Parco della Ciutadella, Barcellona, ​​Spagna

Il Parco della Ciutadella si trova nel quartiere della Ciutat Vella a Barcellona. Per decenni dopo la sua creazione a metà del XIX secolo, questo parco è stato l’unico spazio verde della città. È stato disposto sul vecchio terreno della fortezza della Cittadella, da cui il nome, a immagine e somiglianza dei Giardini del Lussemburgo a Parigi. Fu progettato da Josep Fontserè i Mestre e inaugurato nel 1881. Pochi anni dopo, nel 1888, ospitò l’Esposizione Universale di Barcellona. I 280.000 m2 di terreno includono lo zoo cittadino, il Palau del Parlament de Catalunya, un laghetto, musei e una grande fontana progettata da Josep Fontserè.

Si trova nel quartiere Ribera, nel triangolo tra la stazione di Francia, l’Arco di Trionfo e il Villaggio Olimpico. È delimitato da quattro percorsi principali: il Paseo de Pujades, il Paseo de Picasso, il Paseo de Circumvallación e Carrer de Wellington. Ha dieci ingressi e ha una superficie di 17,42 ettari (31 con lo Zoo di Barcellona). È il più grande parco urbano di Barcellona dopo il Montjuïc.

Nel parco si trova il vecchio Arsenale della Cittadella, attuale sede del Parlamento della Catalogna, nonché strutture del Museo di Scienze Naturali di Barcellona come il Museo Martorell (sede storica del Museo di Scienze Naturali dal 1882 ma costituito da Museo di Geologia dal 1924 al 2010) e il Castello dei Tre Draghi (Museo di Zoologia del Museo di Scienze Naturali dal 1920 al 2010). Fanno parte del Museo di Scienze Naturali anche l’Umbracolo e la Serra, dedicati alla conservazione delle specie botaniche. Il Parc de la Ciutadella ospita anche lo Zoo di Barcellona e diversi edifici che includono una chiesa e una scuola (IES Verdaguer). Nella sua terra è presente una vasta collezione di arte pubblica che lo rende un museo di sculture a cielo aperto.

Storia
Nel 1714, durante la guerra di successione spagnola, Barcellona fu assediata per 13 mesi dall’esercito di Filippo V di Spagna. La città cadde, Filippo V costruì la cittadella di Barcellona, ​​a quel tempo la fortezza più grande d’Europa. Nel 1841 le autorità cittadine decisero di distruggere la fortezza, che era odiata dai cittadini di Barcellona. Nel 1869, il generale Prim decise di consegnare ciò che restava della fortezza alla città e alcuni edifici furono demoliti per ordine catalano.

La cappella (ora la chiesa parrocchiale militare di Barcellona), il palazzo del governatore (ora scuola secondaria Verdaguer) e l’arsenale (ora sede del parlamento catalano) rimangono, mentre il resto del sito è stato trasformato nel parco contemporaneo dall’architetto Josep Fontsére nel 1872. Diciannove anni dopo, nel 1888, Barcellona ha tenuto la stravaganza Exposición Universal de Barcelona, ​​ispirata dal sindaco Rius i Taulet, e il parco è stato ridisegnato con l’aggiunta di sculture e altre opere d’arte complementari. Ciò segnò la conclusione della vecchia Barcellona provinciale e poco progressiva e la creazione di una moderna città cosmopolita. Da quel momento fino al 1892, metà del layout del parco fu nuovamente migliorato per ottenere uno spazio sufficiente per lo zoo.

Origini
Il lotto su cui si trova il parco della Ciutadella è in contrada Ribera, nella parte orientale della pianura alluvionale del fiume Besòs. In epoca medievale si trovava fuori dalle mura cittadine. Era un quartiere di pescatori e marinai, i cui edifici principali erano la chiesa di Santa Maria del Mar e i conventi di Sant Agustí e Santa Clara. Nel 1700, la morte senza figli del re Carlo II provocò un conflitto di successione che diede origine alla Guerra di successione spagnola (1701-1714), nella quale intervennero le principali potenze europee: la Francia a difesa del pretendente Filippo di Borbone – il futuro Filippo V – e il Sacro Romano Impero, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Portogallo a favore di Carlo d’Austria – il futuro imperatore Carlo VI.

La Catalogna inizialmente optò per Felipe, che giurò le costituzioni catalane davanti al Parlamento nel 1701. Tuttavia, alcuni eccessi commessi dal viceré Francisco Antonio de Velasco, insieme ad altri fattori, provocarono una svolta nelle simpatie di alcuni leader catalani, che nel 1705 si schierarono con Charles. Filippo V tentò di riprendere la capitale catalana nel 1706, con un esercito che assediò Barcellona per terra e per mare, ma fu costretto a ritirarsi. Tuttavia, il successo dell’offensiva francese nelle battaglie di Almansa (1707), Brihuega e Villaviciosa (1710) e il ritiro del pretendente austriaco dopo la sua intronizzazione come imperatore nel 1711 (Trattato di Utrecht, 1713), lasciarono la Catalogna in pace. Barcellona subì un prolungato assedio (14 mesi), fino a quando la città fu presa l’11 settembre 1714.

Per mantenere la città sotto stretto controllo Filippo V ordinò la costruzione di una fortezza, la Cittadella, come parte integrante di un complesso militare per dominare la città in cui, accanto alla Cittadella stessa, il castello di Montjuïc, un antico bastione situato a la cima dell’omonimo monte. La costruzione della Cittadella fu commissionata dall’ingegnere militare fiammingo Joris Prosper Van Verboom e fu eseguita tra il 1716 e il 1751. Era un bastione pentagonale murato, con un fossato protettivo e una spianata di 120 m di separazione tra le mura e gli edifici circostanti .

Per la sua costruzione è stato necessario demolire parte del quartiere di La Ribera: 1200 case sono state demolite, il Rec Comtal è stato deviato e diversi edifici di interesse artistico sono stati demoliti, come i conventi di Sant Agustí, Santa Clara e Mare of God of Misericordia, la chiesa di Santa Marta e l’ospizio di Montserrat. Sono state sfrattate in totale circa 4.500 persone, che non hanno ricevuto alcun risarcimento e sono state lasciate a se stesse. Alcuni sono stati trasferiti tre decenni dopo nel nuovo quartiere della Barceloneta, su un terreno guadagnato in mare.

La fortezza era formata da cinque bastioni (del Re, della Regina, del Principe, Don Felipe e Don Ferran), uniti da mura rettilinee con revellins, e aveva altre due piccole fortificazioni nelle vicinanze, il forte Pius e quello di Don Carles. All’interno, la torre di Sant Joan fungeva da prigione ed era accompagnata da diversi edifici per le caserme, tra cui l’arsenale, la cappella e il palazzo del governatore. Da notare che la torre di San Giovanni era stata il campanile della chiesa di Santa Chiara, che venne utilizzata per la sua nuova funzione dopo alcune riforme.

Nel tempo la Cittadella divenne un simbolo di repressione e vi furono giustiziati molti prigionieri politici, soprattutto durante l’occupazione napoleonica e durante il governo assolutista di Ferdinando VII. Tra il 1828 e il 1830 il capitano generale Charles d’Espagnac iniziò una brutale repressione contro i liberali, con centinaia di esecuzioni e migliaia di detenzioni, di solito senza processo o prove. Nel 1836, la notizia raggiunse la città degli eccessi commessi dai carlisti che portò la folla a prendere d’assalto la prigione della cittadella e ad uccidere un centinaio di prigionieri di guerra carlisti. Nel 1841 l’Organismo di Vigilanza formato in città dopo l’ascesa al potere del generale Espartero iniziò la demolizione della fortezza, ma il fallimento del colpo di stato anti-spartano di O ‘

Tuttavia, all’inizio del XIX secolo, intorno alla Cittadella furono apportati diversi miglioramenti urbani, come l’apertura del Passeig de l’Esplanada (1797), un ampio viale solcato da pioppi e olmi e decorato con fontane ornamentali, che durante un tempo era il principale spazio verde della città, scomparso durante i lavori di urbanizzazione del parco della Cittadella; o l’installazione nel 1816 del Giardino del Generale, il primo giardino pubblico della città, un’iniziativa del Capitano Generale Francisco Javier Castaños, con una superficie di 0,4 ettari, scomparso nel 1877 anche durante lo sviluppo del parco ..

Nel 1854 le mura medievali della città furono demolite, anche se questa circostanza non influenzò la fortezza. La demolizione delle mura portò all’Eixample di Barcellona, ​​che fu canalizzato con un progetto di Ildefons Cerdà preparato nel 1859: il Piano Cerdà istituì un tracciato ortogonale tra Montjuïc e Besòs, con un sistema di strade rettilinee che delimitavano una serie di strade ottagonali isole del piano. Nel contorno della Cittadella di Cerda era occupata da palazzine, ad eccezione della parte settentrionale, dove sorgeva un parco e un centro servizi; questo settore invece sarebbe stato diviso dal viale Meridiana. Tuttavia, questa parte del Piano Cerdà non si è concretizzata.

Infine, con lo scoppio della Rivoluzione del 1868, si aprì la via per la demolizione della Cittadella: il 12 dicembre 1869, il governo del generale Prim approvò il decreto che cedette la fortezza alla città, a condizione che i terreni essere destinato a un giardino pubblico e il Comune sostiene il costo della demolizione. È iniziato con la demolizione della torre di Sant Joan, la prigione militare situata nella Plaza de Armas de la Ciutadella. Della fortezza originale rimasero solo la cappella (ora Parrocchia militare), il palazzo del governatore (attualmente una scuola secondaria, IES Verdaguer) e l’arsenale, l’attuale sede del Parlamento della Catalogna. I lavori di demolizione furono eseguiti. dell’architetto comunale Antoni Rovira i Trias.

Progetto parco
Vista la prospettiva della demolizione della Cittadella realizzata dopo la rivoluzione del 1868, già emersero alcuni progetti preliminari di architetti e capomastri che offrirono le loro proposte al Comune: fu il caso di Miquel Garriga e Roca (15 ottobre 1868, 17 novembre 1868 e 29 settembre 1871), Josep Fontserè i Mestre (19 ottobre 1868) ed Ermengol Támaro (27 febbraio 1869). Tutti condividevano l’idea di un’ampia area ricreativa unita alla costruzione di una sala espositiva, in linea con quella costruita nel 1860 nel Camp de Mart – spianata davanti alla Cittadella – per la visita della Regina Elisabetta II.

Fontserè ha progettato grandi giardini per il tempo libero dei cittadini, ispirandosi ai giardini europei come quelli di William Rent in Inghilterra, André Le Nôtre in Francia o ai villaggi del tempo libero di Roma e Firenze. Insieme all’area verde ha progettato una piazza centrale con una sala espositiva, una tangenziale, una fontana monumentale e vari elementi ornamentali, due laghi e un’area boschiva, oltre a diversi edifici ausiliari e infrastrutture, come un mercato (il Born ), un mattatoio, una cisterna per l’acqua (attuale Biblioteca Universitaria Pompeu Fabra), un ponte in ferro sulla linea ferroviaria e diverse capanne di servizio.

Il progetto Fontserè ha tenuto conto della sua articolazione con l’Eixample de Cerdà: le strade principali del parco sono state inquadrate con il lotto Cerdanya, con un orientamento preferenziale verso la parte nuova della città attraverso il Passeig de Sant Joan; il collegamento con la parte vecchia della città è stato realizzato attraverso una transizione ortogonale articolata tramite il mercato; i binari del parco sono stati differenziati tra quelli destinati alle carrozze all’esterno e ai marciapiedi all’interno. Anche il palazzo progettato nella piazza centrale, intitolato a Fontserè de la Indústria i les Belles Arts, aveva una pianta ottagonale simile alle isole dell’Eixample, all’interno delle quali il

Questo progetto è stato eseguito solo in parte: l’elemento non edificato più importante è stato il grande palazzo nella piazza centrale, mentre dei due laghi solo uno è stato installato. Va anche tenuto presente che Fontserè non aveva in programma di mantenere alcun edificio nella Cittadella, come infine è avvenuto. Quanto al progetto paesaggistico, Fontserè ha unito la razionalità dei parterre di appartenenza classicista all’esuberanza e alla frondosità dei giardini romantici, in un esercizio di eclettismo tipico dell’architettura storicista di metà Ottocento. Il 22 marzo 1872 la direzione dei lavori fu affidata a Fontserè, a capo di una commissione composta dagli architetti Elies Rogent, Joan Torras i Guardiola e Antoni Rovira i Trias. I primi lavori furono eseguiti nel 1873, anche se i lavori durarono fino al 1886.

La lentezza dei lavori è stata principalmente motivata dal fatto che la commissione non ha affrontato il progetto nel suo insieme, ma ha gradualmente approvato lavori parziali, che hanno portato alla mutilazione del progetto originario di Fontserè. Sono stati influenzati anche dalle difficoltà di bilancio generalmente motivate dall’alternanza politica a capo del Consiglio Comunale, nonché dalle cause con gli eredi degli ex proprietari terrieri spodestati da Filippo V per la costruzione della fortezza. Fontserè ha avuto la collaborazione di un giovane Antoni Gaudí, che ha preso parte al progetto della Cascata Monumentale, uno dei punti nevralgici del parco, dove ha realizzato il progetto idraulico e progettato una grotta artificiale sotto la Cascata. Probabilmente lavorò anche al cancello d’ingresso e alla balaustra del monumento ad Aribau.

Il lavoro di giardinaggio era di responsabilità di Ramon Oliva, direttore dei giardini pubblici di Barcellona dal 1874 e responsabile anche di vari progetti di giardinaggio in altre città spagnole, come il Campo Grande a Valladolid e il Campo del Moro a Madrid. Oliva, formatasi in Belgio, applica al giardinaggio le innovazioni della Rivoluzione Industriale, soprattutto nell’uso dei macchinari, ma anche nella gestione con criteri aziendali. I primi lavori furono realizzati nella zona del Born, dove il vecchio Paseo de la Esplanade è stato convertito in una nuova zona residenziale, i cui proventi sono stati utilizzati per coprire i lavori nel parco; qui è stato costruito anche il mercato del Born. Nel 1874 la restaurazione della monarchia indebolì la posizione di Fontserè, che era un repubblicano, e dall’anno successivo tutti i suoi interventi dovevano essere preventivamente approvati da Rovira e Trias. Ciò significa, ad esempio, che il progetto Fontserè per il Museo Botanico – finalmente il Museo Martorell – è stato respinto e sostituito da un altro di Rovira.

L’arrivo del sindaco di Rius i Taulet nel 1881 rilancia il progetto e negli anni successivi vengono portati a termine molti lavori, come la Gran Cascada nel 1882, l’Umbracle nel 1883 – costruito su progetto di Fontserè – o gli Swiss Cowboys – un caffè-ristorante situato vicino alla stazione di Francia – nel 1884. Tuttavia, nel 1884 fu deciso di mantenere diversi edifici della vecchia fortezza e convertirli in musei e palazzi. mostre, che eliminarono definitivamente il progetto fontesiano di un grande palazzo centrale. Nel 1888 fu costruito il ponte della sezione marittima, che collegava il parco con il mare sopra i binari della ferrovia, opera dell’ingegnere Gaietà Buïgas, Guerra civile.

D’altra parte, negli anni Ottanta dell’Ottocento emerse una nuova concezione di parco più simbolico e legato al catalanesimo, lontano dall’asepsi politica che gli aveva dato Fontserè, fatto che si concretizzò in monumenti come quelli dedicati a Prim o Aribau, oppure il progetto di una galleria di illustri catalani che avrebbe preso forma a cavallo del secolo con l’inserimento di diversi busti di illustri catalani in varie attività.

Un parco scientifico
Il Parco della Ciutadella è stato concepito come un parco di divulgazione della scienza e della cultura, nel quadro dei progressi scientifici raggiunti nel XIX secolo. Molte delle opere architettoniche realizzate hanno centrato questo obiettivo, come l’Umbracle e la Serra, che, accanto ad un giardino botanico non definitivamente istituito, furono esponenti della conservazione e diffusione delle specie botaniche; o il Museo Martorell, che accanto allo zoo è dedicato alle scienze naturali. Grazie alla posizione di questi musei, Fontserè si è ispirato al Jardin des Plantes di Parigi, i cui musei di storia naturale si trovano ai lati. Oltre ai campioni esposti all’interno dei musei, lungo il parco sono stati collocati diversi esponenti del contenuto scientifico: all’esterno del Museo Martorell sono state collocate una serie di pietre e rocce di varia origine, oltre a un dolmen e un menhir di Campmany (Alt Empordà); sebbene gli ultimi due non siano più qui, la collezione di rocce è ancora visibile di fronte al museo.

Di fronte all’Umbracle c’era anche un parco meteorologico, progettato dal marinaio, storico e meteorologo Josep Ricart i Giralt nel 1884, che comprendeva una colonna meteorologica e un tavolo di marmo con le distanze tra Barcellona e le principali città del mondo. La prima comprendeva una meridiana, un termometro, un barometro e un igrometro, contemporaneamente alla colonna di marmo, prismaticamente, segna i quattro punti cardinali; i dispositivi sono andati perduti e oggi rimane solo la colonna. Per quanto riguarda il tavolo delle distanze, è progettato in stile Beaux-Arts e ha un punto al centro che indica Barcellona e il resto delle città posizionato radialmente.

D’altra parte, si prevedeva di realizzare una serie di repliche di animali preistorici, di cui fu realizzato solo il Mammut, opera di Miquel Dalmau del 1907, situato vicino al lago. Doveva esserci anche un parco geologico, di cui l’unico elemento realizzato era una replica della montagna di Montserrat, che è ancora conservata all’interno dello Zoo, dedicata alla fauna iberica. Il set è stato completato con la cascata, che comprendeva un acquario e una grotta con stalattiti, ora chiusa al pubblico.

L’Esposizione Universale del 1888
L’idea di organizzare un’Esposizione Universale a Barcellona è stata presa dall’imprenditore galiziano Eugenio Serrano de Casanova, ma data l’impossibilità di Serrano di portare avanti l’evento da solo, il progetto è stato ripreso dal Consiglio comunale presieduto da Francesc Rius i Taulet. Il corteo era originariamente previsto per il 1887, ma il ritardo nell’organizzazione dell’evento portò al suo rinvio all’anno successivo, una data che fu addirittura in qualche modo adattata per concluderlo con successo. ma poiché una nuova mostra a Parigi era prevista per il 1889, non si poteva più ritardare.

Il 30 aprile 1886 Fontserè fu licenziato dalla carica di direttore dei lavori del parco, in quanto restio ad ospitare la mostra nei locali, che sarebbero stati interessati dai lavori della manifestazione; al suo posto è stato nominato il direttore Elies Rogent. Il nuovo architetto dovette superare numerose difficoltà, tra cui il definitivo abbandono delle installazioni militari dell’esercito, poiché fino al 4 settembre 1888 l’ultimo edificio, l ‘arsenale. Rogent ha esteso il tessuto urbano del parco attraverso il Saló de Sant Joan, Passeig de la Duana e verso il mare attraverso la sezione marittima dell’evento. Insieme alle nuove costruzioni, ha integrato gli edifici della vecchia fortezza e ha realizzato diverse opere infrastrutturali nel parco, soprattutto in termini di giardinaggio, illuminazione e approvvigionamento idrico.

L’Esposizione Universale ha avuto luogo tra l’8 aprile e il 9 dicembre 1888. Oltre alla sezione ufficiale, hanno partecipato un totale di 22 paesi da tutto il mondo e hanno ricevuto circa 2.240.000 visitatori. L’incentivo degli eventi fieristici ha portato al miglioramento delle infrastrutture in tutta la città, che ha compiuto un enorme balzo verso la modernizzazione e lo sviluppo. Tuttavia, è stato il banco di prova di un nuovo stile artistico, il modernismo, che fino all’inizio del XX secolo è stato ciò che ha prevalso nelle nuove costruzioni della città.

Per la Mostra è stato costruito l’Arco di Trionfo, progettato da Josep Vilaseca in stile neo-mudéjar. Tra i padiglioni del recinto, più demoliti dopo il concorso, spiccava il Palazzo delle Belle Arti, opera di August Font i Carreras, nonché il Palazzo dell’Industria, di Jaume Gustà i Bondia. Da segnalare anche il padiglione della Transatlantic Company, di Antoni Gaudí, e l’International Hotel, di Lluís Domènech i Montaner. All’esterno del sito è stato costruito il monumento a Colombo, opera dell’ingegnere Gaietà Buïgas, con una scultura dello scopritore di Rafael Atché.

D’altra parte, l’intero lungomare della città è stato urbanizzato, tra il parco della Ciutadella e la Rambla, attraverso la costruzione del Passeig de Colom e un nuovo molo, il Moll de la Fusta. Inoltre, l’urbanizzazione iniziò in Plaça de Catalunya, un processo che culminerà nel 1929 grazie a un’altra mostra, l’International Electrical Industries; la Riera d’en Malla è stata percorsa, dando origine alla Rambla de Catalunya; iniziò l’Avinguda del Paral • lel e furono prolungati il ​​Passeig de Sant Joan verso Gràcia e la Gran Via de les Corts Catalanes a ovest. L’illuminazione elettrica è stata fornita anche nelle prime strade di Barcellona: La Rambla, Passeig de Colom, Plaça de Sant Jaume e l’interno del quartiere fieristico.

Molti degli edifici costruiti per l’Esposizione sono stati conservati: il ristorante (noto come Castell dels Tres Dragons e appartenente al Museo di Scienze Naturali dal 1920), opera di Lluís Domènech i Montaner; la Serra, opera di Josep Amargós; il Museo Martorell (sede storica del Museo di Scienze Naturali), di Antoni Rovira i Trias; e l’Umbracle, di Josep Fontserè.

Sviluppo successivo
Dopo l’Esposizione l’euforia iniziale con cui era stato intrapreso il progetto del parco è svanita e molti dei progetti inizialmente pensati per il recinto sono rimasti nel calamaio, come un pantheon di catalani illustri, una biblioteca di autori catalani, un giardino botanico o il conversione del vecchio arsenale in palazzo reale.

I successivi interventi nel parco hanno seguito le linee generali del progetto Fontserè, anche se con modifiche. L’obiettivo rimaneva un parco dedicato al tempo libero, alla cultura e al simbolismo catalani. I primi lavori erano finalizzati allo smantellamento dei padiglioni costruiti provvisoriamente per l’Esposizione – alcuni dei quali rimasero fino a ben oltre il XX secolo, come il Palazzo delle Belle Arti o la navata centrale del Palazzo dell’Industria, nonché il restauro e consolidamento di cui doveva rimanere in modo permanente. Le difficoltà principali sono state quelle di armonizzare all’interno del parco l’area della vecchia corte e lo spazio semicircolare lasciato dal Palazzo dell’Industria.

Lo Zoo fu inaugurato nel 1892, con animali della collezione privata di Lluís Martí i Codolar. Due anni dopo, nel 1894, nel corso dei lavori di riqualificazione del parco, furono collocate due piazze con fontane, poste ai lati della navata centrale del Palazzo dell’Industria. La prima, la sorgente dell’Aquila, fu demolita nel 1963 nel corso di alcuni lavori di ampliamento dello Zoo; il secondo, The Lady in the Umbrella, di Joan Roig i Solé del 1884, è attualmente all’interno dello zoo.

Nel 1904, nella piazza principale del parco, fu allestito un velodromo costituito da una pista in legno per biciclette e tribune in legno per gli spettatori. Inaugurato il 27 settembre, alla fine dello stesso anno fu smantellato.

Durante i primi anni del XX secolo il parco è stato oggetto di numerosi studi per stabilire linee guida definitive sulla sua funzione e collocazione nel tessuto urbano, soprattutto prima dell’approvazione nel 1903 del nuovo progetto urbano per Barcellona, ​​il Piano Jaussely. Il vecchio arsenale è stato restaurato da Pere Falqués tra il 1904 e il 1915 e quest’anno è stato inaugurato come Museo di Arte Moderna. D’altra parte, dal 1905 nacque l’idea di tenere un’altra mostra internazionale – che non ebbe luogo fino al 1929 -, così il palcoscenico della Cittadella fu nuovamente mescolato, poi relegato dalla montagna di Montjuïc.

I Giochi Floreali si tenevano al Palau de Belles Arts dal 1908 e nacque l’idea di collocare ogni anno un busto dedicato a un illustre personaggio catalano come culmine, riprendendo il vecchio progetto di un illustre catalano, anche se in questo caso all’aperto. Questa usanza fu seguita fino al 1913, quando l’anno successivo fu interrotta dallo scoppio della prima guerra mondiale. In questi anni furono collocati i busti di Manuel Milà i Fontanals (1908), Emili Vilanova (1908), Marià Aguiló i Fuster (1909), Víctor Balaguer (1910), Lleó Fontova (1910), Teodor Llorente (1912). e Joan Maragall (1913). La maggior parte si trova nel cosiddetto “giardino romantico” nella parte occidentale del parco.

Nel 1911, nel vecchio cortile della fortezza, fu installato il parco divertimenti Saturno Park. A quel tempo, era il luogo di svago preferito dai residenti di Barcellona, ​​che godevano di attrazioni come le montagne russe di Los Urales, lo scivolo Water Chutt, la pista di auto elettriche Witching Waves e la pista di pattinaggio Skating Ring. Il sito fu chiuso nel 1921 e fu sostituito da un giardino progettato da Jean-Claude Nicolas Forestier, che presenta un laghetto ovale con la famosa scultura Desconsol, di Josep Llimona.

Il casinò è stato costruito nel 1916 tra il lago e la cascata, dall’architetto Josep Planted in stile rinascimentale francese. Aveva due piani, quello inferiore per un caffè-ristorante e quello superiore dove si trovava il casinò. È stato demolito nel 1964.

L’architetto e paesaggista Nicolau Maria Rubió i Tudurí, direttore dei parchi e giardini di Barcellona, ​​eseguì alcuni interventi nel parco nel 1927: ordinò la demolizione del Palazzo dell’Industria, restaurò giardini ed edifici, ampliò lo Zoo, disegnò un il nuovo progetto per la cosiddetta Military Promenade – dalla statua di Prim a Wellington Street – ha ampliato i giardini progettati da Forestier e adattato la Circumvallation Promenade al traffico automobilistico.

Nel 1932 l’arsenale della vecchia fortezza fu trasformato nella sede del nuovo Parlamento della Catalogna, dopo il restauro della Generalitat all’inizio della Seconda Repubblica. Il Piano Macià, ambizioso progetto urbano redatto da Josep Lluís Sert e Le Corbusier che non si è concretizzato, prevedeva che tutti gli edifici del parco fossero destinati alle istituzioni regionali.

Dopo la Guerra Civile furono demoliti alcuni edifici e infrastrutture danneggiati dai bombardamenti, come il Palazzo delle Belle Arti o il ponte della sezione marittima. L’arsenale è stato nuovamente dedicato al Museo di Arte Moderna, inaugurato nel 1945. La chiesa, che nel 1934 era stata utilizzata come pantheon dal Presidente della Generalitat Francesc Macià, è stata trasformata in cappella militare. Il palazzo del governatore divenne un liceo femminile.

Il nuovo consiglio franchista ha trascurato il parco per molti anni e ha persino approvato un ampliamento dell’adiacente mercato ortofrutticolo che ha portato alla rimozione di diversi filari di alberi dal Paseo del General Martinez Anido (attualmente Picasso). Questa azione provocò una reazione dell’opinione pubblica di Barcellona a favore del parco, che lo portò a essere dichiarato giardino storico-artistico il 21 dicembre 1951, a seguito di un parere dell’Accademia San Fernando di Madrid.

Il periodo alla guida del sindaco di Josep Maria de Porcioles (1957-1957) ha significato un nuovo impulso per il parco, che è stato restaurato e dove sono stati redatti nuovi progetti. Nel 1956 fu approvato l’ampliamento e l’ammodernamento dello Zoo, con nuovi criteri più naturalistici e nuove strutture più attrattive per il pubblico. Il confine del nuovo Zoo, che occupava più di un terzo della superficie del parco, ha reso inagibili diversi tratti del Paseo de Circumvallación, destinati nel 1961 ad aree verdi. Tra il 1958 e il 1965 nacquero diversi progetti per i bambini: una città in miniatura, un asilo con una biblioteca e un parcheggio. Tra il 1961 e il 1964 i giardini del lago furono ristrutturati, fatto che comportò la demolizione del casinò situato in questa zona.

Dopo il ripristino della democrazia, l’arsenale è tornato al suo lavoro parlamentare e la collezione d’arte è stata trasferita al Museo Nazionale d’Arte della Catalogna. In questa fase il parco ha subito poche modifiche e le sue linee generali sono state mantenute. La maggior parte degli interventi sono stati effettuati nei suoi dintorni: apertura del tratto inferiore dell’Avinguda Meridiana, interramento parziale dei binari ferroviari in uscita dalla stazione di Francia, trasferimento del mercato ortofrutticolo, nuove stazioni della metropolitana, tracciato della fascia costiera e igiene delle spiagge, Giochi Olimpici del 1992.

Nel 1982 è stato aperto il Paseo del Born, che collegava il mercato con la Basilica di Santa Maria del Mar, su progetto di Roser Amadó e Lluís Domènech i Girbau. La ristrutturazione ha riguardato la ristrutturazione del Passeig de Picasso, che ha avuto come elemento di maggior rilievo l’installazione del monumento Omaggio a Picasso, opera di Antoni Tàpies.

In occasione del centenario del parco nel 1988 sono stati eseguiti diversi lavori di risanamento: è stato ripristinato l’Umbracle, sono state aggiornate l’illuminazione, il canale di irrigazione e l’arredo urbano, ed è stata etichettata numerose specie vegetali.

Tra gli ultimi interventi effettuati ci sono quelli prodotti tra il 2009 e il 2010, che hanno generato non poche polemiche: è stato rimosso il parco giochi del traffico, il cui terreno era agglutinato nello Zoo, con la perdita di uno dei due giardini di ampliamento di piazza d ‘ bracci disegnati da Rubió i Tudurí nel 1927; e un centro sportivo è stato costruito vicino all’ingresso del parco sull’Avinguda de Picasso, il che ha comportato la perdita di 2000 m2 di giardini.

Dall’inizio del 21 ° secolo, sono stati formulati diversi progetti per riformare ed espandere il parco, uno dei locali principali dei quali sarebbe quello di collegarlo alla spiaggia, salvando i binari della stazione di Francia: un primo progetto, sviluppato da Enric Batlle e Joan Roig, è stato proposto nel 2003 sotto il sindaco di Joan Clos; nel 2012, sotto il sindaco di Xavier Trias, un altro è stato disegnato da Enric Ruiz-Geli; infine, nel 2018 è stato annunciato un altro progetto durante il sindaco di Ada Colau, che oltre all’estensione del parco fino al mare prevedeva la riabilitazione della Serra, dell’Umbracolo e del Castello dei Tre Draghi.

Parco
Il Parco della Ciutadella è di forma rettangolare su tre lati e semicircolare nella sua parte orientale, segnato dal Paseo de Circumvallació. Ciascuno dei tre lati rettangolari aveva una passeggiata interna parallela ai percorsi esterni che la circondano, di cui due sono conservati: quella dei Tigli, parallela alla passeggiata di Picasso, dove lungo di esse gli edifici superstiti dell’Esposizione del 1888 ; e quello degli Àlbers, parallelo al Passeig de Pujades, che attualmente si chiama Passeig de Joaquim Renart, pittore, decoratore e collezionista, fondatore di Foment de les Arts Decoratives; il terzo, quello dell’OMS, era parallelo a Wellington Street, ma scomparve nell’espansione dello zoo.

I giardini posti davanti al Museo Martorell sono intitolati a Fontserè i Mestre, dell’autore del progetto del parco. Un settore di questi giardini è chiamato anche il giardino Cambalache, da una mostra tenutasi alla Fundació Antoni Tàpies nel 2001, sulla cui terrazza un misto di frutteto e giardino con vari oggetti, un’opera d’arte naturale dello scultore sivigliano Federico Guzmán .

Il parco si distingue per la sua vasta area paesaggistica, con grandi alberi e aree per passeggiate, oltre che per il lago e la cascata. Il lago è uno dei centri nevralgici del parco, con diversi isolotti e una grande profusione di piante esotiche e animali acquatici; ci si può navigare con le barche a remi. Accanto alla cascata si trova il Giardino Romantico, con una varietà di specie vegetali, all’interno del quale si trova la rotonda con il monumento ad Aribau, su un terreno sopraelevato delimitato da una balaustra in pietra fiorita. Nella vecchia plaza d’armes c’è un laghetto ovale con la famosa scultura Desconsol, di Josep Llimona. Vicino a questa piazza e di fronte all’ingresso dello Zoo si trova il monumento a Prim. Il parco è fiancheggiato da molte altre sculture, che insieme formano un vero museo a cielo aperto.

L’area dispone inoltre di diversi servizi, quali area giochi per bambini, area cani, bar, servizi igienici, ludoteca, area pic-nic, tavoli da ping-pong e stazione di compostaggio.

Il parco è sede abituale di numerosi eventi sociali e culturali, ed è solitamente uno degli epicentri dei festeggiamenti della Mercè. Inoltre è spesso teatro di manifestazioni ed eventi politici e vendicativi, a causa della presenza del Parlamento della Catalogna, in particolare l’11 settembre, Diada de Catalunya.

flora e fauna
Il Parco della Ciutadella conta più di cento specie, molte delle quali piantate nel XIX secolo, rendendolo uno dei parchi più antichi della città. Abbondano tiglio (Tilia X europaea, Tilia tomentosa e Tilia X euchlora), magnolia (Magnolia grandiflora), pioppo (Populus alba e Populus alba “Pyramidalis”) e banana (Platanus X hispanica).

Trovato insieme ad altre specie come bagolaro (Celtis australis), la paulownia (Paulownia tormentosa), l’albero sacro (Ginkgo biloba), l’acacia (Robinia pseudoacacia), l’acacia di Costantinopoli (Albizia julibrissin), il cipresso (Cupressus macrocarpa e Cupressus sempervirens), il pino australiano (Casuarina cunnighamiana), l’arancio della Louisiana (Maclura pomifera), la bella ombra (Phytolacca dioica), il castagno indiano (Aesculus hippocastanum), il cipresso bollito (Taxodium distichum), la palma delle canarie (Phoenix canariensis), il dattero palma (Phoenix dactylifera), palma blu (Brahea armata), manioca (Yucca elephatipes), alloro (Laurus nobilis), tamarix (Tamarix gallica)), l’oleandro (Nerium oleander), la pitospora (Pittosporum tobira) e l’eponimo del Giappone (Euonymus japonicus).

Molti degli alberi del parco sono inclusi nel Catalogo degli alberi di interesse locale di Barcellona: un’acacia di Costantinopoli (Albizia julibrissin), un arancio della Louisiana (Maclura pomifera), un pino australiano (Casuarina cunninghamiana) e un Quercus polymorpha. così come i cipressi calvi (Taxodium distichum) del lago. Di fronte al Museo Martorell c’è un Pinaster (Pinus pinaster) donato nel 1999 da Montserrat Pla, vedova di Nicolau Maria Rubió i Tudurí.

La fauna del parco è costituita principalmente da uccelli, di cui sono elencate più di cento specie diverse, tra cui il gabbiano reale, la cui colonia è attualmente la più importante della Catalogna. Tra le altre specie, si possono trovare nel parco: Raspinell comune, anatre domestiche, oca selvatica, parrocchetto mitico, parrocchetto delle Nanday, casa Martin, poiane, cince, codirosso spazzacamino, parrocchetti, pappagalli Kramer, corvo, sardo Warbler, capinera, storno , Storno europeo, gallinella d’acqua, garzetta, airone guardabuoi, sparviero zampe gialle, gabbiano, passero, corvo, falchi pellegrini, cinciarella, Ibis sacro, cardellino, ballerina bianca, torrente ballerina, merlo, zanzara comune, piccione, tudó, anatra muta, anatra chiacchierona, pettirosso, colomba turca, airone cenerino crestato, balestriere, ecc.

L’entrata
Il parco ha dieci ingressi, di cui spiccano due monumentali cancelli, uno situato sul Passeig de Pujades e l’altro sul Passeig de Picasso. Sono stati progettati da Josep Fontserè, anche se di solito sono stati assegnati ad Antoni Gaudí, assistente di Fontserè all’epoca.

Le porte furono costruite tra il 1876 e il 1880, e hanno sbarre di ferro con lanterne di disegno elaborato: alla base sono rilievi di leoni, su cui è posto l’albero del lampadario con lo stemma di Barcellona e una serie di sette o otto palloncini luminosi, sui quali si erge un albero sormontato da un elmo con corona e una mazza. Oggi sono piuttosto in cattive condizioni.

Un altro punto forte delle porte sono le sculture, due in ciascuna di esse, situate su piedistalli che fiancheggiano l’ingresso. Hanno un significato allegorico: nel Paseo de Pujades sono Commercio e Industria, opera di Agapit Vallmitjana; nel Paseo de Picasso ci sono la Marina e l’Agricoltura, realizzate da Venanci Vallmitjana. Furono collocati nel 1884.

Monumentale Cascata
La cascata monumentale fu costruita tra il 1875 e il 1888 su progetto generale di Josep Fontserè, mentre il progetto idraulico fu di Antoni Gaudí. L’insieme architettonico ha una struttura centrale a forma di arco trionfale con due padiglioni sui lati e due ali laterali con gradini, che ospitano un laghetto diviso in due livelli. Il monumento si distingue per la sua profusione scultorea, a cui hanno preso parte alcuni dei migliori scultori dell’epoca: il gruppo scultoreo in ferro battuto La Quadriga de l’Aurora, di Rossend Nobas, e La Nascita di Venere, di Venanci Vallmitjana; il frontone è opera di Francesco Pagès i Serratosa. Altre sculture sono: Anfitrite, di Josep Gamot; Nettuno e Leda, di Manuel Fuxà; e Dànae, di Joan Flotats. Inoltre, Rafael Atché ha realizzato i quattro grigi che espellono l’acqua dalla bocca, in fondo al monumento.

Rotatoria musicale
La rotatoria musicale si trova davanti alla Cascata Monumentale. L’elemento principale è un chiosco dove un tempo si trovava la banda comunale, opera di Antoni Maria Gallissà costruita nel 1884. Realizzato in pietra, ferro e legno, ha una base circolare con una panca convessa di trencadís divisa in sette sezioni separate. da lesene coronate da sfere, mentre un ottavo del basamento presenta gradini; su questo basamento si trova il palco della fascia, delimitato da una ringhiera in ferro battuto, e da qui si elevano otto pilastri che sorreggono un tetto ottagonale con struttura a travi e manifesti, sormontato da una cupola ottagonale. Nel 2013 questo spazio è stato chiamato la rotatoria Transsexual Sònia, in onore di Sònia Rescalvo, una transessuale assassinata su questo sito da un gruppo di neonazisti nel 1991.

Piazza principale
La vecchia piazza d’armi della Cittadella è stata ristrutturata nel 1921 su progetto del paesaggista francese Jean-Claude Nicolas Forestier. Arrivati ​​a Barcellona nel 1915 per l’abbellimento del monte Montjuïc per la celebrazione dell’Esposizione Internazionale, la loro presenza è stata utilizzata per progettare quest’area del parco, che non era ancora stata convertita dal suo precedente uso militare. Il progetto di Forestier risale al 1916, anche se non venne realizzato fino al 1921, data in cui scomparve il parco divertimenti Saturno Park, situato nella piazza.

Il progetto di Forestier è stato inquadrato in uno stile classicista coerente con il quadro architettonico che lo circonda, gli edifici della vecchia fortezza del XVIII secolo. All’interno della pianta rettangolare della piazza, ha posto al centro un laghetto ovale circondato da una serie di aiuole che insieme proiettano la stessa forma ovale. Forestier ha scelto piccoli alberi e arbusti per la vegetazione, più adatti alla geometria del layout e alla contemplazione visiva dell’ambiente. Per presiedere al complesso al centro dello stagno, scelse la scultura Desconsuelo, di Josep Llimona, un’opera modernista che sarebbe diventata uno degli emblemi del parco: quella che si trova attualmente nel parco è una copia, poiché l’originale è stato trasferito al Museo Nazionale d’Arte della Catalogna.

Nel 1927 il direttore dei Parchi e dei giardini, Nicolau Maria Rubió i Tudurí, discepolo di Forestier, ampliò il percorso disegnato dal paesaggista francese alle due estremità, verso il lago e il Paseo Militar. Su ciascuno di questi lati colloca anche opere d’arte: la Dea di Josep Dunyach e il Monumento ai Volontari Catalani nella Guerra del 1914, di Josep Clarà, entrambi in stile noucentista. Il lato orientale è stato successivamente unito allo zoo e la scultura di Dunyach è stata trasferita al Paseo de los Alamos.

La piazza principale ha attualmente il nome della piazza di Joan Fiveller, consigliere del Comune di Barcellona alla fine del XV secolo, famosa per il cosiddetto “confronto di vectigal” con il re Fernando I, che ne fece un simbolo delle libertà municipali prima del potere reale.

Plaza de Armas
La vecchia Plaza de Armas de la Ciutadella è stata ristrutturata nel 1921 su progetto del paesaggista francese Jean-Claude Nicolas Forestier. Arrivato a Barcellona nel 1915 per l’abbellimento della montagna di Montjuïc per la celebrazione dell’Esposizione Internazionale, la sua presenza è stata utilizzata per la progettazione di quest’area del parco, che non era ancora stata convertita sin dal suo inizio. precedente uso militare. Il progetto di Forestier risale al 1916, anche se non fu eseguito fino al 1921, quando il Parco Saturno, situato nella piazza, scomparve.

Il progetto di Forestier è stato inquadrato in stile classicista nel rispetto del quadro architettonico che lo circonda, gli edifici della vecchia fortezza del XVIII secolo. All’interno della pianta rettangolare della piazza ha posto al centro un laghetto ovale circondato da una serie di parterre che proiettano insieme la stessa forma ovale. Forestier ha scelto piccoli alberi e arbusti per la vegetazione, più adatti alla geometria del percorso e alla contemplazione visiva dell’ambiente. Per presiedere l’ensemble al centro del lago, scelse la scultura Desconsol, di Josep Llimona, un’opera modernista che sarebbe diventata uno degli emblemi del parco – quella attualmente nel parco è una copia, poiché l’originale è stato trasferito al Museo Nazionale d’Arte della Catalogna.

Nel 1927 il direttore dei parchi e giardini, Nicolau Maria Rubió i Tudurí, discepolo di Forestier, prolungò il percorso disegnato dal paesaggista francese alle due estremità, verso il lago e verso il Passeig Militar. Su ciascuno di questi lati ha anche collocato opere d’arte: la Dea di Josep Dunyach e il Monumento ai volontari catalani nella guerra del 1914, di Josep Clarà, entrambi in stile noucentista. Il lato orientale è stato successivamente agglutinato allo zoo e la scultura di Dunyach è stata spostata nel Paseo de los Alberos.

La Plaza de Armas è ora chiamata Plaça de Joan Fiveller, un consigliere del Comune di Barcellona alla fine del XV secolo, famosa per il cosiddetto “confronto vectigale” con il re Ferdinando I, che prima l’ha trasformata in simbolo delle libertà municipali il potere reale.

Zoo
Lo zoo di Barcellona aprì i battenti il ​​24 settembre 1892. I primi animali provenivano dalla collezione privata di Lluís Martí i Codolar, che aveva in una fattoria a Horta. Il suo primo direttore è stato il veterinario Francesc Darder i Llimona.

Nel 1956 è stato ampliato il recinto, che ha raggiunto i 13 ha, contestualmente è iniziato un ammodernamento dello stesso, con una concezione più scientifica e finalizzata alla conservazione della specie; tra l’altro numerose gabbie furono sostituite da spazi aperti che ricreavano gli habitat naturali degli animali. Nel 1966 arrivò Snowflake, un gorilla albino che divenne l’emblema dello zoo. Nel 1972 è stato aperto lo spazio dei delfini, una voliera e un terrario. Nel 1985 ha cessato di dipendere dal Servizio Parchi e Giardini Comunali ed è stata costituita come società privata comunale.

Attualmente le sue principali linee guida sono la conservazione, la ricerca e la diffusione culturale. Collabora inoltre con vari programmi internazionali per il mantenimento e la riproduzione di specie in via di estinzione, nonché programmi per la reintroduzione di specie in natura. Ospita circa 400 specie in tutto il mondo e conta circa 7.500 esemplari.

Palazzo del Parlamento della Catalogna
Fu costruito come arsenale dell’antica fortezza della Cittadella. Ha 5532 m2, con due piani e un attico, ed è stato costruito con pietra di Montjuïc e piastrelle rosse. Di stile classicista francese, presenta / mostra una pianta cruciforme e due piani con gallerie a volta, e quattro cortili tra i bracci della croce. La facciata si distingue per un insieme di archi che formano un portico al piano terra. Fu restaurato da Pere Falqués per l’Esposizione Universale, quando era la residenza della famiglia reale: sulla pianta originaria aprì dei balconi al primo piano e trasformò il cortile centrale in una scala d’onore; in seguito, tra il 1904 e il 1915, aggiunse due corpi laterali all’edificio principale. All’interno, Falqués ha sviluppato una decorazione in stile modernista, ispirata all’Opera di Parigi. Tra il 1932 e il 1939 ha ospitato il Parlamento della Catalogna,

Parrocchia militare
La chiesa dell’antica Cittadella continua a svolgere la sua funzione oggi, dedicata alla parrocchia militare. L’autore, Alexandre de Rez, si è ispirato alla chiesa della Visitazione di Parigi, opera di François Mansart. È a navata unica con abside semicircolare, transetto con cupola ovale sul transetto e fronte semicircolare, con porta fiancheggiata da lesene che sorreggono un frontone e un rosone in alto. Nel XIX secolo furono aggiunte cappelle laterali con cupole.

Palazzo del Governatore
Anche l’antico palazzo del Governatore, oggi scuola media (IES Verdaguer), fu opera di Verboom e fu eretto contemporaneamente nella chiesa. Di stile classicista francese, ha una pianta rettangolare, con un ampio cortile circondato da diversi annessi.

Museo Martorell
È di stile neoclassico pompeiano e presenta un corpo centrale con portico d’ingresso con frontone su colonne e due ali laterali simmetriche. La facciata presenta due statue dei naturalisti Jaume Salvador e Félix de Azara, opera di Eduard B. Alentorn. Il museo presenta diverse collezioni di mineralogia, paleontologia e petrologia da tutto il mondo.

Umbracle
È stato costruito con l’obiettivo di ospitare specie vegetali che necessitano di ombra, soprattutto tropicali. E ‘realizzata con colonne in ghisa e intelaiatura lignea, con una sezione centrale di cinque navate trilobate e due frontali alle estremità, in mattoni a vista.

Serra
Si tratta di una serra con struttura in metallo e vetro, con due vani simmetrici uniti da un corridoio centrale, più alto e con i lati aperti. Attualmente è utilizzato come sala per mostre temporanee.

Castello dei Tre Draghi
Il castello dei Tre Draghi, è stato costruito come ristorante della Mostra, funzione che non è mai stata adempiuta, in quanto non è stata completata in tempo, ed è stato finalmente Museo di Zoologia tra il 1920 e il 2010. In stile modernista, è stato costruito con mattoni a vista e laminati di ferro. Presenta un corpo centrale a forma di parallelepipedo a tre piani, con due facciate e quattro torri agli angoli. Spicca la parte superiore dell’edificio, dove si trova un fregio in ceramica sormontato da merli, con scudi realizzati da Alexandre de Riquer, Dionís Baixeras e Joan Llimona. È stato il Museo di Zoologia per la maggior parte della sua storia, ma ha avuto anche varie funzioni, come laboratorio di arti industriali o come scuola municipale di musica.

Tags: