Gaudí Architecture Tourism a Barcellona, ​​Spagna

Antoni Gaudí (1852-1926), l’architetto che ha reso la città di Barcellona più conosciuta nel mondo. Il tour del percorso tematico Gaudí Architecture presenterà il suo lavoro e mostrerà come Gaudí ha rotto con la tradizione per proporre un nuovo modo di intendere l’architettura, sia in termini di applicazione della geometria, concezione dello spazio e procedure costruttive, come l’uso dei materiali , forme e colori con cui ha dotato le sue opere di espressività.

Nel corso della sua storia, Barcellona è stata una città aperta e accogliente. Grazie alla spinta economica e al progresso sociale, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento si è verificato un dinamico processo di ammodernamento che ha interessato l’urbanistica e tutte le espressioni artistiche. Lo stile del tempo si chiamava Modernismo, in coincidenza con la formulazione europea dell’Art Nouveau e così profondamente radicato in tutte le sfere della società, da diventare rapidamente uno degli stili più rappresentativi. Ecco perché Barcellona è una delle capitali mondiali del Modernismo.

Gaudí, sebbene coincidesse con l’età modernista, sviluppò un linguaggio differenziato, completamente inedito ed estremamente personale. Sono state fatte molte interpretazioni del lavoro di Gaudí. Alcuni lo considerano derivato dalla tradizione, altri è all’avanguardia. Alcuni descrivono Gaudí come un grande artista e altri come un grande tecnico. Alcuni lo definiscono un trasgressore e alcuni difendono il suo misticismo. Tutti, tuttavia, concordano sul fatto che i loro edifici sono sorprendenti, diversi e quindi difficili da classificare.

Biografia
Antoni Gaudí i Cornet era un architetto modernista catalano è stato riconosciuto a livello internazionale come uno dei geni più rilevanti per la loro disciplina.

Gaudí si trasferì a studiare architettura nella città di Barcellona, ​​dove le sue prime opere furono influenzate da vari stili, come il neogotico, il mudéjar e il barocco, fino all’esplosione del modernismo., In cui riuscì a implementare il proprio stile, con il l’applicazione dei suoi studi sulla natura e le forme regolate della geometria, l’uso di tutte le arti applicate per la decorazione dei suoi edifici e il recupero per l’ornamentazione del vecchio mosaico da lui trasformato in trencadí, si trasformarono in una nuova tecnica.

Il suo contributo all’architettura è unico ed è considerato uno dei massimi esponenti del modernismo. Fin dall’infanzia, Gaudí è stato un attento osservatore della natura, le cui forme, colori e geometrie lo hanno attratto. Nonostante abbia grandi edifici, di cui vengono fatte sempre più monografie, ciò che gli ha dato più fama in tutto il mondo è, senza dubbio, il tempio della Sagrada Familia, un’opera ancora in costruzione la cui popolarità continua a crescere man mano che sale, come così come l’ammirazione che suscita.

Antoni Gaudí è l’unico architetto ad avere 8 opere dichiarate Patrimonio dell’Umanità, tra cui la Sagrada Família, il monumento più visitato della Catalogna, e Casa Batlló e La Pedrera. Con una grande capacità immaginativa, Gaudí ha progettato mentalmente la maggior parte delle sue opere. In effetti, raramente realizzava piani dettagliati, ma li ricreava in modelli tridimensionali.

Stile architettonico
L’influenza del Mudejar è evidente nelle prime opere di Gaudí; la casa Vicens e gli interni del palazzo Güell sono completamente moreschi. Poco dopo, sorprende il già mudejar ispanico che si osserva nel convento delle Teresianes, con ritmi lineari ed elementi di colore nelle ceramiche.

Negli studi disegna complementi d’arredo artigianali, si occupa addirittura della loro realizzazione, grazie alle conoscenze acquisite su questo lavoro nel laboratorio di caldareria del padre, che in seguito, già a Barcellona, ​​amplia frequentando i laboratori di falegnameria di Eudald Puntí e Llorenç Matamala, scultore e modello. Tutto ha influenzato la sua architettura, poiché ha saputo dare un’impronta personale a tutti i suoi edifici; quindi, sono progettati da Gaudí, mobili, cornici di archi e porte interne ed esterne di legno o ferro, griglie, cimici, maniglie, serrature, ecc.

La sintesi architettonica deve essere collegata alla geometria e alla meccanica, alle leggi e alle forme dell’equilibrio; La ricerca di Gaudí dal 1880 iniziò con la costruzione della casa di Eusebi Güell e lo studio delle forze della comprensione in archi e volte. Gli archi parabolici di mattoni o pannelli di melindro gli hanno permesso di realizzare tetti senza soluzione di continuità, come a Bellesguard, o l’attico di La Pedrera.

Studia stili storici insieme alla natura, accumulando idee ed effetti per le sue creazioni. Si considerava un grande ammiratore dell’arte greca e un seguace dell’arte mediterranea, ma alla ricerca del significato più intimo e con lo spirito pieno dei suoi sentimenti religiosi; è nell’architettura gotica che trova il maggior rapporto con Dio. Per molti anni ha cercato nei suoi progetti il ​​meccanismo strutturale del sistema di pilastri e volte; la costruzione della chiesa di Colònia Güell, il progetto in una combinazione di imbuti o curve di equilibrio, di strutture circondate dal sistema di calcolo, come nel famoso modello stereostatico di corda e sacchetti di pellet.

L’architettura di Gaudí ha un certo contatto con il barocco nel raggiungere la percezione dei sensi con il gioco di forme geometriche. Come nel Barocco, si apprezzano le forme complesse e solo con la contemplazione dell’opera se ne scoprono le dinamiche; questo è catturato nel tempio della Sagrada Familia, in cui c’è una grande fusione tra scultura e architettura in chiave barocca. Antoni Gaudí ha una visione corporale della sua architettura; per questo curva le pareti per ottenere una maggiore plasticità, idealizzando tutto ciò che apprezza in natura, e raggiungendo le ultime strutture della sua opera di maturità, come la Sagrada Família, già con linee di grande ricchezza e fantasia audace, ma sempre con forme non aggressive.

L’illuminazione faceva parte della ricerca di Gaudí, che realizza mediante la geometria del diritto fissata alle vetrate colorate e con il posizionamento delle colonne tra di loro; così, quando la luce viene filtrata, viene orientata in direzioni di 45 ° rispetto allo spettatore, e si ottiene la visione del rilievo e l’armonia in tutte le forme. Nelle volte che coprono le navate, utilizza curvature come l’iperboloide e il paraboloide iperbolico; questo, insieme alle colonne inclinate, produce l’impressione di un santuario misteriosamente illuminato.

Tutti e quattro i tipi di superfici regolate: l’iperboloide, l’elicoide, il paraboloide iperbolico e il conoide, sono stati utilizzati dall’architetto nelle sue strutture nelle volte, nei soffitti, nei muri e nei pilastri.

Trencadís
Una particolarità nelle finiture per il rivestimento finale di pareti o pavimenti delle opere di Gaudí era l’uso di trencadís, che si ottiene con frammenti di piastrelle di ceramica smaltata da pezzi di scarto della fabbrica Pujol i Bausis, situata a Esplugues. di Llobregat, rotto per formare nuovi disegni o colori; Gaudí, insieme al suo collaboratore Josep Maria Jujol, fu il primo a usarlo principalmente durante il modernismo, riuscendo a renderlo un segno caratteristico di questo movimento artistico.

La tecnica è stata utilizzata per la prima volta per l’elicottero all’ingresso della tenuta Güell sull’Avinguda de Pedralbes, dove l’architettura sinuosa ha reso necessario rompere le tegole dove non potevano essere intere. La panchina nella grande piazza del Parc Güell spicca con una struttura in cemento e rivestita di più colori con la tecnica del trencadís.

Catalanismo
Durante l’adolescenza di Antoni Gaudí, la manifestazione della Catalogna era molto frequente, tra le altre, con l’escursionismo e il recupero del patrimonio artistico. Insieme ai loro compagni di scuola superiore Eduard Toda e Josep Ribera, durante una vacanza estiva, tra i 15 ei 17 anni, hanno deciso di fare un progetto di restauro del monastero di Poblet, allora in rovina; sono conservati un disegno di Gaudí e un libro di memorie dei suoi colleghi. Ognuno di loro aveva una missione nella ricostruzione: Gaudí lo spessore dell’opera, per costruire muri e tetti; Toda avrebbe fatto l’inventario della biblioteca e Ribera avrebbe indagato sulla storia di Poblet; hanno anche escogitato un modo per ottenere un aiuto finanziario, allestendo un negozio di souvenir dove si poteva vendere il libro che sarebbe stato pubblicato sul monastero, realizzato da Ribera. Quel settembre i tre amici si separarono. Eduard Toda e Güell hanno curato Poblet. Dati e note, nel 1870.

È stato membro dell’Associació Catalanista d’Excursions Científiques tra il 1879 e il 1889 e ha collaborato con l’Associació d’Excursions Catalana che si è fusa con il precedente per formare il Centro Excursionista de Catalunya. Gaudí fece diverse escursioni; tra questi, a Granollers, dove scrisse una relazione per il restauro della chiesa di Sant Esteve; a questa associazione apparteneva dal 1880 anche l’amico Eusebi Güell. Un’altra escursione con l’associazione fu effettuata nel 1883 a Banyuls de la Marenda, Perpignan ed Elna, dove fu scattata una fotografia con Verdaguer e Guimerà e pubblicata nell’illustrazione catalana.

I simboli della bandiera delle quattro barre compaiono in molte delle loro opere:
Nel Palau Güell, nella parte centrale del pianterreno tra le due porte di ingresso, si può vedere lo stemma della Catalogna commissionato da Gaudí a Joan Oñós, di due metri di altezza, in ferro battuto, con elica forme, e per rappresentare i colori lo fa nella maglia di una striscia continua.
All’ingresso di Bellesguard, lo scudo di pietra con le quattro sbarre con due date: 1409, delle nozze di Martí I l’Humà con Margarida de Prades e la seconda data del 1909, al termine dei lavori di Bellesguard.
Nella colonna della torre di Bellesguard, la bandiera della Catalogna è formata con strisce elicoidali.
Sulle scale del Parc Güell, lo scudo appare all’ingresso insieme alla testa di un serpente.
Nel Primo Mistero della Gloria del Rosario Monumentale di Montserrat c’è uno scudo realizzato con la tecnica del trencadís.

Modernismo
La vita professionale di Gaudí è stata distintiva in quanto non ha mai smesso di indagare sulle strutture meccaniche degli edifici. All’inizio Gaudí si ispirò alle arti orientali (India, Persia, Giappone) attraverso lo studio dei teorici dell’architettura storicista, come Walter Pater, John Ruskin e William Morris. L’influenza del movimento orientale può essere vista in opere come il Capricho, il Palazzo Güell, i Padiglioni Güell e la Casa Vicens. Successivamente aderì al movimento neogotico che andava di moda all’epoca, seguendo le idee dell’architetto francese Eugène Viollet-le-Duc. Questa influenza si riflette nel Collegio Teresiano, nel Palazzo Vescovile di Astorga, nella Casa Botines e nella casa della Guardia Bellesca, così come nella cripta e nell’abside della Sagrada Familia. Alla fine, Gaudí ha intrapreso una fase più personale,

Durante il suo periodo da studente, Gaudí ha potuto studiare una raccolta di fotografie di arte egizia, indiana, persiana, maya, cinese e giapponese di proprietà della School of Architecture. La collezione comprendeva anche monumenti moreschi in Spagna, che hanno lasciato un segno profondo su di lui e sono serviti da ispirazione in molte delle sue opere. Ha anche studiato il libro Piani, prospetti, sezioni e dettagli dell’Alhambra di Owen Jones, che ha preso in prestito dalla biblioteca della Scuola. Ha preso varie soluzioni strutturali e ornamentali dall’arte nazarí e mudéjar, che ha usato con variazioni e libertà stilistica nelle sue opere. In particolare, Gaudí ha osservato dell’arte islamica la sua incertezza spaziale, il suo concetto di strutture con spazio illimitato; la sua sensazione di sequenza, frammentata con buchi e tramezzi,

Senza dubbio lo stile che più lo ha influenzato è stato il Gothic Revival, promosso nella seconda metà del XIX secolo dalle opere teoriche di Eugène Viollet-le-Duc. L’architetto francese ha chiesto di studiare gli stili del passato e adattarli in modo razionale, tenendo conto sia della struttura che del design. Tuttavia, per Gaudí lo stile gotico era “imperfetto”, perché nonostante l’efficacia di alcune delle sue soluzioni strutturali era un’arte che doveva ancora essere “perfezionata”. Nelle sue stesse parole: l’arte gotica è imperfetta, risolta solo a metà; è uno stile creato dai compassi, una ripetizione industriale stereotipata. La sua stabilità dipende dal costante puntellamento dei contrafforti: è un corpo difettoso sorretto da stampelle. (…

Dopo queste influenze iniziali, Gaudí si spostò verso il Modernismo, allora nel suo periodo di massimo splendore. Modernisme nelle sue fasi iniziali è stato ispirato dall’architettura storica. I suoi professionisti vedevano il suo ritorno al passato come una risposta alle forme industriali imposte dai progressi tecnologici della rivoluzione industriale. L’uso di questi stili più antichi ha rappresentato una rigenerazione morale che ha permesso alla borghesia di identificarsi con i valori che consideravano le loro radici culturali. La Renaixença (rinascita), la rinascita della cultura catalana iniziata nella seconda metà del XIX secolo, ha portato forme più gotiche nello stile “nazionale” catalano che mirava a combinare nazionalismo e cosmopolitismo, integrandosi allo stesso tempo nella modernizzazione europea movimento.

Alcune caratteristiche essenziali del Modernismo erano: un linguaggio anticlassico ereditato dal Romanticismo con una tendenza al lirismo e alla soggettività; il legame deciso dell’architettura con le arti applicate e il lavoro artistico che ha prodotto uno stile apertamente ornamentale; l’utilizzo di nuovi materiali da cui è emerso un linguaggio costruttivo misto, ricco di contrasti, che cercava un effetto plastico per l’insieme; un forte senso di ottimismo e fede nel progresso che ha prodotto un’arte enfatica che rifletteva l’atmosfera di prosperità del tempo, soprattutto dell’estetica della borghesia.

Arte religiosa
La forte formazione religiosa che Gaudí ha dimostrato per tutta la sua vita è iniziata con l’accoglienza da parte di sua madre, che gli ha trasmesso l’amore per la natura e Dio “la fede nel creatore di queste meraviglie”. È noto che la sua presenza alla messa quotidiana è stata costante per tutta la vita.

La sua religiosità include anche la sua architettura civile, in cui utilizzava simboli come la croce gaudiniana a quattro braccia, costante nel suo lavoro; così si può vedere che la prima volta che l’ha usato come semplice banderuola è stato nel palazzo Güell, nella casa Batlló, in uno dei padiglioni del parco Güell, nella scuola Teresianes e nella casa Bellesguard. La sua devozione mariana è evidente nelle numerose iscrizioni sul tempio della Sagrada Família; quelli di natura mariana si vedono sul fregio dell’Angelus di casa Milan, in cima alla facciata, e altri sono nelle piastrelle di Valencia realizzate appositamente per la grande panchina del Parc Güell. Sulla porta di Bellesguard, eseguita in ferro battuto, c’è l’iscrizione: “Ave Maria, fu concepita senza peccato”.

Nell’ottobre 1913, durante il Primo Congresso di Arte Cristiana in Catalogna, fece parte del comitato, in cui il suo amico Mons. Josep Torras i Bages tenne il discorso di apertura. Era un membro della Lega Spirituale della Vergine di Montserrat, fondata da Torras i Bages, e ha partecipato al Primo Congresso Liturgico di Montserrat nel 1915.

Nel disegno del 1878 di un reliquiario conservato nel Museo di Reus, accanto a un’immagine della Vergine, c’è un’iscrizione di “Ave Maria” e “Sanctus, Sanctus, Sanctus”. L’uso di questa invocazione è già stato fatto abbondantemente da Gaudí nel progetto della porta di un cimitero (1875), si ripete in un altare di Alella (1883), nelle torri e nella cripta della Sagrada Família, come così come nell’oratorio di Bocabella (1885).

Ai margini dei sentieri del Parc Güell, ci sono grandi sfere di pietra in un numero di 150, che corrispondono alle tane del rosario, come se invitassero i camminatori alla loro preghiera.

Grazie al suo grande mecenate Eusebi Güell, ha contattato gruppi ecclesiastici di idee rinnovatrici, che lo hanno aiutato con le sue convinzioni religiose. La commissione per la costruzione del tempio della Sagrada Familia è stata la sua grande opera, in cui ha aggiunto al suo valore architettonico tutte le sue preoccupazioni religiose: gli affari religiosi richiedono l’uso di tutti i mezzi al massimo grado. Il tempio dovrebbe ispirare il sentimento della divinità con le sue infinite qualità e infiniti attributi.

Durante la visita del nunzio di papa Benedetto XV alla Sagrada Família nel 1915, il futuro cardinale Francesco Ragonesi gli disse che era un poeta, e l’architetto rispose: «E chi non lo sentirebbe, nella vicina chiesa. “Gaudí aveva un profondo sentimento religioso cristiano che lo fece dedicare nella parte finale della sua vita esclusivamente alla costruzione del tempio della Sagrada Família.

A causa del suo grande fervore cattolico, nel 1894 eseguì un digiuno quaresimale, portato a tal punto da mettere in pericolo la propria vita, e nel quale dovette intervenire Torras i Bages per convincerlo che lo abbandonò.

Beatificazione
Attualmente è in procinto di essere beatificato dalla Chiesa cattolica. L’Associazione per la Beatificazione di Antoni Gaudí ha richiesto l’autorizzazione insieme alla richiesta dell’Arcivescovo di Barcellona Ricard Maria Carles per avviare il processo di beatificazione, che è stato autorizzato dal Vaticano nel 2000. Nel 2003, tutti i documenti del lavoro svolto fino a quell’anno nel processo diocesano a Barcellona sono stati presentati al cardinale José Saraiva Martins, in Vaticano. Nel giugno 2003 è stato aperto il processo canonico nella Congregazione delle Cause dei Santi a Roma. Dal 2003 la diocesi di Barcellona lo considera un servo di Dio per le sue virtù cristiane.

Nel 2010, il Rev. Lluís Bonet i Armengol, rettore della parrocchia della Sagrada Família e vice-postulatore della causa di beatificazione, ha espresso il desiderio che nel 2016 Gaudí passasse da servo di Dio a venerabile. Nello stesso anno, il cardinale Sistach ha dichiarato che il 2026 è una data realistica per la beatificazione, che coinciderà con il centenario della morte di Gaudí e il possibile completamento del tempio della Sagrada Família.

Nuovo linguaggio architettonico
Gaudí è generalmente considerato il grande maestro del modernismo catalano, ma le sue opere vanno oltre ogni stile o classificazione. Sono opere fantasiose che trovano la loro principale ispirazione nella geometria e nelle forme della natura. Gaudí ha studiato a fondo le forme geometriche organiche e anarchiche della natura, cercando un modo per dare espressione a queste forme in architettura. Alcune delle sue più grandi ispirazioni provenivano dalle visite alla montagna di Montserrat, le grotte di Maiorca, le grotte di salnitro a Collbató, la falesia di Fra Guerau nelle montagne di Prades dietro Reus, la montagna Pareis a nord di Maiorca e Sant Miquel del Fai in Bigues i Riells.

Forme geometriche
Questo studio della natura si è tradotto nel suo uso di forme geometriche rigate come il paraboloide iperbolico, l’iperboloide, l’elicoide e il cono, che riflettono le forme che Gaudí ha trovato in natura. Le superfici rigate sono forme generate da una linea retta nota come generatrice, poiché si muove su una o più linee note come direttrici. Gaudí ne trovò abbondanti esempi in natura, per esempio in giunchi, canne e ossa; diceva che non esiste struttura migliore del tronco di un albero o di uno scheletro umano. Queste forme sono allo stesso tempo funzionali ed estetiche e Gaudí ha scoperto come adattare il linguaggio della natura alle forme strutturali dell’architettura. Era solito equiparare la forma elicoide al movimento e l’iperboloide alla luce.

Un altro elemento ampiamente utilizzato da Gaudí era l’arco della catenaria. Da giovane aveva studiato a fondo la geometria, studiando numerosi articoli sull’ingegneria, campo che esaltava le virtù della curva catenaria come elemento meccanico, che a quel tempo, però, veniva utilizzato solo nella costruzione di ponti sospesi. Gaudí è stato il primo a utilizzare questo elemento nell’architettura comune. Gli archi delle catenarie in opere come la Casa Milà, il Collegio Teresiano, la cripta della Colònia Güell e la Sagrada Família hanno permesso a Gaudí di aggiungere un elemento di grande forza alle sue strutture, dato che la catenaria distribuisce il peso che trasporta regolarmente in modo uniforme, essendo influenzata solo da forze tangenziali autoannullanti.

Gaudí si è evoluto dalla geometria piana alla geometria spaziale, alla geometria governata. Queste forme costruttive sono molto adatte all’uso di materiali economici come il mattone. Gaudí usava spesso mattoni posati con malta in strati successivi, come nella tradizionale volta catalana, usando il mattone posato piatto invece che su un lato. Questa ricerca di nuove soluzioni strutturali culminò tra il 1910 e il 1920, quando sfruttò la sua ricerca ed esperienza nel suo capolavoro, la Sagrada Família. Gaudí concepì l’interno della chiesa come se fosse una foresta, con un insieme di colonne simili ad alberi divise in vari rami per sostenere una struttura di volte iperboloidi intrecciate.

Ha inclinato le colonne in modo che potessero resistere meglio alla pressione perpendicolare sulla loro sezione. Ha anche dato loro una forma elicoidale a doppio giro (svolta a destra e svolta a sinistra), come nei rami e nei tronchi degli alberi. Questo ha creato una struttura che ora è conosciuta come frattale. Insieme ad una modulazione dello spazio che lo divide in piccoli moduli indipendenti e autoportanti, crea una struttura che sopporta perfettamente le forze di trazione meccanica senza bisogno di contrafforti, come richiesto dallo stile neogotico. Gaudí ha così raggiunto una soluzione razionale, strutturata e perfettamente logica, creando allo stesso tempo un nuovo stile architettonico originale, semplice, pratico ed estetico.

Superando il gotico
Questa nuova tecnica di costruzione ha permesso a Gaudí di raggiungere il suo più grande obiettivo architettonico; perfezionare e andare oltre lo stile gotico. Le volte iperboloidi hanno il loro centro dove le volte gotiche avevano la loro chiave di volta, e l’iperboloide consente un buco in questo spazio per far entrare la luce naturale. Nell’intersezione tra le volte, dove le volte gotiche hanno nervature, l’iperboloide consente anche fori, Gaudí ha impiegato per dare l’impressione di un cielo stellato.

Gaudí ha completato questa visione organica dell’architettura con una visione spaziale unica che gli ha permesso di concepire i suoi progetti in tre dimensioni, a differenza del design piatto dell’architettura tradizionale. Diceva di aver acquisito questo senso spaziale da ragazzo guardando i disegni che suo padre faceva delle caldaie e degli alambicchi che produceva. A causa di questa concezione spaziale, Gaudí ha sempre preferito lavorare con calchi e modelli in scala o addirittura improvvisare sul posto man mano che il lavoro procedeva. Riluttante a disegnare progetti, solo in rare occasioni abbozzava le sue opere, anzi, solo quando richiesto dalle autorità.

Un’altra delle innovazioni di Gaudí nel campo tecnico fu l’uso di un modello in scala per calcolare le strutture: per la chiesa della Colònia Güell, costruì un modello in scala 1:10 con un’altezza di 4 metri (13 piedi) in un capannone vicino l’edificio. Lì, ha installato un modello che aveva corde con piccole borse piene di birdshot appese a loro. Disegnava il pavimento della chiesa su un tavolo da disegno attaccato al soffitto, e appendeva le corde (per le catenarie) con il birdshot (per il peso) dai punti di sostegno dell’edificio – colonne, intersezione dei muri. Questi pesi hanno prodotto una curva catenaria sia negli archi che nelle volte. A quel punto, ha scattato una foto che, se capovolta, mostrava la struttura per colonne e archi che Gaudí stava cercando. Gaudí ha poi dipinto su queste fotografie con gouache o pastello.

La posizione di Gaudí nella storia dell’architettura è quella di un genio creativo che, ispirato dalla natura, ha sviluppato un suo stile che ha raggiunto la perfezione tecnica oltre che il valore estetico, e ha portato il segno del suo carattere. Le innovazioni strutturali di Gaudí furono in una certa misura il risultato del suo viaggio attraverso vari stili, dal dorico al barocco passando per il gotico, la sua principale ispirazione. Si può dire che questi stili siano culminati nel suo lavoro, che li ha reinterpretati e perfezionati. Gaudí è passato attraverso lo storicismo e l’eclettismo della sua generazione senza connettersi con altri movimenti architettonici del XX secolo che, con i loro postulati razionalisti, derivavano dalla scuola Bauhaus e rappresentavano un’evoluzione antitetica a quella iniziata da Gaudí,

Tra gli altri fattori che hanno portato alla trascuratezza iniziale del lavoro dell’architetto catalano è stato che, nonostante avesse numerosi assistenti e aiutanti, Gaudí non ha creato una scuola propria e non ha mai insegnato, né ha lasciato documenti scritti. Alcuni dei suoi subordinati adottarono le sue innovazioni, soprattutto Francesc Berenguer e Josep Maria Jujol; altri, come Cèsar Martinell, Francesc Folguera e Josep Francesc Ràfols, si sono laureati verso Noucentisme, lasciando le tracce del maestro.

Nonostante ciò, si può distinguere un certo grado di influenza in alcuni architetti che facevano parte del movimento modernista o se ne erano allontanati e che non avevano avuto contatti diretti con lui, come Josep Maria Pericas (Casa Alòs, Ripoll), Bernardí Martorell ( Olius cimitero) e Lluís Muncunill (Masia Freixa, Terrassa). Tuttavia, Gaudí ha lasciato un segno profondo nell’architettura del XX secolo: maestri come Le Corbusier si sono dichiarati ammiratori e le opere di altri architetti come Pier Luigi Nervi, Friedensreich Hundertwasser, Oscar Niemeyer, Félix Candela, Eduardo Torroja e Santiago Calatrava sono state ispirate da Gaudí . Frei Otto ha utilizzato le forme di Gaudí nella costruzione dello Stadio Olimpico di Monaco. In Giappone, il lavoro di Kenji Imai porta la prova dell’influenza di Gaudí,

Design e artigianato
Durante i suoi giorni da studente, Gaudí ha frequentato laboratori artigianali, come quelli tenuti da Eudald Puntí, Llorenç Matamala e Joan Oñós, dove ha appreso gli aspetti di base delle tecniche relative all’architettura, tra cui scultura, falegnameria, ferro battuto, vetro colorato, ceramica, gesso modellazione, ecc. Ha anche assorbito nuovi sviluppi tecnologici, integrando nella sua tecnica l’uso del ferro e del cemento armato nella costruzione. Gaudí aveva una visione ampia dell’architettura come un progetto multifunzionale, in cui ogni singolo dettaglio in un arrangiamento deve essere realizzato in modo armonioso e ben proporzionato. Questa conoscenza gli ha permesso di progettare progetti architettonici, includendo tutti gli elementi delle sue opere, dagli arredi all’illuminazione alla lavorazione del ferro battuto.

Gaudí è stato anche un innovatore nel regno dell’artigianato, concependo nuove soluzioni tecniche e decorative con i suoi materiali, ad esempio il suo modo di progettare mosaici ceramici fatti di pezzi di scarto (“trencadís”) in combinazioni originali e fantasiose. Per il restauro della Cattedrale di Maiorca ha inventato una nuova tecnica per produrre vetrate colorate, che consisteva nell’accostare tre lastre di vetro di colori primari, a volte neutri, variando lo spessore del vetro per graduare l’intensità della luce.

Fu così che disegnò personalmente molte delle sculture della Sagrada Familia. Studiava a fondo l’anatomia della figura, concentrandosi sui gesti. A tal fine, ha studiato lo scheletro umano e talvolta ha usato manichini fatti di filo per testare la postura appropriata della figura che stava per scolpire. In una seconda fase, ha fotografato i suoi modelli, utilizzando un sistema di specchi che ha fornito molteplici prospettive. Ha quindi realizzato calchi in gesso delle figure, sia di persone che di animali (in un’occasione ha fatto alzare un asino in modo che non si muovesse). Modificò le proporzioni di questi calchi per ottenere l’aspetto desiderato della figura, a seconda della sua posizione nella chiesa (più in alto, più grande sarebbe stata). Alla fine, ha scolpito le figure nella pietra.

Spazi urbani e paesaggistica
Gaudí praticava anche l’architettura del paesaggio, spesso in contesti urbani. Mirava a collocare le sue opere nell’ambiente naturale e architettonico più appropriato studiando a fondo la posizione delle sue costruzioni e cercando di integrarle naturalmente in quell’ambiente. A tal fine, ha utilizzato spesso il materiale più comune nell’ambiente vicino, come l’ardesia di Bellesguard e il granito grigio Bierzo del Palazzo Vescovile, Astorga. Molti dei suoi progetti erano giardini, come il Parco Güell e i Giardini Can Artigas, o giardini incorporati, come nella Casa Vicens o nei Padiglioni Güell. L’approccio armonioso di Gaudí al paesaggio è esemplificato dal Primo Mistero della Gloria del Rosario a Montserrat,

Interni
Allo stesso modo, Gaudí si è distinto come decoratore di interni, decorando personalmente la maggior parte dei suoi edifici, dagli arredi ai più piccoli dettagli. In ogni caso ha saputo applicare particolarità stilistiche, personalizzando la decorazione secondo il gusto del proprietario, lo stile predominante della sistemazione o la sua collocazione nell’ambiente, urbano o naturale, secolare o religioso. Molte delle sue opere erano legate all’arredamento liturgico. Dalla progettazione di una scrivania per il suo ufficio all’inizio della sua carriera agli arredi progettati per il Palazzo Sobrellano di Comillas, ha progettato tutti gli arredi delle case Vicens, Calvet, Batlló e Milà, del Palazzo Güell e della Torre Bellesguard, e l’arredamento liturgico della Sagrada Família. È interessante notare che Gaudí studiò un po ‘di ergonomia per adattare i suoi arredi all’anatomia umana.

Un altro aspetto è la distribuzione intelligente degli spazi, sempre con l’obiettivo di creare un’atmosfera interna confortevole, intima. A tal fine, Gaudí dividerebbe lo spazio in sezioni, adattate al loro uso specifico, per mezzo di pareti basse, controsoffitti, porte scorrevoli e armadi a muro. Oltre a prendersi cura di ogni dettaglio di tutti gli elementi strutturali e ornamentali, si è assicurato che le sue costruzioni avessero una buona illuminazione e ventilazione. A tal fine, ha studiato l’orientamento di ogni progetto rispetto ai punti cardinali, nonché il clima locale e la sua posizione nei suoi dintorni. A quel tempo, c’era una crescente domanda di più comfort domestico, con acqua e gas convogliati e l’uso della luce elettrica, tutti elementi che Gaudí incorporò sapientemente. Per la Sagrada Família, ad esempio,

L’illuminazione è servita a Gaudí anche per l’organizzazione dello spazio, che ha richiesto uno studio attento del gradiente di intensità della luce per adattarsi adeguatamente a ogni ambiente specifico. Ha ottenuto questo risultato con diversi elementi come lucernari, finestre, persiane e persiane; un caso degno di nota è la gradazione di colore utilizzata nell’atrio della Casa Batlló per ottenere una distribuzione uniforme della luce in tutto l’interno. Tendeva anche a costruire case esposte a sud per massimizzare la luce solare.

Sito del patrimonio mondiale
L’UNESCO ha dichiarato Patrimonio 1984 e 2005 Alcune delle opere di Antoni Gaudí: il Parc Güell, il Palau Güell, la Casa Mila, la facciata della Natività e la Cripta della Sagrada Family, Casa Vicens e Casa Batlló nella città di Barcellona, ​​insieme a la cripta della Colònia Güell, a Santa Coloma de Cervelló.

La dichiarazione di Patrimonio dell’Umanità di queste opere di Gaudí significa riconoscere il loro eccezionale valore universale. Questo è stato motivato dall’UNESCO:
Il lavoro di Antoni Gaudí rappresenta un contributo creativo eccezionale ed eccezionale allo sviluppo dell’architettura e della tecnologia delle costruzioni al momento della transizione dal XIX al XX secolo.
L’opera di Gaudí mostra un importante scambio di valori strettamente legati alla cultura e alle correnti artistiche del suo tempo, rappresentate nel modernismo della Catalogna. Ha influenzato molte delle forme e delle tecniche che erano rilevanti per lo sviluppo della costruzione moderna nel ventesimo secolo.
Il lavoro di Gaudí rappresenta una serie di esempi eccezionali del tipo di costruzione nell’architettura del primo Novecento, sia residenziale che pubblica, per il cui sviluppo ha dato un contributo importante e creativo.

Il lavoro di Gaudí a Barcellona
Il lavoro di Gaudí è normalmente classificato come modernista e appartiene a questo movimento per la sua voglia di rinnovare senza rompere con la tradizione, la sua ricerca della modernità, il senso ornamentale applicato alle opere e il carattere multidisciplinare delle sue imprese, dove l’artigianato gioca un ruolo centrale ruolo. A questo, Gaudí aggiunge una dose di barocco, adotta progressi tecnici e continua a utilizzare il linguaggio architettonico tradizionale. Insieme alla sua ispirazione dalla natura e al tocco originale delle sue opere, questo amalgama conferisce alle sue opere il loro carattere personale e unico nella storia dell’architettura.

Cronologicamente, è difficile stabilire linee guida che illustrino fedelmente l’evoluzione dello stile di Gaudí. Sebbene sia passato dal suo approccio inizialmente storicista per immergersi completamente nel movimento modernista che sorse così vigorosamente nell’ultimo terzo del XIX secolo in Catalogna, prima di raggiungere finalmente il suo stile personale e organico, questo processo non consisteva in fasi chiaramente definite con confini evidenti: anzi, in ogni fase ci sono riflessi di tutti i primi, man mano che li assimila e li supera. Tra le migliori descrizioni dell’opera di Gaudí quella del suo discepolo e biografo Joan Bergós, secondo criteri plastici e strutturali. Bergós stabilisce cinque periodi nelle produzioni di Gaudí: periodo preliminare, mudéjar-morisco (arte moresca / mudéjar), gotico emulato,

Casa Vicens
La Casa Vicens è un edificio modernista e il primo progetto importante per l’architetto Antoni Gaudí iniziò a costruire nel 1883. Situato nella via Carolinas, numero 20-26, nel quartiere di Gràcia della città di Barcellona. Si tratta di un’opera dichiarata Patrimonio Culturale di Interesse Nazionale e Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Ospita giardini maestosi di volumi complessi, Gaudí combina la pietra, il mattone e ha visto una vasta gamma di piastrelle a Valencia in colori diversi, dove l’influenza dell’orientalismo radicato nell’Islam è chiara.

Le recinzioni in ferro battuto sono direttamente ispirate alla natura e, in particolare, alla palma (una palma tipica del Mediterraneo occidentale). Anche le ringhiere e le grate sono in ferro battuto e preludono a motivi decorativi modernisti. L’intarsio dei tralicci del giardino, del giardino stesso, spazia dalle soluzioni di finitura degli interni arabizzanti, di carattere mediterraneo o di vicinanza alla natura. All’interno, l’elemento decorativo principale è il legno scolpito e policromo, che insieme ai mobili produce un insieme di un carattere fantastico.

Nel 1883, Gaudí fu incaricato da Manuel Vicens i Montaner di costruire una residenza estiva. Nel febbraio 1883, Manuel Vicens chiese al Comune di Vila de Gràcia il permesso di costruire una casa estiva in Carrer Sant Gervasi 26 (attualmente Carrer Carolines 20-26). Un mese prima aveva chiesto il permesso di demolire la casa che aveva ereditato dalla madre, Rosa Montaner, visto il suo cattivo stato di conservazione. Sebbene il signor Manuel Vicens sia ancora un personaggio abbastanza sconosciuto, il suo testamento menziona la sua professione: agente di cambio e cambio, che smentirebbe il suo presunto legame con la ceramica e sarebbe rafforzato dall’inventario del 1885 della fabbrica di ceramiche Pujol i Bausis che è conservato in l’Archivio municipale di Esplugues de Llobregat, dove il signor Manuel Vicens i Montaner, di Gràcia, è documentato come debitore di 1.440 pesetas.

La Casa Vicens è stata progettata da Antoni Gaudí nel 1878 e costruita tra il 1883 e il 1885 come residenza estiva a Gràcia è il primo tentativo di Gaudí di trovare un nuovo stile e di sfuggire allo storicismo architettonico e all’eclettismo. prevalente. A Casa Vicens, Gaudí anticipa in modo puramente intuitivo tutta una serie di categorie formali e costruttive che aiuteranno a preparare l’emergere del modernismo. E ‘strutturato su quattro livelli, corrispondenti ad un seminterrato per la cantina, due piani per l’abitazione e un sottotetto per il servizio. Gaudí ha annesso l’edificio al centro di un vicino convento, ottenendo così un ampio e spazioso giardino. Per l’altro lato del giardino progettò una monumentale fontana di mattoni a vista, formata da un arco parabolico al di sopra del quale costituiva un passaggio tra colonne. L’acqua veniva immagazzinata in due serbatoi posti in cima a ciascun pilastro terminale della fontana. Nel 1946 fu demolita per la vendita di questa parte di terreno.

Gaudí è nel suo primo periodo, in cui usa un linguaggio architettonico di grande semplicità costruttiva, con una predominanza della linea retta sulla curva. Vuole rompere con l’influenza dello storicismo e riconosce l’eredità mudéjar sfruttando l’attività imprenditoriale dei proprietari e utilizzando intensamente la ceramica. È stato ispirato da elementi vegetali del sito per progettare alcuni dei pezzi di decorazione più significativi, come una foglia di palma per la griglia in ferro battuto o un garofano per decorare le ceramiche della facciata. Siamo a cavallo di un’era che preludeva imminentemente al modernismo. È ora che Domenech i Montaner per l’editoriale Montaner i Simon, con uso totale e massiccio di mattoni, e il castello dei tre Draghi (Ristorante dell’Esposizione del 1888), con struttura in ferro e vetro,

Questa casa aveva una sorgente di acqua minerale, molto amata dal quartiere per via dei poteri curativi che le persone le davano. Il quartiere la conosceva “dall’acqua della fontana di Santa Rita”. Questa casa ha caratteristiche simili e date abbastanza coincidenti con il “Capricho de Comillas” (Santander), anch’esso opera di Gaudí.

Nel 1925, l’architetto Joan Baptista Serra realizzò un ampliamento dell’edificio a immagine di ciò che aveva fatto Gaudí, riducendo notevolmente il suo giardino. Per queste opere vinse il premio del Concorso annuale per edifici artistici nel 1927, assegnato dal Comune di Barcellona. Il 27 marzo 2014 MoraBanc ha acquistato la casa dei Vicens e finalmente ha aperto le sue porte come casa-museo il 16 novembre 2017.

Padiglioni Güell
I Padiglioni Güell sono una serie di edifici nel quartiere di Pedralbes, a Barcellona, ​​progettati dall’architetto modernista catalano Antoni Gaudí, costruiti tra il 1884 e il 1887. Gaudí fu commissionato dal suo grande mecenate, il conte Eusebi Güell. Aveva conosciuto l’opera di Gaudí all’Esposizione Universale di Parigi nel 1878, quando iniziò una lunga amicizia e un gran numero di commissioni come il Palau Güell, i Padiglioni Güell a Pedralbes, il Parc Güell e la Cripta della Colònia Güell a Santa Coloma de Cervelló.

Güell aveva una tenuta a Les Corts de Sarrià, un’unione di due appezzamenti di terreno noti come Can Feliu e Can Cuyàs de la Riera. L’architetto Joan Martorell i Montells, uno dei maestri di Gaudí, aveva costruito un piccolo palazzo dall’aria caraibica, quasi dove ora si trova il Palazzo Reale di Pedralbes. La casa era conosciuta come Torre Satalia, nome datogli da Monsignor Cinto Verdaguer, amico di famiglia. Gaudí è stato incaricato di ristrutturare la casa e costruire un muro di recinzione e pali.

Gaudí ha realizzato un progetto di aria orientale, che a volte ricorda l’arte mudéjar. Realizzò il muro in muratura con più porte, mettendo in risalto quella principale con una grata in ferro a forma di drago, con occhi di cristallo; questa figura rappresenterebbe Ladó, il drago guardiano del Giardino delle Esperidi, sconfitto da Ercole nella sua undicesima opera – episodio narrato da Jacint Verdaguer nella sua poesia L’Atlàntida, dedicata ad Antonio López y López, primo marchese di Comillas, che fu il suocero di Eusebi Güell, dove possiamo percepire la possibile origine della figura di ingresso ai padiglioni-. Sopra il drago c’è un albero di arancio fatto di antimonio, che allude anche alle Esperidi. La forma del drago corrisponde alla posizione delle stelle nella costellazione del Serpente, in cui Ladó fu trasformato come punizione per aver rubato le arance.

Le altre tre porte di accesso alla tenuta hanno perso funzionalità con l’apertura dell’Avinguda Diagonal: una di esse è ancora davanti al cimitero di Les Corts, anche se la sua grata di ferro è stata spostata dalla Casa Museu Gaudí dal Parc Güell; un altro è stato restaurato nel 1982 dall’Università di Barcellona e attualmente si trova tra le facoltà di Scienze della Terra e Biologia; e la terza fu demolita quando fu costruita la Facoltà di Farmacia, ma ricostruita nel 1957 accanto a questo edificio.

I padiglioni sono costituiti da stalle, scuderie e pali: le scuderie hanno una base rettangolare, coperta da una volta tramezzata a catenaria; l’elicottero è a base quadrata, con cupola di profilo iperboloidale, sormontata da tempietto; la porta è composta da tre piccoli edifici, quello centrale a pianta poligonale e cupola iperbolica, e due più piccoli a pianta cubica. Tutti e tre sono sormontati da ventilatori a forma di camini, rivestiti di ceramica. L’opera è realizzata in mattoni visti in varie tonalità tra il rosso e il giallo, e ricoperti di cristalli colorati; in alcuni tratti utilizza anche blocchi prefabbricati di cemento.

Gaudí fu anche parzialmente responsabile della progettazione dei giardini della tenuta, costruendo due fontane e un pergolato e piantando vari tipi di piante mediterranee (pini, eucalipti, palme, cipressi e magnolie). La Fontana di Ercole rimane ancora accanto al Palazzo Reale di Pedralbes, restaurato nel 1983; contiene un busto dell’eroe mitologico greco, su un mucchio con lo stemma della Catalogna e un cannone a forma di drago cinese. Nel 1969 i Padiglioni Güell sono stati dichiarati Monumento Storico-Artistico Nazionale. I padiglioni ospitano attualmente la cattedra reale Gaudí, appartenente all’Universitat Politècnica de Catalunya, e l’Orto Botanico della Facoltà di Biologia si trova sui suoi terreni.

Expirator tempio della Sagrada Familia
Il Tempio Espiatorio della Sagrada Família, comunemente noto come Sagrada Família, è una basilica cattolica situata nella città di Barcellona. È uno degli esempi più noti del modernismo catalano e un edificio unico al mondo, che è diventato un simbolo della città. Opera incompiuta dell’architetto catalano Antoni Gaudí, è il quartiere della Sagrada Familia, nel quartiere del quartiere Eixample della città. La Sagrada Família è una testimonianza della pienezza artistica di Gaudí: ha lavorato lì per la maggior parte della sua carriera professionale; ma soprattutto negli ultimi anni, quando ha raggiunto il culmine del suo stile naturalistico, con una sintesi di tutte le soluzioni e gli stili sperimentati finora. Gaudí ha raggiunto una perfetta armonia nell’interrelazione tra gli elementi strutturali e gli elementi ornamentali,

Dal 1915 Gaudí si dedicò quasi esclusivamente alla Sagrada Família, un’opera che significa la sintesi di tutta la sua evoluzione architettonica, applicando tutti i suoi ritrovamenti precedentemente sperimentati alla cripta della Colònia Güell .. Dopo la creazione della cripta e del nell’abside, ancora in stile neogotico, Gaudí concepì il resto del tempio in uno stile organico, con imitazione delle forme della natura, dove abbondano le forme geometriche regolate. L’interno sembra una foresta, con una serie di colonne ad albero inclinate e di forma elicoidale, che creano una struttura semplice e durevole. Durante la vita di Antoni Gaudí (1852-1926) furono completate solo la cripta, l’abside e, in parte, la facciata della Natività, di cui fu completata solo la torre di Sant Bernabé.

In questo tempio, l’architetto ha concepito un meticoloso simbolismo all’interno di un poema mistico con grande audacia formale costruttiva, come nel suo modo di concepire la struttura con l’arco parabolico – detta anche funicolare delle forze -, combinando il trattamento scultura naturalistica con l’astrazione torri. È il monumento più visitato in Spagna, davanti all’Alhambra o al Museo del Prado, con 3,7 milioni di visitatori nel 2015. L’opera di Gaudí – ovvero la cripta, l’abside e la facciata della Natività – è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità Sito dell’UNESCO nel 2005.

Il concetto di tempio espiatorio significa che la sua costruzione viene eseguita sulla base di donazioni, il che ha significato che a volte i lavori hanno dovuto essere interrotti. Tuttavia, a partire dagli anni ’90, l’afflusso di visitatori e la grande fama mondiale hanno cambiato la situazione economica e le opere hanno preso una forte spinta, fino alla pandemia del Covid-19. La Sagrada Familia è stata dichiarata basilica minore, da Papa Benedetto XVI il 7 novembre 2010. Sebbene non sia una cattedrale, diverse fonti l’hanno chiamata la Cattedrale d’Europa, per il carattere universale che Gaudí ha voluto conferirle.

Palau Güell
Il Palau Güell è un edificio progettato dall’architetto Antoni Gaudí, il massimo rappresentante del modernismo catalano, tra il 1886 e il 1890. Il palazzo si trova in Carrer Nou de la Rambla n. 3-5 di Barcellona, ​​nel quartiere Raval. L’uomo d’affari e mecenate di Barcellona Eusebi Güell commissionò al suo amico Gaudí la costruzione della sua residenza di famiglia, che all’epoca doveva anche essere un punto d’incontro per la borghesia. È la prima grande opera che Eusebi Güell ha affidato a Gaudí e si distingue per il modo in cui l’architetto ha concepito lo spazio e la luce. Quest’opera appartiene al periodo orientalista di Gaudí (1883-1888), periodo in cui l’architetto realizzò una serie di opere ispirate all’arte del Vicino ed Estremo Oriente (India, Persia, Giappone), oltre che al ‘ Arte islamica Ispanica principalmente arte moresca e moresca.

L’edificio è strutturato in più piani funzionalmente differenziati, con un ingresso a forma di arco catenaria di dimensioni imponenti e una distribuzione degli ambienti attorno al salone centrale, asse principale e spina dorsale dell’edificio. Ci sono venti camini sul tetto che, lungi dall’essere trattati come semplici camini, Gaudí li concepì come sculture. Con questo, ha iniziato un modo di progettare i camini che avrebbe sviluppato nelle sue opere successive, fino a ottenere risultati spettacolari a Casa Milà.

Gaudí ha avuto per la sua costruzione la collaborazione dell’architetto della sua bottega Francesc Berenguer, il maestro fabbro Joan Oñós, l’ebanisteria di Antoni Oliva ed Eudald Puntí, la decorazione, le vetrate e i mobili di Francesc Vidal e Jevellí e la pittura di Aleix Clapés i Puig. Il palazzo è stato iscritto nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO per il suo eccezionale valore universale nel 1984.

Il Palau Güell sorge su un lotto di pavimento quasi rettangolare, 18 x 22 metri, con una dependance a sud-ovest, 6 x 20 m. La struttura è basata sui muri delle facciate, in pietra naturale, oltre che sui tramezzi, in laterizio, oltre a pilastri in laterizio nel seminterrato e in pietra negli altri piani. Il muro divisorio sul lato est era in origine una facciata a vista, fino a quando non fu intonacato e dipinto con un affresco di Aleix Clapés raffigurante Ercole alla ricerca delle Esperidi, ispirato al poema L’Atlàntida di Jacint Verdaguer, ora scomparso. Il fabbricato è composto complessivamente da sette piani tra taverna per stalle, piano terra con ingresso, portineria, garage e vari locali di servizio, soppalco per zona amministrativa, piano nobile per zona sociale, secondo piano per area privata (camere, bagni),

La caratteristica fondamentale dell’edificio è la ricchezza degli spazi, con percorsi fluidi e un’indipendenza nella distribuzione di ogni impianto che producono l’aspetto di una volumetria edificata abbastanza grande per la limitata superficie del lotto. Il design generale segue le linee delle sue creazioni di quel tempo, segnate dallo stile orientale applicato al design delle sue opere. Questo palazzo culmina in un periodo di predominanza di forme arabe, bizantine o di ispirazione mudéjar, con opere come la Casa Vicens, i padiglioni Güell e El Capricho de Comillas (Cantabria). Gaudí applica uno stile di transizione con elementi compositivi gotici con soluzioni che ricordano alcuni palazzi veneziani.

Gaudí ha progettato con cura sia l’esterno che l’interno del palazzo, con una sontuosa decorazione in stile mudéjar, dove spiccano i soffitti con cassettoni in legno e ferro. Gaudí ha inoltre studiato in modo efficiente tutte le soluzioni tecniche e strutturali dell’edificio, curando nei minimi dettagli aspetti come l’illuminazione, la ventilazione o l’isolamento acustico dell’esterno. Analizzato da un aspetto strettamente costruttivo, il Palau Güell rappresenta uno dei punti più complessi della produzione di Gaudí, dove confluiscono molte delle risorse geometriche e costruttive che l’architetto utilizzerà in futuro. Come se Gaudí avesse voluto sperimentare, vengono trovati elementi completamente nuovi provando procedure di costruzione più adatte per ogni caso.

La delicata modellazione delle superfici di passaggio tra gli archi parabolici e le colonne marmoree della sala principale anticipa chiaramente il trattamento plastico di alcune sue opere successive come la casa milanese e, in particolare, il lavoro con superfici storte delle volte del Colònia Güell e la Sagrada Família. Il tipo di trattamento e la generazione formale delle cupole e dei camini sul tetto del palazzo hanno, allo stesso tempo, un chiaro antecedente nella casa Vicens e nella tenuta Güell, ma sarà proiettato ancora più fortemente nel Milà e Batlló case, raggiungendo la loro massima espressione plastica nelle forme del Parc Güell.

Collegio dei Teresiani
Il Collegio dei Teresiani è una scuola in Carrer de Ganduxer nel centro storico di Sant Gervasi de Cassoles, e attualmente nel quartiere Tres Torres del quartiere Sarrià – Sant Gervasi di Barcellona .. La scuola insegna tutti i corsi di istruzione regolamentata dal secondo ciclo dall’educazione della prima infanzia alla scuola superiore. Era una scuola per sole ragazze, ma alla fine del 20 ° secolo era mista. Ha un concerto con la Generalitat de Catalunya per insegnare l’istruzione obbligatoria. Si tratta di un’opera dichiarata Bene Culturale di Interesse Nazionale. La scuola Teresiana è un edificio rettangolare allungato con asse di comunicazione longitudinale, formato da archi parabolici, e alto quattro piani (piano terra e tre piani), realizzato principalmente in pietra e mattoni a vista.

Agli angoli della facciata ci sono pinnacoli in mattoni con una colonna elicoidale che culmina nella croce a quattro braccia, tipica delle opere di Gaudí, e con scudi in ceramica con vari simboli distintivi dell’ordine teresiano: il Monte Carmelo incoronato. dalla croce, il cuore della Vergine coronato di spine e quello di S. Teresa trafitto da una freccia. Quasi tutte le aperture hanno una forma prossima all’arco parabolico. Al piano terra formano una galleria di archi in fila. Al primo e al secondo piano gli archi sono inscritti in un rettangolo. All’ultimo piano, un susseguirsi di archi (alternando vere e proprie aperture ad archi ciechi) forma un grande fregio che corona il tutto, a cui si sovrappone la ringhiera del tetto che si accosta ad una sorta di merlatura triangolare e pinnacoli con croci di quattro braccia agli angoli.

Su uno dei lati lunghi si trova un piccolo portico a ridosso della piazza, che si eleva per altri due piani formando punti panoramici, racchiusi da tralicci in mattoni con piccoli cerchi in ceramica colorata. La porta d’ingresso di questo portico, formato da un arco parabolico, ha una grata in ferro battuto, che è in linea con la porta del drago dei padiglioni Güell, anche se il suo design è più semplice.

Lo stemma dell’ordine compare in più punti. Al contrario, praticamente non ci sono elementi ornamentali, ma soluzioni costruttive. All’interno è presente un corridoio famoso per la successione di archi parabolici che contiene. Questi archi dalla linea elegante non sono solo decorativi, ma hanno la funzione di sostenere il soffitto e il piano superiore. Gaudí ha utilizzato l’arco parabolico come elemento costruttivo ideale, in grado di sostenere pesi elevati per mezzo di profili sottili. L’edificio teresiano diventa così una delle opere più coerenti di Gaudí, in cui l’interno e l’esterno formano un’unità.

Gaudí costruì l’edificio per il convento e la scuola dei Teresiani con un budget limitato, che insieme all’austerità dell’ordine religioso determinò che l’opera non avesse troppe pretese apparenti; in questo modo, la semplicità delle strutture interne si riflette sull’esterno, che non è decorato con nessun tipo di policromia. L’incarico era di Enric d’Ossó di ospitare una scuola e un convento della Congregazione delle monache Teresiane (Compagnia di Santa Teresa di Gesù), da lui stesso fondata. Fu concepito per sostituire l’edificio che fino ad allora le suore avevano abitato in c / Sant Elies, 4, dell’allora comune autonomo di Sant Gervasi de Cassoles. La casa fu occupata nel 1886 e funse da collegio, noviziato e sede provinciale in affitto.

La costruzione iniziò nel 1887 sotto la direzione dell’architetto Joan Baptista Pons i Trabal, ma nel 1888 Ossó commissionò il progetto a Gaudí, che aveva già acquisito una grande reputazione come architetto e come persona devota, motivo per cui Ossó scelse. I lavori durarono dal 1888 al 1889.

Del progetto iniziale di Pons e Trabal erano state realizzate solo le fondamenta. Gaudí ha adempiuto la volontà dell’ordine di riflettere l’austerità nell’edificio, in adempimento del voto di povertà; seguendo le indicazioni delle suore progettò un edificio sobrio, realizzato in laterizio all’esterno e con alcuni elementi in laterizio all’interno. Usando l’argomento che il mattone non era costoso e che non c’era molta differenza di costi nel posizionare i pezzi in un modo o nell’altro, stava creando elementi decorativi dove possibile, sia all’esterno che all’interno. l’interno. Incorporò anche delle grate in ferro battuto, uno dei suoi materiali preferiti, nella facciata, e la coronò con una serie di merli che suggeriscono un castello, una possibile allusione al. Nel 1908, Gaudí progettò una cappella che non poteva essere costruita a causa di disaccordi con il superiore del convento; quello attuale, in stile neogotico, è opera di Gabriel Borrell i Cardona.

Casa Calvet
La Casa Calvet è un edificio progettato da Antoni Gaudi, uno degli architetti più rappresentativi del modernismo catalano. Si trova al 48 Carrer de Casp, nell’Eixample di Barcellona, ​​e risale al 1899. L’edificio è stato realizzato per la famiglia di Pere Màrtir Calvet i Carbonell, un produttore tessile di Sant Genís de Vilassar sposato con Juliana Pintó i Roldós ed è stato adibito sia per l’attività commerciale, per la quale sono stati adibiti il ​​piano terra e il seminterrato., che per l’abitazione, posta ai piani superiori. Pere Màrtir Calvet morì a Barcellona il 21 febbraio 1894 all’età di 51 anni e la moglie ei figli Eduard, Pere ed Elisa Calvet i Pintó portano avanti il ​​progetto. È elencato come bene culturale di interesse nazionale. Casa Calvet è considerata l’opera più conservatrice dell’architetto. Secondo gli esperti, la spiegazione sta nel fatto che,

In effetti, la simmetria, l’equilibrio e l’ordine che caratterizzano la Casa Calvet non sono comuni nell’opera di Gaudí. Tuttavia, si possono vedere elementi modernisti, come i due frontoni curvilinei all’estremità della facciata, il balcone con una galleria di vetro e le lastre che sporgono sopra l’ingresso o la forma degli altri balconi. Le colonne che fiancheggiano l’ingresso ricordano rocchetti di filo e costituiscono un’allusione all’attività tessile della famiglia Calvet. Come elemento curioso dobbiamo anche evidenziare, in cima alla facciata, i busti dei tre santi patroni di Vilassar de Dalt, dove si trovavano i Calvets: Sant Pere Màrtir (in onore del padre del proprietario), Sant Genís d’Arle , il notaio e l’attore San Genio di Roma. È stato il primo edificio premiato dal Consiglio Comunale al Concorso Annuale di Edilizia Artistica (1899).

Porta e recinzione della Finca Miralles
La porta e la recinzione della tenuta Miralles è un’opera di Antoni Gaudí dichiarata bene culturale di interesse nazionale. È l’unico rimasto della casa di Hermenegild Miralles. È un’opera di Barcellona dichiarata bene culturale di interesse nazionale. Il portale e la recinzione di Can Miralles, un’opera minore di Gaudí, è un muro con un profilo ondulato, con una base più ampia e un restringimento nella parte superiore. A coronamento di questo muro c’è un elemento continuo lungo tutta la parete che accentua la forma sinuosa dell’insieme. In cima al muro c’è una griglia in rete metallica con punte nella parte superiore. È centrato dal portone principale e anche il suo arco è irregolare. Accanto al portone principale se ne trova uno più piccolo, che conserva l’originaria grata in ferro.

Queste porte sono coperte da un tetto, come un tendone, a timpano. Le piastrelle sono in fibrocemento, sebbene originariamente fossero di cartone di pietra e siano state realizzate da Hermenegild Miralles in una delle sue fabbriche. Questo tetto è tensionato con elementi metallici intrecciati e coronato da una croce gaudina a quattro pale con un profilo sinuoso in ferro battuto. Questo tetto è una riproduzione dell’originale, rimosso nel 1965 e ricostruito in un restauro nel 1977-1978. Sulla porta principale si trova una scultura in bronzo a grandezza naturale di Gaudí, realizzata nel 1999 dallo scultore Joaquim Camps, anno in cui è stato eseguito l’ultimo restauro. Attualmente il tratto di muro conservato è in buone condizioni, sebbene originariamente fosse lungo 36 metri.

La recinzione e la porta d’ingresso di Can Miralles, situata sulla passeggiata aperta dal Conte di Güell per raggiungere la Porta del Drago della tenuta di Pedralbes, fu costruita da Gaudí all’inizio del secolo. Fu commissionato da Hermenegild Miralles con l’obiettivo di creare una recinzione che circondasse tutta la sua tenuta. Salvata dalla demolizione, la recinzione è stata restaurata nel 1977-78, con il restauro della pensilina che protegge l’accesso, che era scomparsa, e la rimozione della grata del grande portale, che non era l’originale.

Park Güell
Il Park Güell è un grande giardino con elementi architettonici situato nella parte alta di Barcellona, ​​sulle pendici della collina del Carmelo che si affaccia sul mare, non lontano dal Tibidabo. È stato progettato dall’architetto Antoni Gaudí, il massimo esponente del modernismo catalano, costruito tra il 1900 e il 1914 e inaugurato come parco pubblico nel 1926. Ha una superficie di 17,18 ettari (0,1718 km²), che lo rende uno dei più grandi edifici architettonici lavora nell’Europa meridionale .. Nel 1984 l’UNESCO ha dichiarato il Parco Güell patrimonio dell’umanità. Il design del parco mostra chiaramente la mano di un architetto e lo stile peculiare di Gaudí è evidente in qualsiasi elemento, non importa quanto piccolo. Ci sono forme ondulate, simili a fiumi di lava, e passerelle coperte di colonne che hanno la forma di alberi o stalattiti. Molte delle superfici sono ricoperte di trencadís, pezzi di ceramica o vetro sotto forma di mosaici colorati. Grazie alla sua posizione al centro della città e in alta quota, questo parco è un’oasi di pace che contrasta con il rumore e la frenesia della capitale catalana.

Antoni Gaudí aveva in mente le città giardino inglesi e insisteva per ottenere una perfetta integrazione delle sue opere nella natura. Ne sono la prova le colonne in pietre di dimensioni e forme molto variabili, che suggeriscono tronchi d’albero, stalattiti e grotte naturali. Gli angoli retti non appaiono da nessuna parte: le colonne sono inclinate come palme. Il punto centrale del parco è costituito da un’immensa piazza, il cui bordo funge da panchina e ondeggia come un serpente lungo centocinquanta metri. Anche questa panca è ricoperta di trencadí fatti di piccoli pezzi di ceramica e vetro ed è opera di Josep Maria Jujol, un collaboratore di Gaudí.

La piazza è parzialmente sostenuta dalla Sala delle Cento Colonne, composta da ottantasei colonne che assomigliano a gigantesche stalagmiti in una grotta. Sul soffitto, tra le colonne, sono presenti decorazioni circolari dove le colonne inizialmente previste non erano state costruite (dovevano essere cento). La scala all’ingresso principale del parco raggiunge questo luogo, con gradini disposti simmetricamente attorno alla scultura di una salamandra che è diventata l’emblema del giardino. Rappresenta la salamandra alchemica, che simboleggia l’elemento fuoco.

All’ingresso principale del parco si trovano due edifici in puro stile Gaudí, con soffitti curvi lisci, strane appendici e motivi geometrici. Quella sulla destra è la Casa del Guarda, ideata e progettata da Gaudí come casa per il portiere del Park Güell. I lavori di forgiatura sono opera di Badia, fratelli. La Casa del Guarda è uno dei pochi esempi di una casa modesta costruita da Gaudí. Fu costruito tra il 1901 e il 1903 in risposta ai principi di utilità e semplicità interna, senza rinunciare, però, ad una grande ricchezza formale e visiva. Nel tempo, la casa ha avuto usi diversi e ha subito vari restauri per accogliere l’attuale progetto museale del Museo di Storia di Barcellona (MUHBA). La mostra “Güell, Gaudí e Barcellona. Espressione di un ideale urbano ”che spiega la Casa del Guarda,

Casa Batlló
La Casa Batllo è un edificio progettato dall’architetto Antoni Gaudi, il massimo rappresentante del modernismo catalano, tra il 1904 e il 1907 si trova al numero 43 del Passeig de Gràcia a Barcellona, ​​l’ampio viale che attraversa il quartiere modernista dell’Eixample. Fu commissionato da Josep Batlló i Casanovas, un uomo d’affari tessile legato per matrimonio alla famiglia Godó. La sua parte più nota è la facciata, considerata una delle opere più creative e originali dell’architetto; combina pietra, ferro battuto, vetri rotti e ceramiche policrome.

Gaudí ha avuto per la sua costruzione la collaborazione degli architetti Josep Maria Jujol e Joan Rubió i Bellver per la realizzazione della facciata, con gli artigiani della fucina tedesca Badia, i falegnami Casas e Bardés, il ceramista Sebastià Ribó e Josep Pelegrí (macchiato produttore di vetro).

Al di là delle diverse interpretazioni di aree specifiche o dettagli di quest’opera, Casa Batlló, all’interno della linea naturalistica dell’autore, si ispira all’ambiente marino. La varietà dei suoi colori e delle specie compongono la tesi con una predominanza prominente dell’azzurro del mare e dell’ocra delle rocce, azzurro che appare legato alla decorazione in ceramica, alla facciata, all’atrio o ai cortili interni. Secondo lo storico Juan José Lahuerta, “l’interno della casa diventa un luogo di ritrovo per l’uomo che affronta la folla della città e combatte in un mondo competitivo, una specie di grotta sottomarina dove ritrovarsi, dove trovare uno spazio intimo, come mostra l’opera di Jules Verne (molto popolare all’epoca e morto nel 1905 in coincidenza con la costruzione dell’edificio), l’eroe, l’uomo moderno e conquistatore ha due realtà: un esterno, cosmico, senza limiti e un intimo dove si raccoglie nella grotta, nel grembo materno della terra; natura, ragione e storia convergono in questo lavoro. ”

L’edificio nel suo complesso è ispirato a un ambiente marino, un enigma sottomarino. La visione naturalistica dell’autore spiega questa tesi con una spiccata padronanza dell’azzurro del mare e dell’ocra delle rocce. Un blu che appare legato al decoro in ceramica, che inizia con tenui toni azzurri nella hall che si collegano, internamente, con i cortili mutevoli di intensità e, esternamente, con il mare della facciata. La scala principale si trova in una grotta sottomarina che conduce ad un piano nobile che si configura come il grande rifugio sottomarino, come una vasca per i pesci da cui siamo osservati o osservati, come un sottomarinoche ci permette di isolarci e proteggerci. Un interno in cui le forme arrotondate di porte e finestre evocano le paratoie interne di una nave e dove le incisioni delle porte in rovere presentano un campione di serpenti marini,

La connessione naturalistica dell’edificio con un essere vivente porta Gaudí a utilizzare similitudini a seconda del lavoro meccanico svolto. Su supporti lunghi utilizza forme che ricordano l’omero o il femore; le basi e i capitelli dei pilastri ricordano le vertebre; le balaustre dei balconi del primo piano sono falangi e le grate turgide, convesse, realizzate con corrimano in ferro che proteggono gli oculi dai balconi in ferro ricordano delle costolature. In assenza di documentazione diretta da Gaudí, il significato delle forme e dei colori della facciata ha avuto diverse interpretazioni, tutte abbastanza plausibili. La somiglianza dei balconi dei balconi con le maschere di festa invita a vedere i coriandoli scivolare nella policromia della facciata.

L’interpretazione di Lluís Permanyer punta a una visione meno profana e più epica delle precedenti e colloca il simbolismo attorno alla lotta di San Giorgio contro il drago, rappresentante del male, la cui spina dorsale forma il profilo superiore della facciata. Palazzo principale. La torre sarebbe la lancia inchiodata al drago, l’edificio; una lancia coronata da una croce che simboleggia lo stendardo di San Giorgio e con incise le iniziali della Sagrada Familia, simbolo inequivocabile del trionfo della religiosità e del bene. Le scaglie blu della schiena del drago diventano rosse – macchiate di sangue – sul lato sinistro della torre. In questa interpretazione i balconi sono frammenti di teschi e i pilastri delle finestre del piano nobile sono le ossa delle vittime del drago.

La serie di finestre del piano nobile delinea l’immagine di un pipistrello con le ali aperte. Si tratta di un animale legato al simbolismo catalano medievale reso popolare da Re Giacomo il Conquistatore che, secondo la leggenda basata sul Libro dei Fatti, gli ricordò un pipistrello che impedì la sconfitta della Corona d’Aragona sull’orlo di Burriana e ne consentì la conquista di Valencia.

Tuttavia, l’origine più probabile di questo animale come simbolo risiede nel vibrio della sommità reale di Pietro il Cerimonioso. La vibria era un drago che incoronava gli stemmi di alcune importanti città del Mediterraneo, come Palma, Valencia e Barcellona. Dal XVII secolo in poi, l’immagine del viburno iniziò a trasformarsi, identificandosi con un pipistrello di cui alla fine prese forma. Questa progressiva trasformazione in araldica si impose in pieno nel corso dell’Ottocento, chiudendo quasi completamente la vibria. A quel tempo, con l’impulso del Rinascimento, l’immagine del pipistrello fu ampiamente diffusa dal movimento modernista, comparendo sulle copertine di periodici come Lo Gay Saber e Revista de Catalunya. Sullo stemma di Barcellona il pipistrello è apparso all’inizio del XIX secolo ed è rimasto fino al XX secolo. Pertanto, il pipistrello come evoluzione del drago alato è agiograficamente correlato alla figura di San Giorgio.

Al piano nobile molte forme ti trasportano in un mondo fantastico, come se ispirassero miti o libri di avventura e spedizioni così di moda alla fine del XIX secolo. Alcuni degli animali raffigurati o le forme interne del piano nobile sembrano essere prese dalle illustrazioni di Alphonse de Neuville nell’edizione del 1870 del romanzo Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne. L ‘”occhio di drago” formato dalla piccola finestra triangolare si ispira alla Roca Foradada sulla montagna di Montserrat. Gaudí, oltre al suo sentimento religioso, conosceva bene la montagna dove realizzò il Primo Mistero della Gloria del Monumentale Rosario di Montserrat. La forma del soffitto della sala da pranzo del piano nobile ha la forma di uno schizzo con le gocce che genera da cui si generano le onde espansive della creazione.

Casa Batlló è una vanitas in mostra sul lungomare più lussuoso di Barcellona e che ricorda, attraverso il lusso traboccante della borghesia, la caducità di tutte le cose e la loro morte. D’altronde la morte è l’inizio della trasformazione, dell’eterna metamorfosi come il mobile perpetuum rappresentato dal vortice dove il tempo divora la materia e la materia ritorna sempre attraverso il caos. Forme a spirale come le nebulose associate alla generazione dell’universo, alla sua creazione. La forma più evidente è sul soffitto del soggiorno del piano nobile, ma è visibile anche su alcuni timpani delle porte interne.

La scala principale è chiaramente la spina dorsale di un animale preistorico all’interno della sua grotta. Dagli incastri delle colonne ossee all’esterno della galleria del piano nobile spuntano piante carnose. Gaudí allude alla costante rigenerazione della creazione. Gaudí ha progettato per la casa Batlló il panot Gaudí, una pavimentazione idraulica realizzata da Escofet, di pezzi esagonali di colore blu e motivi marini che dovevano essere sul pavimento della camera da letto Batlló per finire a creare un’atmosfera marina, ma alla fine è stato non usato. Sono rappresentate un’alga del genere Sargassum, un’ammonite e un echinoderma. Sebbene lo pagasse a Batlló, Gaudí lo recuperò e lo mise in casa Milà. Nel corso del tempo, il Gaudíha panot è diventato un segno di identità ed è il pavimento dei marciapiedi di Passeig de Gràcia. Era stato disegnato in cera grigia da Joan Bertran,

Milan House
La Casa Mila, nota anche come edificio “La Pedrera”, è un edificio modernista situato in Paseo de Gracia a Barcellona, ​​all’angolo della strada Provenza. Fu l’ultima opera civile progettata da Antoni Gaudí e fu costruita tra il 1906 e il 1912.

Fu commissionato dall’uomo d’affari Pere Milà i Camps e da sua moglie Roser Segimon i Artells, originaria di Reus e vedova del ricco indiano Josep Guardiola i Grau. All’epoca era molto controverso a causa delle audaci forme ondulate della facciata in pietra e del ferro battuto contorto che decorano i suoi balconi e finestre, progettati in gran parte da Josep Maria Jujol, che ha anche progettato alcuni dei cieli in gesso.

Architettonicamente è considerata un’opera innovativa in quanto presenta una struttura di colonne e solai privi di muri portanti. Allo stesso modo la facciata – interamente in pietra – è autoportante, cioè non deve sostenere carichi provenienti dalle piante. Altro elemento innovativo è stata la realizzazione dell’autorimessa interrata.

L’anno 1984 è stato dichiarato Patrimonio Culturale dall’UNESCO per il suo eccezionale valore universale. Dal 2013 è sede della Fundació Catalunya La Pedrera, che gestisce le varie mostre e attività che vi si svolgono e le visite all’edificio.

L’edificio ha 1.323 m² costruiti per piano su un terreno di 1.620 m². Gaudí ha iniziato i primi schizzi nel suo laboratorio nella Sagrada Familia, dove ha concepito la casa come una curva costante, sia all’esterno che all’interno, incorporando molteplici soluzioni di geometria regolata, nonché elementi di natura naturalistica ..

Casa Milà è il risultato di due edifici che si strutturano intorno a due cortili che illuminano i nove livelli: seminterrato, piano terra, mezzanino, il piano nobile (o nobile), quattro piani superiori e una mansarda. Il piano interrato era destinato a garage, il piano nobile era l’abitazione dei signori milanesi, un appartamento di 1.323 mq, e il resto è stato distribuito in 20 case in affitto. La pianta risultante ha una forma “8” asimmetrica dovuta alla diversa forma e dimensione dei cortili. Il sottotetto, che ospitava le lavanderie e gli stendini, costituisce uno spazio isolante dell’edificio e allo stesso tempo determina i diversi livelli del tetto.

Una delle parti più notevoli è il tetto, coronato da campane o uscite di scale, ventilatori e camini. Tutti questi elementi, costruiti con mattoni piatti ricoperti di calce, rotture di marmo o vetro, hanno una specifica funzione architettonica e tuttavia diventano vere e proprie sculture integrate nell’edificio.

Casa Milà è un organismo unico, dove la forma esterna ha una continuità all’interno. Dei solai è necessario sottolineare i soffitti in gesso con rilievi di grande dinamismo, la lavorazione del legno delle porte, dei serramenti e dei mobili (purtroppo oggi scomparsi), nonché il disegno della pavimentazione idraulica e diversa ornamentale elementi.

Le scale erano destinate al servizio, in quanto l’accesso alle case era tramite ascensore tranne che al piano nobile, dove Gaudí aggiunse una scala di particolare configurazione.

Scuole della Sagrada Familia
Le scuole della Sagrada Família sono un edificio costruito nel 1909 dall’architetto modernista catalano Antoni Gaudí, situato nel parco del tempio espiatorio della Sagrada Família.

È stato commissionato dall’Associazione dei Devoti di San Giuseppe, presieduto da Josep Maria Bocabella, promotore del tempio della Sagrada Familia. Gaudí costruì sul terreno destinato alla facciata del Gloria, che avrebbe dovuto essere libero per un bel po ‘di tempo a venire; era un piccolo edificio destinato alla scuola per i figli degli operai che lavoravano nella Sagrada Família. L’insegnamento era a carico dell’insegnante e amica di Gaudí, Magin Espina Pujol, la foto si trova nella scuola attuale. L’edificio ha una pianta rettangolare di 10 × 20 metri, ed è composto da tre aule, un atrio e una cappella, con servizi igienici in un corpo aggiunto all’edificio. La costruzione è stata realizzata in mattoni, in tre strati sovrapposti, secondo la tradizionale tecnica catalana. Sia le pareti che il soffitto hanno una forma ondulata, che dona alla struttura una sensazione di leggerezza ma allo stesso tempo una grande resistenza. All’esterno, ha definito tre aree per le aule al loro interno.

Le scuole hanno subito gravi danni durante la guerra civile spagnola, motivo per cui l’edificio è stato smantellato in blocchi e successivamente ricostruito. Domènec Sugrañes i Gras fu incaricato del restauro nel 1940 con fondi limitati, motivo per cui subì un crollo e fu necessario un nuovo intervento nel 1943, di Francesc de Paula Quintana i Vidal. Nel 2002, l’edificio scolastico è stato spostato all’esterno del tempio, all’angolo tra le strade Sardenya e Mallorca.

Le scuole della Sagrada Familia sono state un esempio di genio costruttivo e sono state fonte di ispirazione per molti architetti, per la loro semplicità, resistenza, originalità di volume, funzionalità e purezza geometrica. Le sue forme ondulate sono state applicate da architetti come Le Corbusier, Pier Luigi Nervi, Félix Candela e Santiago Calatrava.

Tags: