Le Bourget-du-Lac, Savoia, Auvergne-Rhône-Alpes, Francia

Le Bourget-du-Lac è un comune francese situato nel dipartimento della Savoia, nella regione Auvergne-Rhône-Alpes. Si trova vicino al Lago del Bourget ea 12 km da Chambéry. La città, storicamente, deve molto alla presenza dei Savoia. Questa famiglia principesca ha lasciato un segno profondo nella città e amava soggiornarvi regolarmente nel castello dei Conti di Savoia situato sulle rive del lago di Bourget.

L’istituzione di uno dei poli dell’Università della Savoia-Mont-Blanc nella città ha permesso di farne una città studentesca, in un certo senso. Oltre agli studenti, l’economia della città si basa principalmente sul turismo, sulla zona commerciale Savoie Technolac e sull’aeroporto di Chambéry-Savoie che consente l’afflusso di molti turisti in inverno come in estate.

Storia
Le Bourget-du-Lac, conosciuta come “La città dei monaci e dei principi”, Nel cuore della Savoia, ai margini del più grande lago naturale di Francia, una piccola città, una lunga e grande storia. Originariamente un porto commerciale, Bourget-du-Lac è sempre stato un luogo di passaggio e di accoglienza. Dall’epoca gallo-romana, un villaggio fu costruito alla foce del Leysse sul bordo del lago vicino alla strada romana che portava da Lemencum (Chambéry) alla capitale dei Galli, Lugdunum (Lione). La creazione del porto porterà allo sviluppo del commercio fluviale grazie al collegamento con il Rodano.

Nell’XI secolo, Odilo, abate di Cluny, fece costruire un Priorato di cui ancora oggi ammiriamo la splendida architettura. Successivamente, nel XIII secolo, Tommaso II ordinò la costruzione del castello le cui imponenti rovine dominano ancora i canneti del lago meridionale. Fu lì che nacque Amédée V dit le Grand, e la Savoia vi fu governata da importanti principi, Amédée VI il Conte Verde, Amédée VII il Conte Rosso … ma la partenza della corte e il ritiro dei monaci cluniacensi a tarda ora Il 16 ° secolo risuonava il declino Bourget-du-Lac che cadde nella calma di un tranquillo villaggio agricolo e che fino all’inizio del 20 ° secolo.

Villaggio di pescatori e taglialegna, alcuni raggruppati vicino alla foce del Leysse, non lontano dal villaggio, altri che vivono in frazioni dai nomi evocativi: Caton, Rafour, Ciseaux, Matassine, Garachons, Timonières, Serraz, Fourneau, Roche Saint Alban, Cachouds , sgusciato ai margini del bosco, che molti secoli fa discendeva al lago presso la cittadina lacustre di Charpignat, oggi scomparsa.

È solo agli inizi del XX secolo che i primi turisti iniziarono a frequentare le rive del lago. Allo stesso tempo, la creazione di un campo di aviazione deciso nel 1934 dal ministro dell’Aria, Savoyard Pierre Cot, quindi l’istituzione di una base aerea militare, diede a Le Bourget una nuova spinta economica. Partiti dai soldati nel 1985, il sito è stato trasformato in un centro tecnologico e ha ospitato le discipline scientifiche dell’Università della Savoia. Entrambi sono attualmente in costante sviluppo.

Preistoria e antichità
Durante il periodo neolitico, tra -5000 e -2500, in queste regioni si insediarono comunità sedentarie, in particolare villaggi lacustri sulle rive del lago di Bourget.

Il toponimo di Trou des Fées, già Goletta de Fayes, indica l’ubicazione delle rovine di un acquedotto romano.

Periodo medievale
Un priorato cluniacense (Monasterium beati Mauricii del Borget) si trova a Parigi, verso l’inizio del xi secolo, sotto gli auspici del primo degli Humbertiens, il conte Umberto.

I Savoia attraverso il Conte di Fiandre e Signore del Piemonte, Tommaso, fratello del Conte Amedeo IV di Savoia, si stabilirono a Parigi costruendo un castello a partire dalla metà del XIII secolo a seguito dell’acquisto di terreni dal priorato nella palude pianura adiacente al lago, dove il Leysse sfocia nel lago. L’atto di, passato tra il priorato e il principe Tommaso, indica l’installazione di “una casa e una peschiera, il tutto circondato da settanta piedi di terra”. Il castello diventa rapidamente residenza di un conte, in sostituzione di Châtillon, per più di due secoli, fino alla scelta del castello di Ripaille, sulle rive del Lago di Ginevra. Intorno al 1456, il castello fu parzialmente distrutto da un incendio. Verso la fine del XV secolo la tenuta viene venduta e passa a diversi proprietari. Il castello fu venduto nel 1841 per una somma di 4, Migliaia di sterline agli abitanti di Bourget, per diventare una cava. Otto anni dopo, Louis de Buttet, Baron du Bourget acquistò il castello.

Periodo contemporaneo
Nel 1838, la compagnia savoiarda istituì la prima ferrovia in Savoia che collegava Chambéry a Bourget-du-Lac. Anche Jacques Morion verrà a dipingere la città.

Dal 1953, a seguito di un cambio di nome ufficiale, l’ex comune chiamato Le Bourget è diventato il comune di Le Bourget-du-Lac.

Morfologia urbana
La città comprende diverse località tra cui Roche Saint-Alban, nota per la sua vecchia fabbrica di cancelleria, ora trasformata in appartamenti.

L’impianto risale alla fine del xix secolo. Inizialmente destinato alla fabbricazione della carta, è stato installato sopra il corso d’acqua naturale denominato “il Varon”.

La fabbrica fallì nel 1931 e fu riaperta nel 1936.

La fabbrica è stata trasformata in una fabbrica di cosce di rana. Dopo un incendio intorno al 1980, gli edifici sono stati poi utilizzati per riporre i giocattoli, poi la carne fino al 1990.

Nel 2002 è stata creata un’associazione chiamata “Pôle d’aire” con l’obiettivo di utilizzare questi edifici per presentare spettacoli, eventi e per ospitare e ospitare artisti, ma questo progetto è stato abbandonato per mancanza di fondi.

Gli edifici, lasciati abbandonati, vengono poi acquistati dal Comune e poi da un promotore per trasformarli in abitazioni. I lavori sono iniziati nel 2007 e si sono conclusi nell’agosto 2011. Sono stati così allestiti appartamenti negli edifici sud, nord e ovest, nonché nell’edificio del locale caldaia.

I lavori di ristrutturazione degli appartamenti hanno interessato solo una parte degli edifici. Nel 2012 rimangono:

Cappella, frequentata all’epoca da operai, famiglie e capo. All’inizio della seconda guerra mondiale, i proprietari della cartiera promisero di costruire una cappella se tutti i lavoratori mobilitati fossero tornati vivi. La cappella è stata costruita negli anni ’50. All’interno si può vedere l’altare realizzato con un’antica mensa in noce e la statua lignea scolpita del Cristo in croce;
“La passerella” collega l’edificio sud a una struttura d’epoca, un vecchio edificio annesso al locale caldaia, dove scorre anche il Varon. Ai piedi di questo edificio, un elemento in pietra potrebbe essere un palmento (uscito dall’edificio sud nei primi anni ’80), mentre sul lato dell’edificio ristrutturato rivolto verso i contenitori di smistamento, possiamo vedere le vecchie apparecchiature elettriche. La fonte Varon ha fornito elettricità alla fabbrica. La “Hydroelectric de Varon” Sarl è stata creata nel gennaio 1989, ma non è mai stata realmente praticabile.
la condotta che collega la sorgente all’impianto è stata parzialmente fessurata nell’inverno del 1985 e poi riparata;
a monte c’è ancora un piccolissimo edificio abbandonato, utilizzato per filtrare l’acqua. Uno dei due tetti è crollato intorno al 2000;
una sorta di ricovero in cemento, a valle dello stabilimento, posto all’inizio della cascata. Vediamo contatori, quadri elettrici, cavi e linee elettriche, fusibili e turbine. L’accesso è relativamente pericoloso a causa dell’onnipresenza di muschio vegetale abbastanza abbondante. Le turbine hanno subito una ristrutturazione nel 1985 e il loro trasporto ha richiesto un elicottero;
le dighe utilizzate per gestire il flusso dell’acqua;
il canale che collegava i due torrenti con l’ausilio di dighe.
Sotto le fondamenta della fabbrica, la Varon è affondata ancora nel 2012.

Città studentesca
L’area di business Savoie Technolac comprende, tra gli altri, uno dei tre campus universitari dell’Università della Savoia-Mont-Blanc. Quindi, nel corso degli anni con lo sviluppo di quest’area, la città è gradualmente sede di una comunità studentesca in continua crescita. Sebbene di dimensioni modeste, Le Bourget-du-Lac offre comunque agli studenti un ambiente di vita molto piacevole. Quando si tratta di sport, possono fare escursioni verso il Dent du Chat. Possono anche dedicarsi a tutti gli sport acquatici come kayak, vela, immersioni e molte altre discipline. La città ha diversi punti di ristoro frequentati dagli studenti come il Panière, l’Incontournable o il Bouchon d’Hélène, per non parlare del ristorante universitario. Gli studenti possono anche fare il bucato nel campus stesso, ma anche nelle lavanderie a gettoni di un supermercato vicino,

Essendo Le Bourget-du-Lac a metà strada tra la città di Chambéry e la città di Aix-les-Bains, gli studenti possono così beneficiare di tutti i vantaggi di questi grandi agglomerati senza subire i disagi, sapendo che le comunicazioni e i trasporti sono stati fortemente organizzati in negli ultimi anni per consentire la mobilità delle popolazioni studentesche. Delle piste ciclabili fiancheggiano le strade principali, le linee di autobus consegnano sostenute in modo permanente. Vicino al campus è presente anche una discoteca, ma la scelta si allarga ulteriormente rivolgendosi ai grandi comuni limitrofi sopra citati. Infine, possiamo anche menzionare le feste studentesche organizzate da loro. Per quanto riguarda l’accesso a Internet, gli studenti possono ora beneficiare di numerose connessioni gratuite e permanenti nel campus grazie ai terminali Wi-Fi ma anche recandosi nell’aula informativa del campus dotata di computer liberamente utilizzabili. La vita studentesca è quindi diventata una realtà per questa cittadina per la quale nulla prevedeva l’arrivo di istituzioni universitarie e che ha ormai profondamente cambiato il volto di questa cittadina un tempo prettamente rivolta al turismo ..

Patrimonio storico
La città, situata all’estremo sud del Lago Bourget, è etichettata come comune turistico. Le Bourget-du-Lac è una cittadina a vocazione essenzialmente turistica, situata all’estremità meridionale del più grande lago naturale di Francia a cui ha dato il nome. L’antico castello della famiglia Savoia, diverse roccaforti, la Chiesa di Saint Laurent e il suo ex paravento, l’ex Priorato clunisiano di Saint Maurice ei suoi favolosi giardini formali formano una vera casa di arte e storia.

Il castello di Tommaso II
Lo Château du Bourget, chiamato anche “Château de Thomas II” è un antico castello fortificato costruito dal conte Tommaso II di Savoia intorno al 1250. Fu la residenza principale dei conti di Savoia dal 1285 al 1434. C’erano feste sontuose e feste memorabili . Oggi in rovina, rimane in particolare una torre quadrata alta 18 metri.

Costruito su un terreno acquistato nel 1248 da Tommaso II di Savoia, fratello del conte Amédée IV, il castello è un edificio unico in tutta la regione. Tappa fondamentale per la conoscenza dell’architettura civile e militare medievale, dal 2012 ha un impianto museografico, realizzato all’interno delle torri del castello, presentando la flora e la fauna del lago oltre che la salvaguardia degli spazi naturali.

È nel Priorato che Tommaso II di Savoia prese l’abitudine di venire a soggiornare. Amando questi luoghi e volendo costruirvi una residenza degna del suo rango, chiese ai monaci, nel 1248, di terre himcede di costruire “una casa e una peschiera circondati da settanta piedi di terra”. Nascosto così discretamente nel suo ambiente verde, in riva al lago, nelle paludi vicino alla foce del Leysse, il castello di Thomas II è rimasto a lungo nascosto alla vista. Fu solo all’inizio degli anni ’70 che i resti abbandonati del castello iniziarono a suscitare la curiosità di storici e archeologi. Così, diverse campagne di scavo si sono susseguite e hanno dimostrato tutti gli interessi archeologici e storici legati all’edificio. Dopo l’acquisto da parte del comune, il 21 marzo 1983 il castello è stato classificato monumento storico,

Grazie alla vicinanza delle cave di pietra e molasse, al rango e alla ricchezza del principe, il lavoro fu “ben eseguito”. Il figlio Amedeo V (1285-1523) detto il Grande, la cui infanzia trascorse nel castello dov’era nato, continuò l’opera del padre, come avrebbero poi fatto i conti e i duchi di Casa Savoia. Dal XIII al XV secolo, il castello cessò di essere abbellito e ampliato da vari artisti dell’epoca.

Per tutto il XIV secolo, il castello rimase una delle principali dimore di questa illustre famiglia, un luogo piacevole, adatto alla caccia e alla pesca, nei pressi di Chambery e Hautecombe dove potevamo, per strada o in barca, raggiungere anche Bresse, viennese come Genevois. Luogo di piacere e relax, come testimoniano i numerosi tornei organizzati in occasione delle feste, il castello era anche luogo di diplomazia e giustizia. I dettagli materiali della vita quotidiana sono conosciuti molto precisamente dai libri contabili di Châtelain che garantiscono l’amministrazione della proprietà.

Dal 1438 i principi di Savoia abbandonarono in qualche modo le rive del Lago di Bourget per quelle del Lago di Ginevra. Nel 1456 Anna di Cipro, duchessa di Savoia e signora di Bourget, affidò a Me François Payn l’incarico di ricostruire il castello, quasi interamente distrutto da un incendio. Ma l’insediamento della Casa Savoia dall’altra parte delle Alpi, guerre e invasioni contribuirono all’oblio di questa antica residenza principesca. Alla fine del XV secolo, molti proprietari che trascuravano la manutenzione accelerarono il suo declino. Dal 1841 al 1849 un gruppo di speculatori locali vendette tutto ciò che si poteva vendere: mattoni, quadri, camini, bifore, porte con modanature …

Il comune di Bourget-du-Lac ha sempre voluto fare di questo luogo un luogo vivo e vivace aperto al pubblico, in modo che questo patrimonio storico e naturale unico non scompaia. Il restauro del castello è stato rilanciato con il contributo dello Stato, della Regione e del Dipartimento negli anni ’90: risanamento delle torri e del mastio, cortine murarie, spazio museografico, ecc.

Da questo castello ricco di storia, un’area museale ti darà le chiavi per comprendere le paludi protette sulla costa meridionale del Lac du Bourget. Una scoperta divertente e interattiva della palude, della sua fauna e flora, per grandi e piccini! Pannelli, cannocchiali, video, giochi interattivi, scoprirete gli uccelli, ma anche la flora del lago, la tartaruga Cistude, oltre a tutte le azioni svolte per la loro protezione.

Una passeggiata contemplativa accessibile a tutti alla scoperta delle zone umide, della fauna e della flora delle paludi e del castello di Tommaso II: dal parcheggio della spiaggia comunale, si accede al sito protetto dopo aver preso la passerella che attraversa la Leysse. Questo sito è una delle aree naturali e storiche del più grande lago naturale di Francia: il lago del Bourget. Questa passeggiata si concluderà con la contemplazione: grazie all’osservatorio vi attende un magnifico punto di vista sullo stagno delle Aigrettes e sui suoi abitanti. Per non disturbare questo eccezionale ecosistema, convenite che due ruote e cani non sono i benvenuti.

Priorato di Bourget
Il priorato di Parigi Cluny fondato nel xi secolo. Si compone della chiesa gotica di San Lorenzo, una cripta romanica con edifici monastici di cui la galleria tardo gotica del xv secolo. Nella chiesa possiamo ammirare una serie di bellissimi resti policromi in altorilievo dell’antico paravento del xiii secolo. I giardini in stile francese del priorato sono disposti attorno a una lunga prospettiva assiale che serve terrazze a tappe. Furono costruiti per ordine della duchessa di Choiseul nel xix secolo.

Una cripta è posta sotto il coro della chiesa attuale. Si trova nelle prime tracce sotto la dinastia carolingia, intorno al IX secolo. I resti gallo-romani che furono scoperti lì suggerirebbero un santuario o un tempio lì. Potrebbero anche essere i resti del tempio di Mercurio chiaramente identificati al Col du Chat.

Castello di La Serraz
Il castello di La Serraz, situato sull’omonimo altopiano, centro di una signoria appartenente a Seyssel, dalla metà del xiii secolo fino alla sua vendita alla fine del xviii secolo Baptiste Salteur.

La casa fortificata Entremont Bourget
La casa fortificata Entremont fu costruita in diversi periodi a partire dal xv secolo, dall’atto del passato albergement dell’8 febbraio 1366, tra il conte Amédée VI di Savoia, detto il conte Vert, e il suo segretario, Jean Jayet d’Entremont, riguardo al roccaforte situata vicino al castello del Bourget di Tommaso II.

Questa fortezza è l’antica residenza della famiglia Buttet dalla fine del xv secolo.

Mostra la sua torre quadrata, con campate quadrate, che ha quattro piani, di un’architettura molto semplice. Questa torre, che ospita una scala rotante, si apre in basso su un cortile, attraverso una porta decorata da un abbraccio, accanto ad una coulevrinière; due edifici principali ad angolo la cui torre segna l’angolo e che conservano vecchie pietre, formano due lati del cortile che un muro racchiude sul percorso.

Il 10 agosto 2012 il comune di Bourget-du-Lac ha acquisito la Maison-Forte d’Entremont.

Aree portuali
Con la sua spiaggia comunale e i suoi cinque piccoli porti (Charpignat, les Grèbes, les Mirandelles, les Mouettes, la Leysse), la città, membro dell’etichetta “France nautical station”, può ospitare 540 barche.

Patrimonio religioso

Chiesa di Saint-Laurent
Nel centro del paese, adiacente al Priorato e un po ‘sotto la strada per Chambéry, la chiesa parrocchiale di Saint-Laurent ha in serbo per te tesori e testimonianze d’arte medievale che nel 1900 le valsero la classificazione tra i monumenti storici. Fulcro della chiesa, il paravento policromo, scolpito nella pietra, è attribuito alla scuola borgognona. Si tratta di un notevole monumento dell’arte cristiana del XIII secolo che rappresenta le scene principali della vita di Cristo

La chiesa di Saint Laurent è adiacente al priorato. È stato costruito in più fasi. La cripta è la parte più antica, risalirebbe al X secolo. È stato costruito sul sito di un tempio romano dedicato a Mercurio. Le iscrizioni di questo tempio si trovano nella cripta. È in stile romanico con colori alternati sugli archi che sorreggono le volte. I monaci custodivano le loro reliquie nella cripta. È anche in questo luogo che gli abitanti furono battezzati, prima che i fonte battesimali non fossero spostati nella navata della chiesa.

La cripta è la parte più antica, risalirebbe al X secolo. È stato costruito sul sito di un tempio romano dedicato a Mercurio. Le iscrizioni di questo tempio si trovano nella cripta. È in stile romanico con colori alternati sugli archi …

La chiesa fu poi ricostruita nel XV secolo sotto il priorato di Aynard di Luyrieux. È in questo momento che verrà rialzato con una volta a sesto acuto, tipo di arte gotica. Gli ultimi cambiamenti avranno luogo nel XIX secolo. L’ingresso romanico verrà distrutto a favore dell’attuale facciata e della costruzione della tribuna, verrà innalzato il coro e cambiate le vetrate, smontato lo schermo di Rood e sostituito nel coro.

A destra entrando, una porta in legno intagliato è sormontata da un arco a sesto acuto dipinto, al centro del quale si trovava una bella statua di una Vergine maestra statua in pietra policroma del XV secolo. (Statua non visibile oggi.) A sinistra, una magnifica acquasantiera rettangolare è decorata con una serie di angeli scolpiti. Risale al XIII secolo. Nella navata, a destra, una lapide datata 1482, rappresenta il transi di Oddon de Luyrieux. Un transi è una lastra funeraria in cui il defunto è rappresentato sotto forma di uno scheletro. A sinistra sono presenti diverse cappelle laterali: la prima è la cappella del fonte battesimale, la seconda è dedicata a Saint Laurent, patrono della chiesa, la quarta è dedicata alla Vergine. In questa cappella si trova l’unica vetrata antica della chiesa, del XV secolo. Si dice che il motivo di sfondo sia damasco, tipico di questo periodo. Infine, il coro. Sulla parete destra, un’apertura consentiva alla famiglia Savoia di assistere alla messa. Fino alla metà del XIX secolo la chiesa era divisa in due da un tramezzo.

Cappella Della Roche Saint Alban
La storia della Chapelle de la Roche-Saint-Alban rimane inseparabile da quella dell’ex cartiera vicina. Negli anni Cinquanta i proprietari della cancelleria fecero costruire vicino al cantiere una cappella votiva perché tutti i lavoratori mobilitati erano tornati dalla guerra. Si trova nella frazione Bourgetain di Roche Saint Alban. L’ex giornale Roche-Saint-Alban è stato fondato alla fine del XVI secolo. È costruito sui torrenti Varon e Petit Varon, di cui utilizza la forza.

Nel XVIII secolo la carta viene danneggiata da un tornado. Rimane inattivo per qualche tempo e poi si riavvia dopo la Rivoluzione. Conobbe poi grande prosperità perché aveva il monopolio sulla fornitura di carta amministrativa per l’intero Ducato di Savoia. Nel 1806 la cartiera impiegava 33 operai (15 uomini e 18 donne). La sua produzione annuale ammonta a 20 tonnellate di carta di specie diverse. I campioni di carta inviati all’Esposizione Industriale di Parigi nel 1806 riscossero un grande successo. Dopo l’annessione dei Savoia, la cartiera dovette rinnovare i propri punti vendita. Produce poi carta paglia e carta semibianca per incarto, pagnotte di zucchero, ecc.

Negli anni Cinquanta i proprietari della cancelleria fecero costruire vicino al cantiere una cappella votiva perché tutti i lavoratori mobilitati erano tornati dalla guerra. Nel 1960 la cartiera impiegava 90 operai. Ha cessato la sua attività pochi anni dopo. Successivamente ha ospitato altre attività prima di essere acquistato dal Comune che ha intrapreso i lavori di riconversione a partire dal 2007. Dal 2011, parte degli edifici della vecchia cartiera sono stati occupati da abitazioni.

La preghiera
Costruito intorno al 1030 per i monaci di Cluny, il Priorato ha un chiostro con magnifiche volte gotiche. All’interno, il refettorio, la cucina e il suo monumentale camino, la biblioteca, ospitano opere di grande qualità che testimoniano l’arte medievale della nostra regione. La storia del Priorato è legata a Casa Savoia ed in particolare alla stretta presenza del castello di Tommaso II e ai Conti di Savoia che contribuirono alla sua ricchezza. Restaurato dopo il 1910, è classificato Monumento Storico e fa parte della rete dei siti cluniacensi e del grande itinerario culturale del Consiglio d’Europa.

Il Priorato è stato costruito intorno al 1030 seguendo un sogno premonitore di Odilon, abate della Grande Abbazia di Cluny. Secondo la leggenda Odilon si sarebbe fermato a Bourget-du-Lac a causa della febbre alta. Durante una notte avrebbe visto, durante il suo delirio, il Conte di Savoia e San Maurizio piantare una croce. Il santo allora lo avrebbe toccato, il giorno dopo Odilon era guarito. Interpretato questo come un segno divino, decise di costruire un priorato dedicato a San Maurizio per ringraziarlo.
S
Le stanze ruotano attorno al chiostro, uno spazio vitale essenziale. Da un lato i locali ad uso domestico (cucina, refettorio, cantina) e dall’altro i locali ad uso spirituale (sala capitolare, cappella). Sette monaci vivevano permanentemente al Priorato.

Altri edifici
La città ha molti forni per il pane. Alcuni hanno una sala per la panificazione cosiddetta “gloriette”, un ripostiglio e un paletto …

Rurale e campagna
Il paese dispone di numerosi forni, lavatoi, calvari dislocati nelle varie frazioni Bourgetan. Sono tutte testimonianze del passato e della vita degli abitanti. L’insediamento di villaggi allineati per la maggior parte lungo la strada romana, di cui restano alcune tracce al di sopra del Petit Caton, è spiegato dalla presenza di un punto d’acqua, ogni gruppo di case essendo organizzato intorno a una sorgente il cui sbocco drena tanti minuscoli bacini idrografici testimoni di una terra frammentata e in pendenza, faticosa da lavorare e con scarso rendimento.

La maggior parte di queste sorgenti sono ormai prosciugate o addirittura diminuite come il Frédoire, L’Aiguette, Le Truchin, o gli Essarts detti anche Merdasson, vittime dell’addolcimento climatico e soprattutto dei cumuli di miniere utilizzati per la perforazione dei tunnel. Solo il nant Varon, che si dice provenga tramite sifoni, voragini o altre gallerie dal lontano massiccio della Chartreuse, continua a dissetare molte borghesie, offrendosi il passaggio in spettacolo nella pittoresca cascata di Serraz prima di unirsi alla Leysse da cui discendeva il massiccio dei Bauges dopo una lunga deviazione attraverso Chambéry.

Poco distante dalle ultime case delle frazioni, il vicino bosco invita a passeggiare; Attraversando prima un’ampia striscia di latifoglie, poi una zona di abeti molto fitti, numerosi sentieri ci conducono alla vetta del monte Chat. I sentieri Signal, Ladonchamp o Côtes permetteranno agli escursionisti di scoprire, oltre a una ricca flora e fauna, il curioso “golet de Lepere” che sprofonda fino a 300 m nel massiccio calcareo, le fontane “Côtes” e il “Rouge” posto apposta molto vicino alla vetta per rinfrescare le labbra secche prima dell’assalto finale che porta al sentiero GR9, Jura-Chartreuse a circa 1500 m di altitudine.

Là, che provenga dalla staffetta televisiva, dal Mollard Noir o dal Dent du CHat, ti aspetta uno spettacolo indimenticabile: da un lato, l’avamposto savoiardo dove si snoda il Rodano prima di precipitare nella Cluse de Pierre-Châtel; dall’altra il Monte Bianco, che ben oltre Revard e il massiccio dei Bauges appare nella sua imponente massa di neve e ghiaccio; infine il lago, la cui profondità raggiunge i 147 m, si sviluppa su 18 km di lunghezza e 3 km di larghezza.

Eredità culturale
Spazio La Traverse. Ha sede a Savoie Technolac.

stadio
La cultura e lo sport sono competenze puramente facoltative per l’autorità locale che è il comune. Con attrezzature dedicate alle pratiche sportive e culturali, La Traverse testimonia un approccio politico forte e assunto dimostrato dalle varie squadre municipali che si sono succedute a Bourget-du-Lac. Al di là dell’investimento finanziario rappresentato dalla costruzione delle attrezzature, il suo funzionamento richiede risorse umane consistenti e durature, in questo caso un servizio culturale e un servizio sportivo.

La palestra: sin dalla sua apertura ha operato con grande ampiezza, circa 65 ore settimanali, alcuni giorni dalle 8:30 alle 23:00. Tutti i giorni vengono praticati sport come ginnastica, palestra di manutenzione, pallamano, badminton, basket, pallavolo, tiro con l’arco, ping pong e attività multisport per bambini e adulti. settimana. Ogni anno, ci sono non meno di 36.000 visite alla palestra per lo sport. Ogni anno vengono organizzati eventi sportivi dipartimentali e regionali di pallamano e badminton, che accolgono circa 4.500 persone, atleti e spettatori.

Questo spazio “multifunzionale” è il luogo ideale per l’organizzazione di grandi eventi sportivi come il Grand Trail du Lac … dove vengono accolti in condizioni eccellenti quasi 745 corridori provenienti da tutta la Francia e anche dall’estero e 90 volontari.

Eventi culturali e feste
Durante tutto l’anno, Le Bourget-du-Lac offre più di 50 giorni di intrattenimento. Manifestazioni sportive (sport acquatici, ciclismo, automobile), manifestazioni culturali (feste, spettacoli musicali, teatro o danza, cinema all’aperto), incontri di famiglia (mercatini tradizionali oa tema, mercatini notturni in riva al lago, spettacoli pirotecnici) …

Festival degli sport acquatici
All’inizio di giugno, la stagione estiva del Bourget-du-Lac inizia tradizionalmente con la Fête du Nautisme. Per un fine settimana la spiaggia comunale si trasforma in un villaggio scoperta attorno al quale vengono offerti gratuitamente battesimi e iniziazioni al canottaggio, alla vela, alla canoa o anche alle immersioni in superficie. L’obiettivo di “Fare sport acquatici” è coinvolgere il maggior numero di persone possibile nella scoperta dell’intera gamma di attività nautiche. Offrire servizi di qualità superiore sulle zone costiere, lacustri o fluviali. Riunire turismo, sport acquatici e autorità locali attorno a un progetto comune è il cuore dell’azione di France Station Nautique.

In questa occasione due siti nautici vi aprono le porte per questi due giorni eccezionali da vivere nel territorio naturale del benessere “Aix-les-Bains Riviera des Alpes” (Aix-les-Bains: Pont du Sierroz Esplanade Nord e Le Bourget -du-Lac: spiaggia comunale). La nostra città, situata in posizione ideale sulla sponda meridionale del Lago Bourget, offre un’ampia gamma di attività acquatiche da scoprire durante questo fine settimana. La spiaggia comunale (Boulevard Ernest Coudurier) si trasforma poi in un villaggio di scoperta animato dalle numerose associazioni nautiche Bourget e dai servizi sportivi e di intrattenimento della città.

Music Station – Feste estive
Il grande raduno borghese dell’estate posto sotto il segno della musica con il programma: concerti gratuiti, un trampolino di lancio musicale, una fiera dei dischi, giochi per grandi e piccini, tante sorprese … per non parlare dello spettacolo pirotecnico tirato dalla spiaggia comunale .

Fine settimana di Natale
Per un fine settimana, gli amanti delle feste natalizie, dei loro colori e dei loro odori, si ritrovano ogni anno per questo evento festivo e familiare diventato ormai imprescindibile. Nelle stanze del Priorato e nel cortile principale di questo sito storico unico, i visitatori scoprono ogni anno un autentico mercatino di Natale locale che riunisce più di 35 espositori, artisti e artigiani del Pays de Savoie. La trentina di bancarelle offrono cibo, creazioni, dolci, prelibatezze … il tutto accompagnato dalle varie fanfare natalizie e altre attività per vivere appieno tutta la magia del Natale (vin brulè offerto dal ristorante Lamartine). Il concerto gratuito offerto dal comune si tiene il sabato a fine giornata nella chiesa di Saint Laurent.

I bambini possono approfittare delle tante attività proposte con i laboratori creativi di Natale (addobbo, trucco, “Christmas DIY”, il favoloso spettacolo natalizio in famiglia a La Traverse, le gite in carrozza trainate da cavalli gratuite nel villaggio offerte dagli Equini Bourgetaine Associazione di trazione, tanti giochi per bambini … e grandi, per non parlare degli incontri e delle foto con Babbo Natale.

Priory Classics
Les Classiques du Prieuré, un festival per scoprire nuovi talenti della musica classica! Questo festival di musica da camera è stato creato per mostrare i nuovi talenti della musica classica, vincitori di concorsi internazionali. La maggior parte di questi giovani musicisti già frequenta palcoscenici prestigiosi: La Roque-d’Anthéron, le Folles Journées de Nantes, il Festival di Mentone… Fanno tappa estiva al Bourget-du-Lac per la gioia degli innamorati, degli adulti. e piccola musica classica …

Il Priorato di Bourget-du-Lac ospita i Classici del Priorato da più di 15 anni. Ogni agosto, il chiostro medievale presta il suo favoloso arredamento in pietra con un’acustica impeccabile, alle pagine più belle del repertorio di musica classica e romantica. Paul Rivoire, il consulente artistico del festival, introduce nuovi talenti classici, giovani musicisti primi premi in concorsi internazionali o solisti nei più grandi gruppi musicali europei.

Gastronomia
Numerosi sono i ristoranti e gli hotel in riva al lago dove si possono gustare le specialità della tradizione savoiarda ma anche prodotti locali come il pesce di lago …

Eredità naturale
Nel 1988 è stato emanato un decreto prefettizio di tutela dei biotopi, con l’istituzione nel 1991 di una riserva ornitologica denominata “dominio di Buttet”, gestita dal Conservatorio degli spazi naturali della Savoia (CEN Savoie, già CPNS).

La riserva naturale della tenuta Buttet è un’area naturale protetta ma fragile. Ci sono 230 specie di uccelli, 30 specie di pesci, molti anfibi, così come una vegetazione notevole, in un insieme di luoghi umidi dove si trovano canneti, paludi e stagni. L’Osservatorio è gestito dalla FRAPNA Savoia, che vi organizza periodicamente “gite naturalistiche” con l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico al rispetto dell’ambiente attraverso una migliore conoscenza della flora e della fauna. Da segnalare la riuscita reintroduzione della testuggine palustre, la tartaruga europea. È stato allestito un posto di osservazione per gli uccelli.

Les Jardins du Prieuré: compaiono nell’elenco dei giardini francesi che beneficiano del marchio “giardini straordinari” assegnato dal Ministero della Cultura, classificato per regione amministrativa.

L’area naturale protetta a sud del Lago del Bourget
La sponda meridionale del Lago del Bourget è un ricco spazio naturale, costituito da una variegata vegetazione delle zone umide. Grazie all’azione del Consiglio dipartimentale della Savoia, del Conservatorio dello spazio costiero e delle coste lacustri (proprietario delle paludi) e del Conservatorio del patrimonio naturale della Savoia (gestore della palude) con sede a Le Bourget-du-Lac, quest’area è preservato per il benessere della flora e della fauna ma anche per residenti e visitatori.

Situate tra terra e acqua, le paludi sulla costa meridionale del Lac du Bourget devono la loro ricchezza al fatto di essere situate sul bordo di un grande lago naturale, avendo sviluppato sulle sue sponde numerose piante di fanerogame e canneti acquatici. Questa vegetazione è estesa al suolo da rimboschimenti e prati umidi, stagni, laghetti, che formano altrettanti ambienti attrattivi per molte specie. La posizione geografica del sito su un importante asse di migrazione tra il nord e il sud dell’Europa spiega la presenza di molte specie di uccelli: il lago Bourget è sia un sito di svernamento di interesse globale che un luogo di sosta migratoria e di riproduzione per oltre 200 specie di uccelli. Questo spazio naturale è il supporto di un programma di reintroduzione della tartaruga europea dello stagno, una tartaruga d’acqua dolce protetta.

La vegetazione del lago forma, in particolare sulla sponda meridionale, una vasta cintura in cui sono distribuite varie specie a seconda del livello dell’acqua: lenticchia d’acqua, Phragmites, giunco ​​di palude, carice, salici, falaridi… Questo “canneto” svolge un ruolo essenziale ruolo. per la riproduzione e l’alimentazione di uccelli e pesci ma anche per i microrganismi che costituiscono il loro alimento. Questo ambiente, minacciato da mareggiate o attività umane, è oggetto di importanti sforzi di ripristino e gestione.

Situate tra terra e acqua, le paludi della costa meridionale del Lac du Bourget devono la loro ricchezza al fatto di essere situate sul bordo di un grande lago naturale, avendo sviluppato sulle sue rive numerose piante di fanerogame e canneti acquatici. Questa vegetazione è estesa al suolo da rimboschimenti e prati umidi, stagni, laghetti, che formano altrettanti ambienti attrattivi per molte specie.

La posizione geografica del sito su un importante asse di migrazione tra il nord e il sud dell’Europa spiega la presenza di molte specie di uccelli: il lago Bourget è sia un sito di svernamento di interesse globale che un luogo di sosta migratoria e di riproduzione per oltre 200 specie di uccelli. Questo spazio naturale è il supporto di un programma di reintroduzione della tartaruga europea dello stagno, una tartaruga d’acqua dolce protetta. La vegetazione del lago forma, in particolare sulla sponda meridionale, una vasta cintura in cui sono distribuite varie specie a seconda del livello dell’acqua: lenticchia d’acqua, Phragmites, giunco ​​di palude, carice, salici, falaridi… Questo “canneto” svolge un ruolo essenziale ruolo. per la riproduzione e l’alimentazione di uccelli e pesci ma anche per i microrganismi che costituiscono il loro alimento. Questo ambiente, minacciato da mareggiate o attività umane,

La stabilizzazione del livello del lago, per ragioni idrauliche e di navigazione, ha portato a termine la scomparsa di quasi il 75% del canneto, indebolito anche da un forte moto ondoso a sud del lago. L’attività umana (porti, campeggi, strade nazionali) così come il sottobosco minacciano l’ambiente ei suoi occupanti. Diverse specie sono completamente scomparse dal Lac du Bourget a causa di questi fastidi; la Testuggine palustre è stata reintrodotta da diversi anni nel sito dell’Etang des Aigrettes, a Bourget-du-Lac e diversi uccelli sono rientrati spontaneamente a seguito della gestione (falco di palude, airone rosso); altre specie sono nuove (red net, chipeau duck, common scaup, ecc.)

Lago Bourget
Situato nel cluse che separa ad est la catena dei Bauges e la Chambotte, a ovest dalla catena dell’Epine, è un lago di origine glaciale. È, dopo la parte francese del Lago di Ginevra, il più grande lago naturale di Francia (18 km di lunghezza – 3 km di larghezza media – 4700 ha). Il più grande lago naturale di origine glaciale in Francia (ad eccezione del Lago di Ginevra, situato in parte in Svizzera), il Lac du Bourget è uno dei laghi post-glaciali delle Alpi. Si è formato dopo l’ultima glaciazione del Würm, circa 19.000 anni fa, dal ritiro dei grandi ghiacciai quaternari. Di grande ricchezza naturale, di notevole interesse ecologico, è stata anche un’importante meta turistica sin dal XIX secolo. Il volume d’acqua nel lago è equivalente al consumo annuale di acqua potabile in Francia.

Il lago del Bourget è di grande interesse ecologico e costituisce un elemento importante del patrimonio naturale francese. Tra le Prealpi e le alte montagne, ospita un gran numero di specie di pesci e uccelli e per alcuni di loro è un importante rifugio nel loro corridoio migratorio. Grazie al suo colossale specchio d’acqua da un lato, le scogliere e le lastre calcaree dei suoi immediati dintorni dall’altro, le condizioni climatiche sono attenuate. Di conseguenza, in alcuni luoghi c’è un clima quasi provenzale, che consente ad alcune specie animali e vegetali mediterranee di prosperare. Si possono così ammirare l’acero di Montpellier, il fico, il bosso, l’acero dalle foglie oblique, la quercia pubescente e il pelo di Venere (felci).

In alcuni punti ancora quasi allo stato selvatico, il lago del Bourget è un importante corridoio di migrazione e un rifugio per molti uccelli. Oltre al germano reale e alla gallinella d’acqua, si possono incontrare sul lago, il cigno reale, la folaga eurasiatica, la moretta, il tarabusino, l’elegante avocetta, l’oca merganser. Le scogliere intorno al lago sono anche territorio di grandi rapaci come il nibbio reale, il falco pellegrino e il gufo reale.

La riva naturale a sud del Lago del Bourget concentra diversi gioielli del patrimonio culturale e naturale savoiardo. Successivamente di proprietà dei Conti di Savoia, la famiglia Buttet d’Entremont, poi Conservatorio Costiero, testimonia la storia dell’occupazione umana di una delle più grandi paludi del dipartimento. Trasformato dall’uomo e in continua evoluzione (dinamiche naturali, cambiamenti climatici, ecc.), È comunque rimasto preservato dall’urbanizzazione.

I giardini del Priorato
I giardini francesi erano originariamente un orto e un frutteto per soddisfare le esigenze del monastero. La duchessa di Choiseul all’inizio del XX secolo realizzerà un giardino di delizie con tassi potati ed essenze notevoli come, cryptomeria japonica, magnolia, gingko biloba…. Due sculture di Jacques Coquillay si offrono ai vostri occhi lungo la prospettiva, “Vagabondage”, statua in bronzo e “Corinne” nella stanza dell’amore. Il marchio Remarkable Garden è stato assegnato ai giardini nel settembre 2006, in considerazione di un grande interesse storico e botanico. I giardini del Priorato sono un luogo squisito di relax e passeggiata libera e aperti tutto l’anno.

Per secoli gli orti sui quali è stato costruito un mulino non sono stati altro che un immenso orto adatto a provvedere alle necessità dei monaci, soprattutto perché dovevano aiutare anche i bisognosi del paese e dei pellegrini. Fu solo intorno al 1910 che la ricca proprietaria del Priorato, Duchessa di Choiseul, ordinò la creazione del parco che attualmente conosciamo a grandi linee, complemento essenziale e piacevole della Chiesa e del Priorato. Per un attimo trascurati, questi giardini hanno poi riacquistato la loro bella disposizione adornata di pergolati dove si arrampicano i cespugli di rose… un invito alla meditazione.

La sera cade sui giardini del Priorato. Un giardino minimale ma che sembra vasto, tutto in lunghezza, piantumato con specie rare di cui verdi, biondi, azzurri, bianchi suonano meravigliosamente e sono composti. Boschi squadrati molto alti e molto vecchi fanno la guardia intorno a una fontana squisita. Sopra gli alberi che si scuriscono, il tramonto splende ancora sulle scarpate calcaree di Revard e Bauges. E lentamente dalla palude si alza una leggera nebbia, discreta come la presenza delle anime, come un lontano ricordo del passato.

Spiaggia comunale
Le risate dei bambini risuonano per tutta l’estate sulla spiaggia di Bourget-du-Lac! Offre fondali bassi in cui rivivere gioie semplici e infantili. Qui, il tempo per una rissa in acqua, un pisolino improvvisato sui prati ombreggiati o la costruzione di un castello di sabbia … niente importa, tranne la felicità di condividere un momento con tutti. insieme.

Il lungolago del paese costituisce uno spazio eccezionale. La spiaggia comunale offre un notevole punto di vista sulla parte meridionale del lago del Bourget. Recenti sviluppi hanno permesso di riabilitare questo sito per renderlo perfettamente funzionante e adatto al movimento di persone con mobilità ridotta. Qui è accessibile, soprattutto per i più piccoli, un parco giochi acquatico alimentato dall’acqua del lago. Un grande pontile con trampolino consente l’accesso alla zona della piscina. Per i bambini più grandi è disponibile un campo da beach volley.

Attività

Itinerari e sentieri
Con la sua grande varietà di sentieri segnalati, Mont du Chat è un parco giochi molto popolare tra gli appassionati di escursionismo. Da una passeggiata in famiglia nel centro del paese o sul sentiero botanico recentemente rinnovato, a un’escursione per escursionisti esperti, tutti possono scoprire una natura incontaminata e panorami mozzafiato del Lago di Bourget e delle Alpi. Partenza dal centro città (possibile anche dal parcheggio Thomas II). Questo divertente percorso, accessibile a tutti, ti porta alla scoperta delle ricchezze storiche e culturali di Bourget-du-Lac. Dal periodo gallo-romano all’era contemporanea, scopri le principali tappe che hanno plasmato la città passeggiando tra città, giardini e rive del fiume / caccia al tesoro che ti permette di scoprire 6 personalità. Accessibile a tutti – terreno pianeggiante – 1,5 km (durata circa 1 ora) – Passaggio attraverso i giardini del Priorato,

Sentieri
Ci sono 7 principali sentieri escursionistici in partenza da Bourget-du-Lac:

il giro Pierre Nioule (3h)
il sentiero botanico delle Filéas (recentemente restaurato – 1 ora)
il nuovo percorso “Aymon, passeggero del tempo” (centro – 1 ora)
il Cachouds loop (2h)
il circuito Dent du Chat (+ 5h)
il Signal Cross (+ 5h).
il sentiero Serraz (2h)

Le loro descrizioni e guide a piedi sono disponibili presso l’Ufficio Informazioni Turistiche (place du Général Sevez). La segnaletica è stata per la maggior parte rinnovata e si propone di essere funzionale e attraente pur essendo omogenea con la segnaletica prodotta in altri settori vicini.

Percorrendo questi circuiti, gli escursionisti possono, in base alle loro scelte e alle loro capacità, fare passeggiate più o meno lunghe, andare in luoghi specifici e unirsi ad altri sentieri. Gli utenti di questi sentieri sono ovviamente le borgate, ma anche i visitatori estivi e tutti gli appassionati di passeggiate, di scoperte, di piacevoli paesaggi vicini e lontani, grazie ai vari punti di vista disposti: il belvedere della Croce del Segnale , l’orientamento del tavolo del Molard Noir e del Relais du Mont du Chat.

Sport acquatici e attività
Le Bourget-du-Lac ha i piedi nell’acqua come dimostra l’etichetta di destinazione nautica certificata: France Station Nautique! Dal punto di vista delle attività, dal nuoto agli sport acquatici come la vela, il canottaggio o il wake surf, comprese le gite in barca, i pedalò o la pesca … Il lago di Bourget promette giornate impegnative. Durante l’antichità romana, il lago del Bourget era un’importante via d’acqua. Oggi è diventato il luogo ideale per la pratica degli sport acquatici. Dal 2001, la destinazione Aix les Bains Riviera des Alpes (Le Bourget-du-Lac per la parte meridionale del territorio) ha il marchio “France Station Nautique” assegnato dall’omonima associazione. Una rete di 34 stazioni classificate in Francia. Il padiglione premia la qualità e la diversità dei servizi nautici, che devono essere supervisionati da professionisti, ed efficiente organizzazione in termini di accoglienza, alloggio e infrastrutture. Tutto in un processo di rispetto per l’ambiente.

Il campeggio Swan Island
Il campeggio Ile aux Cygnes è l’unico campeggio intorno al lago del Bourget a offrire una spiaggia e un porto privati. La spiaggia del campeggio in leggera pendenza con nuoto sorvegliato è particolarmente adatta ai bambini. Potrai goderti il ​​suo ambiente e la sua acqua con una temperatura eccezionale che può raggiungere i 26. Da aprile a ottobre, il campeggio Ile aux Cygnes è un vero spazio di libertà e convivialità con più di 270 piazzole distanziate, attrezzate e ombreggiate. Affitto di lodge e case mobili, ristorante snack, programma di intrattenimento esplosivo e aree per il tempo libero (TV, parco giochi, bocce, pallavolo, ping-pong).

Con 10 comode case mobili + 2 nuovi lodge, ma anche piazzole per tende, caravan e camper, permette a tutti, in famiglia o con gli amici, di scegliere la propria sistemazione ideale. Area ricevimento camper, Lavastoviglie, Allacciamento acqua, Allacciamento elettrico, Piazzola camper, Area giochi, Bar, Spiaggia privata attrezzata, Sala giochi, Phone point, Parcheggio, Giochi bimbi, Postazioni accesso Internet, Mail point, Punto ristoro, Ristorante , Animali con supplemento, Bar / Ristoro, Lavatrice, Asciugatrice collettiva, Attrezzatura per bambini – Fasciatoio, Accesso Internet WiFi, Accesso Internet gratuito, Accessibilità / Turismo e handicap, Disabilità motoria, Ingresso accessibile, Servizi igienici adattati.

Tags: