Mouans-Sartoux, Alpi Marittime, Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Francia

Mouans-Sartoux è un comune francese situato nel dipartimento delle Alpi Marittime nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Il comune di Sartoux fu combinato con il comune di Mouans, per prendere il nome combinato di Mouans-Sartoux per ordine di Napoleone III il 28 marzo 1858.

Una città con una tradizione rurale, l’economia di Mouans-Sartoux è stata per molto tempo orientata verso l’agricoltura (viti e ulivi). Nel xviii secolo, anche l’allevamento dei bachi da seta era un’attività economica di Mouans. Sul catasto del 1738, i gelsi sono menzionati in vari distretti, e in particolare nel distretto di Grand’Pièce, appartenente al signore di Mouans, un edificio, il baco da seta è usato “per tirare la seta”. Funzionò fino agli anni ’40. E più recentemente piante di profumo (Jasmine, Rose de Mai). Ci sono ancora alcuni campi di fiori vicino al Tour de Laure che viene utilizzato per rilevare gli incendi boschivi.

Storia
Mouans e Sartoux erano due agglomerati separati: Mouans nella pianura, mentre Sartoux fu installato sulla collina di Castellaras.

Nel 1199 fu fondata l’Abbazia cistercense di Notre-Dame-des-Prés a Sartoux. Originariamente Mouans e Sartoux costituiscono due comunità distinte. Intorno al 1350, come molti villaggi della regione, Mouans e Sartoux furono abbandonati (insicurezza, peste).

Nel 15 ° secolo, il notaio Etienne Jusbert divenne co-signore di Sartoux. Fu nel 1496 che Pierre de Grasse, allora signore di Mouans, portò sessanta famiglie di Figon dalla regione di Genova per ripopolare il suo territorio e passò con loro un atto di residenza. Fu in quel momento che il villaggio fu costruito.

Nella primavera del 1858, Mouans-Sartoux è nato ufficialmente. Napoleone III unì le due comunità. Nel contesto della fine della guerra algerina, nel 1962 fu costruita una frazione forestale lontano dalla città, destinata alle famiglie harkis. Questo borgo veniva talvolta chiamato “il campo di Timgad”. Fu abitata fino ai primi anni ’80.

Dal 1974, i diversi sindaci sono desiderosi di promuovere azioni rispettose dell’ambiente. In particolare hanno acquistato una fattoria per coltivare ortaggi biologici per le mense scolastiche e hanno assunto l’agricoltore, che ha quindi uno status di funzionario pubblico, un fatto unico in Francia.

Più recentemente la città ha ottenuto 3 fiori nel concorso regionale di città e villaggi in fiore.

Patrimonio storico

Le fontane
La mancanza d’acqua è molto sentita d’estate in città. Nel 1873, il Consiglio Comunale decise quindi di istituire una fontana sulla Piazza della Chiesa e una concessione idrica per il Canale di Siagne.

Il municipio
L’edificio del municipio fu costruito nel 1859. Sostituisce il vecchio municipio situato nel villaggio che è diventato fatiscente. Il 13 maggio 1866, il Consiglio Comunale chiese la creazione di un ufficio postale. Nel 1868, questo ufficio fu creato in rue de Verdun quando la città fu attraversata dalla ferrovia. Nel 1887, dopo la costruzione di un gruppo scolastico, l’ufficio postale fu trasferito al piano terra del municipio dove si trovava la scuola dei ragazzi. Il motto in provenzale che puoi vedere sulla meridiana significa: “Possa quest’ora essere la migliore per tutti”.

Place Suzanne de Villeneuve
Suzanne de Villeneuve, vedova della Pompée de GRasse, ugonotta (assassinata nel 1588) che difese il villaggio nel 1592 contro il duca di Savoia, che venne a castigare gli abitanti per il loro attaccamento a Enrico III. Questo distrusse il castello. Ha costretto a mantenere la promessa di pagare 4000 corone per compensarlo, dopo averlo inseguito nelle pianure di Cagnes. Su Place de l’Eglise, è possibile vedere due tipi di cornici di porte del XV secolo su case borghesi con un arco tagliato.

Il castello di Mouans-Sartoux
Nel cuore della Costa Azzurra, in un castello del 16 ° secolo nel mezzo di un grande parco, un luogo magico dedicato all’arte contemporanea. Costruito alla fine del XV secolo o all’inizio del XVI secolo, il castello di Mouans rimase di proprietà di Grasse fino al 1750 e poi di Villeneuve. Dopo la Rivoluzione passò al Durand de Sartoux, quindi al Peguilhan.

Nel corso della storia ha conosciuto molte disgrazie. Fu assediato durante le guerre di religione; l’allora signore, Pompée de Grasse era un riformato. Fu assassinato nel suo castello di Bormes nel 1589. A Mouans, la sua vedova resistette all’assedio del duca di Savoia nel 1592. Nel 1707, durante la guerra della Lega di Augusta, il castello fu nuovamente assediato dalle truppe austropiemontesi. Il suo signore, Alexandre de Grasse, fu gravemente ferito lì e il castello saccheggiato. Durante la rivoluzione, il castello di Mouans subì il destino di un buon numero di case signorili. È la “buona città di Grasse” che distruggerà in gran parte il castello di Mouans.

Dopo aver acquistato il castello all’inizio del XIX secolo, la famiglia Durand de Sartoux lo riabiliterà. Sono in corso lavori di ricostruzione. Sarà ricostruito secondo i piani originali. Manterrà così la sua architettura triangolare, le sue tre torri, il suo cortile interno. Inaugurato nel settembre 1990, l’Espace de l’Art Concret, situato nel castello di Mouans, è stato creato con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica più ampia sull’arte di oggi.

Il visitatore potrà ammirare oltre al castello acquisito dalla città, le fontane, la vecchia cappella di Saint-Bernardin des Pénitents blancs, la piazza del municipio e la chiesa con i loro alberi che creano un’ombra accogliente, i vicoli fioriti con facciate riverniciate vecchie. Passeggiate sul fianco di una collina o seguite i sentieri segnalati in una campagna tipica dell’entroterra mediterraneo. Il clima ideale che regna a Mouans-Sartoux rende possibile praticare tutti gli sport secondo il ritmo delle stagioni. Dalla vicinanza del mare, a Cannes, la città è a pochi minuti dagli sport acquatici.

La stazione ferroviaria
Tra il 1911, tra Cannes e Grasse, fu posta la prima pista elettrificata in Francia (per i test). Ristrutturata nel 1998 per servire da “Maison des jeunes”, la stazione vede ancora una volta i treni che assicurano il collegamento Grasse-Cannes-Nizza-Vintimille. Orari disponibili presso l’Ufficio del Turismo o 3635 tutti i giorni 24/24.

The Wash House
Fu costruito nel 1730. Le donne fanno il bucato e cambiano il mondo al lavatoio. Prendono il bucato in un grande foglio chiamato “Flourier”. La biancheria viene lavata in un buco nel terreno di fronte al lavatoio con acqua e cenere. Sciacquano tutto nel bagno …

Edifici religiosi

LA PARROCCHIA DI Saint-André. Quando nel 1496 Pierre de Grasse decise di ripopolare il territorio, fece costruire un nuovo villaggio vicino al Priorato rurale di Sant’Andrea. È da questo Priorato che verrà costruita la nuova Chiesa di Mouans. Costruito alla fine del XV secolo, manterrà Sant’Andrea come cognome. La Chiesa ha subito molte modifiche nel corso dei secoli. Uno dei più importanti fu la costruzione del campanile nel 1760.
Ex cappella dei penitenti bianchi di San Bernardino, Rue Frédéric Mistral del XVII secolo in stile romanico: privata. Penitenti Bianchi.
Cappella del castello di Castellaras, vicolo del castello.

Eredità culturale

Il museo “Riflessi di un mondo rurale”
Questo museo etnografico creato nelle ex scuderie del castello consente ai visitatori di scoprire o riscoprire le attività tradizionali della regione di Grasse dal 1900 al 1950. Dispone di tre sale espositive ed è stato prodotto grazie alle donazioni delle famiglie di Mouans, raccolte per diversi anni da il Centre d’Activités Culturelles Occitanes.

Nella sala più grande è stato riassemblato un frantoio, attorno al quale sono presentati vari oggetti relativi a olio, ulivi e viti, attività economiche tradizionali di Mouans-Sartoux a quel tempo. Nell’altra stanza, è la coltivazione del fiore, della pianta del profumo, che viene presentata. Grandi poster illustrano ciascuna delle attività, tratte da foto prestate dal popolo di Mouans. La terza sala presenta una cucina e una camera da letto d’epoca che sono state ricostituite, decorate con utensili usati nei mestieri dell’inizio del secolo scorso.

Lo spazio dell’arte concreta
Un posto senza eguali; un progetto artistico e sociale basato sull’incontro e sul dialogo tra arte concreta, creazione contemporanea e pubblico. Creato nel 1990, l’Espace de l’Art Concret è un centro di arte contemporanea con una collezione di arte astratta, unica in Francia, la Donation Albers-Honegger.

L’EAC è nato dall’incontro tra due collezionisti, Sybil Albers e Gottfried Honegger, e il sindaco di Mouans-Sartoux, André Aschieri. Sybil Albers e Gottfried Honegger volevano rendere la loro collezione accessibile al pubblico. Inizialmente, è stato depositato presso la città di Mouans-Sartoux. Nel 2000, quando l’Espace de l’Art Concret ha celebrato il suo decimo anniversario, Sybil Albers e Gottfried Honegger hanno donato la loro collezione allo Stato, a duplice condizione, da un lato, che questo insieme unico in Francia sia permanentemente presentato in un edificio costruito a questo scopo nel parco del castello di Mouans, d’altra parte, è garantita la forte coerenza scientifica del progetto attorno al cemento e all’arte contemporanea.

Da allora, molte altre donazioni hanno arricchito la collezione iniziale, proveniente da Sybil Albers e Gottfried Honegger, Aurelie Nemours, Gilbert e Catherine Brownstone. Il nuovo edificio per la presentazione della collezione, progettato dagli architetti svizzeri Gigon e Guyer, è stato inaugurato il 26 giugno 2004.

Eventi e festività
Concerti al castello (APAC / ogni estate)
All’inizio di ottobre, ogni anno, il Festival del libro si svolge durante un fine settimana. Numerosi tendoni e spazi sono così disposti per ospitare centinaia di autori ed editori.
A maggio si svolge la primavera musicale. Organizzato da OMAJ (Office Mouansois d’Action pour la Jeunesse), rimane nello stesso formato del festival musicale, vale a dire in un’accoglienza multi-palco la sera da 1 a 4 gruppi.
Il festival Levez de Rideau è un festival di teatro amatoriale organizzato dalla cosiddetta associazione.
Fiera di Santons

Mercato dei produttori e designer biologici
Situato a Place du Général de Gaulle e Place Jean Jaurès, mercato degli agricoltori biologici (frutta, verdura, uova, zafferano, vini, spirulina, formaggi, agrumi, marmellate, ecc.), Mercato dei creatori (decorazioni, gioielli, sculture, illuminazione , ceramiche, accessori tessili, vernici, pelletteria, legno, universo per bambini, ecc.).

Mercato del miele
I mercati a tema continuano a Mouans-Sartoux, il “mercato del miele di Provenza” si terrà domenica 9 agosto, dalle 17:00 alle 23:00, nelle piazze di fronte al municipio. Quest’anno ti offriamo una formula diversa dal Festival del Miele, sarà un mercato del miele in Provenza. Sarai in grado di trovare diversi apicoltori e un’animazione attorno a un miele, uno chef e una ricetta.

Spazio naturale

Giardini MIP
garden mip00Magnificatamente installato nel cuore dei campi di piante da profumo tradizionalmente coltivati ​​nel Pays de Grasse, i Giardini del Museo internazionale del profumo fanno parte del progetto territoriale guidato dalla Comunità di agglomerazione del Pays de Grasse e diventano così il conservatorio delle piante da profumo dall’International Perfume Museum di Grasse, uno spazio naturale che testimonia il paesaggio olfattivo legato all’agricoltura locale.

Situato ai piedi della città aromatica, questi giardini botanici di 2 ettari offrono una deliziosa e profumata passeggiata tra i campi di rose di maggio, gelsomino, aranci, tuberosa, violette e molti altri. Allo stesso tempo, i Giardini dell’International Perfume Museum lasciano spazio a campi di coltivazione vecchio stile, ricostruiti fedelmente e mantenuti il ​​più naturalmente possibile. Un’occasione per sorprendere flora e fauna conservate nella loro ricchezza. La sera, nella rinnovata freschezza, i fiori espirano il massimo numero di profumi: è un momento squisito il cui ricordo rimarrà a lungo nelle papille gustative olfattive e un momento privilegiato per sentirsi più vicini alla natura. I giardini del Museo internazionale dei profumi incantano il pubblico con il suo spettacolo botanico e le sue fragranze accattivanti.

Tags: