Malijai, Alpi dell’Alta Provenza, Francia

Malijai è un comune francese, situato nel dipartimento delle Alpi dell’Alta Provenza nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Gli agricoltori della città sono impegnati nell’agricoltura mista o nell’allevamento di pecore. La coltivazione dell’olivo è stata praticata nella città per secoli, pur essendo limitata a determinati pendii. Una cava di inerti è attiva in vari settori dell’edilizia.

Malijai è attraversata dalla strada statale 85 conosciuta come “Route Napoléon”. Il villaggio si trova a 428 m sul livello del mare, sulla riva destra del Bléone. Il fiume Bléone, che fa parte del confine occidentale del comune, scorre quindi verso ovest attraverso la parte settentrionale del comune.

Storia
La località appare per la prima volta nei testi del 1272 (Malijacio). Il suo nome deriva dal latino Male jactus, mal posizionato o dall’occitano mal i jai, dorme male, per designare un’abitazione di scarsa qualità, forse una vecchia locanda. In epoca gallica la valle del “Bléaune” era abitata dai Bléontici, con usanze grossolane e molto valorose. Le origini di Malijai non sono ancora chiare, ma nel 1060, durante una donazione di terra al monastero di Saint-Victor a Marsiglia, il villaggio di Malijai non esiste ancora. Due comunità, una sulle alture della riva destra del Bléone chiamato Bézaudun e una sulle alture della riva sinistra sotto il nome di Bastide Blanche de Villeneuve sono sicuramente i precursori della nostra comunità.

Nel XII secolo, il Saint-Bonnet, recentemente scomparso, apparteneva all’abbazia di Saint-André Villeneuve-lès-Avignon, che percepiva entrate. La chiesa di Bézaudun fu donata da Pierre de Volonne al priorato di L’Escale, dipendente dall’abbazia di Saint-Victor a Marsiglia nel 1060. Fu poi ceduta all’abbazia di Chardavon. La comunità di Malijai passò sotto il baliato di Digne.

Intorno al 1250 una nuova comunità, che i testi dei secoli XIII e XIV chiamano Malijacio o Villefranche, fu ricostituita lungo la riva destra del Bléone nella sua posizione attuale. Il nome di Villefranche (Villa francha) riflette l’idea di “nuova città”. Il nuovo villaggio si avvicinò all’antica via Digne – Sisteron.

La morte della regina Giovanna I aprì una crisi di successione a capo della contea di Provenza, le città dell’Unione di Aix (1382-1387) a sostegno di Carlo di Durazzo contro Luigi I d’Angiò. Il signore di Malijai, Guigon Flotte, si unì al campo carlista non appena nel 1382, poi quando Sisteron si sottomette al campo angioino, segue il movimento e rende omaggio al 30 novembre 1385.

Durante la rivoluzione, Malijai divenne capo del cantone e aveva una società patriottica. Il 13 maggio 1792, il castello fu attaccato dai contadini: furono fucilate le pistole, le grondaie di piombo furono fuse per fare proiettili e strappare via tutto il ferro. La notte tra il 4 e il 5 marzo 1815, Napoleone I, al suo ritorno dall’Isola d’Elba, si fermò a Malijai, mentre Cambronne si prese cura della resistenza di Sisteron perché dalla sua cittadella, la città poteva tagliare la strada per Parigi. Si riposò nel castello su una poltrona e terminò quella notte nel mezzo delle sue truppe accampate nel parco.

La Bléone causò inondazioni catastrofiche nel 1826 e soprattutto nel 1860. Il colpo di stato del 2 dicembre 1851 commesso da Louis-Napoléon Bonaparte contro la Seconda Repubblica provocò una rivolta armata nelle Basses-Alpes.

Nella seconda guerra mondiale, La liberazione di Malijai è caratterizzata dal passaggio di una colonna della 36a divisione di fanteria (USA), il 19 agosto 1944, da Riez di Valensole e Mees per liberare Digne. È fermato dalla resistenza tedesca all’ingresso del villaggio. Il ponte sul Bléone, fu scelto dalla Wehrmacht per installare una serratura, che salta dopo un breve combattimento.

Nel 1974, il comune di Chénerilles fu assegnato a Malijai. Fino alla metà del 20 ° secolo, la vite è stata coltivata e Chénerilles Malijai. Diverse decine di ettari hanno prodotto un vino destinato al consumo domestico e alla vendita sui mercati locali. Questa cultura è ora abbandonata.

Patrimonio storico

Il Castello
Il castello si trova all’ingresso del villaggio, tra esso e il Bléone. Fu costruito alla fine del 1760 e all’inizio del 1770 da Pierre Vincent Noguier, che aveva acquistato la signoria nel 1759. La sua facciata è incorniciata da due torri rotonde e sormontata da un frontone, ripetuto sulla facciata posteriore, Lato Bléone. Le finestre su entrambi i piani sono ad arco. Il piano terra è classificato come monumento storico per la qualità dei suoi intonaci, rappresentativi degli stili Luigi XV e Luigi XVI.

Melchior de Mazargues, consigliere del parlamento di Aix, acquistò la Signoria di Malijai nel 1632. Immediatamente fece costruire un castello, tra il 1635 e il 1643. Acquistato nel 1766 da Pierre-Vincent Noguier, prese un altro piano e ne vide l’interno decorativo completamente rifatto. Ampio vestibolo, grandi e luminose sale di ricevimento con vista sulle terrazze e aiuole. Il castello di Malijai è costituito da un quadrilatero affiancato sul lato nord da due torri rotonde sormontate da scuotipepe o snuffers, un frontone triangolare, un lungo edificio sobrio ed elegante con grandi finestre ad arco, è sicuramente in puro stile classico. Il suo piano terra è classificato come monumento storico per la qualità dei suoi intonaci, rappresentativo degli stili Luigi XV e Luigi XVI (classificazione con decreto del 14 novembre 1983), oggi ospita il municipio. I piani sono occupati da appartamenti in affitto. Ammira il parco in stile francese deliziosamente ombreggiato

La chiesa parrocchiale
La chiesa parrocchiale, posta sotto il nome di San Cristoforo e il patrocinio di Santa Madeleine, fu ricostruita nel 1839, in stile tardo classico, con una navata di quattro campate. L’abside è un cul-de-four. La croce processionale, argento ramato, datata xvii secolo ed è un edificio elencato nel titolo soggetto.

È posto sotto il nome di San Cristoforo e il patrocinio di Santa Madeleine. Fu ricostruito nel 1839, sul sito della vecchia chiesa di Notre-Dame d’Espérance. Costruito in stile classico in ritardo, con una navata di quattro campate, un’abside in un cul-de-four, un interessante affresco del coro e alcune vetrate e dipinti.

L’ex priorato costruito nel cimitero, vicino alla confluenza di Bléone e Durance, anch’esso con il patrocinio di St. Kitts, offre un certo fascino, sebbene piccolo.

Il ponte
Il ponte sul Bléone è il primo nel dipartimento ad abbandonare la forma della gobba e il numero dispari di archi, rinunciando così a un certo arcaismo. I suoi due archi sono nella maniglia di un cestino, la pila centrale è protetta da un naso appuntito e una parte posteriore semicilindrica. I parapetti sono dotati di cacciatori di ruote. Fu costruito in una struttura fine e regolare, con due rampe d’accesso, nel 1775-1778.

Prima di attraversare il Bléone, dovevi prendere il traghetto. Fu deciso di costruire un ponte dalla Regione. È il primo nel dipartimento ad abbandonare la forma della megattera e il numero dispari di archi. I suoi due archi sono nella maniglia di un cestino, la pila centrale è protetta da un naso appuntito e una parte posteriore semicilindrica. Il lavoro di costruzione delle pile su pile di legno ha reso necessario il dirottamento del fiume; 190 lavoratori hanno lavorato sul sito.

Altri luoghi e monumenti
Ponte canale che passa il canale Oraison sul Bléone
Castello di Serre-Bourret
Il piccolo cimitero in cui la cappella è decorata con una meridiana
Il villaggio e il castello fortificato di Chénerille sono in rovina.

La vecchia chiesa parrocchiale di Saint-Florent de Chénerille è stata restaurata nel 2007.

Tradizioni e festival
Il comitato del festival mira a organizzare feste durante tutto l’anno per ravvivare il villaggio. In estate si sono svolti 2 eventi importanti con i giorni napoleonici che sono durati 2 giorni con un pasto di oltre 300 posti serviti il ​​sabato sera e il festival votivo per 3 giorni con un pasto di 150 persone anche il sabato sera. Altre attività come il Carnevale, la Sera delle Isole, il karaoke, la notte di San Silvestro e molte altre hanno avuto molto successo.

Tags: