Kunsthistorisches Museum Wien, Austria

Il Museo di Belle Arti (Kunsthistorisches Museum Wien) è un museo d’arte a Vienna, in Austria. Ospitato nel suo palazzo palaziale festivo su Ringstraße, è coronato da una cupola ottagonale. Il termine Kunsthistorisches Museum si applica sia all’istituzione che all’edificio principale. È il più grande museo d’arte del paese.

Il Kunsthistorisches Museum di Vienna è uno dei musei più importanti al mondo, con una ricca dotazione comprendente opere d’arte di sette millenni, dall’antico Egitto alla fine del XVIII secolo.

Le collezioni di arte rinascimentale e barocca sono di particolare importanza. Le partecipazioni estensive di KHM sono esposte in diversi luoghi: l’edificio principale di Ringstrasse ospita la Pinacoteca, la Collezione di antichità greche e romane, la Collezione egiziana e del vicino Oriente, la Collezione di monete e la Kunstkammer che riapriranno a febbraio 2012. Altre collezioni del Kunsthistorisches Museum sono ospitate nel Neue Burg (la Collezione di strumenti musicali storici, la Collezione di armi e armature e il Museo di Efeso), nel Palazzo di Hofburg (il Tesoro) e nel Palazzo di Schoenbrunn (la Collezione di oggetti storici carrozze).

Le collezioni in mostra ad Ambras Palace fanno anche parte del patrimonio del Kunsthistorisches Museum. 2001 il Museo Etnologico di Heldenplatz e il Museo del Teatro Austriaco su Lobkowitz Square sono stati incorporati nel KHM. La pianificazione della Ringstrasse iniziò nel 1857 e includeva il progetto di riunire e mostrare le collezioni imperiali in un nuovo grande edificio con attrezzature tecniche e espositive all’avanguardia; ci vollero, tuttavia, altri dieci anni prima che si svolgesse effettivamente la competizione per la progettazione dei nuovi musei.

Storia:
Il museo è stato creato dalle collezioni degli Asburgo, principalmente dalla collezione di ritratti e pettorali di Ferdinando del Tirolo, dalla collezione dell’imperatore Rodolfo II (la maggior parte dei quali, tuttavia, è dispersa) e dalla collezione di dipinti dell’arciduca Leopoldo Guglielmo. Già nel 1833, Joseph von Arneth, Custode (e poi direttore) della Zecca imperiale e del Gabinetto antico, richiedeva il consolidamento di tutte le collezioni imperiali in un unico edificio.

Storia degli edifici:
L’imperatore Francesco Giuseppe I, che aveva deciso di demolire le mura cittadine a Natale nel 1857, diede l’ordine di costruire il museo nel corso dell’espansione della città nel 1858.

Successivamente, numerosi progetti sono stati presentati per la zona Ringstrasse. I piani di August Sicard di Sicardsburg e Eduard van der Nüll prevedevano l’erezione di due edifici museali nelle immediate vicinanze dell’Hofburg a sinistra ea destra dell’odierno Heldenplatz. L’architetto Ludwig Förster progettò edifici per musei tra Schwarzenbergplatz e Stadtpark. Martin Ritter von Kink preferiva gli edifici all’angolo Währinger Straße / Schottenring, dove fu costruita la Votivkirche. Peter Joseph Lenné suggerì l’area intorno a Bellariastraße (non lontano dalla posizione scelta). Moritz von Loehr voleva erigere i due musei di corte sul lato meridionale del teatro dell’opera (dove fu successivamente costruita l’Akademie der bildenden Künste Wien), Ludwig Zettl sul lato sud-est del mercato dei cereali.

Gli architetti che parteciparono nel 1867 furono Hansen, Lehr, Ferstel e Hasenauer, che lavorarono tutti a Vienna. Quando giuria e mecenate fallirono per mesi nel concordare un vincitore, Gottfried Semper, l’architetto di fama internazionale noto per i suoi progetti museali, fu chiamato come consulente nel 1868.

Un fattore decisivo per il successo di Semper e Hasenauer rispetto ai progetti di altri architetti fu, a. La visione sempers di un grande complesso di edifici chiamato “Kaiserforum”, in cui i musei erano una parte. Non da ultimo con la morte di Sempers nel 1879, il Kaiserforum non fu eseguito nella forma prevista, ma i due musei furono eretti.

La costruzione dei due musei è avvenuta senza cerimonie il 27 novembre 1871. Successivamente, Semper si trasferì a Vienna. Fin dall’inizio, vi furono notevoli differenze personali tra lui e Hasenauer, che alla fine assunse la gestione delle costruzioni solo dal 1877. Nel 1874, le impalcature furono erette fino al piano attico e l’Hochparterre fu completato, le prime finestre furono installate nel 1878, la soffitta e la balaustra furono completate nel 1879, e la cupola e il tabernacolo furono costruiti tra il 1880 e il 1881.

L’Attica è circondata da statue che rappresentano personalità del campo dell’arte. I gioielli della scultura sono stati realizzati da Edmund Hellmer, Carl Kundmann, Viktor Tilgner, Caspar Zumbusch e altri. L’ingresso è affiancato da statue allegoriche sedute del dipinto (a sinistra di Edmund Hellmer) e dalla scultura (a destra di Johannes Benk). La cupola è coronata da una statua bronzea di Pallade Atena di Johannes Benk.

La scala del Kunsthistorisches Museum è allestita con opere di Gustav Klimt, Ernst Klimt, Franz Matsch, Hans Makart e Mihály Munkácsy.

Impero:
Il Kunsthistorisches Museum è stato ufficialmente inaugurato il 17 ottobre 1891 dall’imperatore Francesco Giuseppe I. Dal 22 ottobre 1891, il museo è aperto al pubblico. Già due anni prima, il 3 novembre 1889, l’armeria, oggi caccia alla corte e camera dell’armeria, aveva aperto le loro porte. Il 1 gennaio 1890 la biblioteca aprì le sue porte. La raccolta e la sistemazione delle altre collezioni della casa imperiale imperiale dal Belvedere inferiore e superiore, dal castello di Hofburg e di Ambras in Tirolo dura altri due anni.

Molto presto, il museo di corte per le collezioni imperiali era diventato troppo stretto. Per rimediare, è stata concepita una mostra degli antichi reperti di Efeso nel tempio di Teseo nel Volksgarten. Inoltre, le stanze del Belvedere inferiore dovevano essere affittate.

Nel 1914, dopo l’assassinio del successore al trono Franz Ferdinand, la sua collezione estense si trasferì nell’amministrazione dell’Hofmuseum. Questa collezione, tratta dalla collezione d’arte di House d’Este e dalla collezione mondiale di Franz Ferdinand, era stata esposta nella Neue Hofburg dal 1908. La collezione di vecchi strumenti musicali e il Museo di Studi etnici emerse da queste collezioni .

La prima guerra mondiale, con l’eccezione della situazione economica opprimente, passò senza perdite. L’Hofmuseum è rimasto aperto al pubblico durante i cinque anni di guerra.

Fino al 1919 il k.k. Kunsthistorische Hofmuseum all’Oberstkämmereramt e appartenuto alla famiglia Fideikommiss della casa degli Asburgo-Lorena. I funzionari e gli impiegati facevano parte della corte imperiale.

Prima Repubblica:
La transizione dalla monarchia alla repubblica avvenne nel museo in completa tranquillità. Il 19 novembre 1918 i due musei di corte sulla Maria Theresienplatz furono posti sotto la protezione dello stato della giovane Repubblica tedesca. Nelle settimane e nei mesi seguenti, le affermazioni degli “stati successivi” della monarchia, così come l’Italia e il Belgio, stavano minacciando le proprietà del museo sull’arte austriaca. Infatti, il 12 febbraio 1919, vi furono la rimozione forzata di 62 dipinti da unità armate italiane. Questo “Kunstraub” ha lasciato un trauma tra i curatori e gli storici dell’arte per molto tempo.

Era solo il trattato di pace di Saint-Germain del 10 settembre 1919, che prevedeva negli articoli 195 e 196 la regolamentazione delle rivendicazioni su questioni culturali mediante negoziazione. Le richieste di Belgio, Cecoslovacchia e ancora Italia potrebbero essere in gran parte evitate in questo modo. Solo l’Ungheria, che aveva di gran lunga le maggiori richieste, è stata soddisfatta in più di dieci anni di negoziati in 147 casi.

Il 3 aprile 1919, l’espropriazione della Casa d’Asburgo-Lorena fu effettuata dalla Repubblica e dall’assunzione dei suoi beni, incluse le “Collezioni della casa arcaica”. Il 18 giugno 1920, l’amministrazione provvisoria degli ex musei di corte, nonché le collezioni estensi e il Tesoro Secolare e Secolare furono trasferiti all’Ufficio Nazionale per gli Interni e l’Istruzione, il Ministero federale dell’interno e dell’istruzione dal 10 novembre 1920. A pochi giorni dopo, il Kunsthistorisches Hofmuseum fu ribattezzato “Kunsthistorisches Staatsmuseum Wien”, nel 1921 il “Kunsthistorisches Museum”. Il 1 gennaio 1921, lo staff del museo si trasferì nel normale staff della Repubblica.

Prendendo in consegna le ex collezioni imperiali di proprietà statale, il museo si è visto in una situazione completamente nuova. Nel 1919, Hans Tietze progettò il “Programma museale viennese” per soddisfare le mutevoli circostanze nell’area del museo. C’era una stretta collaborazione tra i singoli musei, al fine di impostare collezioni presso le diverse case. Così lo scambio, la vendita e la compensazione hanno dominato la politica di acquisizione nel periodo tra le due guerre. Da questo punto di vista, sono emerse valide tendenze di raccolta. Il trasferimento della collezione di armi dal 1934 ai locali presenti nel New Castle, dove la collezione di vecchi strumenti musicali era già stata organizzata dal 1916, era un’altra direzione.

Il museo 1938-1945:
Con l ‘”Anschluss” dell’Austria al Reich tedesco, tutte le collezioni di arte ebraica come quelle dei Rothschild furono obbligatoriamente “erette”. Le collezioni venivano “date” o semplicemente distribuite dalla Gestapo ai musei. Ciò ha comportato un notevole aumento delle scorte. Il KHM, tuttavia, non fu l’unico museo a beneficiare dell’arianizzazione. La proprietà ebraica rubata fu sistematicamente venduta a musei, collezioni o banchi di pegni in tutto l’impero.

Dopo la fine della guerra, il museo, nella misura in cui lo voleva, ha avuto difficoltà a rimborsare le opere d’arte “radicate” ai proprietari e ai loro eredi. La famiglia Rothschild fu costretta a lasciare la parte più importante della propria collezione al museo; questo era chiamato “dedizione” o “donazione”. La legge sull’esportazione, che non consentiva ai proprietari di trasportare alcuni oggetti d’arte al di fuori del paese, è stata citata come motivo. Metodi simili sono stati usati da altri ex proprietari.

Solo alcuni decenni più tardi il governo federale ha deciso di emendare la legge attraverso la pressione diplomatica e mediatica internazionale, in gran parte dagli Stati Uniti (il cosiddetto Lex Rothschild Art Restitution Act, 1998). Gli oggetti d’arte non sono stati rimborsati alla famiglia Rothschild fino agli anni ’90.

Sulla base della legge federale sul ritorno degli oggetti d’arte del 4 dicembre 1998 (Gazzetta ufficiale federale n. 181/1998), il Kunsthistorisches Museum conduce un’ampia ricerca sull’argomento. Già prima di questo decreto, la ricerca è stata condotta su iniziativa dell’allora direttore degli archivi, Herbert Haupt. A tal fine, nel 1998 ha collaborato con Lydia Gröbl per presentare una serie completa di fatti sui cambiamenti negli inventari del Kunsthistorisches Museum durante il periodo nazista e negli anni fino allo Staatsvertrag del 1955, una base importante per ulteriori ricerche sulla provenienza .

Dal 1 ° aprile 2009 i due storici Susanne Hehenberger e Monika Löscher hanno lavorato come ricercatori di provenienza presso il Kunsthistorisches Museum, commissionato dalla Commissione per la ricerca sulle provenienze, e stanno lavorando al periodo dell’inchiesta dal 1933 al recente passato. Come riportato nel settembre 2015, la rielaborazione dell’arte musicale del periodo nazista inizia solo ora. Secondo il presidente della Commissione Eva Blimlinger, una relazione sulla collezione di vecchi strumenti musicali sarà presentata entro la fine del 2017.

Collezione:
Le collezioni del Museo di Storia dell’Arte, provenienti in particolare dalle precedenti collezioni imperiali austriache della dinastia degli Asburgo, riuniscono opere che vanno dall’antichità egizia e greca al XVIII secolo nel campo delle arti decorative, della pittura.

Al piano terra e al piano rialzato si trovano le collezioni egiziane e del Vicino Oriente, oltre alle antichità greche, etrusche e romane. Sul soppalco sono sculture e arti decorative.

L’intero primo piano è dedicato alla pittura: l’ala sinistra è riservata alle scuole fiamminghe, olandesi e tedesche; L’ala destra, alle scuole italiane, spagnole e francesi.

Al secondo piano, le sale della galleria adiacente (Sekundärgalerie) raccolgono centinaia di opere fiamminghe, tedesche e italiane del XVI e XVII secolo.

Il museo ha la più grande collezione di opere di Pieter Brueghel il Vecchio; Diciassette in tutto, compresi i famosi dipinti La Tour de Babel (1563) e Chasseurs dans la neige (1565).

Le collezioni primarie del museo sono quelle degli Asburgo, in particolare dalle collezioni di ritratti e armature di Ferdinando di Tirolo, le collezioni dell’imperatore Rodolfo II (la maggior parte delle quali è dispersa) e la collezione di dipinti dell’arciduca Leopoldo Guglielmo , di cui i suoi dipinti italiani furono prima documentati nel Theatrum Pictorium.

Collezione egiziana e del vicino Oriente
La collezione egiziana e del vicino Oriente del Kunsthistorisches Museum è tra le più importanti collezioni di antichità egizie del mondo. Gli oltre 17 000 oggetti risalgono a un periodo di quasi quattromila anni, dal periodo egizio predinastico e primitivo dinastico (circa 3500 aC) all’era paleocristiana. Geograficamente le loro origini spaziano dall’Egitto, dalla Nubia, dal Mediterraneo orientale e dalla Mesopotamia alla penisola arabica.

La collezione è strutturata in quattro grandi aree: culto funerario, storia culturale, scultura e rilievo e lo sviluppo della scrittura. Tra i punti salienti ci sono la ricca cappella offerta del Ka-ni-nisut dell’Antico Regno, numerosi sarcofagi e bare, mummie animali, esempi del Libro dei Morti, stele gravi, figure divine, oggetti della vita quotidiana come vestiti e cosmetici articoli, capolavori di scultura come la Testa di Riserva di Giza, le stele facciali dell’Arabia meridionale e una raffigurazione di un leone dalla Porta di Ischtar a Babilonia.

Collezione di antichità greche e romane
Gli oggetti della collezione di antichità greche e romane coprono un arco di oltre tre millenni e vanno dalle ceramiche dell’età del bronzo di Cipro, risalenti al III millennio aC ai primi reperti medievali. Circa 2500 oggetti sono esposti permanentemente. Tre aree principali in particolare rendono questa collezione una delle migliori nel suo genere: gli unici e spettacolari cammei antichi, tra cui la famosa Gemma Augustea, i tesori che risalgono al periodo delle grandi migrazioni e dell’Alto Medioevo, come il dorato tesoro di Nagyszentmiklós e la collezione di vasi con capolavori come la Brygos Cup.

Tra gli altri punti salienti della collezione ci sono la statua votiva più grande della vita di un uomo di Cipro, il sarcofago amazzonico, la tavoletta di bronzo con il famoso senatus consultum de Bacchanalibus, il mosaico di Teseo di Salisburgo e, non ultimo, i giovani del Magdalensberg, per nominarne solo alcuni.

Galleria di foto
La Pinacoteca del Kunsthistorisches Museum si è sviluppata dalle collezioni d’arte della casa d’Asburgo. Oggi è uno dei più grandi e importanti del suo genere al mondo.

Le basi della collezione sono state poste e le sue principali enfasi sono state nel XVII secolo: pittura veneziana del XVI secolo (Tiziano, Veronese, Tintoretto), pittura fiamminga del XVII secolo (Peter Paul Rubens, Sir Anthony Van Dyck), pittura dei primi Paesi Bassi ( Jan van Eyck, Rogier van der Weyden) e la pittura rinascimentale tedesca (Albrecht Dürer, Lucas Cranach).

Tra gli altri punti salienti della Pinacoteca vi sono le immagini di Pieter Bruegel il Vecchio, uniche al mondo, nonché i capolavori di Vermeer, Rembrandt, Raffaello, Caravaggio, Velázquez e pittori italiani del barocco.

La culla del museo
La Kunstkammer Wien è la collezione più importante del suo genere al mondo. Dal 1 marzo 2013 questa collezione unica è di nuovo aperta al pubblico. Vieni a vedere un »museo all’interno del museo«: venti gallerie appena installate ti invitano a vivere un mondo di bellezza e intelligenza, curiosità e meraviglia.

Collezione di monete
La Collezione di monete è una delle cinque raccolte di monete più grandi e importanti del mondo. Con circa 600.000 oggetti da tre millenni, contiene non solo monete, ma anche banconote, medaglioni, ordini, ecc. Si possono vedere circa 2.000 oggetti nelle tre sale che ospitano il display permanente, che rappresenta solo una piccola parte delle proprietà.

La prima sala offre una panoramica della storia e dello sviluppo della medaglia dalle sue origini in Italia intorno al 1400 fino al 20 ° secolo. Qui vengono presentati anche gli ordini e le medaglie d’onore austriache ed europee. La seconda sala si concentra sulla storia della moneta e della cartamoneta, dalle forme pre-monetarie di pagamento e dai fondi naturali all’invenzione della moneta nel VII secolo a.C. nella regione della costa della Lidia e fino al 20 ° secolo. La terza sala è riservata per mostre speciali.

Armeria Imperiale
La collezione viennese è tra le migliori nel suo genere al mondo. Inoltre, è la raccolta meglio documentata di armi e armature di corte nel mondo occidentale, dal momento che le mostre sono state generalmente create o acquisite in connessione con importanti occasioni politiche: in occasione di campagne militari, diete imperiali, cerimonie di omaggio, incoronazioni, fidanzamenti, matrimoni e battesimi. Nessuna famiglia di governanti era legata al matrimonio con così tanti paesi europei come lo erano gli Asburgo. Per questo motivo, quasi tutti i principi dell’Europa occidentale dal XV al XX secolo sono rappresentati con armature e armi ornamentali.

Le armature sono le creazioni personalizzate realizzate dai più famosi armaioli: l’armatura per un cavaliere di Tommaso Missaglia, l’armatura dei corazzieri di Lorenz Helmschmid per l’imperatore Massimiliano I, l’armatura a pieghe del ragazzo di Konrad Seusenhofer per il futuro imperatore Carlo V, come così come la Mezza Armatura alla Romana di Filippo Negroli e molti altri. Le incisioni spesso magnifiche erano abbastanza spesso basate su disegni di artisti famosi come Dürer e Holbein.

Collezione di strumenti musicali storici
La collezione di strumenti musicali storici è la sede della più importante collezione di strumenti rinascimentali e barocchi in tutto il mondo. Inoltre, il museo conserva, mantiene e presenta numerosi strumenti che sono stati suonati da famosi musicisti e compositori. La collezione comprende una gamma particolarmente completa di clavicordi e fortepiani viennesi. Il mondo del suono in cui hanno vissuto i compositori del classicismo viennese può essere ascoltato e compreso qui in modo pressoché completo. Le proprietà della collezione hanno le loro origini nelle aziende degli Asburgo; da allora sono stati continuamente ampliati tramite acquisti, regali e prestiti. I Matinatori della Collezione di strumenti musicali storici danno ai visitatori l’opportunità di vedere e ascoltare gli strumenti, nella misura in cui la loro condizione consente loro di essere suonati.

La Biblioteca
La Biblioteca del Kunsthistorisches Museum è una biblioteca di riferimento che comprende le biblioteche delle diverse collezioni e dipartimenti del museo, che ospitano un totale di circa 256.000 volumi. La raccolta di libri di importanza storica comprende circa 36.ooo titoli. Il suo obiettivo principale è incunaboli, manoscritti, mappe e stampe storiche relative alla storia, alla storia culturale e all’arte. Inoltre, ospita collezioni speciali come la Biblioteca di Massimiliano con il suo ampio gruppo di opuscoli, o la Collezione di Stampe che comprende documenti sulla storia dell’architettura e la decorazione interna delle precedenti collezioni imperiali.

La Biblioteca è continuamente ampliata e ampliata, aggiungendo libri, supporti audiovisivi e artefatti selezionati per riflettere il focus delle collezioni del Kunsthistorisches Museum: Egittologia, Archeologia, Numismatica, Storia dell’arte antica e moderna, storia delle armi e delle armature, costruzione di carrozze e artigianato, strumenti musicali, storia e storia culturale.

Il museo oggi:
Su suggerimento dell’ex direttore Wilfried Seipel, il museo è stato il primo museo federale ad avere piena capacità giuridica il 1 ° gennaio 1999. (La maggior parte degli altri musei federali seguiti negli anni). Con circa 880.000 visite all’edificio principale e Neuerburg (2014, senza collegato, come collezioni indipendenti) è uno dei luoghi più visitati di Vienna.

Il Kunsthistorisches Museum è un’impresa museale con il nome Kunsthistorisches Museum con museo per l’etnologia e il museo austriaco con il numero di compagnia 182081t dall’11 giugno 1999 sulla base della legge federale dei Museen, BGBl. I n. 115/1998, e il allestimento museale del Kunsthistorisches Museum con museo per Völkerkunde e il Theater Theatre austriaco del 3 gennaio 2001, BGBl. II n. 2/2001, in vigore dal 1 ° gennaio 2001, come istituzione scientifica di diritto pubblico della Federazione.

Tags: