Meyzieu, metropoli di Lione, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Meyzieu è un comune francese situato nella parte nord-orientale della metropoli di Lione, nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Con una superficie industriale di 210 ettari e la realizzazione di molti programmi abitativi, la città sta vivendo uno sviluppo demografico ed economico accompagnato in particolare dalla costruzione di molte strutture pubbliche. Meyzieu si sta ora affermando come polo centrale della parte orientale di Lione. Con un’area industriale in forte espansione di 210 ettari e il completamento di molti programmi abitativi, la città sta vivendo uno sviluppo demografico ed economico senza precedenti, che si riflette in particolare nel completamento di molti importanti progetti di sviluppo.

Il piacevole ambiente di vita di Meyzieu, che favorisce una vita familiare appagante e le sue numerose attività per il tempo libero, naturalmente! Con a nord-ouet della città il Grand Large, uno specchio d’acqua di 160 ettari molto popolare tra gli appassionati di vela, pescatori e sportivi, e il centro acquatico “Les Vagues”, una struttura eccezionale che offre varie attività acquatiche (comprese le immersioni subacquee) , la città ha evidenti attrazioni. Anche Meyzieu vive tutto l’anno al ritmo degli eventi culturali e sportivi che animano la cittadina.

Meyzieu beneficia di una posizione geografica ideale. A circa 10 km da Lione, nella periferia orientale, Meyzieu si trova nella parte orientale di Lione, all’incrocio dei dipartimenti di Rhône, Isère e Ain, la città è accessibile con molti mezzi di trasporto, tra cui il tram T3 e la linea Rhônexpress che collega la stazione Lyon-Part-Dieu all’aeroporto Lyon-Saint-Exupéry via Meyzieu da agosto 2010.

Storia
Meyzieu rimane a lungo un umile villaggio e non è stato fino alla metà del x20 secolo che la città si distingue come la porta a nord-est di Lione.

Alla sorgente del paese: un castello
L’origine di Meyzieu risale al villaggio di Bardieu situato nel paese di Velin, intorno a una benefica sorgente celtica e pretesto di insediamenti gallo-romani e medievali. Nel XI secolo, uno dei primi feudatari sorgeva un castello su un tumulo vicino a Bardieu e chiese ai signori di Chandieu di garantire la loro protezione. Gli abitanti si stabiliscono quindi ai piedi di questo edificio, che fornisce loro rifugio, e viene costruita una chiesa parrocchiale. È quindi un nuovo villaggio che si forma e che corrisponde alle fondamenta di Meyzieu oggi.

Nell’XI secolo, uno dei primi feudatari costruì un castello su una motte vicino a Bardieu e chiese ai signori di Chandieu di garantirne la protezione. Gli abitanti si stabiliscono quindi ai piedi di questo edificio, che fornisce loro rifugio, e viene costruita una chiesa parrocchiale. È quindi un nuovo villaggio che si forma e che corrisponde alle fondamenta di Meyzieu oggi.

La roccaforte è un possesso del conte di Savoia Amedee V. Passa alla fine della pace firmata nella chiesa di Villard-Benoît, il 10 giugno 1314, al Delfino Giovanni II di Viennese.

Nel XIV secolo, il villaggio e il castello di Meyzieu entrano nel regno di Francia dopo l’acquisizione del Dauphine nel 1349 e il trattato di Parigi nel 1355. Dal 1374, il villaggio è subordinato successivamente a nuovi signori. Tra questi, Pierre de Tardes, scudiero di Luigi XII, dà il benvenuto a Francesco I a casa nel 1536. Anche Enrico II soggiorna a Meyzieu nel 1548. Molti proprietari si succedettero a vicenda per eredità o vendite.

Meyzieu nel XVIII secolo: un villaggio agricolo che divenne la capitale del cantone
Nel XVIII secolo Meyzieu era un villaggio rurale, dove si coltivavano “grano saraceno” (cioè grano saraceno), avena, segale, canapa per cordame e dove si coltivava il gelso per bachi da seta. Anche l’ultimo signore di Meyzieu, Louis de Leusse, viene illustrato con la coltivazione delle patate nel distretto di Mathiolan, ben prima delle iniziative di Parmentier. Ma dopo il 14 luglio 1789 scoppiò la “Grande Paura” a Dauphiné. Il 28 luglio il castello di Pusignan è andato a fuoco ei saccheggiatori hanno cominciato a saccheggiare quello di Meyzieu prima di essere messi in fuga.

Nel 1790 Vincent Quinon divenne il primo sindaco di Meyzieu. Ha installato il suo municipio in affitto, all’angolo tra rue Louis Saulnier e rue de la République. Fu presso la cura che poi tenne le sue riunioni municipali. Meyzieu diventa così un comune del dipartimento dell’Isère e capitale del cantone. Un municipio rappresentativo della sua promozione amministrativa fu quindi costruito sull’attuale Place du Général de Gaulle.

Nel 1793, il proprietario del castello dell’epoca, il marchese de Leusse, fu ghigliottinato a Lione nonostante le sue iniziative filantropiche nella città. Il castello viene poi venduto in proprietà nazionale. Diversi acquirenti si succedettero, tra cui i fratelli Vachon, prima che la signora la marchesa Le Clerc de la Verpillère ereditasse la tenuta.

La rivoluzione industriale
Alla fine del XVIII secolo la città si apre ai rapporti commerciali grazie alla costruzione del primo ponte Morand, che apre la strada ai rapporti con la città della seta.

Lo sviluppo della città continuò nel XIX secolo, grazie alla ferrovia inaugurata nel 1881, la costruzione del canale Jonage nel 1895, poi il tram nel 1910. Nel 1893, il Forte di Meyzieu fu costruito sul sito della sorgente Bardieu . Tuttavia, fino agli anni 1920/1930, l’attività dominante della città rimase agricola, prima che la parte orientale di Lione fosse industrializzata con prodotti chimici in particolare.

Il castello, che era diventato una casa di riposo, vide crollare la sua ultima torre il 27 febbraio 1950, in una giornata molto ventosa. A causa delle numerose trasformazioni avvenute nel corso dei secoli, oggi è irriconoscibile.

Il boom demografico e l’attaccamento al dipartimento del Rodano
Fino al 1950, la popolazione di Majolane si aggirava intorno ai 2.200 abitanti prima di decollare negli anni ’60 e ’70. Grandi complessi urbani come Les Plantées furono poi costruiti nella città per accogliere i rimpatriati dal Nord Africa.

Il trasferimento di industrie da Lione in cerca di spazio funge da forza trainante per un’urbanizzazione accelerata e il paesaggio è organizzato attorno a grandi aree commerciali. Ma a differenza di città come Bron o Vaulx-en-Velin, l’espansione demografica si riflette a Meyzieu più nello sviluppo di alloggi individuali che collettivi.

La conurbazione di Lione, a cavallo di tre dipartimenti (Isère, Rodano e Loira), sta diventando difficile da gestire. In diverse occasioni, i cantoni che si affacciano sul Rodano sono quindi annessi al dipartimento del Rodano.

Questo è il caso di Meyzieu il 29 dicembre 1967. Nel 1969, la città è diventata membro della comunità urbana di Lione (Lyon Metropolis dal 1 gennaio 2015).

Con l’esplosione delle abitazioni suburbane, Meyzieu ha poi attirato nuovi strati sociali, alla ricerca di uno stile di vita più conviviale, passando da 19.505 abitanti nel 1975 a 29.097 nel 2006 e poi a 32.225 abitanti nel 2016.

Meyzieu del 21 ° secolo
La città si sta ora affermando come un importante polo della conurbazione di Lione. A causa del suo sviluppo demografico ed economico, stanno emergendo molte strutture pubbliche per soddisfare la domanda dei nuovi residenti. A dicembre 2006, l’arrivo del tram T3 contribuisce allo sviluppo della città fornendo un accesso diretto alla stazione La Part-Dieu in 22 minuti. Nell’agosto 2010, questo sviluppo continua con la messa in servizio del tram Rhônexpress, che collega la città all’aeroporto di Saint-Exupéry in meno di 15 minuti.

Infine, sul lato del tempo libero, la città ha il Grand Large, un vasto sfioratore di 150 ettari del canale Jonage, e il centro acquatico Les Vagues.

La Grande Lione scompare il 1 ° gennaio 2015 e lascia spazio all’autorità locale della metropoli di Lione. La città lascia così il dipartimento del Rodano.

Patrimonio storico
Grande bacino idrico, che costituisce una notevole risorsa per l’ambiente e la qualità della vita.
Fort de Meyzieu, circondato da un parco
Chiesa di San Sebastiano
Ex cappella del castello feudale

Spazio culturale
Meyzieu offre una ricca e variegata offerta culturale per tutti i pubblici:

con la stagione culturale annuale, spettacoli eclettici e di qualità si svolgono presso L’Espace Jean Poperen, una sala ampia e confortevole che può ospitare fino a 1.200 spettatori;
la mediateca, centro culturale maiolano per eccellenza, offre una programmazione per tutti i pubblici e per i giovani;
il conservatorio di musica e arte drammatica di Meyzieu offre durante tutto l’anno numerosi concerti di qualità aperti a tutti, soprattutto in occasione della rassegna musicale e Primavera Musicale che dà vita per una settimana a numerosi concerti, professionisti o studenti;
il cinema “Ciné Meyzieu” permette di godersi i film più recenti e il cinema d’autore in tre sale confortevoli e ben attrezzate.

Spazio Jean Poperen
Creato nel 1989, l’Espace Jean Poperen (EJP) ospita gli spettacoli della stagione culturale e delle attività della città, ma anche numerosi eventi di associazioni (spettacoli, mostre, balli…). Installazioni tecniche all’avanguardia e funzionali consentono di offrire al pubblico spettacoli di grande qualità sonora e visiva.

La mediateca comunale
Con più di 65.000 libri disponibili, dai libri tradizionali ai CD e DVD, compresi i libri digitali e le applicazioni per tablet, la Media Library ha una vasta collezione aperta a tutti gli orizzonti. Organizza inoltre numerosi laboratori (multimediali, lettura, gioventù …) e propone durante tutto l’anno un ricco e variegato programma culturale per bambini e adulti: musica, narrazione, teatro, conferenze … Tutto ciò che serve per risvegliare i tuoi sensi .

Conservatorio di musica e arte drammatica
Aperto a tutti (bambini dai 4 anni, adolescenti o adulti, principianti o esperti), il conservatorio si rivolge a tutta l’estetica. Incentrati sulle pratiche d’insieme, diversi corsi integrano strumento o voce, apprendimento del linguaggio musicale, invenzione e incontro con il pubblico. Il conservatorio municipale di musica e teatro di Meyzieu offre un’istruzione artistica di qualità. Una delle sue peculiarità è quella di offrire numerosi ensemble musicali permettendo di avvicinarsi in gruppi a repertori molto vari (classici, jazz, musiche attuali …). Il conservatorio è aperto anche all’esterno e risplende in città attraverso concerti e collaborazioni con diverse strutture (scuole, strutture per la prima infanzia, case di riposo, case Aralis, centri sociali, ecc.). È coinvolto anche oltre il territorio del comune,

La sala delle feste
Uno spazio pronto per ospitare eventi associativi, spettacoli stagionali per un pubblico giovane, mostre … Il municipio è ora in grado di ospitare 250 persone per una serata danzante con o senza pasto (contro le 180 precedenti), 320 persone per una performance dal vivo o 300 persone per una lotteria o un’assemblea generale. Anche le capacità degli allegati di stoccaggio sono state estese in direzione di una migliore funzionalità. Gli accorgimenti realizzati permettono inoltre di riutilizzare il balcone, di avere una zona bar più adatta e una cucina rinnovata, di offrire una migliore profondità all’ambiente grazie all’eliminazione del controsoffitto, oppure di sfruttare l’illuminazione potenziata e la possibilità di installazioni sonore più efficienti grazie ad una sala regia completamente ristrutturata. Anche l’interno e l’esterno dell’edificio sono stati oggetto di una completa riparazione (muri,

La Casa dell’Associazione Simone André
Inaugurata nel 2005, la Maison des Association Simone André ospita incontri di associazioni locali. Questo edificio del centro è dotato di numerosi uffici, sale riunioni ed esposizioni, nonché di una sala conferenze completamente attrezzata. Con una superficie complessiva di circa 1000 m 2, l’edificio si articola su tre livelli accessibili al pubblico tramite ascensore e scale. Le persone disabili possono accedere facilmente all’edificio grazie ad una rampa posta sul lato esterno.

Cine-Meyzieu
Goditi gli ultimi film usciti e il cinema d’autore in tre confortevoli sale dotate di digitale e 3D. Il cinema promuove lo sviluppo del cinema d’autore in città e propone gli ultimi film usciti in sale climatizzate, accessibili ai disabili e dotate di loop sonoro per i non udenti. Grazie al sostegno finanziario della città, i prezzi sono molto interessanti rispetto ad altri teatri nella regione di Lione. Il cinema è anche il co-organizzatore di due momenti salienti a Meyzieu, il panorama del cinema europeo e Festimaj, e partecipa a vari eventi cinematografici come la Fête du cinéma.

Eventi e festività
Vari eventi sono offerti tutto l’anno dalle associazioni culturali locali, in collaborazione con la città: Panorama of European cinema, Cour et Jardin festival (teatro), Festimaj (film scolastici) …
Les Oniriques, un festival di letterature immaginarie organizzato dalla mediateca si svolge ogni due anni, dal marzo 2013.

Spazi verdi
Meyzieu ha un piacevole ambiente di vita:

molti spazi verdi sono accessibili al pubblico, tra cui il Parc République, un’area relax di 2,7 ettari situata nel cuore della città;
il Grand Large, specchio d’acqua di 160 ettari situato a Meyzieu, aperto alla navigazione da diporto;
il grande parco di Miribel-Jonage, situato a circa 10 minuti da Meyzieu, offre molte attività in un ambiente naturale preservato: sentieri escursionistici e mountain bike, spiagge, golf, tennis, scoperta di flora e fauna …

Nel 2014 il comune ha ottenuto il livello “due fiori” nel concorso per città e paesi in fiore. I numerosi spazi verdi curati dal Comune e le azioni intraprese a favore dello sviluppo sostenibile hanno permesso al Comune di ottenere un secondo fiore al concorso nazionale dei paesi fioriti, nell’autunno del 2009.

Il Grand Large Lake
Il Grand Large è uno specchio d’acqua di 160 ettari. In un contesto naturale unico, permette di praticare varie attività di svago e relax. Pertanto, è molto popolare tra gli appassionati di vela, pescatori e sportivi. Il parco di 2,5 ettari situato ai margini della conca Grand Large, offre una piacevole zona relax ombreggiata e bucolica, ideale per picnic in famiglia. Vieni a passeggiare sul lungomare di Herbens o pratica una delle tante attività offerte dalla base nautica comunale. Le rive del Grand Large hanno tutto da offrire: un ambiente verde, aree giochi e relax, animazione, animali da osservare, uno specchio d’acqua calmo e vivace.

Parco della Repubblica
Sentieri alberati, parco giochi, fontana, teatro all’aperto… Il parco della République è un vero paradiso di relax, nel cuore della città. È suddiviso tra giardino, sentiero e area boschiva lasciata allo stato naturale. Il parco République è un’area relax di 2,7 ettari situata nel cuore della città, tra rue de la République, rue Jean Jaurès e rue Jean-Louis Barrault. Passeggia lungo i vialetti alberati, porta i tuoi bambini a giocare in un’area appositamente progettata, ascolta il dolce sciabordio dei getti d’acqua della fontana, o addirittura goditi il ​​teatro verde dove vengono organizzati vari eventi festivi.

Il parco della République è uno dei 16 siti regionali selezionati per il programma Urbanbees, che mira a proteggere le api selvatiche nelle aree urbane. Sono stati così allestiti 3 hotel per ospitare donne produttrici di miele. Inoltre, nel parco è stata realizzata una casa in legno arroccata tra gli alberi. La sua vocazione è quella di accogliere i piccioni del Comune, attirati dai semi e dall’acqua messa a disposizione. L’obiettivo di questa installazione è controllare la procreazione di questi uccelli e limitare i fastidi di cui sono responsabili.

Il Fort Park
Situato sulle alture di Meyzieu, route d’Azieu, il parco del forte è un’area naturale e boschiva di 11,5 ettari per le vostre passeggiate e attività sportive. Ha molti sentieri, un campo da basket, una parete da arrampicata e un percorso fitness con cinque attrezzi a disposizione degli escursionisti. Un ambiente verde preservato per passeggiare nel cuore della natura.

La foresta del prete
A due passi dal centro cittadino, scopri questa zona boschiva per una rinfrescante passeggiata all’ombra di alberi maestosi. Adiacente alla chiesa di Saint-Sébastien, place du 11 novembre 1918, il bosco del parroco accoglie i camminatori per una passeggiata sulle alture di Meyzieu. Il parco che circonda l’antica casa di riposo Majolane ospita graziosi sentieri per passeggiate all’ombra di alberi centenari. Su alcune di esse potresti avere la possibilità di osservare le cince venire a ricaricare le batterie su una delle tante nidi installate nel parco.

Tags: