Gogol House, Mosca, Russia

Gogol House – Memorial Museum and Scientific Library (russo: Дом Гоголя – мемориальный музей и научная библиотека) su Nikitsky Boulevard è l’unico posto a Mosca che mantiene vivo il ricordo degli ultimi anni di Nikolai Gogol. In questa casa, lo scrittore ha lavorato al secondo volume di Dead Souls. Qui, ha bruciato i manoscritti del poema. E proprio in questa casa, il 21 febbraio (O.S.) del 1852, lo scrittore morì. Ospita l’unico museo della Russia di Nikolai Gogol, l’Istituto culturale finanziato dallo Stato “Gogol House – Memorial Museum and Research Library”.

Mykola Vasilievich Gogol era un drammaturgo russo di origine ucraina. Sebbene Gogol fosse considerato dai suoi contemporanei una delle figure preminenti della scuola naturale del realismo letterario russo, i critici successivi hanno trovato nella sua opera una sensibilità fondamentalmente romantica, con tensioni surrealiste e grottesche (“Il naso”, “Viy”). “,” The Overcoat “,” Nevsky Prospekt “). I suoi primi lavori, come Le serate in una fattoria vicino a Dikanka, sono stati influenzati dalla sua educazione ucraina, dalla cultura e dal folklore ucraini. La sua scrittura successiva ha satirizzato la corruzione politica nell’Impero russo (The Government Inspector, Dead Souls). Il romanzo Taras Bulba (1835) e il dramma Marriage (1842), insieme ai racconti “Diario di un pazzo”, “Il racconto di come Ivan Ivanovich litigava con Ivan Nikiforovich”, “Il ritratto” e “Il carro”, sono anche tra le sue opere più note.

La casa di Gogol si trova nel centro di Mosca, vicino a Piazza Arbat, in un palazzo della città vecchia, con la sua storia che risale al 17 ° secolo. “Gogol House” combina una biblioteca di ricerca di oltre 250.000 volumi, un centro di ricerca, una sala espositiva e un museo commemorativo.

La casa di Gogol tiene regolarmente incontri teatrali, concerti, laboratori di letteratura e filosofia, nonché visite e lezioni.

Storia:
La casa in cui Nikolai Gogol trascorse gli ultimi quattro anni della sua vita ha una lunga storia a parte. Un pezzo unico di architettura e cultura, è stato costruito prima del 1812 Fuoco di Mosca e ha più volte cambiato mani ed è stato ricostruito.

I suoi primi proprietari conosciuti furono la famiglia di Saltykov Boyar all’inizio del XVII secolo, quando era una casa di campagna fuori città. Nel 1693 il terreno apparteneva ad un cortigiano Ivan Buturlin e in seguito, fino alla metà del XVIII secolo, era in possesso di un’altra famiglia, i Plokhovos.

Di proprietà di Maria Saltykova (1759-1793), moglie di un ciambellano e consigliere privato, la proprietà aveva già un indirizzo di città (“la corsia Mostryukov nel 3 ° quartiere Arbat, n. 323”). Nel 1802 comprendeva ancora una serie di edifici in legno, sia residenziali che non residenziali. La villa di pietra era lunga circa 30 metri e larga 25,6 metri, dopo che Saltykova aveva integrato le sue camere separate.

Sotto il prossimo proprietario, il funzionario governativo Dmitri Boltin (1757-1824), la casa fu estesa fino a raggiungere i 47 metri di lunghezza. L’annesso, costruito tra il 1806 e il 1809, è esattamente la parte in cui Gogol visse in seguito. Il 1809 vide anche il completamento di uffici a due piani con alloggi per la servitù.

L’incendio del 1812 distrusse le costruzioni in legno e danneggiò gravemente la villa e l’edificio che obbligava Boltin a trasferirsi nel suo maniero a Nizhny Novgorod.

Nel 1816 la tenuta divenne proprietà del maggiore generale Alexander Talyzin, un veterano della battaglia di Borodino. Apparentemente, l’abitazione fu restaurata nel 1822.

In seguito alla revisione, la villa e l’edificio di utilità hanno acquisito arcate e balconi in pietra simili, creando un’impressione architettonica più coerente. La facciata della villa è rimasta invariata da allora.

Dopo la morte di Talyzin nel 1847, la tenuta passò al suo parente, la moglie di un ufficiale minore. Lo stesso anno, il piano superiore della villa fu affittato dal conte Alexander Tolstoy, appena tornato dall’Europa. Sua moglie Anna, molto probabilmente comprò la tenuta non appena la fine del 1847 o l’inizio del 1848. Nel dicembre 1848, accolsero Gogol che venne a vivere con loro.

Secondo gli archivi, nel 1857 la proprietà apparteneva ancora a Anna Tolstaya. Volendo aggiungere un’estensione sul lato settentrionale, ha comprato un lotto di terra confinante. Nel marzo 1876, sotto la successiva proprietaria, Maria Stolypina, il secondo piano in legno nella parte orientale della villa fu ricostruito in pietra.

A partire dal 1878, la tenuta apparteneva alla vedova di un vero consigliere di stato, Natalya Sheremetyeva, che aveva due finestre del secondo piano murate nel 1889.

Nel 1909, l’ultima proprietaria della tenuta, Maria Katkova, installò una scala a prova di fuoco, ancora esistente, nella sua parte occidentale.

Dopo la Rivoluzione del 1917, la villa passò al fondo municipale e servì come abitazione residenziale fino al 1964 (abitata complessivamente da 31 famiglie o 77 persone), quando fu assegnata alla missione permanente della SSR kirghisa presso il Consiglio dei ministri dell’URSS. A metà del 1966 l’edificio comprendeva due organizzazioni contemporaneamente: la missione kirghisa e la redazione della rivista radiotelevisiva. Lo stesso anno, tuttavia, è stato consegnato alla biblioteca comunale n. 2 che ha aperto, nel nuovo luogo, nel 1971. Nel 1974, in biblioteca sono state create due sale museo. Nel 1979, la biblioteca prese il nome da Nikolai Gogol. Nel 2005 l’istituzione è stata trasformata nella Central City Library – Memorial Center “Gogol House”, e nel 2009 – nell’istituzione culturale di stato “Gogol’s House – Memorial Museum and Research Library”.

Museo:
Nel cuore di Mosca, su Nikitsky Boulevard, vicino a Piazza Arbat, si trova una vecchia tenuta cittadina, il cui complesso ha cominciato a prendere forma nel XVII secolo. Ora qui è l’unico museo in Russia, NV Gogol. Cancelli in ghisa conducono al cortile, dove puoi soffermarti vicino al monumento a N. Gogol, creato da NA Andreev per il 100 ° anniversario della nascita dello scrittore. A destra – una casa dell’impero con un porticato. Qui Gogol trascorse gli ultimi tre anni della sua vita, morto qui il 21 febbraio 1852. A sinistra del monumento si trova il “Carriage Shed”, i locali di servizio della fattoria.

Gogol si stabilì nella casa di Nikitsky nel 1848 su invito del conte AP Tolstoy, un eminente statista, e della contessa AG Tolstoy, nata principessa della Georgia. Tolstoj e sua moglie erano uno dei pochi amici spiritualmente intimi di Gogol.

L’esposizione del museo si trova nella suite di camere al piano terra della casa principale del maniero. In ciascuna delle stanze, il soggetto principale attira l’attenzione. È trasformato in un’installazione simbolica ed esprime l’accento della stanza. Nel corridoio c’è il “petto delle peregrinazioni”, nel soggiorno c’è un camino, nell’ufficio c’è una scrivania, nella sala “Ispettore” c’è una poltrona, nella stanza dei ricordi – la maschera postuma di Gogol. I pezzi di arredamento e i dettagli interni sono inclusi nell’immagine a livello degli attori del “secondo piano”. Il concetto scientifico dell’esposizione del museo è incarnato dall’artista L. Ozernikov. L’espansione dello spazio museale grazie all’utilizzo di moderni mezzi tecnici consente di ottenere l’effetto della presenza nel mondo dei personaggi di Gogol. Il museo contiene oggetti storici originali e opere d’arte, così come oggetti appartenenti a Gogol.

In due stanze assegnate a lui al piano terra, lo scrittore ha lavorato al secondo volume di Dead Souls. Secondo Gogol, l’intera Russia avrebbe dovuto riflettersi nel lavoro, ovunque “l’intero uomo russo appariva con tutta la varietà di ricchezze e doni che doveva condividere … e con tutte le molte carenze che sono in lui”.

Nella stessa Mosca, l’ultimo periodo della sua vita, lo scrittore si stava preparando a stampare la seconda raccolta delle sue opere, ha lavorato sulla prosa spirituale.

In questa casa Gogol ha bruciato parte dei suoi manoscritti 10 giorni prima della sua morte
Tutti quelli che venivano qui, di regola, trovavano Gogol che lavorava su una scrivania alta o copiava il manoscritto al tavolo. Scrivendo, lo scrittore spesso pronunciava il testo, suonando intere scenette.

La storia dell’incontro con Gogol nella casa di Nikitsky nell’ottobre del 1851 fu lasciata da IS Turgenev: “La sua stanza era vicino al portico, sulla destra. Entrammo e vidi Gogol in piedi davanti alla scrivania con una penna nella sua mano … Dalla sua fronte bianca, liscia e inclinata, portava ancora una mente … Gogol ha detto molto, con l’animazione … è andato tutto bene, è pieghevole, gustoso e preciso. ”

Il 5 novembre 1851, nella sala del primo piano, a sinistra dell’ingresso, Gogol lesse la commedia “L’ispettore generale” agli attori del Teatro Maly. GP Danilevsky ha ricordato questa ultima lettura di un autore pubblico: “Gli ascoltatori incantati sono rimasti a lungo in gruppo, trasferendo le loro impressioni l’un l’altro in toni bassi, Schepkin, asciugandosi le lacrime, abbracciò il lettore …”.

Secondo lo scenario del museo, nella metà destra della casa il visitatore passa il percorso di Gogol lo scrittore, nella sinistra – Gogol, leggendo le sue opere
Il secondo piano dell’esposizione presenta i libri di Gogol, gli studi sulla sua vita e il suo lavoro. Vengono presentati ritratti dei proprietari della casa, incisioni, litografie con tipi di luoghi memorabili collegati con il nome dello scrittore. Secondo la leggenda, uno degli album musicali – i musical di Mendelssohn in tedesco, situato nel dipartimento di musica e musica (salone del teatro), apparteneva alla contessa A. Tolstoy.

La nuova esposizione ampliata e ampliata del museo è stata inaugurata il 27 marzo 2009, in occasione del 200 ° anniversario della nascita dello scrittore. “Gogol’s House” offre l’opportunità di soddisfare le esigenze spirituali, intellettuali e di informazione di tutte le categorie di visitatori.

Biblioteca:
Oggi i lettori di Gogolevka sono per lo più giovani dai 18 ai 30 anni, che rappresentano circa l’80% degli utenti. Molti di loro sono studenti di varie università di arti liberali a Mosca. Formando le sue fondamenta, la biblioteca si concentra principalmente su questa categoria di lettori, nonché su specialisti coinvolti nello studio del patrimonio letterario e della biografia di NV Gogol. Dopo il restauro della Gogol House, le sale per i lettori combinano i dettagli e i motivi degli interni della Noble Library del XIX secolo. con attrezzature e tecnologie moderne.

Una caratteristica del fondo del libro Gogol House è il suo orientamento umanitario. Ciò è dovuto alle attività scientifiche del Centro commemorativo e alla nostra stretta collaborazione con le università umanitarie, situate, come la Casa Gogol, nel centro storico di Mosca. Nella sala di lettura e sull’abbonamento è possibile trovare libri di filosofia, critica letteraria, psicologia, arte, religione e narrativa. Particolare attenzione è dedicata alle edizioni delle opere di Nikolaj Gogol, nonché ai materiali relativi alla sua vita e al suo lavoro.

La biblioteca offre servizi di base gratuiti, servizi aggiuntivi sono forniti gratuitamente oa pagamento. I servizi possono essere ottenuti visitando direttamente la biblioteca e in modalità di accesso remoto.

Tags: