Giraffatitan: Ritorno alla vita nella realtà virtuale, Video a 360 °, Museo di storia naturale di Berlino

Vieni faccia a faccia con un gigante giurassico! Teletrasportati al Museum für Naturkunde di Berlino per incontrare il gigante giurassico Giraffatitan, mentre torna in vita davanti ai tuoi occhi. Senti i suoi passi di uno dei dinosauri più alti che siano mai vissuti far rabbrividire il bicchiere nella sala dei dinosauri. Osserva i suoi muscoli, i suoi movimenti, la consistenza della sua pelle e impara tutto su come ha vissuto.

Il Brachiosaurus (Giraffatitan) è un fulcro delle mostre di Berlino. È alto 13,27 metri ed è lo scheletro di dinosauro montato più alto del mondo, come conferma il Guinness dei primati. Il dinosauro visse 150 milioni di anni fa e si nutrì di piante.

Il suo scheletro è stato trovato dai ricercatori durante la grande spedizione Tendaguru. Il nome Brachiosaurus – lucertola con le braccia – si riferisce alle sue lunghe braccia. Nel 2007, i visitatori gli hanno dato il suo soprannome ufficiale, Oskar.

Gli scienziati di tutto il mondo si stanno scervellando quanto pesasse effettivamente un Brachiosaurus vivo. Alcuni hanno calcolato una massa di 50 tonnellate, mentre altri pensano che fossero solo 20-30 tonnellate. Inoltre, sono interessati ai problemi statici e fisiologici che un dinosauro di queste dimensioni ha dovuto superare.

Questa non è una replica o un cast. Il Museum für Naturkunde mostra le ossa originali del gigante Brachiosaurus. Puoi quasi raggiungere i 150 milioni di anni che lo separano da noi.

Un nuovo nome scientifico è stato dato a Brachiosaurus nel 2009, quando le differenze nella forma, dimensione e proporzioni delle ossa hanno portato alla distinzione tra una specie nordamericana e una africana. Pertanto, Brachiosaurus brancai divenne Giraffatitan brancai. Questo è ora il nome scientificamente riconosciuto utilizzato dai ricercatori.

Il Museo di Storia Naturale di Berlino ti presenta una breve (4 minuti) storia di realtà virtuale sul Brachiosaurus / Giraffatitan, la sua nicchia ecologica e la giraffa moderna, che occupa una nicchia in qualche modo simile.

Giraffatitan

Giraffatitan (nome che significa “giraffa titanica”) è un genere di dinosauro sauropode che visse durante il tardo Giurassico (fasi Kimmeridgian-Tithonian). Originariamente era chiamato come specie africana di Brachiosaurus (B. brancai), ma da allora è stato cambiato. Giraffatitan è stato per molti decenni conosciuto come il più grande dinosauro, ma le recenti scoperte di numerosi dinosauri più grandi dimostrano il contrario; i titanosauri giganti sembrano aver superato il Giraffatitan in termini di pura massa. Inoltre, si stima che il dinosauro sauropode Sauroposeidon sia più alto e forse più pesante del Giraffatitan.

Tutte le stime sulle dimensioni di Giraffatitan si basano sul campione HMN SII, un individuo subadulto tra 21,8 e 22,5 metri di lunghezza e circa 12 metri (39 piedi) di altezza. Le stime di massa sono varie e vanno da un minimo di 15 tonnellate (17 tonnellate corte) a un massimo di 78,3 tonnellate (86,3 tonnellate corte) ma ci sono prove a sostegno del fatto che questi animali potrebbero crescere di dimensioni maggiori; il campione HMN XV2, rappresentato da un perone maggiore del 13% rispetto al materiale corrispondente su HMN SII, avrebbe potuto raggiungere 26 metri (85 piedi) di lunghezza o più a lungo.

Taglia
Tra il 1914 e gli anni ’90, Giraffatitan fu affermato di essere il più grande dinosauro conosciuto (ignorando il forse più grande ma perduto Maraapunisaurus) e quindi il più grande animale terrestre della storia. Nella parte successiva del ventesimo secolo, alcuni giganteschi titanosauri trovati sembrano superare Giraffatitan in termini di pura massa. Tuttavia, Giraffatitan e Brachiosaurus sono ancora i più grandi sauropodi brachiosauridi conosciuti da materiale relativamente completo.

Tutte le stime sulle dimensioni di Giraffatitan si basano sullo scheletro montato a Berlino, che è in parte costruito da ossa autentiche. Questi sono stati in gran parte presi dal campione HMN SII, un individuo subadulto tra 21,8 e 22,46 metri (71,5-73,7 piedi) di lunghezza e circa dodici metri (quaranta piedi) di altezza. La lunghezza spesso menzionata di 22,46 metri è di Werner Janensch, lo scienziato tedesco che ha descritto Giraffatitan, ed è stato il risultato di un semplice errore di aggiunta: il numero corretto avrebbe dovuto essere 22,16 metri. Le stime di massa sono più problematiche e storicamente sono fortemente variate da un minimo di 15 tonnellate (17 tonnellate corte) a un massimo di 78 tonnellate (86 tonnellate corte). Queste stime estreme sono ora considerate improbabili a causa di metodologie imperfette. Esistono anche numerose stime in quanto lo scheletro si è rivelato un argomento irresistibile per i ricercatori che desiderano testare i loro nuovi metodi di misurazione. I primi calcoli furono nuovamente eseguiti da Janensch. Nel 1935, diede un volume di trentadue metri cubi per l’esemplare SII e di venticinque metri cubi per l’esemplare SI, un individuo più piccolo. Non si sa come sia arrivato a questi numeri. Nel 1950, menzionò un peso di quaranta tonnellate per lo scheletro più grande. Nel 1962, Edwin Harris Colbert misurò un volume di 86.953 m³. Presumendo una densità di 0,9, ciò ha comportato un peso di 78.258 chilogrammi. Colbert aveva inserito un modello da museo, venduto al pubblico, nella sabbia e osservato il volume da esso spostato. Gregory S. Paul nel 1988 presumeva che il numero, a suo avviso, irrealisticamente elevato fosse stato causato dal fatto che tali modelli erano molto gonfiati rispetto alla vera corporatura dell’animale. Nel 1980, Dale Alan Russell e.a. pubblicato un peso molto più basso di 14,8 tonnellate estrapolando dal diametro dell’omero e dell’osso della coscia. Nel 1985, lo stesso ricercatore arrivò a ventinove tonnellate estrapolando dalla circonferenza di queste ossa. Nel 1985, Robert McNeill Alexander trovò un valore di 46,6 tonnellate inserendo un modello giocattolo del British Museum of Natural History nell’acqua.

Stime più recenti basate su modelli ricostruiti dalle misurazioni del volume osseo, che tengono conto degli ampi sistemi di airsac per la riduzione del peso presenti nei sauropodi e della massa muscolare stimata, sono nell’intervallo 23–40 tonnellate (25–44 tonnellate corte). Nel 1988, GS Paul misurò un volume di 36.585 m³ inserendo un modello appositamente costruito nell’acqua. Ha stimato un peso di 31,5 tonnellate, ipotizzando una bassa densità. Nel 1994/1995, Jan Peczkis calcolò un peso di quaranta tonnellate estrapolando dalla circonferenza ossea degli arti. Nel 1995, Hans-Christian Gunga ha utilizzato una scansione laser dello scheletro per costruire un modello virtuale da semplici forme geometriche, trovando un volume di 74,42 m³ e concludendo con un peso di 63 tonnellate. Nel 2008, Gunga ha rivisto il volume, utilizzando forme più complesse, a 47,9 m³. Nel 2004 Donald Henderson impiegò un modello computerizzato che calcolava un volume di 32.398 m³ e un peso di 25.789 chilogrammi. I metodi più recenti utilizzano lo spessore della parete ossea.

Tuttavia, HMN SII non è il più grande esemplare conosciuto (un’affermazione supportata dal suo stato di subadulto) ma HMN XV2, rappresentato da una fibula del 13% più grande del materiale corrispondente su HMN SII, che avrebbe potuto raggiungere 26 metri (85 piedi) di lunghezza .

Build generale
Il giraffatitan era un sauropode, uno di un gruppo di dinosauri a quattro zampe che mangiavano piante con collo e coda lunghi e cervelli relativamente piccoli. Aveva una corporatura da giraffa, con arti anteriori lunghi e collo molto lungo. Il cranio aveva un alto arco anteriore agli occhi, costituito da narici ossee, una serie di altre aperture e denti “spatolati” (simili a scalpelli). La prima punta del piede anteriore e le prime tre dita dei piedi posteriori erano artigliate.

narici
Tradizionalmente, il caratteristico cranio a cresta alta era visto come una caratteristica del genere Brachiosaurus, a cui originariamente si riferiva Giraffatitan brancai; tuttavia, è possibile che il Brachiosaurus altithorax non mostrasse questa caratteristica, poiché all’interno del materiale tradizionale del Brachiosaurus è noto solo da esemplari tanzaniani ora assegnati a Giraffatitan.

La collocazione delle narici di Giraffatitan è stata la fonte di molti dibattiti con Witmer (2001) descrivendo in Science la posizione ipotizzata delle narici carnose in Giraffatitan in ben cinque posizioni possibili. Confrontando le narici dei dinosauri con quelle degli animali moderni, ha scoperto che tutte le specie hanno le loro aperture esterne della narice nella parte anteriore e che i sauropodi come il Giraffatitan non avevano narici sopra la testa, ma vicino ai loro musi. Vi è stata anche l’ipotesi di vari sauropodi, come il Giraffatitan, in possesso di un tronco. Il fatto che non esistessero sauropodi a muso stretto (incluso Giraffatitan) tende a screditare tale ipotesi. Prove più forti per l’assenza di un tronco si trovano nell’usura dei denti di Giraffatitan,

Paleobiologia
Le narici di Giraffatitan, come le enormi corrispondenti aperture nasali nel suo cranio, si pensavano da tempo che si trovassero sulla cima della testa. Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno teorizzato che l’animale ha usato le sue narici come un boccaglio, trascorrendo la maggior parte del tempo immerso nell’acqua per sostenere la sua grande massa. L’attuale opinione condivisa, tuttavia, è che il Giraffatitan fosse un animale completamente terrestre. Gli studi hanno dimostrato che la pressione dell’acqua avrebbe impedito all’animale di respirare efficacemente mentre era immerso e che i suoi piedi erano troppo stretti per un uso acquatico efficiente. Inoltre, nuovi studi di Lawrence Witmer (2001) mostrano che, mentre le aperture nasali nel cranio erano posizionate in alto sopra gli occhi, le narici sarebbero state ancora vicine alla punta del muso (uno studio che fornisce anche supporto all’idea che l’alto ”

Cervello
Il cervello di Giraffatitan misurava circa 300 centimetri cubici, che, come quelli di altri sauropodi, era piccolo rispetto alle sue enormi dimensioni corporee. Uno studio del 2009 ha calcolato il suo quoziente di encefalizzazione (una stima approssimativa della possibile intelligenza) a un basso 0,62 o 0,79, a seconda della stima dimensionale utilizzata. Come altri sauropodi, il Giraffatitan ha un ingrossamento sacrale sopra l’anca che alcune fonti più antiche chiamavano fuorviante come un “secondo cervello”. Tuttavia, i corpi di glicogeno sono una spiegazione più probabile.

Metabolismo
Se il Giraffatitan fosse endotermico (a sangue caldo), ci sarebbero voluti circa dieci anni per raggiungere le dimensioni massime, se fosse invece poikilotermico (a sangue freddo), sarebbero stati necessari oltre 100 anni per raggiungere le dimensioni massime. In quanto animale a sangue caldo, il fabbisogno energetico giornaliero di Giraffatitan sarebbe stato enorme; probabilmente avrebbe dovuto mangiare più di ~ 182 kg (400 libbre) di cibo al giorno. Se il Giraffatitan fosse completamente a sangue freddo o fosse un endotermico sfuso passivo, avrebbe avuto bisogno di molto meno cibo per soddisfare il fabbisogno energetico giornaliero. Alcuni scienziati hanno proposto che i grandi dinosauri come il Giraffatitan fossero gigantotermi. Gli organi interni di questi giganteschi sauropodi erano probabilmente enormi.

paleoecologia
Il Giraffatitan visse nell’attuale Tanzania nella Formazione del Tendaguru tardo giurassico. Dal 2012, il confine tra Kimmeridgian e Tithonian è datato a 152,1 milioni di anni fa.

L’ecosistema Tendaguru consisteva principalmente di tre tipi di ambiente: ambienti marini poco profondi, simili a lagune, pianure di marea e ambienti costieri bassi; e ambienti interni vegetati. L’ambiente marino esisteva al di sopra della base delle onde del bel tempo e dietro barriere siliciclastiche e ooid. Sembrava aver avuto pochi cambiamenti nei livelli di salinità e sperimentato maree e tempeste. Gli ambienti costieri erano costituiti da laghi costieri salmastri, stagni e pozze. Questi ambienti avevano poca vegetazione e probabilmente erano visitati da dinosauri erbivori soprattutto durante la siccità. L’entroterra ben vegetato era dominato da conifere. Complessivamente, il clima tardo giurassico dei tendaguru era subtropicale a tropicale con piogge stagionali e periodi secchi pronunciati. Durante il primo Cretaceo, il Tendaguru divenne più umido.

Il giraffatitano avrebbe coesistito con altri sauropodi come Dicraeosaurus hansemanni e D. sattleri, Janenschia africana, Tendaguria tanzaniensis e Tornieria africanus; ornitisch come Dysalotosaurus lettowvorbecki e Kentrosaurus aethiopicus; i teropodi “Allosaurus” tendagurensis, “Ceratosaurus” roechlingi, “Ceratosaurus” ingens, Elaphrosaurus bambergi, Veterupristisaurus milneri e Ostafrikasaurus crassiserratus; e il pterosauro Tendaguripterus recki. Altri organismi che abitavano il Tendaguru includevano coralli, echinodermi, cefalopodi, bivalvi, gasteropodi, decapodi, squali, pesci neopterigi, coccodrilli e piccoli mammiferi come il Brancatherulum tendagurensis.

Museo di storia naturale, Berlino

Il Museo di storia naturale è un museo di storia naturale situato a Berlino, in Germania. Espone una vasta gamma di esemplari provenienti da vari segmenti di storia naturale e in tale ambito è uno dei tre principali musei in Germania accanto al Naturmuseum Senckenberg di Francoforte e al Museo Koenig di Bonn.

Il museo ospita oltre 30 milioni di esemplari zoologici, paleontologici e mineralogici, tra cui oltre diecimila esemplari di tipo. È famoso per due mostre: il più grande dinosauro montato nel mondo (uno scheletro giraffatitano) e un esemplare ben conservato del primo uccello noto, l’Archaeopteryx. Le collezioni di minerali del museo risalgono all’Accademia delle scienze prussiana del 1700. Importanti esemplari zoologici storici includono quelli recuperati dalla spedizione tedesca Valdiva in acque profonde (1898–99), la spedizione tedesca Southpolar (1901–1903) e la Sunda tedesca Spedizione (1929–1931). Le spedizioni ai giacimenti fossili di Tendaguru nell’ex Ostafrika (oggi Tanzania) portarono alla luce ricchi tesori paleontologici. Le collezioni sono così vaste che sono esposti meno di 1 esemplare su 5000, e attirano ricercatori da tutto il mondo. Altre mostre includono una raccolta di minerali che rappresenta il 75% dei minerali nel mondo, una grande raccolta di meteoriti, il più grande pezzo di ambra al mondo; espone l’ormai estinta quagga, huia e tigre della Tasmania, e “Bobby” il gorilla, una celebrità dello zoo di Berlino degli anni ’20 e ’30.

Tags: