperto di Barcellona costituisce un eccezionale esempio di arte pubblica che concede alla capitale catalana, insieme ad altri elementi come la sua architettura, la sua rete di musei o il suo insieme di parchi e giardini, un’inconfondibile arte timbro, poiché la città di Barcellona è sempre stata impegnata nell’arte e nella cultura come una delle sue principali caratteristiche identitarie.

Il patrimonio artistico pubblico della città è vasto, sebbene la maggior parte dei monumenti e delle statue situate in luoghi pubblici risalgono al XIX secolo in poi. Il primo monumento che si conserva espressamente e per ordine comunale sulla strada pubblica è il Monumento a Santa Eulàlia, in Plaça del Pedró, del 1673; altre opere precedenti considerate arte pubblica sono fontane o statue collocate all’interno di nicchie, sulle facciate di edifici pubblici, sebbene in molti casi si trattasse di commissioni private divenute successivamente di proprietà pubblica. Va notato che fino al XIX secolo la città era delimitata dalle sue mura medievali, ritenendo la città una postazione militare, quindi la sua crescita fu limitata, e il poco spazio a disposizione fu utilizzato principalmente per le attività quotidiane della popolazione,

La situazione cambiò con l’abbattimento delle mura e la donazione alla città della Fortezza della Cittadella, che favorì l’espansione urbanistica della planimetria adiacente, e che si rifletté nel progetto dell’Eixample preparato da Ildefons Cerdà, che significava il più grande territorio espansione che ha avuto la città. Un altro aumento significativo della superficie della capitale catalana è stata l’annessione di diversi comuni confinanti tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX. Tutto questo ha significato l’adeguamento dei nuovi spazi urbani e un aumento delle commissioni artistiche comunali sulle strade pubbliche, che sono state favorite anche da vari eventi organizzati in città, come l’Esposizione Universale del 1888 e l’Internazionale del 1929 o, più recentemente, per i Giochi Olimpici del 1992 e il Forum Universale delle Culture del 2004.

Panoramica
L’arte pubblica di Barcellona è responsabile dell’area urbanistica, infrastrutture, ambiente, sistemi informativi e telecomunicazioni del comune di Barcellona. Insieme al patrimonio architettonico della città, gode di una protezione speciale ai sensi della legge 9/1993 sul patrimonio culturale catalano, che garantisce la protezione, la conservazione, la ricerca e la diffusione del patrimonio culturale, con vari gradi di copertura: livello A (bene culturale di interesse nazionale) , livello B (bene culturale di interesse locale), livello C (bene di interesse urbano) e livello D (bene di interesse documentario).

La scultura pubblica monumentale ha una rilevanza relativa nel contesto urbano di una grande città come Barcellona, ​​poiché le principali linee guida urbane sono logicamente l’adattamento degli spazi per l’uso pubblico, le infrastrutture, i trasporti, l’edilizia abitativa, le misure di sicurezza e igiene pubblica, la gestione ambientale, e altri fattori necessari per la coesistenza degli esseri umani nel loro ambiente naturale e sociale. Tuttavia, la naturale sensibilità degli esseri umani all’arte e alla bellezza ha motivato l’abilitazione di alcuni spazi di natura estetica nel loro ambiente quotidiano, per creare uno spazio abitativo favorevole e piacevole alla convivenza e alle relazioni sociali.

Varie discipline sono coinvolte nella pianificazione urbana, come architettura, ingegneria, giardinaggio, arti industriali e, in un certo senso, scultura. Se la pianificazione urbana si occupa di pianificazione dell’uso del suolo e pianificazione urbana nella sua applicazione pratica, la progettazione urbana si concentra sugli aspetti più sociologici – inclusa l’estetica – dello sviluppo urbano della città. D’altra parte, l’urbanistica è strettamente correlata a vari campi e discipline come la politica, l’economia, la storia, la geografia e la sociologia., Quindi qualsiasi pianificazione urbana richiede la congiunzione di più proprietà e istituzioni responsabili dello sviluppo e della manutenzione dello spazio pubblico urbano.

Nel campo della convivenza urbana, tuttavia, sono coinvolti diversi fattori, come fisiologici, sociologici e psicologici. Quest’ultimo dovrebbe includere le esigenze estetiche dell’individuo, l’esistenza in un ambiente che fornisce una dimensione di ritiro e riposo, evasione dai problemi quotidiani, una certa componente di bellezza che smorza l’asprezza di un ambiente. ostile come a volte è l’ambiente urbano.

Nella concezione del monumentalismo urbano, devono essere presi in considerazione diversi aspetti, come la posizione: un’opera d’arte pubblica deve essere collocata in un ambiente di una certa rilevanza, che esalti la plasticità dell’opera, e deve cercare di facilitare una buona prospettiva , per la corretta visione del set da più angolazioni. In genere, gli spazi più utilizzati per le opere d’arte pubbliche sono parchi e giardini, piazze e incroci soprattutto se sono passeggiate o viali, o nel regno degli edifici pubblici, sia alle loro porte. accesso, nei cortili o sulle sue pareti – solitamente in nicchie -.

I monumenti e le opere d’arte di pubblica considerazione possono essere classificati in diverse tipologie: fino all’Ottocento i più utilizzati erano la colonna, l’arco di trionfo e la statua equestre, tre tipologie di monumenti commemorativi ereditati dall’arte romana. Successivamente sono emerse varie modalità, dalla scultura libera o scultura di nicchia, a busti, medaglioni, fontane, stele e piedistalli, fregi, rilievi, targhe, lapidi e altri elementi, fino a varietà più moderne come installazioni, opere integrate nella natura ( art natura), opere realizzate con nuove tecnologie (video, laser) o qualsiasi modalità concepita con elementi multidisciplinari.

Un altro aspetto da considerare è il materiale, da cui dipendono diversi fattori come l’aspetto, la durabilità o la conservazione, oltre ad essere un punto essenziale da considerare nella progettazione dell’opera, soprattutto in termini di costo economico e tempo di esecuzione. Tra i più utilizzati ci sono: legno, gesso, terracotta, ceramica, pietra, marmo, bronzo, ferro, acciaio, cemento e alluminio.

Infine, va tenuto conto del tema e dell’iconografia delle opere d’arte pubbliche, con particolare attenzione ai due principali elementi costitutivi di un omaggio o di una dedica: un personaggio o un evento. Sulla base di ciò, si può vedere che la maggior parte dei personaggi onorati sono: santi o religiosi, divinità o personaggi mitologici, simboli e allegorie di concetti astratti (Fama, Gloria, Industria, Giustizia, Libertà, Repubblica), re e personaggi storici, politici, militari, uomini d’affari, medici, scienziati, scrittori, artisti, musicisti e così via.

In termini di eventi, spesso vengono ricordati gli episodi più importanti della storia della città, da battaglie, guerre e rivoluzioni a eventi tragici, epidemie e calamità naturali, o in senso opposto, vari eventi di particolare rilevanza per la città, come come eventi culturali o sportivi. Tutto questo è trattato dallo stile più realistico a quello più astratto, poiché logicamente la concezione della statuaria pubblica ha avuto la stessa evoluzione storica e artistica del resto delle arti della città, considerando il suo contesto. sia a livello nazionale che internazionale.

Storia

Mezza età
A partire dal XII secolo, Barcellona divenne il centro di un’intensa attività commerciale sia nel Mediterraneo occidentale che in quello orientale. Quando Benjamí de Tudela visitò la città, notò che il porto godeva già di prestigio in tutto il Mediterraneo. Vi attraccarono navi provenienti da Pisa, Genova, Sicilia, Grecia, Alessandria e perfino dall’Asia. Tra il 1249 e il 1274 il re Giacomo I di Catalogna e Aragona organizzò la vita istituzionale della città attraverso il Consell de Cent (Consiglio dei Cento).

Durante tutto il XIII secolo Barcellona crebbe così rapidamente che le mura che circondavano la città dovettero essere ampliate e un nuovo muro e le sue rispettive porte furono costruite lungo quella che oggi è la Rambla. All’inizio del XIV secolo Barcellona divenne una delle principali potenze del bacino del Mediterraneo. La città si espanse così tanto in questi anni di crescita economica che nel 1374 il re Pietro III di Catalogna e Aragona (Pietro il Cerimonioso) ordinò un ulteriore ampliamento delle mura, che diede origine al quartiere Raval. A quel tempo la popolazione della città era di circa 25.000.

I primi resti conservati di opere d’arte situate su strade o edifici pubblici risalgono al Medioevo, quando la città faceva parte della Corona d’Aragona ed era un importante asse marittimo e commerciale del Mediterraneo. Nel XIII secolo nacque il Consell de Cent, una delle prime istituzioni pubbliche di Barcellona. La città stava ancora crescendo dal centro della città originale – quello che ora è il Quartiere Gotico – e nel XIV secolo emerse il quartiere del Raval.

In questo periodo non esiste un monumento pubblico vero e proprio, ma alcune fonti e sculture collocate in nicchie negli edifici pubblici della città. Da segnalare in questo senso le sculture collocate sulla facciata gotica della Casa de la Ciutat attualmente in una via laterale rispetto alla facciata principale, realizzate intorno all’anno 1400. Affidata ad Arnau Bargués, la facciata presenta il tipico stile gotico elementi ornamentali, e sopra la porta principale è stato posto un piedistallo rivestito di cobricel con una figura di San Rafael, opera di Pere Sanglada, realizzato in pietra con ali in bronzo.

Ai lati furono però posti due piedistalli con le figure di Sant Sever, vescovo di Barcellona, ​​e Santa Eulàlia, patrona della città: il primo, di autore ignoto, era originale del 1550, ma nel 1888 fu posto • Metti una copia fatta da Joan Flotats; il secondo, altrettanto anonimo, è della stessa data ed è ancora conservato nella sua sede originaria. Un’altra figura collocata in un edificio pubblico era il Sant Jordi del Palau de la Generalitat, realizzato nel 1418 da Pere Johan, una figura equestre in altorilievo situata in un medaglione incorniciato da una ringhiera coronata da pinnacoli e circondata da doccioni.

Per quanto riguarda le sorgenti, durante questo periodo furono realizzate in varie zone della città, per garantire un approvvigionamento regolare alla popolazione, sebbene il loro carattere utilitaristico non lasciasse molto spazio alla creazione artistica. La prima ad essere conservata è la Font de Santa Anna, sull’Avinguda Portal de l’Àngel con Carrer Cucurulla, datata 1356, che fu ampliata nel 1819 e decorata con immagini in ceramica nel 1918. Altre fontane dell’epoca sono: quella di Sant Just, nell’omonima piazza, del 1367; quello di Santa Maria, nella piazza omonima, del 1403, opera di Arnau Bargués; e quella di Sant Jordi, nel chiostro della Cattedrale di Barcellona, ​​opera del 1449 dell’architetto Andreu Escuder con un’immagine del santo a cavallo dello scultore Antoni Claperós,

Età moderna
Durante questo periodo Barcellona entrò a far parte del nuovo regno di Spagna derivante dall’unione delle corone di Castiglia e Aragona. In generale, fu un periodo di un certo declino economico e culturale, accentuato da conflitti sociali e bellici come la Guerra dei Razziatori e la Guerra di Successione Spagnola. La città era ancora stipata nelle sue mura l’unica estensione era alla spiaggia, il quartiere della Barceloneta anche se alla fine del periodo contava quasi 100.000 abitanti. Artisticamente era il periodo del Rinascimento e del Barocco, stili in cui furono costruiti numerosi palazzi e chiese.

Come nel periodo precedente, le opere d’arte di pubblica considerazione furono inizialmente ridotte a fontane e statue situate in edifici pubblici, fino alla fine del XVII secolo il primo monumento pubblico di natura isolata, quello di Santa Eulàlia. Degni di nota di questo periodo sono anche le croci, di cui si conservano due: quella di Sant Andreu, sulla strada per Ribes, originale del 1565; e quella di Santa Anna, nella piazza di Ramon Amadeu, opera del 1608 di Joan Molist. A livello di fontane si conserva solo quella di Portaferrissa, nella via omonima, originale del 1680 e decorata con ceramiche del 1959, opera di Joan Baptista Guivernau.

Per quanto riguarda la statuaria negli edifici pubblici, vale la pena menzionare l’intero Hospital de la Santa Creu, nel cui cortile si trova una croce posta su una colonna salomonica, opera di Bernat Vilar del 1691 distrutta durante la Guerra Civile, quello attuale è del 1939; nello stesso cortile si trovano le figure di Sant Roc e La Caritat, risalenti al 1638 circa, di autore ignoto; d’altra parte, nel cortile della Casa di Convalescenza dello stesso ospedale c’è una statua di Sant Pau, opera di Lluís Bonifaç el Vell del 1679; infine, in una nicchia all’angolo tra Carrer del Carme ed Egipcíaques si trova un’altra Sant Pau, opera di Domènec Rovira el Jove del 1668.

Altre opere di edifici pubblici dell’epoca furono realizzate per diverse corporazioni, tutte situate in nicchie: il Sant Joan Baptista situato in via Assaonadors con la Placeta d’en Marcús, promosso dalla corporazione dei stagisti, opera di ignoto artista del 1628 ricostruita nel 1958 da Josep Miret; il Sant Miquel Arcàngel patrocinato dalla corporazione dei rivenditori (negozianti) situato in Plaça del Pi, costruito nel 1685 da Salvador Escala e ricostruito da Jaume Martrús nel 1957; e la figura della Vergine degli Angeli posta sulla Via Laietana, costruita da Joan Enrich nel 1763 per la corporazione delle barche a vela (tessitori di velo di seta).

Il più antico monumento pubblico conservato nella città nella sua collocazione originaria – sebbene l’opera stessa sia stata più volte restaurata e non possa più essere considerata l’originale – è il Monumento a Santa Eulalia, patrona della città. città, eretta in Plaça del Pedró nel 1673. Fu realizzata dal capomastro Benet Parés, con un’immagine lignea del santo di Josep Darder, che nel 1685 fu sostituita da una in marmo di Llàtzer Tramulles e Lluís Bonifaç. Nel 1826, la base del monumento fu trasformata in una fontana, opera di Josep Mas i Vila. Nel 1936 il monumento fu demolito a causa degli scontri originatisi all’inizio della Guerra Civile, ma nel 1951 fu ricostruito con una nuova immagine, l’opera di Frederic Marès il capo dell’immagine precedente è sopravvissuta ed è conservata nel Museo di Storia di Barcellona -.

Va notato che un monumento era stato precedentemente eretto a Santa Eulàlia, eretto nel 1618 e situato in Plaça del Blat attualmente de l’Àngel. Fu progettato da Rafael Plansó, e consisteva in un obelisco su cui stava la figura di un angelo, indicando con il dito il punto in cui un angelo era apparso nella processione che trasportava le spoglie del santo nella Cattedrale. di Barcellona. La figura dell’Angelo è stata realizzata dall’argentiere Felip Ros. Nel 1821 l’obelisco fu rimosso perché rendeva difficile il traffico e l’Angelo fu collocato in una nicchia. Nel 1966 fu sostituito da una copia e trasferito al Museo di Storia di Barcellona.

Nel 1784 fu costruita la Fontana del Nettuno, opera di Joan Enrich promossa dal Conte d’Assalto, situata accanto alla Dogana, sul sito dell’attuale Estació de França. Raffigurava il dio Nettuno in piedi su delfini e un piedistallo con bassorilievi, al centro di una tazza d’acqua. La statua fu distrutta nella rivolta popolare dei Camancia (1843) e sostituita da una copia realizzata da uno scalpellino, fino a quando nel 1877 la fontana fu smantellata; è stato conservato solo il bassorilievo del piedistallo, che si trova nel Museo di Storia di Barcellona.

Alla fine del XVIII secolo fu allestito un giardino nella tenuta del Marchese di Llupià situata nel comune di Sant Joan d’Horta oggi un altro quartiere della città che, pur essendo di natura privata, è successivamente passato al pubblico patrimonio. Attualmente noto come Parco del Labirinto di Horta, questo giardino presenta una ricca decorazione scultorea, che pur essendo un artista sconosciuto è un interessante esempio di arte neoclassica. Del giardino spicca il labirinto che dà il nome al parco, al centro del quale si trova una statua di Eros, mentre all’ingresso si trova un rilievo di Arianna e Teseo, e all’uscita si trova l’Eco Grotta. iNarcissus; a un livello superiore si trova il Mirador o Belvedere, dove spiccano due templi all’italiana con le statue di Danae e Artemide; infine, su una terza terrazza si trova il Padiglione di Carlo IV,

19esimo secolo
In questo periodo ci fu una grande rivitalizzazione economica, legata alla Rivoluzione Industriale in particolare all’industria tessile che portò anche ad un rinascimento culturale. Tra il 1854 e il 1859 le mura furono demolite, così la città poté espandersi, soprattutto grazie al progetto Eixample redatto da Ildefons Cerdà nel 1859. Tuttavia, grazie alla rivoluzione del 1868, la demolizione della Cittadella, i cui terreni furono trasformato in parco pubblico. La popolazione cresceva, soprattutto grazie all’immigrazione dal resto dello stato, arrivando a 400.000 alla fine del secolo. Artisticamente, il secolo ha visto il susseguirsi di vari stili di segno diverso, come il neoclassicismo, il romanticismo e il realismo.

Come nei periodi precedenti, i risultati artistici pubblici erano sostanzialmente limitati agli edifici ufficiali e alle fontane. Alcuni esempi di monumenti pubblici, come quelli dedicati a Ferdinando VII (1831) e Ferdinando il Cattolico (1850), non sono sopravvissuti fino ai giorni nostri. D’altra parte, la realizzazione di fontane era abbondante in questo periodo, quindi si potrebbe parlare quasi di moda. Il più antico era il Font d’Hèrcules, situato all’incrocio del Passeig de Sant Joan con Carrer Còrsega, opera del 1802 di Josep Moret su progetto di Salvador Gurri. Inizialmente situato sul Passeig Nou o sull’Esplanade, di fronte alla fortezza militare della Ciutadella, si trova nella sua posizione attuale dal 1928 ed è considerata la più antica statua pubblica originale di Barcellona.

Altre fonti di questo periodo sono: il Font del Vell o del Xato (1816), di Damià Campeny, inizialmente situato in Plaça del Teatre, vicino alla Rambla, e successivamente spostato al Parc de la Ciutadella (1877) e , infine, in Plaça de Sants (1975); il Font de Ceres (1825-1830), di Celdoni Guixà, situato in Passeig de Gràcia all’angolo con Carrer Provença, e trasferito nel 1874 a Plaça Blasco de Garay, a Poble Sec, e nel 1918 a Plaça de Sant Jordi, a Montjuïc; la Fontana del Nettuno (1826), da Adrià Ferran, situata nel Moll de la Riba, nella Barceloneta, e successivamente trasferita ai Jardins de Laribal e,

nel 1983, in Plaça de la Mercè, di fronte all’omonima basilica; il Monumento a Galceran Marquet (1851), di Damià Campeny e Josep Anicet Santigosa, nella Plaça del Duc de Medinaceli, prima opera in ferro della città; il Font del Geni Català (1856), di Faust Baratta e Josep Anicet Santigosa, in Pla de Palau; e il Font de les Tres Gràcies (1876), in Plaça Reial, progettato dall’architetto Antoni Rovira i Trias. Infine, vanno menzionate le Wallace Fountains, costruite nel 1872 da Charles-Auguste Lebourg per conto del filantropo inglese Sir Richard Wallace, e distribuite in molte città europee come atto di fratellanza; a Barcellona ne sono rimaste due su una dozzina iniziale: sulla Rambla con Santa Mònica e sulla Gran Via con Passeig de Gràcia.

Per quanto riguarda gli edifici pubblici, le più importanti erano le due statue situate in nicchie su entrambi i lati della porta principale della nuova facciata del municipio, che rappresentano Giacomo I il Conquistatore e Joan Fiveller, realizzate da Josep Bover nel 1844. Proprio di fronte, sulla facciata del Palau de la Generalitat, una statua equestre di Sant Jordi fu collocata nel 1871 anch’essa collocata in una nicchia, opera di Andreu Aleu. Anche questa facciata era nuova, poiché l’apertura di Plaça de Sant Jaume nel 1823 lasciava i due edifici istituzionali uno di fronte all’altro. Va notato che allora il Palau de la Generalitat non ospitava questa istituzione, che è stata abolita dal Decreto di Nuovo Stabilimento, ma l’Udienza Reale, la Delegazione Provinciale e il File della Corona d’Aragona.

Da segnalare anche in termini di edifici pubblici le statue situate nell’atrio dell’Università di Barcellona, ​​un complesso architettonico monumentale costruito da Elies Rogent tra il 1863 e il 1882. Fu lo stesso architetto a proporre l’elaborazione delle statue nei fratelli Agapit e Venanci Vallmitjana, realizzati nel 1865 e collocati nel 1876. Sono cinque figure che rappresentano la scienza e il sapere in tutta la storia della Spagna: Sant’Isidoro di Siviglia, per il regno visigoto; Averroè, per l’era ispano-musulmana; Alfonso il Saggio, per il periodo medievale in Castiglia; Ramon Lullo, per lo stesso periodo nella Corona d’Aragona; e Joan Lluís Vives, per il periodo rinascimentale. Da segnalare infine il gruppo Caritat, opera di Joan Serra del 1880 situata nella Casa de la Caritat;

1888 Fiera mondiale
Alla fine del secolo si tenne un evento di grande impatto economico e sociale oltre che urbano, artistico e culturale per la città, l’Esposizione Universale del 1888. Si svolse tra l’8 aprile e il 9 dicembre 1888, e ha avuto luogo nel Parc de la Ciutadella, già di proprietà dell’esercito e vinto per la città nel 1868. L’incentivo degli eventi fieristici è stato il miglioramento delle infrastrutture in tutta la città, che ha fatto un enorme balzo verso la modernizzazione e lo sviluppo. D’altra parte, la Mostra è stata il banco di prova di un nuovo stile artistico, il modernismo, che fino all’inizio del XX secolo era ciò che prevaleva nel campo architettonico e artistico della città, e rendeva la Barcellona modernista, con lo stile gotico, la più che definisce lo stile della città di Barcellona.

Il progetto di rimodellamento del Parc de la Ciutadella fu commissionato nel 1872 a Josep Fontserè, che progettò grandi giardini per la ricreazione dei cittadini, e insieme all’area verde progettò una piazza centrale e una circonvallazione, oltre a un monumentale fontana e vari elementi ornamentali, due laghi e un’area forestale, oltre a diversi edifici e infrastrutture ausiliarie, come il Mercat del Born.

L’ingresso alla Mostra è avvenuto attraverso l’Arco di Trionfo, un monumento creato per l’occasione che rimane ancora nella sua sede originaria, progettato da Josep Vilaseca. Di ispirazione neo-mudéjar, ha un’altezza di 30 metri, ed è decorato con un ricco ornamento scultoreo, opera di diversi autori: Josep Reynés scolpito nel fregio superiore di Barcellona accoglie le nazioni; Josep Llimona ha realizzato la Distribuzione delle ricompense ai partecipanti alla Mostra sul retro della parte superiore; a destra Antoni Vilanova ha realizzato le allegorie dell’Industria, dell’Agricoltura e del Commercio; a sinistra, Torquat Tasso elabora allegorie nelle Scienze e nelle Arti; infine, Manuel Fuxà e Pere Carbonell hanno creato quattro sculture femminili, le Fames.

Poi è arrivato il Saló de Sant Joan, attualmente Passeig de Lluís Companys, un lungo viale largo 50 metri con balaustre in ferro battuto, mosaici pavimentali e grandi lanterne, tutti progettati da Pere Falqués. Otto grandi statue di bronzo che rappresentano personaggi illustri della storia della Catalogna sono state collocate lungo questa passeggiata: Guifré el Pilós (di Venanci Vallmitjana), Roger de Llúria (di Josep Reynés), Bernat Desclot (Manuel Fuxà), Rafael Casanova (Rossend Nobas), Ramon Berenguer I (Josep Llimona), Pere Albert (Antoni Vilanova), Antoni Viladomat (Torquat Tasso) e Jaume Fabre (Pere Carbonell).

Nel 1914 la statua di Casanova fu spostata nella Ronda de Sant Pere – messa all’angolo da Alí Bey – e sostituita da un’altra dedicata a Pau Claris, opera di Rafael Atché. Durante la Guerra Civile furono rimosse sei statue, e solo quelle di Roger de Llúria e Antoni Viladomat rimasero al loro posto originale .; cinque furono fuse nel 1950 per realizzare l’immagine della Vergine della Misericordia nell’omonima basilica, mentre quella di Pau Claris, conservata in un magazzino comunale, fu restaurata nel 1977.

Inoltre, alla fine dei due grandi gruppi scultorei rappresentanti Commercio e Industria, opera di Agapit Vallmitjana, sono stati collocati sul lungomare; altri due, dedicati all’Agricoltura e alla Marina, erano situati presso un altro ingresso del sito (Avinguda Marquès de l’Argentera), opera di Venanci Vallmitjana.

Oltre agli edifici e ai padiglioni realizzati per l’evento, la Cascata Monumentale, progettata da Fontserè in collaborazione con Antoni Gaudí, che ha realizzato il progetto idraulico e progettato una grotta artificiale sotto la Cascata. L’insieme architettonico ha una struttura centrale a forma di arco trionfale con due padiglioni ai lati e due ali laterali con gradini, che ospitano un laghetto diviso in due livelli. Il monumento si distingue per la sua profusione scultorea, alla quale parteciparono diversi tra i migliori scultori dell’epoca: spiccano il gruppo La Quadriga de l’Aurora, di Rossend Nobas, e La nascita di Venere, di Venanci Vallmitjana; il frontone è opera di Francesc Pagès i Serratosa. Altre sculture nel set sono: Anfitrite, di Josep Gamot; Nettuno e Leda, di Manuel Fuxà; e Dànae, di Joan Flotats. Però,

Altre statue collocate per l’Esposizione sono state: la Dama dell’Ombrello (1884), di Joan Roig i Solé, situata nell’attuale sede dello Zoo, e che nel tempo è diventata un’opera emblematica della città; l’Omaggio ad Aribau (1884), di Josep Vilaseca e Manuel Fuxà, su Avinguda dels Til • lers l’originale in pietra fu sostituito nel 1934 da una copia in bronzo di Enric Monjo; le figure degli scienziati Jaume Salvador (1884) e Félix de Azara (1886), di Eduard B. Alentorn, al Museo di Geologia; il cacciatore di leoni (1884), di Agapit Vallmitjana i Abarca, in una delle passeggiate del parco; e la Statua equestre del generale Prim (1887), di Lluís Puiggener, situata di fronte al Palau de la Indústria dove si trova attualmente lo Zoo di Barcellona, ​​sebbene l’opera originale sia stata distrutta nel 1936 e successivamente restaurata da Frederic. Marte.

Successivamente, tra il 1897 e il 1901, all’ingresso del Parc de la Ciutadella fu costruito il Monumento ai Fiumi e Taulet, che fu sindaco negli anni dell’Esposizione e uno dei principali promotori del progetto, opera dell’architetto Pere Falqués e lo scultore Manuel Fuxà; Ha parlato anche Eusebi Arnau, autore della figura di Barcellona. Il monumento è costituito da un piedistallo, ai lati del quale si trovano due scudi di bronzo che rappresentano quattro dei principali progetti promossi dal sindaco: il Parc de la Ciutadella, l’Esposizione Universale, il Monumento a Colombo e la Gran Via de las Corts Catalanes . Dalla base c’è un obelisco con il busto del sindaco, circondato da due figure, un’allegoria del Lavoro e un altro di Barcellona, ​​che offre un ramo di palma. Sul retro c’è una fama alata,

Al di fuori dei terreni della Mostra sono stati costruiti anche diversi monumenti e opere statuarie, tra cui il Monumento a Colombo, situato nel Portal de la Pau, all’incrocio tra la Rambla e il Paseo de Colom. di fronte al vecchio porto di Barcellona. Edificato in omaggio allo scopritore Cristoforo Colombo, fu inaugurato il 1 giugno 1888. Il monumento è stato progettato da Gaietà Buïgas, e ha un’altezza di 60 metri.

La statua di Colombo è posta su una colonna di ferro, ed è un’opera in bronzo dello scultore Rafael Atché, alta 7 metri. Il monumento è suddiviso in tre corpi: una base circolare, con quattro sezioni di scale larghe 6 metri, e otto bassorilievi con gli stemmi delle province spagnole e le principali azioni compiute da Colombo; un poligono di otto lati, quattro dei quali disposti come contrafforti, a forma di croce, con statue allegoriche della Catalogna, Aragona, Castiglia e León, nonché le figure di Bernat Boïl, Pere Margarit, Jaume Ferrer de Blanes e Lluís de Santàngel; la colonna di ordine corinzio, con una base con figure di caravelle, grigi e carestia, la capitale con rappresentazioni di Europa, Africa, Asia e America, una corona di un principe,

L’ensemble scultoreo è stato assegnato tramite un concorso pubblico a vari laboratori e scultori: Josep Llimona (bassorilievi), Antoni Vilanova (bassorilievi), Rossend Nobas (contrafforti), Francesc Pastor (capitale), Pere Carbonell (Catalogna), Josep Carcassó (Aragona)., Leoni araldici), Josep Gamot (Castiglia, Lluís de Santàngel), Rafael Atché (León, statua di Colombo), Manuel Fuxà (padre Boïl), Francesc Pagès i Serratosa (Jaume Ferrer de Blanes) e Eduard B Alentorn (Pere Margarit). Col tempo Colombo è diventato uno dei monumenti più emblematici della città.

Altre opere realizzate nel contesto della Mostra ma situate all’esterno dei suoi locali furono: A López y López (1884), in Plaça Antonio López, opera dell’architetto Josep Oriol Mestres e dello scultore Venanci Vallmitjana, con rilievi di Lluís Puiggener, Joan Roig i Solé, Rossend Nobas e Francesc Pagès i Serratosa distrutte nel 1936, restaurate nel 1944 da Frederic Marès, ritirate nel 2018 a causa del passato servile del premiato; In Joan Güell i Ferrer (1888), sulla Gran Via de les Corts Catalanes con la Rambla de Catalunya, opera dell’architetto Joan Martorell e degli scultori Rossend Nobas, Torquat Tasso, Eduard B. Alentorn, Maximí Sala e Francesc Pagès i Serratosa anche distrutto nel 1936 e ricostruito da Frederic Marès nel 1945; e il Monumento a Josep Anselm Clavé (1888),

Da segnalare, infine, che nel 1892 il Font de Canaletes, opera di Pere Falqués, fu collocato sulla Rambla con Plaça de Catalunya, che nel tempo è diventata un emblema della città ed è solitamente un luogo di ritrovo per gli appassionati del Futbol Club Barcelona nei festeggiamenti della squadra.

20 ° secolo
Nel corso del XX secolo è proseguita la collocazione dei monumenti commemorativi negli spazi pubblici di Barcellona, ​​seguendo l’usanza iniziata con la celebrazione dell’Esposizione Universale. Questo secolo ha visto il maggior numero di lavori collocati sulle strade pubbliche della città. Va ricordato che durante la fine del secolo il perimetro della città è cresciuto in modo significativo, a causa dell’aggregazione di diversi comuni limitrofi che sono diventati nuovi quartieri di Barcellona: Santa Maria de Sants, Les Corts de Sarrià, Sant Gervasi de Cassoles, Gràcia , Sant Andreu del Palomar e Sant Martí de Provençals nel 1897, Horta nel 1904 e Sarrià nel 1921.

La situazione politica nel XX secolo era turbolenta, con la fine della monarchia nel 1931 e l’arrivo della Seconda Repubblica, conclusa con la Guerra Civile e sostituita dalla dittatura franchista, fino alla restaurazione della monarchia e all’arrivo della democrazia. Socialmente questo secolo ha visto il massiccio arrivo dell’immigrazione in città, con il conseguente aumento della popolazione: se nel 1900 erano 530.000 abitanti, nel 1930 erano quasi raddoppiati (1.009.000 abitanti), raggiungendo tra il 1970 e il 1980 la quota massima ( 1.754.900) e alla fine del secolo 1.500.000 abitanti.

Lo stile artistico prevalente nei primi decenni del secolo fu il Noucentisme, che in contrasto con il modernismo promosse il ritorno alla cultura greco-latina classica nel mondo mediterraneo. Durante gli anni ’20 e ’30 furono introdotte correnti d’avanguardia internazionali, sebbene durante i primi anni della dittatura franchista ci fu un ritorno agli stili accademici. Successivamente, c’è stato un rinnovato impegno per l’innovazione e, soprattutto con l’avvento della democrazia, l’atmosfera artistica è stata pienamente introdotta negli stili di moda successivi nell’arena internazionale, che si sono succeduti con maggiore velocità. Al patrimonio pubblico si sono poi aggiunte opere di artisti internazionali, che ha conferito maggior prestigio e rilevanza alla collezione pubblica della città.

Una delle prime opere del secolo fu la statua equestre di Sant Jaume collocata in una nicchia nella piazza omonima – all’angolo con Carrer Ciutat – nel 1903, opera di Manuel Fuxà. Nel 1906, il monumento dedicato allo scrittore Serafí Pitarra uno pseudonimo di Frederic Soler, da Pere Falqués e Agustí Querol, fu installato nella Plaça del Teatre, presentando il “fondatore del teatro catalano” secondo dice l’iscrizione seduta sulle maschere di commedia e tragedia.

Nello stesso anno Falqués costruì i lampioni su Passeig de Gràcia e Plaça del Cinc d’Oros. Sebbene i lampioni siano attualmente sull’Avinguda Gaudí, fatta di ferro e pietra calcarea, il primo a forma di L rovesciata e panchine su cui sedersi, e il secondo a forma di pinnacolo verticale con radici gotiche. L’anno successivo, una figura di Sant Josep Patriarca, opera di Josep Llimona, distrutta nel 1936 e ricostruita nel 2000 da Lluís Cera, è stata installata in una nicchia su Carrer Montsió. Nello stesso anno, il Mammut è stato collocato nel Parc de la Ciutadella, una replica di questo animale estinto in cemento – il primo uso scultoreo di questo materiale in città – da Miquel Dalmau.

Nel 1908 due busti dedicati a Manuel Milà i Fontanals (opera di Manuel Fuxà) ed Emili Vilanova (di Pere Carbonell) nel Parc de la Ciutadella, che inaugurarono una consuetudine che si sarebbe ripetuta negli anni a venire dedicando busti a vari personaggi, principalmente letterato Grazie al patrocinio dell’Associazione Floral Games, nel parco che ha ospitato l’Esposizione Universale; così, busti dedicati a Marià Aguiló i Fuster (Eusebi Arnau, 1909), Víctor Balaguer (Manuel Fuxà, 1910), Lleó Fontova (Pau Gargallo, 1910), Teodor Llorente (Eusebi Arnau, 1912), Joan Maragall (Eusebi Arnau, 1913 ), Joaquim Vayreda (Manuel Fuxà, 1915), Pepita Teixidor (Manuel Fuxà, 1917) primo monumento dedicato a una donna e Ramon Batlle (Enric Clarasó, 1918, oggi scomparso).

Nel 1909, il gruppo scultoreo La cançó popular fu collocato nel Palau de la Música Catalana, un eccezionale edificio modernista di Lluís Domènech i Montaner, all’angolo tra Sant Pere Més Alt e Amadeu Vives. Opera di Miquel Blay, presenta / mostra una figura femminile che personifica la Canzone, circondata da diversi personaggi che rappresentano la città catalana, mentre in alto si eleva l’imponente figura di Sant Jordi, con una spada e uno stendardo.

Nel 1910 fu inaugurato il Monumento al dottor Robert, dedicato al medico e politico catalano Bartomeu Robert, sindaco di Barcellona tra marzo e ottobre 1899. Fu commissionato allo scultore Josep Llimona, e la sua progettazione coinvolse anche l’architetto Lluís Domènech i Montaner . Il luogo scelto era Plaça de la Universitat, dove fu posata la prima pietra nel 1904. Nel 1940 le nuove autorità franchiste decisero di rimuovere il monumento, che fu smantellato e conservato in un magazzino comunale, fino a quando non fu restaurato nel 1977. sebbene altrove, Piazza Tetouan.

Il monumento ha una forma leggermente piramidale, ed è posto su una base di blocchi di pietra di forme organiche, simili all’architettura praticata a quel tempo da Antoni Gaudí, come nella Casa Milà. L’ensemble scultoreo frontale è in bronzo e presenta una serie di figure di varie classi sociali, allegorie della Musica e della Poesia e riferimenti alla medicina; sopra è il busto del Dr. Robert, con un’allegoria della Gloria. Sul retro c’è un altro gruppo, con diverse figure attorno a quella centrale che rappresenta la Medicina.

Durante gli anni ’10, la Commissione dell’Eixample organizzò vari concorsi per collocare varie fontane ornamentali in questo quartiere. Nel 1911 il vincitore fu Josep Campeny, da cui furono collocate tre fontane: la Trinxa, a Ronda Universitat / Pelai; quello della Rana, in Corsica / Diagonal; e El noi dels càntirs, in Plaça Urquinaona. Nel 1913 fu scelto Eduard B. Alentorn, autore di altre tre fonti: la Font de la Pagesa, in Plaça Letamendi; la Fontana della Tartaruga, in Plaza de Goya; e il Font de la Palangana (o Negrito), a Bruc / Diagonal. Nel 1920 ne fu approvato solo uno, il Font de la Sardana, di Frederic Marès, in Plaça de Tetuan.

Nel 1921 il Font de la Caputxeta, di Josep Tenas, fu installato sul Passeig Sant Joan / Rosselló; nel 1924 il Font de l’Efeb, di Àngel Tarrach, a Diagonal / Bailén; e, infine, nel 1925 due di Frederic Marès: quello del Gallo, nella piazza omonima; e quello dell’Anatra, a Valencia / Enamorats. Un’altra fonte dell’epoca era quella di Diana (1919), di Venanci Vallmitjana, situata sulla Gran Via con Roger de Llúria; l’autore aveva realizzato la figura della dea della caccia nel 1898, originariamente nuda, ma quando ricevette l’incarico dalla fontana gli fu ordinato di coprirla con una tunica.

Nel 1917, la scultura Desconsol, di Josep Llimona, fu installata nel Parc de la Ciutadella, in quello che era stato un vecchio cortile, al centro di uno stagno ellittico situato di fronte al vecchio arsenale militare che oggi ospita la sede del Parlamento della Catalogna. L’opera, originariamente realizzata nel 1903, è diventata un emblema della città di Barcellona. Si tratta della figura di una donna seminuda, con la testa tra le braccia, in atteggiamento di disperazione, come indica il titolo. Nel 1984 l’originale è stato spostato al MNAC e al suo posto è stata collocata una copia.

Negli anni successivi furono inaugurati altri monumenti dedicati a vari personaggi: nel 1918, fu eretto in Plaça de Sant Agustí il Monumento all’attore Iscle Soler, di Pau Gargallo. L’anno successivo il Monumento al Canone Rotondo fu posto a Clot, in memoria di chi fu rettore di Sant Martí, la prima opera pubblica di Frederic Marès, uno scultore molto prolifico negli anni successivi; l’opera fu distrutta nel 1936 e sostituita da un’altra dello stesso autore nel 1954.

Nel 1924 nell’omonima piazza fu inaugurato il Monumento al Vescovo Jacint Verdaguer, dedicato a questo sacerdote e scrittore, uno dei principali scrittori. in catalano del XIX secolo. L’idea di erigere un monumento al famoso poeta nacque dopo la sua morte nel 1902, ma non si concretizzò fino al 1913, quando fu organizzato un concorso che vinse lo scultore Joan Borrell i Nicolau, in collaborazione con l’architetto Josep Maria Pericas. Borrell si è occupato della figura del poeta e di quelle della balaustra tre figure allegoriche, alludendo alla poesia mistica, popolare ed epica, mentre i fratelli Miquel e Llucià Oslé, finalisti del concorso, erano in carica. dei rilievi del basamento, con scene tratte dal poema L’Atlàntida dell’autore catalano.

Altri monumenti realizzati negli anni ’20 furono: Al dottor Andreu (1927), in onore del farmacista Salvador Andreu, promotore dell’urbanizzazione del Tibidabo, da cui fu ricavato un primo monumento con l’effigie dell’onorevole, opera di Enric Sagnier e Eusebi Arnau, distrutta durante la Guerra Civile, e sostituita nel 1952 da una statua di una donna vestita con un abito classico e che porta in mano un ramo di alloro, opera di Maria Llimona;

In Pearson (1928), un monumento a forma di allegoria a Victoria dedicato all’ingegnere americano Fred Stark Pearson, promotore dell’industria elettrica in Catalogna, opera di Josep Viladomat situato in Plaça de Pedralbes; All’aviatore Durán (1928), dello scultore Jaume Duran, in memoria del tenente Juan Manuel Durán, pilota del Plus Ultra, il primo aereo a compiere un volo transatlantico senza scalo, ucciso in un incidente aereo sulla montagna di Montjuïc , dove si trovava il suo monumento, a forma di Vittoria alata; e il Font de l’Aurora (1929), opera di Joan Borrell situata inizialmente nei Jardinets de Gràcia e successivamente disintegrata in più pezzi sparsi in vari luoghi: il Parco Quàdriga d’Hèliosin Turó, Selene in Avinguda de Vallcarca, Minerva in Montjuïc, una ninfa che si pettina in Plaça Joaquim Folguera,

Di questo periodo sono diversi giardini inizialmente privati ​​che sono stati successivamente incorporati nel patrimonio comunale, come il Parc Güell, situato sul versante meridionale del Turó del Carmel, nel distretto di Gràcia. Concepito come un’urbanizzazione, fu progettato dall’architetto Antoni Gaudí per conto dell’imprenditore Eusebi Güell e costruito tra il 1900 e il 1914. Entrò a far parte del patrimonio pubblico nel 1926. Del parco nel suo complesso spicca la scala d’ingresso . disposte simmetricamente attorno a una scultura di salamandra o drago, che è diventato l’emblema del parco e uno dei più riconoscibili della città, e parte di un gruppo di tre fontane con sculture che rappresentano i paesi catalani (Catalogna, Francia settentrionale e Catalogna meridionale, Spagna ). Sopra questa scala c’è una sala ipostila e un teatro quadrato o greco, dove spicca una panca ondulata decorata con ceramiche di trencad, di Josep Maria Jujol. Nel 1984 l’Unesco ha incluso il Parc Güell nel patrimonio dell’umanità “Opere di Antoni Gaudí”.

Nel quartiere Sarrià-Sant Gervasi si trovano i Jardins de la Tamarita, realizzati da Nicolau Maria Rubió i Tudurí nel 1918, dove di fronte all’edificio principale ci sono quattro sculture dedicate ai continenti tutti meno Oceania, opera di Virginio Arias. D’altra parte, nel 1924 la città di Barcellona donò al re Alfonso XIII il palazzo reale di Pedralbes, che era appartenuto alla famiglia Güell. Aveva un palazzo in stile caraibico realizzato da Joan Martorell, mentre Antoni Gaudí aveva curato i giardini e il recinto della tenuta, di cui rimane una fontana dedicata a Ercole, nonché i padiglioni delle porte, che includono una griglia d’ingresso con un drago in ferro battuto, che rappresenta Ladó, il drago guardiano del Giardino delle Esperidi, sconfitto da Ercole nella sua undicesima opera.

Tra il 1919 e il 1924 fu rimaneggiato per diventare il Palazzo Reale, dagli architetti Eusebi Bona e Francesc Nebot. Diverse sculture furono poi collocate per decorare il recinto, tra cui spiccava Isabella II che presenta suo figlio, il futuro re Alfonso XII, a Barcellona, ​​opera di Agapit Vallmitjana del 1860; o una donna inginocchiata, di Joan Borrell del 1916. Nel 1930 fu collocata anche una, di Enric Casanovas.

1929 Esposizione Internazionale
Negli anni ’20 fu progettata una nuova mostra come nel 1888, poiché il suo successo aveva lasciato un piacevole ricordo nella città. Questa volta il luogo scelto è stato la montagna di Montjuïc, che è stata così urbanizzata e acquisita come spazio pubblico per la città. L’Esposizione Internazionale si tenne dal 20 maggio 1929 al 15 gennaio 1930 e lasciò numerosi edifici e strutture, alcuni dei quali sono diventati emblemi della città, come il Palazzo Nazionale, la Fontana Magica, il Teatro Greco, il Poble Espanyol e lo Stadio Olimpico. Il polo espositivo è stato costruito secondo un progetto generale di Josep Puig i Cadafalch, e ha avuto inizio in Plaça d’Espanya, passando per Avinguda d’América attualmente Avinguda de la Reina Maria Cristina, dove i grandi edifici della Mostra, ai piedi del la montagna, dove si trovava la Fontana Magica, affiancato dai Palazzi di Alfonso XIII e Vittoria Eugenia; da qui una scalinata conduceva al Palazzo Nazionale, l’opera più monumentale della Mostra.

Uno dei monumenti più importanti era la fontana monumentale in Plaça d’Espanya, progettata da Josep Maria Jujol, con una decorazione scultorea decorata di Miquel Blay e dei fratelli Miquel e Llucià Oslé. Di ispirazione classica, il senso iconografico dell’opera rappresenta un’allegoria poetica in Spagna attraverso le sue acque: su uno stagno triangolare si trova un edificio con tre nicchie con gruppi scultorei che simboleggiano i fiumi che sfociano nei tre mari che circondano la penisola iberica (il L’Ebro dal Mediterraneo, il Guadalquivir e il Tago dall’Atlantico e alcune figure adolescenziali per i fiumi del Golfo di Biscaglia, di Blay);

In cima al lago ci sono tre gruppi che rappresentano i frutti e i doni delle acque: Abbondanza, Sanità Pubblica e Navigazione, opera dei fratelli Oslé; attorno al corpo centrale sono tre colonne con varie figure ed emblemi che simboleggiano la religione (una croce con Ramon Lullo, Santa Teresa di Gesù e Sant’Ignazio di Loyola), Eroismo (una spada con Pelai I, Giacomo I d’Aragona e Isabella la Cattolica), e theArts (un libro con Ausiàs March e Miguel de Cervantes); un gioco di fuoco con tre vittorie conclude il lavoro.

Tra la Plaça d’Espanya e il Palau Nacional è stata collocata la Fontana Magica di Montjuïc, opera di Carles Buïgas, che ammirava il pubblico per i suoi fantastici giochi di luci e fontane. Ancora oggi è un’opera emblematica della capitale catalana, dove di solito vengono celebrati spettacoli piromusicali nei festeggiamenti de La Mercè. Ha forma ellissoidale, formata da tre stagni concentrici a diversi livelli, con un diametro di 65 m nella sua parte più ampia. Dispone di trenta diversi giochi d’acqua, con le corrispondenti colorazioni graduali, basate su cinque colori: giallo, blu, verde, rosso e bianco. In questo sito furono originariamente costruite quattro colonne in stile ionico che simboleggiavano la bandiera, opera di Puig i Cadafalch, ma il dittatore Primo de Rivera le fece demolire. Con il ripristino della democrazia, si è pensato di sostituirli,

Altre opere collocate nei locali dell’Esposizione sono: Sant Jordi (1924), di Josep Llimona, nella piazza omonima; La Bellesa (1924), di Josep Llimona, in Plaça de Dante; Morning (1925), dello scultore espressionista tedesco Georg Kolbe, situato nel Padiglione Tedesco, edificio in stile razionalista costruito da Ludwig Mies van der Rohe; Les Flors i Sedent (1927), di Josep Llimona, in Plaça del Marquès de Foronda; L’acqua e la terra (1929), di Frederic Marès, sulle scale di accesso al Palazzo Nazionale; Serenity (1928), di Josep Clarà, nei Giardini Miramar; Jove de la trena (1928), di Josep Viladomat, ed Estival (1929), di Jaume Otero, nei Jardins de Laribal; Il buon pastore (1929), di Joan Rebull, e Venus (1929), di Joan Borrell e Nicolau, nei giardini di Joan Maragall. I carri olimpici, carri trainati da cavalli,

D’altra parte, ai piedi delle torri veneziane in Plaza de España c’era una balaustra per accedere al Quartiere fieristico decorato con quattro sculture: le Arti e l’Industria, di Carles Ridaura; il Commercio, di Enric Monjo; e Sport, di Josep Viladomat. Questa balaustra è stata rimossa negli anni ’70 durante una riqualificazione della piazza a causa di lavori di metropolitana, e con essa sono scomparse le statue; ne è stata conservata solo una, quella delle Arti – detta anche Donna con bambino -, trasferita in un luogo vicino, nel viale del Parallelo, all’angolo con Carrer de Lleida.

Oltre alle realizzazioni nel quartiere fieristico, come nella precedente mostra, sono stati effettuati vari interventi in tutta la città. Il più importante era in Plaça Catalunya, attualmente uno dei centri nevralgici della città, ma che un tempo era una spianata alla periferia del centro storico, che iniziò a svilupparsi solo nel 1902. Proprio a causa dell’Esposizione una riqualificazione di l’intero spazio della piazza è stato realizzato, su progetto di Francesc Nebot, ed è stato inaugurato da Alfonso XIII nel 1927.

Per decorare la piazza nel 1927 fu organizzato un concorso pubblico, in cui si decise di installare un set scultoreo di 28 opere: Maternity, di Vicenç Navarro; Jove, di Josep Dunyach; Il fabbro, di Josep Llimona; Donna con bambino e flabiolo, di Josep Viladomat; Figura femminile, di Enric Casanovas; Youth, di Josep Clarà; Pastor del flabiol, di Pau Gargallo; Navigazione, di Eusebi Arnau; Barcellona, ​​di Frederic Marès; Montserrat, di Eusebi Arnau; Figura femminile, di Josep Llimona; Ercole, di Antoni Parera; Donna con angelo, di Vicenç Navarro; Tarragona, di Jaume Otero; Fonte dei sei putti, di Jaume Otero; Lleida, di Joan Borrell; Donna con l’immagine della Vergine, di Enric Monjo;

Lo spirito popolare, di Jaume Otero; Pastore dell’Aquila, di Pau Gargallo; Pomona, di Enric Monjo; Saggezza, di Miquel Oslé; La dea, di Josep Clarà attualmente una copia, l’originale si trova nell’atrio della Casa de la Ciutat; Opera, di Llucià Oslé; Emporion, di Frederic Marès; Pescador, di Josep Tenas; Dona, di Joan Borrell; Montseny, di Jaume Duran; e Girona, di Antoni Parera. In origine anche nella piazza si trovava il gruppo Bambini che cavalcano il pesce (1928), di Frederic Marès, una fontana con fontane e quattro delle figure indicate dal titolo, che fu spostata nel 1961 all’incrocio tra Gran Via e Rambla de Catalunya.

In relazione all’intera Plaça Catalunya, alcune modifiche apportate al volo al progetto originario hanno portato alla sostituzione di diversi pezzi e al loro trasferimento in altre zone della città. Uno dei motivi principali è stato l’annullamento del progetto di Francesc Nebot di collocare nella piazza un tempio con un colonnato decorato con sedici figure femminili, che alla fine non è stato portato a termine con decisione del consiglio, che ha portato alle dimissioni di Nipote di fronte a i lavori. Così, alcune delle sculture realizzate per questo tempio sono state trasferite in luoghi diversi: quattro di esse, eseguite da Eusebi Arnau, Josep Llimona, Enric Casanovas e Àngel Tarrach, sono state collocate sul muro d’ingresso del palazzo. Real de Pedralbes; altri due, di Josep Dunyach (Deessa) e Vicenç Navarro (La nit), sono stati installati nel Parc de la Ciutadella;

Altro motivo del surplus di opere è stata la decisione che tutti i gruppi scultorei della piazza fossero in bronzo ad eccezione di quelli del terrazzo superiore, che sono in pietra, con il risultato che alcuni lavori che già dovevano essere eseguiti in pietra, dovevano essere ripetuti, e gli avanzi furono ricollocati: sono Lleida, di Manuel Fuxà, e Tarragona, di Jaume Otero, che furono installati sull’Avinguda Diagonal, di fronte al Palazzo Reale di Pedralbes. Infine, l’opera intitolata Marinada o Dansarina, di Antoni Alsina, si trovava nei Jardins de l’Umbracle, sul Passeig de Santa Madrona a Montjuïc, in questo caso perché si trattava di una femmina che non era vista di buon occhio dal morale prevalente al tempo.

Dopo l’Esposizione, nel 1930 fu inaugurato il Monumento a Pau Gil, in onore del banchiere che introdusse l’industria del gas a Barcellona e che con la sua volontà favorì la costruzione dell’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, gioiello del modernismo made di Lluís Domènech i Montaner, all’ingresso del quale si trova il monumento. L’opera, di Eusebi Arnau, è stata realizzata nel 1916, ma non è stata collocata fino al 1930, e presenta un busto del banchiere con un’allegoria della Carità ai suoi piedi. Sempre in quell’anno fu collocato sulla Gran Via il monumento allo scenografo Francesc Soler i Rovirosa, di Frederic Marès a forma di donna sdraiata con un fiore in mano; e il Monumento a Eduardo Dato, in Carrer Sant Antoni Maria Claret, di Jaume Duran, composto da un’allegoria della Fama e un monolite con medaglione del premiato.

Seconda Repubblica
Durante gli anni della Seconda Repubblica e della Guerra Civile non furono realizzati molti monumenti, a causa dell’instabilità politica e della turbolenta situazione del Paese. Uno dei primi è stato il Monumento a Pere Vila (1932), un indiano che ha lasciato una disposizione testamentaria per costruire una scuola – che porta il suo nome – nel Saló de Sant Joan, vicino all’Arco di Trionfo, e al quale ha pagato omaggio con una scultura in bronzo con tre figure di bambini e uno scudo con il nome del benefattore, opera di Josep Dunyach.

Nel 1933 una targa a rilievo in commemorazione del secondo anniversario della Repubblica nelle strutture del Ràdio Barcelona nel Tibidabo, opera di Àngel Tarrach, di cui rimane solo il supporto, poiché l’iscrizione fu cancellata durante la dittatura. L’anno successivo, un busto è stato posto in onore dell’economista Guillem Graell i Moles sul Passeig de Sant Joan amb Còrsega, opera di Vicenç Antón. Nello stesso anno il busto di Narcís Oller fu installato in Via Augusta, e attualmente nella piazza omonima, opera di Eusebi Arnau.

Nel 1934 fu inaugurata La República (Omaggio a Pi i Margall), un monumento dedicato alla Prima Repubblica spagnola, nonché a uno dei suoi presidenti, Francesc Pi i Margall. L’idea è nata nel 1915, decidendo la sua ubicazione in Plaza del Cinc d’Oros, alla confluenza di Avinguda Diagonal e Passeig de Gràcia. Tuttavia, il progetto fu rinviato con l’arrivo della dittatura di Primo de Rivera. Con l’inizio della Seconda Repubblica, il progetto fu ripreso e fu organizzato un concorso pubblico vinto da Josep Viladomat, con un’immagine della Repubblica sotto forma di una donna con un cappello frigio, con il braccio alzato e portando un ramo di alloro, posto su un obelisco.

Dopo la guerra civile, le nuove autorità rimossero la statua, che fu sostituita da un’allegoria della Vittoria di Frederic Marès. La statua fu custodita in un magazzino comunale, finché con l’avvento della democrazia fu recuperata, sebbene fosse collocata altrove, la Plaza de la República, come parte integrante di un nuovo monumento. costruzione, opera degli architetti Albert Viaplana e Helio Piñón, sotto forma di una struttura di acciaio pattinabile di 30 metri di altezza, di aspetto astratto.

Nel 1935 fu incoronato il Tempio Espiatorio del Sacro Cuore, situato nel Tibidabo, con una scultura omonima, una figura colossale alta 8 metri – la più alta allora in Spagna – realizzata da Frederic Marès. La statua in bronzo fu fusa durante la Guerra Civile per forgiare materiale bellico e sostituita da un’altra nel 1961, opera di Josep Miret. Quell’anno è stato installato un monumento sul Passeig de Sant Joan dedicato al pedagogo sordomuto Juan Pablo Bonet, con un monolite dell’architetto Joan Vidal e due medaglioni di Josep Marquès, che è stato ampliato nel 1966. Con l’immagine di un altro pedagogo, Fray Pedro Ponce de León, di Josep Miret. Sempre quell’anno, il busto di Santiago Rusiñol, di Enric Clarasó, fu collocato in Plaça de La Puntual.

Già nel 1936, il Monumento ai Volontari Catalani fu installato nel Parc de la Ciutadella, in memoria di coloro che parteciparono volontariamente alla prima guerra mondiale, opera di Josep Clarà sotto forma di un uomo nudo con le braccia alzate e portando un ramo di alloro; nel dopoguerra la dedica fu rimossa dalla placca e dai genitali ricoperti da una foglia di vite.

Sempre nel 1936 fu reso omaggio a Francesc Layret, un avvocato del lavoro ucciso da uomini armati sul libro paga del Sindacato Libero Legato al datore di lavoro nel 1920. Fu collocato in Plaça de Sepúlveda, attualmente Plaça de Goya, ed era opera di Frederic Marès. Nel 1939, dopo la Guerra Civile, le nuove autorità procedettero allo smantellamento del monumento, che era conservato in un magazzino comunale, finché con l’avvento della democrazia non fu riportato nella sua collocazione originaria. Il monumento ha un carattere allegorico: su un piedistallo a forma di podio si erge la figura di una donna in bronzo, con il torso nudo e il braccio sinistro alzato che porta una torcia, a simboleggiare la Repubblica; ai lati due figure maschili in pietra, rappresentanti un contadino e un operaio, mentre sul retro un’altra figura femminile che porta in braccio un bambino, in personificazione dell’indigente.

Poco dopo Layret’s è stato inaugurato il monumento al dottore e politico Domènec Martí i Julià, uno degli ideologi del catalanismo di sinistra, situato accanto all’Institut Frenopàtic de la Diagonal, da lui diretto, con un’opera di Josep Dunyach sotto forma di una figura femminile in un atteggiamento di lancio di fiori. Già durante la guerra è conservato un solo monumento, quello dedicato ad Apel • les Mestres (1938), situato nel Parc de la Font del Racó, nel Tibidabo, opera di Francesc Socías i March.

Il periodo franchista
Dopo la guerra civile, le nuove autorità portarono alla distruzione o alla disinstallazione di numerosi monumenti dedicati a personaggi legati alla sinistra o al catalanesimo, come La República (Omaggio a Pi i Margall), il Monumento al dottor Robert, il dedicato a Francesc Layret , o le figure di Rafael Casanova e Pau Claris. Altri monumenti o statue furono convertiti quando le loro dediche furono ritirate, soprattutto a causa del divieto dell’uso della lingua catalana, che portò alla rimozione o al rimodellamento di numerose targhe e dediche scritte in questa lingua; casi come il Monumento ai Volontari Catalani, dedicato a Domènec Martí i Julià, quello di Guillem Graell i Moles, quello di Frederic Mistral, o le figure di Jaume I e Joan Fiveller della Casa de la Ciutat.

Al contrario, furono ricostruiti numerosi monumenti di destra distrutti durante la guerra. Uno degli scultori che ha ricevuto più commissioni in questo senso è stato Frederic Marès, un artista del gusto del nuovo regime franchista, che tra il 1944 e il 1954 ha restaurato o ricostruito numerose opere d’arte pubblica, come il Monumento ad Antonio López nel piazza omonima, opera originale di Venanci Vallmitjana del 1884; A Joan Güell i Ferrer, di Rossend Nobas situato sulla Gran Via con Rambla de Catalunya; il Monumento al Generale Prim, di Lluís Puiggener, situato nel Parc de la Ciutadella; e Al Canonge Rodó, opera dello stesso Marès che successivamente si ricompose in forma diversa.

A lui si deve anche la sostituzione del Monumento alla Repubblica con un altro a Victoria, in Plaza del Cinc d’Oros. Paradossalmente, la statua della Vittoria di Marès era stata concepita come della Repubblica e aveva gareggiato con quella di Josep Viladomat nel concorso a premi del 1932. Per il suo adattamento, Marès ha dovuto apportare alcune modifiche al suo lavoro., Come coprire il torso nudo in precedenza. La statua è stata rimossa nel 2011 e attualmente rimane solo l’obelisco.

In questo periodo ci fu una grande proliferazione di monumenti, poiché la dittatura usò l’arte come mezzo propagandistico della sua ideologia: secondo Alexandre Cirici i Pellicer, “l’estetica appare come un elemento essenziale del franchismo, dello stesso modo in cui era un elemento essenziale in tutti i fascismi ». I primi monumenti eretti dalle nuove autorità franchiste, nel 1939, furono improvvisati ed effimeri: il 19 maggio, “Giorno della Vittoria”, fu collocata sulla facciata una lapide con l’ultimo comunicato di guerra. del Consiglio Comunale; il 29 aprile una croce è stata posta sui caduti all’ospedale St. Paul; il 7 maggio è stato installato un obelisco in commemorazione del 2 maggio in Plaça de Catalunya; e il 19 luglio un arco di trionfo è stato posto nel Portal de la Pau in onore di Galeazzo Ciano, in visita alla città.

Il primo monumento definitivo e più pianificato fu quello dedicato ai Caduti nel Fossato di Santa Elena del Castello di Montjuïc, costruito nel 1940 dagli architetti Manuel Baldrich, Joaquim de Ros i de Ramis, Josep Soteras, Manuel de Solà-Morales e Josep Mas e gli scultori Miquel e Llucià Oslé. Il monumento era costituito da tre arcate – quella centrale, più alta e più ampia -, un altare e una tomba coronata da un obelisco con croce, oltre a una lapide dove si trovava la scultura realizzata dai fratelli Oslé, una figura sdraiata con una corona d’alloro ai suoi piedi.

L’anno successivo fu inaugurato il Monumento ai Martiri dell’Indipendenza, gruppo realizzato in bronzo da Josep Llimona nel 1930, e che fu collocato in Plaça Garriga i Bachs, con l’aggiunta di un rilievo di alabastro con due angeli circondati da una nuvola in cima alla nicchia, realizzata per l’occasione da Vicenç Navarro. Seguì il Monumento al pittore Fortuny, situato nell’omonima via, opera di Miquel e Llucià Oslé realizzata nel 1922 ma la cui installazione era stata interrotta dalla guerra, e che fu infine collocata nel 1942. anno, il monumento al vescovo Irurita, di Vicenç Navarro, è stato installato in Carrer Bisbe.

Nel 1947 furono installate diverse fontane nei quartieri Eixample e Gràcia, seguendo la tradizione iniziata negli anni 1910-1920: si tratta del Font de Blancaneu, di Josep Manuel Benedicto, in Plaça de Gal • la Placídia; il Font del Nen Pescador, dello stesso autore, in Diagonal / Casanova; e il Font de Rut, di Josep Maria Camps i Arnau, in Plaça de la Virreina. L’anno successivo, il Monumento a Josep Girona i Trius, di Antonio Ramón González, fu collocato nella Clinica Aliança.

Nel 1950 fu ideato e costruito prima della guerra un altro monumento, dedicato a Ramon Berenguer III il Grande, una statua equestre realizzata da Josep Llimona, che fu collocata nell’omonima piazza, accanto alla cappella di Santa Agata e ai resti delle mura medievali. L’anno successivo, un altro Monumento ai Caduti fu inaugurato in Avinguda Diagonal poi Avinguda Generalísimo Franco, di fronte al Palazzo Reale di Pedralbes, dagli architetti Adolf Florensa e Joaquim Vilaseca e dallo scultore Josep Clarà., Composto da un colonnato semicircolare con un grande croce sullo sfondo e un insieme scultoreo formato da due uomini, uno che sorregge l’altro, morenti; la scultura è stata distrutta nel 2001 dalla Piattaforma Antifascista di Barcellona e il tutto è stato smantellato nel 2005.

Sempre nel 1951 Frederic Marès fu incaricato dal governatore civile di eseguire un lavoro sul Timbaler del Bruc, l’originale in pietra di cui fu installato l’anno successivo nel villaggio di El Bruc, e di cui furono realizzate diverse copie in bronzo, che sono stati installati presso la sede del governo civile (1953, trasferito nel 1982 nella caserma della Guardia Civile di Manresa), in via Corint (1956) e nel castello di Montjuïc (1962).

Uno degli eventi più importanti del primo periodo del regime franchista in città è stata la celebrazione del XXXV Congresso Eucaristico Internazionale nel 1952. Per l’occasione si sono svolte diverse rappresentazioni, come la fontana ornamentale sul Passeig de Gràcia con la Gran Via , opera di Josep Soteras, o la ristrutturazione di Plaça Calvo Sotelo attualmente Plaça Francesc Macià, che comprendeva la scultura Joventut, di Josep Manuel Benedicto. Successivamente, nel 1961, nella piazza intitolata al pontefice, che era stata il centro nevralgico dell’evento, fu collocato un Monumento a Pio XII; opera di Julià Riu i Serra, è costituita da un monolite in calcare raffigurante una tonaca bianca, e da un palo di forma conica in bronzo, simbolo di un bastone papale.

Nel 1955, il Monumento agli Eroi di Espinosa de los Monteros fu eretto nell’omonima piazza attualmente Plaça de Prat de la Riba, in onore dei catalani uccisi in questa battaglia, sotto forma di una figura che porta una bandiera e in posizione stabile, opera di Joan Puigdollers; nel 1979 è stato rimosso e il suo posto è ora occupato da un Monumento a Prat de la Riba, di Andreu Alfaro. Da questa data provengono anche le statue situate nei Giardini di Can Sentmenat, nel Distretto di Sarrià-Sant Gervasi, una tenuta dei marchesi di Sentmenat risalente al XVIII secolo, che era decorata con sculture di simbolismo araldico realizzate da Joaquim de Sentmenat; il set è diventato di proprietà pubblica nel 1995.

Un cambio di stile avvenne nel 1957, quando un’opera intitolata Forma22, di Josep Maria Subirachs, fu installata nelle Mundet Homes sul Passeig de la Vall d’Hebron, che fu la prima opera astratta situata in uno spazio. pubblico della città, fatto che aprirebbe una nuova tappa di maggiore permissività ed apertura estetica verso le nuove correnti artistiche della città, non senza alcune critiche ai suoi esordi da parte dei settori più conservativi. Quell’anno coincise con l’arrivo a sindaco di Josep Maria de Porcioles, che rimase in carica fino al 1973, con un mandato caratterizzato da una maggiore apertura e da un grande impulso all’attività edilizia e di miglioramento urbano della città, con un alto grado di reale speculazione immobiliare., in una fase nota come “porciolismo”.

Nonostante questa nuova apertura, le prime conquiste di questa tarda era franchista seguirono le linee guida ortodosse del regime, come la statua di La Mercè – patrona della diocesi di Barcellona – situata nell’omonima basilica nel 1959, l’opera dei fratelli Miquel e Llucià Oslé che ha sostituito l’immagine originale del 1888 un’opera di Maximí Sala, distrutta durante la guerra civile. D’altra parte, nel 1963 una statua equestre del generale Franco fu collocata nel castello di Montjuïc, opera di Josep Viladomat autore, paradossalmente, della figura della Repubblica nel 1934; la statua è stata rimossa nel 2008.

Inoltre, nel 1964, in Carrer Infanta Carlota, attualmente Avinguda Josep Tarradellas, fu inaugurato il Monumento a José Antonio Primo de Rivera, dell’architetto Jordi Estrany e dello scultore Jordi Puiggalí. Consisteva in un monolite in marmo nero alto 18 metri, eretto su uno stagno, con base in cemento con rilievi in ​​ceramica con scene di personaggi popolari, nonché un ritratto del fondatore della Falange e, in alto, il simbolo falangista del giogo e frecce. I simboli sono stati rimossi nel 1981 e il monumento è stato infine demolito nel 2009.

Oltre a questi monumenti, l’epoca porciolista fu caratterizzata da una grande profusione di statuaria pubblica, anche se in generale partendo da iniziative particolari, e cercando di evitare connotazioni politiche. Erano opere di impronta stilistica diversa, prive di una pianificazione generale, che emergevano spontaneamente e con una certa improvvisazione. Secondo Alexandre Cirici, le opere di questo periodo sono un misto di “accademismo monastico” e “pseudopicassismo” che risulterebbe in uno stile ibrido e kitsch.

Durante questa fase si sono svolti numerosi spettacoli nel set di Parks and Gardens, che ha vissuto un periodo di splendore sotto la direzione di Lluís Riudor e Joaquim Casamor. Nel 1961 fu indetto un concorso per fornire sculture nelle aree verdi della città, in cui furono acquisite dieci opere: Maternità, di Jacinto Bustos Vasallo, in Plaza del Congreso Eucharista; un altro Ospedale di maternità, di Camil Fàbregas, nel Parc de Monterols attualmente in pensione; El nen de la rutlla, di Joaquim Ros i Bofarull, nel Parc del Guinardó; Riposo, di Claudi Tarragó, allo Zoo; La barca, di Gabriel Alabert, in Plaça de Vicenç Martorell; Adolescent, di Martí Llauradó, sulla Rambla del Poblenou;

23 aprile, Antonio Ramon González, nei giardini di Moragas – attualmente in pensione; Repòs, di Josep Viladomat, su originale di Manolo Hugué, ai Jardins de Laribal; La lezione, di Manuel Silvestre de Edeta, in Plaça Adrià; e La ben plantada, di Eloïsa Cerdan, nel Parco del Turó. Inoltre, si è deciso di collocare quattro sculture astratte, in un chiaro impegno per l’innovazione: Evocació marinera (1961), di Josep Maria Subirachs, sul Passeig de Joan de Borbó; Textile Engineering (1961), di Ángel Ferrant, in Plaza de Ferran Casablancas; Ritmo e proiezione, di Marcel Martí, in Pla de Montbau; e Evocazione del lavoro (1961), di Eudald Serra, in Plaça Carles Buïgas.

In relazione ai parchi e ai giardini, il maggior numero di opere è stato posto sulla montagna di Montjuïc: nel 1960, con la donazione alla città del Castello di Montjuïc, attorno ad esso è stato installato il Mirador de l ‘. Sindaco, con una fontana progettata da Carles Buïgas e la scultura Omaggio a Barcellona, ​​di Josep Maria Subirachs. Nel 1970 furono inaugurati tre nuovi giardini: quelli di Mossèn Costa i Llobera, con le sculture La puntaire, di Josep Viladomat, e L’au dels temporals, di Joaquim Ros i Bofarull; quelli di Mossèn Cinto Verdaguer, che includono un Ospedale di maternità, di Sebastià Badia, e La Jove dels lliris (Omaggio a Jacint Verdaguer), di Ramon Sabí; e i Giardini Joan Maragall, situati intorno al Palauet Albéniz, residenza della famiglia reale spagnola durante le loro visite a Barcellona,

tra cui Susanna in the bathroom, di Théophile Barrau, Serena, di Pilar Francesch, Dona ajaguda, di Enric Monjo, e Nu a l’estany, di Antoni Casamor. Sempre in queste date il Parco divertimenti Montjuïc, attualmente Giardini Joan Brossa, dove furono collocate anche alcune statue: il Monumento alla Sardana (1965), di Josep Cañas; A Carmen Amaya (1966), di Josep Cañas; A Joaquim Blume (1966), di Nicolau Ortiz; The Clown (Charlie Rivel) (1972), di Joaquim Ros i Sabaté; e Charlot (1972), di Núria Tortras. Un altro gruppo di sculture si stabilirono negli anni ’60 allo Zoo di Barcellona: Genoveva de Brabant (1959), di Montserrat Junoy; In Childhood (1959), di Elisa Reverter; San Francesco d’Assisi (1960), di Pere Jou; Delfí (1966), di Miquel Saperas; e A Walt Disney (1969), di Núria Tortras.

In questo periodo è anche degno di nota due azioni legate all’architettura: lo sgraffito disegnato da Pablo Picasso per la facciata del Collegio degli Architetti della Catalogna in Plaça Nova (1962), che presenta tre fregi: quello dei Neonati, quello del Senyera e quella dell’Alegria; e il fregio realizzato da Josep Maria Subirachs per l’edificio Novíssim del Comune di Barcellona situato in Plaça de Sant Miquel (1969), che comprende diversi pezzi relativi alla storia della città, come Gal • la Placídia, la Contea di Barcellona, Santa Eulàlia Patrona di Barcellona e vari elementi che simboleggiano le lettere, le arti, le scienze, la filosofia, il commercio e l’industria.

Periodo di democrazia
Con l’avvento della democrazia, iniziò un nuovo periodo nella statuaria pubblica della città. Il cambiamento politico ha comportato la rimozione di quei monumenti che avevano un chiaro legame con il precedente regime, un processo graduale culminato negli anni 2000 grazie alla Legge sulla Memoria Storica promossa dal Governo Zapatero nel 2007. Al contrario, sono stati ripristinati. molti dei monumenti rimossi dalle precedenti autorità, come quello della Repubblica, quello del dottor Robert, quello di Francesc Layret, o le statue di Casanova e Pau Claris.

In campo stilistico, è stato preso un chiaro impegno per l’arte contemporanea e l’incorporazione di opere di rinomati artisti di tutto il mondo, inclusi artisti locali di fama internazionale che non hanno ancora lavorato a Barcellona, ​​come Joan Miró e Antoni Tàpies. Va notato che nei primi anni di transizione, fino alla vittoria socialista nelle elezioni municipali del 1979, gli spettacoli nell’arte pubblica erano ancora generalmente di iniziativa privata e di grande diversità in termini di stili e qualità delle opere; i governi di Narcís Serra e Pasqual Maragall sarebbero i primi a prendere un impegno diretto per l’arte nella città come mezzo di prestigio e promozione dell’immagine pubblica all’estero.

Così, i primi anni dopo la morte di Franco furono di un certo eclettismo in termini di motivi e stili nelle nuove opere incorporate nel patrimonio pubblico. Da menzionare opere come: Rombes bessons (1977), di Andreu Alfaro, situata nel Parc de Cervantes, che come indica il nome sono due rombi formati da barre di alluminio; il Monumento al dottor Trueta (1978), di Josep Ricart, sulla Rambla del Poblenou / Pere IV, con una statua di un moribondo tenuto dalle mani della Medicina, e un rilievo con l’effigie del traumatologo; il cane abbandonato (1978), di Artur Aldomà, allo Zoo di Barcellona; il fregio della stazione Sants (1979), di Josep Maria Subirachs attualmente nel Museo Ferroviario della Catalogna a Vilanova i la Geltrú, composto da 22 moduli a forma di ruota del treno che compongono la parola Barcelona;

Omaggio alla Resistenza Catalana (1980), sempre di Subirachs, al Parlamento della Catalogna, rilievo con dedica alla resistenza antifranchista; Ad Antonio Machín (1981), da Taller Subías Berlinghieri, in Plaça Vicenç Martorell, monolite con medaglione del cantante cubano; e A Blas Infante (1982), di Josep Lluís Delgado, alParc de la Guineueta, formato da un fregio con otto colonne troncate rappresentanti le otto province andaluse, a cui è stato aggiunto un busto del politico andaluso nel 1995, opera di Xavier Cuenca Iturat.

Tra il 1979 e il 1984, nell’atrio della Casa de la Ciutat, fu allestito un vero e proprio museo di scultura, su iniziativa dell’assessore Lluís Reverter, che voleva collocare diverse opere d’arte in uno spazio comune per tutti i barcellonesi. tutti i cittadini. Includono: Sant Jordi, di Josep Llimona (1916, in questo luogo dal 1929); La dea, di Josep Clarà (1929) con una copia in Plaça de Catalunya; Lo spirito mediterraneo, di Frederic Marès (1936); La Puixança, di Josep Clarà (1940); Tres gitanets, di Joan Rebull (1946); Rafael Casanova, di Rossend Nobas (1977, su un originale del 1888) una replica più piccola di quella situata a Ronda Sant Pere / Ali Bey;

Materia e forma, di Josep Maria Subirachs (1980); e Femme, di Joan Miró (1981). Nel 1989 si aggiunsero Donna seduta, di Manolo Hugué (1931), e Urano, di Pau Gargallo (1933); nel 1995, Tors de dona, di Enric Casanovas (1929), e Maternitat, di Joan Rebull (1960) una copia si trova in Plaça de Navas; e, nel 1996, Barcelona Olímpica, di Joan Mora. Nel 2003, La Victòria (o La Croada), di Vicenç Navarro, per il suo significato franchista.

Nel 1982 è stato installato il Monumento a Pau Casals, situato sull’omonima Avinguda, costituito da due pezzi indipendenti: una statua del musicista che suona il violoncello, opera di Josep Viladomat nel 1939; e una stele in bronzo alta sette metri a forma di fiamma da cui emergono angeli in musica che suonano trombe e violini, opera di Apel • les Fenosa del 1976. L’ensemble, situato di fronte al Parco del Turó, è stato progettato dagli architetti . Miquel Espinet, Antoni Ubach e Ramon Maria Puig Andreu.

L’anno successivo furono inaugurati tre importanti monumenti: Omaggio a Picasso, di Antoni Tàpies, situato sul Passeig de Picasso di fronte al Parc de la Ciutadella, un’opera astratta composta da un cubo di vetro con mobili antichi attraversati da una lancia all’interno, e situato in un piccolo stagno; Donna e uccello, di Joan Miró, nell’omonimo parco, un monolite di cemento rivestito di ceramica alto 20 metri, che unisce simbolismo fallico alla sessualità femminile, mentre l’uccello significa comunione con il cielo, spiritualità; e Homage to the Mediterranean, di Xavier Corberó, in Plaça de Sóller, un set di 41 pezzi di marmo situati in uno stagno che simboleggiano il sole, la luna, alcune nuvole e una barca.

Nello stesso anno furono realizzati: To Àngel Guimerà, una replica di Josep Maria Codina i Corona da un originale di Josep Cardona i Furró, in Plaça de Sant Josep Oriol; Terra i Foc, di Joan Gardy Artigas, su Avinguda Diagonal; A Nicolau Maria Rubió i Tudurí, di Xavier Corberó, in Plaça de Gaudí; e Boston Lobster, una copia di Lluís Ventós di un’opera di Shem Drowne del 1742, a Place of Boston, dono della città americana all’atto di fratellanza di entrambe le città.

Molto fecondo anche l’anno 1984, di cui si segnalano: La Colometa, di Xavier Medina-Campeny, in Plaça del Diamant, omaggio al romanzo di Mercè Rodoreda; A Goya, sull’Avinguda de Roma, di José Gonzalvo, un ferro da stiro con la figura del pittore aragonese e quello del colpo a braccia alzate che compare nel suo dipinto I Tre di maggio; Poesia visiva percorribile in tre fasi: Nascita, percorso con pause e intonazioni e distruzione, di Joan Brossa, nei Giardini di María Cañardo vicino al Velodromo di Horta-, formato da una lettera maiuscola A di pietra, di 16 metri di altezza, e un altro a terra fatto di macerie, con altri segni della scrittura ;; Il muro, di Richard Serra, in Plaça de la Palmera de Sant Martí, formato da due pezzi di cemento bianco che formano archi circonferenziali; e Piràmide, di Daniel Navas,

Nel 1985, il Parc de l’Espanya Industrial è stato costruito nel quartiere di Sants-Montjuïc, con un progetto architettonico di Luis Peña Ganchegui che comprendeva diverse sculture di stili diversi: Neptú, di Manuel Fuxà (1881); I buoi dell’abbondanza, di Antoni Alsina (1926); Modern Venus, di Peresejo (1929); Tors de dona, di Enric Casanovas (1947); Landa V, di Pablo Palazuelo (1985); Alto Rhapsody, di Anthony Caro (1985); e Il drago, di Andrés Nagel (1987). Quell’anno, nel quartiere El Carmel, fu costruita anche piazza Salvador Allende, su progetto di Jordi Farrando, dove furono collocate la scultura Undici poliedri, di Marcel Martí, e una targa in omaggio. a Salvador Allende con un busto del presidente cileno, opera di Lautaro Díaz.

In questi anni furono creati diversi memoriali per commemorare le vittime della guerra e della dittatura: nel 1985 fu adattato il Fossar de la Pedrera, un’antica cava situata sulla montagna di Montjuïc dove furono sepolti in fosse comuni numerosi rappresaglia del regime franchista ., e dove si trovava un memoriale progettato da Beth Galí, Màrius Quintana e Pere Casajoana, che comprende una serie di colonne con i nomi delle vittime, un ampio giardino con singolari lapidi, il mausoleo di Lluís Companys e la scultura Pietat. Omaggio a coloro che sono stati immolati per la libertà in Catalogna, di Ferran Ventura Una copia di quest’opera si trova nei giardini della biblioteca del Parlamento della Catalogna;

Ai barcellonesi morti nei campi di sterminio nazisti (1987), di André Fauteux, un anello di ferro da cui pende una pietra, situato nel Parc de la Ciutadella; David and Goliath (1988), di Roy Shifrin, un omaggio alle Brigate Internazionali situate sulla Rambla del Carmel, costituito da una colonna con un elmo ai piedi, che simboleggia Golia sconfitto, e incoronato da un torso dell’atleta che rappresenta il David vittorioso ; e il Fossar de les Moreres (1989), nella piazza omonima, con un progetto generale di Carme Fiol e un peveter di Albert e David Viaplana, in memoria di coloro che caddero a difesa della città nel 1714.

Nel frattempo, è proseguita la sistemazione di diversi monumenti promossa dal municipio: nel 1986 è stata collocata in Plaza del Rey un’opera di Eduardo Chillida, Topos V, in forme astratte; nello stesso anno viene installata in Via Júlia la scultura Als nous catalans, di Sergi Aguilar, dedicata agli immigrati; di pari data, il ciclista, del castello Jorge Jose, in Place of Saints; Ofelia annegata, di Francisco López Hernández, nei giardini di Vila Cecília; e Rites of Spring, di Bryan Hunt, a Clot Park.

Il Parco Creueta del Coll è stato inaugurato nel 1987, su progetto di Martorell-Bohigas-Mackay, dove erano collocate le opere Totem, di Ellsworth Kelly, un monolite alto quasi 10 metri; e Elogio dell’acqua, di Eduardo Chillida, un blocco di cemento di 54 tonnellate di peso sospeso su un lago con quattro cavi d’acciaio che pendono dalla montagna, e che si riflette nell’acqua come il mito di Narciso, secondo lo scopo dell’autore . Allo stesso modo, l’anno successivo è stato creato Park North Station, dove colloca l’opera Cielo caduto da Beverly Pepper, un set vicino all’arte della natura che sembra un’onda gigante che esce dalla vegetazione del parco, fatto di ceramiche blu di varie tonalità con la tecnica di Gaudí dei trencadís. Nel 1989, la scultorea Mitjana è stata inaugurata in Avinguda Rio de Janeiro, un insieme di undici elementi lunghi 306 m la scultura più lunga di Barcellona, ​​opera di Agustí Roqué che ha vinto il premio FAD. di quell’anno.

Altri lavori di questi anni sono: Sant Jordi (1987), di Joan Rebull, sulla Rambla de Catalunya con Diagonal; Gambrinus (1987), di Javier Mariscal, sul Paseo de Colom; Limite interno (1987), di Sergi Aguilar, nei Giardini della Maternità; Escullera (1988), di Jaume Plensa, in Via Júlia; Centenario dell’Esposizione Universale del 1888 (1988), di Antoni Clavé, al Parc de la Ciutadella; A Margarida Xirgu (1988), di Eudald Serra, in Plaça Canonge Colom; Gat (1990), di Fernando Botero, sulla Rambla del Raval; In Ferrer i Guàrdia (originale del 1911, collocato nel 1990), di Auguste Puttemans, sull’Avinguda de l’Estadi (Montjuïc); In Rovira i Trias (1990), nell’omonima piazza, di Joaquim Camps; Núvol i cadira (1990), di Antoni Tàpies, presso la fondazione che porta il suo nome; A Lluís Millet (1991), di Josep Salvadó Jassans, al Palau de la Música Catalana; The Underground Submarine (1991), di Josep Maria Riera i Aragó, nel Parc de les Aigües; e Monument (1991), di Leandre Cristòfol, in George Orwell Square.

Un progetto innovativo ha avuto luogo nel 1990, quando il Jardí d’Escultures è stato installato a Montjuïc, accanto alla Fundació Miró, con un progetto generale di Jaume Freixa e Jordi Farrando. Si trova nello spazio un tempo noto come Plaça del Sol, dove dal 1909 si trovava la scultura Manelic di Josep Montserrat, dedicata al personaggio popolare nell’opera Terra baixa di Àngel Guimerà. In questo spazio è stata collocata una serie di otto sculture: Needle, di Tom Carr; Trasparente, il paesaggio, di Pep Duran; Ctonos, deGabriel Sáenz Romero; Teulada, di Perejaume; Grande aereo a elica blu, di Josep Maria Riera i Aragó; Dell’Arte, di Jaume Plensa; Gran fus, di Enric Pladevall; e Vol 169, di Emma Verlinden; quest’ultima è stata rimossa nel 2002 a causa del suo irreversibile deterioramento, e in questa data sono state aggiunte altre tre sculture: Genesis, di Ernest Altès; La lezione di musica, di Cado Manrique; e DT, di Sergi Aguilar.

Nel 1991, il Monumento Francesc Macià è stato eretto in Plaça de Catalunya, opera di Josep Maria Subirachs, realizzato in travertino, cemento, ferro e bronzo. L’artista ha concepito l’opera come un’evocazione dei vari simboli identitari della Catalogna: il piedistallo, in travertino con una successione di blocchi di pietra rotti, rappresenta la storia della Catalogna; la parte superiore, eseguita in cemento, ha la forma di una scala rovesciata, di cui i primi tre gradini, montati sul piedistallo, rappresentano i tre anni di governo di Macià davanti alla Generalitat, mentre il resto, che termina in un brusco e incompiute, simboleggiano il futuro del paese, che è stato costruito giorno dopo giorno, passo dopo passo. Di fronte al corpo del monumento si trova un monolite separato con il busto del Presidente Macià, realizzato in bronzo,

Olimpiadi del 1992
I XXV Giochi Olimpici si sono tenuti dal 25 luglio al 9 agosto 1992. Per l’evento la città ha intrapreso un intenso programma di riforme e miglioramenti urbani, che si è concentrato principalmente sulla montagna di Montjuïc, dove è stato ristrutturato lo Stadio Olimpico e il Palau Sant Jordi fu costruito, ma anche nei villaggi olimpici di Poblenou e Vall d’Hebron, così come in diverse altre zone della città: furono eseguiti lavori importanti come la costruzione delle tangenziali cittadine, il recupero delle spiagge e dell’intero lungomare (zona Maremagnum), l’installazione della nuova torre delle telecomunicazioni a Collserola e la ristrutturazione e l’ampliamento dell’aeroporto di Barcellona. È stata anche promossa la campagna Barcelona get beautiful, per il rimodellamento delle facciate e delle pareti divisorie degli edifici della città, e sono stati progettati nuovi parchi e giardini,

A Montjuïc, le esibizioni si sono concentrate sugli impianti sportivi, ma l’urbanizzazione dell’area dello Stadio Olimpico ha lasciato elementi artistici come l’installazione intitolata Change (Utsurohi), di Aiko Miyawaki, un insieme di 36 colonne di pietra. artificiale con cavi di acciaio inossidabile che formano una foresta che risplende al crepuscolo; o il Torso Olimpico, di Rosa Serra, il busto di un atleta stilizzato in bronzo. Anche la scultura Tors de l’Estiu, di Aristide Maillol, è stata collocata di fronte al Palau Nacional, sede del MNAC., Opera originale del 1911 donata dai datori di lavoro dell’Associazione Olimpica di Barcellona 1992 come commemorazione dei Giochi, con l’effetto riparatore del fatto che la città di Barcellona non possedeva alcuna opera di questo artista di Roussillon,

Una delle principali aree di azione è stato il Villaggio Olimpico di Poblenou, dove dopo i Giochi sono stati allestiti diversi parchi adornati con varie opere e monumenti: nel Parc de les Cascades sono state installate le sculture David e Goliath, di Antoni Llena. e The Power of the Word, di Auke de Vries, entrambi di stile astratto e di grandi dimensioni; nel Parco di Carlo I è stato collocato L’Asino (A Santiago Roldán), di Eduardo Úrculo, un’opera in bronzo alta 6,5 ​​metri a forma di gambe e glutei; nel Parco del Porto Olimpico le opere Marc, di Robert Llimós, la Commemorazione dell’inaugurazione del Villaggio Olimpico e uno stagno con la scultura di Cobi, la mascotte dei Giochi Olimpici, disegnata da Javier Mariscal; e nel Parc de la Nova Icària c’è la Plaça dels Campions,

Diverse opere isolate sono state inoltre collocate in diverse parti del Villaggio Olimpico, come: Fish, di Frank Gehry; Acquario-Pesci-Toro, di Antoni Roselló; Colonna Olimpica, di Andreu Alfaro; Il piano della nostalgia, di Luis Ulloa; Cylinder, di Tom Carr; e Raspall del vent, di Francesc Fornells-Pla.

Diverse sculture sono state collocate anche nella Vall d’Hebron, sede della città della stampa olimpica: Forma e spazio, di Eudald Serra, una figura astratta di ferro alta sei metri; Dime, dime, darling, di Susana Solano, altrettanto astratta, composta da quattro fogli di acciaio alti otto piedi; e Mistos, di Claes Oldenburg, alto 20 piedi, che sembra una scatola di fiammiferi disposti in varie posizioni, alcuni a terra come se fossero già stati usati.

Altre ristrutturazioni furono effettuate anche in altre zone della città, come Plaça de les Glòries Catalanes, una delle principali arterie della città, dove furono collocate dodici grandi lastre di marmo dedicate a vari aspetti salienti della storia della Catalogna, in riferimento al catalano. Fasti che danno il nome alla piazza; nonché un Monumento alla Metropolitana, di François Scali e Alain Domingo, un pezzo di acciaio che riproduce il profilo topografico del meridiano che collega Barcellona con Dunkerque, che serviva a stabilire la misura del sistema metrico – nel 2014 è stato spostato toMeridian Avenue, tra l’Indipendenza e il Consiglio dei Cento.

Parallelamente ai Giochi Olimpici, è stata organizzata un’Olimpiade Culturale, che ha promosso l’installazione di diverse opere tutte situate sulla costa, sotto il nome comune di Configurazioni Urbane e curate da Gloria Moure. Sono usciti così: Rosa dels Vents, di Lothar Baumgarten, in Plaça Pau Vila; The Wounded Star, di Rebecca Horn, sul Paseo Marítimo a Barceloneta; Roman Balance, di Jannis Kounellis, in via Andrea Dòria; Crescendo appare, di Mario Merz, al Moll de la Barceloneta; Una stanza dove piove sempre, di Juan Muñoz, in Plaça del Mar; Born, di Jaume Plensa, su Passeig del Born; Quattro cunei, di Ulrich Rückriem, nella pianta del palazzo; e Deuce Coop, di James Turrell, in Commerce Street.

In relazione ai Giochi, da segnalare infine l’installazione in diverse parti della città di una serie di fontane commemorative dei Giochi Olimpici, realizzata dallo scultore Juan Bordes in collaborazione con gli architetti Òscar Tusquets e Carlos Díaz. Ne furono realizzati otto, tutti con un piedistallo in pietra artificiale e una figura in bronzo di un ragazzo che gioca con l’acqua: Ball, sull’Avinguda del Paral • lel; Varo, al Mirador del Palau Nacional; Immersioni subacquee, nel viale del Cile; Chip-xap, in Plaza Alfonso Comín; Cabriola, in Isadora Duncan Street; Voga, sull’Avinguda Litoral, Diving, nella Escullera del Poblenou; e Tempteig, in Plaça de les Glòries Catalanes.

Nel 1992, diverse sculture e monumenti sono stati collocati oltre agli eventi olimpici: Barcelona’s Head, di Roy Lichtenstein, sul Moll de Bosch e Alsina, un’opera alta quasi venti metri in cemento ricoperto di ceramica., Raffigurante una testa di donna con i capelli al vento, realizzati con una trama che ricorda la stampa di un fumetto; sullo stesso molo si trovano i monumenti A Joan Salvat Papasseit e A Ròmul Bosch i Alsina, entrambi di Robert Krier. Las pajaritas, una riproduzione dell’opera di Ramón Acín, è stata installata in Carrer Aragó amb Meridian, situata nel Parco Miguel Servet a Huesca, originariamente dal 1923, che rappresenta queste famose figure origami. Sulla Rambla Prim con Guipúzcoa si trovava il lungo viaggio, di Francesc Torres Monsó, un monolite frammentato che rappresenta il rapporto degli esseri umani con il cosmo,

Nella Placeta del Comerç si trovava l’Arco 44,5 °, di Bernar Venet, un’opera minimalista a forma di arco d’acciaio pattinabile alto 14 metri. Infine, sulla Rambla Prim con Garcia Fària, è stato reso omaggio a quelli fucilati al Camp de la Bota, dal titolo Fraternitat, da Miquel Navarro, a forma di monolite alto 28 metri che ricorda antiche croci.

Negli anni successivi, la collocazione di opere d’arte negli spazi pubblici è proseguita di buon passo: Dona banyantse, di Rafael Bartolozzi, e Cavalls desbocats, di Joaquim Ros i Sabaté, nel Parc de la Trinitat (1993); Bàrcino (1994), di Joan Brossa, in Plaça Nova, un’installazione con le lettere che formano il nome della Barcellona romana; Omaggio al libro (1994), di Joan Brossa, sulla Gran Via con Passeig de Gràcia, una lastra di acciaio dipinta a forma di libro aperto su semisfera a forma di cavalletta;

Me, America (1995, originale 1977), di Alberto Cavazos, in Potosí Street, un torso femminile stilizzato quasi astratto, una copia di un originale situato a Monterrey (Messico), donato a Barcellona in atto di fratellanza di entrambe le città; Mistral (1996), di Lawrence Weiner, su Avinguda Mistral, costituito da tre parallelepipedi di cemento con versi del poeta provenzale Frédéric Mistral; Iron Circus (1996), di Rolf Knie e Miquel Sarasate, in via Constança, dove all’interno di un anello di sette metri di diametro si trovano varie figure ed elementi legati al circo; Character (1997, originale 1970), di Joan Miró, nella fondazione omonima, figura antropomorfa in bronzo;

Omaggio alla Mútua Escolar Blanquerna (1998), di Núria Tortras, in Plaça Blanquerna, composto da tre anelli e due figure di bambini; Barcelona 1998 (1998), di Eduardo Chillida, in Plaça dels Àngels davanti al MACBA-, un murale alto sei metri e lungo quindici che presenta una figura astratta simile a quelle delle sue sculture, delineata in nero su bianco; The Wave (1998), di Jorge Oteiza, nella stessa location del precedente, un piatto di alluminio dalle forme astratte; e The Order of Today (1999), di Ian Hamilton Finlay, a Carmel Park, una citazione del rivoluzionario francese Saint-Just scritta in quattordici blocchi di pietra sul terreno, simulando le lapidi di una necropoli.

Molte di queste opere sono state dedicate a vari personaggi: Als Santpere (1995), di Juan Bordes, sulla Rambla de Santa Mònica, una fontana a forma di Teatro Epidauro, con fregio con scene di vita artistica. di Josep e Mary Santpere; A Simón Bolívar (1996), di Julio Maragall, nel Parc de la Barceloneta, un’effigie a figura intera del liberatore venezuelano; A Francesc Cambó (1997), di Víctor Ochoa, in Via Laietana, un busto dedicato al politico catalano;

In Lluís Companys (1998), sul Passeig de Sant Joan, di Francisco López Hernández, che con il busto del presidente include una statua di Conxita Julià, una sua ammiratrice che gli ha inviato lettere quando era in prigione; A Josep Tarradellas (1998), su Avinguda homònima, di Xavier Corberó, una colonna alta 23 metri con blocchi di marmo e basalto intervallati, che simula la bandiera catalana; In General Moragues (1999), di Francesc Abad, in Plaça Pau Vila, sei blocchi di marmo con versi incisi di Paul Celan e Àngel Guimerà;

In Prat de la Riba (1999), nell’omonima piazza, di Andreu Alfaro, una colonna alta 10 metri dalla quale sbucano otto tubi d’acciaio che formano una Vittoria alata in versione astratta; e A Antoni Gaudí (1999), di Joaquim Camps, sul Passeig de Manuel Girona, un’effigie dell’architetto situata a Portal Miralles, una delle sue opere. Tra il 1998 e il 2001, invece, è stato installato nell’omonima piazza il Monumento ad Anna Frank, progettato da Ignasi Sanfeliu, Sara Pons e studenti dell’Escola Massana. Consiste in un monolite con un frammento del diario di questa giovane scrittrice vittima del nazismo, un pavimento con il suo nome e le date vitali, un murale in ceramica dedicato ai bambini vittime della guerra e una scultura con l’immagine della ragazza sdraiata con un libro tra le mani.

Da segnalare, infine, alcune fontane installate negli ultimi anni del secolo, come la Fontana Magica Manuel de Falla (1994), di Pedro Barragán, nel Parco Josep Maria Serra Martí, formata da uno stagno che ospita una piattaforma metallica . Da cui l’acqua cade in una cascata, e due grandi rocce accanto a sorgenti d’acqua; quello in Plaça Islàndia (1995), di Andreu Arriola e Carme Fiol, uno stagno con cinque cascate e un geyser alto 18 metri; la Fontana cibernetica di Can Fabra (1995), di Ramon Llopart, una fonte musicale interattiva; e l’Harry Walker Fountain (1999), di Màrius Quintana, con un pergolato alto dieci metri dal quale l’acqua cade in uno stagno triangolare.

21 ° secolo
Il volgere del secolo non ha portato un cambiamento sostanziale al futuro della città, che ha continuato a scommettere sull’innovazione e sul design come progetti futuri, insieme all’uso delle nuove tecnologie e all’impegno per la sostenibilità ambientale. In campo artistico, è proseguito un certo eclettismo derivato dalle tendenze postmoderne iniziate negli anni ’80, che prevedono una reinterpretazione di stili precedenti che dà all’artista la libertà di utilizzare qualsiasi tecnica o stile e trasformarli personalmente. Uno degli eventi più importanti del nuovo millennio è stata la celebrazione del Forum Universale delle Culture nel 2004, che ha consentito nuove trasformazioni urbanistiche nella città: è stata recuperata l’intera area di Besòs, fino ad allora popolata da vecchie fabbriche dismesse, rigenerando l’intera Distretto di Poblenou e costruzione del nuovo quartiere Diagonal Mar,

I primi lavori elaborati nel nuovo millennio sono stati progettati con una certa continuità rispetto alle precedenti realizzazioni. Sono continuati i tributi a figure di spicco della sfera sociale e culturale del paese, come il Conjunto Homenatge a Joan Brossa (2000), in Carrer Bon Pastor, di Jaume Barrera, Carme de la Calzada e Joan Ardévol con diverse fatiche más, composto da un pavimento con targhe dedicate al poeta e la cosiddetta Scultura di Luce, un insieme di faretti con luci colorate che illuminano la facciata del palazzo del Collegio dei Geometri; A Gandhi (2000, originale 1967), nei giardini omonimi, di Adolfo Pérez Esquivel, figura in bronzo a figura intera del politico indiano; In Ramon Calsina (2001), nell’omonima piazza, di Jaume Cases, con un busto del pittore; Dialogo. In Ernest Lluch (2001), di Ricard Vaccaro, su Avinguda Diagonal (Facoltà di Economia), una serie di undici fiamme di metacrilato su un piedistallo di legno; Poesia della Catalogna.

In JV Foix (2002), di Màrius Quintana, in Via Augusta, con un calligramma dello stesso poeta che forma la parola Mediterraneo; AManuel Carrasco i Formiguera (2003), di Josep Admetlla, in Plaça Adrià, un cubo delle dimensioni di una persona con diverse perforazioni; e solitudine in conversazione. Omaggio a Enric Granados (2003), di Javier Peñafiel, in Carrer Enric Granados con Diputació e Consell de Cent, un proiettore a luce mobile.

Allo stesso modo sono stati versati diversi tributi collettivi, come l’AIDS Memorial (2003), di Patrizia Falcone con la collaborazione di Lluís Abad, al Barcelona Acclimatization Garden, iniziativa della ONG Project of Names che mirava a sensibilizzare la malattia dell’AIDS, con un parterre con lastre di pietra allungate su cui si erge un ulivo, simbolo di pace, e una poesia di Miquel Martí i Pol; Pizzo. Alle vittime dei bombardamenti del 1938 (2003), di Margarita Andreu, sulla Gran Via de les Corts Catalanes, formata da otto sbarre d’acciaio alte dieci metri; e progressione del taglio irregolare. To the Victims of Terrorism (2003), di Sol LeWitt, su Meridian Avenue, costituito da diversi blocchi di granito nero che si sovrappongono fino a dodici metri di altezza.

Altre opere dei primi anni del secolo sono: Twin Trees (2001), di Arata Isozaki, al CaixaForum di Montjuïc ex Fabbrica Casaramona, opera di Josep Puig i Cadafalch, una lastra di vetro su due basi di acciaio a forma di ‘ alberi; La parella (2002), di Lautaro Díaz, al Moll de Bosch i Alsina, coppia stilizzata innamorata del mare; Allegory in the Catalan Countries (2002), di Salvador Alibau i Arias, in Carrer Carme, formata da quattro nastri d’acciaio alti cinque metri che si aprono a ventaglio in alto; Waves (2003), di Andreu Alfaro, al Moll de Barcelona, ​​formato da sette grandi anelli d’acciaio i più alti 42 metri che rappresentano le onde del mare; e La família (2003), di Xavier Corberó, in Ciutat de Granada / Sancho de Ávila, figure leggermente antropomorfe di basalto.

Con la celebrazione del Forum delle Culture nel 2004, sono stati creati nuovi spazi per il tempo libero pubblico: una grande spianata e diversi auditorium sono stati allestiti sul terreno del Forum per concerti ed eventi all’aperto., Insieme agli elementi più caratteristici della manifestazione, il pannello fotovoltaico e il Forum Building. In quest’ultima sono state collocate due installazioni: Cartoline di cartoline di Barcellona, ​​di Eugènia Balcells, un insieme di nove pannelli a cui erano state attaccate 6318 cartoline rimosse nel 2010 quando l’edificio ospitava il Museo di scienze naturali di Barcellona -; e una video installazione dal titolo Sixth Wall, di Tony Oursler, visibile solo di notte, che riproduce immagini selezionate dall’autore sia nel Forum Building che nel grattacielo attiguo e sulla spianata tra i due.

Nel Centro Congressi annesso al Palazzo del Foro, invece, è stata installata la Passatge courenc, di Cristina Iglesias, costituita da 16 pannelli di filo intrecciato che occupano un’estensione di 150 metri di lunghezza per 30 metri. ampio. Sull’adiacente spianata successivamente chiamata Plaça d’Ernest Lluch, è stato installato l’orologio analematico, opera di Ramon Farré-Escofet e Joan Claudi Minguell, una meridiana situata a terra che richiede la partecipazione dello spettatore per segnare il tempo; fieno Aquí tomate, di Eulàlia Valldosera, composta da sette lenti miopi che di solito si trovano nei punti di osservazione delle zone turistiche e che lavorano con monete, dipinte di rosso, e che mostrano un video del paesaggio che esisteva prima del Foro ..

Il Parco Diagonal Mar è stato realizzato in prossimità dell’area del Foro, ad opera degli architetti Enric Miralles e Benedetta Tagliabue, dove spiccano diverse strutture metalliche simili a filigrane tubolari dalle forme capricciose, che, come pezzi scultorei, segnano l’intera area. e che in certi punti reggono grandi orci di ceramica realizzati in ceramica colorata opera di Antoni Cumella e Vendrell.

Altri lavori eseguiti nell’anno del Foro sono: Omaggio al nuoto, di Alfredo Lanz, in Plaça del Mar, un’opera in acciaio alta quasi 10 metri che rappresenta diversi sport legati all’acqua; A, di Emili Armengol, in Carrer Major de Can Caralleu, tre pilastri di ferro che formano una piramide, che può anche essere vista come la lettera A; Panta rei, di Tom Carr, su Avinguda JV Foix, una specie di banderuola formata da triangoli di acciaio argentato; e Món, di Antoni Llena, a Villarroel / Buenos Aires, costituito da tre pietre e tre specchi triangolari all’interno di un rettangolo di otto metri di altezza per dieci di lunghezza.

Successivamente il patrimonio artistico della città si è arricchito di opere di vario genere: Adam (2005, originale 1968), di Jacinto Bustos Vasallo, nel Parco Cervantes, figura maschile nuda in posizione sdraiata che rappresenta il primo uomo; Foglia blu (2005), di Àngels Freixanet, nei Giardini del Palau Robert, un libro-scultura in ferro; Arte poetica e poesia visiva (2007), di Joan Manuel Clavillé, situata su una parete divisoria in Carrer València, basata su due poesie di Josep Maria Junoy e Joan Brossa; e Boogie-Woogie (2008), di Antoni Roselló, sulla Gran Via de Carles III, una struttura in ferro colorato alta 15 metri.

Nel 2008 ha inaugurato il Parc del Poble Nou Centre nel quartiere di Sant Marti, progettato dall’architetto francese Jean Nouvel. Si articola in più spazi tematici, creati per evocare sensazioni diverse, dove predominano il design e un concetto d’avanguardia della disposizione dello spazio verde: così è il Pozzo del Mondo, un cratere formato da più spirali di terra e bouganville, un’opera vicino all’arte della natura; inizialmente doveva avere uno schermo con proiezione di immagini e una connessione via Internet con la città ecuadoriana di Guayaquil, gemellata con la capitale catalana, ma il progetto è stato stravolto. Accanto al cratere si trova un campo di finti peperoni con una serie di strutture metalliche che rappresentano una perfetta integrazione della scultura nell’ambiente naturale, intitolato The Nests and Wells of Heaven.

Nel 2009 è stata completata la ristrutturazione di Plaça de Lesseps, con un progetto dell’architetto Albert Viaplana, che comprendeva l’installazione El Canal de Suez, un monumento all’ingegnere francese a cui è dedicata la piazza, costruttore del grande canale che collega il Mediterraneo Mare con il Mar Rosso. Così, una grondaia metallica sopraelevata attraversa tutta la piazza, con un flusso d’acqua che porta a un salto su uno stagno situato di fronte alla Biblioteca Jaume Fuster; questo canale è completato da due ponti che ospitano diverse fioriere, oltre a due piattaforme inclinate alle due estremità della piazza, che ricordano la prua e la poppa di una nave, mentre le torri faro e un’alta struttura metallica a forma di parallelepipedo che ricorda un il pallio, situato al centro della piazza, simulerebbe la cabina e gli alberi di questa nave.

Tra le ultime opere collocate in città vi sono: Le quattro barre della bandiera catalana (2009), di Ricard Bofill, formate da quattro colonne ortoedriche alte 6 metri, con una torsione elicoidale per dare movimento; Trojan Horse (2009), di María Helguera all’Auditorium di Barcellona, ​​un cavallo di legno di 4 metri ispirato all’Iliade di Omero; In Brossa (2009), di Perejaume, in Plaça de la Prosperitat, uno spazio formato da pavimento e parete con disegni di resina bianca che formano le sei lettere del cognome della poetessa Joan Brossa; Miraestels (2010), di Robert Llimós, sulla Rambla de Mar, due sculture galleggianti situate nel porto di fronte al Maremagnum; Gay, lesbiche e transessuali (2011), nel Parc de la Ciutadella, una targa triangolare in ricordo della repressione a cui questo gruppo è stato sottoposto nel corso della storia;

To Joan Llongueres (2011) e To Richard Wagner (2012), nelle piazze che portano i rispettivi nomi, entrambe opere di Ricard Vaccaro, composte prima da dodici tavole con titoli di canzoni del musicista Llongueras, e nella seconda da 17 lastre con nomi di personaggi delle opere di Wagner, oltre a una scultura formata da cinque lastre d’acciaio coronate da pezzi di metacrilato; Als castellers (2012), di Antoni Llena, in Plaça de Sant Miquel, un’opera astratta in acciaio alta 27 metri in omaggio ai castelli umani del folklore catalano; Olympic Archer (2012), di Rosa Serra, su Avinguda de l’Estadi davanti al Museo Olimpico, figura stilizzata di un arciere che indica il peveter dello Stadio Olimpico, in commemorazione del ventesimo anniversario dei Giochi Olimpici;

A Isaac Albéniz e Alícia de Larrocha (2012), di Alfons Alzamora, in Carrer Lepant davanti all’Auditorium Nazionale, un’opera che rappresenta un pianoforte in modo astratto; BRUUM-RUUM (2013), di David Torrents Janer, all’Hub Design Center di Plaça de les Glòries Catalanes, un’installazione formata da led e onde sonore che funziona con un programma per computer fisso o con un altro che fa variare le funzioni delle luci dell’intensità del rumore ambientale; General Moragues (2013), di Rosa Martínez Brau, in Pla de Palau, un busto del generale austriaco; Il mondo nasce in ogni bacio (2014), di Joan Fontcuberta, in piazza Isidre Nonell, fotomosaico di un bacio; Solco. In Salvador Espriu (2014), di Frederic Amat, nei Giardini di Salvador Espriu, un’opera scavata nel terreno con un solco lungo 17 metri a forma di obelisco,

In Václav Havel (2014), di Borek Sípek, nel Citadel Park, un’installazione formata da un tavolo attorno a un albero e due panchine, in memoria del presidente ceco; the Monument to the lost illusions (MALIP) (2015), di Antoni Batllori, in Av. Diagonal / Bolivia, un monolite alto 5 m a forma di ramo bonsai, rialzato come una sorta di “anti-monumento” di intenti satirici; e il Monumento a Salvador Puig Antich (2016), di Gerard Cuartero e Nicolás Aparicio, nella piazza intitolata all’onorevole, formato da una struttura a forma di balcone in acciaio, cemento e panot «fiore di Barcellona»; Carmela (2016), di Jaume Plensa, una testa di ragazza alta 4,5 m situata di fronte al Palau de la Música Catalana, che l’artista ha ceduto alla città per otto anni allungabili; e Guardians (2018), di Xavier Mascaró, in Calle Sancho de Ávila,

Il 4 marzo 2019 è stato inaugurato un memoriale in memoria delle vittime dell’attentato del 17 agosto 2017 a Barcellona, ​​situato sul luogo, sulla Rambla, vicino al marciapiede di Miró. È un’iscrizione lunga 12 metri posta sul pavimento, che recita la frase “Che la pace ti carichi, o città della pace”, scritta in arabo, catalano, spagnolo e inglese, insieme al disegno di Barcellona di Frederic Amat e la data esatta e ora dell’attacco: 17-08-2017, 16.50. Lo stesso anno si trasferisce davanti alla chiesa di Santa Ana Scultura Jesus Homeless (Jesus homeless) scultore canadese Timothy Schmalz, replica di un originale realizzato nel 2013 e situato a Toronto (Canada). Raffigura Gesù di Nazareth, avvolto in una coperta e scalzo, appoggiato su una panchina, come denuncia della situazione dei senzatetto.

Tags: