Musei a Ginevra, Svizzera

A Ginevra, la diversità dei musei copre un patrimonio di inestimabile ricchezza. Il comune possiede sedici musei, tra i quali i musei d’arte e di storia – museo d’arte e storia, casa Tavel e museo Rath – formano il più grande complesso museale della Svizzera con i suoi otto musei e i loro milioni di oggetti, il suo centro iconografico, la sua biblioteca, la sua ricerca laboratorio e relativi laboratori di restauro.

Dalla botanica all’archeologia o alle belle arti, dalla storia della Riforma alla storia naturale o dalla ceramica all’etnografia, i musei di Ginevra affrontano le principali aree del sapere e delle arti. Ginevra può vantare in quest’area di un’offerta notevolmente densa e di un programma molto ricco e diversificato.

Accanto si trovano il Conservatorio e l’Orto Botanico e i loro erbari, che riuniscono circa sei milioni di campioni, il museo etnografico e il suo annesso a Conches, il museo di storia naturale, il museo Ariana – museo svizzero della ceramica e del vetro – la galleria dei calchi in gesso di l’Università di Ginevra (la più antica collezione di calchi della Svizzera) o l’Istituto e museo Voltaire, noto a livello internazionale per la sua raccolta di documenti del xviii secolo.

Ci sono una ventina di musei privati, sovvenzionati – come il Mamco – o interamente privati ​​- come il museo Patek Philippe e il Museo Internazionale della Riforma.

Il Musée du Petit Palais di Ginevra, un’importante raccolta di opere e opere impressioniste della scuola parigina; Inaugurato nel 1968, ha chiuso alla morte del suo fondatore Oscar Ghez nel 1998 e non sembra in procinto di riaprire, le sue collezioni circolano regolarmente nell’ambito di mostre in Svizzera e all’estero.

Mostre varie e accessibili
Oltre alle loro mostre di riferimento, che mettono in mostra gli oggetti e le opere emblematiche delle loro collezioni, i musei di Ginevra offrono un ricco programma di mostre temporanee. I Percorsi Culturali da un museo all’altro ti permettono di scoprire i musei in modo diverso. I musei vi sono raggruppati per rioni, il cammino dall’uno all’altro è il pretesto per una moltitudine di scoperte edificanti e divertenti. Monumenti, opere d’arte pubbliche o anche aneddoti storici e ammiccamenti vengono ad animare una passeggiata tra passato e presente che fa comprendere l’evoluzione della città attraverso i secoli.

Ogni anno, a maggio, la Notte dei musei permette ai frequentatori abituali di vivere la propria visita da una prospettiva diversa, e ai curiosi di scoprire nuovi luoghi in un’atmosfera gioiosa e colorata. Ogni edizione ruota attorno a un tema che ispira la programmazione dei musei che, in questa occasione, dispiegano tesori di creatività per offrire ai propri visitatori nuove ed entusiasmanti esperienze.

Affinché queste offerte possano davvero raggiungere il maggior numero di persone, il Comune propone una serie di misure di accessibilità, in particolare con politiche tariffarie adeguate. Nei musei della Città di Ginevra, gli spazi riservati alle collezioni permanenti sono visitabili gratuitamente. Ogni prima domenica del mese sono gratuite anche le mostre temporanee. Le persone con un reddito modesto possono usare il libretto degli assegni culturali. Per le persone con disabilità, permanenti o temporanee, il Comune offre anche misure di accesso come visite adattate alle loro esigenze. Inoltre, da ottobre 2017, l’associazione Cédille ha sviluppato il sito Cultura accessibile a Ginevra al fine di promuovere eventi culturali accessibili a un pubblico con disabilità sensoriali, fisiche o mentali.

Pass Musei
Il Museums Pass riunisce 16 musei di Ginevra per offrire ai visitatori una serie di vantaggi. Venduto al prezzo di 40 franchi e valido per un anno dal primo utilizzo, il Museums Pass è un invito a moltiplicare le esperienze museali. È in vendita nelle biglietterie dei musei partner, nonché presso il Dipartimento per la cultura e la transizione digitale e presso il Centro di informazione della città di Ginevra.

Musei municipali
I seguenti musei fanno parte della rete dei musei della Città di Ginevra:

Museo Ariana
Il Museo Ariana è un museo in Svizzera della ceramica e del vetro, situato a Ginevra, nell’omonimo parco. L’edificio si trova vicino al Palazzo delle Nazioni, sede dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra. La prima domenica del mese sono aperte al pubblico le mostre temporanee del Museo Ariana

La pianta dell’edificio, di sontuosa architettura, è costituita da due ali simmetriche, separate da un ampio salone circondato da un colonnato su due piani e coronato da una cupola ellittica. La sua volta stellata, così come le due sfingi che sorvegliano l’ingresso principale dal lato del lago, sono opera di Émile-Dominique Fasanino (1851-1910) e costituiscono una particolarità tra i musei ginevrini.

Conservatorio e Giardino Botanico della città di Ginevra
Il Conservatorio e il Giardino Botanico della Città di Ginevra (CJB) sono un museo e un’istituzione a Ginevra. L’intero giardino, comprese le serre, le biblioteche e le collezioni, nonché i due palazzi “Le Chêne” e “La Console” sono elencati come patrimonio culturale svizzero di importanza nazionale. Il Conservatorio e l’Orto Botanico occupano attualmente un’area di 28 ettari vicino al lago e al parco delle Nazioni Unite. Il giardino offre un ambiente sia per camminare che per imparare e offre vari servizi, tra cui laboratori e visite guidate.

Il giardino botanico comprende una collezione vivente di 14.000 specie provenienti da 249 famiglie diverse provenienti da tutto il mondo e il conservatorio un erbario storico di quasi sei milioni di campioni botanici. I dipendenti possono identificare le piante selvatiche introdotte dal pubblico e rispondere alle domande sulle loro esigenze. Il Conservatorio e l’Orto Botanico hanno una biblioteca con 120.000 opere. Questo museo vivente è diviso in diversi settori: un arboreto, giardini rocciosi e il massiccio delle piante protette, piante officinali e di utilità, serre, piante orticole (tra cui un “giardino dei profumi e del tatto”), un parco zoologico dedicato. conservazione e il Botanicum (uno spazio familiare) vicino al lago. Ciò include un parco giochi e una narrazione per bambini e il Carrousel des Fables, costruito da un istituto di riabilitazione.

Museo Etnografico di Ginevra
Il Museo Etnografico di Ginevra (abbreviato MEG) è un museo in Svizzera situato nel distretto di Plainpalais a Ginevra. Dedicato all’etnografia, ha vinto l’European Museum Prize 2017. Nel 2015, il MEG ha ricevuto il Red Dot Award Communication Design, nella categoria comunicazione spaziale / design espositivo per l’allestimento della sua mostra principale. Lo stesso anno, il MEG ha vinto anche il Multi-Media Art Innovative-Silver Prize per la camera sonora progettata dall’artista Ange Leccia, per la mostra principale. Nel 2017, il MEG è stato insignito del ‘EMYA’ (European Museum of the Year Award), il più alto riconoscimento per un museo europeo. Il MEG è stato insignito nel 2015 del Red Dot Award dal Design Zentrum Nordrhein Westfalen per la qualità e l’originalità della scenografia della sua mostra permanente.

Il MEG conserva 74.000 oggetti, 20.000 fonogrammi e 100.000 supporti fotografici. Il MEG ha scelto di esporre nel percorso permanente 1000 pezzi che sono stati oggetto di una selezione. Facendo eco all’Arca di Noè, la piattaforma galleggiante all’ingresso della mostra permanente riunisce oggetti esotici, opere d’arte percepite per il loro valore di mercato o anche oggetti raccolti da missionari e scienziati. Accanto prende forma la magistrale installazione video dell’artista contemporanea Ange Leccia, come una clessidra che definisce il tempo attorno al motivo universale del mare, presente in tutti i continenti.

Museo di arte e storia di Ginevra
Il Museo di Arte e Storia (MAH) è un museo situato a Ginevra, in Svizzera. Frutto della raccolta di diversi fondi museali regionali e di donazioni di collezionisti, fondazioni e cittadini, il museo è ricco di opere importanti e serie uniche che lo rendono un’istituzione di riferimento. Dipinti, sculture, stampe, oggetti storici e archeologici, tante testimonianze che svelano la molteplicità degli aspetti legati all’evoluzione dell’arte e della vita quotidiana nel corso di diversi millenni. Il MAH dispone anche di una ricca biblioteca di arte e archeologia, messa a disposizione del pubblico. La più grande biblioteca d’arte della Svizzera, contiene un’ampia varietà di opere relative a tutte le attività del museo. È il settimo museo più visitato della Svizzera romanda.

Il Museo di arte e storia di Ginevra è un museo multidisciplinare. Riunisce collezioni di archeologia, arti applicate e belle arti. Il Museo di Arte e Storia ospita una delle principali collezioni di belle arti del paese, iniziata nel 1805 e precedentemente esposta al Museo Rath dal 1826. Deve questa posizione a generose donazioni e acquisizioni volte a consolidare le serie già in suo possesso. Oltre all’importante collezione legata all’identità regionale, i set costruiti nel tempo testimoniano l’arte antica, moderna e contemporanea.

Museo di Storia Naturale di Ginevra
Il Museo di Storia Naturale di Ginevra (abbreviato MHNG) è un istituto per la ricerca scientifica, la conservazione del patrimonio naturale e storico e la diffusione della conoscenza. L’istituzione nasce alla fine del xviii secolo e conosce diversi traslochi nella città di Ginevra prima di disporre dell’attuale edificio, situato nel parco di Malagnou. È il più grande museo di storia naturale della Svizzera e gestisce quasi la metà delle collezioni del paese. Queste collezioni scientifiche riuniscono il patrimonio di naturalisti ginevrini come Fatio, Forel, Jurine, Necker, Pictet, Saussure, ma anche le collezioni di altri grandi naturalisti, come i francesi Lamarck, Lunel e Delessert. Sono in totale quasi 15 milioni di esemplari, comprese alcune decine di migliaia di tipi che conferiscono loro importanza internazionale.

Il Museo di storia naturale di Ginevra ospita un’importante biblioteca di letteratura scientifica – zoologia e scienze della terra – e archivi. Fu creato nel 1832, su proposta di François-Jules Pictet de la Rive, e comprende diverse migliaia di opere preziose. Dagli anni ’80 ospita la collezione dell’azienda Nos Oiseaux e una vasta collezione dedicata ai pipistrelli. Diretto storicamente dall’esperta di pipistrelli Villy Aellen, il Museo di storia naturale mantiene un centro per i pipistrelli, che ospita il Centro di coordinamento occidentale per lo studio e la protezione dei pipistrelli e organizza eventi per i pipistrelli ogni anno. Notte europea del pipistrello. Il Museo di Storia della Scienza della Città di Ginevra dal 2006 una filiale del Museo di Storia Naturale.

Oltre agli aspetti di mantenimento e arricchimento delle collezioni e della ricerca scientifica, il Museo di storia naturale di Ginevra ha una missione di mediazione culturale. È riconosciuto come bene culturale di importanza nazionale. Il suo ingresso è gratuito e riceve una media di 250.000 visitatori all’anno, rendendolo il museo più visitato del cantone di Ginevra. Le sue gallerie espositive permanenti coprono 8.500 m 2 e presentano su quattro livelli fauna regionale, fauna del resto del mondo, scienze della terra e storia umana. La fauna esotica si sviluppa su due piani e comprende una sala dedicata alle sculture di Leopoldo e Rudolf Blaschka. L’istituzione ha ospitato vari animali vivi nel corso della sua storia. Dal 1997 si tratta di una tartaruga a due teste, Janus, che viene presentata al pubblico.

Altri musei

Tavel House
La Maison Tavel è il museo di storia di Ginevra e fa parte dei musei d’arte e di storia. Situata al numero 6 di rue du Puits-Saint-Pierre, nel cuore del centro storico, Maison Tavel è una testimonianza unica dell’architettura civile medievale in Svizzera. Una residenza storica classificata, è la più antica dimora privata conservata a Ginevra. Classificato come monumento storico nel 1923, è stato acquisito quarant’anni dopo dalla città di Ginevra. Quest’ultimo lo trasformò in un museo di storia urbana e vita quotidiana ginevrina nel 1986. Fu in questo stesso periodo che la Maison Tavel entrò a far parte della rete dei musei d’arte e di storia.

La Maison Tavel ospita in particolare il rilievo Magnin intitolato all’architetto ginevrino Auguste Magnin, che lo realizzò. Questo grande modello della città testimonia Ginevra prima della demolizione delle fortificazioni nel 1850.

Museo Rath
Il Museo Rath è un museo svizzero situato a Ginevra. Ospitava le collezioni inizialmente conservate al municipio, a Calabri e alla chiesa di Saint-Germain, tra cui 23 dipinti inviati dal Louvre nel 1805, fino all’apertura dei Musei d’arte e storia di Ginevra nel 1910. Dedicato alle belle arti , offre mostre temporanee di arte e archeologia svizzere e internazionali.

Fu costruito in Place Neuve tra il 1819 e il 1826 su iniziativa della Société des arts, grazie alla donazione di Jeanne Françoise e Jeanne Henriette Rath, eredi del loro fratello, il generale Simon Rath, che si era messo al servizio della Russo. Alla sua morte nel 1819, lasciò in eredità alle sue sorelle la somma di 182.000 fiorini per la costruzione di un museo di belle arti. Il lascito non è stato sufficiente a coprire l’intero costo della costruzione, la città ha partecipato finanziariamente a questo progetto. La sua inaugurazione avvenne il 31 luglio 1826. Nel suo testamento, Jeanne Rath stipula “il godimento delle stanze del museo Rath da parte della società artistica in perpetuo fino a quando questa società non vi ha rinunciato volontariamente”. “Lei aggiunge” Ricordo la vera ed unica meta di questo locale votato per mia intenzione e volontà alle belle arti, pittura e scultura senza che questa stanza possa essere applicata ad altri usi. ”

Progettato dall’architetto Samuel Vaucher, l’edificio in puro stile neoclassico è utilizzato come scuola specializzata, luogo di incontro e spazio espositivo. Nel 1851, il museo Rath e le sue collezioni divennero proprietà della città di Ginevra dopo la proclamazione della repubblica radicale da parte di James Fazy. Poco dopo furono demolite le fortificazioni che circondavano la città. Nel 1879, il Grand Théâtre fu inaugurato su un terreno adiacente. Intorno al 1875 il museo era pieno e, per ogni mostra temporanea, le pareti dovevano essere svuotate. Fu finalmente nel 1910 che fu inaugurato il Museo di arte e storia alle Trincee. In questa occasione, il museo Rath è stato riqualificato per il suo nuovo scopo, cioè mostre temporanee, una funzione che ancora oggi gli è demandata nell’ambito della rete dei musei d’arte e di storia.

Collezione di calchi dell’Università di Ginevra
La collezione di calchi dell’Università di Ginevra è una collezione del patrimonio di calchi di antiquariato e galvanica conservata a Ginevra nella seconda metà del XX secolo dal professore di archeologia Jose Dörig e dai successori. Questa collezione ha circa 200 pezzi.

Molti calchi raccolti e acquisiti dal professor Dörig provengono dalla precedente collezione della Société des Arts, esposta al Museo Rath sin dalla sua apertura nel 1826. Oggi, i calchi sono strumenti di studio altrettanto per gli studenti dell’Unità di archeologia classica e del Dipartimento di Antichità in quanto sono una collezione completa aperta al pubblico. È particolarmente accessibile durante eventi culturali come la Notte dei Musei o varie feste legate all’antichità e durante lo svolgimento di mostre temporanee.

Museo Voltaire
Il Museo Voltaire (ex Istituto e Museo Voltaire) è un’istituzione culturale situata nel Parc des Délices di Ginevra (Svizzera) e specializzata nello studio dello scrittore francese Voltaire. È uno dei quattro siti della Biblioteca di Ginevra e ospita una biblioteca di Voltaire e del periodo dell’Illuminismo, nonché mostre relative allo scrittore o al xviii secolo. Occupa un palazzo, chiamato “Les Délices” dallo scrittore che vi abitò tra il marzo 1755 e l’ottobre 1760. Questa residenza fu acquistata nel 1929 dalla città di Ginevra per evitarne la demolizione.

Questa villa fu costruita tra il 1730 e il 1735 da un patrizio ginevrino. Acquisì notorietà perché fu proprietà di Voltaire dal 1755 al 1765. Era a pianta quadrata ma originariamente provvista di un’ala bassa sul lato ovest che aveva la funzione iniziale di galleria. Acquistato per Voltaire dal medico Jean-Robert Tronchin, Voltaire intraprese lavori di abbellimento a partire da marzo 1755. Dopo l’acquisto del castello di Ferney, Voltaire lasciò Ginevra e vendette la sua casa “Les Délices” al signor Tronchin, la cui famiglia rimase proprietaria fino al 1840 , poi divenne proprietà di Jean-Louis Fazy. Fu venduta alla Caisse Hypothécaire de Genève nel 1883. In questa data l’edificio subì importanti modifiche per consentire l’affitto di appartamenti.

Museo del Petit Palais
Il Petit Palais di Ginevra, fondato nel 1968 e chiuso dal 1998, è un museo privato che ospita una collezione di opere d’arte. Oscar Ghez (1905-1998), industriale svizzero di origine ebraica tunisina, ha fondato il museo in un palazzo privato per presentare le sue collezioni di arte moderna (dipinti, sculture e disegni). Vi sono rappresentati tutti i principali movimenti dal 1870 al 1930, in particolare i pittori impressionisti e quelli della Scuola di Parigi.

Dopo la morte del fondatore, il museo è stato chiuso nel 1998. Suo nipote ha amministrato l’istituzione dal 2000 al 2005. Le opere vengono prestate per mostre temporanee in Svizzera e all’estero (sotto l’etichetta: Les Amis del Petit Palais).

Museo Internazionale della Riforma
Il Museo Internazionale della Riforma (MIR) è un museo svizzero situato nel cuore della città vecchia di Ginevra. Mette in scena la storia della Riforma protestante, nata dalla protesta di Martin Lutero nel 1517 e ripresa da Jean Calvin a Ginevra nel 1536, movimento religioso ancora presente ai quattro angoli del mondo. Quattordici sale tematiche si trovano nella Maison Mallet, una casa patrizia costruita nel 1723 dal banchiere francese Mallet, profugo a Ginevra, dove si trovava il chiostro dei canonici della cattedrale di Saint-Pierre de Genève, che confina e dove i ginevrini ha adottato la Riforma il 21 maggio 1536; moderna tecnologia museale accanto al classicismo di un appartamento con 14 stanze 400 m2.

Attingendo a numerosi documenti d’archivio e una ricca iconografia, il museo fornisce una cronaca dettagliata dell’avventura della Riforma, dalle sue origini ai giorni nostri. La parte principale delle collezioni è costituita da manoscritti, incisioni, ritratti e caricature, Bibbie e libri antichi; il gioiello del museo è la prima Bibbia stampata in francese nel 1535. Inaugurato il 15 aprile 2005, il MIR ha ricevuto nell’aprile 2007 il Museum Prize del Consiglio d’Europa. Affermando una presenza annuale di oltre 25.000 visitatori, è anche uno spazio di libertà di parola per comprendere la questione della religione oggi, da un punto di vista culturale. Uno dei suoi obiettivi è stimolare il dialogo tra diverse denominazioni o tradizioni religiose.

Museo Patek Philippe
Il Museo Patek Philippe è un museo privo di orologeria in Svizzera situato nel distretto di Plainpalais a Ginevra. È stata fondata dalla direzione dell’azienda Patek Philippe. Nel 1989, la maison Patek Philippe celebra il suo 150 ° anniversario con il Museum Watch e la smaltatura di Ginevra, una collezione di oltre 500 orologi creati dalla fabbrica. Visto il successo di questa mostra, Philippe Stern (presidente di Patek Philippe) e sua moglie Gerdi hanno deciso di dedicarle un museo.

Situato ai margini della pianura di Plainpalais, questo edificio eretto da William Henssler fu subito destinato all’orologeria e all’oreficeria dal suo primo proprietario, la ditta Heller & Son, prima di essere acquistato, prima dalla ditta Ponti & Gennari, poi da Piaget che occupava dal 1967 al 1977. Fu poi occupata da una fabbrica di braccialetti e casse per orologi di proprietà di Patek Philippe, la società Ateliers Réunis SA. Con una linea architettonica intermedia tra modernismo e classicismo, le sue facciate sono rivestite di cemento armato a forma di pietra. All’interno è stato conservato il vano scala e l’edificio è stato riorganizzato e ampliato per accogliere le collezioni su tre livelli.

Tags: