Palazzo del Parlamento della Catalogna, Barcellona, ​​Spagna

Il Palazzo del Parlamento della Catalogna è un edificio situato nel Parc de la Ciutadella a Barcellona, ​​sede del Parlamento della Catalogna dal 1932.

Opera di Joris Prosper Van Verboom, fu costruita nel XVIII secolo come arsenale per la cittadella militare di Barcellona. Nel 1889 fu riformato come palazzo reale dal Consiglio Comunale di Barcellona e nel 1932 lo cedette per diventare sede parlamentare della Catalogna.

Dopo la demolizione della Ciutadella a metà del XIX secolo, l’edificio fu utilizzato per vari scopi, tra cui una caserma, un palazzo reale e un museo d’arte. Il palazzo fu il luogo di incontro del parlamento della Catalogna dal 1932 al 1939, quando fu sciolto durante la guerra civile spagnola. Con il ristabilimento del Parlamento nel 1980, il palazzo fu rinnovato e divenne nuovamente sede del Parlamento.

Nel 2012, in occasione della Giornata Nazionale della Catalogna, e come aveva fatto il Presidente Macià ottant’anni fa, il segno della Generalitat della Catalogna fu posto sulla facciata principale delle armi di Filippo V, installate durante la riforma del 1889 per realizzare è un palazzo reale.

Storia
L’edificio del Palazzo del Parlamento è l’antico arsenale di Ciutadella. Qui troverai informazioni sull’attuale trasformazione e distribuzione dell’edificio e informazioni sulle visite al Palazzo.

Il palazzo fu costruito come l’arsenale della Ciutadella, una fortezza a stella che fu costruita da Filippo V di Spagna dopo la guerra di successione spagnola, durante la quale la Catalogna aveva sostenuto il suo avversario arciduca Carlo. Fu progettato dall’ingegnere militare fiammingo Jorge Próspero de Verboom e fu costruito tra il 1717 e il 1727. L’edificio subì alcuni piccoli lavori di restauro in seguito nel 18 ° secolo.

Le fortificazioni della Ciutadella furono demolite in seguito alla rivoluzione del 1868, ma furono conservati l’arsenale, la cappella e il palazzo del governatore. Il resto del sito è stato progettato e aperto al pubblico come Parc de la Ciutadella. A questo punto, l’arsenale fu convertito in caserma temporanea.

Nel 1889, il consiglio comunale di Barcellona accettò di convertire l’ex arsenale in un palazzo reale. L’architetto Pere Falqués fu responsabile delle modifiche dell’edificio, che includeva l’apertura di tre balconi al primo piano e la decorazione dell’intera facciata. Anche la parte centrale della facciata fu aumentata in altezza, ed era decorata con una bocchetta di pietra spostata dalla Porta del Socors, una delle porte dell’ex Ciutadella.

Nel 1900 l’edificio fu convertito nel Museu Municipal d’Art. L’edificio era troppo piccolo per ospitare il museo d’arte, quindi due ali laterali furono costruite con gli stessi materiali dell’edificio originale nel 1915. Le facciate delle estensioni sono decorate con busti di notevoli artisti catalani e persone associate all’arte catalana. L’area di fronte al palazzo, originariamente la parata della Ciutadella, fu trasformata in un giardino nel 1927. Comprende uno stagno con una copia della scultura Desolazione di Josep Llimona i Bruguera.

Il consiglio comunale di Barcellona cedette il palazzo per diventare sede del parlamento della Catalogna il 14 ottobre 1932. L’edificio fu rinnovato dal decoratore Santiago Marco, e la sessione inaugurale si tenne il 6 dicembre 1932. Dopo che Barcellona cadde sotto i nazionalisti durante Guerra civile spagnola, l’edificio fu convertito in caserma il 26 gennaio 1939. Fu convertito in museo d’arte nel 1945, ora noto come Museu d’Art Modern.

Dopo che la democrazia tornò in Spagna dopo la morte del dittatore Francisco Franco, il Parlamento della Catalogna fu restaurato nel 1980 e furono intrapresi lavori di restauro nel palazzo. L’edificio fu infine donato dal consiglio comunale alla Generalitat de Catalunya. Il Museu d’Art Modern ha continuato ad occupare parte del palazzo fino a settembre 2004, quando le sue collezioni sono state spostate nel Museu Nacional d’Art de Catalunya. Da allora, il palazzo è stato utilizzato esclusivamente per scopi parlamentari.

L’edificio è elencato come Bien Cultural de Interés Local (BCIL) sull’Inventario del Patrimonio Cultural Catalán con il codice 08019/125.

Architettura
Il palazzo è costruito a forma di croce, con una cupola al centro e quattro cortili. L’edificio ha due piani e un attico, con una superficie di 5.532 m2 (59.550 piedi quadrati). È costruito in pietra di Montjuïc e piastrelle rosse. L’attuale camera parlamentare fu originariamente progettata da Falqués come Salón del Tron, la Sala del Trono del palazzo.

Il Palazzo del Parlamento
L’edificio del Palazzo del Parlamento è l’antico arsenale della Ciutadella costruito per ordine di Filippo V per garantire il dominio di Barcellona e, con esso, assoggettare tutta la Catalogna, una volta crollato l’11 settembre 1714 la lunga resistenza che si oppose all’assedio del Truppe franco-spagnole.

I lavori, che iniziarono il 1 ° marzo 1716 e durarono fino al 1748, furono guidati dall’ingegnere militare fiammingo Próspero de Verboom (1665-1744), autore delle fortificazioni di Anversa e uno dei più illustri ufficiali dell’esercito. di Luigi XIV e Filippo V. Più tardi, Verboom fu il primo governatore della Cittadella, un incarico che ricoprì fino alla sua morte.

Questa fortezza pentagonale non è mai servita a difendere la città di Barcellona da un esercito. Invece, si è rivelato molto utile nel reprimere il popolo catalano. Tra il 1719 e il 1866 migliaia di prigionieri politici incontrarono i sotterranei della torre di Sant Joan, la Bastiglia catalana, che si trovava vicino all’attuale lago nel parco, dove si praticò la tortura fino alla morte. centinaia di questi prigionieri furono giustiziati sulla spianata o nei ghiacciai della Ciutadella.

Il lungo clamore popolare contro la fortezza ottenne in età rivoluzionaria una legge che la passò in città e ne ordinò il rovesciamento (1869). Attualmente rimangono solo l’arsenale, il palazzo del governatore (ora l’Istituto Verdaguer) e la cappella (ora parrocchia militare).

L’edificio dell’arsenale conserva essenzialmente la struttura e l’aspetto che gli ha conferito Verboom’s Prosperous. È un edificio di 5.532 metri quadrati, con due piani e soffitta. La struttura interna è determinata da due robuste navate disposte a croce, sul padiglione centrale da cui emerge la cupola. Tra le braccia della croce sono quattro cortili. Esternamente, ha un corpo centrale e termina leggermente avanzato da una serie di portici che formano un portico al piano terra. I materiali dell’intero edificio sono la pietra di Montjuïc e la piastrella rossa.

Nel 1889 il consiglio comunale di Barcellona accettò di convertire il vecchio arsenale di Ciutadella in un palazzo reale. I lavori di adattamento iniziarono il 28 settembre sotto la direzione di Pere Falqués (1850-1916), l’architetto municipale di Barcellona, ​​che aprì tre balconi attorno al primo piano, decorò l’intera facciata con incisioni e sollevò il suo corpo. collocato lo scudo di pietra del cancello del Socorro de la Ciutadella al centro della facciata. Pere Falqués è l’autore dei famosi lampioni su Passeig de Gràcia, che, insieme ad altre sue opere, gli hanno fatto guadagnare un posto tra gli architetti del modernismo catalano contemporaneo, come Antoni Gaudí e Lluís Domènech i Montaner.

Avendo rifiutato alla regina reggente di accettare il trasferimento dell’edificio, nel 1900 la Commissione governativa municipale propose di trasferirlo al Museo Civico d’Arte. L’edificio dovette presto essere ampliato: furono costruite anche due ali laterali con pietra di Montjuïc e piastrelle rosse. Le facciate sono decorate con 24 busti di artisti catalani e persone legate alla storia dell’arte catalana. Questa estensione fu inaugurata nel 1915. Quando fu restaurato il parco generale, nel 1927, fu costruito l’attuale giardino, centrato su uno stagno contenente una replica della scultura Desconsol, di Josep Llimona.

Il 14 ottobre 1932 il Consiglio comunale di Barcellona cedette il palazzo al seggio del Parlamento.

Il decoratore Santiago Marco ha diretto i lavori di adattamento e decorazione, coordinati dal Ministro del Governo, Josep Tarradellas. Il 6 dicembre 1932 si tenne la solenne sessione di apertura, con l’assistenza del presidente della Generalitat, Francesc Macià.

Il 26 gennaio 1939, in seguito all’entrata delle truppe del generale Franco a Barcellona, ​​il Palazzo del Parlamento divenne una caserma. Nel 1945 fu installato il Museo di Arte Moderna, e successivamente l’Ufficio Numismatico e la Biblioteca di Musei d’Arte. Come simbolo di sanzione inflitta a un intero popolo, la Sala delle sessioni è stata chiusa e per trentasette anni a nessuno è stato impedito di entrarvi.

Sotto il coordinamento del consiglio direttivo, Josep M. Bricall, a Palau furono eseguiti nuovi lavori di restauro e ristrutturazione per ospitare, nell’aprile 1980, il Parlamento parlamentare I, che fu ristabilito.

Alla fine della 5a legislatura, il presidente della Generalitat, Jordi Pujol, e il parlamento, Joan Reventós, firmarono con il sindaco di Barcellona, ​​Joan Clos, la donazione dell’edificio del Parco alla Generalitat, purché questa fosse la sua sede parlamentare.

Questa cessione ha permesso la grande trasformazione promossa sotto la presidenza di Joan Rigol durante la VI legislatura, che è stata promossa e proseguita dal 2003 dal presidente Ernest Benach. Il Parlamento ha ampliato lo spazio disponibile con il graduale recupero degli spazi occupati dal Museo di Arte Moderna fino a settembre 2004, a partire dalla data in cui l’intero Palazzo è ora assegnato a fini parlamentari.

Il 20 luglio 2006, il Presidente della Generalitat, Pasqual Maragall, il Parlamento, Ernest Benach e il Sindaco di Barcellona, ​​Joan Clos, hanno firmato un accordo quadro per estendere le dipendenze del Parlamento con un edificio di nuova costruzione, all’interno del quadro della futura modifica del Piano metropolitano generale del Parc de la Ciutadella nel suo insieme, conformemente alle specifiche e ai criteri definiti nel Master Plan del Parc de la Ciutadella. All’inizio della nona legislatura, il presidente Núria de Gispert ha spinto per un piano di austerità per il Parlamento, il che significa che ha dovuto interrompere il progetto di espansione.

Elementi ornamentali
Durante i lavori di restauro di Pere Falqués, è stato deciso di posizionare sulla facciata delle due nuove navate laterali una serie di busti dedicati a personaggi legati all’arte, siano essi artisti o storici, quasi tutti catalani. Realizzati in marmo, furono collocati in nicchie circolari lungo le facciate dell’edificio (fronte, retro e lati), tra il 1909 e il 1911.

Sono in totale 28 che, dall’estremità sinistra della facciata principale e andando a sinistra A destra sono: Nicolau Travé (Damià Pradell), Blai Amatller (Joan Carreras), Lluís Dalmau (Anselm Nogués), Pere Pau Muntanya (Manuel Fuxá), Pere Pasqual Moles (Josep Soler Forcada), Manuel Tramulles (Josep Reynés), Los Vergós (Dionisio Renart), Josep Lluís Pellicer (Pablo Gargallo), Salvador Mayol (Eduard B. Alentorn), Mariano Fortuny (Antonio Parera), Josep Bernat Flaugier (Miquel e Llucià Oslé), Vicente Rodés (Joan Centelles), Elies Rogent (Manuel Fuxá), Antoni Viladomat (Josep Reynés), Jeroni Sunyol (Antonio Parera), Jaume Ferrer Bassa (Pere Carbonell), Joaquim Vayreda (Josep Canalias), Pau Rigalt (Enric Clarasó), Lluís Borrassà (Pere Carbonell), Ramon Amadeu (Ismael Smith), Damià Campeny (Agapit Vallmitjana), Ferdinando Galli Bibbiena (Rafael Atché), Il maestro Alfonso (Josep Montserrat), Los Planella ( Miquel e Llucià Oslé), Lluís Rigalt (Venancio Vallmitjana), Francesc Soler Rovirosa (Josep Carcassó), Benet Mercadé (Venancio Vallmitjana) e Joan Soler Faneca (Antonio Alsina).

Oltre alla decorazione esterna, l’edificio ha diverse opere d’arte divise tra le sue numerose sale e sale: sculture San Jorge (Josep Salvado Jassans, 2003), Donna seduta (Lluís Cera, copia di un originale di Joan Rebull, 1994), Conca giovane (Enric Casanovas, 1945), Presentazione dello Statuto di autonomia del 1979 (Josep Ricart, 1982), la fonte dei sogni (Manuel Torres Jimenez, 2003) e Lluís Companys (Manuel Álvarez, 2001); e i dipinti del 7 novembre 1971 (Antoni Tàpies, 1971) e Femme (Joan Miró, 1978).

D’altra parte, nel 1981 una targa in omaggio alla resistenza (anti-franco), opera di Josep Maria Subirachs, fu installata su una parete di uno dei cortili interni, e nel 1984, la scultura Piedad, di Ferran Ventura.

La disposizione attuale
La porta d’ingresso del Palazzo del Parlamento, in cui Pere Falqués mescola diversi stili architettonici, combina legno, ferro battuto e bronzo, lascia il posto a un coro in cui si trova la guardia del corpo del Mossos d’Esquadra. Dalla sala di annullamento, attraverso un’altra porta si trova la hall d’ingresso, parzialmente a colonne, dove è presente un servizio di identificazione.

Dalla hall è possibile accedere al piano nobile del Palau attraverso le scale d’onore, la sala 10 o multiuso sullo sfondo, gli uffici della direzione degli studi parlamentari sullo sfondo a destra, le unità del Dipartimento Infrastrutture, Attrezzature e La sicurezza sullo sfondo a sinistra, o oltre la porta d’ingresso girevole, gira a sinistra ed entra in uno dei cortili del vecchio arsenale, ora convertito in Auditorium, dove si svolgono conferenze e il maggior numero di ricevimenti; e vengono registrate interviste e discussioni per il Canale del Parlamento. Questa sala, inaugurata nel 2003, è coperta da una cupola di vetro intagliato, progettata da André Ricard, che incorpora al centro lo scudo della Generalitat. Le pareti del cortile, con i balconi originali e le grandi finestre di Pere Falqués, recuperano il sobrio splendore mediterraneo, particolarmente apprezzato se sono contemplati dal piano nobile. Il pavimento in marmo disegna anche lo stemma della Generalitat.

Tornando nella hall, lo stile moderno e funzionale dell’Auditorium contrasta con la sontuosità della scala, coperta da un lucernario di vetro e ferro battuto modernista. La scala, con marmo bianco e balaustra tutt’intorno, conduce al cosiddetto piano nobile del palazzo. Intorno ci sono diverse porte, attraverso le quali è possibile accedere agli uffici ufficiali del Presidente della Generalitat e dei Ministri del governo, all’Ufficio del Segretariato Generale del Parlamento e alle varie sale delle commissioni.

In cima alle scale si trova la nobile hall, chiamata anche Chandelier Hall, perché l’illuminazione principale e gli elementi decorativi in ​​questo spazio sono otto lampadari di bronzo di grandi dimensioni. Il soffitto a volta di questa stanza merita attenzione, non solo per i motivi ornamentali che incorniciano le figure femminili allegoriche che la decorano, ma anche per il trompe-l’oeil, che dà l’illusione che la pittura sia un sollievo.

Accanto alla facciata del Palazzo, la Sala Canelobres termina nella cosiddetta Sala dei gruppi, che è la più grande sala delle commissioni del Parlamento e che è stata modificata e modificata durante la sesta legislatura per tenere riunioni della Diputación permanente, delle commissioni e dei gruppi parlamentari e atti istituzionali di piccolo formato. Il soffitto in legno in questa stanza, decorato in rosso e marrone, non è l’originale, che era alto quasi un metro e mezzo. A causa delle esigenze di spazio del Palau, questa sala fu temporaneamente divisa in due piani e la parte superiore, allo stesso livello dell’attico dell’edificio, fu allestita per creare altre tre sale, destinate alle riunioni. commissioni, presentazioni parlamentari e gruppi di lavoro. Il soffitto originale, fatto di legno e ferro,

Dall’altro lato della Sala dei Lampadari si trova il transetto centrale dell’edificio del Palazzo del Parlamento, di forma ottagonale e incoronato da una cupola coperta da un lucernario in legno e vetro. L’incrociatore unisce i quattro bracci degli edifici interni dell’edificio: due di essi sono perpendicolari alla facciata, uno dei quali è costituito dalla Sala dei Canelobres e dalla Sala dei gruppi, e l’altro dallo spazio che occupa la camera ; le altre due braccia, parallele alla facciata, formano le due stanze di passaggio perdute.

L’auto attuale, originariamente progettata da Falqués come sala del trono, è decorata con un soffitto piastrellato in legno su colonne di marmo con capitelli in bronzo. Abilitato nel 1932 come Sala delle sessioni del Parlamento, inizialmente era arredato con una sedia a forma di U, ma l’anno successivo il decoratore Santiago Marco modificò il suo layout e lo trasformò in un emiciclo con ottantacinque sedie imbottite in velluto. sedie rivestite in velluto arancione e nove rosse per panca Government. Dietro le sedi dei membri del Parlamento c’erano due scatole su ogni lato della camera con ringhiere di marmo, destinate alle personalità ufficialmente invitate. In fondo alla sala, continuando a salire gradualmente, furono sistemate file di panchine per la stampa e il pubblico.

Nel 1980 furono collocate delle panchine nello spazio tra le scatole per accogliere i cinquanta membri in più del parlamento restaurato, e nel 1986 la riforma fu completata trasformando queste panchine in poltrone, che continuano la disposizione in una bicicletta, per la quale era necessario rimuovere le scatole di autorità e personalità e di ridurre lo spazio del pubblico. Sono state inoltre apportate modifiche per integrare le nuove tecnologie nella sala: nell’autunno del 1996 è stato installato un sistema di voto elettronico e nel 2002 quattro telecamere per produrre un segnale audiovisivo istituzionale da sessioni plenarie.

Nella parte inferiore della macchina, dietro lo spazio destinato al pubblico, una porta a vetri conduce a un annesso, in cui l’Area audiovisiva realizza tecnicamente, registra e controlla tutte le sessioni e le commissioni plenarie, nonché gli eventi istituzionali che si svolgono negli spazi dove ci sono telecamere. Di seguito una sala stampa per le emittenti televisive, da cui possono collegarsi al segnale televisivo istituzionale del Parlamento e registrarlo, al fine di svolgere il loro lavoro informativo.

Su entrambi i lati della bici ci sono due passerelle, che sono raggiungibili dalle porte a battente della Session Hall. Nella parte inferiore della navata destra è la scala che dà accesso all’area pubblica della macchina. Nello stesso corridoio, di fronte alla porta d’ingresso dell’ala destra della macchina, ci sono le unità del dipartimento delle comunicazioni.

Dall’altro lato, lungo il corridoio sinistro, è possibile accedere agli uffici e agli uffici del gruppo parlamentare dei cittadini.

Lasciando le due braccia perpendicolari alla facciata e tornando alla traversata ottagonale, è possibile vedere le due braccia parallele alla facciata, completando la crociera. Sono, come già accennato, quelli che compongono le stanze del passaggio perdute, chiamate la Stanza rosa a sinistra e la Stanza grigia a destra.

La Sala Rosa, a sinistra della navata trasversale, ha pilastri di marmo rosa e una serie di colonne di marmo verde incastonate in strutture di ferro decorate con bronzo, e conduce all’auditorium, con un notevole soffitto e decorazione., Che è il luogo per gli eventi istituzionali e le audizioni ufficiali del Presidente.

A destra si trovano l’Ufficio della Presidenza e il Dipartimento delle relazioni istituzionali e tra questi uffici e l’Ufficio del Presidente, un nuovo corridoio conduce a una delle due ali esterne, costruita da Falqués nel 1915 con la pietra di Montjuïc. e piastrella rossa. Quest’ala, che è stata bonificata come spazio per il Parlamento durante la sesta e la settima legislatura, è parallela alla navata centrale e ospita gli uffici dei membri del gruppo parlamentare dei cittadini, al piano superiore, al piano terra. del piano nobile e quelli dei deputati del gruppo socialista e parlamentare unito ad avanzare, quelli del gruppo parlamentare della Catalogna in Comú Podem e quelli del sottogruppo parlamentare del candidato dell’unità popolare – Chiamata costituente al piano inferiore, situata a piedi della strada.

A sinistra dell’aula del tribunale si trova il corridoio che conduce agli uffici delle Vice Presidenze e raggiunge l’angolo sinistro della facciata principale, dove si trovano la sala riunioni dell’ufficio parlamentare e il consiglio dei relatori.

Un corridoio con decorazioni in ceramica collega questa banda con l’atrio d’onore della nobile pianta e dà accesso ai quattro uffici delle segreterie del Tavolo del Parlamento e ad una delle due scale interne che uniscono le tre piante del Palazzo.

Entrambe le scale interne sono gemelle in termini di layout, struttura e decorazione e sono collegate internamente da una passerella, al piano attico, che dà accesso alle tre stanze appena sopra la Group Room. Salendo le scale sul lato sinistro, si arriva direttamente all’ala sinistra dell’attico, formata da una serie di spessi strati di legno e ferro che sostengono il tetto dell’edificio, che sono stati utilizzati come elemento. decorativo. Nell’ala sinistra si trovano gli uffici dei servizi legali, l’ufficio legale, l’ufficio del bilancio, l’ufficio di Aran, l’ufficio degli affari esteri e le relazioni con l’Unione europea. l’Ufficio della qualità normativa,

Il braccio destro della navata al piano principale, o Grey Room, decorato con pilastri di marmo di questo colore, lungo tutto il suo lato sinistro comunica con la sala della conferenza stampa, a cui si accede dallo stesso corridoio. In fondo al corridoio, di fronte all’aula di tribunale, si trova la Sala 1, che, come all’altra estremità del Palazzo, comunica con un corridoio di nuova costruzione che conduce all’altro. ala esterna, aggiunta da Falqués, dove si trovano gli uffici e gli uffici del gruppo parlamentare di Insieme per la Catalogna. Proprio sotto questi uffici, al piano terra, ai piedi della strada, si trovano gli uffici e gli uffici del gruppo parlamentare repubblicano e del sottogruppo parlamentare del Partito popolare della Catalogna.

All’inizio di questa navata, accanto alla Sala 1, si trova un’altra stanza e le scale che conducono alla Sala Stampa per i media, le agenzie di stampa e le radio, dove i rappresentanti dei media attraverso la CCTV possono seguire il segnale istituzionale delle sessioni plenarie, le commissioni e gli eventi istituzionali per svolgere il proprio lavoro.

Le sale e alcuni passaggi del piano principale hanno soffitti o soffitti, che si combinano con grande originalità in legno, ferro battuto, bronzo e marmi colorati e costituiscono piccole sinfonie visive di grande bellezza. Alcuni altri corridoi, tuttavia, sono in mattoni e sono decorati con pezzi di ceramica.

La stanza grigia comunica, per mezzo di archi, con le scale d’onore. Dalla hall del piano nobile, a destra della Group Room, è possibile vedere una scala interna, attraverso la quale è possibile accedere direttamente all’ala destra dell’attico dell’edificio, recuperata con gli stessi criteri decorativi dell’ala sinistra e ha permesso di ospitare gli uffici del Dipartimento di Informatica e Telecomunicazioni e del Dipartimento di Gestione parlamentare, che possono essere raggiunti anche con l’ascensore dal piano terra. Una passerella collega il lato destro e sinistro del piano attico.

Ad eccezione della Diada o di altre occasioni speciali, i cittadini non entrano nel Palazzo del Parlamento attraverso la porta principale, ma invece attraverso una che è più a destra. A questo accesso, esiste un altro servizio di identificazione e ricezione.

Dall’ala destra del palazzo, dopo aver superato il servizio di identificazione, attraverso il corridoio a sinistra, è possibile accedere all’atrio dell’edificio. In questo settore c’è il servizio di visite guidate e maggiordomo.

Nel corridoio dell’ala destra del palazzo, a sinistra, si trova il servizio di reprografia e la distribuzione di pubblicazioni e, a destra, gli uffici del dipartimento di consulenza linguistica e, al secondo piano, quelli superiori, quelli del Dipartimento delle edizioni. Alla fine del corridoio, sul lato destro, si trova la Biblioteca del Parlamento, con una sala di lettura che si apre su un patio recintato.

A causa delle esigenze di spazio nel palazzo, questa stanza fu temporaneamente divisa in due piani e la parte superiore fu abilitata.

Sull’ala sinistra del palazzo si trova il dispensario medico e i dipartimenti del dipartimento di revisione dei conti e del tesoro e dei servizi educativi, il negozio del Parlamento e il bar e il ristorante, aperti nel 2008, che donano a un altro patio esterno.

Tags: