Museo delle arti e dei mestieri, Zagabria, Croazia

Il Museo delle Arti e Mestieri (in croato: Muzej za umjetnost i obrt) a Zagabria si estende su tre piani in più di 2000 m² di spazio museale e comprende circa 3000 mostre. Gli oggetti esposti illustrano lo spostamento dei periodi stilistici dal gotico al design grafico e del prodotto degli anni ’50. Gli oggetti fanno parte delle diverse collezioni del museo di ceramiche, orologi e orologi, vetro, grafica, avorio, mobili, metallo, strumenti musicali, pelli dipinte, dipinti, fotografia, legatoria, design di prodotti, sculture, tessuti, accessori moda e varia. La revisione storica degli stili artistici è completata da unità tematiche indipendenti, come la pittura religiosa, la scultura e il metallo, la devozione e la giudaica.

Il Museo delle Arti e dei Mestieri di Zagabria in Croazia fu fondato nel 1880, per iniziativa della Società delle Arti e del suo ex Presidente Izidor Kršnjavi. Attingendo ai precetti teorici del movimento Arts and Crafts di Endgland e ai postulati intellettuali di Gottfried Semper, il museo è stato ideato con l’obiettivo di creare una collezione di modelli per maestri artigiani e artisti per rinvigorire la produzione di oggetti di uso quotidiano. La strategia dell’attività del museo era focalizzata sulla preserzione dell’artigianato tradizionale, nonché sulla creazione di una nuova cultura estetica della classe media. Pertanto, nel 1882 fu fondata la Scuola di Artigianato (oggi Scuola di Arti Applicate e Design). L’edificio, costruito nel 1888 da Hermann Bollé, è uno dei primi edifici costruiti appositamente per fondere le funzioni del museo e della scuola. Stilisticamente, l’edificio è un grande palazzo storicista nello spirito del Rinascimento tedesco.

Le partecipazioni iniziali erano state fondate diversi anni prima che il museo fosse formalmente assemblato. La prima esposizione permanente nei suoi locali inadatti è stata aperta in Gajeva Street 26, mentre il display permanente completo è stato visto per la prima volta nella sua sede nel 1909. L’attuale esposizione permanente, aperta nel 1995 secondo le idee dell’ex regista Vladimir Maleković, e il articolazione spaziale dell’architetto Marijan Hržić, include oggetti scelti da tutte le collezioni del museo. L’esposizione permanente si estende su tre piani in oltre 2.000 m2 di spazio museale e comprende circa 3.000 pezzi. Gli oggetti esposti illustrano lo spostamento dei periodi stilistici dal gotico all’art déco.

Il museo ospita più di 160.000 oggetti che vanno dal 4 ° al 20 ° secolo. Le partecipazioni iniziali del museo erano state fondate diversi anni prima che il museo fosse formalmente assemblato. I primi oggetti per il futuro museo furono acquistati nel 1875 da Izidor Kršnjavi con una donazione del vescovo Josip Juraj Strossmayer in un’asta di eredità del pittore e collezionista catalano Mariano Fortuny a Parigi.

Collezione:
Il Dipartimento delle collezioni raccoglie sistematicamente, studia, espone e pubblica il materiale del museo. Sin dai suoi inizi, il Museum of Arts and Crafts ha sistematicamente sviluppato le sue 19 collezioni diverse, riorganizzando le collezioni esistenti e fondandone nuove. Oggi questo dipartimento cura circa 100.000 oggetti che comprendono le seguenti collezioni: architettura, ceramica, orologi e orologi, devozione, vetro, grafica, avorio, mobili, metallo, strumenti musicali, pelli dipinte, dipinti, fotografie e attrezzature fotografiche, fotografia fino a 1950, stampa e rilegatura di libri, stampe, product design, sculture, tessuti e accessori di moda, varia, e la collezione di Anka Gvozdanović.

Il museo ha il proprio dipartimento di restauro specializzato in pittura e scultura, tessile, arredamento e metallo, ceramica e vetro.

Collezione di architettura
La collezione di architettura del Museum of Arts and Crafts ha più di mille oggetti. Oltre a diverse donazioni e acquisti da parte di autori, proprietari e istituzioni (ufficio amministrativo della scuola di artigianato, accademia di arti applicate), la maggior parte degli oggetti della collezione di architettura nelle collezioni del museo è stata donata dai comitati organizzativi di mostre e mostre di architettura dove l’architettura ha una sezione separata.

Avorio
La Collezione d’avorio delle collezioni del Museo delle Arti e dei Mestieri, l’unica raccolta abbastanza completa del genere in Croazia, costituisce un insieme ben arrotondato con reperti di origine europea del XVII, XVIII e XIX secolo. All’interno di questo corpus si possono distinguere singoli gruppi di oggetti simili tipologicamente e tematicamente caratteristici della produzione dell’avorio lavorato artisticamente in questi periodi. Già nel 1893 fu acquisito il primo oggetto d’avorio per la futura collezione, la cosiddetta sfera contrefait. Con un discreto numero di acquisizioni in avorio, la collezione museale di avorio è stata molto arricchita con pezzi degni di nota acquistati dalla collezione Jakob Frank nel 1906. Con il loro carattere e la loro qualità, questi lavori costituivano gli elementi di base della collezione e ne determinano il profilo. Nel corso del tempo, le partecipazioni esistenti sono state successivamente costruite con manufatti simili, con oggetti che sono stati in larga misura donati. Insieme a diversi oggetti della collezione di Salomon Berger, fondatore e primo direttore del Museo Etnografico, una serie di oggetti derivano da persone private, molte delle quali nella loro origine e attività occupavano un posto importante nell’ambiente culturale croato. Un certo numero di singoli oggetti sono stati acquistati dagli antiquari di Zagabria.

Devotionalia
Una parte della mostra permanente dell’arte religiosa è dedicata alla devozione – oggetti che sono stati usati per l’espressione della pietà in ambienti privati, senza presenza sacerdotale o regole liturgiche. Il culmine di questo culto avvenne nel barocco, in particolare nel XVIII secolo. La collezione di devozione consiste in diversi oggetti religiosi tra i quali i più numerosi sono quelli che vengono chiamati immagini e reliquiari votivi sotto forma di quadro con una cornice più o meno opulenta di legno intagliato e dorato, seguiti da medaglioni, piccoli altari domestici, croci e rosari.

Collezione di attrezzature fotografiche
Nella collezione di attrezzature fotografiche del Museo delle Arti e dei Mestieri si trovano telecamere di origine nazionale e internazionale, che vanno dalla metà del XIX secolo alla fine del XX secolo.

Disegno grafico
Le collezioni di design sono state fondate negli anni ’50 grazie all’entusiasmo del curatore e in seguito al direttore del museo, Radoslav Putar. Il museo ha poi aderito attivamente alle istituzioni di nuova costituzione, alle organizzazioni professionali e ai gruppi di architetti e artisti nella promozione del design in Croazia.

La collezione di stampe
Le prime acquisizioni della collezione risalgono al 1785, quando il noto storico d’arte Izidor Kršnjavi, tra gli altri, acquistò una più ampia collezione di stampe per il futuro museo all’asta di un pittore catalano Mariano Fortuny. Ulteriori acquisizioni e donazioni hanno formato una raccolta di una vasta gamma di argomenti e forme che include quasi tutti i periodi nello sviluppo della stampa dal 16 ° al 21 ° secolo. Le peculiarità dello sviluppo e delle realizzazioni della produzione di stampa nei paesi del circolo culturale europeo nella collezione sono rappresentate al meglio da opere di maestri fiamminghi, francesi e italiani. In questa parte della collezione, con la sua portata e importanza, si distingue l’insieme di 150 impronte barocche francesi della famosa edizione del Gabinetto Reale di Luigi XIV. Attraverso questa forma separata di produzione grafica, guidata da ambiziosi ordini di tribunale che sono stati realizzati da importanti artisti di questo periodo nell’area dell’autore e delle stampe riproduttive, riflettono le circostanze specifiche che hanno dato impulso alla nascita della stampa francese nella seconda metà del 17 ° secolo.

Ceramica
Le prime acquisizioni di ceramiche per il Museum of Arts and Crafts, registrate ancor prima della fondazione ufficiale del Museo, annunciavano la futura diversità e ricchezza della grande collezione. Un tale approccio nella formazione della collezione e il suo profilo attuale è mostrato nella selezione di oggetti per la mostra permanente del Museo. La maggior parte degli oggetti erano in uso in Croazia. Un posto centrale nella collezione di studio va alla più grande e più completa sotto-collezione – la porcellana delle manifatture europee. Le opere europee più antiche, quella di Meissen, sono rappresentate con piatti e figure tra cui spiccano i pezzi attribuiti a Johann Joachim Kaendler, il più noto modellista della manifattura. Un set da colazione dipinto con scene di guerra i cui protagonisti sono i panduri del barone Franjo Trenk hanno un grande valore in termini di storia dell’arte e della cultura. L’autore delle scene fu probabilmente il pittore delle opere di Meissen, Christian Friedrich Kühnel, e per i suoi originali prese le impronte di Martin Engelbrecht. Il servizio stesso fu acquisito per la collezione del Museo successivamente tra il 1885 e il 1895. Nella collezione di studi in porcellana, gli articoli della manifattura di Vienna sono numericamente dominanti. La sua storia può essere seguita nelle mostre: dagli oggetti creati nei primi anni della sua opera (“il periodo Du Paquier”) agli oggetti riccamente decorati della prima metà del 19 ° secolo. L’etichetta della mostra più preziosa del gruppo va a una tazza del 1721, uno dei pochi prodotti firmati del primo periodo della manifattura di Vienna. Oltre ai prodotti di Vienna e Meissen, la collezione di studio mostra anche oggetti creati nella seconda metà del XVIII e all’inizio del XIX secolo nelle famose manifatture tedesche di Berlino, Höchst, Nymphenburg e Frankenthal, nonché i prodotti della manifattura di Napoli. Un piccolo ma prezioso gruppo è costituito da porcellane francesi della manifattura reale di Sèvres e oggetti prodotti nelle manifatture di Parigi. La ricchezza della collezione secondaria in porcellana è illustrata da oggetti realizzati in Danimarca, Boemia e Russia durante lo Storico e l’Art Nouveau.

Lavoro in metallo
La collezione comprende oggetti di metalli preziosi e di base: argento, oro, rame, stagno, bronzo, ottone, ferro e le molte leghe industriali dei secoli XIX e XX acquisite nei primissimi anni dell’esistenza del museo. Dalle prime acquisizioni in poi, la collezione è stata sistematicamente aggiunta agli inizi con le copie in galvanoplastica comuni nell’Ottocento, nonché all’acquisto e alle donazioni di opere d’arte originali. In questo senso, è stato notevolmente arricchito con gli acquisti delle collezioni Frank e Berger (1906, 1936 – 1939), e da numerose donazioni individuali da parte di membri del pubblico e dalla più recente grande donazione, quella della famiglia Tuškan (2004 ). Al terzo piano sono esposti oggetti di esposizione di natura secolare, mentre oggetti religiosi in metallo sono esposti nella mostra di arte religiosa al primo piano del Museo.

Collezione di mobili
Collezione di mobili, la più grande e completa del suo genere in Croazia, con quasi 2000 pezzi dal design gotico a quello contemporaneo rappresenta la spina dorsale del concetto museologico della mostra permanente (1995).

Collezione di pelle dipinta
La collezione di pelli dipinte in oro non è quantitativamente grande, ma è una collezione estremamente preziosa e interessante per la sua qualità artistica e per il valore culturale e storico degli oggetti conservati.

Design del prodotto
La Collection of Product Design è una collezione relativamente piccola di circa 1.000 articoli che cinquant’anni dopo la sua fondazione, analogamente al design dei prodotti croato, sta ancora cercando la sua identità. La collezione è piccola in parte perché molti oggetti sono amministrativamente parte di altre collezioni museali (mobili, vetro, ceramica, metallo). In parte, tuttavia, la causa deve essere ricercata in una serie di conversioni che hanno catturato i nostri produttori nel secolo scorso, dove, molto spesso, la documentazione storica, i prodotti e tutte le tracce del passato venivano leggermente scartate come rifiuti. Tuttavia, la ragione principale della povertà di questa collezione è il fatto che il design industriale in Croazia non ha mai raggiunto un livello qualitativo o quantitativo di progettazione grafica.

Orologi e Orologi
La collezione di orologi e orologi comprende oltre 400 orologi da casa (longcase, wall, mantle) e circa 250 orologi da taschino e da polso, creati dal 17 ° secolo. Sebbene la maggior parte di essi sia di produzione straniera, è una caratteristica essenziale che sono stati raccolti solo in Croazia. I più numerosi sono gli articoli dell’Europa centrale, in particolare quelli di Vienna. Intorno alla metà del XVIII secolo ci sono firme su orologi e orologi che indicano l’esistenza di laboratori di orologeria in alcune delle nostre città (Zagabria, Varaždin, Osijek, Rijeka, Karlovac).

La collezione di vetro
Con una collezione di quasi 6000 oggetti, il museo Glass Collection è il più grande e importante della Croazia. È rappresentato nella mostra permanente con una selezione di produzioni di punta che offrono una panoramica dello sviluppo storico e degli alti risultati dell’arte straniera e dell’arte domestica del vetro dal XVI al XX secolo. La selezione include l’uso quotidiano e oggetti rari e molto preziosi che sono stati usati solo per scopi di visualizzazione.

Raccolta di vecchie fotografie
Le fotografie per le proprietà del museo sono state raccolte anche prima della sua fondazione. Izidor Kršnjavi, la forza intellettuale dietro il corso di storia dell’arte presso l’Università di Zagabria e il Museo delle Arti e dei Mestieri, li ha acquisiti con uno scopo multiplo. Immediatamente connessi con la pratica del museo, con la conservazione del patrimonio architettonico e culturale, erano anche supposti, e principalmente, di servire come ausilio didattico, come un vivido prototipo per la rinascita dei mestieri e solo in ultima analisi come oggetti museali. I primi oggetti per il futuro museo, ottenuti all’asta del pittore Mariano Fortuny a Parigi nel 1875, furono registrati fotograficamente. Nel 1878, quando tenne la sua prima conferenza sulla cattedra di storia dell’arte e dell’archeologia, Izidor Kršnjavi aveva già una notevole collezione.

Moda e accessori
La collezione tessile del Museo delle Arti e dei Mestieri è una delle collezioni museali fondamentali e più grandi ed è composta da diverse sotto-collezioni: tessuti religiosi, arazzi, tappeti e kilim, pizzi e accessori moda e moda. Nella collezione di studi di moda della mostra permanente del Museo, vengono mostrati alcuni capi di abbigliamento e accessori di moda che illustrano lo sviluppo e i cambiamenti nello stile di abbigliamento dal 17 ° alla fine del 20 ° secolo.

La collezione Varia
La Varia Collection è solo una piccola parte delle partecipazioni di MUO, ma composta da materiale che la integra e la arricchisce, considerando il tipo di museo che si basa sulla produzione di oggetti d’artigianato. Comprende circa 350 articoli, la maggior parte dei quali sono requisiti per il tabacco, pipe, scatole per sigarette e fiammiferi, tabacchiere e simili. La maggior parte degli oggetti sono di origine straniera e risalgono dal XVIII al XX secolo. Il criterio per appartenere a questa collezione è il materiale utilizzato, e quindi parte del materiale si trova in altre collezioni (metalli, ceramica, avorio e così via). Oltre agli strumenti legati al tabacco, un’altra parte della Varia Collection è composta da vasi di legno e così via utilizzati in droghiera.

Collezione di Anka Gvozdanović
La collezione di Anka Gvozdanović è un insieme rappresentativo che documenta la cultura della vita dei nobili a Zagabria tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX. Si trova in una delle caratteristiche case di Città Alta nella via Visoka 8, nel centro storico di Zagabria. Il palazzo Babočaj-Gvozdanović è menzionato per la prima volta nel 1809. Con l’ala del cortile sul lato nord e il cortile vicino alla strada, fu costruita sul terreno appena formato presso l’ex cinta muraria alla fine del XVIII o all’inizio del 19esimo secolo. Durante il XIX secolo i noti proprietari sono Nikola Babočaj, il dottore John Daubachy, la famiglia Kamauf e lo scrittore Mirko Bogović, e nel proprietario terriero del XX secolo Dragutin pl. Gvozdanović e sua moglie Anka. Lo stemma di famiglia Gvozdanović si trova sopra il balcone centrale sulla facciata occidentale.

Biblioteca:
La biblioteca del museo è stata fondata nello stesso periodo del museo stesso. L’idea di Izidor Kršnjavi, fondatore e primo direttore del museo, è che oltre a fornire lezioni di base della storia dell’arte, dovrebbe fornire modelli adeguati delle sue collezioni per migliorare la produzione artistica e artigianale. Questo scopo era servito dalla collezione di motivi grafici per tutti i tipi di arti applicate e ornamenti caratteristici di determinati periodi di stile. Questa collezione storica di libri è ancora conservata nella sua linea originale, in un interno realizzato secondo i progetti dell’architetto Hermann Bollé.

Dal 1880, la biblioteca si è sviluppata e trasformata in accordo con la missione fondativa del museo e la comprensione del suo ruolo nel quadro delle concezioni attualmente valide della museologia. Oggi, una biblioteca specializzata contemporanea, che integra le esigenze della museologia contemporanea e della biblioteconomia con i contenuti delle partecipazioni correlate alle collezioni, è soprattutto utilizzata per supportare il lavoro specializzato e accademico del personale museale. Le partecipazioni di 65.000 volumi contengono libri, riviste e opere di riferimento della storia dell’arte, l’artigianato e le aree affini, i portafogli di stampa e gli album di modelli per vari mestieri, cataloghi di mostre e aste. Un’unità speciale è costituita dalla collezione di libri antichi e rari del XVI e XIX secolo che ha anche il significato di essere una collezione museale di per sé. La biblioteca del Museo scambia pubblicazioni con oltre 150 istituzioni simili in patria e all’estero e ha abbonamenti per riviste croate e straniere nella disciplina.

Tags: