Museo Nazionale di Antropologia, Messico

Il Museo Nazionale di Antropologia è un museo nazionale del Messico. È il museo più grande e visitato in Messico. Situato nella zona tra Paseo de la Reforma e Mahatma Gandhi Street all’interno del Parco Chapultepec a Città del Messico, il museo contiene importanti reperti archeologici e antropologici provenienti dal patrimonio pre-colombiano del Messico, come la Pietra del Sole (o la pietra del calendario azteco) e la statua azteca di Xochipilli.

Il museo (insieme a molti altri musei nazionali e regionali messicani) è gestito dall’Instituto Nacional de Antropología e Historia (Istituto Nazionale di Antropologia e Storia) o INAH.

Il Museo Nazionale di Antropologia (MNA) è uno dei musei più importanti del Messico e dell’America. È progettato per ospitare e mostrare l’eredità archeologica dei popoli della Mesoamerica, oltre a rappresentare l’attuale diversità etnica del paese. L’attuale edificio MNA fu costruito tra il 1963 e il 1964 nel Bosque de Chapultepec su istruzione del presidente Adolfo López Mateos, che inaugurò il 17 settembre 1964. Attualmente, l’edificio di MNA dispone di 23 sale espositive permanenti, 1 sala mostre temporanee e due auditorium. Ospita anche la collezione della Biblioteca Nazionale di Antropologia e Storia.

La collezione del Museo Nazionale di Antropologia è composta da numerosi pezzi archeologici ed etnografici provenienti da tutto il Messico. Alcuni dei pezzi più emblematici della collezione Sunstone, che è il cuore del museo stesso, sono le monumentali sculture di teotihuacanas dedicate agli dei dell’acqua, il tesoro della tomba del re Pakal e un Toltec atlantideo portato da Tollan-Xicocotitlan e il Monolito di Tlaloc che sorvegliava l’entrata del museo.

L’MNA è una delle principali attrazioni turistiche in Messico. Attrae più di due milioni di visitatori all’anno.

Le mostre permanenti al piano terra coprono tutte le civiltà precolombiane situate nel territorio attuale del Messico e nell’ex territorio messicano in quello che oggi è il sud-ovest degli Stati Uniti. Sono classificati come Nord, Ovest, Maya, Golfo del Messico, Oaxaca, Messico, Toltec e Teotihuacan. Le esposizioni permanenti al primo piano mostrano la cultura della popolazione nativa americana del Messico dalla colonizzazione spagnola.

Il museo ospita anche mostre in visita, generalmente incentrate su altre grandi culture del mondo. Le esposizioni passate si sono concentrate sull’antico Iran, Grecia, Cina, Egitto, Russia e Spagna.

Il Museo Nazionale di Antropologia (MNA) ha 24 sale espositive, di cui 23 sono permanenti e una è destinata a mostre temporanee, che a volte sono esempi museografici di vari musei del mondo. L’accesso a quest’ultimo è separato dal resto del museo.

Le stanze permanenti sono distribuite su entrambi i piani dell’edificio. Nel piano terra si trovano le sale dedicate all’introduzione dell’antropologia e delle culture del territorio messicano, dalla Popolazione d’America al periodo postclassico mesoamericano. Al secondo livello ci sono le 11 sale etnografiche, dove sono esposti campioni della cultura materiale delle popolazioni indigene che vivono oggi in Messico.

Le sale di antropologia e archeologia sono disposte intorno alla parte scoperta del cortile centrale, che è il laghetto dei gigli, e sono disposte secondo un criterio cronologico che parte dal lato destro fino ad arrivare alla stanza Mexica. Dalla stanza delle culture di Oaxaca, l’ordine di presentazione è geografico. È possibile sottolineare che la stanza delle culture del nord è dedicata alle città che appartenevano alla zona conosciuta come Aridoamérica, regione che si estende a nord dei confini della Mesoamerica.

La prima stanza dell’MNA corrisponde a un’introduzione all’attività dell’antropologia. Originariamente concepito come uno spazio per portare i visitatori ai quattro rami in cui è divisa l’antropologia classica: antropologia fisica, antropologia sociale, etnologia e linguistica. Poiché la ristrutturazione del museo iniziò nel 19984, si pensava che i contenuti pedagogici di questa stanza fossero dedicati a spiegare l’evoluzione socio-culturale dell’essere umano, la sua diversità e le relazioni tra l’ambiente e le società umane. Cioè, in questo spazio, il visitatore è di fronte a un tour dei processi che si sono conclusi con l’ominizzazione degli antropoidi e con l’umanizzazione dei nostri antenati.

In questa stanza c’è una replica dello scheletro fossile di Lucy, il primo esemplare conosciuto dell’Australopithecus afarensis, scoperto da Donald Johanson nel 1974. Alla fine del corridoio del corridoio c’è un mosaico di ologrammi con i volti di persone provenienti da varie parti del pianeta, a seconda del punto di vista del visitatore, è anche possibile osservare la forma dei teschi degli uomini che abitano ciascuna delle regioni rappresentate nel mosaico.

Questa stanza di archeologia dell’MNA è dedicata al processo di sviluppo dei primi esseri umani venuti in America. Come la stanza Introduzione all’Antropologia, anche questa è stata oggetto della ricostruzione del museo realizzata tra il 1998 e il 2000. In questo processo ha ricevuto il nome che prende oggi tra il 1964 e il 1998 è stato chiamato camera delle Origini ed è stato diretto verso L’evoluzione di Culture native americane dalle prime migrazioni alla differenziazione delle popolazioni mesoamericane rispetto al resto delle società paleoindiane.

La stanza della Popolazione dell’America adotta la teoria del primo insediamento dell’America, che individua le migrazioni attraverso lo Stretto di Bering circa 40.000 anni prima del presente. Pertanto, lo script del museo accetta come validi i dati che individuano la presenza dell’essere umano nel territorio messicano circa 30.000 anni prima del presente. Secondo alcuni critici come Christian Duverger, questa tendenza della storiografia ufficiale messicana si basa su prove deboli o ha uno scopo politico.

Tuttavia, nella stanza sono esposti modelli di popolazione dell’America che ricreano il modo di vivere dei primi gruppi umani cacciatori e raccoglitori che occupavano l’attuale Messico e porta il visitatore ai processi che si sono conclusi con la differenziazione dei popoli. Tra gli altri, lo sviluppo dell’industria litica; Addomesticamento di zucca, mais e altre colture; Sedentarizzazione e scoperta della ceramica. Tra le altre cose, la stanza ha una collezione di punte di lancia realizzate in diversi materiali e provenienti da varie parti del Messico e altri paesi. Ha anche una serie di pezzi relativi allo sviluppo dell’agricoltura, campioni fossili delle prime colture americane e riproduzioni di arte rupestre da siti come la Sierra de San Francisco nella Baja California Sur.

La terza sala del museo è dedicata ai popoli che vivevano nell’asse neovolcanico e nelle aree circostanti durante i primi secoli della civiltà mesoamericana nel periodo pre-classico mesoamericano. In altre parole, possiede oggetti elaborati tra i secoli XXIII a. Candido. C., secondo la cronologia mesoamericana usata principalmente in Messico. Questi sono pezzi trovati in scavi in ​​siti come Zohapilco, Tlapacoya e Tlatilco (stato del Messico), e Cuicuilco e Copilco (Distrito Federal).

I pezzi esposti in questa sala danno un resoconto dell’evoluzione culturale dei popoli del Messico centrale durante il Preclassico. Questo fu il periodo più lungo nella storia mesoamericana, durante il quale i vari popoli della regione stavano sviluppando le loro caratteristiche e le reti più importanti di scambi internazionali. I pezzi provenienti dagli altopiani centrali che corrispondono a questo stadio evidenziano l’importanza del contatto tra le popolazioni degli altipiani – presumibilmente di origine otomanguese – con le due regioni mesoamericane di maggior sviluppo in quel momento: l’ovest e la regione di Olmec. Questo è rivelato da casi come Tlatilco, le cui prime composizioni ceramiche condivise con quelle prodotte in luoghi come El Opeño (Michoacán); In seguito, Tlatilco ha ricevuto una forte influenza Olmeca, una delle cui più importanti testimonianze è il pezzo noto come The Acrobat. Da parte sua, i pezzi di Cuicuilco sembrano avere un’influenza più prolungata sui popoli dell’Occidente, dalla sua fioritura al suo abbandono.

La quarta stanza permanente del museo è dedicata alla cultura di Teotihuacan, la cui città di massimo splendore era Teotihuacan, che significa “città dove nascono gli dei”, situata a nord di Città del Messico.

L’eccezionale architetto messicano Pedro Ramírez Vázquez, che lo progettò nel 1963 con la collaborazione e l’assistenza di Jorge Campuzano e Rafael Mijares, ha un’architettura impressionante con sale espositive che convergono in un patio centrale. In questo cortile c’è un laghetto di gigli e la famosa fontana a forma di ombrello o ombrello, sostenuta da un pilastro centrale attorno al quale cade una cascata artificiale. Gli showroom sono circondati da giardini, molti dei quali contengono mostre esterne.

Il museo ha 44 mila metri quadrati sotto il tetto, distribuiti in 23 sale e 35.700 metri quadrati di aree aperte che includono il cortile centrale, la piazza di accesso e alcuni cortili incassati attorno ad esso. In tutti questi spazi è la più grande collezione del mondo dell’arte preispanica della Mesoamerica, fondamentalmente delle culture Maya, Azteca, Olmeca, Teotihuacan, Tolteca, Zapoteciana e Mixteca, tra le altre antiche del Messico, oltre a una vasta mostra sull’etnografia di le popolazioni indigene del paese, che occupa l’intero secondo piano del museo.

La superficie totale del museo è di 79.700 metri quadrati (quasi 8 ettari).

Alla fine del XVIII secolo i documenti che facevano parte della collezione di Lorenzo Boturini furono depositati, per ordine del viceré di Bucareli, presso l’Università Reale e Pontificia del Messico. Lì hanno anche depositato le sculture del Coatlicue e della Pietra del Sole, che ha dato inizio alla tradizione museografica in Messico.

Il 25 agosto 1790 fu inaugurato il primo Museo di Storia Naturale, assemblato dal botanico José Longinos Martínez, e fu in mezzo a questa atmosfera che nacque l’idea che fosse stato creato un tabellone antichità con lo scopo di proteggere i monumenti storici.

Dal XIX secolo il Messico fu visitato da illustri uomini di scienza, come nel caso del barone Alejandro de Humbolt, che diffuse il valore artistico e storico dei monumenti preispanici, raggiungendo quello nel 1825, con decreto del Presidente della Repubblica Guadalupe Victoria, assistita dallo storico Lucas Alamán, ha trovato il Museo Nazionale Messicano come un’istituzione autonoma. Per l’anno 1865, l’imperatore Massimiliano d’Asburgo ordinò il trasferimento del Museo all’edificio situato nella strada di Moneda 13, dove era stata la Zecca.

Dal 1906 la crescita delle collezioni ha incoraggiato Justo Sierra a dividere la collezione del Museo Nazionale, così le collezioni di storia naturale sono passate al bellissimo edificio del Pioppo, costruito appositamente per mostre permanenti.

Il Museo fu poi nominato Museo Nazionale di Archeologia, Storia ed Etnografia e fu riaperto il 9 settembre 1910, alla presenza del presidente Porfirio Diaz. Nel 1924 la collezione del museo ha raggiunto 52.000 oggetti e ha ricevuto oltre 250 mila visitatori, quindi ha ottenuto il diritto di voto per l’assegnazione del Premio Nobel ed è stato considerato uno dei musei più interessanti e prestigiosi del mondo .

Il 13 dicembre 1940, per decreto, le collezioni della storia furono trasferite al Castello di Chapultepec e il Museo cambiò il suo nome in quello attuale: Museo Nazionale di Antropologia.

La costruzione dell’attuale museo iniziò nel febbraio del 1963, nella foresta di Chapultepec. Come già accennato nella sezione Architettura, il progetto è stato coordinato dall’architetto Pedro Ramírez Vázquez e coadiuvato dagli architetti Rafael Mijares e Jorge Campuzano. In occasione dell’inaugurazione del Museo Nazionale di Antropologia, il Segretario della Pubblica Istruzione (SEP) ha incaricato il compositore Carlos Chávez di creare un brano musicale intitolato “Resonancias” ed è stato rilasciato lo stesso giorno dell’inaugurazione del Museo Nazionale di Antropologia .

Tags: