Museo di storia naturale, Vienna, Austria

Il Museo di storia naturale (in tedesco: Naturhistorisches Museum) è un grande museo di storia naturale situato a Vienna, in Austria. Il Museo di storia naturale di Vienna (NHM) è uno dei più importanti musei austriaci con circa 30 milioni di oggetti da collezione e uno dei più grandi musei austriaci. Il sito web del museo offre una panoramica sotto forma di un tour virtuale.

Le prime collezioni di manufatti del museo furono iniziate più di 250 anni fa. Oggi, le sue collezioni esposte coprono una superficie di 8.700 metri quadrati. A partire dal 2011, il museo ospita circa 30 milioni di oggetti e il numero è in crescita. Dietro le quinte, le raccolte comprendenti circa 25 milioni di esemplari e manufatti sono la base essenziale per il lavoro di oltre 60 scienziati del personale. I loro principali campi di ricerca coprono una vasta gamma di argomenti, dalle origini del Sistema Solare e l’evoluzione degli animali e delle piante all’evoluzione umana, nonché tradizioni e costumi preistorici.

Il museo ospita oggetti di fama mondiale e unici, come la veneta di Willendorf, 29.500 anni, la mucca di mare di Steller che si è estinta oltre 200 anni fa e enormi scheletri di dinosauri. Ulteriori punti salienti delle 39 sale espositive comprendono la più grande e antica collezione di meteoriti al mondo, tra cui lo spettacolare meteorite “Tissint” di Marte, nonché la nuova mostra antropologica permanente sulle origini e lo sviluppo degli umani. Tuttavia, il tempo non si ferma. Ecco perché in occasione del 125 ° anniversario del museo è stato aperto un nuovo Planetario digitale, dotato di una tecnologia di proiezione fulldome che darà ai nuovi visitatori la possibilità di intraprendere affascinanti viaggi virtuali in straordinari dettagli scientifici ai margini della galassia o Saturno anelli. I dipartimenti del museo ospitano circa 60 scienziati che svolgono ricerche di base in una vasta gamma di settori legati alle scienze della terra, alle scienze della vita e alle scienze umane. Ciò rende il museo un’importante istituzione pubblica e uno dei più grandi centri di ricerca non universitari in Austria.

Il museo è suddiviso nei seguenti dipartimenti, guidati da direttori scientifici:
Dipartimento antropologico
Archivio per la storia della scienza
Dipartimento botanico
Dipartimento geologico e paleontologico
Dipartimento di scienze del carsismo e delle caverne
Dipartimento mineralogico petrografico
Dipartimento di ecologia
Dipartimento preistorico
1. Divisione zoologica (vertebrati) con sito di esame sistematico molecolare
2. Reparto zoologico (insetti) con preparazione zoologica maggiore
3. Reparto zoologico (animali invertebrati)

Dipartimento antropologico:
La mostra permanente di antropologia è stata concepita da zero dopo la chiusura della ex “sala razziale” nel 1996 e inaugurata nel gennaio 2013. È dedicata all’evoluzione degli ominidi e al processo di emersione dell’uomo. Nelle stanze 14 e 15, due temi principali sono: la camminata verticale e la rivoluzione cerebrale. A partire dai successivi parenti viventi, le scimmie umane, lo sviluppo dell’homo sapiens umano moderno, adattato ai diversi spazi naturali, viene presentato con diversi blocchi tematici paleoantropologici fino al periodo neolitico. Lo sviluppo è presentato non solo come un processo (pre) storico e biologico, ma enfatizza anche lo sviluppo culturale come componente essenziale dell’incarnazione.

Dipartimento botanico:
Le collezioni originariamente provengono in gran parte dai loro viaggi di spedizione, ma per decenni già da un vivace traffico di scambio con istituzioni di partenariato internazionale. Il punto focale geografico delle collezioni è in Europa i territori dell’ex monarchia austro-ungarica, dell’Europa centrale, nonché dell’intera area mediterranea, in particolare Grecia e Turchia. I centri di interesse per la collezione nel continente asiatico sono l’Oriente, il Caucaso e l’area di Flora Iranica (l’altopiano iraniano e le regioni limitrofe). Dalle collezioni dell’Africa provengono principalmente dalla Tunisia, dall’Africa centrale e orientale e dall’area del Capo. Le aree principali di campionamento in Sud America sono principalmente Brasile, Argentina e Cile. Il dipartimento botanico del Museo di storia naturale di Vienna conserva anche numerosi documenti dall’Australia e dalla Nuova Zelanda.

Dipartimento geologico e paleontologico:
Nella sala 7 del museo viene presentata principalmente l’età terrestre. Uno dei punti salienti di questo spazio è, ad esempio, la foresta di carbonio artificiale ricostruita. In questo, i modelli originali e veri di animali che esistevano in quel momento (più di 300 milioni di anni fa) si trovano. Questi includono, tra gli altri, lobi giganti come Meganeura. Da menzionare anche il diorama di una scogliera del Silur.

Dipartimento di carsismo e grotte:
Oggi, il dipartimento scientifico per studi carsici e cavernicoli è esistito al Museo di Storia Naturale di Vienna e storicamente è tornato all’ex dipartimento per la protezione delle caverne presso l’Ufficio federale del monumento, che è stato posto sotto la responsabilità dell’NHM di Vienna nel 1979. Il dipartimento è dedicato all’esplorazione scientifica e alla protezione di grotte e aree carsiche. Le grotte sono fenomeni geologici e preziosi archivi della natura e della storia umana. Le aree carsiche sono tipi specifici di paesaggio, che si basano sulla solubilità delle rocce e contengono grotte e sistemi di drenaggio sotterraneo. Oltre all’importanza scientifica di questo tipo di paesaggio, le aree carsiche hanno un’importanza immensa per l’approvvigionamento di acqua potabile della popolazione.

Dipartimento petrografico mineralogico:
La collezione di meteoriti del Natural History Museum è la più antica collezione al mondo (1778) e la più grande collezione di studiosi, ed è una delle più grandi al mondo, con oltre 7.000 pezzi inventariati di meteoriti storicamente e scientificamente importanti. Il direttore del museo Christian Köberl è egli stesso un rinomato ricercatore d’impatto. Il curatore della collezione di meteoriti è Franz Brandstätter. Da febbraio a novembre 2012, la Sala delle Meteorite (padiglione V) è stata chiusa per una ristrutturazione e riprogettazione. Dalla riapertura del 14 novembre 2012 sono stati esposti circa 1100 oggetti (in precedenza circa 2200), ma vengono offerte molte più informazioni sul tema delle mostre generali e individuali. Nel giugno 2013, l’NHM ha ricevuto tre ulteriori campioni di moon rock come prestito a lungo termine.

Tags: