Museo Ebraico e Sinagoga Oświęcim, Polonia

Il Centro ebraico di Auschwitz (AJC) è l’unica presenza ebraica a Oświęcim – la città che i tedeschi chiamavano Auschwitz – che è nota soprattutto come il luogo della più oscura tragedia del XX secolo. Attualmente alla Sinagoga, c’è un centro ebraico di Auschwitz, un museo e un centro culturale, incentrato sul patrimonio ebraico, la riconciliazione attraverso l’arte e il dialogo interculturale.

Nel centro della città di Oświęcim, questa istituzione ha mostre permanenti sulla fiorente comunità ebraica di Oświęcim negli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale. All’interno della sinagoga restaurata (1913) ci sono fotografie e Judaica trovate sotto la Grande Sinagoga della città nel 2004. È difficile dimenticare che stai guardando gli ultimi resti dell’ebraismo polacco, una cultura quasi sterminata.

La sinagoga di Oświęcim, chiamata anche la sinagoga di Auschwitz, è l’unica sinagoga attiva nella città di Oświęcim, in Polonia. Ora fa parte del Centro ebraico di Auschwitz, che comprende un museo ebraico e un centro educativo.

La sinagoga di Oświęcim fu il primo edificio restaurato nella comunità ebraica sotto la legge post-comunista del governo polacco che governava la restituzione delle proprietà comunali ebraiche sequestrate dagli occupanti tedeschi durante la seconda guerra mondiale e mantenute dal governo comunista del dopoguerra. L’edificio è stato rivendicato da ed è ora di proprietà della comunità ebraica della vicina Bielsko-Biala.

La sinagoga fu costruita intorno al 1913. Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti demolirono i suoi interni e usarono l’edificio come deposito di munizioni. Dopo la fine della guerra, un piccolo gruppo di sopravvissuti ebrei ripristinò la sinagoga alla sua giusta funzione. Tuttavia, i custodi lasciarono presto la Polonia e la sinagoga cessò di funzionare.

Negli anni ’70, sotto la Polonia comunista, l’edificio vuoto era usato come magazzino di tappeti. La sinagoga è stata riaperta l’11 settembre 2000, completamente restaurata in condizioni prebelliche dalla Fondazione Centro ebrei di Auschwitz di New York, al prezzo di un milione di dollari. È una sinagoga attiva utilizzata per preghiere da parte di gruppi e individui che visitano Auschwitz. La casa adiacente fu acquistata dalla fondazione e trasformata in un museo contemporaneo chiamato il Centro ebraico di Auschwitz (Żydowskie Centrum Edukacyjne). Descrive la vita degli ebrei nel periodo prebellico di Oświęcim. Sia la sinagoga che il centro ebraico sono affiliati al Museum of Jewish Heritage di New York.

La sinagoga di Auschwitz non era la più grande sinagoga di Oświęcim. La più famosa Grande Sinagoga di Oświęcim fu distrutta dai nazisti il ​​29 novembre 1939 e i suoi resti furono demoliti. All’epoca dell’invasione nazista, più della metà della popolazione di Oświęcim era ebrea. La comunità aveva più di 400 anni e in città c’erano più di 20 sinagoghe. Oświęcim ha un vecchio cimitero ebraico aperto ai visitatori.

L’ultimo ebreo nativo di Oświęcim morì nel 2000. Szymon Kluger (19 gennaio 1925 – 26 maggio 2000), figlio di Symcha Kluger e Fryda Weiss, nacque a Oświęcim e fu l’ultimo ebreo residente lì; l’unico sopravvissuto dell’Olocausto a tornare in città dopo la seconda guerra mondiale. La sua morte nel 2000 ha messo fine alla vecchia comunità ebraica di Oświęcim.

Durante la seconda guerra mondiale, Kluger fu deportato nel ghetto di Bendsburg (Będzin) e in uno dei campi di lavoro forzato di Blechhammer nel 1942, e fu contrassegnato con il numero 179539. (Durante questo periodo i suoi genitori furono portati alla concentrazione di Auschwitz campo, dove sono morti). Da Blechhammer fu portato al KZ Groß-Rosen; più tardi al campo di concentramento di Buchenwald, dove era un lavoratore forzato nella costruzione di aerei.

Nell’aprile 1945 Szymon Kluger fu salvato dall’esercito americano vicino a Halberstadt. Grazie all’aiuto della Croce Rossa svedese e dell’UNRRA, è venuto in Svezia a luglio. Fino al 1946 era negli ospedali di Malmö e Kalmar. Ha frequentato una scuola tecnica a Uppsala, in Svezia, e ha imparato una professione come meccanico ed elettricista. Kluger ha lavorato con Radio Svenska AB come collaboratrice.

Nel 1962, Szymon Kluger ritornò in Polonia e iniziò a lavorare nella fabbrica chimica di Oświęcim, vivendo in un hotel per lavoratori in via Wyspiański. Alla fine è tornato nella sua casa dei genitori vicino alla Sinagoga di Chevra Lomdei Mishnayot, dove viveva da solo ed era conosciuto come “l’ultimo ebreo di Oświęcim”, spesso presentandosi alle persone mostrando il tatuaggio sul suo braccio. Poco dopo essersi trasferito lì, si ritirò a causa della cattiva salute e vi rimase fino alla sua morte nel 2000.

La casa di Szymon Kluger ora ospita un caffè. In precedenza serviva come museo, preservando il suo stato alla morte di Kluger.

Al momento, una donna ebrea solitaria del Belgio vive vicino al campo, dedicando la sua vita alla commemorazione della Shoah.

Nel settembre 2000, il Centro ebraico di Auschwitz ha aperto le sue porte per onorare gli ex abitanti di Oświęcim e per insegnare alle generazioni future la distruzione causata dall’Olocausto.

Dal 2006, il Centro è affiliato con il Museo del patrimonio ebraico – Un memoriale vivente

Tags: