Quartiere Gràcia, città di Barcellona, ​​Spagna

Gràcia è uno dei dieci quartieri della città di Barcellona. Confina con l’Eixample nella parte inferiore, Sarrià – Sant Gervasi a ovest e Horta-Guinardó a nord. Nel 2019 contava 121.789 abitanti. Ha ereditato il vecchio comune di Gràcia, aggiunto a Barcellona nel 1897.

Pochi quartieri di Barcellona sono circondati da tanto simbolismo quanto Gràcia. La parte vecchia del quartiere che gli dà il nome non ha mai smesso di rivendicare con orgoglio il suo passato di comune autonomo, e la nuova mappa del quartiere lo riconosce rendendo ufficiale il toponimo Vila de. Grazie per aver nominato questa unità di quasi 50.000 abitanti, strade piccole e animate e numerose piazze.

A nord, l’altro centro nevralgico della contrada, Vallcarca, aggiunge al toponimo tradizionale il toponimo dell’area dei Penitenti, per il legame storico tra i due territori. D’altra parte, il Coll acquisisce una propria entità come quartiere e si separa da Vallcarca. Gli altri due quartieri del distretto sono quelli di Camp d’en Grassot e Gràcia Nova, un settore più recente e, per questo, autonomo dal comune, e quello della Salute. I confini di quest’ultimo quartiere sono stati ampliati su entrambi i lati del tratto della Travessera de Dalt, dove è in corso un progetto di riduzione del traffico che migliorerà la comunicazione tra i due lati di questa strada.

Storia
Il distretto di Gràcia era stato precedentemente un comune indipendente nel piano di Barcellona dal 1850 al 1897. Gli attuali quartieri di Vila de Gràcia, Camp d’en Grassot e La Salut ne facevano parte, mentre Vallcarca ed El Coll facevano parte del comune di Horta. Comprendeva anche un settore che per tutto il XX secolo, per coerenza urbana, è stato diluito nell’Eixample.

I confini del centro storico seguivano l’incrocio delle attuali vie di Napoli e Provenza, attraverso la Plaza de Sanllehy, poi risalivano il passo del Portell fino in prossimità dell’eremo del Carmelo, raggiunta la Montagna Nuda, si scendeva per la via Verdi, svoltando lungo Sant Cugat fino a Plaça de la Creu, attraversando Josepets e scendendo lungo l’Avinguda del Príncipe d’Astúries fino a Plaça de Gal • la Placídia, poi lungo La Travessera fino a Riera de la Creu d ‘en Malla e proseguendo lungo Carrer del Comte d’ Urgell a Carrer de Rosselló e andò all’incrocio tra Villaroel e Provença.

Dalla costruzione dei Josepets alla prima indipendenza
Di solito iniziava la Vila de Gràcia con l’istituzione, il 17 gennaio del 1626, del noviziato del convento carmelitano di Nostra Signora delle Grazie, che fu chiamato The Josepets a causa dei suoi occupanti. Questo convento è stato costruito grazie alla generosa donazione di Josep Dalmau, consigliere della città di Barcellona, ​​e di sua moglie, Lucrècia Balcells, che ha attraversato il dolore di perdere i suoi sette figli. Attorno al convento sorsero una serie di case coloniche, la più importante delle quali fu Ca n’Alegre (1688). Tuttavia, due secoli fa, nel XV secolo, nel convento di Gesù fu istituito l’ordine francescano, e nel XVI secolo fu costruito e distrutto nel 1714 il monastero di Montcalvari, appartenente agli antichi Cappuccini.

Agli inizi del Settecento nel borgo erano presenti in totale undici proprietari con le rispettive famiglie. Qualche decennio dopo l’economia, fondamentalmente agraria, iniziò a diversificarsi; poi sono emersi i primi artigiani e artigiani. Secondo un documento del 1767, il territorio si chiama già Gràcia.

Nel corso del XVIII secolo, Gràcia consolidò quella che sarebbe stata la sua struttura sociale per molti anni, tra la zona rurale e la zona estiva della borghesia di Barcellona. Prova di ciò è il gran numero di torri e seconde case appartenenti a famiglie benestanti. Tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento la zona che oggi chiamiamo Gracia era scarsamente popolata, i tre nuclei più importanti erano quelli che si erano sviluppati intorno ai conventi della zona: quello di Jesús (all’inizio del Carrer Gran), che del convento di Els Josepets (l’area dell’attuale Plaça de Lesseps), e quello dei Caputxins Vells (situato nell’area dove attualmente si trova il Mercato Centrale dell’Abaceria).

Tre tempi di indipendenza
Il 4 marzo del 1821, grazie alla Costituzione di Cadice, che autorizzava quei nuclei comuni costituiti da più di mille abitanti, Grace ottenne la sua prima indipendenza municipale, nella quale fu sindaco e Josep Tuset. Ma questa indipendenza durò poco: nell’aprile 1823 l’assolutismo costrinse a rimettere tutto com’era prima del 1 marzo 1820 e il 30 gennaio 1824 Grace perse il suo primo consiglio.

Nel 1828, però, per riconquistare l’indipendenza municipale, il popolo di Gracia sollecitò i monarchi Ferran e Amàlia a segregare Gràcia, a condizione che venisse ribattezzata “Villa de San Fernando y Santa Amalia”. Dopo due anni, nel 1830, fu concesso, e ancora una volta Gràcia poté avere un proprio municipio, anche se perse il nome, e ottenne il titolo di Vila. Ma i problemi politici hanno fatto sì che il Consiglio non potesse mai essere ricostituito, lasciando tutto a niente.

Fu allora che, il 13 ottobre 1849, redasse una mostra in cui la sovvenzione richiesta al comune, con il titolo di Villa, sulla base della Costituzione del 1845. In nove mesi, questa divenne realtà e il 6 luglio 1850, Josep Pons i Tarrecli, tre vicesindaci e quattordici consiglieri, si è insediato come sindaco. Questa è stata l’indipendenza municipale più lunga e stabile di Vila de Gràcia, fino all’annessione della città di Barcellona.

Operaio La Gràcia
Nel diciannovesimo secolo, la stragrande maggioranza degli abitanti di Gracia doveva andare a lavorare a Barcellona, ​​ma durante quel secolo furono istituite alcune industrie: una delle più importanti è la Vapor Vilaregut, nella zona di Perill / Torrent de l ‘ Olla, doveva essere conosciuto come il “Vapor Vell”, poiché nella zona di Puigmartí c’era anche il Vapor Puigmartí, noto come “Vapor Nou”, ampliato nel 1839.

La “New Steam” era forse una delle industrie più importanti della città, con circa 500 operai, ma non era priva di vertenze sindacali: nel 1841 si voleva dare fuoco al nuovo vapore, importato dalla Germania, e in estate del 1855 fu denunciata l’esistenza di un complotto per uccidere Puigmartí, cinque operai furono processati, ma nulla fu provato e le condanne furono lievi. La fabbrica rimase forte fino al maggio 1876, quando un incendio la distrusse completamente. Il terreno della vecchia fabbrica è ora occupato da appartamenti, nel mercato dell’Abaceria Central. È ancora possibile vedere il camino del vapore nell’attuale Plaça del Poble Romaní.

Il “Vecchio Piroscafo” non era esente dai problemi di manodopera dell’epoca. Già nel 1842 gli operai dovettero combattere contro il padrone per impedire un calo dei salari, e nel 1855 manifestarono al confine della Villa per chiedere “pane e lavoro”.

Queste due industrie cotoniere, insieme al gran numero di telai a mano posseduti da molti artigiani, fecero di Gràcia un importante centro della produzione tessile dell’epoca. Il 10 maggio 1840 fondò la prima azienda operante in Catalogna, la Barcelona Weavers Association, molti dei quali erano Gràcia.

Altre industrie furono fondate, come la fabbrica di tessuti elastici di Miquel Matas nel 1851, che aveva già 140 operai nel 1889 e sopravvisse fino al 1935; il setificio che Josep Reig aprì nell’attuale Carrer de l’Escorial, nella seconda metà del secolo, dove furono collocate 200 persone, e che finì in tragedia quando, nel 1962, l’edificio crollò e quattro persone morirono. Gradualmente, Gràcia è cresciuta grazie alle industrie e alle case costruite per i lavoratori. Nel 1863, il treno Sarrià fece tappa a ovest a La Vila.

L’aggregazione a Barcellona (1897)
Nel 1897, Gràcia, insieme ad altri paesi della pianura di Barcellona, ​​viene annessa alla città di Barcellona.

Quartieri
L’attuale quartiere di Gràcia, come è stato istituito nel 1984, è costituito dalla maggior parte del vecchio comune di Gràcia, ad eccezione del settore incorporato nell’Eixample; e di un settore storicamente di Horta, che corrisponde approssimativamente con i quartieri di Vallcarca e dei Penitenti id il Coll

Vila de Gràcia
Gràcia ha sempre avuto una vita politica e sociale attiva e un ricco tessuto di istituzioni civiche, culturali, ricreative, artistiche e sportive.

In linea di principio questo territorio dipendeva da Barcellona e scarsamente popolato. Tra il XVI e il XVII secolo, tre conventi (compreso il Josepets) e una serie di torri promosse dalla borghesia di Barcellona furono installati in isolamento vicino alle case coloniche esistenti. Durante la prima metà del XIX secolo, quel piccolo nucleo agricolo divenne il centro più importante della pianura di Barcellona, ​​grazie alla sua progressiva industrializzazione, sfruttando la disponibilità di terra libera. Gràcia divenne comune autonomo nel 1850, quando il comune contava più di 13.000 abitanti. Nel 1877 la popolazione raggiunse i 33.000. La convenienza di integrarlo a Barcellona fu considerata sempre più fortemente, parallelamente al progressivo sviluppo dell’appezzamento del piano Cerdà, allora in piena espansione. Così, dal 1880 in poi,

Quando fu finalmente riunita a Barcellona nel 1897, Gràcia aveva quasi 62.000 abitanti ed era una città molto popolata e attiva, ma con una grande mancanza di strutture e servizi. A poco a poco, furono costruite strade che collegavano il quartiere internamente ed esternamente, e strutture come i Mercati del Libertà (1893) e l’Abbazia Centrale. L’urbanizzazione era spesso svolta in modo autonomo dai proprietari terrieri, il che spiega i cambi di nome e la discontinuità fisica di alcune strade, nonché delle numerose piazze, solitamente una su ogni proprietà. Gràcia ha sempre avuto e mantiene una vita politica e sociale attiva e un ricco tessuto di istituzioni civiche, culturali, ricreative, artistiche e sportive con grandi radici popolari.

Camp d’en Grassot e Gràcia Nova
Il territorio di Camp d’en Grassot e Gràcia Nova combina armoniosamente il calore dei quartieri di Gràcia e l’ordine caratteristico delle strade dell’Eixample de Cerdà.

Il Camp d’en Grassot, una zona rurale ricca di case coloniche e tegole, era un quartiere estremo del comune di Gràcia, al confine con Barcellona, ​​che nel tempo sarebbe stato il quartiere della Sagrada Familia, in uno dei limiti del l’estensione. Intorno al 1860, i suoi proprietari iniziarono a svilupparlo, tra cui Jeroni Grassot. Gli assi principali di quell’urbanizzazione sopravvivono ancora sul lotto di Cerdà, come il passaggio di Alió o la strada di Grassot. L’edificio più notevole del quartiere è l’antica fabbrica La Sedeta. Creata nel 1899 e in funzione fino al 1976, Casa Pujol i Casacuberta è stata una delle tante fabbriche sorte nella zona alla ricerca di acque sotterranee dai torrenti. Fu acquisito dal Comune nel 1978, soddisfacendo così la richiesta del pubblico di recuperarlo per uso pubblico.

Sopra il Camp d’en Grassot, tra Carrer de l’Escorial, Carrer de les Camèlies, Carrer de Sardenya e Carrer de Pi i Margall, si trova il quartiere di Ca l’Alegre de Dalt. È un’area relativamente autonoma della città di Vila de Gràcia, con un’urbanizzazione diversa e più recente. Si differenzia anche nella composizione sociale e anche nell’aspetto commerciale, con l’impulso del proprio asse commerciale noto come Gràcia Nova. Queste ragioni, insieme ai rapporti che intrattiene con la parte alta del Camp d’en Grassot (Can Romans), soprattutto lungo gli assi di Pi i Margall e Secretari Coloma, sono alla base della considerazione del quartiere nel suo complesso. del Camp d’en Grassot e Gràcia Nova.

Distretto di La-salut
Nel quartiere di La Salut si trova, senza dubbio, l’elemento urbano più straordinario del quartiere: il Parco Güell, opera di Gaudí.

Nel 1864 si decise di costruire alla periferia di Gràcia una cappella dedicata alla Vergine della Salute, attorno alla quale si è sviluppato negli anni il quartiere. Ma da prima la zona era conosciuta per la fontana e la fattoria di Xirot. Le vicine miniere di ferro davano il loro caratteristico sapore all’acqua sorgiva. Oggi quasi tutte le case coloniche sono scomparse, tranne quelle di Can Xipreret e Can Tusquets, e anche le fontane, ad eccezione di quella di El Carbó, che si trova all’interno della tenuta Cottolengo. Nelle vicinanze si trova il monastero di Sant Josep de la Muntanya. Ma, senza dubbio, l’elemento urbano più eccezionale è il Parco Güell, opera di Gaudí. L’urbanizzazione doveva essere stabilita nel parco, ma non prosperò.

Distretto di Coll
Il distretto di Coll si trova all’estremità nord-orientale del distretto di Gràcia. Si estende ai piedi del colle omonimo.

Il quartiere Coll si trova a circa 300 metri sul livello del mare, all’estremità nord-orientale del distretto di Gràcia. Si estende ai piedi del colle omonimo, su entrambi gli angoli dell’alto corso del vecchio torrente Farigola, affluente del torrente Vallcarca. L’origine del quartiere è la chiesa di El Coll, dell’XI secolo. Nelle vicinanze c’era la cappella di Lourdes. Tutta questa zona era stata il territorio di caccia dei feudatari di Barcellona. Successivamente, diversi banditi utilizzarono le grotte di Cimanya come rifugio – già dall’altra parte del Coll, nell’attuale distretto di Carmel -, che in seguito divennero importanti miniere di ferro.

All’inizio del XX secolo il quartiere era pieno di case coloniche e case. Verso gli anni Sessanta, la febbre urbana fece sì che l’edificio si estendesse, spesso in modo disordinato, ai restanti spazi liberi, fino a occupare completamente entrambi i lati della valle. Avinguda de la Mare de Déu del Coll è la spina dorsale principale in un quartiere con un appezzamento urbano punito da ripidi pendii. Nel 1976 fu richiesta la costruzione di un parco. La cava di Creueta fu abbandonata e dovevano essere costruiti appartamenti. Alla fine fu evitato e nel 1986 fu inaugurato il parco Creueta del Coll. I suoi elementi di spicco sono il laghetto-stagno che occupa la parte inferiore e la grande scultura sospesa di Eduardo Chillida.

Vallcarca e il quartiere dei Penitenti
Vallcarca è un quartiere nascosto tra due colline, il Putxet e il Coll, che si estende seguendo il corso del torrente che le dà il nome.

Vallcarca è un quartiere nascosto tra due colline, il Putxet e il Coll, e si estende lungo il corso del torrente che le dà il nome. I suoi nuclei originari erano l’Hostal de la Farigola, Can Falcó, Can Mas e Can Gomis. I giardini di Can Gomis furono distrutti con la costruzione dell’Ospedale Militare. Il vecchio ostello de La Farigola, sul torrente omonimo, fu demolito e fu costruita una scuola. Sul terreno di Mas Falcó c’è una piccola urbanizzazione di torri isolate. Nei suoi inizi Vallcarca faceva parte di Horta. Era un quartiere di estivi e di persone con interessi diversi che vivevano nella valle. I visitatori estivi desideravano la tranquillità e la gente della valle desiderava migliori comunicazioni. Infine fu costruito un viadotto per salvare la valle (ponte Vallcarca) e fu sviluppato il torrente.

Nella parte alta del quartiere, sul Paseo de la Vall d’Hebron e ai piedi di Collserola, si trova il quartiere dei Penitenti. Nacque nel 1902, quando ebbe luogo la prima urbanizzazione della grande casa padronale di Can Gomis. Il nome dei Penitenti deriva dalle riunioni dei fedeli che, con qualche ispirazione eremita, si tenevano per un periodo in un convento e in alcune grotte della zona. Monsignor Cinto acquistò il convento, ma dovette abbandonarlo per problemi finanziari e il Comune di Horta lo demolì. Nel tempo l’ambiente è diventato un piccolo quartiere residenziale, successivamente diviso dalla Ronda de Dalt. La parte più grande, sulla rotatoria, ha visto crescere nuovi edifici intorno a Collserola Street.

Principali attrazioni
Scopri e approfitta di tutto ciò che il quartiere ha da offrire: spazi urbani, patrimonio culturale e architettonico, spazi naturali, musei, centri ricreativi e ricreativi, centri studio, proposte per lo shopping o per lo sport e molto altro ancora.

Casa Vicens
La Casa Vicens è un edificio modernista e il primo progetto importante per l’architetto Antoni Gaudí iniziò a costruire nel 1883. Situato nella via Carolinas, numero 20-26, nel quartiere di Gràcia della città di Barcellona. Si tratta di un’opera dichiarata Patrimonio Culturale di Interesse Nazionale e Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Ospita giardini maestosi di volumi complessi, Gaudí combina la pietra, il mattone e ha visto una vasta gamma di piastrelle a Valencia in colori diversi, dove l’influenza dell’orientalismo radicato nell’Islam è chiara.

Le recinzioni in ferro battuto sono direttamente ispirate alla natura e, in particolare, alla palma (una palma tipica del Mediterraneo occidentale). Anche le ringhiere e le grate sono in ferro battuto e preludono a motivi decorativi modernisti. L’intarsio dei tralicci del giardino, del giardino stesso, spazia dalle soluzioni di finitura degli interni arabizzanti, di carattere mediterraneo o di vicinanza alla natura.

All’interno, l’elemento decorativo principale è il legno scolpito e policromo, che insieme ai mobili produce un insieme di un carattere fantastico.

Park Güell
Il Park Güell è un grande giardino con elementi architettonici situato nella parte alta di Barcellona, ​​sulle pendici della collina del Carmelo che si affaccia sul mare, non lontano dal Tibidabo. È stato progettato dall’architetto Antoni Gaudí, il massimo esponente del modernismo catalano, costruito tra il 1900 e il 1914 e inaugurato come parco pubblico nel 1926. Ha una superficie di 17,18 ettari (0,1718 km²), che lo rende uno dei più grandi edifici architettonici lavora nell’Europa meridionale .. Nel 1984 l’UNESCO ha dichiarato il Parco Güell patrimonio dell’umanità.

Il design del parco mostra chiaramente la mano di un architetto e lo stile peculiare di Gaudí è evidente in qualsiasi elemento, non importa quanto piccolo. Ci sono forme ondulate, simili a fiumi di lava, e passerelle coperte di colonne che hanno la forma di alberi o stalattiti. Molte delle superfici sono ricoperte di trencadís, pezzi di ceramica o vetro sotto forma di mosaici colorati. Grazie alla sua posizione al centro della città e in alta quota, questo parco è un’oasi di pace che contrasta con il rumore e la frenesia della capitale catalana. Antoni Gaudí aveva in mente le città giardino inglesi e insisteva per ottenere una perfetta integrazione delle sue opere nella natura. Ne sono la prova le colonne in pietre di dimensioni e forme molto variabili, che suggeriscono tronchi d’albero, stalattiti e grotte naturali. Gli angoli retti non appaiono da nessuna parte:

Il punto centrale del parco è costituito da un’immensa piazza, il cui bordo funge da panchina e ondeggia come un serpente lungo centocinquanta metri. Anche questa panca è ricoperta di trencadí fatti di piccoli pezzi di ceramica e vetro ed è opera di Josep Maria Jujol, un collaboratore di Gaudí. La piazza è parzialmente sostenuta dalla Sala delle Cento Colonne, composta da ottantasei colonne che assomigliano a gigantesche stalagmiti in una grotta. Sul soffitto, tra le colonne, sono presenti decorazioni circolari dove le colonne inizialmente previste non erano state costruite (dovevano essere cento).

La scala all’ingresso principale del parco raggiunge questo luogo, con gradini disposti simmetricamente attorno alla scultura di una salamandra che è diventata l’emblema del giardino. Rappresenta la salamandra alchemica, che simboleggia l’elemento fuoco. All’ingresso principale del parco si trovano due edifici in puro stile Gaudí, con soffitti curvi lisci, strane appendici e motivi geometrici. Quella sulla destra è la Casa del Guarda, ideata e progettata da Gaudí come casa per il portiere del Park Güell. I lavori di forgiatura sono opera di Badia, fratelli.

La Casa del Guarda è uno dei pochi esempi di una casa modesta costruita da Gaudí. Fu costruito tra il 1901 e il 1903 in risposta ai principi di utilità e semplicità interna, senza rinunciare, però, ad una grande ricchezza formale e visiva. Nel tempo, la casa ha avuto usi diversi e ha subito vari restauri per accogliere l’attuale progetto museale del Museo di Storia di Barcellona (MUHBA). La mostra “Güell, Gaudí e Barcellona. Espressione di un ideale urbano ”che spiega la Casa del Guarda, il Parco Güell e la Barcellona dei tempi del modernismo da tre assi: la casa, il parco e la città.

Casa Fuster
La Casa Fuster è un edificio modernista progettato e creato da Lluis Domenech i Montaner con l’aiuto di suo figlio Pere Domenech i Roura tra gli anni 1908 e 1911 nella città di Barcellona. Fu costruito per ordine della Consol Fabra i Puig, figlia del Marchesato di Alella e moglie di Marià Fuster Fuster, che vi avrebbe risieduto. Si trova al numero 132 di Passeig de Gràcia, in cima a tutto, di fronte ai giardini Salvador Espriu, vicino alla Diagonal. Proprio i giardini prendono il nome in onore del poeta, poiché in uno degli uffici della torre cilindrica all’angolo Espriu creò gran parte della sua opera letteraria. Domènech i Montaner, in una delle sue ultime opere, l’ultima a Barcellona, ​​utilizza molti dei suoi elementi caratteristici: base di robuste colonne in pietra rosa, finestre trilobate, ornamenti floreali. L’ensemble, tuttavia, denota una grande moderazione espressiva, favorita dal candore del marmo e dall’euritmia delle facciate; il posteriore è insolitamente piatto. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale.

L’edificio noto come Casa Fuster è stato progettato dall’architetto Lluís Domènech i Montaner e costruito tra il 1908-1911, su commissione di Consol Fabra e Mariano Fuster i Fuster. Il nuovo edificio si trova alla fine del Passeig de Gràcia, essendo configurato come un edificio quasi esente, con tre facciate: le principali su Passeig de Gràcia e Carrer Gran de Gràcia -che formano un angolo- e una scuola secondaria in Carrer de Gràcia.

Sulle due facciate principali l’architetto ha utilizzato elementi neogotici e floreali, tipici del suo linguaggio modernista, ma, in questa occasione, con una certa moderazione e un concetto più austero negli ornamenti. Questo vincolo si vede proprio negli elementi decorativi delle diverse aperture e dei capitelli che offrono una schematizzazione nei motivi vegetali e una chiara tendenza a linee geometriche più piatte. Allo stesso modo, l’angolo diventa protagonista con la costruzione di un corpo cilindrico in tutta la sua altezza, elemento già presente in altre opere di Domènech i Montaner come l’Hospital de Sant Pau o la Casa Lleó Morera. Questo elemento turrito si sviluppa solo dal primo piano, lasciando il piano terra come punto aperto con una grande colonna centrale.

La base del cilindro forma così una sorta di cantilever riccamente scolpito e da dove partono i nervi che si riversano in una sorta di mensole di ordine ionico. Queste mensole costituiscono la base delle colonne – di capitello in legno scanalato e scolpito – che compongono la galleria porticata del primo piano. Questo elemento porticato si sviluppa su entrambi i lati della torre -al primo piano delle facciate di Passeig de Gràcia e Carrer Gran de Gràcia- nello specifico, come una galleria a sbalzo che funge da base per i balconi situati al secondo livello del edificio .. Spiccano le aperture dei piani superiori, a forma di finestre a corona – di ispirazione medievale – con architrave trilobato, alcune con corrimano e ringhiere in ferro.

La facciata di Carrer de Gràcia si avvale della struttura metallica a vista e di elementi austeri nella decorazione, più caratteristici delle sue prime opere architettoniche. Di particolare rilievo è la grande varietà e ricchezza dei materiali utilizzati, in particolare il marmo rosso del fusto delle colonne al piano terra che contrasta con il bianco della facciata.

Si tratta di una costruzione con sette livelli di elevazione: piano terra, primo o principale, quattro piani e lastrico solare calpestabile oltre ad un livello interrato. Il seminterrato dell’edificio, dove c’era una sala da ballo chiamata El Danubio Azul, è diventata la sala eventi Domènech i Montaner. Questa sala si trova appena sotto il caffè viennese – di cui parleremo più avanti – e ha una struttura molto simile. Si tratta di uno spazio molto ampio con grandi colonne in legno liscio e un capitello floreale astratto che sorregge le volte in mattoni ricoperte di foglia d’oro e che contrasta con il pavimento di piastrelle nere che assumono una forma circolare.

Al piano terra troviamo la hall con la reception dell’hotel; è uno spazio di grande trasparenza grazie alla sua struttura ipostila con grandi colonne di marmo rosso scanalato e capitelli floreali che raccolgono i grandi archi che sorreggono le volte in mattoni. Questa struttura è mantenuta nello spazio noto come Cafè Vienès – che riprende il nome del vecchio caffè che si trovava nello stesso luogo, molto popolare tra i barcellonesi negli anni Quaranta per essere un punto di ritrovo per gli incontri sociali – ma in questo caso il mattone le volte sono dipinte con pane dorato. Nella hall sono presenti due scale che danno accesso ai piani superiori, una delle quali – quella che si affaccia su Carrer de Gràcia – è ora chiusa da una struttura metallica. Il candore delle pareti contrasta con lo zoccolo dipinto di giallo, uno dei pochi elementi colorati dell’edificio oltre alle colonne. Attualmente dispone anche di due ascensori.

Infine, al piano nobile si trova il ristorante dell’hotel, chiamato Galaxó, in riferimento alla collina dove Mariano Fuster aveva una casa a Maiorca. È una stanza con vista sul Passeig de Gràcia, con tre aree separate solo da archi in pietra e dove le colonne che compongono la galleria del portico sono incorporate all’interno della stanza. Il soffitto originario è attualmente ricoperto da un pannello di forme ondulate decorato con pane di latta che reinterpreta in chiave più contemporanea le volte del piano terra. Gli altri livelli sono occupati dalle camere dell’hotel e da altre aree ricreative come la palestra o il bar, tra gli altri. Da segnalare a tal proposito il pavimento calpestabile coperto, oggi occupato dalla terrazza bar e da una piscina.

Casa Joan Baptista Rubinat
La Casa Joan Baptista Rubinat è un’opera modernista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. L’edificio residenziale situato in Carrer Or, 44 si trova nel Distretto di Gràcia, su un’isola di case delimitata dalle strade Torrijos, Torrent d’en Vidalet, Sant Lluís e Or, con l’accesso principale rivolto verso Plaza Virreina. Si tratta di un edificio residenziale che Joan Baptista Rubinat i Planas commissionò a Francesc Berenguer Mestres all’inizio del XX secolo. A pianta rettangolare con cortile sul retro, presenta al centro il vano scala e, allineati con esso, due piccole corti luminose.

La struttura sopraelevata ha un piano terra e cinque piani, con copertura piana percorribile chiusa da ringhiera in ferro battuto. La facciata ha una composizione piatta e simmetrica, con le loro aperture disposte su quattro assi verticali e cinque orizzontali di ritmo regolare.

Al piano terra si trovano quattro portali identici, tutti formati da muratura in pietra dolcemente modanata dove scaricano quattro archi angolari in mattoni. Il portale di accesso all’atrio della tenuta, situato nella parte più occidentale, presenta la porta di servizio dell’aplomb della facciata. Sugli altri piani sono presenti quattro balconi con lastre, dal profilo sinuoso, che mostrano in basso le travature in ferro che sorreggono gli archi, decorate con trencadís. Questi balconi hanno un meticoloso recinto in ferro battuto, con barre ondulate e collegate. Segnano anche i quattro assi verticali, coronati sul tetto da pinnacoli aguzzi di mattoni a vista e da un supporto in ferro battuto lavorato per trattenere la carrucola. Dal primo piano, fatta eccezione per le cornici in mattoni che delimitano le aperture e il coronamento dell’edificio,

Can Tusquets
Can Tusquets è una fattoria barocca a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. Can Tusquets si trova in una zona giardino, a contatto con i giardini di Menéndez Pelayo, all’angolo tra Avinguda del Santuari de Sant Josep de la Muntanya e Travessera de Dalt, nel distretto di Gràcia. Si tratta di un fabbricato indipendente costituito da un casale quadrato con piano terra e due piani, con corte recintata laterale e posteriore.

Casa Gustà
La Casa Gusta è un edificio modernista realizzato da James Bond Gustà 1910 nel quartiere Gracia. È elencato come un bene culturale di interesse locale nel comune di Barcellona. Situata nel quartiere di Gràcia, Casa Jaume Gustà si trova all’estremità meridionale dell’isola delle case delimitata da Passeig d’Amunt e dalle strade di Ca l’Alegre de Dalt, Balcells e Pau Alsina. Presenta tre facciate che si affacciano sulle prime tre strade citate e la divide con il terreno confinante. L’accesso principale avviene dalla via Ca l’Alegre de Dalt, sebbene abbia anche un ingresso al Giardino da Passeig d’Amunt.

Può Sert
Can Sert è un monumento a Barcellona protetto come bene culturale di interesse locale. Set che occupa un’intera isola nel 6 ° distretto, Gràcia. Era una grande casa colonica tipica, anche se per gli usi dati è oggi molto ristrutturata.

Masia Can Trilla
Masia Can Trilla è un’antica fattoria a Gràcia protetta come bene culturale di interesse locale, situata in Carrer Gran de Gràcia 177, a Barcellona. Questa pairalia, ancora conservata, inscatolata tra le nuove costruzioni, ha pianta rettangolare, formata da due corpi abbastanza simmetrici, con un piano terra, due piani e un sottotetto. C’è anche un seminterrato a volta.

Campanile delle Grazie
Il Campanar de Gràcia o Torre dell’Orologio fu costruito intorno al 1870 nella Plaza de la Vila de Gràcia. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. La torre dell’orologio si trova al centro della Plaza de la Vila de Gràcia e, con un’altezza di quasi 33 metri, si configura come la torre pubblica più alta del quartiere. Nonostante sia in gran parte costruito con conci di pietra, il mattone è stato utilizzato per realizzare le finestre apribili, le fasce verticali che la decorano e gli angoli della struttura. La torre ha una solida base quadrata in pietra, sormontata su ogni lato con gli stemmi della città di Gràcia, Barcellona, ​​il Principato di Catalogna e lo stemma della regina Isabella II .. Nella serratura del basamento prospiciente il palazzo comunale si trova una fontana – incorniciata da un grande arco – che presenta due volti scolpiti a forma di volto che espellono l’acqua dalla bocca. Alla sommità della fontana, incorniciata anche dall’arco, si trova una targa commemorativa che ricorda l’anno della sua costruzione (1864), i danni subiti durante la rivolta popolare dei quinti del 1870 e il suo restauro del 1882.

Filiale La Caixa de Barcelona
La filiale La Caixa de Barcelona è un’opera storicista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. L’edificio che ospita l’ex Caja de Ahorros de Barcelona, ​​situato in Carrer Gran de Gràcia 18 a Barcellona, ​​è stato progettato dall’architetto August Font i Carreras nel 1906. La struttura si trova nell’isolato di case delimitato da Jesús, Sant Pere Màrtir , Carrer de Gràcia e Gran de Gràcia, dove si apre la facciata. L’edificio fa parte di un lotto poligonale regolare e si sviluppa su tre livelli di elevazione: piano terra e due piani, il tutto coperto da lastrico solare calpestabile.

Casa Vilaró
La Casa Vilaró è un quartiere razionalista a carattere unico della Salute di Barcellona protetto come bene culturale di interesse locale. È considerata una delle prime opere ad essere direttamente influenzata dall’architettura razionale. Si tratta di un edificio situato sul pendio di una collina. La casa è organizzata su diversi livelli per adattarsi al terreno, quindi gli elementi strutturali assumono importanza. Il profilo della casa ricorda una nave ed è una caratteristica della prima tappa del GATCPAC.

Convento di Pompei
Il Convento di Pompei è una chiesa storicista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. La chiesa e il convento di Pompei è un complesso monastico progettato dall’architetto Enric Sagnier i Villavechia e costruito tra il 1908-1915. L’edificio si trova sull’isola delle case delimitata dalle strade di Riera de Sant Miquel, Séneca, Minerva e Avinguda Diagonal. L’edificio sorge sul terreno all’angolo tra Avinguda Diagonal (numero 450) e Carrer Riera de Sant Miquel. La chiesa -costruita in un peprendicolare sull’Avinguda Diagonal- è l’edificio più orientale del complesso. Attaccato ad uno dei suoi lati, il monastero stesso si sviluppa con una serie di costruzioni che, pur delimitando la forma angolare del lotto, si collocano attorno ad un ampio spiazzo triangolare che, in qualche modo,

Casa Bonaventura Ferrer
La Casa Bonaventura Ferrer è un edificio modernista situato al numero 113 del Passeig de Gracia, nel quartiere di Gracia a Barcellona. Attualmente è utilizzato come hotel, noto come El Palauet. È un progetto dell’architetto Pere Falqués i Urpí realizzato nel 1906 e si compone di una pianta e quattro piani. Sulla facciata, a tre corpi verticali, spicca in primis la tribuna, con una scultura scolpita nella pietra e un ampio spazio alla base, con un contrappunto tra gli spazi vuoti e pieni. La porta e i balconi sono in ferro battuto e il suo coronamento è di ispirazione barocca. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. L’edificio noto come Casa Bonaventura Ferrer è un edificio modernista situato al 113 di Passeig de Gràcia (nei Jardinets), progettato dall’architetto Pere Falqués i Urpí e costruito tra il 1905-1906.

Chiesa dei Josepets de Gràcia
La chiesa della Virgen de Gracia e Sant Josep, popolarmente conosciuta come Josepets de Gràcia, è la chiesa dell’antico convento dei Carmelitani Scalzi di Santa Maria de Gràcia, situata in cima alla piazza moderna. de Lesseps nel quartiere di Gràcia, a Barcellona, ​​dove è l’edificio più antico. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. La chiesa della Virgen de Gracia e Sant Josep, popolarmente conosciuta come Josepets de Gràcia, fu costruita tra il 1658 e il 1687 su progetto di Fra Josep de la Concepción, detto il Tracio. Attualmente è l’unico edificio conservato nell’antico convento dei Carmelitani Scalzi a Santa Maria de Gràcia.

Mercato della libertà
Il Mercat de la Llibertat è un mercato alimentare situato nel quartiere di Vila de Gràcia, nel quartiere Gràcia di Barcellona. L’edificio, ristrutturato nel 2009, occupa un’isola tra le vie Oreneta, Milton, Sant Gabriel e Sant Cristòfor, vicino a Plaça Gal • la Placídia a Barcellona. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. Il mercato alimentare nel quartiere di Vila de Gràcia si trova al centro dell’isola di case delimitata dalle strade di Oreneta, Milton, Sant Gabriel e Sant Cristòfor, molto vicino a Plaça Gal • la Placídia.

Comune di Gràcia
La Città delle Grazie è un eclettico municipio di Barcellona protetto come bene culturale di interesse locale. Il Comune di Gràcia si trova nell’attuale numero 2 di Plaça de la Vila de Gràcia, in un edificio della seconda metà del XIX secolo che ha subito numerose campagne di costruzione, tra cui quella dell’architetto. Francesc Berenguer i Mestres nel 1905.

Casa Comas d’Argemir
La Casa di Argemir Comas è un edificio modernista, progettato dall’architetto Josep Vilaseca i Casanovas (1904), situato in Avenida Argentina, 92 nel quartiere di Vallcarca e nel quartiere dei Penitenti della Gracia di Barcellona. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. La Comas d’Argemir si trova sulla stretta isola del distretto di Gràcia delimitata dalle strade Bolívar, Agramunt, Avinguda de la República Argentina e Avinguda de Vallcarca. È un edificio costruito nel 1904 come casa indipendente dall’architetto Josep Vilaseca i Casanovas.

Costruzione del Centro Morale di Gràcia
L’edificio del centro morale e istruttivo di Gràcia è un’opera modernista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. È la sede del Centro morale e istruttivo di Gràcia. Il Centro Morale di Gràcia si trova sull’isola del distretto di Gràcia delimitato dalle strade Ros de Olano, Gran de Gràcia, Montseny e Pere Serafí. È la sede di un’associazione culturale del XIX secolo. Presenta un’unica facciata esterna che si affaccia su via Ros de Olano da dove avviene l’accesso principale. L’immobile ha una planimetria a forma di “ela” e presenta un lungo corridoio che collega le stanze laterali a destra e con il fondo del lotto dove si trova un piccolo teatro. L’edificio è composto da piano terra più due piani.

Gruppo scolastico La Farigola
Il gruppo scolastico La Farigola è un edificio noucentista a Barcellona protetto come bene culturale di interesse locale. Ospita la scuola La Farigola de Vallcarca. Il Gruppo Scolastico La Farigola si trova sull’isola del distretto di Gràcia, delimitato dalle vie Sant Camil, Sant Eudald, Balears e Farigola. È un edificio scolastico separato dalla strada dal cortile della scuola. L’ingresso è lungo Carrer Sant Camil attraverso un portico che dà accesso sia all’edificio che al cortile della scuola.

Torre di Sant Jordi
La Torre de Sant Jordi è un edificio a Barcellona protetto come bene culturale di interesse locale. La Torre Sant Jordi si trova sull’isola del distretto di Gràcia, delimitata dalle strade di Sant Eudald, Balears, Rubens e Avinguda de la Mare de Déu del Coll. Si tratta di una villetta modernista con giardino. La proprietà ha una sola facciata rivolta verso Carrer de Sant Eudald, dove si trova l’ingresso al giardino. Da questo spazio, formato da due travi in ​​legno collegate da scale, si accede alla casa.

Santuario di Sant Josep de la Muntanya
Il Santuario di Sant Josep de la Muntanya è un edificio neoromanico con elementi modernisti situato nel quartiere di La Salut (Gràcia, Barcellona), opera di Francesc Berenguer i Mestres dell’inizio del XX secolo. Commissionato dalla Congregazione delle Madri degli Abbandonati e Sant Josep de la Muntanya, è un centro di culto e pellegrinaggio, è stato il primo al mondo dedicato a Sant Josep. Ospita anche il lavoro sociale avviato da Beata Petra de Sant Josep, ed è attualmente un centro di accoglienza per bambini a rischio di esclusione sociale. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. Il Santuario di Sant Josep de la Muntanya si trova sull’isola del distretto di Gràcia delimitato dalle strade Sant Cugat del Vallés, Maignon e dai viali Coll del Portell e Sant Josep de la Muntanya.

Fontana di Ercole
La Fontana di Ercole è la più antica fontana ornamentale della città di Barcellona. Un’opera dello scultore Salvador Gurri fu installata nel 1797 sul Passeig de l’Esplanada a Barcellona, ​​inaugurata ufficialmente nel 1802, e fu trasferita nel 1929 nell’attuale sede, alla confluenza del Passeig di Sant Joan con Carrer Còrsega. È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. Il Font d’Hèrcules si trova al centro dell’incrocio di Passeig Sant Joan con Carrer Còrsega nel distretto di Gràcia. Si tratta di un monumento incentrato sull’intaglio di una figura di tipologia eretta dedicata alla figura mitologica di Ercole, che si trova nella parte superiore del monumento. Questo è accompagnato da altri elementi secondari nel tema ma che compongono un set compositivo scolpito nella pietra di Montjuïc.

Tempo in Francesc Cama
La Casa Francesc Cama è un’opera della Barcellona modernista protetta come bene culturale di interesse locale. Casa Francesc Cama si trova in un condominio nel quartiere di Gràcia, delimitato dalle strade Gran de Gràcia, Santa Eugènia, Sant Cristòfol e Travessera de Gràcia. Presenta una facciata principale rivolta verso Carrer Gran de Gràcia da cui ha luogo l’accesso principale, una facciata secondaria rivolta verso Carrer Santa Eugènia e una facciata interna rivolta verso il cortile dell’isola.

Sant Joan de Gràcia
Sant Joan de Gràcia è una chiesa eclettica costruita tra il 1878 e il 1884 in Plaça de la Virreina nel quartiere Gràcia di Barcellona, ​​sul sito del giardino del palazzo o torre estiva chiamata de la Virreina, costruita dal viceré Manuel Amat (il l’edificio del palazzo finì per occupare lo spazio dove ora si trova la Plaça de la Virreina). È un’opera tutelata come bene culturale di interesse locale. La Parrocchia di Sant Joan de Gràcia si trova nel quartiere di Gràcia, di fronte alla parete nord-ovest di Plaça Virreina dove ha l’accesso principale. È un insieme di chiesa e canonica, essendo il primo di un’unica navata con cappelle e transetto. Comprende anche un campanile e contrafforti visti. L’edificio è circondato da strade e orientato da sud-est a nord-ovest seguendo la trama del quartiere.

Torre Marsans
La Torre Marsans è un’opera eclettica a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. La Torre Marsans si trova sull’isola del distretto di Gràcia delimitato dal Paseo de Mare de Déu del Coll, Carrer Castellterçol e Passatge Tona. La proprietà si affaccia sul Passeig Mare de Déu del Coll dove ha l’accesso principale.

Edificio Roca Barallat
L’edificio Roca Barallat è un’opera razionalista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. L’edificio Roca Barallat si trova all’angolo nel quartiere di Gràcia, all’incrocio tra Via Augusta e Plaça Narcís Oller. Si tratta di un fabbricato compreso tra le mediane in un lotto di pianta praticamente rettangolare, costituito da un basso commerciale (oggi -2014- tabacchi), un piano nobile e 6 impianti residenziali.

Casa Cama i Escurra
The House Bed and Escurra è un’opera della Barcellona modernista protetta come bene culturale di interesse locale. Casa Cama i Escurra si trova in Carrer Gran de Gràcia (quartiere Gràcia), in un momento in cui è ancora fusa con la parte alta dei Jardinets de Gràcia. Il fabbricato si trova tra le mediane in un contesto di ampi marciapiedi che gli conferiscono praticamente l’aspetto di una piazza.

Casa Elisa Bremon di Thorn
La Casa Elisa Bremon d’Espina è un’opera modernista a Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. Casa Elisa Bremon a Espina si trova in Carrer Gran de Gràcia, su uno stretto terreno rettangolare. Si tratta di un fabbricato compreso tra le mediane, costituito da un piano terra con due locali commerciali posti ai due lati del portone di ingresso del fabbricato, oltre a quattro piani di abitazioni e un terrazzo sull’ultimo impianto.

Casa Garriga
La Casa Garriga è un’opera eclettica di Barcellona protetta come bene culturale di interesse locale. Edificio residenziale situato su una delle vie principali della città. In prospetto presenta una facciata eclettica piuttosto sobria. La facciata è costituita da una serie di aperture disposte simmetricamente, mediante modanature decorative assenti, su fondo di conci tagliati a cespuglio. Tuttavia, al piano nobile, dove si trovava la casa più importante, spicca la tribuna, dove si concentra la maggior parte della decorazione in stile modernista. Questo stile sobrio è vicino al classicismo francese e gli conferisce un’aria più maestosa.

Casa Barangé
The House Barang è un’opera della Barcellona razionalista protetta come bene culturale di interesse locale. Casa Barangé si trova nel quartiere Putxet, appena fuori dal viadotto Vallcarca. Si tratta di una casa indipendente e indipendente, fronte Piazza Mons, composta da un piano terra e due piani per abitazione.

Insieme di case multifamiliari sulla Rambla del Prat
L’insieme di case plurifamiliari sulla Rambla del Prat è un’opera modernista a Barcellona protetta come Bene Culturale di Interesse Locale. Il complesso residenziale sulla Rambla del Prat 4-6-8-10 si trova sull’omonima strada, nel quartiere di Gràcia. Si tratta di un insieme di edifici molto omogenei tra mediani destinati quasi interamente ad abitazioni. Solo, il numero 4 documenta un minimo commerciale (lavaggio a secco nel 2014). Al di sopra di questo piano terra ci sono altri quattro piani, oltre a un tetto superiore.

Monumento a Josep Anselm Clavé
Il Monumento a Josep Anselm Clavé è una scultura in stile storicista progettata dall’architetto Josep Vilaseca e coronata da una scultura dello scultore di Barcellona Manuel Fuxà che rappresenta il compositore di Barcellona Josep Anselm Clavé, un’opera di Barcellona protetta come Bene Culturale di Interesse Locale. Il Monumento ad Anselm Clavé si trova al centro dell’ultimo tratto pedonale del Passeig de Sant Joan, tra le vie Antoni Marià Claret e Travessera de Gràcia.

Nostra Signora del Coll
La Mare de Déu del Coll, o Font-rúbia, è una chiesa del quartiere Coll, a cui dà il nome, nel quartiere Gràcia di Barcellona. Si tratta di una chiesa romanica dell’XI secolo, di cui si conservano il corpo centrale e il campanile, altri elementi attuali della chiesa del XX secolo. Il territorio in cui si trova questo tempio era un passaggio da Vallcarca a Horta e faceva parte del comune di Gràcia fino alla sua aggregazione a Barcellona nel 1904.

Oratorio di Sant Felip Neri
L’Oratorio di Sant Felip Neri è una chiesa storicista di Barcellona tutelata come bene culturale di interesse locale. Complesso architettonico nel quartiere Gràcia di Barcellona tra le vie Sol, Montseny e Ros de Olano. Il complesso è costituito dall’edificio dell’Oratorio annesso agli annessi residenziali della comunità che si articolano attorno ad un chiostro centrale. Opera dell’architetto di Vigo Josep Artigas i Ramoneda, questo oratorio riproduce la chiesa di Sant Felip Neri in stile barocco situata in argilla gotica. La facciata ha tre corpi con finitura semicircolare al centro; sul portone d’ingresso principale è presente una nicchia con la scultura del Santo e su un rosone. Possiede anche un campanile quadrato. L’interno è anche cappelle laterali.

Erborista Llobet
L’Erboristeria Llobet è un edificio a Barcellona protetto come Bene Culturale di Interesse Locale. La struttura è ospitata in un edificio neoclassico della metà del XIX secolo. Ha un’unica apertura sulla strada. L’esterno ha persiane pieghevoli in legno verniciato. La porta sul retro a due ante crea una piccola lobby esterna con finestre laterali. La composizione del set è simmetrica con uno zoccolo pannellato, tre sezioni orizzontali di vetro fino all’architrave e un corpo superiore in vetro traslucido.

Shopping
Il commercio è uno degli elementi più identificativi di Gràcia, del suo modo di essere, del suo modo di intendere il mondo. È una delle caratteristiche che definiscono la loro realtà economica e sociale, e un esempio di come uomini e donne hanno saputo adattarsi ai cambiamenti dei tempi. In Gràcia, il commercio significa buon trattamento e innovazione, conoscere le esigenze della comunità che ti circonda, aggiornarti costantemente. È anche equivalente a lavoro, dinamismo e proiezione. Il commercio è capire ed essere in grado di fornire. È ascoltare e talvolta sognare. È un know-how che può essere appreso solo stando ogni giorno dietro un bancone e ascoltando attentamente le esigenze dei vicini. Anche a Gràcia la parola commercio è anche sinonimo di qualcos’altro. Significa tradizione, patrimonio culturale, testimonianza di un passato, come in pochi luoghi della Catalogna.

Per Gràcia, il commercio è stato l’emblema di una città che alla fine del XIX secolo divenne la seconda città del paese. L’odierno commercio di Gracia è l’erede di tutto, ed è per questo che ha imparato ad adattarsi alle nuove circostanze. Alcuni locali lo hanno fatto alla ricerca di nuovi valori come sostenibilità e innovazione, altri proponendo prodotti artigianali. Sempre alla ricerca dell’eccellenza e del valore aggiunto.

Vivere Gràcia attraverso i suoi negozi è un’esperienza unica che ti invitiamo a vivere, passo dopo passo. Scopri i percorsi che abbiamo preparato per te e lasciati stupire. Alcuni stabilimenti lo hanno fatto alla ricerca di nuovi valori come sostenibilità e innovazione, altri proponendo prodotti artigianali. Sempre alla ricerca dell’eccellenza e del valore aggiunto. Vivere Gràcia attraverso i suoi negozi è un’esperienza unica che ti invitiamo a vivere, passo dopo passo. Scopri i percorsi che abbiamo preparato per te e lasciati stupire. Alcuni stabilimenti lo hanno fatto alla ricerca di nuovi valori come sostenibilità e innovazione, altri proponendo prodotti artigianali. Sempre alla ricerca dell’eccellenza e del valore aggiunto. Vivere Gràcia attraverso i suoi negozi è un’esperienza unica che ti invitiamo a vivere, passo dopo passo.

Un percorso attraverso La Gràcia più innovativo e premiato. Un percorso tra le botteghe di Gràcia che sono riuscite a catturare lo spirito di un territorio che ha sempre rivendicato creazione e giustizia sociale, consumo responsabile e dinamismo come parte delle sue radici. Un percorso tra quelle botteghe che testimoniano la storia di Gràcia, un passato commerciale che ha saputo adattarsi ai mutamenti dei tempi e che sono la testimonianza del dinamismo del centro storico. Su questo percorso troverai esercizi di ristorazione con più di 90 anni o inclusi nella categoria degli emblematici E1 ed E2 secondo l’ultimo aggiornamento, a marzo 2016, del Comune di Barcellona.

Parchi e giardini
Gràcia offre molti spazi esterni ideali per passeggiare e godersi la natura e il paesaggio. Esplora ogni angolo dei parchi e dei giardini della zona; lasciati sorprendere dal Parco Güell e conosci tutti i tipi di fiori e alberi. Respira aria fresca dai punti di vista del quartiere e contempla le migliori viste di Barcellona.

Tags: