Museo Fakir Khana, Lahore, Pakistan

Fakir Khana (La casa degli umili, Urdu: فقیر خانہ) è un museo privato e una casa situata a Lahore, in Pakistan, di proprietà della famiglia Fakir. Il museo Fakir Khana è la più grande collezione privata dell’Asia meridionale. È un tesoro nascosto di dipinti in miniatura, arte islamica, porcellane cinesi, tappeti persiani, lavori in legno, collezioni di monete, tessuti ospitati in un edificio che ha unicità in sé. Il museo contiene oltre 20.000 oggetti.

Fakir Khana si trova all’interno della città murata di Lahore, lungo il bazar di Hakimaan, vicino alla porta Bhati. è uno dei più grandi musei privati ​​in Pakistan, ed è stato aperto al pubblico dal 1901. L’edificio originariamente apparteneva a Raja Todar Mal, ministro delle Finanze del Darbar (tribunale) dell’Ampero Mughal.

Storia:
La famiglia Fakir si stabilì a Lahore intorno al 1730 e fondò una casa editrice. Il loro status nella società di Lahore derivava dai suoi legami con l’Impero Sikh: tre degli antenati della famiglia, Fakir Nooruddin, Fakir Azizuddin e Fakir Imamuddin, servivano come emissari di Maharaja Ranjit Singh. La famiglia ha accumulato una collezione di oggetti, tra cui molti donati alla famiglia da Ranjit Singh. La famiglia ha aperto la propria casa come museo aperto al pubblico nel 1901 e il sito riceve fondi governativi per la sua manutenzione.

La casa in cui si trova il museo offre uno spaccato dello stile di vita delle famiglie della classe superiore Lahori durante l’era sikh e l’epoca britannica. Originariamente era di proprietà di Raja Todar Mal, ministro delle finanze dell’imperatore Mughal Akbar.

Successivamente è stato ristrutturato nel XX secolo come residenza che ospita quasi due secoli di storia della vita movimentata di alcune delle più grandi personalità della regione e del periodo. Il museo Fakir Khana è in realtà una casa rovesciata nel senso che ciò che è effettivamente “privato” nella casa, è stato reso “pubblico”. L’accesso a tutte le parti dell’edificio è senza impedimenti.

Il museo Fakir Khana è ora gestito dalla sesta generazione della famiglia Fakir. Si trova a soli cinque minuti a piedi da Bhatti Gate, una delle famose 13 porte della città murata di Lahore.

È l’unico museo di proprietà privata riconosciuto dal governo del Pakistan. La storia del museo può essere fatta risalire a quella della famiglia Fakir che si stabilì a Lahore nel 1730, dove fondò e gestì una casa editrice. Nel corso degli anni, la famiglia ha acquisito una collezione di diecimila manoscritti. Il Museo Fakir Khana ospita attualmente oltre ventimila esemplari di arte e manufatti che coprono tre secoli, dal 18 al 20.

La Sala delle Miniature è la più impressionante di tutte le sezioni del Museo di Fakir Khana, con una sistemazione espositiva che è stata mantenuta per tre quarti di secolo. La sala rappresenta una grande stanza di una famiglia agiata da un tempo in cui le influenze occidentali avevano iniziato a penetrare nei modi stabiliti di vivere a Lahore.

Collezione:
La collezione del museo comprende circa 20.000 opere d’arte e manufatti per lo più dal XVIII al XX secolo, inclusa una piccola collezione di manufatti di Gandharan. La collezione contiene anche numerosi doni conferiti alla famiglia Fakir da Ranjit Singh, oltre a 10.000 manoscritti, 180 miniature in miniatura, tessuti di epoca Sikh, statue, ceramiche e pezzi di avorio intagliato. La collezione comprende anche un dipinto di 12 pollici per 6 pollici di Nawab Mumtaz Ali, che è stato dipinto con un singolo capello e ha richiesto 15 anni per essere completato.

Il principale fascino della Hall of Miniatures è una vasta collezione di dipinti in miniatura appesi al muro, tutti incorniciati e smaltati. Questi sono su carta o avorio e appartengono a varie scuole: Irani, Mughal, Kangra, Rajput e Pahari. In tutto sono mostrate 160 miniature.

Una sezione del museo è dedicata all’arte buddista della civiltà di Gandhara. Raggiunta l’apice tra il I e ​​il V secolo, questa antica civiltà si estendeva su un’area di quello che oggi è il Pakistan nord-occidentale e parte dell’Afghanistan. Le sculture di Gandhara hanno una forte influenza dell’arte greca. Gandhara è anche famoso per aver prodotto la prima rappresentazione del Buddha nella scultura e per diffondere la scuola buddhista Mahayana in tutta l’Asia meridionale.

La calligrafia è considerata una forma elevata di arte nell’Islam. Inizialmente utilizzato per scrivere Corano e Hadith, la prima forma di calligrafia islamica era stata scritta in caratteri cufici. Il primo lavoro di calligrafia in Fakir Khana è il Corano scritto a mano scritto in Script Kufic.

La collezione tessile appartiene quasi interamente al periodo Sikh del XIX secolo. I punti salienti includono un raffinato scialle del Kashmir ritenuto proprietario di Maharani Jinda, la moglie preferita di Maharajah Ranjit Singh, governatore del Punjab.

Raja Porus, il grande re del regno di Paurava, era noto per il suo eroismo e il suo coraggio nella battaglia del fiume Hydaspes, con Alessandro Magno conosciuto. Dopo la sua sconfitta, Porus servì Alessandro come re patrono.

La collezione di porcellane comprende vecchie stoviglie cinesi, giapponesi, coreane, russe, francesi, tedesche, inglesi e olandesi. Il pezzo più antico della collezione è il crackelein giapponese del XVIII secolo.

L’opera di cornice in legno presente nel Museo Fakir Khana è stata progettata da Bhai Ram Singh, l’architetto più influente del Punjab pre-partizionato. Fu anche architetto del Aitchison College di Lahore.

La Sala dei Tappeti è originariamente il salotto (Gol Kamra) del Museo Fakir Khana. In tutto ci sono 18 tappeti, falasie, scialli e altri ricami conservati nel museo.

Alcuni di questi sono esposti in questa sala, mentre altri possono essere visti nella Hall of Miniature Paintings e nella stanza di Calligraphy.

Ci sono 16 tappeti nella collezione – 6 Irani, 8 Shirazi, una “gilm” iraniana di motivi floreali e uno attualmente esposto nella mostra.

Era di Shah Jahan Questo tesoro proviene dalla fabbrica di tessitura di Shah Jehan a Lahore, ed è anche conosciuto come “The General’s Carpet”. Inizialmente, concentrandosi sul suo design, fiori, vasi e uccelli sono visibili nel modello. In un’ulteriore concentrazione, diventa evidente anche un volto umano intessuto.

Ci sono 7000 oggetti d’antiquariato nel Museo Poorkhana, oltre a 6000 monete. Combinando le monete, diventano più di 13.000. Faqir Syed Nooruddin ha anche raccolto circa 7000 libri, le cui prove sono state ricevute dalla data.

Il Museo Fakir Khana è aperto per ogni speciale e generale. Scienziati, ricercatori, turisti, studenti e storici vengono a vedere questo museo. Questa è una casa museo personalizzata in Pakistan, dove ci sono anche dettagli dei loro procedimenti giudiziari nel governo di Maharaja Ranjeet Singh e dei suoi amici. Quattrocento anni fa, ci sono anche artefatti di arte dell’acne e del grano.

Tags: