Korean Stone Art Museum, Seoul, Corea del Sud

Il Korean Stone Art Museum è stato inaugurato a Seongbuk-dong, uno splendido quartiere circondato dal monte Bugaksan e dalle mura della città di Seoul per presentare la bellezza estetica e i significativi valori culturali delle antiche sculture in pietra coreane.

Il museo, composto da sei sale espositive tra cui un giardino espositivo all’aperto, è un luogo dove tradizione e modernismo si fondono in armonia.

Per presentare la bellezza estetica e i significativi valori culturali delle antiche sculture in pietra coreane, è stato inaugurato il museo coreano Stone Art a Seongbuk-dong, una città circondata dal monte Bugaksan e le mura della città di Seoul. Manufatti in pietra antica, ricami tradizionali e coreano moderno i dipinti sono raccolti qui al Korean Stone Art Museum, un luogo dove il passato e il presente della Corea convivono armoniosamente. La nostra missione è fornire un’interpretazione moderna della filosofia e della saggezza dei nostri antenati incarnati in questi manufatti e creare un museo orientato alla partecipazione.

Per molti secoli, le sculture in pietra in Corea hanno ritratto i valori del popolo coreano e il loro desiderio che trascendono sia il tempo che lo spazio. Nel tentativo sincero di scoprire e portare alla luce i valori culturali e la bellezza estetica di queste sculture in pietra, la Korean Stone Art Foundation ha fondato il coreano Stone Art Museum a Seongbuk-dong, uno splendido quartiere circondato dalla montagna Bugaksan e dallo storico muro della città di Seoul .

Come dice il proverbio, “Ogni blocco di pietra ha una statua al suo interno, e spetta allo scultore scoprirlo.” Fu circa 40 anni fa quando fui introdotto per la prima volta al fantastico mondo dell’arte della pietra. Sono rimasto affascinato dal potere e dalla natura semplice delle sculture in pietra coreane, così ho iniziato a collezionare questi innumerevoli tesori sparsi in tutto il mondo.

Sebbene queste sculture in pietra debbano ancora essere considerate beni culturali rappresentativi della Corea, il fatto di abbracciare le gioie e i dolori del popolo coreano non può passare inosservato. Pertanto, è una delle missioni del Museo di arte coreana per svelare e far luce sul significato culturale di queste sculture in pietra e riscoprire un altro aspetto della bella sensibilità estetica della Corea.

Manufatti in pietra antica, ricami tradizionali e moderni dipinti coreani sono riuniti qui al Korean Stone Art Museum, un luogo in cui il passato e il presente della Corea convivono armoniosamente. La nostra missione è fornire un’interpretazione moderna della filosofia e della saggezza dei nostri antenati incarnati in questi manufatti e creare un museo orientato alla partecipazione.

Manufatti in pietra antica, ricami tradizionali e moderni dipinti coreani sono riuniti qui al Korean Stone Art Museum, un luogo in cui il passato e il presente della Corea convivono armoniosamente.

Il coreano Stone Art Museum si sforza di trascendere la visione tradizionale ristretta di considerare le sculture in pietra come semplici artefatti decorativi nei templi buddisti o nelle tombe, e introduce una prospettiva moderna che si concentra sulla saggezza dei nostri antenati e sulla loro filosofia di vita.

Il Korean Stone Art Museum anticipa una comunicazione attiva con il pubblico. Attraverso varie mostre e programmi di partecipazione, i visitatori potranno sperimentare queste pietre preziose che portano i desideri e i desideri più profondi dei nostri antenati. Miriamo a diventare un museo aperto che assolva la funzione di favorire gli scambi accademici tra le persone interessate all’arte della pietra e contribuisce allo sviluppo e all’arricchimento della nostra cultura. Il vostro continuo interesse e supporto aiuteranno KOSA a portare a termine con successo le sue missioni.

mostre:

Guardiani della tomba che hanno attraversato il mare in Corea:
Muninseok è una scultura in pietra a forma umana creata per proteggere le tombe dagli spiriti maligni, insieme ad altre sculture in pietra a forma di animale. Sfortunatamente, un gran numero di Muninseok furono introdotti clandestinamente in Giappone durante il periodo coloniale giapponese. Il presidente Chun Shin-Il della società Sejoong aspirava a riportare in Corea questi beni culturali perduti da tempo, che erano ormai sparsi in tutto il mondo e riconquistare l’orgoglio nazionale della Corea.

Nel 2000, dopo aver sentito parlare di Mr. Kusaka Mamoru, un cittadino giapponese che possedeva centinaia di antiche sculture in pietra coreane, il presidente Chun fece numerose visite in Giappone per persuadere il signor Kusaka Mamoru a cedere i beni coreani persi.

Nel 2001, la tenacia del presidente Chun è riuscita a portare in Corea più di settanta preziose sculture in pietra coreane. Le sculture restituite attestano il potere e la dignità delle arti di pietra coreane.

Insieme a Janggunseok e altre sculture in pietra a forma di animale, Muninseok è stato creato per proteggere le tombe dagli spiriti maligni. Muninseok è ritratto come un cappello ufficiale con in mano un Hol, un oggetto tenuto dai cortigiani quando si rivolgevano al re.

Una collina di preghiere che accoglie molti desideri:
Dongja è un’assistente di bambino mentre Dongjaseok è una figura di pietra di dongja. Trovate dentro e intorno a Seoul, queste sculture sono state poste davanti alle tombe di alti funzionari governativi o membri della famiglia reale, ad eccezione di re e regine, durante i secoli XVI-XVIII. Indossando abiti semplici e acconciature a doppio nodo, stanno in piedi obbedienti e sottomessi davanti alle tombe, conferendo un’apparenza di vitalità alla solenne atmosfera del cimitero. Si riteneva che i Dongja servissero varie divinità nel Taoismo, il Buddha nel Buddismo e gli occupanti delle tombe nel Confucianesimo. Pertanto, la forma e il ruolo della dongja variano da guardiano della tomba a guardiano del villaggio a seconda della religione.

Guardiani del villaggio con volti di persone coreane:
La gente in passato credeva che Beoksu, in piedi all’ingresso di un villaggio o alla fine di una strada, li proteggesse dagli spiriti maligni e dalle malattie. Poiché si pensava che Beoksu possedesse superpoteri che possono portare fortuna e prevenire problemi, la gente pregava Beoksu nella speranza di realizzare i propri desideri.

Anche se Beoksu cacciava gli spiriti maligni, non avevano uno sguardo spaventoso. Inoltre, non c’era uno standard stabilito per il volto di Beoksu. Le varie forme dei loro volti candidi e umoristici riflettono quanto semplicemente e sinceramente la gente comune pensasse. Le storie e le favole di Beoksu si sono mescolate con i sentimenti del popolo coreano nel tempo, creando non solo uno splendore artistico unico ma anche creature che ci permettono di avere una conversazione con il passato.

L’amore della mamma espresso in punti dedicati:
Il lavoro di ricamo è stato a lungo un modo per le donne coreane di esprimere la loro intricata sensibilità artistica e coltivare la bellezza nella loro vita quotidiana. Poiché il ricamo era un’abilità di base che la donna coreana doveva imparare, l’abilità veniva trasmessa naturalmente da madre a figlia. Mentre tessevano e cucivano, le donne pregavano per la felicità delle loro famiglie.

Il ricamo è stato ampiamente utilizzato in tutte le classi della società coreana dalla famiglia reale e dall’aristocrazia ai cittadini comuni. Pertanto, la storia del ricamo gioca un ruolo importante nella comprensione dello stile di vita delle donne coreane in passato, e il ricamo è il frutto della tradizionale cultura femminile.

Tags: