Fondazione Beyeler, Basilea, Svizzera

La Fondation Beyeler è un museo di arte moderna che si classifica tra i migliori al mondo. Ha vinto fama internazionale con le sue mostre di artisti celebri del 19 °, 20 ° e 21 ° secolo. Il suo obiettivo principale in ogni momento è quello di facilitare, per i suoi visitatori, un’esperienza personale, immediata, sensoriale dell’arte.

La Fondation Beyeler è un museo di arte moderna e contemporanea aperto 365 giorni all’anno. È considerato uno dei musei più belli del mondo. Le sue mostre di noti artisti del XIX, XX e XXI secolo hanno portato il museo al riconoscimento internazionale e lo hanno istituito come il museo d’arte più popolare della Svizzera. L’attenzione è rivolta alle esperienze personali e sensoriali del visitatore nell’incontro con l’arte e la natura.

Il museo si rivolge a un vasto pubblico e mira in particolare a suscitare l’entusiasmo dei giovani per l’arte. Questo era un obiettivo particolarmente vicino al cuore dei fondatori del museo, i collezionisti d’arte di Basilea Ernst e Hildy Beyeler. La coppia ha voluto rendere la sua collezione famosa in tutto il mondo accessibile al pubblico e condividere la sua passione per l’arte e la natura con gli altri. Nel 1982 hanno convertito la loro collezione privata in una fondazione e nel 1997 hanno aperto la Fondation Beyeler nella loro città natale di Riehen, vicino a Basilea.

Il museo si trova in un ambiente idilliaco all’interno di un parco pieno di alberi maturi e stagni di giglio, che si affacciano su campi di grano, mucche al pascolo e pecore verso i vigneti che si ergono ai piedi della Foresta Nera. L’edificio del museo, progettato dal pluripremiato architetto genovese Renzo Piano, si fonde elegantemente in questo paesaggio coltivato e offre una magnifica vista dei suoi dintorni. Raggiunge così una fusione armoniosa in modo unico tra natura, arte e architettura. All’interno delle gallerie di dimensioni generose, la luce naturale e l’illuminazione artificiale si combinano per presentare le opere d’arte al loro massimo vantaggio.

Il museo d’arte si trova in un parco inglese con una villa storica, alberi secolari e stagni di ninfee. L’edificio del museo, progettato dal pluripremiato architetto italiano Renzo Piano, si inserisce elegantemente nel paesaggio culturale e offre splendide viste sul parco, campi di grano, mucche al pascolo e pecore, così come i vigneti ai piedi della Foresta Nera. Le spaziose camere mostrano l’arte nella più bella luce naturale. Un giardino d’inverno verde invita a soffermarsi e leggere. La Fondation Beyeler combina natura, arte e architettura in un’armonia unica.

La collezione Beyeler viene riproposta più volte l’anno e viene quindi vista in costellazioni in costante cambiamento. Comprende circa 200 opere di post-impressionismo, modernismo classico e arte contemporanea, insieme a 20 oggetti di arte etnografica provenienti da Africa, Oceania e Alaska.

Fondation Beyeler organizza periodicamente mostre dedicate ai grandi maestri dell’arte moderna e ai principali artisti dei nostri giorni. Paul Cézanne, Claude Monet, Henri Rousseau, Pablo Picasso, Henri Matisse, Fernand Léger, Piet Mondrian, Kasimir Malevich, Constantin Brancusi, Joan Miró, Alexander Calder, Paul Klee, Max Ernst, Alberto Giacometti, Francis Bacon, Louise Bourgeois, Mark Rothko , Jackson Pollock, Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Richard Serra, Jenny Holzer e Félix González-Torres sono solo alcuni degli artisti i cui lavori sono stati visti fino ad oggi. Periodicamente, anche il museo concepisce mostre tematiche su città e movimenti artistici che hanno svolto un ruolo chiave nello sviluppo del modernismo. Ogni anno la Fondation Beyeler collabora anche con artisti contemporanei su progetti all’interno del museo e all’aperto in spazi pubblici. Gli esempi includono i leggendari alberi avvolti da Christo e Jeanne-Claude, le proiezioni luminose di Jenny Holzer a Zurigo e Basilea, l’installazione delle luci di Félix González-Torres attraverso il ponte Mittlere Brücke a Basilea e la presentazione della monumentale scultura a ragno di Louise Bourgeois in vari Città svizzere e al di fuori della Fondation Beyeler nel Parco di Berower.

Fondation Beyeler si riconosce come un museo aperto e vibrante che si impegna a promuovere l’accesso del pubblico all’arte e all’educazione artistica e a fornire un forum stimolante per gli scambi personali, attraverso un vivace programma di mostre ed eventi culturali.

Come il museo d’arte più visitato in Svizzera, la Fondation Beyeler ha iniettato nuova vita nel panorama museale regionale e ha già attirato quasi 5 milioni di visitatori sin dalla sua apertura. Circa la metà di questi ospiti proviene dall’estero, con oltre 10.000 ogni anno che arrivano dall’estero.

La coppia di collezionisti Ernst e Hildy Beyeler hanno assemblato una collezione di opere eccellenti del modernismo classico per oltre cinquanta anni, parallelamente al loro lavoro di galleristi di successo. La collezione è stata trasformata in una fondazione nel 1982 ed è stata esposta per la prima volta nella sua interezza nel 1989. La collezione comprende circa 300 dipinti e sculture e offre una visione personale del modernismo classico che si basa soprattutto sulla qualità.

Fondation Beyeler è proprietaria della Collezione Beyeler e si dedica a rendere le opere accessibili al pubblico attraverso la gestione del museo. Uno degli ulteriori obiettivi della fondazione è quello di risvegliare e coltivare un interesse per le arti nei giovani.

Storia:
Nel 1952, Ernst Beyeler e sua moglie Hildy ribattezzarono la loro libreria antiquaria alla Bäumleingasse 9 di Basilea “Galerie Beyeler”, gettando così le basi per una carriera unica. Ciò portò alla fondazione della Fondazione Beyeler nel 1982 e culminò con l’apertura della Fondation Beyeler nel 1997, oggi uno dei musei d’arte più importanti e belli del mondo.

La sfera degli affari è cresciuta fino ad includere il Nord America e Ernst Beyeler ha incontrato G. David Thompson di Pittsburgh, che è apparso per la prima volta come cliente e in seguito ha venduto la sua leggendaria collezione di arte moderna. Era considerato un collezionista notoriamente imprevedibile e attirato una grande attenzione nel mondo dell’arte. Nell’acquisto della sua collezione, Ernst Beyeler ha guadagnato il rispetto delle prestigiose gallerie di New York. Ha poi venduto gruppi completi di opere dalla Collezione Thompson ai musei, stabilendo una reputazione che avrebbe aperto le porte da quel momento in poi. Ha ricevuto grandi consensi per aver collocato un gruppo di opere di Klee a Düsseldorf e sculture di Giacometti nella Fondazione Giacometti appositamente creata a Zurigo. Beyeler, il mercante d’arte, ha dimostrato le sue credenziali come curatore di un museo molto prima che la sua collezione iniziasse a prendere forma. Come mediatore di importanti affari d’arte, Ernst Beyeler divenne amico di molti musei. In seguito ha dato l’impulso per intere esposizioni e le ha attivamente supportate.

Nonostante tutta la sua fama, non dimenticò i suoi modesti inizi. La qualità impegnativa di un’opera d’arte è rimasta la cosa più importante. Ha condiviso questo amore generosamente con i suoi clienti, visitatori e in seguito con il suo staff del museo. Non ha mai perso di vista l’essenziale, la natura, l’equilibrio interiore e gli aspetti politici ed ecologici. Il trambusto della città non è mai penetrato nelle stanze della Bäumleingasse, che aveva una modestia medievale che ha lasciato l’arte al centro della scena.

Ernst e Hildy Beyeler hanno assemblato una collezione di opere eccellenti del modernismo classico per oltre cinquanta anni, parallelamente al loro lavoro di galleristi di successo. La Collezione è stata trasformata in una Fondazione nel 1982 e nel 1989 è stata esposta pubblicamente per la prima volta nella sua interezza al Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. La collezione ha ottenuto consensi internazionali e la coppia di collezionisti ha continuato ad ampliarla con grande cura.

La fondazione ha segnato la nascita dell’idea di costruire un museo. Ernst Beyeler stava cercando un luogo adatto e lo trovò nella sua città natale di Riehen: i terreni di Villa Berower offrivano il legame desiderato con la natura e sembravano fatti per la costruzione di un museo che unisse armoniosamente architettura, arte e natura. Beyeler ha commissionato a Renzo Piano un concorso per la costruzione del museo Fondation Beyeler, inaugurato il 18 ottobre 1997.

Ernst Beyeler è stato direttore della Fondation Beyeler fino al 2003. Christoph Vitali ha assunto la direzione nel 2003, poi Sam Keller nel 2008 e fino ad oggi. Ernst Beyeler è morto nel 2010, due anni dopo la morte di sua moglie Hildy.

Collezione ed esposizioni:
La collezione Beyeler viene presentata più volte all’anno in mostre rotanti. Comprende circa 300 opere di post-impressionismo, arte classica moderna e contemporanea e 30 oggetti d’arte etnografica provenienti dall’Africa, dall’Oceania e dall’Alaska. La collezione è ricercata e mantenuta dal team di restauratori e restauratori della Fondazione. Il museo ospita anche opere in prestito permanente di artisti e collezioni associate come la Collezione Daros, la Collezione Renard e la Collezione Anthax Marx.

La Fondazione Beyeler ha aperto i battenti il ​​18 ottobre 1997, presentando 140 opere di classici moderni, tra cui 23 Picasso. La collezione complessiva di 200 opere del modernismo classico riflette le opinioni di Hildy e Ernst Beyeler sull’arte del XX secolo e le caratteristiche salienti tipiche del periodo di Claude Monet, Paul Cézanne e Vincent van Gogh a Pablo Picasso, Andy Warhol, Roy Lichtenstein e Francis Bacon. I dipinti compaiono accanto a 25 oggetti di arte tribale provenienti dall’Africa, dall’Oceania e dall’Alaska. Un terzo dello spazio espositivo è riservato a mostre speciali allestite per completare la collezione permanente.

Il culmine della carriera di Beyeler arrivò nel 2007 quando tutte le opere che gli passarono per le mani furono riunite al museo per una grande mostra che includeva il Ritratto di postino Roulin di van Gogh, Plus e Minus III di Lichtenstein e un’enorme pittura a gocce espressiva di Jackson Pollock . La collezione si sta espandendo, in particolare in termini di opere realizzate dopo il 1950 (le recenti acquisizioni includono pezzi di Louise Bourgeois e Wolfgang Tillmans).

Il giardino che circonda il museo periodicamente funge anche da sede per mostre speciali. In un lavoro chiamato “Wrapped Trees”, Christo e Jeanne-Claude hanno velato 178 alberi nel parco attorno alla Fondazione Beyeler e nell’adiacente Parco Berower tra il 13 novembre e il 14 dicembre 1998.

La Fondation Beyeler organizza regolarmente mostre dedicate ai grandi maestri dell’arte moderna e ai maggiori artisti del nostro tempo. Periodicamente vengono presentate mostre tematiche su città e movimenti artistici che hanno avuto un ruolo decisivo nello sviluppo dell’arte moderna. Progetti con artisti contemporanei vengono realizzati anche ogni anno nel museo e negli spazi pubblici. Fondation Beyeler collabora regolarmente con importanti musei e istituzioni culturali internazionali.

Eventi culturali e mediazione artistica ampliano la gamma di offerte e rendono l’arte più facilmente accessibile. Il variegato programma della Fondation comprende incontri con artisti, concerti, spettacoli di danza, recital, conferenze, tavole rotonde, cabaret e proiezioni di film. Artisti, scienziati, musicisti, ballerini, attori, registi e altri personaggi di fama internazionale sono regolarmente invitati come ospiti. Visite guidate, workshop e giochi per giovani, famiglie, scuole, aziende, club e gruppi sono offerti anche giornalmente.

La Fondation Beyeler è un museo aperto e attivo che promuove l’accesso all’arte, all’educazione culturale e alle esperienze, nonché agli incontri interpersonali. Anche il ristorante e il negozio del museo contribuiscono a questo. Dalla sua apertura nel 1997, oltre 6 milioni di persone hanno visitato il museo: metà dalla Svizzera, l’altra metà dai paesi limitrofi e in tutto il mondo. Il sito web di Fondation Beyeler fornisce informazioni sulle collezioni e le attività. Comprende anche film, fotografie e testi su artisti, mostre, eventi, mediazione artistica, restauro, pubblicazioni, edizioni e altri progetti.

Tags: