Goût Rothschild

Il gusto dei Rothschild (in francese: Goût Rothschild) descrive uno stile dettagliato e elaborato di decorazione d’interni e di vita che ebbe origine in Francia, Gran Bretagna e Germania durante il XIX secolo, quando la ricca, famosa e potente famiglia Rothschild era al suo altezza. L’estetica e lo stile di vita dei Rothschild in seguito influenzarono altre famiglie ricche e potenti, tra cui i Vanderbilt, gli Astori ei Rockefeller, e divennero i tratti distintivi dell’Americana Gilded Age. Aspetti del goût Rothschild continuarono nel XX secolo, interessando designer come Yves Saint Laurent e Robert Denning.

caratteristiche
Gli elementi decorativi interni del “Goût Rothschild” comprendono un uso generoso di tessuti stravaganti e pesanti (come damasco, broccato e velluto) e molto doratura, elaborati soffitti a stucco e preziosi pannelli (e spesso antichi) in legno e parquet. Questa grande abbondanza è combinata con mobili del XVIII secolo, per lo più francesi. Per i Rothschild, i mobili e le opere d’arte erano spesso di provenienza reale. La famiglia acquistò solo il meglio che era sul mercato in quel momento, con preferenza per i regni di Luigi XIV, Luigi XV e Luigi XVI. E non molto tempo fa, dopo la Rivoluzione francese del 1789, ci furono alcuni pezzi eccellenti da acquistare, compresi molti del castello di Versailles. Nell’architettura, i Rothschild preferivano gli stili del Rinascimento. La fusione di questi usi di materiali e stili, “lo stile Rothschild”, combina un senso di horror vacui vittoriano accanto a capolavori di arte, scultura e armature.

Con la costruzione del Waddesdon Manor, la neonata filiale inglese della famiglia Rothschild rianimò l’imitazione degli stili del Rinascimento francese nel Regno Unito. L’ampia casa padronale è stata costruita secondo la tradizione dei castelli della Valle della Loira. I Rothschild spesso acquistavano elementi architettonici originali da castelli e palazzi dimenticati e riutilizzavano questi pavimenti, caminetti, soffitti, porte e pannelli nei loro castelli e palazzi di nuova costruzione, come, ad esempio, a Mentmore Towers, Waddesdon Manor, the Château de Ferrières e la villa Ephrussi de Rothschild a Saint-Jean-Cap-Ferrat.

Yves Saint Laurent e il suo compagno Pierre Bergé sono rimasti molto colpiti dagli interni del Château de Ferrières. Hanno tenuto la decorazione del “Blue Saloon” come modello per la decorazione della propria casa.

Lo stile preferito

Il “Goût Rothschild” fu fino alla fine degli anni ’20 e in un modo meno opulento fino agli anni ’60 lo stile preferito dalle persone che accumularono le loro fortune alla fine del XIX secolo. Famiglie come i Vanderbilts, gli Astor, i Rockefeller, i Du Ponts e altri hanno arredato le loro residenze a New York e Newport, nel Rhode Island, nel “Goût Rothschild”. Durante questo periodo acquistarono interi interni di castelli francesi o castelli inglesi e case di campagna e spedirono questi elementi di gusto aristocratico europeo negli Stati Uniti dove furono installati in case come The Breakers, Rosecliff, Marble House e altri. Le case “Rosecliff” e “Marble House” sono state utilizzate come location cinematografica nel film del 1974 The Great Gatsby con Robert Redford e Mia Farrow.

Nella casa di Gertrude Vanderbilt Whitney sull’871 della Fifth Avenue a New York, Stanford White ha installato una sala da ballo lunga 20 metri di un castello francese appartenuto a un cortigiano di Luigi XIV. La Sala Grande era decorata con un immenso camino antico rimosso da un castello francese e antichi arazzi francesi di provenienza reale recanti i monogrammi di Enrico II di Francia e Diana di Poitiers.

Il “Goût Rothschild” era particolarmente popolare in Francia, nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Maison Jansen
La Maison Jansen, una società di decorazione d’interni con sede a Parigi, era una delle aziende leader i cui progetti si avvicinavano al “Goût Rothschild”, anche se in modo meno opulento. Tra i loro clienti c’era l’amministrazione di John F. Kennedy che li impegnò a ridisegnare la Casa Bianca e il Duca e la Duchessa di Windsor, la cui villa a Parigi decorarono.