La Fare-en-Champsaur, Hautes-Alpes, Francia

La Fare-en-Champsaur è un comune francese situato nel dipartimento delle Hautes-Alpes nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Si trova nella parte occidentale di Champsaur, sulla riva sinistra del Drac, di fronte a Saint-Bonnet-en-Champsaur, appoggiato alla montagna di Mouttet, l’avanzato contrafforte del massiccio del Dévoluy. La sua posizione geografica gli conferisce, come l’intero Champsaur, un clima particolare: piacevole in estate, ma soggetto al freddo del “vento” in inverno.

La città si estende dal fiume Drac (a un’altitudine di 950 metri a valle del ponte Saint-Bonnet) fino alle cime della Coste Folle (altitudine 2079 m).

Storia
Secondo la tradizione, la frazione di Baraques e il suo nome hanno origine nel medioevo, quando le fiere di Saint-Bonnet attirarono una tale folla che coloro che non potevano essere sistemati nel villaggio costruirono caserme sull’altro vicino al ponte sul Drac . Queste caserme sarebbero state perpetuate e avrebbero creato un vero villaggio, con questo nome.

Inoltre, la parola occitano barraco, che significa “casa delle poste”, ha dato il nome a un certo numero di frazioni in cui c’erano case postali su strade ad alto traffico: i Baraques de Saint-Jean-Roure in Ardèche, la Barraques de Pouzol a Puy -de-Dôme, Baraqueville ad Aveyron, ecc. I Baraques de la Fare si trovano anche su un importante asse del traffico: sulla strada che va da Grenoble a Gap, ai piedi del passo Bayard, vicino a Saint-Bonnet, capitale del Champsaur e roccaforte di François de Bonne de Lesdiguières, amministratore del Delfinato, il luogo era essenziale per una casa di posta (un edificio è ancora presente un chilometro più a sud, in Brutinel). Non erano quindi necessariamente case cattive, nel senso attuale della parola caserma, ma un luogo dove abbiamo trovato cibo e riparo, che è continuato fino ad oggi.

Al suo ritorno dall’Elba, il 6 marzo 1815, Napoleone ricevette un caloroso benvenuto, poco prima di radunarsi per la sua causa, a Laffrey, i soldati inviati per incontrarsi.

Nel xx secolo, la frazione crebbe e gradì gradualmente alle imprese; il municipio si trasferì lì, ed è ora il nome della città (“La Fare-en-Champsaur”) che appare sui segnali stradali all’ingresso di Les Baraques. Il vecchio villaggio di La Fare, isolato sulle pendici e poco attivo, è diventato una frazione della sua nuova capitale.

Turismo
Le valli Champsaur Valgaudemar si trovano nelle Alpi meridionali, nel dipartimento delle Hautes-Alpes (05). 100 km a sud di Grenoble e 200 km a nord di Marsiglia, è una regione con sole generoso e abbondanti nevicate che ti aspettano.

La rotta di Napoleone
Nel complesso, il percorso si estende tra le Alpi settentrionali e meridionali per 314 km da Grenoble a Cannes. Ad un tratto serve Champsaur Valgaudemar da Gap attraverso il Col Bayard e il suo altopiano una volta schiacciato dai ghiacciai a St Firrmin alle porte di Valgaudemar e del Pays de Corps.

Percorrendo la strada, è un vero e proprio pezzo di storia francese che percorri, la via della riconquista della Francia da parte di Napoleone Bonaparte dal 2 al 7 marzo 1815 alla fine del suo esilio all’Isola d’Elba. Il famoso imperatore e i suoi numerosi sostenitori scelsero le Alte Alpi per unirsi a Grenoble e riconquistare il nord del paese.

La valle di Valgaudemar
La valle di Valgaudemar, nel cuore del Parco nazionale degli Ecrins, è un teatro ideale per osservare il flusso tumultuoso delle sue acque. Quando la neve si scioglie, le cascate ruggiscono nella valle e danno l’aria dell’Islanda a questa fine del mondo.

Se il Valgaudemar si riduce alle sue potenti cime che hanno preso d’assalto il cielo, è anche costellato da torrenti che scorrono obbedientemente dai ghiacciai. Ma la pelle dura della valle, fatta di beole e granito, rende l’acqua incapace di scavare a volontà per raggiungere il corso della Séveraisse. Non resta che la caduta dell’acqua, come tante lacrime spettacolari, che ci accontentano della sua impotenza. Non sarai quindi sorpreso di essere circondato da cascate mentre affondi nella valle. La cascata di Combefroide ti porta prima di tutto vicino alla Chapelle-en-Valgaudemar, poi arriva quella di Casset e infine l’imperdibile Voile de la Mariée, più a monte, il bouquet finale di una parata permanente al fascino irreale.

A volte l’acqua è così convincente e inventiva che taglia nuove forme nella roccia ribelle. Nell’imbuto della valle della Navette, a valle della cascata del Buchardet, il torrente forma vasi giganti, le “cavità del diavolo”. Sarebbe molto imprudente avventurarsi al di fuori dell’adorabile sentiero che delimita le sue sponde dalla frazione di Portes e che consente un’osservazione privilegiata di questa lotta eterna.

Il vecchio villaggio di St Bonnet
Il villaggio ha il potere di farti rimanere … Ogni lunedì e giovedì è il momento del mercato, odori che vagano e sapori locali che soddisfano il palato. Fiere agricole ereditate da feste patronali e altri incontri impreziosiscono la primavera e l’autunno, famose vetrine di un terroir di alta qualità.

E poi St Bonnet è anche la soddisfazione che ti travolge quando cammini attraverso i suoi pittoreschi vicoli. La reputazione del villaggio si basa sul suo prestigioso patrimonio storico risalente al periodo della sua prosperità, in particolare nel 16 ° secolo. L’architettura ti incanterà: Place Grenette e il suo mercato coperto, Place aux Herbes e le sue punte, le stradine, le vecchie porte in massello di noce. L’eleganza traspare da ogni pietra tagliata, piazza, muro, corsia, da ogni ciottolo del Drac che accoglie i tuoi passi come testimoni silenziosi della determinazione degli uomini. E per scoprire divertendosi, pensa alla caccia al tesoro per un momento perfetto con la famiglia.

Canale di Malcros
Il canale prende origine nella valle di Malcros, la “brutta cavità”, dove rimane un ghiacciaio, il cui scioglimento assicura un’abbondante quantità di acqua. Una prodezza architettonica, il canale attraversa diversi passaggi e pendii ripidi che richiedono porzioni coperte a volta sulla parte a monte. Quando il lavoro dell’uomo si mescola alla natura, otteniamo il canale di Malcros, il frutto di un feroce desiderio di una vita in autonomia in mezzo alle montagne.

L’acqua è sempre stata un grosso problema per Champsaur Valgaudemar sotto l’influenza del caldo e secco clima mediterraneo in estate. Vivendo principalmente dalla terra, gli abitanti riuscirono nel 1873 a iniziare la costruzione del canale Malcros in un momento di sovrappopolazione della campagna per superare il clima, l’inospitalità dei torrenti e per scongiurare carenze alimentari e carestie.

È raro fare un’escursione in montagna per ammirare un’opera umana lì, ma il canale di Malcros è chiaramente una di queste meraviglie da esplorare da solo. Se sei ansioso di scoprire la fonte, vai alla Cabane des Parisiens e da lì raggiungi il lago di ferro di Malcros.

Champoléon e il rifugio Tourond
La valle di Champoléon è un’incursione naturale nel cuore degli Ecrins, modellata da un vecchio ghiacciaio dove ora scorre il Drac Blanc. Numerose frazioni poggiano sul fondo piatto e godono della sua buona esposizione nella tranquillità di una vita dedicata al presente. Un angolo dell’Haut Champsaur lontano dalla folla, torna alle fonti del Drac Blanc in una natura preservata e selvaggia.

Champoléon è anche una terra pastorale. La professione di pastore viene presentata e raccontata alla Maison du Berger sotto forma di mostre, film, documentazioni per (ri) scoprire questa professione, notevole resistenza al mondo frenetico. L’autunno è un’occasione per celebrare la professione con la fiera tardon.

Il Bocage du Champsaur
Il Champsaur: la valle glaciale attraversata dal Drac ha paesaggi segnati dal suo passato agricolo. Questa valle è l’inizio del solco alpino che separa le Prealpi dalle Alpi “interne”. Sono questi vari fattori geografici, climatici e geologici che danno alla valle i suoi beni agricoli e turistici. Il bocage Champsaur è uno dei più alti d’Europa. Situato tra 800 e 1350 m sul livello del mare, è un elemento sorprendente nei paesaggi della valle.

Il bocage è un paesaggio abbastanza comune in Francia prima della guerra, ma che ha conservato qui, a un’altitudine di oltre mille metri, una grande diversità. Una rete di siepi, colture, prati e boschi principalmente di faggio, molto favorevole a una moltitudine di uccelli. La biodiversità è molto ricca lì. Questo paesaggio di bocage si è sviluppato nel corso del 18 ° secolo e si estende tra 800 e 1350 m sul livello del mare. Inizialmente sembrava soddisfare le esigenze del legno e dei foraggi nella valle che ne avevano un disperato bisogno. Questa rete di siepi, attraversata da numerosi canali di irrigazione, è adatta per passeggiate. A cavallo, a piedi o in bicicletta, prenditi il ​​tempo per esplorare questi paesaggi all’ombra degli alberi decidui e al suono del deflusso: un vero piacere.

Il Gioberney e la cascata del velo della sposa
Alla fine del Valgaudemar, in “questo piccolo Himalaya”, si annida un circo di alta montagna, per la gioia degli escursionisti. È la partenza per raggiungere le alte vette di Cirac o Rouies senza dimenticare il famoso lago di Lauzon.

La cascata del Voile de la Mariée e l’impronta gigante dei ghiacciai della valle scomparsa. Entra nel meraviglioso paese della montagna preservata. Fatto di sudore e meraviglia, ti aspetta, pronto ad esplorare i suoi più piccoli sentieri escursionistici. Riposa sui balconi del circo sul bordo dei laghi, come il Lauzon da cui sgorga il Voile de la Mariée, o al rifugio Pigeonnier, intorno a un drink, il binocolo a portata di mano per essere sempre sorpreso dalla fauna.

Croce di San Filippo
La Croix Saint Philippe ti sorprenderà con il suo panorama molto ampio, il suo sito archeologico facilmente raggiungibile e il fascino della valle di Faudon. La cresta non solo divide due valli, ma separa anche due epoche. A nord, si cammina lungo le strutture del comprensorio sciistico Ancelle e il suo serbatoio d’acqua, mentre a sud si cade improvvisamente nell’antichità attraverso le rovine del villaggio di Faudon: gli scavi hanno portato alla luce oggetti lì. risalente a diversi secoli a.C.

Ai piedi della cima, il villaggio tradisce la sua presenza con i resti di una torre e alcuni scantinati di capanne di pietra. Si ritiene che il villaggio, prima di Gap, fosse delimitato da una strada romana che collegava Chorges e Champsaur. Il lago di Faudon in basso, incastonato nella parte inferiore della valle. Infine, per i più esigenti, il sito contiene fossili di nummulite sotto forma di dischi di pietra, un animale marino giurassico!

Il Col du Noyer
Il Col du Noyer, a 1664 metri, è uno dei più belli delle Hautes-Alpes. Questo luogo storico di scambio tra Dévoluy e Champsaur Valgaudemar è vissuto più di quanto sia attraversato. Il suo formidabile pendio champaurin dispiega i suoi 700 metri di dislivello dal fondo della valle da un pendio aereo fino a quando sembra dividere la formidabile parete della montagna di Faraud. Passa il re della strada Champsaur Valgaudemar. In auto o in bici, il più alto dei Champaurins passa facilmente raggiungibile …

Un tale bastione (lungo 15 km) suscita grande interesse tra i ciclisti. Inoltre, il Tour de France e il Critérium du Dauphiné Libéré sono stati recentemente tentati … Il passo può anche essere previsto da un circuito di 88 km attraverso il lago di Sautet e il Dévoluy, o da una ripida salita da diversi punti del Champsaur per una sfida unica o per cimentarti nel prodigio delle bici elettriche.

Prapic
Prapic, una fine preservata del mondo piena di fascino. Situato ai piedi della valle del Drac Noir, alle porte del Parco Nazionale degli Ecrins, a un’altitudine di 1556 m, questo tipico villaggio di Champsaur, con le sue case tradizionali e le sue strade acciottolate, è noto per le numerose escursioni accessibili a tutti come l’altopiano della Charnière, il Saut du Laïre o la tomba del poeta. Luoghi preservati dove vedrai senza sforzo le marmotte lungo i sentieri in cerca di cibo dopo un lungo inverno.

Gli oli del diavolo
Sotto il ponte di pietra di un ponte gallo-romano: l’Oulles du Diable (“Les Oulles” in latino significa “le pentole”). Queste impressionanti gole furono pazientemente scavate dal potere delle acque del torrente Navette. Quest’opera millenaria si trova nella frazione di Portes, a poche curve da La Chapelle-en-Valgaudemar. Atmosfera garantita … L’acqua è una ricchezza inestimabile, un elemento essenziale che dona ai paesaggi vivacità e freschezza e offre alle persone la sua energia vitale.

Sapori e terroir
Vacanze lontano da casa, l’opportunità di gustare una cucina in modo diverso. Le specialità del nostro suolo sono quelle di rendere tenera la pelle dell’addome inferiore: tacchini, ravioli e orecchie d’asino, formaggi e latticini, torte, salumi e carne, marmellate, olivello spinoso, birre artigianali, Génépi … L’elenco non è esaustivo e la maggior parte di questi prodotti si trova in negozi, mercati, produttori e ristoratori … Dietro il nostro famoso trio di specialità locali “Tourtons, ravioli, orecchie d’asino”, troverai una grande varietà di prodotti. Più di 40 produttori ti fanno scoprire il loro lavoro.

Attività

Passeggiate ed escursioni
Camminare è una buona idea che contemplare le valli Champsaur e Valgaudemar in lontananza. Attività naturale per eccellenza, camminare è il modo di scoprire le nostre montagne dove c’è così tanto da vedere. I cambiamenti nella vegetazione con l’altitudine, la variazione della luce da una pendenza all’altra, le tracce di una fauna di cui possiamo indovinare l’onnipresenza, l’improbabile trasparenza dei laghi d’altitudine … Più di 300 km di sentieri con 33 percorsi segnalati sotto le cime di Valgaudemar e 60 percorsi segnalati nella valle di Champsaur, oltre a numerosi sentieri segnalati nel Parco nazionale degli Ecrins.

Con i numerosi percorsi pensati per tutti i livelli, qui l’escursionismo in montagna è l ‘”attività” che fa appello a un maggior numero di persone: famiglie, coppie, solitari, avventurieri, ecc. Ti aspettano decine di escursioni di un giorno, avanti e indietro, nonché in un giro, per non parlare dei tour di più giorni nel cuore del nostro territorio.

Tra i possibili obiettivi delle passeggiate, i laghi d’altitudine detengono la cima delle pietre del selciato! Laghi di Orcières, Lac du Lauzon, Laghi di Pétarel, di Crupillouse … che siano facilmente accessibili o riservati ai buoni escursionisti, queste oasi in alta quota sono tappe indispensabili.

Lo Champsaur Valgaudemar è caratterizzato dalla creazione di uno dei 10 parchi nazionali francesi, il Parco nazionale degli Ecrins.

Ciclismo e mountain bike
A Champsaur Valgaudemar, tutti i piaceri di un’escursione in mountain bike o la salita di un grande passo sono a portata di mano. È una delle attività più popolari nelle nostre valli. Ripidi sentieri d’alta quota o piste provenzali con nonchalance, lo Champsaur Valgaudemar occupa un posto speciale nel cuore dei mountain biker. La mountain bike può essere praticata lì come una famiglia o come un esperto, e tra montagna e bocage, i percorsi facili e percorsi sportivi generosamente attraversano il territorio.

Le due valli sono etichettate come “Sito MTB FFC”, questo marchio garantisce agli appassionati di mountain bike percorsi accuratamente segnalati, percorsi mantenuti e percorsi adatti a tutti i livelli. Il nostro sito MTB FFC offre oltre 750 chilometri di piste segnalate e non meno di 38 circuiti di diversi livelli e 8 percorsi in discesa.

Ltinerari e Trail
Camminare lontano e per molto tempo non richiede necessariamente di lasciare le nostre valli. Al contrario, i nostri due tour di punta, il “Tour du Vieux Chaillol” e il “Refuges du Valgaudemar” ti permetteranno di esplorare l’altro Champsaur Valgaudemar, quello del sudore, gli incontri inaspettati con la fauna selvatica, il piacere sorprendente che si prova a fare lontano dalla civiltà … Per 5 a 7 giorni secondo la tua forma, affronta le irregolarità intorno agli Ecrins nella tranquillità di un ambiente preservato. Questa sarà l’occasione per scoprire la singolarità dei nostri rifugi, tra i più caldi e conviviali delle Alpi. Il bivacco rimarrà il modo migliore per incontrare il cielo stellato di Champsaur Valgaudemar, lontano dall’inquinamento luminoso delle città più vicine.

Con i suoi due piedi nel massiccio degli Ecrins, lo Champsaur Valgaudemar offre inevitabilmente varie idee per il roaming intorno ai ghiacciai. Per i più contemplativi, esplora i Balconi degli Ecrins (GR50) come desideri, a piedi, a cavallo, … scopri questo territorio per diversi giorni attraverso passeggiate in famiglia o un po ‘più vigoroso in roaming. Il Champsaur Valgaudemar ti invita a percorrere il mitico GR54 per un percorso impegnativo ed esotico da rifugio a rifugio ai margini dei ghiacciai e all’ombra delle vette più belle delle Alpi meridionali. E qui di nuovo, avrai la possibilità di scegliere la modalità di trasporto: a piedi, con gli asini, a cavallo … la gioia di vagare qui non ha limiti!

Il Parco Nazionale degli Ecrins
Tappeti di fiori colorati, animali emblematici, vette tracciate di carbone … l’Ecrins National Park è un luogo in cui uomo e natura si incontrano. Conosciamo l’aquila reale, il camoscio equilibristo, lo stambecco disinvolto, la marmotta facetious, ci avviciniamo qui a grandezza naturale. Scopriamo anche un intero popolo poco conosciuto: non meno di 850 specie di farfalle, 230 uccelli ma anche 56 libellule, anfibi e pesci.

Lys martagon, Sabot de Vénus, Edelweiss o Larches … oltre 2.500 specie di piante, 220 delle quali rare e in via di estinzione, illuminano prati, boschi e giardini rocciosi. Se gli occhi del Parco sono rivolti alla natura, è altrettanto preoccupato per l’uomo, il suo lavoro e il suo habitat. In particolare ha svolto lavori sul bocage champaurin e molti piccoli e grandi edifici devono la loro sopravvivenza alle sue azioni. Partecipa, ad esempio, al mantenimento di muri in pietra, che circondano i percorsi per incanalare gli animali, e quindi aiutano a mantenere vivo il patrimonio degli antichi.

Tags: