Diversità e perdita della biodiversità, video a 360 °, Museo di storia naturale di Berlino

Immergiti nelle meraviglie naturali degli ecosistemi terrestri, animando il muro della biodiversità. La vita sulla Terra è incredibilmente ricca. Gli ecosistemi lavorano insieme fornendo cibo, ossigeno, controllo del clima, medicine e altro. Il Museum für Naturkunde di Berlino celebra questo nel suo Muro della biodiversità. Dai un’occhiata più da vicino ad alcune delle 3000 incredibili specie: la bella, la pericolosa, la minaccia.

Nel 2007 il Museo di storia naturale di Berlino ha costruito il Muro della biodiversità di Berlino, che racconta molte storie su Evolution in Action.

Una storia di vita è la storia di lunghi periodi di evoluzione della straordinaria diversità e brevi periodi di grande perdita (estinzioni di massa).

Il Museo di storia naturale di Berlino presenta un breve film di realtà virtuale sul rapporto tra diversità, natura e nostra stessa specie umana.

biodiversità
La biodiversità è la varietà e la variabilità della vita sulla Terra. La biodiversità è in genere una misura della variazione a livello genetico, delle specie e degli ecosistemi. La biodiversità terrestre è generalmente maggiore vicino all’equatore, che è il risultato del clima caldo e dell’elevata produttività primaria. La biodiversità non è distribuita uniformemente sulla Terra ed è la più ricca dei tropici. Questi ecosistemi di foreste tropicali coprono meno del 10 percento della superficie terrestre e contengono circa il 90 percento delle specie del mondo. La biodiversità marina è solitamente più alta lungo le coste del Pacifico occidentale, dove la temperatura della superficie del mare è più alta e nella fascia medio-latitudinale in tutti gli oceani. Esistono gradienti latitudinali nella diversità delle specie. La biodiversità in genere tende a raggrupparsi in hotspot ed è aumentata nel tempo,

I rapidi cambiamenti ambientali in genere causano estinzioni di massa. Si stima che oltre il 99,9 percento di tutte le specie che siano mai vissute sulla Terra, ammontando a oltre cinque miliardi di specie, siano estinte. Le stime sul numero delle specie attuali della Terra vanno da 10 milioni a 14 milioni, di cui circa 1,2 milioni sono stati documentati e oltre l’86% non è ancora stato descritto. Più recentemente, a maggio 2016, gli scienziati hanno riferito che si stima che 1 trilione di specie siano sulla Terra attualmente con solo il millesimo dell’uno percento descritto. La quantità totale di coppie di basi di DNA correlate sulla Terra è stimata in 5,0 x 1037 e pesa 50 miliardi di tonnellate. In confronto, la massa totale della biosfera è stata stimata fino a 4 TtC (trilioni di tonnellate di carbonio). Nel luglio 2016,

L’età della Terra è di circa 4,54 miliardi di anni. Le prime prove indiscusse della vita sulla Terra risalgono almeno a 3,5 miliardi di anni fa, durante l’Eraarchea, dopo che una crosta geologica iniziò a solidificarsi in seguito al precedente Eone Hadean fuso. Ci sono fossili di tappeti microbici trovati nell’arenaria di 3,48 miliardi di anni scoperta nell’Australia occidentale. Un’altra prima prova fisica di una sostanza biogenica è la grafite in rocce meta-sedimentarie di 3,7 miliardi di anni scoperte nella Groenlandia occidentale. Più recentemente, nel 2015, “resti della vita biotica” sono stati trovati in rocce di 4,1 miliardi di anni nell’Australia occidentale. Secondo uno dei ricercatori, “Se la vita sorgesse relativamente rapidamente sulla Terra … allora potrebbe essere comune nell’universo”.

Dall’inizio della vita sulla Terra, cinque importanti estinzioni di massa e diversi eventi minori hanno portato a grandi e improvvisi cali della biodiversità. L’eone fanerozoico (gli ultimi 540 milioni di anni) ha segnato una rapida crescita della biodiversità attraverso l’esplosione cambriana, un periodo durante il quale è apparsa la maggior parte dei phyla multicellulari. I successivi 400 milioni di anni includevano ripetute, enormi perdite di biodiversità classificate come eventi di estinzione di massa. Nel Carbonifero, il crollo della foresta pluviale ha portato a una grande perdita di vita delle piante e degli animali. L’evento di estinzione Permiano-Triassico, 251 milioni di anni fa, fu il peggiore; il recupero dei vertebrati ha richiesto 30 milioni di anni. Il più recente, l’evento di estinzione cretaceo-paleogene, si è verificato 65 milioni di anni fa e ha spesso attirato più attenzione di altri perché ha portato all’estinzione dei dinosauri non aviari.

Il periodo trascorso dall’emergenza umana ha mostrato una costante riduzione della biodiversità e una conseguente perdita della diversità genetica. Chiamata estinzione dell’Olocene, la riduzione è causata principalmente dagli impatti umani, in particolare dalla distruzione dell’habitat. Al contrario, la biodiversità ha un impatto positivo sulla salute umana in diversi modi, sebbene siano stati studiati alcuni effetti negativi.

Le Nazioni Unite hanno designato il 2011-2020 come Decennio delle Nazioni Unite sulla biodiversità. e 2021-2030 come decennio delle Nazioni Unite sul ripristino degli ecosistemi Secondo un rapporto di valutazione globale del 2019 sulla biodiversità e i servizi ecosistemici dell’IPBES, il 25% delle specie vegetali e animali è minacciato di estinzione a causa dell’attività umana.

Perdita di biodiversità
La perdita di biodiversità è l’estinzione di specie (piante o animali) in tutto il mondo e anche la riduzione o la perdita locale di specie in un determinato habitat.

Quest’ultimo fenomeno può essere temporaneo o permanente, a seconda che il degrado ambientale che porta alla perdita sia reversibile attraverso il ripristino ecologico / resilienza ecologica o effettivamente permanente (ad esempio attraverso la perdita di terra). L’estinzione globale è stata finora dimostrata irreversibile.

Anche se la perdita globale permanente di specie è un fenomeno più drammatico dei cambiamenti regionali nella composizione delle specie, anche piccoli cambiamenti da uno stato sano e stabile possono avere un’influenza drammatica sulla rete alimentare e sulla catena alimentare nella misura in cui le riduzioni di una sola specie possono influenzare negativamente l’intero catena (coextinction), che porta a una riduzione complessiva della biodiversità, nonostante possibili stati stabili alternativi di un ecosistema. Gli effetti ecologici della biodiversità sono generalmente contrastati dalla sua perdita. La ridotta biodiversità, in particolare, porta a una riduzione dei servizi ecosistemici e alla fine rappresenta un pericolo immediato per la sicurezza alimentare, anche per l’umanità.

Tasso di perdita
Il tasso attuale di perdita della diversità globale è stimato tra le 100 e le 1000 volte superiore al tasso di estinzione di fondo (naturale) e si prevede che continuerà a crescere nei prossimi anni.

I tassi di perdita localmente limitati possono essere misurati utilizzando la ricchezza delle specie e la sua variazione nel tempo. I conteggi grezzi potrebbero non essere ecologicamente rilevanti quanto l’abbondanza relativa o assoluta. Tenendo conto delle frequenze relative, è stato sviluppato un numero considerevole di indici di biodiversità. Oltre alla ricchezza, l’uniformità e l’eterogeneità sono considerate le dimensioni principali lungo le quali è possibile misurare la diversità.

Come per tutte le misure relative alla diversità, è essenziale classificare accuratamente l’ambito spaziale e temporale dell’osservazione. “Le definizioni tendono a diventare meno precise all’aumentare della complessità del soggetto e all’ampliamento delle scale spaziali e temporali associate.” La stessa biodiversità non è un singolo concetto ma può essere suddivisa in varie scale (ad es. Diversità dell’ecosistema vs. diversità dell’habitat o persino biodiversità vs. diversità dell’habitat) o in diverse sottocategorie (ad es. Diversità filogenetica, diversità delle specie, diversità genetica, diversità dei nucleotidi). La questione della perdita netta in regioni confinate è spesso oggetto di dibattito, ma si ritiene che tempi di osservazione più lunghi siano utili per le stime delle perdite.

Per confrontare i tassi tra le diverse regioni geografiche si dovrebbero considerare anche i gradienti latitudinali nella diversità delle specie.

fattori
I principali fattori di stress biotico e il conseguente tasso di perdita in accelerazione sono, tra le altre minacce:

Perdita e degrado dell’habitat
L’intensificazione dell’uso del suolo (e la conseguente perdita di terra / perdita di habitat) è stata identificata come un fattore significativo nella perdita di servizi ecologici a causa degli effetti diretti e della perdita di biodiversità.
Cambiamenti climatici dovuti allo stress termico e alla siccità
Carico eccessivo di nutrienti e altre forme di inquinamento
Sfruttamento eccessivo e uso insostenibile (ad esempio metodi di pesca insostenibili) attualmente stiamo utilizzando il 25% in più di risorse naturali rispetto al pianeta
Il conflitto armato, che sconvolge i mezzi di sussistenza e le istituzioni umane, contribuisce alla perdita dell’habitat e intensifica lo sfruttamento eccessivo di specie economicamente preziose, portando al declino della popolazione e alle estinzioni locali.
Specie aliene invasive che competono efficacemente per una nicchia, sostituendo le specie indigene
L’attività umana ha lasciato la Terra in difficoltà per sostenere la vita, a causa delle esigenze degli umani. Oltre a lasciare in pericolo il 30% circa delle specie di mammiferi, anfibi e uccelli.

Perdita di insetti
Nel 2017, varie pubblicazioni descrivono la drammatica riduzione della biomassa assoluta di insetti e del numero di specie in Germania e Nord America per un periodo di 27 anni. Come possibili ragioni del declino, gli autori evidenziano i neonicotinoidi e altri prodotti agrochimici. Scrivendo sulla rivista PLOS One, Hallman et al. (2017) concludono che “il diffuso declino della biomassa degli insetti è allarmante”.

Perdita di uccelli
Alcuni tipi di pesticidi chiamati Neonicotinoidi probabilmente contribuiscono al declino di alcune specie di uccelli.

Cibo e agricoltura
Nel 2019, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha prodotto il suo primo rapporto su Lo stato della biodiversità mondiale per l’alimentazione e l’agricoltura, che ha avvertito che “Molte componenti chiave della biodiversità per l’alimentazione e l’agricoltura a livello genetico, delle specie e degli ecosistemi sono in declino”. Il rapporto afferma che ciò è causato da “una varietà di conducenti che operano a una gamma di livelli” e più specificamente che “le principali tendenze globali come i cambiamenti climatici, i mercati internazionali e la demografia danno origine a fattori più immediati come l’uso del suolo cambiamento, inquinamento e uso eccessivo di input esterni, sovraccarico e proliferazione di specie invasive. Le interazioni tra i conducenti spesso acuiscono i loro effetti sul BFA [ovvero la biodiversità per l’alimentazione e l’agricoltura]. Cambiamenti demografici, urbanizzazione, mercati, le preferenze commerciali e dei consumatori sono segnalate [dai paesi che hanno fornito input al rapporto] per avere una forte influenza sui sistemi alimentari, spesso con conseguenze negative per BFA e i servizi ecosistemici che fornisce. Tuttavia, si dice che tali driver aprano anche opportunità per rendere i sistemi alimentari più sostenibili, ad esempio attraverso lo sviluppo di mercati per prodotti rispettosi della biodiversità “. Inoltre afferma che” il driver citato dal maggior numero di paesi ha effetti negativi su la regolamentazione e il supporto dei servizi ecosistemici [nei sistemi di produzione alimentare e agricola] sono i cambiamenti nell’uso e nella gestione del suolo e delle acque “e che” la perdita e il degrado degli ecosistemi forestali e acquatici e, in molti sistemi di produzione, il passaggio alla produzione intensiva di un numero ridotto di specie, razze e varietà,

Il Rapporto di valutazione globale IPBES del 2019 sulla biodiversità e sui servizi ecosistemici afferma che l’agricoltura industriale è un fattore significativo nel collasso della biodiversità. La salute umana dipende in larga misura dal prodotto di un ecosistema. Con la perdita di biodiversità, arriva anche un enorme impatto sulla salute umana. La biodiversità consente agli esseri umani di avere un livello sostenibile di suoli e i mezzi per avere i fattori genetici per avere cibo.

Museo di storia naturale, Berlino

Il Museo di storia naturale è un museo di storia naturale situato a Berlino, in Germania. Espone una vasta gamma di esemplari provenienti da vari segmenti di storia naturale e in tale ambito è uno dei tre principali musei in Germania accanto al Naturmuseum Senckenberg di Francoforte e al Museo Koenig di Bonn.

Il museo ospita oltre 30 milioni di esemplari zoologici, paleontologici e mineralogici, tra cui oltre diecimila esemplari di tipo. È famoso per due mostre: il più grande dinosauro montato nel mondo (uno scheletro giraffatitano) e un esemplare ben conservato del primo uccello noto, l’Archaeopteryx. Le collezioni di minerali del museo risalgono all’Accademia delle scienze prussiana del 1700. Importanti esemplari zoologici storici includono quelli recuperati dalla spedizione tedesca Valdiva in acque profonde (1898–99), la spedizione tedesca Southpolar (1901–1903) e la Sunda tedesca Spedizione (1929–1931). Le spedizioni ai giacimenti fossili di Tendaguru nell’ex Ostafrika (oggi Tanzania) portarono alla luce ricchi tesori paleontologici. Le collezioni sono così vaste che sono esposti meno di 1 esemplare su 5000, e attirano ricercatori da tutto il mondo. Altre mostre includono una raccolta di minerali che rappresenta il 75% dei minerali nel mondo, una grande raccolta di meteoriti, il più grande pezzo di ambra al mondo; espone l’ormai estinta quagga, huia e tigre della Tasmania, e “Bobby” il gorilla, una celebrità dello zoo di Berlino degli anni ’20 e ’30.

Tags: