Teatro Municipale di San Paolo, Brasile

Teatro Municipale di São Paulo (portoghese: Theatro Municipal de São Paulo) è un teatro a San Paolo, in Brasile, uno dei teatri più importanti del Brasile e una delle cartoline della città di San Paolo. Situato nel centro della città, in Piazza Ramos de Azevedo, fu inaugurato nel 1911 per soddisfare il desiderio dell’elite di San Paolo del tempo, che voleva che la città fosse all’altezza dei grandi centri culturali.

Il suo stile architettonico è simile a quello dei teatri più importanti del mondo ed è stato ispirato dall’Opera di Parigi. L’edificio è stato parte del patrimonio storico dello stato dal 1981 quando fu sormontato dal Condephaat. Oltre alla sua importanza architettonica, il teatro ha anche notabilità storica, poiché era il palcoscenico della Settimana di Arte Moderna, il marchio iniziale del Modernismo in Brasile.

Il Teatro Municipale fu la sede della Settimana di Arte Moderna del 1922, che rivoluzionò le arti in Brasile. L’edificio ospita ora l’Orchestra Sinfonica Municipale di São Paulo, il Coral Lírico (coro lirico) e il City Ballet di San Paolo. È considerato uno dei palcoscenici più rispettati in Brasile e presenta una delle più grandi e migliori produzioni liriche del paese. Artisti importanti hanno già calpestato il loro palcoscenico.

La Fondazione Municipale di São Paulo di Theatro è stata costruita nella città seguendo le grandi aspirazioni cosmopolite del 20esimo secolo. Il 27 maggio 2011, il Theatro è stato trasferito dal Segretario della Cultura della città per diventare una Fondazione pubblica, che gestisce i famosi gruppi artistici. Dal 2012, il teatro ha una dependance: la Praça das Artes, un complesso architettonico che ospita i loro corpi artistici e funziona come un’estensione delle loro attività, ed è anche sede del Conservatorio, della Scuola di ballo di São Paulo e della Scuola municipale di Musica di São Paulo.

Servizio, struttura:
I lavori di restauro completati nel 2011 hanno modernizzato l’edificio del teatro e il palcoscenico è stato dotato di moderni meccanismi scenici. Il problema della mancanza di sale prove, struttura e spazio fisico dietro le quinte è stato in parte risolto nel 2012 con l’inaugurazione di Praça das Artes, un complesso culturale che ha iniziato a funzionare come annessa del teatro e palcoscenico per vari eventi culturali.

All’inaugurazione del primo modulo, Praça das Artes ha iniziato a ospitare la Scuola Municipale di Musica di São Paulo e la Scuola di Danza di San Paolo. Inoltre, il Quartetto d’archi della Città di São Paulo ha occupato la Sala del Conservatorio che si trova al piano superiore dell’ex Conservatorio di Drama e Musica di San Paolo e l’Orchestra di Repertorio Sperimentale ha iniziato a utilizzare i locali della scuola di musica per i suoi prove .

La seconda fase del complesso architettonico, attualmente in costruzione, prevede il completamento della costruzione di corpi artistici. Dopo il completamento, l’Orchestra Sinfonica Municipale di São Paulo, il Coro Lirico Municipale di São Paulo, il Balé della Città di São Paulo e il Mário de Andrade Choir Paulistano saranno ospitati in questo edificio e avranno la migliore infrastruttura per le loro prove. In questa fase verrà inoltre inaugurata una piazza interna con apertura per la via Formosa, un giardino e un bar esterno. Sebbene la Piazza delle Arti non sia fisicamente collegata al Teatro Municipale, funziona come dependance e si trova sul blocco dietro al teatro. C’è anche un progetto di espansione del set architettonico, aumentando l’area destinata alla scuola di danza e costruzione di un auditorium e discoteca.

La struttura fisica del teatro ha la capacità di assistere 1523 persone, ma non tutti i suoi posti hanno una visione completa del palcoscenico. Il 28 settembre 2014 è stato pubblicato da Folha de S.Paulo il risultato di una valutazione fatta dal team del quotidiano durante la visita ai sessanta più grandi teatri della città di San Paolo. Il Teatro Municipale ha ricevuto tre stelle, una nota “regolare”, con il consenso: “Punti positivi: acquisti, servizi e strutture online.Tuttavia, il numero di servizi igienici non è sufficiente, e ci sono luoghi con una visione molto scarsa (sul sito, sono indicati.) In una delle visite, molte persone degli sportelli laterali hanno dovuto assistere alla presentazione per vedere cosa stava succedendo sul palco. La spaziatura tra le file e il comfort dei sedili sono regolari. ” l’anno seguente, il teatro ricevette la stessa nota.

Storia:
L’idea di costruire un teatro rappresentativo per la città di San Paolo è stata ispirata dalla sua crescente importanza sulla scena internazionale. Dall’inizio del XX secolo fu abitata dalla borghesia brasiliana, di cui una grande parte fu coinvolta negli affari della coltivazione del caffè. La città aveva anche una discreta popolazione italiana. Finora, la città poteva contare solo sul Teatro São José, in realtà c’erano altri teatri piuttosto grandi, anche modesti, in città come, il Polythéama, o la Minerva e l’Apolo, ma il São José era il più grande di loro, che dopo un incendio non erano più adatti a grandi produzioni straniere. Ecco perché l’aristocrazia paulistana esigeva la creazione di un nuovo teatro, con una struttura simile ad alcuni dei migliori teatri del mondo e adatto per allestire grandi produzioni operistiche.

Il gusto per la musica erudita era già stato formato dall’influenza della Corte, con grande slancio durante il regno dell’imperatore Dom Pedro II e dell’imperatrice Teresa Cristina. Diversi teatri furono costruiti lungo la costa brasiliana e dell’entroterra brasiliano. Nella città di San Paolo, i piccoli teatri hanno svolto il compito di ricevere compagnie internazionali che si sono esibite in teatri come il Teatro Nazionale Provvisorio, il Teatro Politeama, il Teatro Minerva e il Teatro Apolo, nonché il migliore di loro, Theatro São José.

Cominciò nell’anno 1895 le discussioni sulla costruzione di un teatro appositamente per l’opera con un progetto inviato al municipio che elaborò senza successo. Nel 1898, dopo che il Theatro São José fu distrutto da un incendio, il Consiglio comunale lanciò un incentivo per la costruzione di un nuovo teatro, attraverso l’esenzione fiscale. L’impegno sarebbe fatto quando la concessione per l’esenzione fiscale è stabilita in 50 anni. L’ufficio tecnico di Ramos de Azevedo presenta la proposta di costruzione. Un’altra proposta era già stata presentata da Cláudio Rossi al primo sindaco Antônio Prado che fece l’avvicinamento tra l’ufficio di Ramos de Azevedo.

Con il progetto di Cláudio Rossi, i disegni di Domiziano Rossi e la costruzione dell’ufficio tecnico di Ramos de Azevedo, i lavori furono iniziati il ​​26 giugno 1903 e completati nel 1911. Lo stile architettonico dell’opera è eclettico, in voga in Europa da allora. la seconda metà del diciannovesimo secolo. Gli stili del Rinascimento, del Barocco e dell’Art Nouveau sono combinati, essendo quest’ultimo lo stile del tempo. Il teatro è strutturato in quattro corpi: la facciata, composta dal vestibolo, l’atrio e la scala nobile; quello centrale, in cui si trova lo show room; Il palco; e, infine, l’ambiente in cui si trovano i camerini.

Il luogo scelto per la costruzione fu Morro do Cha ‘o Tea Hill, che era stato il sito del nuovo Teatro São José. Ramos de Azevedo è stato l’ingegnere assegnato alla costruzione. È stato anche aiutato da due architetti italiani Cláudio Rossi e Domiziano Rossi. Nel 1903, iniziò la costruzione, e San Paolo ottenne uno dei migliori locali al mondo per la presentazione di produzioni teatrali, principalmente opere. Come era consuetudine in quei giorni, la maggior parte dei materiali veniva importata dall’Europa, e il riferimento architettonico era il Palais Garnier di Parigi. La costruzione è durata circa 8 anni. La prima produzione in scena è stata l’opera Amleto di Ambroise Thomas. L’idea iniziale era quella di presentare un’opera Il Guarany, ma la compagnia, diretta da un’italiana Titta Ruffo, una celebre voce baritonale dell’epoca, non ha voluto contare sul mettere nel suo repertorio opere di compositori brasiliani. Anche altri problemi erano accaduti prima della serata di apertura. Le decorazioni sceniche non erano arrivate in Brasile in tempo, il che ha causato il rinvio della data di apertura. Quando la nuova data arrivò il 12 settembre 1911, il risultato superò tutte le aspettative del pubblico e della classe dominante della città.

L’inaugurazione era prevista per l’11 settembre, ma a causa del ritardo nell’arrivo degli scenari della compagnia Titta Ruffo a San Paolo, dal momento che erano in tournée in Argentina, è stato rinviato al 12 settembre. C’era un grande agglomerato di persone intorno all’edificio . Circa 20 mila cittadini sono venuti ad ammirare l’illuminazione con l’energia elettrica proveniente dall’interno e dai dintorni del Teatro Comunale, qualcosa atipico all’epoca.

Oltre all’inaugurazione, la notte del 12 settembre 1911 fu teatro del primo traffico della città di São Paulo. Lo spettacolo è iniziato con l’abettura dell’opera Il Guarany, di Carlos Gomes, a causa della pressione della critica di San Paolo. Poi ha seguito la messa in scena dell’opera Amleto di Ambroise Thomas, con il baritono Titta Ruffo nel ruolo principale. La compagnia ha presentato altre opere durante la prima stagione.

I primi anni:
Tra il 1912 e il 1926, il teatro presentò 88 opere di 41 compositori (italiano, francese, brasiliano e tedesco), in 270 spettacoli. Ma forse l’evento più importante nella storia del teatro in quel periodo e in tutta la sua esistenza non era un’opera, ma qualcosa che avrebbe fatto infuriare molti paulistanos all’epoca: la Settimana dell’arte moderna nel 1922.

La settimana dell’arte moderna:
Tra l’11 febbraio e il 18 febbraio il Teatro Municipale ha ospitato un evento modernista che è diventato noto come “Semana de Arte Moderna” del 1922. Durante i sette giorni di eventi c’è stata un’esposizione dell’arte del Modernismo brasiliano, un movimento che ha cercato di rompere via con schemi rigorosamente stabiliti di dipinti, drammi, poesie e musica realistici influenzati dall’Europa. Nelle serate del 13, 15 e 17 febbraio ci sono state presentazioni di musica, poesia e conferenze sulla modernità in Brasile e nel resto del mondo. Il modernismo sfidava tutti i valori estetici e artistici esistenti che dominavano la pittura, la letteratura, la poesia e altre arti fino a quel momento. La “settimana” presentava artisti che sarebbero diventati alcuni dei nomi più celebri del movimento modernista brasiliano, come: Mário de Andrade – uno scrittore, musicista e folklorista -, Oswald de Andrade – uno scrittore–, Tarsila do Amaral , Anita Malfatti e Menotti Del Picchia: tutti e tre i pittori. Questi artisti formarono il famoso “Gruppo dei Cinque”. Victor Brecheret-scultore-Heitor Villa-Lobos-compositore-e Di Cavalcanti-pittore-erano altre celebrità che hanno preso parte alla settimana.

Il modernismo ha predicato la rottura di ogni valore artistico che era esistito finora, proponendo un approccio totalmente nuovo alla pittura, alla letteratura, alla poesia e ad altri tipi di arte. La Modern Art Week aveva già stabilito nomi, come Graça Aranha e altri, che sarebbero diventati i futuri grandi esponenti del modernismo brasiliano. Mário de Andrade, Oswald de Andrade, Anita Malfatti, Guilherme de Almeida, Menotti del Picchia, Di Cavalcanti, Victor Brecheret, Heitor Villa-Lobos e altri hanno partecipato al movimento. Tarsila do Amaral non ha partecipato alla Settimana, poiché all’epoca era in Europa e ha saputo dell’evento tramite lettere, in particolare da Anita Malfatti, un’amica che l’avrebbe presentata a metà del 1922 a Menotti, Mário e Oswald. Queste cinque personalità cominciarono a frequentare e ad incontrarsi in seguito, chiamandosi il Gruppo dei Cinque, dove le informazioni sull’arte moderna venivano scambiate, sperimentate e praticate.

Metà del 20 ° secolo:
Con il passare degli anni, il teatro, che era stato realizzato quasi esclusivamente per le rappresentazioni dell’opera, ha ospitato anche altri eventi artistici, come ad esempio esibizioni di danzatori come Anna Pavlova e Isadora Duncan. Negli anni ’60, sotto il sindaco José Vicente Faria Lima, l’edificio subì la prima ristrutturazione perché le sue pareti erano state ridipinte e il progetto originale fu privato delle sue caratteristiche.

Nei decenni successivi, ci fu una caduta di pubblico e l’opulenza del teatro stava scomparendo a causa di altre costruzioni nei dintorni che seguirono la crescita di San Paolo, come, ad esempio, il Palazzo Altino Arantes.

Tra il 1952 e il 1955 avviene la prima grande riforma dell’edificio durante l’amministrazione del sindaco Jânio Quadros. Questa riforma aveva come obiettivo la consegna del teatro per le celebrazioni del quarto centenario della città di São Paulo, ma per il ritardo nelle opere, la reinaugurazione avvenne solo nel 1955. Lo show room aveva i suoi ordini demoliti e ricostruiti. Le scatole di proscenio furono rimosse per dare luogo all’organo G. Tamburini. Gli ornamenti e i mobili sono stati rifatti dal Liceo delle arti e dei mestieri. Il rosso è diventato il colore ufficiale della stanza, così come la tappezzeria e la tappezzeria delle sedie e delle sedie. C’era anche l’installazione di ascensori e sistema di aria condizionata.

Più gli anni passavano, anche se godeva ancora di grande rispetto, il Teatro Municipale, stava perdendo spazio come centro di cultura per la popolazione, che subì varie trasformazioni sociali e culturali per tutto il secolo. Pertanto, le esibizioni del teatro erano rivolte solo a un pubblico molto selezionato.

Dalla fine del XX secolo ai giorni nostri:
Negli anni ’80, il teatro subì ulteriori ristrutturazioni, iniziate dal sindaco Jânio Quadros. Il suo scopo principale era quello di ripristinare le opere originali di Ramos de Azevedo. La facciata esterna è stata restaurata con pietra arenaria, originata dalla stessa miniera che aveva fornito materiale per la concezione costruttiva originale all’inizio del secolo. Il restauro è stato completato nel 1991 sotto il sindaco Luiza Erundina. Oggi 100 anni, il Teatro Municipale di São Paulo è considerato uno dei luoghi culturali più celebrati del Sud America, che ospita continuamente spettacoli teatrali e opere dei più grandi drammaturghi e compositori nazionali e internazionali. Il Teatro Municipale di San Paolo, in realtà ha attualmente la più grande e migliore produzione lirica in Sud America.

Mentre si avvicinava al suo centenario, nel 2008 sono stati avviati nuovi lavori di ristrutturazione dell’edificio. È stato il terzo e più complesso restauro dell’edificio, dove sono state rifatte tutte le acustiche, l’acustica, la meccanica scenica e il trattamento acustico della fossa dell’orchestra. E ‘stato anche restaurato il palcoscenico, vecchi dipinti e oltre 14 mila vetrate. Inoltre, lasciando il verde dietro con l’intenzione di rendere l’aspetto più vecchio, il rosso è tornato ad essere il colore principale dello show room, così come la tappezzeria e il rivestimento delle poltrone. L’intenzione del restauro era di lasciare il Teatro Municipale con l’aspetto del secolo scorso, ma più moderno all’interno. I lavori sono stati completati a novembre 2011.

Nello stesso anno il teatro cessò di far parte del Dipartimento della Segreteria della Cultura Municipale e fu trasformato in una fondazione di diritto pubblico, gestita dall’Istituto Brasiliano di Gestione Culturale nel 2013. L’obiettivo di trasferire la gestione a un’organizzazione era dare più autonomia amministrativa e finanziaria al teatro, ma l’iniziativa non ha avuto tanto successo e nel 2016 sono sorti scandali di corruzione durante la gestione di John Neschling, che è stato rimosso dalle posizioni di direttore artistico e direttore titolare.

Formazione scolastica:
Fino all’inizio del XX secolo, le opere che si svolgevano nel Teatro Municipale erano produzioni completamente straniere, perché fino ad allora il teatro non aveva strumentisti e cori completi per un montaggio a parte. Inoltre all’epoca non c’erano molte istituzioni di formazione artistica oltre al Conservatorio di Drammatico e Musica di San Paolo.

Nel corso degli anni, è sorta la necessità per il teatro di avere i propri corpi artistici per agire nelle sue stagioni liriche e per creare scuole di musica e danza per preparare professionisti a lavorare in questi gruppi.

Per presentare le sue stagioni liriche, oltre a portare alla fine artisti ospiti, il teatro ha i seguenti corpi artistici:

Municipal Symphony Orchestra of São Paulo
Coro Lirico Municipale di São Paulo
Balletto della città di São Paulo
Coral Paulistano Mário de Andrade
Orchestra di repertorio sperimentale
Quartetto d’archi della città di São Paulo
Collegati al centro di formazione del Teatro Municipale di São Paulo, ci sono la Scuola Municipale di Musica di São Paulo e la Scuola di Danza di San Paolo, il cui obiettivo è formare musicisti e ballerini per intraprendere una carriera artistica. Dal 2012 entrambe le scuole hanno sede in Plaza de las Artes e sono giunti a contare su infrastrutture sofisticate e adeguate per il suo pieno funzionamento.

Tags: