Museo nazionale degli interventi, Città del Messico, Messico

Il Museo Nazionale degli Interventi si trova nell’ex Monastero di San Diego Churubusco, che fu costruito sulla cima di un santuario azteco. Il museo è diviso in due sezioni. Il piano inferiore è dedicato alla storia del sito come monastero, mentre le sale al piano superiore sono dedicate ad artefatti relativi ai vari conflitti militari che si sono verificati sul suolo messicano e al modo in cui questi hanno plasmato la moderna repubblica messicana. Il museo si trova in Calle 20 de Agosto, a un isolato a est dalla Divisione del Norte, seguendo Calle Xicoténcatl, a Churubusco. È uno dei cinque musei che sono gestiti direttamente dall’Instituto Nacional de Antropología e Historia (INAH).

Il Museo si trova proprio su uno dei palchi in cui una delle battaglie più importanti contro l’esercito americano fu combattuta nel 1847, la Battaglia di Churubusco, quindi il tema risponde per spiegare le forme di resistenza messicana contro gli interventi stranieri, nonché le implicazioni che l’espansionismo americano ebbe nel nascente Messico.

Per quanto riguarda la collezione che protegge il museo, può essere classificata in diversi oggetti, uno dei quali risponde maggiormente alle caratteristiche del museo del sito e comprende oggetti, abiti e dipinti che riflettono la vita conventuale del luogo, nonché quei pezzi e vestigia archeologiche che si stanno riprendendo attraverso i molteplici salvataggi condotti dall’INAH nella località; in un’altra area, che risponderebbe maggiormente all’obiettivo centrale della fondazione di questo museo, ovvero i diversi interventi armati vissuti dal Messico e la cui esperienza sono stati generati e definiti i principali principi di base della sua politica estera: non intervento e auto -determinazione dei villaggi, ci sono litografie, bandiere, armi, mobili e accessori sia civili che militari dell’epoca,

Un terzo oggetto comprende oggetti e dipinti su cavalletto che corrispondono all’era viceregale e che hanno un carattere sia civile che religioso. Infine, va notato che il museo protegge anche un archivio storico modesto ma interessante che ha poco più di un migliaio di documenti che includono documenti religiosi come il riciclaggio di sangue e alcuni tori papali, che costituiscono un’importante testimonianza della vita conventuale, anche alcuni documenti che rivelare i dettagli delle battaglie e delle esperienze di guerra vissute da soggetti storici durante il periodo di indipendenza.

Storia
L’edificio che oggi ospita questo museo è un recinto di grande importanza storica, poiché la battaglia di Churubusco fu combattuta il 20 agosto 1847, durante la quale gli invasori americani sconfissero il generale Pedro María Anaya, i battaglioni di volontari di Città del Messico e i coraggiosi Irlandesi del battaglione di San Patricio, che adottarono la causa del Messico in quella guerra ineguale. Dopo la sconfitta dell’esercito messicano, molti membri del battaglione di San Patricio furono catturati e giustiziati. In omaggio ai martiri irlandesi, una delle strade adiacenti al museo è stata battezzata con il nome di martiri irlandesi.

Il monastero
L’edificio ha una storia precedente, sarebbe stato costruito per ospitare i frati arrivati ​​nella Nuova Spagna. In precedenza, l’area era occupata dal maniero di Huitzilopochco, luogo di Huitzilopochtli o nella casa di Huitzilopochtli, nome che a sua volta significa colibrì mancino; questa città è sopravvissuta grazie alle risorse offerte dal lago (sale, caccia e pesca), nonché alla pratica dell’agricoltura con la tecnica della chinampa.

Data la sua posizione geografica nel bacino, occupò una posizione strategica durante il dominio messicano, soprattutto in termini di scambi commerciali, dal momento che articolava sia il commercio locale all’interno del bacino del Messico, sia lo scambio interurbano effettuato dal Pochtecas o mercanti attraverso il grande mercato che ospitava Pochtlán, uno dei dodici quartieri che costituivano il maniero e che, a quanto pare, era dove oggi si trova l’ex convento di Churubusco.

Prima della conquista spagnola del Messico, la terra originariamente apparteneva a un signore azteco ed era il sito di un santuario a piramide del dio Huitzilopochtli. Questo santuario fu infine distrutto dai frati francescani sotto Pedro del Monte. Hanno cristianizzato il sito usando le pietre e le fondamenta del santuario per costruire una piccola chiesa e una casa per se stessi. L’attuale struttura fu costruita per sostituire la casa e la chiesa più piccole verso la fine del 17 ° secolo. Diego del Castillo e sua moglie Elena de la Cruz sponsorizzarono la costruzione che fu completata sotto l’architetto Cristobál Medina Vargas. Il lavoro fu completato nel 1678 e progettato per ospitare trenta monaci. I resti aztechi sono stati dimenticati fino a quando i lavori di scavo alla fine del 20 ° secolo hanno scoperto la base piramidale, le sculture di Nahua e i resti umani. Alcuni di questi sono esposti al museo.

Con l’introduzione della Chiesa cattolica, nel 1524, fu costruito un eremo rustico per accogliere i primi frati francescani che arrivarono nella Nuova Spagna. Successivamente, per ordine del primo vescovo, Fray Juan de Zumárraga, fu costruito il primo tempio che fungeva da sala, noviziato e scuola per i missionari destinati a evangelizzare le Filippine e il Giappone con i resti degli edifici preispanici. Dopo diversi lavori di ristrutturazione, nel 1592 fu fondato il primo convento di San Mateo Apóstol sotto l’invocazione di Santa María de los Ángeles e nel 1679, con donazioni da Don Diego del Castillo, un commerciante d’argento, e sua moglie Doña Elena de la Cruz, la il convento che possiamo contemplare oggi è stato ricostruito. Tra il 1733 e il 1797 l’edificio fu modificato e ampliato.

Il monastero fu fondato con il nome completo di “Nuestra Señora de los Angeles de Churubusco” (Nostra Signora degli Angeli di Churubusco), il nome del villaggio. Fu fondata dall’ordine dei frati francescani Dieguina (di San Diego de Alcalá). Questi monaci arrivarono in Messico per stabilire una stazione di passaggio per gli evangelisti diretti in Asia, principalmente nelle Filippine. Questo monastero era uno dei tanti dedicati alla preparazione di sacerdoti e monaci per le missioni in Asia.

La chiesa associata al monastero mantiene ancora la sua funzione originale, ma il resto del complesso oggi è un museo con due focus. Il primo piano è dedicato alla storia e alla vita quotidiana dell’ordine francescano di Deiguina, che occupò il sito per oltre 300 anni. Il piano superiore è dedicato a ricordare i vari conflitti militari che si sono verificati nel territorio messicano.

Le stanze al piano inferiore come la cucina, il refettorio, l’atrio della sagrestia, l’ingresso del pellegrino e le aree esterne del giardino sono state riportate al loro aspetto originale. La cucina è stata ricreata nel 2002 e il refettorio, l’area del bagno e l’atrio sono stati restaurati nel 2005. Inoltre, sono stati conservati numerosi altri manufatti e spazi, come gli scavi delle fondazioni del monastero e dei suoi predecessori pre-ispanici, ma non sono disponibili al pubblico.

La maggior parte delle stanze al piano inferiore conservate sono legate all’alimentazione e alle altre necessità dei monaci, come la cucina, la sala da pranzo e l’area del bagno e generalmente non erano aperte al pubblico. Il chiostro inferiore, l’atrio della sagrestia e i portali erano spazi pubblici. C’è anche una fontana nel patio principale che ha fornito acqua ai monaci e alla comunità circostante. Il giardino principale conteneva e frutteto che coltivava frutta e altri cibi per il consumo da parte degli abitanti del monastero. Il “patio menor” sul lato del complesso è dove i monaci potevano conversare con coloro che visitavano la struttura.

Il piano inferiore contiene anche una collezione di dipinti e sculture dal 17 ° al 19 ° secolo. La Sala della Collezione Churubusco è principalmente dedicata ai dipinti di epoca coloniale di Juan Correa, Cristobal de Villalpando, Nicolas Rodriguez Juarez e altri. La collezione comprende anche alcune sculture e opere in legno, che di solito rappresentano angeli, santi e la Vergine Maria. Nella tromba delle scale principale sono presenti numerosi dipinti ad olio di grandi dimensioni. Due dei pezzi hanno scene della vita di San Francesco d’Assisi, intitolate “El transito de San Francisco” (La morte di San Francesco d’Assisi) e “San Francisco como el Profeta Elías” (San Francesco d’Assisi come il profeta Elia ). C’è un altro dipinto qui chiamato “La Elevación de San Juan Nepomuceno” (L’elevazione di San Giovanni Nepomuceno).

Il piano superiore e il chiostro erano dove i monaci dormivano, studiavano e pregavano e non erano aperti al pubblico. Queste aree non sono state riportate al loro aspetto originale ma sono state invece convertite in un museo militare, riflettendo la storia successiva del sito.

La battaglia di Churubusco
L’esercito messicano ha slogato i monaci che vivevano qui durante la guerra messicano-americana al fine di difendere Città del Messico dall’esercito americano invasore. I messicani fortificarono l’edificio, che comprendeva la costruzione del parapetto. All’epoca, il complesso era molto al di fuori dei confini della città.

Fu fino al 1847, quando, per ordine del governo messicano, i frati furono sfrattati per prendere l’edificio come un punto di resistenza contro l’invasione americana, dove si svolse la summenzionata battaglia di Churubusco. Il 20 agosto 1847 fu combattuta la Battaglia di Churubusco. Quando i messicani esaurirono le munizioni, la battaglia si trasformò in combattimenti corpo a corpo. Quando i messicani furono sconfitti, il generale americano David Twiggs chiese al generale Pedro María de Anaya di consegnare le sue munizioni. La risposta segnalata di Anaya è “Se ce ne fosse, non saresti qui.” Questo è anche il sito in cui il Battaglione di San Patrizio, un reggimento irlandese originariamente allineato gli Stati Uniti, cambiò parte e combatté con i messicani per difendere Città del Messico. Una targa che li onora è posta all’ingresso principale.

Quando le truppe invasori si ritirarono dal paese, a metà del 1848, i frati e gli abitanti vicini si dedicarono alla riparazione dell’edificio. Prima dell’applicazione delle leggi di riforma, nel 1861, i frati dieguinos furono chiusi nel convento di Churubusco.

Nel 1869, il presidente Benito Juárez dichiarò il sito un monumento nazionale in onore della battaglia, che fu riaffermata nel 1933. Tuttavia, ciò non lo trasformò in un museo. Dal 1876 al 1914, fu utilizzato come ospedale militare, specializzato in malattie contagiose.

Il presidente Venustiano Carranza inaugurò il 20 agosto 1919 il Museo Storico di Churubusco, arricchito dalle collezioni e dai pezzi donati dalla Scuola Nazionale di Belle Arti e dalla Cappella di La Piedad; Funzionava anche come spazio educativo, dove era stata la scuola elementare di Heroes de Churubusco e, più tardi, la scuola di pittura per esterni, dal 1924 al 1928. Il 9 febbraio 1933 Narciso Bassols, segretario dell’istruzione pubblica, lo dichiarò monumento storico . Nel 1965 furono installati il ​​Museo dei trasporti, il Dipartimento per il restauro dei beni culturali e il Centro regionale latinoamericano per gli studi per la conservazione e il restauro dei beni culturali.

Negli anni 1920 era una scuola d’arte e dal 1920 al 1960 era un deposito. Negli anni ’60 e ’70, questo edificio era conosciuto ufficiosamente come il Museo dei trasporti, poiché un gran numero di vecchi veicoli vi erano custoditi. Questa raccolta fu infine inviata a Zacatecas nel 1985.

L’idea del Museo Nacional de las Intervenciones è emersa nel 1980 con l’obiettivo di unificare la raccolta di manufatti e documenti relativi ai vari conflitti militari sul suolo messicano, la maggior parte dei quali comporta un intervento straniero. L’edificio è stato scelto come sito di questo museo per il suo ruolo durante la guerra messicano-americana tra il 1846 e il 1848. Le pareti esterne contengono ancora segni di proiettili e cannoni dell’esercito degli Stati Uniti, in particolare vicino all’ingresso principale. Il decreto presidenziale è stato emesso il 13 settembre 1981 dichiarando lo scopo del museo come “spiegare i diversi interventi armati vissuti dal Messico, da cui ha tratto i suoi principi di base della sua politica estera: il non intervento e l’autodeterminazione dei popoli”. La piazza adiacente contiene un monumento al generale Anaya, che guidò l’esercito messicano durante la battaglia di Churubusco con 1.300 messicani contro 6.000 truppe statunitensi.

Il Museo
Oltre al cannone, ai monumenti commemorativi e alle targhe poste all’esterno dell’entrata principale del monastero in onore della Battaglia di Churubusco, il secondo piano dell’edificio è dedicato alla guerra messicano-americana e vari altri conflitti sul suolo messicano tra il 1825 e il 1916. Questo periodo nella storia messicana è caratterizzato da un intervento pressoché costante da parte dei governi degli Stati Uniti, della Spagna e della Francia negli affari interni del Messico, che vanno da intrighi politici, manovre diplomatiche e invasioni armate per affermare il controllo su tutto o parte del territorio del Messico.

I conflitti militari sono rappresentati qui in ordine cronologico, a partire dalla guerra d’indipendenza messicana fino all’inizio del XX secolo. La sua collezione comprende litografie, bandiere militari, armi, mobili, disegni, dipinti, fotografie, mappe, documenti e armi come cannoni, fucili, pistole, proiettili, spade e machete. Ci sono tessuti come bandiere e uniformi con insegne e medaglie di accompagnamento. La maggior parte sono originali ma alcuni sono riproduzioni.

Il museo è distribuito su dieci sale con l’intenzione di spiegare i processi storici di ciascuno dei conflitti militari. Inizia con una Sala introduttiva in cima alle scale, che è dedicata a mostrare le forme di combattimento adottate in Messico e lo sviluppo dell’espansionismo degli Stati Uniti.

Nel 2006, è stata aperta una sala polivalente chiamata “Gaston Garcia Cantú” e la Biblioteca El Catalejo. Quest’ultimo offre ai visitatori l’accesso a libri, video, registrazioni audio e altre risorse relative alla storia del Messico.

Ancora nelle fasi di pianificazione ci sono mostre che descriveranno gli interventi del governo messicano e le eventuali conquiste delle popolazioni indigene nel suo territorio, incluso l’Apache.

Sale espositive
Come museo del sito, il Museo nazionale degli interventi alloca il suo piano terra per illustrare le attività che facevano parte della vita del convento, per questo ci sono due sale la cui intenzione è quella di ricreare il funzionamento di due spazi che hanno recitato nella vita in quel momento: la cucina e il refettorio.

Per quanto riguarda il suo funzionamento come museo nazionale il cui obiettivo è quello di spiegare gli interventi militari a cui il nostro paese è stato sottoposto durante il XIX e il XX secolo, il Museo dedica il suo ultimo piano alla narrazione di tali eventi storici organizzati come segue:

Sala introduttiva
Questa sala mostra la situazione geografica dei territori tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo. In breve, viene presentata l’origine della politica espansionistica degli Stati Uniti, che si basava sull’ideologia di Thomas Jefferson che acquistò il territorio della Louisiana. A causa dell’imprecisione dei confini della Nuova Spagna e della bassa colonizzazione nella parte settentrionale di essa, le ambizioni di Jefferson includevano le province del Texas, Nuevo Santander, New Mexico, Coahuila e parti di Nueva Vizcaya e Sonora. Poco dopo, il presidente James Monroe ottenne l’acquisto della Florida e dettò la famosa dottrina Monroe, che era la base del destino manifesto degli Stati Uniti.

Sala dell’indipendenza
Dopo le abdicazioni di Bayonne e l’espropriazione del trono di Ferdinando VII di Spagna a causa dell’invasione francese della Spagna, il 16 settembre 1810 iniziò una rivoluzione a Dolores, sostenuta da Miguel Hidalgo. Questa lotta divenne la Guerra d’indipendenza messicana, seguita da José María Morelos, Francisco Xavier Mina, Vicente Guerrero e gli insorti per undici anni. Il 21 settembre 1821, la Nuova Spagna ottenne la sua autonomia dalla corona spagnola e come nuovo stato divenne il primo impero messicano. Ma l’ideologia monarchica di Agustín de Iturbide non prosperò e il nuovo paese fu trasformato in una repubblica governata dal generale Guadalupe Victoria. Tra i personaggi che hanno difeso i principi repubblicani ha sottolineato il fratello Servando Teresa de Mier.

Sala di intervento spagnola del 1829
Quando Ferdinando VII riprese il suo trono, rifiutò di accettare l’indipendenza del Messico. A San Juan de Ulúa una fortezza di truppe spagnole rimase nel forte e fu fino al 1825 quando l’esercito messicano riuscì a sconfiggerle. Nel 1827 fu scoperta una cospirazione guidata dal frate Dieguine Joaquín Arenas, il congresso formulò una legge per espellere i residenti spagnoli. Nel 1829 la spedizione Isidro Barradas fu l’ultimo dei tentativi di riconquista in Messico, insieme ai spedizionieri che penetrarono a Veracruz, facendo progressi verso Tampico e Altamira. Nel novembre di settembre del 1829 le truppe spagnole capitolarono alle forze comandate da Antonio Lopez de Santa Anna, ma il governo spagnolo riconobbe l’indipendenza del Messico fino al 1836.

La sala mostra anche l’imperialismo informale condotto dagli ambasciatori statunitensi in Messico. In seguito al rifiuto del governo messicano di vendere il territorio del Texas agli Stati Uniti, il ministro plenipotenziario Joel R. Poinsett ha promosso il divisionismo tra i politici messicani. Questi erano due aspetti del centralismo (loggia scozzese) e del federalismo (loggia di York), ma le attività interventiste del ministro furono criticate e portarono alla sua espulsione dal Messico. Il suo successore Anthony Butlermade nuove offerte per l’acquisto della provincia del Texas, di fronte ai ripetuti rifiuti, la strategia del nuovo ministro era quella di promuovere che i coloni americani che abitavano il territorio tenessero manifestazioni e rivolte armate a favore dell’indipendenza del Texas. Inoltre, Butler ha promosso che i cittadini statunitensi residenti nei territori messicani presentano richieste finanziarie per danni subiti a causa delle rivolte stesse.

La guerra scoppiò e la provincia divenne la Repubblica del Texas, che fu “indipendente” per un periodo di nove anni fino a quando non fu annessa agli Stati Uniti. Pawhatan Ellis, successore di Bulter, ha sollecitato la riscossione del risarcimento. La politica di interventismo ha causato la rottura diplomatica tra le due nazioni, solo l’arbitrato internazionale ha evitato la guerra. L’importo richiesto era di due milioni di pesos, che non furono pagati e il debito fu una scusa per otto anni dopo il presidente James K. Polk giustificò la sua dichiarazione di guerra.

Sala di intervento francese o Guerra delle torte dal 1838 al 1839
Il Messico aveva firmato accordi commerciali con l’Inghilterra, gli Stati Uniti e altri paesi europei nel 1825. Da parte sua, il governo francese ha rifiutato di riconoscere il Messico come nuovo paese indipendente fino al 1830, mentre la dinastia borbonica governava le nazioni di Francia e Spagna, e quest’ultimo non aveva riconosciuto l’indipendenza delle sue colonie. Ma con la rivoluzione di luglio, Luis Felipe I occupò il trono, libero da qualsiasi impegno con Fernando VII di Spagna, firmò due accordi commerciali con il governo messicano.

Il Messico ha avuto l’esperienza degli svantaggi del libero scambio con le potenze industrializzate, quindi il congresso non ha approvato la firma di uno dei trattati. Ciò ha permesso ai residenti francesi di commerciare al dettaglio nel territorio messicano. D’altra parte, in Messico ci furono continui scontri tra federalisti e centralisti e le lotte armate causarono instabilità e insicurezza sociale per la popolazione civile. Il ministro francese Antoine Deffaudis, che cercò a tutti i costi la firma del trattato, approfittò del dilemma e raccolse firme tra tutti i commercianti francesi colpiti dal soldato per chiedere un risarcimento al governo messicano per danni ai loro stabilimenti, tra i quali c’era un pasticcere. Oltre al risarcimento, il ministro ha richiesto la firma del trattato desiderato.

Il governo francese ha risposto con allarme alle notizie del suo ministro, presentandosi come un difensore dei diritti internazionali e con la scusa di essere necessario per dare “una lezione di civiltà” alle nazioni americane, ha inviato il suo esercito per bloccare i porti messicani, effettuando così il primo intervento francese in Messico. Dopo il blocco navale, il governo Anastasio Bustamante respinse la coercizione dei francesi e dichiarò formalmente guerra alla Francia. In Europa, le azioni di Luis Felipe I furono criticate, poiché il secondo più grande commercio in America era stato chiuso. Nel 1839, Richard Pakenham, ministro britannico arrivò a Veracruz con lo slogan di negoziare la pace tra le due nazioni. Il 9 marzo 1839 fu firmato nel porto il trattato di pace, sostenendo che il risarcimento rimase in vigore e fu la scusa per un secondo intervento.

Sala di intervento americana dal 1846 al 1848
Quando l’annessione del Texas agli Stati Uniti fu completata, il ministro messicano a Washington terminò la sua missione diplomatica e le relazioni tra i due paesi furono interrotte. Il generale Zachary Taylor stabilì un campo a Brownsville, a nord del Rio Grande, un luogo appartenente allo stato di Tamaulipas. Questa situazione causò una scaramuccia tra soldati messicani e americani. Il presidente James K. Polk dichiarò guerra al Messico il 13 maggio del 1846, il governo messicano rispose allo stesso modo il 7 luglio dello stesso anno, quindi iniziò il primo intervento degli Stati Uniti in Messico.

Tra luglio e agosto le truppe statunitensi sotto il generale Stephen W. Kearny fecero irruzione dall’Oregon a San Francisco, Monterrey (California), e occuparono Los Angeles il 13 agosto, la campagna si estese a Santa Fe (Nuovo Messico). Furono fatte spedizioni marittime per prendere le piazze di San José del Cabo, La Paz, Mulegé, Guaymas, Mazatlán e San Blas.

Il generale Taylor intraprese la campagna a est e conquistò la città di Monterrey nel settembre 1846. Nel febbraio 1847, i belligeranti si scontrarono nella battaglia di Angostura. Da San Antonio gli americani attaccarono Parras e da El Paso avanzarono attraverso lo stato di Chihuahua fino a Jiménez.

Il generale Winfield Scott arrivò il 9 marzo a Veracruz con una forza di tredicimila truppe. Dopo un costante bombardamento il 27 marzo, i difensori capitolarono. L’offensiva americana seguì la rotta di Cortés fino a Cerro Gordo, Jalapa, Tepeaca, Puebla, Tlaxcala fino a raggiungere Città del Messico, dove le forze militari si incontrarono nella battaglia di Padierna, nella battaglia di Churubusco, nella battaglia di Molino del re e nella battaglia di Chapultepec. Il 14 settembre 1847, nello Zocalo, la bandiera americana issata volò per nove mesi. Il Messico cedette attraverso il trattato di Guadalupe-Hidalgo i territori a nord del Rio Grande. Compreso lo stato del Texas, un’area di 2.400.000 chilometri quadrati divenne proprietà degli Stati Uniti.

Solo cinque anni dopo, durante la dittatura di Santa Anna, i coloni americani ricorsero nuovamente alla strategia di invasione e negoziazione. Con l’intenzione di costruire una ferrovia transcontinentale, gli americani hanno invaso il territorio di La Mesilla, prima dell’impossibilità di difendere il confine di Santa Anna preferendo militarmente i negoziati diplomatici. Il ministro James Gadsen era responsabile dello svolgimento dei negoziati per la vendita di Tamaulipas, Nuevo León, Coahuila, Sonora e la penisola della Baja California. Il 13 dicembre 1853 Santa Anna riuscì a scoraggiare le aspettative ambiziose e vendette La Mesilla per dieci milioni di pesos.

Sala di intervento francese 1862-1869
Il Messico ha continuato a vivere tempi violenti attraverso la rivoluzione di Ayutla, la promulgazione della Costituzione del 1857 e la Guerra di Riforma. La classe politica rimase divisa, da un lato i liberali il cui progetto nazionale era repubblicano, federalista e democratico; e d’altra parte, i conservatori che bramavano un sistema monarchico e centralista. Entrambe le frazioni hanno richiesto aiuti esteri firmando trattati che mettono a rischio la sovranità del Paese: il Trattato di Mon Almonte e il Trattato di McLane-Ocampo. D’altra parte, il presidente americano James Buchanan ha annunciato al congresso del suo paese, il desiderio di “aiutare” il Messico a impedire che le potenze europee intervenissero in America, con il loro velato interesse ad ottenere i territori di Sonora e Sinaloa. Fortunatamente per il Messico, il Congresso degli Stati Uniti respinse la proposta e nessuno dei trattati firmati fu ratificato, poiché i liberali sconfissero i conservatori il 22 dicembre 1860 nella battaglia di Calpulalpan.

Benito Juárez fu eletto presidente, quando entrò in carica il 16 luglio 1861, decise di sospendere il pagamento del debito dello Stato per due anni. Spagna, Francia e Inghilterra, i principali creditori del Messico hanno firmato la Convenzione di Londra il 31 ottobre, formando un’alleanza tripartita per chiedere la protezione dei loro soggetti, il pagamento del debito e la creazione di un regime stabile nel paese americano. Una clausola stabilita per non rivendicare alcuna acquisizione di territori messicani.

All’inizio del 1862 le squadre dei tre paesi arrivarono a Veracruz. Il 19 febbraio furono firmate le convenzioni di Soledad, ma le intenzioni dei francesi furono esposte quando il commissario Dubois de Saligny insistette nel distruggere l’alleanza tripartita e rivendicò un importo esagerato come risarcimento (dodici milioni di pesos), senza appoggiare o sostenere il documento. il conservatore Juan Nepomuceno Almonte aveva incontrato Napoleone III, gestendo il supporto per rovesciare il governo liberale di Juarez, il 6 marzo un rinforzo francese sotto Charles Ferdinand Latrille sbarcò a Veracruz. Il commissario inglese Charles Wyke e il commissario spagnolo Juan Prim hanno esortato Saligny a rispettare le condizioni della Convenzione di Londra, dato il rifiuto francese, le truppe inglesi e spagnole hanno lasciato la costa messicana alla fine di aprile.

Il Secondo intervento francese in Messico fu comandato dal generale Latrille, che guidò l’avanzata delle sue truppe attraverso Fortín, Orizaba e le vette di Acutzingo. Il 5 maggio si affrontò la battaglia di Puebla, in cui le forze messicane emersero vittoriose sotto il comando del generale Ignacio Zaragoza. La vittoria messicana sollevò morale e nazionalismo, ma la sconfitta fu una sorpresa per i francesi e Napoleone III considerò l’atto come un disprezzo, per questo motivo commissionò una nuova spedizione sotto il comando del generale Élie-Frédéric Forey, che poco più di un un anno dopo la sconfitta prese la Plaza de Puebla, il 17 maggio 1863. In questa occasione l’avanzata delle forze francesi fu schiacciante e Città del Messico fu occupata il 10 giugno dello stesso anno.

Juarez dovette fuggire lungo la rotta San Luis Potosí, Saltillo, Monterrey per raggiungere il Paso del Norte. I conservatori attraverso una commissione, presieduta da José María Gutiérrez Estrada, offrirono a Maximiliano de Habsburgo il trono del Secondo impero messicano. Il monarca accettò alle condizioni dei trattati di Miramar che furono firmati il ​​1 aprile 1864 e sbarcarono nel porto di Veracruz il 28 maggio. L’esercito francese e le truppe conservatrici appoggiarono il nuovo imperatore, ma la resistenza liberale continuò la sua lotta attraverso la guerriglia tecnica.

In Europa, l’egemonia della Francia fu minacciata quando la Prussia sconfisse l’Austria nella battaglia di Sadowa. D’altra parte, alla fine della Guerra di secessione negli Stati Uniti, il governo di questo paese ha avvertito il governo francese che avrebbe rispettato la Monroe Doctine. Date queste aspettative, Napoleone III decise di ritirare il suo esercito dal Messico e raccomandò a Massimiliano di abdicare al trono.

Sala della repubblica restaurata
I conservatori messicani dissuasero Massimiliano, ma il piccolo esercito imperiale fu sconfitto il 15 maggio 1867. Massimiliano, Miguel Miramón e Tomás Mejía furono fucilati il ​​19 giugno al Cerro de las Campanas. Juarez tornò a Città del Messico il 15 luglio e fu corretto per il periodo 1867-1871. La situazione economica nel paese era deplorevole, le relazioni diplomatiche furono ripristinate con Russia, Italia e Spagna. Alla fine della guerra civile, gli Stati Uniti cambiarono la loro politica di espansionismo territoriale in una politica di esportazione di capitali, senza che il Messico fosse l’eccezione ai suoi investimenti.

Sala del Porfiriato
Juarez si presentò come candidato e vinse di nuovo le elezioni nel 1871. Porfirio Díaz, un liberale moderato, che aveva combattuto al fianco di Juarez non era d’accordo con la politica rielettorista e aveva lanciato il Plan de la Noria. Díaz fu sostenuto da diversi generali a Zacatecas, Nuevo León, Coahuila, Sinaloa, Sonora e Durango, tuttavia Juarez morì improvvisamente il 18 luglio 1872. Sebastián Lerdo de Tejada prese la presidenza e cercò di rieleggere nel 1876. Porfirio Díaz di nuovo sotto il concetto di nessuna rielezione ha pubblicato il Piano Tuxtepec e scatenando così la Rivoluzione Tuxtepec da cui trionfò.

Díaz ha esercitato il suo primo mandato presidenziale e alla fine del suo mandato ha rispettato la sua ideologia di non rielezione. Manuel González ha esercitato il periodo successivo come presidente, quando ha finito Diaz ha deciso di presentarsi di nuovo come candidato alla presidenza. Ha vinto le elezioni e di nuovo al potere ha deciso di modificare la Costituzione, quindi è stato rieletto durante le elezioni del 1888, 1892, 1896, 1900, 1904 e 1910. Considerando il suo primo mandato presidenziale, furono trenta anni durante i quali si esercitò il potere, questa era è conosciuta come il porfiriato.

Con l’aiuto dell’esercito, impose la “pace porfiriana” reprimendo le ribellioni politiche, così come le rivolte indigene degli Yaquis a Sonora e il cruzoob Maya nello Yucatan. Tuttavia, ha raggiunto lo sviluppo economico attraverso investimenti esteri nell’industria mineraria e petrolifera. Le proprietà ecclesiastiche nazionalizzate dalle leggi sulla riforma furono vendute a prezzi ridicoli, il che portò a grandi proprietà. I disaccordi operai e contadini iniziarono ad esprimersi con lo sciopero Cananea e lo sciopero Río Blanco, che furono repressi dall’esercito.

Sala della rivoluzione
Durante il primo anno della rivoluzione messicana Díaz si dimise dalla presidenza e lasciò il paese. Francisco I. Madero fu eletto presidente, entrò in carica nel novembre 1911 e cercò di raggiungere inutilmente l’armonia tra le diverse fazioni dei rivoluzionari. Le rivolte sociali sono state protestate da ambasciatori accreditati in Messico per garantire il benessere dei residenti stranieri. Soprattutto l’ambasciatore Henry Lane Wilson ha richiesto garanzie per gli investimenti statunitensi. Lui e il suo governo erano disgustati da Madero, poiché aveva creato una tassa sulle esportazioni di petrolio.

Bernardo Reyes e Félix Díaz (nipote di Porfirio) organizzarono un colpo di stato, che fu sostenuto dall’ambasciatore americano che nel seminterrato dell’ambasciata stampò opuscoli per ottenere sostenitori della ribellione iniziata il 9 febbraio 1913 e conosciuta come il tragico decennio. Madero incaricò Victoriano Huerta di affrontare la ribellione, l’ambasciatore americano spinse Huerta a unirsi ai Porfiristi attraverso il cosiddetto Patto della Cittadella. Il tradimento di Huerta culminò con gli omicidi del presidente Madero e del vicepresidente José María Pino Suárez nel 1913. La voce popolare per indicare la politica interventista degli Stati Uniti ribattezzò l’accordo come Patto dell’ambasciata.

Sala di intervento americana del 1914 e del 1916
Quando Victoriano Huerta usurpò la presidenza, il malcontento nel paese fu generale. Venustiano Carranza guidò l’esercito costituzionalista contro l’esercito federale dell’usurpatore, la rivoluzione continuò. Negli Stati Uniti, Woodrow Wilson fu nominato presidente, licenziò l’ambasciatore Henry Lane Wilson e si dichiarò nemico di Huerta negando il riconoscimento del suo governo. Il nuovo presidente americano, allo scopo di imporre un’ideologia politica secondo gli interessi economici del suo paese, decise di imporre un embargo sulle armi ai porti messicani. Gli argomenti usati da Wilson furono di porre fine alla guerra civile in Messico e di “educare” il popolo messicano in modo che potessero esercitare la democrazia ed eleggere buoni sovrani.

Il 9 aprile 1914, nove membri dell’equipaggio della corazzata Dolphin sbarcarono nel porto di Tampico in un’area controllata da truppe huertistas per fare rifornimento. I marines americani furono arrestati, ma il maggiore Morelos Saragozza li liberò immediatamente per evitare un incidente diplomatico. Per riparare il rilievo, l’ammiraglio Henry T. Mayo richiese alle truppe di Huerta di onorare la bandiera americana. La petizione è stata respinta ed è stato uno dei motivi per cui il presidente Wilson ha mobilitato un numero maggiore di navi verso i porti messicani e le sue truppe lungo il confine.

Il 21 aprile, l’ammiraglio Frank Friday Fletcher bombardò il porto di Veracruz per impedire alla nave tedesca Ypiranga di scaricare una serie di armi che sarebbero state consegnate ai federalisti di Huerta. Dopo il bombardamento e senza trovare maggiore resistenza, i soldati americani sbarcarono in città, dove rimasero per otto mesi, dando così inizio al Secondo intervento americano in Messico. Gli americani hanno tentato senza successo di stringere un’alleanza con i costituzionalisti di Carranza. Gli ambasciatori di Argentina, Brasile e Cile (noto come il gruppo ABC) hanno mediato tra i governi degli Stati Uniti e del Messico per raggiungere la pace nei colloqui sulle Cascate del Niagara in Canada, ma il governo degli Stati Uniti non ha accettato di ritirare le sue forze fino a quando il costituzionalista l’esercito sconfisse i federalisti e Huerta esiliato dal paese. Le truppe statunitensi lasciarono il porto di Veracruz nel novembre 1914.

Poiché non vi fu alcun accordo ideologico tra Carranza e i leader popolari Francisco Villa ed Emiliano Zapata, la rivoluzione messicana continuò per altri tre anni. Nel 1915 i costituzionalisti di Carranza diedero un colpo ai convenzionalisti di Villa, destarticolando la divisione settentrionale. All’inizio del 1916, il centauro settentrionale optò per la guerriglia, ordinò l’esecuzione di diciannove dipendenti di una compagnia americana e il 9 marzo attaccò la popolazione di Columbus nel New Mexico. La storiografia non ha stabilito il motivo per cui Villa ha compiuto queste azioni provocatorie, il presidente Wilson ha presto reagito e ha nominato il generale John J. Pershing a comandare una spedizione punitiva per catturare il leader messicano.

Questo terzo intervento americano iniziò con una forza di cinquemila uomini, che in breve tempo salirono a dodicimila. Per la prima volta nella storia militare degli Stati Uniti, furono utilizzati il ​​trasporto automobilistico, i carri armati di guerra e gli aeroplani. Carranza protestò per l’intervento, ma poiché gli obiettivi erano favorevoli ai suoi interessi personali, ordinò ai suoi uomini di non affrontare i soldati americani. Le forze di Villa hanno effettuato nuovi attacchi dall’altra parte del confine messicano e, nonostante gli ordini di Carranza, i costituzionalisti hanno combattuto battaglie a Parral e Carrizal contro i soldati statunitensi. Il governo degli Stati Uniti ha spostato una forza di centodiecimila soldati al confine, ma i colloqui diplomatici sono stati avviati a El Paso e ad Atlantic City prima che iniziasse l’invasione. Le spese militari erano di alto costo per gli Stati Uniti e l’obiettivo di catturare Villa non fu raggiunto, d’altra parte in Europa fu combattuta la prima guerra mondiale; Date queste aspettative, il presidente Wilson decise di ritirare il suo esercito. Dopo undici mesi di occupazione, i soldati americani sfrattarono il paese il 5 febbraio 1917.

Sala di raccolta di Churubusco
Questa sala è dedicata all’arte sacra dell’era della Nuova Spagna. Puoi ammirare dipinti attribuiti a Juan Correa, Cristóbal de Villalpando e Nicolás Rodríguez Juárez, inoltre ci sono altre opere anonime, sculture e sculture in legno.

giro
L’edificio ospitava l’ex convento di Nostra Signora degli Angeli di Churubusco, che rappresenta la storia e la vita quotidiana dell’ordine dei Dieguine, uno dei rami del Novohispanos francescano, che visse in quell’edificio per più di 300 anni. È possibile apprezzare gli spazi che venivano utilizzati quotidianamente dai frati, come la cucina, il refettorio, l’anticristo, il portale dei pellegrini, il giardino, i chiostri, le cappelle e le celle, tra altri luoghi.

Il Museo Nazionale degli Interventi è uno dei cinque musei nazionali dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH), in cui viene ricordata la diversa interferenza straniera che il Messico ha affrontato tra il 1825 e il 1916.

Missione
Il Museo Nazionale degli Interventi ha la missione di preservare le testimonianze materiali che proteggono il patrimonio intellettuale intellettuale, in relazione agli interventi stranieri che il Messico ha vissuto, il sito preispanico e il convento novohispano di Churubusco, oltre a sviluppare la conoscenza di questo patrimonio e per renderlo noto, promuovendone il godimento, la valutazione e l’appropriazione, nonché la riflessione sul passato e sul presente del Messico, promuovendo in tal modo la consapevolezza dell’identità e la partecipazione dei cittadini alla popolazione del Messico.

Tags: