Museo Nazionale dell’Australia, Acton, Australia

Il National Museum of Australia conserva e interpreta la storia sociale dell’Australia, esplorando le questioni chiave, le persone e gli eventi che hanno plasmato la nazione. È stato formalmente istituito dal National Museum of Australia Act 1980.

L’utilizzo innovativo delle nuove tecnologie da parte del museo è stato fondamentale per la sua crescente reputazione internazionale nella programmazione di outreach, in particolare con le comunità regionali. Dal 2003 al 2008, il Museo ha ospitato Talkback Classroom, un forum politico studentesco.

Il National Museum of Australia è un museo di storia sociale. La sua missione è quella di far vivere le storie ricche e diverse dell’Australia attraverso oggetti, idee e programmi avvincenti.

Il museo presenta 50.000 anni di patrimonio indigeno, insediamenti dal 1788 e eventi chiave tra cui la Federazione e le Olimpiadi di Sydney del 2000. Il Museo custodisce la più grande collezione al mondo di dipinti di corteccia aborigena e strumenti in pietra, il cuore del campione di cavalli da corsa Phar Lap e il prototipo Holden No. 1.

Il museo sviluppa e viaggia anche mostre su argomenti che vanno dal bushranger al surf life saver. Il National Museum of Australia Press pubblica una vasta gamma di libri, cataloghi e riviste. Il Centro di ricerca del museo adotta un approccio interdisciplinare alla storia, assicurando che il museo sia un vivace forum di idee e dibattiti sul passato, il presente e il futuro dell’Australia.

Il museo è stato istituito per raccogliere, documentare, ricercare e comunicare la storia dell’Australia, concentrandosi su tre temi chiave:

• Popoli e culture aborigene e dello Stretto di Torres;
• Società e storia australiana dal 1788; e
• Persone e ambiente.

La visione del Museo Nazionale è di essere un museo riconosciuto di livello mondiale che esplora il passato dell’Australia, illuminando il presente, immaginando il futuro.

Si consiglia agli abitanti aborigeni e dell’isola dello Stretto di Torres che questo sito contenga immagini di persone decedute, che possono causare tristezza o angoscia. Il National Museum of Australia si occupa di assicurare che le comunità siano consultate sull’uso di tali immagini.

Il museo non ha avuto una sede permanente fino all’11 marzo 2001, quando un edificio museale appositamente costruito è stato ufficialmente aperto nella capitale nazionale di Canberra.

Come progettato dall’architetto Howard Raggatt (design architect e design director per il progetto), l’edificio del museo si basa su un tema di corde annodate, che riunisce simbolicamente le storie degli australiani. La più ovvia di queste estensioni forma un grande anello prima di diventare una passerella che si estende oltre il vicino edificio AIATSIS che termina in un grande ricciolo, come se un enorme nastro si fosse srotolato a caso lungo il terreno. Conosciuto come “Uluru Axis” perché si allinea con il punto di riferimento naturale dell’Australia centrale, il nastro integra simbolicamente il sito con il piano urbano di Canberra di Walter Burley Griffin e il cuore spirituale dell’Australia indigena.

La forma dell’ingresso principale continua questo tema: è come se l’edificio, altrimenti rettangolare, fosse stato costruito racchiudendo un nodo complesso che non si adattava perfettamente all’interno dell’edificio, e quindi il nodo portato via. Il complesso interamente non simmetrico è progettato per non sembrare un museo, con colori e angoli sorprendenti, spazi insoliti e proiezioni e trame imprevedibili.

L’esterno dell’edificio è rivestito in pannelli di alluminio anodizzato. Molti dei pannelli includono parole scritte in braille e altri dispositivi decorativi. Tra i messaggi ci sono “compagno” e “lei avrà ragione”. Sono state incluse anche parole e frasi controverse come “mi dispiace” e “perdonaci il nostro genocidio”. Questi messaggi più controversi sono stati oscurati con dischi d’argento attaccati alla superficie rendendo illeggibile il braille. Tra le frasi in braille ci sono le parole “città della resurrezione”. La frase potrebbe riferirsi alla radura dell’ex ospedale di Canberra per far posto al museo o potrebbe essere un riferimento alla riconciliazione tra indigeni australiani e coloni europei. La frase è usata come etichetta in piastrelle su un altro degli edifici di Raggett, la Storey Hall di Melbourne. Raggett dice di quel messaggio: “Immagino che questo sia anche un grande tema per questo edificio e il suo genere di memorie”.

Come museo di storia sociale, le mostre del National Museum of Australia esplorano la terra, la nazione e il popolo dell’Australia.

Alcuni oggetti esposti in Street View sono in prestito al National Museum of Australia.

Tags: