Quartiere Eixample, città di Barcellona, ​​Spagna

L’Eixample è uno dei dieci quartieri della città di Barcellona. L’Eixample ha una grande ricchezza architettonica, inclusi capolavori del Modernismo come La Pedrera, Casa de les Punxes, Hospital de Sant Pau e Sagrada Família, tra molti altri. Spicca la Piazza d’Oro, che è l’area dell’Eixample di Barcellona situata intorno al Passeig de Gràcia e delimitata approssimativamente da Carrer d’Aribau a sinistra e Passeig de Sant Joan a destra, delimitata dalla Diagonal in alto che ha la forma di un piazza e ospita un ricco patrimonio architettonico, soprattutto il palcoscenico modernista.

Comprende anche le piazze dell’Università, della Catalogna e dell’Urquinaona; arterie urbane centrali come Passeig de Gràcia, Rambla de Catalunya e le rotatorie di Sant Pere, Sant Antoni, Sant Pau e l’Università; strade importanti come Urgell, Aragon e Balmes, nonché ampi tratti della Diagonal e Granvia; strutture come la Scuola Industriale, il Mercato di Sant Antoni e l’Università di Barcellona; eccetera.

L’Eixample è stato costruito negli anni dell’industrializzazione della Catalogna, alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX. La parte centrale, la destra dell’Eixample, era il quartiere della borghesia, che introduceva nella sua casa uno stile tutto suo, il modernismo, riflesso di quel tempo. Sebbene un buon numero di edifici significativi fosse concentrato in quest’area, il resto di quelli in altri quartieri come Fort Pienc, Sagrada Família, Sant Antoni e Esquerra de l’Eixample furono influenzati da questa tendenza. L’intero Eixample è un insieme architettonico modernista unico in Europa.

L’architettura modernista mescolava le nuove tecniche e i nuovi materiali dell’epoca con l’uso delle risorse fornite dalle varie tecniche decorative tradizionali: stucco, graffito, vetrate piombate, ferro battuto… Il lavoro degli artigiani è stato messo al servizio del design e dell’ideazione di architetti modernisti. Si trattava di una nuova architettura e di un nuovo concetto di spazio che raccoglieva le vecchie tecniche tradizionali e quelle più recenti, in un’armonia al servizio della libertà creativa.

Lluís Domènech i Montaner, Josep Puig i Cadafalch, Antoni Gaudí e molti altri architetti hanno creato, a poco a poco, il nuovo quartiere. Stava iniziando un nuovo stile che si allontanava dalla monotonia dell’eclettismo dominante fino ad allora.

Storia
Il rapporto tra la città e i paesi di pianura è stato molto intenso. Dal portale Sant Antoni usciva il sentiero per Sants e dal portale Àngel, il Camí de Gràcia. Il traffico era così intenso che furono installati servizi regolari di carrozze trainate da cavalli. Nel 1824, quattro file di alberi furono piantati intorno al vecchio Camino de Gràcia, che divenne una passeggiata sia per i barcellonesi che per i gracia. Successivamente furono costruiti giardini con aree pic-nic e luoghi all’aperto dove si tenevano teatro, balli, concerti e c’erano attrazioni; erano il Prado Catalán, gli Champs Elysées e il Tivoli, tra gli altri.

Tra il 1854 e il 1856 le mura furono demolite in un breve periodo di governo progressista, ma fu solo nel 1858 che fu fatto un piano di ampliamento della città.

Fu nel 1859 che il Comune di Barcellona indusse un concorso per progetti urbani, il cui vincitore fu il progetto dell’architetto Rovira i Trias. Allo stesso tempo, il governo centrale ne commissionò un altro all’ingegner Ildefons Cerdà; il governo ha imposto questo piano per mezzo di un decreto che ha annullato la decisione del Consiglio comunale di Barcellona. Quell’intrusione non piacque affatto alla città, anche se proponeva un progetto migliore. Il Barcellona ha respinto il piano Cerdà perché era un provvedimento centralista del governo di Madrid e perché sprecava molto spazio, che veniva assegnato alle aree verdi. Il progetto Cerdà non era destinato solo allo spazio ora occupato dal quartiere Eixample; ha proposto un Eixample tra Montjuïc e il fiume Besòs, compreso il comune di Sant Martí.

L’Eixample è sorto dal 1860, in modo pianificato, dopo la demolizione delle mura (1854 – 1856) e l’espansione della città. Inizialmente, l’Eixample è stato costruito seguendo il Piano Cerdà. L’ingegner Ildefons Cerdà progettò un quartiere a pianta stradale quadrata, con isole ottagonali con angoli tronchi e ampi spazi pedonali e giardini interni. In pratica, il progetto originario di Cerdà è stato sostanzialmente modificato.

Víctor Balaguer i Cirera fu incaricato nel 1864 di realizzare il progetto di nomenclatura per le strade dell’Eixample con nomi dedicati ai territori della Corona d’Aragona (Aragona, Valencia, Maiorca, Rossiglione, Corsica, Sardegna, Sicilia, Napoli …) , nelle istituzioni catalane (il Parlamento catalano, la Diputació, il Consell de Cent) o figure chiave (Pau Claris, Roger de Llúria, Roger de Flor …) che è stato ampiamente adottato, ma con modifiche e cambiamenti di posizione che hanno rotto il suo logica urbana. Ad esempio, le strade con i nomi dei territori sono finite separate in due blocchi. Successivamente, durante la dittatura franchista, alcuni di questi nomi furono sfigurati e non furono recuperati fino alla democrazia. Alcuni di loro, tuttavia, finirono per perdere il loro significato originale, come Carrer del Compromís de Casp, che rimase Carrer de Casp.

Urbanistica
A metà del XIX secolo si verificò un evento trascendentale che cambiò completamente l’aspetto della città, la demolizione delle mura. Nel corso del Settecento e dell’Ottocento la popolazione crebbe costantemente (da 34.000 abitanti di inizio Settecento a 160.000 di metà Ottocento), il che portò ad un allarmante aumento della densità demografica (850 abitanti per ettaro), mettendo a rischio la salubrità della cittadinanza. Tuttavia, a causa del suo status di roccaforte, il governo centrale si è opposto alla demolizione delle mura. Quindi iniziò una forte protesta popolare, guidata da Pere Felip Monlau, che nel 1841 pubblicò il libro di memorie Abajo las murallas, in cui difese la sua distruzione per prevenire malattie ed epidemie. Infine, nel 1854, fu dato il permesso per la sua demolizione,

Questo ha aperto il processo Eixample a Barcellona: nel 1859 il Comune nominò una commissione per promuovere un concorso per i progetti Eixample, che fu vinto da Antoni Rovira i Trias; tuttavia, il Ministero dello Sviluppo partecipò e vinse il progetto di Cerdà, autore di una topografia piana della pianura di Barcellona e di studio demografico e urbanistico della città (1855). Il Piano Cerdà (Piano dei dintorni della città di Barcellona e del progetto per il suo miglioramento e ampliamento, 1859) istituì un tracciato ortogonale tra Montjuïc e Besòs, con un sistema di strade rettilinee rivolte da nordovest a sudest, larghe 20 metri, tagliate da altre rivolte da sudovest a nordest parallelamente alla costa e alla catena montuosa di Collserola.

Venne delimitata una serie di isole quadrate di 113,3 m, di cui Cerdà aveva previsto di costruire solo due lati e di lasciare gli altri spazi a giardini, anche se questo punto non fu rispettato e finalmente si sfruttò praticamente tutto il terreno edificabile; gli edifici erano progettati con una pianta ottagonale caratteristica dell’Eixample, con smussi che favorivano il traffico. Il piano prevedeva la costruzione di diversi viali principali: il Diagonal, la Meridiana, ilParallel, la Gran Via e il Paseo de San Juan; così come diverse grandi piazze ai suoi incroci: Tetouan, Glories, Spain, Verdaguer, Letamendi e University. Prevedeva anche l’apertura di tre viali principali nella parte vecchia della città:

Il piano Cerdà
Il progetto di Cerdà era abbastanza innovativo per l’epoca, soprattutto per quanto riguarda la delimitazione di spazi verdi e di servizi, tenendo conto sia degli aspetti funzionali che ricreativi e curativi. Gli edifici dovevano avere un’altezza di 16 metri (piano terra e quattro piani) e una profondità di 10-20 metri. La distribuzione dell’Eixample sarebbe di settori di 20 x 20 isole, divisi in distretti di 10 x 10 e distretti di 5 x 5. Ogni distretto avrebbe una chiesa, un centro civico, una scuola, un asilo nido, un asilo e altri centri mentre ogni distretto avrebbe un mercato e ogni settore un parco. Aveva anche strutture industriali e amministrative, e in periferia c’erano un macello, un cimitero e tre ospedali. Tuttavia, la maggior parte

Cerdà ha accompagnato il suo progetto con diverse memorie e studi statistici in cui ha mostrato la sua teoria urbana, sviluppata in tre punti principali: l’igiene, basata sulla sua monografia statistica della classe operaia, dove critica le condizioni di vita all’interno della città murata in vigore fino ad allora – l’aspettativa di vita era di 38,3 anni per i ricchi e 19,7 per i poveri -, a fronte della quale propone miglioramenti nell’orientamento urbano sulla base di fattori come la climatologia, oltre che sugli elementi costruttivi; traffico, nell’ottica di conciliare strade pubbliche tra pedoni e traffico stradale, che lo ha portato a regolare la distribuzione delle strade e ad istituire smussi su tutti i lati delle isole per facilitare gli attraversamenti; e il progetto polivalente, con un assetto urbano estrapolabile sia agli spazi edilizi che a quelli esistenti,

Con il suo piano urbanistico, Cerdà ha voluto progettare una città egualitaria, dove alcuni quartieri non differissero tra loro dalle condizioni di vita imposte. Ha progettato di offrire gli stessi servizi a tutti. Il piano Cerdà si basava su una vasta rete di strade perpendicolari e trasversali, tutte uniformi, tranne due strade sbilanciate sovrapposte (la Diagonale e la Meridiana) e il grande percorso del Parlamento catalano. Il punto in cui si trovavano questi assi era il grande centro di comunicazioni dell’Eixample, dove si prevedeva di costruire una grande piazza, la Glòries Catalanes. Con grande rigore, l’architetto ha immaginato la distribuzione uniforme delle aree di servizio, come mercati, centri sociali e chiese, così come i grandi parchi.

Le isole non erano molto squadrate, in quanto, per facilitare la visibilità, gli angoli erano tagliati agli angoli a forma di smusso. All’interno di ogni isola era permesso costruire solo su uno o due lati, e il resto dello spazio era lasciato al giardino dei vicini. Le case non dovevano essere alte più di tre piani (16 metri), né dovevano essere molto profonde. Cerdà lo concepì così perché riteneva che la salute dei cittadini dipendesse dal fatto che vivessero in case ben illuminate dove circolava l’aria pulita dei giardini. Per quanto riguarda i giardini, oltre agli alberi delle strade e ai giardini di ogni caseggiato, in ogni quartiere è stato realizzato un grande parco di quattro-otto isole di lunghezza. Inoltre, nella zona di Poblet, oggi quartiere della Sagrada Família, Cerdà ha progettato un grande ippodromo, e concepì anche una grande foresta all’estremità orientale della città, sulle rive del Besòs. Si prevedeva anche di costruire tre ospedali fuori dal lotto stradale.

Sebbene a quel tempo fosse difficile immaginare l’esistenza dell’automobile, rimasero strade spaziose, dove potevano circolare carri, automobili e tram trainati da cavalli. Insomma, Cerdà voleva fare una città dove si evitasse l’accumulo di case nella città vecchia. Il fascino dell’Eixample non sono solo gli edifici più preziosi, ma l’insieme; le case più semplici hanno un cornicione, una ringhiera o un portone con un dettaglio significativo dell’architettura che le caratterizza.

Da notare che in molti casi l’appezzamento di Cerdà si è sovrapposto a tracciati suburbani esistenti o in via di sviluppo, così come i paesi confinanti con la città di Barcellona, ​​che si sarebbero aggiunti in fasi successive a cavallo tra Ottocento e Novecento, hanno avuto il loro propri progetti urbani. Questi percorsi includono strade e sentieri rurali, nonché servitù imposte da ferrovie, canali, fossati, torrenti e altri incidenti sul terreno.

Un aspetto tangenziale al nuovo tracciato era la questione dell’odonimia, in quanto il nuovo lotto urbano progettato da Cerdà comprendeva una serie di strade di nuova conio per le quali non c’era tradizione nel nominarle. La nomina delle nuove strade è stata commissionata allo scrittore Víctor Balaguer, che si è ispirato alla storia della Catalogna: molte strade prendono così il nome da territori legati alla Corona d’Aragona, come Valencia, Maiorca, Aragona, Provenza, Rossiglione, Napoli, Corsica, Sicilia o Sardegna; con istituzioni come il Parlamento catalano, il Consiglio provinciale o il Consell de Cent; con personaggi come Jaume Balmes, Enric Granados, Bonaventura Carles Aribau, Ramon Muntaner, Rafael de Casanova, Pau Claris, Roger de Flor, Antoni de Villarroel, Roger de Llúria, Ausiàs March o il conte di Urgell;

Va notato a questo proposito che durante il secolo secolo xix iniziò a regolare i nomi delle strade, alla metà di questo secolo iniziò a posizionare segni sulle strade con il suo nome. Era realizzato con lastre di marmo e lettere di piombo colato, simili a quelle odierne.

Ristrutturazioni interne
Il Piano Cerdà si è sviluppato principalmente al di fuori delle mura cittadine, a causa di speculazioni immobiliari, tralasciando i necessari miglioramenti per il condizionamento della parte vecchia di Barcellona. Nasce quindi la necessità di un progetto di “riforme interne”, con l’obiettivo di ammodernare il vecchio nucleo della città in espansione. Uno dei primi fu quello di Miquel Garriga i Roca, autore di un piano comune di allineamenti (1862), il primo piano esaustivo della città, in scala 1/250. Il progetto di Garriga prevedeva il riallineamento delle strade come metodo di base di una grande riforma degli interni della città, ma la difficoltà della sua esecuzione e l’assenza di meccanismi di esproprio paralizzarono questo primo progetto.

Un progetto più elaborato fu portato avanti da Àngel Baixeras nel 1878, che presentò al Senato un disegno di legge di esproprio, che fu approvato nel 1879. Il progetto Baixeras prevedeva una profonda ristrutturazione della città vecchia, e l’aspetto più notevole era il apertura di tre strade principali —inizialmente denominate A, B e C— per rendere più percorribile il centro storico, seguendo l’antico progetto di Cerdà. Il progetto però non fu approvato fino al 1895, e dovette ancora attendere fino al 1908 per la sua esecuzione, parzialmente eseguita, in quanto venne realizzata solo la strada A, ribattezzata Via Laietana.

A partire da questo periodo va sottolineata anche l’introduzione del tram per il trasporto urbano. Una linea di autobus che correva lungo la Rambla era stata aperta nel 1860, ma la lentezza delle carrozze rendeva questo mezzo di trasporto impraticabile. Nel 1872 vennero poste delle rotaie per la trazione, che facilitava il trasporto, con vetture di modello imperiale – di origine inglese – trainate da due o quattro cavalli. La linea è stata estesa dal porto (Drassanes) alla città di Gràcia, e successivamente da Drassanes a Barceloneta. Una delle prime linee ad operare è stata la English Barcelona Tramways Company Limited. Nel 1899 i tram furono elettrificati.

In questi anni cresce anche l’arredo urbano, soprattutto a partire dalla nomina nel 1871 di Antoni Rovira i Trias a capo degli Edifici e Ornamenti del Comune, nonché del suo successore, Pere Falqués, che mise una particolare ostinazione a coniugare estetica e funzionalità per questo tipo di indirizzi urbani. L’aumento di articoli come lampioni, fontane, panchine, chioschi, ringhiere, fioriere, cassette delle lettere e altre utilità è stato favorito dall’ascesa dell’industria del ferro, che ha permesso la sua produzione in serie ed è stata una maggiore resistenza e durata.

Negli anni ’80 dell’Ottocento iniziò l’installazione dell’illuminazione elettrica, che stava gradualmente sostituendo il gas sulle strade pubbliche. Nel 1882 furono installati i primi lampioni in Plaça de Sant Jaume e tra il 1887 e il 1888 la Rambla e il Passeig de Colom furono elettrificati. Tuttavia, la generalizzazione della luce elettrica non si è verificata fino all’inizio del XX secolo, con l’invenzione della lampadina, e non è stata completata fino al 1929.

Un altro dei servizi emersi all’inizio del secolo è stato il telefono. A Barcellona avvenne la prima comunicazione telefonica dell’intera penisola, effettuata nel 1877 tra il castello di Montjuïc e la fortezza della Ciutadella, in via di smantellamento ma che ancora ospitava una guarnigione. Nello stesso anno ebbe luogo la prima trasmissione intercity tra Barcellona e Girona, da parte della società Dalmau i Fills, pioniera nell’installazione di linee a Barcellona. Il monopolio statale del servizio fu istituito nel 1884, ma due anni dopo il suo funzionamento fu autorizzato alla società Societat General de Teléfons de Barcelona, ​​che fu successivamente assorbita dalla Peninsular Telephone Company. Nel 1925 il servizio fu nazionalizzato dalla dittatura di Primo de Rivera, e fu creata la Compañía Telefónica Nacional de España. Nel 1897 i telefoni in città erano 2479, un numero che crebbe progressivamente: nel 1917 erano circa 10.000, nel 1930 26.000, nel 1960 200.000, nel 1985 750.000 e nel 2000 erano 850.000 i telefoni.

Va inoltre notato che nell’ultimo terzo del secolo furono costruiti numerosi mercati di approvvigionamento, molti dei quali costruiti in ferro, elemento di moda nell’architettura di questo periodo. Furono costruiti i mercati di El Born (1872-1876), Sant Antoni (1872-1884), Hostafrancs (1881), Barceloneta (1884), Concepción (1888), Llibertat (1888), Clot (1889), Unió (1889) in questo modo.) e Gràcia (1892).

Quartieri
L’Eixample è costituito dal territorio che storicamente costituiva l’estremità settentrionale del comune di Barcellona, ​​un settore desertico e fuori le mura; e, anche, dei settori presi nelle Corts (a nord-ovest), a Gràcia (a nord) e a Sant Martí de Provençals (a est). Nonostante questa eterogeneità di origine, l’Eixample è un’unità strutturale dal punto di vista urbano.

La Barcellona moderna nasce nell’Eixample, progettata dall’ingegnere e urbanista a cui deve il suo disegno magico e unico: Ildefons Cerdà. Con il suo piano urbanistico, Cerdà ha progettato una città egualitaria, dove alcuni quartieri non differiscono da altri e i servizi pubblici sono distribuiti uniformemente in tutti gli angoli.

Il quartiere è il risultato di uno dei momenti più splendidi della storia della città, quando si configura definitivamente come motore della Catalogna contemporanea e rompe con il passato medievale abbattendo le mura. L’Eixample è stato costruito negli anni dell’industrializzazione della Catalogna, alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX. La parte centrale, la Dreta de l’Eixample, era il quartiere della borghesia che ha introdotto il proprio stile, il modernismo.

L’Eixample è composto da sei distretti: Dreta de l’Eixample, Antigua Esquerra de l’Eixample, Nova Esquerra de l’Eixample, Fort Pienc, Sagrada Família e Sant Antoni.

Distretto di Fort Pienc
La Stazione Nord conferisce personalità a un quartiere situato tra la ferrovia e la Gran Via. C’è uno dei punti culturali più importanti, con l’Auditorium e il Teatro Nazionale della Catalogna.

Fort Pienc è nato come un’area di fortificazioni. Filippo V, nello stabilire il sistema di sorveglianza della città, fece costruire la cittadella e un forte avanzato, accanto alla strada che usciva dal Portal Nou, Fort Pius. La sua esistenza trascorse senza dolore né gloria e nel 1869 fu demolita, insieme alla cittadella. Molto vicino ad essa, nel 1861, fu costruita la stazione ferroviaria della linea Lleida. La facciata di quegli edifici neoclassici è oggi la facciata laterale dell’attuale edificio, ampliata nel 1910 con una grande copertura in ferro. La Stazione Nord ha dato personalità a un quartiere situato tra la ferrovia e la Gran Via. Molti trasportatori si trovavano lì, intorno alla vecchia strada Ribes, una vecchia strada di uscita dalla città dall’epoca romana fino allo sviluppo dell’Eixample.

Dopo la chiusura della stazione ferroviaria nell’ultimo quarto del XX secolo, l’aspetto del quartiere si è trasformato negli ultimi decenni. La vecchia stazione ferroviaria è diventata la principale stazione degli autobus della città. Accanto ad esso è stato realizzato un importante parco urbano e, dall’altro lato, un ampio complesso di servizi (asilo nido, appartamenti per anziani, mercato, biblioteca …) che è diventato il punto di riferimento. di un nuovo modello di integrazione di strutture e spazi pubblici con l’obiettivo di agglutinare la vita dei quartieri.

Il centro civico del quartiere è la Plaza del Fort Pienc, di fronte all’isola dei servizi sulla vecchia isola FICHET, tra le strade di Ribes e Alí Bei. L’isola è il risultato di una vecchia e lunga rivendicazione di quartiere che ospita molte strutture sociali (biblioteca, scuola materna, mercato, centro civico, casa per anziani …).

Nel quartiere ci sono le biblioteche Arús (specializzata in materie massoniche) e la biblioteca Fort Pienc.Ci sono anche diverse scuole di infanzia, primaria e secondaria sia pubbliche che private come la Scuola Sacro Cuore di Gesù – che condivideva parte delle sue strutture con il Roser Basketball Club, l’école Francaise Ferdinand de Lesseps la Mireia School, la Pere Vila School, la Ramon Llull School, la Fort Pienc school o il Fort Pius Institute In termini di istruzione superiore, c’è la Escola Superior de Música de Catalunya (ESMUC ). Il quartiere ospita anche le strutture culturali del Teatre Nacional de Catalunya (TNC), l’Auditori (un complesso che comprende anche l’ESMUC e il Museu de la Música de Barcelona) e la nuova sede dell’Arxiu de la Corona d ‘ Aragona.

All’interno del quartiere spiccano la Plaça de Braus de la Monumental, edificio storico della compagnia General Catalana de Electricidad (conosciuta anche come Hidroelèctrica de Catalunya, poi FECSA e ora ENDESA), il Pont de Marina, il gruppo. scuola Ramon Llull. Nell’adiacente quartiere di Sant Pere, Santa Caterina e La Ribera, vicino al confine con Fort Pienc, spicca l’Arco di Trionfo di Barcellona, ​​che era l’ingresso dell’Esposizione Universale del 1888 e del Palau de Justice.

Quartiere della Sagrada Familia
Oltre il limite della destra dell’Eixample, nella parte alta, c’è il quartiere della Sagrada Família, che prima era conosciuto come il Poblet.

Il quartiere della Sagrada Familia è il quartiere della Sagrada Familia, precedentemente noto come “el Poblet”. El Poblet era un quartiere che per molti anni era stato ridotto a campi, con un piccolo nucleo di case basse situate intorno all’attuale via di Valencia. Non ha avuto una certa entità fino ai primi anni del ventesimo secolo, come un quartiere della classe operaia intorno a molte industrie. Ciò che gli conferisce personalità oggi è il tempio della Sagrada Familia. Fu commissionato come tempio espiatorio e fu progettato nel 1881 su un terreno nel comune di Sant Martí, quando tutto intorno erano campi. Il progetto fu inizialmente commissionato dall’architetto Francesc de Paula Villar e fu proseguito da un giovane architetto, e poi poco conosciuto, di nome Antoni Gaudí, che ha rilevato i lavori quando la costruzione della cripta di stile neogotico. Oggi, il tempio è l’opera più famosa di Gaudí in tutto il mondo e il luogo più visitato dai turisti della città.

L’Avenida Gaudí attraversa il quartiere, unendo la Sagrada Familia con un’altra grande opera del modernismo catalano: l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau, di Lluís Domènech i Montaner. Entrambi gli edifici sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Il quartiere della Sagrada Familia comprende, nella sua estremità inferiore, il quartiere di Els Encants, con la popolare fiera del mercato di Bellcaire o Encants. Quest’area sarà trasformata nel prossimo futuro dalla ristrutturazione che interesserà l’intera area di Plaça de les Glòries.

Si tratta di un quartiere residenziale, commerciale e direzionale ma fino alla seconda metà del XX secolo vi è stata una significativa presenza industriale, un esempio è la vecchia Damm Factory. Il vecchio mercato della Sagrada Familia era prima del 1936 la fabbrica della General Motors a Barcellona. E dove ora si trova il centro sportivo comunale, c’era la fabbrica tessile SAFA, dove la navata principale aveva un tetto catalano a doppia volta, purtroppo perso nella sua demolizione. Le zone commerciali più importanti si trovano intorno al tempio, con le piazze della Sagrada Família e Gaudí, sull’Avinguda Gaudí e nel mercato della Sagrada Família tra le vie Provença, Padilla e Mallorca. Nel luglio 2007, la Biblioteca Pubblica della Sagrada Família del Consiglio Provinciale di Barcellona è stata inaugurata in un nuovo edificio annesso al mercato della Sagrada Família.

A destra dell’Eixample
Il quartiere è stato il settore della città dove ha avuto inizio il progetto Cerdà. È l’estensione di Barcellona oltre le mura demolite a metà del XIX secolo.

Il piano Cerdà fu approvato nel 1859 e un anno dopo la regina Isabella II pose la prima pietra di quello che sarà uno dei quartieri più ricchi di Barcellona. Il primo gruppo di case fu costruito nell’attuale incrocio tra le vie Consell de Cent e Roger de Llúria. La Dreta de l’Eixample ha inizialmente ospitato alcune importanti industrie, come la fabbrica Elizalde, una delle prime in Spagna a produrre automobili e motori. Gradualmente, tuttavia, divenne il quartiere in cui si trovavano preferenzialmente le residenze borghesi, con l’esplosione artistica del modernismo rappresentata da edifici importanti come La Pedrera, Casa Batlló e Casa Ametller, tra molti altri.

Insieme alle residenze, l’attività economica terziaria si trovava sempre più fortemente, e spesso le spostava: commercio, uffici, sedi aziendali, cinema, teatri, ecc., Soprattutto nella zona più centrale (tra Llúria e Balmes) e intorno al potente asse del Passeig de Gràcia, che seguiva la vecchia strada che collegava la città murata con il comune di Gràcia. Oggi, questo asse è ancora il centro del dinamismo economico e della proiezione commerciale della città. Nel 1863 il primo treno partì da Plaça Catalunya per Sarrià, che percorreva Carrer de Balmes all’aperto. Tra il 1871 e il 1888, l’attuale parrocchia di La Concepción si trasferì dalla Ciutat Vella e il Conservatorio di musica si trasferì nella sua sede in Carrer del Bruc nel 1928.

Nella seconda metà del XIX secolo scomparvero i parchi di divertimento, i caffè e le sale da ballo del Passeig de Gràcia, che ebbe il loro periodo d’oro all’inizio del secolo. Va notato che Plaça de Catalunya non era prevista nel piano Cerdà. Questo “oblio” è stato corretto dalla forza degli eventi: la sua posizione di cerniera tra la città vecchia e il nuovo Eixample era naturalmente il centro nevralgico della città, il passare del tempo l’ha solo rafforzata.

Copre l’area dell’Eixample, situata approssimativamente tra Passeig de Sant Joan o Carrer de Nàpols da un lato e Carrer de Balmes dall’altro. Confina con i quartieri della Sagrada Família, Fort Pienc e Antiga Esquerra de l’Eixample, e i quartieri di Gràcia e Ciutat Vella. All’inizio dell’urbanizzazione furono costruite case unifamiliari con giardino, di cui ci sono pochi esempi, come le case nei Passages de Permanyer. La borghesia iniziò ad occupare l’Eixample, commissionando le costruzioni ai grandi architetti dell’epoca.

Vecchia sinistra dell’Eixample
La Vecchia Sinistra dell’Eixample comprende la parte di questo lato del distretto che era piuttosto urbanizzata e che era già abbastanza popolata alla fine del XIX secolo.

Il nucleo originario della Vecchia Sinistra dell’Eixample è formato dalla parrocchia di Sant Josep Oriol, tra le strade della Diputació e dell’Urgell, e l’edificio dell’Università di Barcellona (UB), realizzato in stile neoromanico. 1882 dall’architetto Elies Rogent. Da questo primo assetto, il quartiere si è sviluppato sopra i binari della ferrovia (MZA), intorno alla cittadina di El Ninot, nata negli anni ottanta del XIX secolo dietro una popolare taverna. Questo locale aveva come elemento decorativo una bambola, che finì per dare il nome a tutta la zona dei ristoranti e dei divertimenti che si collocava intorno ad un mercato all’aperto, diretto antecedente dell’attuale mercato comunale che veniva costruito. nel 1931.

La creazione dell’Ospedale Clinico e della Facoltà di Medicina nel 1907, e del Mercat del Ninot nel 1935, servirono a rafforzare la zona e ad attirare gli sviluppatori interessati alla costruzione di alloggi, soprattutto a partire dagli anni Trenta, con stili diversi e destinati principalmente al centro classi. L’interramento dei binari del treno che transitava per la via d’Aragona e per il viale di Roma permise che negli anni Trenta del Novecento iniziasse a costruire alloggi destinati alla borghesia.

Nella storia più recente spicca la completa ristrutturazione del Carrer d’Enric Granados, divenuto asse civico che ha riattivato il tessuto commerciale e ristorativo della zona. Vale anche la pena notare la completa ristrutturazione del Mercat del Ninot e la demolizione della vecchia caserma dei pompieri.

Nelle vicinanze si trova l’Hospital Clínic de Barcelona fondato nel 1906, la Basilica di Sant Josep Oriol costruita tra il 1915 e il 1930 e il Mercat del Ninot. All’estremità meridionale del quartiere si trova il Seminario Conciliare di Barcellona e l’edificio storico dell’Università di Barcellona, ​​in Plaça de la Universitat.

Nuova sinistra dell’Eixample
Storicamente, l’Antigua Esquerra e la Nova Esquerra de l’Eixample hanno formato un unico distretto, ora diviso amministrativamente per la sua grande estensione e densità.

La Nova Esquerra de l’Eixample, a parte i tre grandi pezzi di Can Batlló (ora Scuola Industriale), il Modello e il Mattatoio (ora Parco Joan Miró), non ha iniziato la sua urbanizzazione e costruzione con forza fino agli anni Trenta del XX secolo. La presenza della ferrovia e della fabbrica Batlló fece sì che fino alla chiusura, nel 1910, non fosse possibile creare un assetto urbano sviluppato. Fu solo nel 1972-1973 che i binari del treno furono interrati e alcuni degli edifici del quartiere dovettero essere demoliti per far posto all’Avinguda Diagonal.

Fino ad allora si trattava principalmente di gruppi sparsi di capanne occupate da persone che venivano a lavorare ai lavori dell’Esposizione del 1929, una situazione quasi rurale che, in alcune zone, durò fino al dopoguerra. Ma con la trasformazione della vecchia fabbrica in una scuola industriale nel 1910, iniziò il processo di ammodernamento dell’area. Come elemento urbanistico di rilievo dal punto di vista storico, va ricordato il Mattatoio comunale, inaugurato nel 1892. Operò fino al 1979, quando il sito fu adibito a parco, come già aveva previsto Cerdà. Questo parco è stato inaugurato nel 1983, con la scultura di Miró Dona i ocell come pezzo emblematico. Un altro edificio degno di nota è la Golferichs House (1901), nata come scuola religiosa e ora centro civico, dopo essere stata salvata dalla demolizione nel 1972 per pressione popolare.

Il Centro penitenziario La Model è stato il primo edificio a Barcellona costruito appositamente per servire da prigione (1904) e segue il modello architettonico panopticon progettato dal filosofo Jeremy Bentham.

Nelle vicinanze ci sono i tre edifici di Can Batlló (attuale Scuola Industriale), la prigione Modello, il Mattatoio (ora Parco Joan Miró), l’arena delle Arene e la Casa del Golferich.

Distretto di Sant Antoni
Il nome del quartiere ha la sua origine nella chiesa che era nel portale del Raval del muro di Barcellona. È uno dei più importanti assi commerciali e di ristorazione.

Il nome del quartiere ha le sue origini nel convento di Sant Antoni Abat, costruito nel XV secolo, vicino alle mura di Barcellona. Da quel luogo veniva il sentiero di Fraga, che portava a Esplugues e Martorell; era uno dei principali e quello con più traffico. Si stava dirigendo verso il luogo chiamato la Croce Coperta, dove si trovava la croce della città, prima di entrare nel villaggio di Sants. Nel 1806 il convento passò nelle mani degli Scolopi, che ne presero possesso nel 1815, e nel 1839 nacque l’Escola Pia de Sant Antoni.

L’origine del Mercat de Sant Antoni risale alla metà del XIII secolo nel Mercat dels Encants, molto marginale e fuori le mura e trasferito, intorno al 1850, in Carrer del Consolat. Quando nel periodo 1872-1882 Rovira i Trias realizzò il grande mercato del ferro, intorno non c’erano quasi case e servì da mercato nel quartiere popolare del Raval. A poco a poco quel mercato e le bancarelle che lo circondavano si consolidarono come una grande fiera, e diedero personalità e vita al quartiere che si sviluppava intorno ad esso. Questa popolare tradizione commerciale è ancora oggi fortemente mantenuta e sarà rafforzata con il recupero e la ristrutturazione dello storico edificio del mercato.

L’aspetto del quartiere è il risultato delle riforme legate all’Esposizione Universale del 1929, in occasione della quale furono promosse l’urbanizzazione e la sistemazione degli accessi a Montjuïc, con l’eliminazione delle capanne che si trovavano tra Paral e Gran Via e l’urbanizzazione di Avinguda de Mistral. Questa antica via d’uscita medievale dalla città è oggi un percorso pedonale che riunisce la vita di quartiere dei suoi dintorni. Dall’età d’oro del Paral • lel sono il Teatro Talia, inaugurato nel 1900, e che ha alternato teatro e zarzuela fino alla chiusura nel 1987. E il Gran Price, dove si svolgeva dalla boxe alle manifestazioni politiche, i cui locali furono demoliti nel 1973.

Il centro nevralgico del quartiere è il mercato di Sant Antoni, che occupa l’isola delimitata dalle strade Comte Borrell, Manso, Comte d’Urgell e Tamarit. È stato costruito alla fine del XIX secolo ed è molto popolare per la sua fiera settimanale di libri antichi e oggetti da collezione ogni domenica mattina. I negozi sulle strade Ronda de Sant Antoni e Sepúlveda e Floridablanca hanno un gran numero di negozi che vendono apparecchiature informatiche. Un mercato temporaneo è attualmente in costruzione nel mezzo della strada Ronda de Sant Antoni per iniziare i lavori sul mercato.

Sant Antoni ha anche il grande Manso Primary Care Center, gestito dall’Istituto Catalano di Sanità (ICS) e situato all’incrocio tra le strade Manso-Calabria che fornisce copertura assistenziale in tutto il quartiere e anche alla popolazione dei vicini quartieri del Raval e la Esquerra de l’Eixample.

In termini di istruzione, è vicino al quartiere (Ronda Sant Pau) della scuola Pia Sant Antoni Abad, sebbene questa scuola si trovi nel quartiere Raval del distretto di Ciutat Vella e ai Salesiani di Rocafort tra gli altri. Per quanto riguarda la scuola pubblica, ha la scuola materna Tres Tombs, la scuola elementare Ferran Sunyer e l’Istituto di istruzione secondaria Lluïsa Cura.

Parchi e giardini
L’Eixample è un quartiere densamente popolato che non dispone di ampie aree verdi. Ecco perché è nato il progetto di aprire i giardini interni dell’isola. Tuttavia, i quartieri di Nova Esquerra de l’Eixample e Fort Pienc hanno due parchi di buone dimensioni e pezzi scultorei unici: il Parco Joan Miró e il Parco Estació del Nord. In futuro, Les Glòries diventerà il grande parco centrale della città, che incorporerà un punto di vista elevato e unirà gli assi verdi di La Trinitat, La Sagrera e Ciutadella.

Interni dell’isola
La mappa degli interni dell’isola dell’Eixample conta già 48 ​​interni con quasi 100.000 metri quadrati di spazio pubblico recuperati e messi a disposizione del pubblico. Il progetto di recupero di questi spazi verdi è iniziato nel 1987 e continua ad andare avanti nel rispetto del Piano d’Azione Distrettuale dell’Eixample, con l’obiettivo di fornire ai cittadini un’area verde a meno di 200 metri dalle loro case. il suo.

La politica di recupero degli interni dell’isola è stata accompagnata, ove possibile, dalla costruzione di varie strutture locali per i residenti dell’Eixample. È il caso, tra gli altri, dei giardini di Ermessenda de Carcassonne, in Carrer del Comte d’Urgell, 145, all’ingresso del quale si trova il Centro Culturale Teresa Pàmies; dai giardini di Constança d’Aragó, dove c’è un centro di cure primarie (CAP), o dall’interno dell’isola della strada Antiga d’Horta con il Centro di servizi sociali di Fort Pienc.

Ogni interno dell’isola ha una sua personalità e molti conservano alcuni dei simboli che rievocano il loro passato: l’alambicco di rame della vecchia fabbrica Damm, nei giardini di Montserrat Roig; la torre dell’acqua dei giardini omonimi; le palme nel giardino delle Suore dei Poveri nell’isola di Emma a Barcellona, ​​o il camino della vecchia fabbrica Bayer nei giardini di Rosa Deulofeu.

Tags: