Cinemateca francese, Parigi, Francia

La Cinémathèque Française è un’organizzazione cinematografica francese che detiene uno dei più grandi archivi di documenti cinematografici e oggetti legati al cinema nel mondo. Con sede a Parigi, l’archivio offre proiezioni giornaliere di film in tutto il mondo.

Storia
L’origine della Cineteca risale al 1935, quando Henri Langlois e Georges Franju, che per anni si erano ripresi e salvando vecchie copie di film, crearono un film club chiamato Cercle du Cinéma “per mostrare e pubblicizzare le opere del passato” .
L’anno seguente, il 2 settembre 1936, con il sostegno morale e finanziario di Paul-Auguste Harlé, nacque la Cinémathèque française, la cui missione era, sotto la direzione di Henri Langlois, di preservare i film, di restaurarli, di mostrare e dare alle nuove generazioni una educazione cinematografica. Oltre ai film, la Cineteca ha iniziato a raccogliere tutto ciò che riguardava il cinema: macchine fotografiche, poster, pubblicazioni, costumi e persino set cinematografici.

Il 26 ottobre 1948 fu inaugurata una sala di proiezione con 60 posti e il primo museo del film di Henri Langlois su tre piani, 7 viale di Messina, nell’8 ° arrondissement di Parigi. Qui incontrano François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette, Éric Rohmer e Suzanne Schiffman.

Il 1 ° dicembre 1955, la Cinémathèque si trasferì e si stabilì in una nuova sala (260 posti) al 29 di rue d’Ulm, nel 5 ° distretto: la sala dei traghetti di Jules unisce gli spettatori alla scoperta parigina, molto prima dell’era cinematografica su richiesta, patrimonio mondiale del cinema grazie a Henri Langlois che proietta la sua collezione secondo i suoi umori, film come la serie americana B che non è passata lì sono proiettati nel Nickel Odeon da Bertrand Tavernier. Il 5 giugno 1963, la Cinémathèque si trasferì nella sala del Palais de Chaillot grazie ai crediti assegnati da André Malraux, Ministro della Cultura, e divenne legato alle autorità pubbliche.

Sotto la pressione del ministero delle Finanze, André Malraux, nel febbraio 1968, richiese cambiamenti nella gestione della Cinémathèque française e restituì Henri Langlois. Un comitato di difesa è costituito; Cineasti francesi (tra cui Abel Gance, François Truffaut, Alain Resnais, Georges Franju, Jean-Luc Godard, Chris Marker, Jacques Rivette, Alexandre Astruc, Claude Chabrol, Pierre Kast, Claude Berri, Jacques Doniol-Valcroze, Jean Eustache, André Cayatte, Éric Rohmer, Jean Rouch, Joris Ivens, Robert Bresson, gli attori Jean-Pierre Léaud, Claude Jade, Françoise Rosay e Jean Marais) si stanno mobilitando. I cineasti stranieri come Charlie Chaplin e Stanley Kubrick prestano il loro sostegno. Dimostrazioni di protesta sono organizzate e Henri Langlois viene reintegrato alla testa della Cinémathèque il 22 aprile.

Il 14 giugno 1972, l’inaugurazione del primo grande museo del cinema, place du Trocadéro. Il 2 aprile 1974, Henri Langlois ricevette un Oscar d’onore, poi un Cesare. Morì il 13 gennaio 1977.

Nel 1980, una sala di proiezione della Cinémathèque française è stata inaugurata al Centre Pompidou. Costa-Gavras è stato nominato presidente della Cinémathèque nel 1981. Dal 1984 al 1996, Jack Lang, Ministro della Cultura, ha avviato il progetto, rilevato dai suoi successori, di installare una grande istituzione cinematografica nel Palais de Tokyo, vicino al Trocadero. La Cineteca è un tempo trasferito al Palais de Tokyo. La Femis viene installata nel 1988. Jean Saint-Geours diventa presidente della cineteca nel 1991. Vengono organizzate numerose retrospettive che consentono agli amanti del cinema di godere del lavoro di un regista nella sua interezza: Ingmar Bergman, Ernst Lubitsch, Fritz Lang, Robert Bresson. Inoltre, ci sono programmi tematici come il western.

Il 24 luglio 1997, un incendio ha dato fuoco al tetto del Palais de Chaillot. Le opere del Museo del Cinema, evacuate in una sola notte, sono intatte ma la Cineteca francese deve lasciare Chaillot. La sala di proiezione è chiusa per più di un anno. Il 7 novembre dello stesso anno fu inaugurata la Salle des Grands Boulevards. In quest’ultima sala, la Cinémathèque esplora nuovi “territori” cinematografici, con film “sul margine”, come la serie B.

Il 30 giugno 1998, dopo aver deciso di abbandonare la riqualificazione del Palais de Tokyo, Catherine Trautmann, Ministro della Cultura, ha annunciato la sua decisione di installare la “Casa del Cinema” nell’ex Centro americano costruito nel 1994 da Frank Gehry, in 51 rue de Bercy, nel 12 ° distretto. Nel giugno del 2000, Jean-Charles Tacchella fu eletto presidente della Cinémathèque. Il 29 ottobre 2002, Jean-Jacques Aillagon, Ministro della Cultura, annuncia che la Cinémathèque Française e la Bi- bliothèque du film (BiFi) saranno le due istituzioni che coabiteranno, quindi si fonderanno, nella costruzione del 51 rue de Bercy sotto il nome ” Cinémathèque française “. Nel 2003, Serge Toubiana ha presentato il suo report All the Memory of the World e è diventato amministratore delegato della Cinémathèque ad aprile.

Da settembre 2003 a giugno 2007, il produttore e regista Claude Berri è stato presidente della Cinémathèque, succedendo a Jean-Charles Tacchella. Il critico cinematografico Serge Toubiana è diventato direttore generale della cineteca nel maggio 2003, carica che ha ricoperto fino a dicembre 2015. Il 28 febbraio 2005, le sale del Palais de Chaillot e dei Grands Boulevards sono state chiuse. e il nuovo sito della Cinémathèque Française, in rue de Bercy 51, è stato aperto al pubblico il 28 settembre.

Dal 1 ° gennaio 2007, la Cineteca francese si è fusa con BiFi. Dal giugno 2007, Claude Berri è ammalata, è presieduta da Costa-Gavras. Nel gennaio 2016, il critico Frédéric Bonnaud è subentrato a Serge Toubiana come direttore generale.

Posizione
Dopo numerosi episodi – tra cui diverse trasferte da una piccola sala di proiezione all’altra negli anni ’50 e un incendio nelle sue ultime sedi – la Cinémathèque Française si trasferì a 51, rue de Bercy nel 12 ° arrondissement di Parigi e riaprì le sue porte in un edificio postmoderno progettato di Frank Gehry, un architetto americano. Un ristorante al piano inferiore è aperto al pubblico.

La Bibliothèque du Film, creata nel 1992 per mostrare la storia del cinema, la sua produzione, l’impatto e la forza artistica, si è recentemente fusa con la Cinémathèque Française.

La Cinémathèque Française gestisce il Musée de la Cinémathèque, precedentemente noto come Musée du Cinéma – Henri Langlois, nel nuovo edificio.

Presidente Direttore e Segretario
Presidente: Costa-Gavras, nominata all’Oscar come regista di Z, “State of Siege”, direttore dell’Orchestra dell’Orso d’Oro di Berlino Music Box e direttore d’orchestra vincitore del Golden Palm di Cannes
Regista: Serge Toubiana, ex caporedattore di Les Cahiers du cinéma
Segretario Generale: Jean-Michel Arnold, il successore spirituale di Henri Langlois e costantemente rieletto Segretario Generale dal 1981
Presidenti onorari:
Claude Berri
Jean-Charles Tacchella
Jean Rouch

Cinémathèque musuem
Spazio dedicato ai pezzi più belli delle collezioni della Cinémathèque française, il Museo propone di scoprire un patrimonio unico al mondo che copre la preistoria del cinema fino ai giorni nostri. I costumi e gli accessori mitici, i lussuosi modelli di lanterne magiche, le scatole di immagini e le vedute ottiche del 18 ° secolo, macchine fotografiche e proiettori, modelli o set, poster, fotografie, manoscritti e altri archivi formano un insieme eccezionale, probabilmente il più antico del mondo, acquisito dai pionieri della collezione cinematografica e costantemente arricchito.

La prestigiosa collezione di dispositivi apre il percorso con pezzi non trovati che illustrano la nascita del cinematografo. Dischi per Vitaphone, camera oscura “Royal Delineator” Armi di Giorgio III, automi, Rotorelief Marcel Duchamp, filmati e documenti promozionali o ritratti di famiglia accanto a modelli in scala di studi Méliès o Pathé, abiti di star di Hollywood, disegni di Eisenstein o decoratori espressionisti e altri insoliti oggetti, come il robot Metropolis, la testa mummificata di Psychose o la stella marina Man Ray:

In questo set, degno di un cabinet di curiosità, il visitatore può sperimentare con i dispositivi del pre-cinema o iniziare i lavori degli arredi del Modern Times.

I circa 600 oggetti esposti nel Museo rappresentano un piccolo campione delle collezioni della Cinémathèque che sono in costante crescita. Regolarmente, vengono fatte rotazioni di lavori e nuovi pezzi presentati ai visitatori.

Collezione
Dal momento che è stato creato nel 1936 da Henri Langlois, la Cinémathèque Française ha dato tanta importanza ai film quanto a tutto ciò che li riguarda (archivi, libri, dispositivi, costumi, modelli, ecc.). Grazie a questo spirito visionario, l’istituzione ha riunito nel corso degli anni un’imponente collezione di film, archivi e dispositivi. Con la sua originalità, la sua singolarità e le sue dimensioni, questa collezione costituisce una risorsa inesauribile per lo studio dell’arte e dell’industria cinematografica. Quasi tutti i paesi sono rappresentati, dall’arte silenziosa francese, italiana e sovietica ai classici di Hollywood. attraverso il cinema sperimentale e il cinema contemporaneo. È una collezione unica, fragile, con supporti estremamente vari e delicata conservazione, che viene regolarmente arricchita con pezzi eccezionali.

40.000 film vecchi e moderni
23.000 poster
14.500 disegni
870 materiali pubblicitari
500.000 fotografie
21.000 libri
490 riviste specializzate
30.000 file di archivio
6.000 dispositivi
25.000 piatti di lanterne magiche
2.100 costumi
2.300 oggetti e elementi impostati

All’interno della Film Library e della sua libreria di icone:

23.500 opere;
500 riviste specializzate;
30.000 file di archivio;
6.000 brevetti;
12.000 film su DVD, Blu-Ray o VHS;
500.000 fotografie;
65.000 fotografie digitalizzate;
23.000 poster, digitalizzati;
14.500 disegni, digitalizzati;
870 cartelle di materiale pubblicitario, digitalizzate;
25.000 recensioni stampa, digitalizzate;
600 pezzi di queste collezioni sono presentati al Museo del Cinema.

tributi
Per celebrare il Centenario del Metropolitan Museum of Art, il Museo e il City Centre of Music and Drama di New York hanno co-sponsorizzato “Cinémathèque at the Metropolitan Museum”. La mostra ha mostrato settanta film risalenti ai primi settantacinque anni del medium. per trentacinque sere consecutive dal 29 luglio al 3 settembre 1970. I film sono stati selezionati da Henri Langlois per il loro significato e il loro contributo alla storia del cinema, compresi i lavori delle industrie cinematografiche ufficiali e dei registi attuali e dei primi avanguardisti. Il programma è stato la più variegata esposizione cinematografica negli Stati Uniti fino ad oggi, ed è stata la prima grande impresa cinematografica del museo.

La chiusura della Cinémathèque si fa notare nei Truffaut’s Stolen Kisses. La Cinémathèque appare anche nel romanzo di Paul Auster The Book of Illusions e nella canzone di Harvey Danger “Private Helicopter”.

La Cinématèque e gli eventi che circondano il licenziamento di Henri Langlois nel 1968 sono molto presenti nel romanzo di Gilbert Adair The Holy Innocents, noto anche come The Dreamers e nel suo adattamento cinematografico di Bernardo Bertolucci.

Esposizioni
La Cineteca è anche nota per ospitare mostre su registi famosi, organizzando proiezioni e conferenze e esponendo gli elementi importanti della carriera del regista. Anche i film sono onorati.

2005/2006: Renoir (su Auguste Renoir e suo figlio Jean)
2006: Almodóvar
2006/2014: Metropolis of Fritz Lang
2007/2008: Sacha Guitry: la vita di un artista
2008: Georges Méliès, mago del cinema
2008/2009: Dennis Hopper e la nuova Hollywood
2009: Jacques Tati: due beat, tre movimenti.
2010: Shoots: Parigi, Berlino, Hollywood – 1910-1939: i fotografi dell’altopiano.
2011: Stanley Kubrick
2012: Tim Burton
2012/2013: The Children of Marcel Carné’s Paradise
2013: il mondo incantato di Jacques Demy
2013/2014: Pasolini Roma
2014: The Imaginary Museum di Henri Langlois
2014/2015: François Truffaut
2015: Michelangelo Antonioni
2015/2016: Martin Scorsese
2016: Gus Van Sant
2016/2017: da Georges Méliès al 3D: la macchina del cinema
2017: Kids and Cie
2017: René Goscinny e il cinema
2017/2018: Chris Marker
2018: Sergio Leone
2018/2019: Fellini / Picasso

Tags: