Palazzo di Christiansborg, Copenaghen, Danimarca

Palazzo di Christiansborg è un palazzo e un edificio governativo sull’isolotto di Slotsholmen nel centro di Copenaghen, in Danimarca. È la sede del parlamento danese (Folketinget), l’ufficio del primo ministro danese e la Corte suprema di Danimarca. Inoltre, diverse parti del palazzo sono usate dal monarca danese, incluse le sale di ricevimento reali, la cappella del palazzo e le scuderie reali.

Il palazzo è quindi la sede delle tre supreme potenze: il potere esecutivo, il potere legislativo e il potere giudiziario. È l’unico edificio al mondo che ospita tutti e tre i rami del governo di un paese. Il nome Christiansborg è anche usato frequentemente come metonimia per il sistema politico danese, e colloquialmente viene spesso chiamato Rigsborgen (Castello del regno) o semplicemente Borgen (Il castello).

Il castello è diviso approssimativamente nel mezzo con i locali di Folketing nell’ala sud e i locali reali nell’ala nord. Ci sono sei piani, come gli antichi castelli, ma sono distribuiti in modo diverso. Il piano principale è il 1 ° piano, Beletagen, che in entrambe le ali contiene le stanze più significative.

Oltre alla Royal Chamber of Representatives, l’ala reale contiene la Corte Suprema, che si trova al piano terra, e il Ministero dell’Interno, che si trova nei locali originariamente intesi come l’appartamento privato del sovrano al di sopra dei locali del Rappresentante Reale .

Christiansborg è stato bruciato e ricostruito due volte, e oggi Christiansborg fa ancora parte dei tre edifici del castello. Gli edifici attorno al maneggio (scuderie, maneggio e museo del teatro di Hofteatret) provengono dal primo Christiansborg; Lo stesso vale per il Museo Thorvaldsen, che in origine era un parcheggio, ma ora è molto diverso. Dal secondo Christiansborg, la chiesa del castello è l’unico edificio rimasto. Tuttavia, ci sono alcuni dettagli e parti che sono stati riutilizzati in luoghi diversi.

buliding:
Il palazzo è diviso approssimativamente nel mezzo, con il Parlamento situato nell’ala meridionale e le Sale di ricevimento reali, la Corte suprema e l’ufficio del Primo Ministro nell’ala settentrionale.

Diverse parti del palazzo sono aperte al pubblico dopo il programma pubblicato con visite guidate disponibili, a un costo considerevole. E ‘situato in posizione centrale nel quartiere Indre By (“City Centre”) di Copenaghen.

The Queen Gate
La Queen Gate, che collega rispettivamente il cortile interno del castello con Slotspladsen e Prins Jørgens Gård. La porta reale non ha molta funzione in quanto nessuna delle parti principali del castello ha accesso da essa; tuttavia, la porta reale ha l’ingresso alla mostra sotterranea delle antiche rovine del castello. La porta della regina è l’ingresso principale dei locali reali nell’ala nord.

La Corte Suprema ha il suo ingresso principale a Prins Jørgens Gård, dove è stato riutilizzato il cancello d’ingresso dalla porta reale dell’ex castello, che è stato ora sollevato in una posizione alla fine della scala d’ingresso. L’ingresso al Folketing si trova a Rigsdaggården.

Le facciate sono ricoperte di granito; ad eccezione dei piani inferiori della fattoria di Prins Jørgens, dove avete scelto di usare l’arenaria riciclata dal vecchio castello. Il granito ha il vantaggio di essere molto resistente alle intemperie e praticamente esente da manutenzione, ma allo stesso tempo significa che gli elementi decorativi sono piuttosto grezzi, poiché questa pietra non è adatta per rifinire dettagli più fini. Nei piani abitativi e seminterrati sono state utilizzate pietre raccolte e presentate da oltre 700 diverse parrocchie in Danimarca. Le molte diverse rocce danno una certa combinazione di colori, che viene sottolineata dal fatto che l’esterno dei mattoni viene tritato grossolanamente e quindi ha una superficie ruvida naturale.

La maggior parte delle sculture in pietra per la decorazione della facciata sono state realizzate dallo scultore Anders Bundgaard. Sopra ogni finestra nella maggior parte del piano terra si trovano maschere di granito di uomini importanti della storia danese.

Le sale di rappresentanza della residenza reale sono situate nel piano terra dell’ala reale e nel primo piano. I luoghi vengono utilizzati da Kongehuset per eventi ufficiali come cene di gala, cene, capodanno, ricevimenti degli ambasciatori, pubblico e ministri.

I locali del rappresentante reale
Le sale di rappresentanza della residenza reale sono situate nel piano terra dell’ala reale e nel primo piano. I luoghi vengono utilizzati da Kongehuset per eventi ufficiali come cene di gala, cene, capodanno, ricevimenti degli ambasciatori, pubblico e ministri.

C’è accesso ai locali del Rappresentante Reale attraverso la Queen Gate. Da qui, due scalinate principali conducono all’ala reale: il secondo Kongestad, che attraverso la Sala del Drabant è l’ingresso principale dei locali del Rappresentante, e in parte la scala della Regina, che è più piccola e conduce ai piani superiori.

Al piano terra, ai piedi del Kongestad, si trovano l’Audiensgemakket e la Sala del Consiglio di Stato. Nel primo piano si trovano il Tronsalen, la Knights Hall, i Taffelsalen, la Biblioteca e la Alexander Hall.

Sale di ricevimento reali
Le sale di ricevimento reali al Palazzo di Christiansborg si trovano al piano terra e al primo piano nella metà settentrionale del palazzo. Le sale sono utilizzate per le funzioni ufficiali del monarca, come banchetti, cene di stato, la tassa di Capodanno, accreditamenti diplomatici, udienze e riunioni del consiglio di stato.

Le sale della reception sono riccamente adornate con mobili e opere d’arte recuperate dai due palazzi precedenti, nonché decorazioni di alcuni dei migliori artisti danesi, come Nikolaj Abraham Abildgaard, Christoffer Wilhelm Eckersberg, Laurits Tuxen, Joakim Skovgaard e Bjørn Nørgaard.

Le sale del Royal Representative contengono dipinti, arazzi e opere d’arte di artisti danesi come Nicolai Abildgaard, Bertel Thorvaldsen, C.W. Eckersberg, Laurits Tuxen, Joakim Skovgaard e Bjørn Nørgaard. I locali contengono anche numerosi mobili e arredi che provengono dal secondo Christiansborg.

Sala del Trono
Le King’s Stairway danno accesso alla Tower Hall (Tårnsalen). La Tower Hall mostra una serie di arazzi con motivi di canzoni popolari danesi, tessute su cartoni dipinti da Joakim Skovgaard.

La sala del trono ovale si trova nel mezzo dell’ala principale di fronte alla piazza del castello. I due tronchi Salens sono disegnati da C.F. Hansen e originato dal secondo Christiansborg. La sala tronale è utilizzata in connessione con la notte di Capodanno e per i ricevimenti degli ambasciatori. Inoltre, c’è una tradizione che i governanti di nuova nomina sono invitati dal balcone di Tronsalen.

Di fronte a Palace Square si trova l’ovale Throne Room (Tronsalen) dove gli ambasciatori stranieri presentano le loro credenziali alla regina Margrethe II. La Sala del Trono dà accesso al balcone dove vengono proclamati i monarchi danesi. La Sala del Trono è decorata con un grande soffitto dipinto da Kræsten Iversen, che descrive come la bandiera danese, Dannebrog, cadde dal cielo in Estonia nel 1219.

Le Sale di ricevimento reali includono anche la Fredensborg Hall (Fredensborgsalen) con il dipinto di Laurick Tuxen del re Cristiano IX e tutta la sua famiglia insieme al Palazzo di Fredensborg e parti della Biblioteca della Regina.

Sala Grande
La Knights Hall è la sala più grande di Christiansborg con una lunghezza di 40 metri e un soffitto di 10 metri. C’è spazio per circa 400 ospiti nella sala, usati per ricevimenti, cene reali e cene di gala durante le visite statali.

La Sala Grande è la più grande e la più spettacolare delle Sale di ricevimento reali. La sala è lunga 40 metri con un’altezza del soffitto di 10 metri e una galleria corre lungo tutta la stanza. La sala può ospitare fino a 400 persone ed è utilizzata per banchetti, cene e ricevimenti.

La Sala Grande è stata rinnovata in occasione del sessantesimo compleanno della regina Margrethe II quando i 17 arazzi dell’artista Bjørn Nørgaard raccontano la storia della Danimarca appesi alle pareti. Gli arazzi erano un dono della comunità imprenditoriale danese in occasione del 50 ° compleanno della regina Margrethe II.

La Alexander Hall (Alexandersalen) prende il nome dal fregio in marmo di Bertel Thorvaldsen “Alessandro il Grande entra nella Babilonia”. Il fregio è stato realizzato per il secondo Palazzo di Christiansborg e alcune parti sono sopravvissute all’incendio. In seguito fu restaurato e montato in questa stanza. La sala è utilizzata per ricevimenti più piccoli e cene ufficiali, spesso in connessione con visite di stato.

Ala del Parlamento:
Nell’ala di Riksdag c’è un’accurata sala pedonale che termina a est della Folketing Hall e ad ovest dell’ex municipio. Lungo il Vandrehallen ci sono varie sedi come l’ufficio del presidente e la segreteria parlamentare.

La Camera Folketing
Il primo piano dell’ala del Parlamento è strutturato attorno alla Lobby. Alle due estremità della Lobby si trovano le camere di Rigsdagen, l’ex parlamento bicamerale; la camera Folketing si trova all’estremità e il Landsting situato nell’altra (la camera remota è stata l’unica in uso da quando Folketing è diventata l’unica assemblea legislativa nel 1953). Lungo la sala ci sono varie stanze come l’ufficio del parlatore e gli uffici per l’amministrazione.

La sala fu aperta nel 1918, dove si tenne il primo incontro il 28 maggio. Le sedie dei membri si trovano in file a forma di ferro di cavallo con la sedia e la sedia al centro verso la parete esterna della fessura. Ai lati ci sono diversi piani che vengono distribuiti, tra le altre cose, alla stampa, alla casa reale, agli ex membri e al pubblico. La sedia è formata da un unico grande egestam che originariamente faceva parte di un moncone di Møn. La sala parlamentare si estende su tre piani e l’interno è caratterizzato da pannelli di quercia delle pareti e grandi pezzi di lavoro sulle pareti superiori e nella soffitta. Sulla parete dietro la poltrona ci sono anche i principali seggi elettorali e in parte un tappeto illustrativo realizzato dall’artista Berit Hjelholt. Sulla parete opposta si trovano due dipinti di paesaggi realizzati da Olaf Rude.

I membri hanno posti permanenti, e cercano di distribuirli dopo l’osservazione politica, in modo che “sinistra” e “destra” siano seduti rispettivamente. sinistra e destra (vista dalla sedia). Inoltre, i posti sono generalmente distribuiti come relatori e i membri con alta anzianità sono in prima linea e più vicini alla sedia. La distribuzione diventa più difficile, più le diverse parti sono rappresentate e anche se si devono ottenere più seggi per i ministri che non sono membri del parlamento.

Rovine sotto il palazzo
Sotto l’attuale palazzo si trovano le rovine del castello di Bishop Absalon e del castello di Copenaghen. Quando furono gettate le basi dell’attuale Palazzo di Christiansborg, i lavoratori si imbatterono in rovine di diversi edifici e parti di una cortina muraria.

Gli esperti sono stati convocati dal Museo Nazionale di Danimarca e le rovine, che si trovano sotto il cortile interno del palazzo, sono state rinvenute. L’interesse pubblico per queste rovine, che risaliva intorno all’anno 1167, era tremendo. Fu quindi deciso che le rovine non dovessero essere coperte di nuovo ma conservate per i posteri. La struttura in cemento armato eretta per coprire le rovine fu la più grande del suo genere in Danimarca quando fu costruita nel 1908.

Le rovine sotto la piazza del palazzo furono scavate nel 1917 e su di esse fu costruita anche una copertura. Le rovine sono state aperte al pubblico dal 1924. L’Esposizione delle Rovine è stata rinnovata durante il periodo 1974-77 e da allora è rimasta più o meno intatta.

La cappella del palazzo
La Cappella del Palazzo di Christiansborg è parte del palazzo che è a disposizione del monarca danese. È usato per le cerimonie religiose per i membri della famiglia reale danese, in particolare battesimi, conferme e menzogne ​​ufficiali in stato. È anche usato dal Parlamento danese per il servizio della Chiesa in connessione con l’apertura del parlamento.

La storia della Cappella del Palazzo di Christiansborg risale al primo Palazzo di Christiansborg, costruito dal generale Elias David Häusser dal 1733 al 1745. Il re Cristiano VI era appassionato di architettura e commissionò a Nicolai Eigtved, giovane architetto di talento nel palazzo del re, la progettazione della cappella del palazzo (1738-42). Eigtved colse l’occasione e progettò uno degli interni rococò più illustri della Danimarca.

Nel 1794 l’incendio devastò il palazzo e fu deciso di demolire completamente le rovine. La demolizione, tuttavia, non ha mai avuto luogo.

L’architetto Christian Frederik Hansen, che resuscitò il palazzo tra il 1803 e il 1828, fu anche incaricato di ricostruire la cappella del palazzo nel 1810. I lavori iniziarono nel 1813, usando le fondazioni e le murature esistenti il ​​più lontano possibile. La chiesa e il palazzo principale sono stati costruiti in rigoroso stile neoclassico, con una costruzione a cupola in cima a un interno della chiesa centrale. La cappella del palazzo fu inaugurata la domenica di Pentecoste, 14 maggio 1826, in occasione del millesimo anniversario dell’introduzione del cristianesimo in Danimarca.

Il secondo incendio del palazzo nel 1884 risparmiò la chiesa, poiché il fuoco fu fermato negli edifici che lo collegavano al palazzo. Tuttavia, il destino alla fine raggiunse la chiesa il 7 giugno 1992. La chiesa fu bruciata, probabilmente incendiata da fuochi d’artificio durante il carnevale di Pentecoste.

Durante l’incendio della chiesa del 1992, il tetto, la cupola e il pavimento divisorio furono bruciati e l’inventario gravemente danneggiato. Poco dopo, l’Agenzia dei palazzi e delle proprietà del Ministero delle finanze danese ha iniziato a ricostruire la cappella in collaborazione con lo studio di disegno Erik Møller A / S e l’ispettore reale degli edifici statali quotati Jens Fredslund. Non esistevano disegni della cupola e del tetto, ma un esercizio sistematico nella costruzione dell’archeologia registrò i resti carbonizzati dell’edificio e permise di ricreare la cupola e il tetto. Nel corso del processo di ricostruzione sono stati utilizzati anche metodi di costruzione storicamente accurati.

Gli artigiani danesi non sono stati in grado di intraprendere il difficile lavoro di restauro e ricreazione delle scagliole degli interni. Uno dei maggiori esperti tedeschi, Manfred Siller, ha preso il comando e insegnato la venerabile tecnica agli stuccatori danesi.

La chiesa ricostruita fu inaugurata il 14 gennaio 1997 per celebrare il Giubileo d’argento della Regina Margrethe II. Alla ricostruzione è stato assegnato il prestigioso premio Europa Nostra.

Le stalle reali
C’è stata una significativa squadra di cavalli nel castello e quindi anche una considerevole stalla. La maggior parte del pianterreno negli edifici di equitazione, comprese le rotatorie del Marmor Bridge, era quindi stabilmente stabile con un totale di 87 cavalli da equitazione e 165 cavalli da guida. Parti di questa stalla sono ancora invariate con la sua stravagante attrezzatura di colonne di marmo e frantoio di marmo; Altre parti sono progettate per il museo del trasporto con i vecchi veicoli trainati da cavalli. Infine, alcune parti vengono trasformate in altri scopi, come uffici e garage per le auto della casa reale. C’è ancora una squadra di cavalli con un certo numero di cavalli usati da Kongehuset.

Il maneggio
Ridehuset si trova nella corsia dei cavalli del nord, di fronte a Hofteatret. L’arredamento è in gran parte invariato poiché è stato costruito insieme al primo Christiansborg. E ‘costruito con una sedia king-size e un balcone così visto sono stati in grado di frequentare gli esercizi di equitazione e le gare che si sono svolte. La sedia reale è notevole perché è delle poche stanze preservate con decorazioni originali del primo castello.

Il maneggio è ancora utilizzato per addestrare i cavalli nelle stalle reali. Inoltre, la sala viene utilizzata occasionalmente per vari eventi culturali come spettacoli teatrali e opera.

Il teatro di corte
Il Court Theatre si trova sopra le scuderie nell’ala sud del Riding Ground Complex, di fronte alla Scuola di equitazione. Dal 1922 il Court Theatre ha ospitato la collezione del Theatre Museum. L’auditorium è spesso utilizzato per spettacoli teatrali, conferenze e programmi televisivi.

Già al Castello di Copenhagen, una delle ali era allestita come un teatro. Tuttavia, il primo Palazzo di Christiansborg fu costruito senza un teatro. Durante il primo regno di re Cristiano VII divenne consuetudine fare spettacoli teatrali nella Sala del Banchetto, e nel 1766 fu deciso di costruire un vero teatro di corte. Un ripostiglio è stato adattato a un auditorium. Il teatro fu progettato dall’architetto francese Nicolas-Henri Jardin e inaugurato dal re Cristiano VII e dalla regina Caroline Matilda nel gennaio 1767. Resti di questo teatro originale sono stati ricostruiti nel 1842 seguendo i disegni dell’architetto Jørgen Hansen Koch. Col tempo, il Court Theatre venne a funzionare come annessa al Royal Danish Theatre. Nel 1881 il teatro fu chiuso come luogo di esibizione in seguito al tragico incendio del Ringtheater di Vienna che sottolineava i pericoli insiti nell’uso continuo dei vecchi teatri.

La Torre
Nel giugno 2014, una piattaforma di osservazione nella Torre, ancora la più alta della città, è stata resa accessibile al pubblico, mentre l’interno della Torre è stato rinnovato e un ristorante aperto al posto di quello che un tempo era un deposito. L’accesso alla piattaforma di osservazione è gratuito, anche se è necessario passare un controllo di sicurezza a causa della natura ufficiale dell’edificio. C’è l’ascensore confortevole.

Altre caratteristiche
Il ponte di marmo e i padiglioni
Nel progetto originale di Häusser dal primo Christiansborg, le due ali del palazzo erano collegate da una guardiola alla fine del canale di Frederiksholm e un ponte levatoio conduceva al canale. La Commissione per la costruzione del palazzo non è stata completamente soddisfatta della proposta e ha chiesto a due giovani architetti che lavorano per l’ente edile reale, Nicolai Eigtved e Lauritz de Thurah, di presentare un suggerimento alternativo.

La loro proposta comprendeva un ponte permanente sul Canale di Frederiksholm che costituiva l’ingresso principale del palazzo e due padiglioni a portale che fiancheggiavano un disco aperto e chiudevano il complesso tra le due ali. Sia il ponte che i padiglioni erano nel nuovo stile rococò.

La responsabilità è stata trasferita a Eigtved, che era il promotore principale del progetto.

Il ponte era estremamente elegante: pietra arenaria ricoperta da decorazioni a medaglione dello scultore Louis August le Clerc. I marciapiedi erano pavimentati con marmo norvegese, da cui il nome Marble Bridge (Marmorbro), e la strada pavimentata con ciottoli.

I padiglioni erano altrettanto magnifici del ponte. Erano ricoperti di pietra arenaria della Sassonia, e lo scultore Johan Christof Petzoldt riccamente decorato i tetti concavi con i monogrammi schiena e schiena della coppia reale e quattro figure su ogni tetto che simboleggia i tratti positivi della coppia reale. La decorazione interna era del maestro scalpellino della corte Jacob Fortling. Il ponte e i padiglioni furono terminati nel 1744.

Nel 1996, quando Copenaghen fu capitale europea della cultura, l’Agenzia Palazzi e Proprietà finì un restauro degli Showground che aveva richiesto molti anni. Il ponte di marmo e i padiglioni furono restaurati tra il 1978 e il 1996 dall’architetto Erik Hansen e dallo Show Grounds dal 1985-1996 dall’ispettore reale degli edifici statali quotati Gehrdt Bornebusch.

Statua equestre di re Cristiano IX
Fu iniziata una collezione per la costruzione di un monumento a King Christian IX poco dopo la sua morte nel 1906. L’anno seguente quattro artisti furono invitati a competere per la commissione. Non c’è stata discussione sulla posizione della statua. Sarebbe stato eretto sul complesso del complesso di equitazione di Christiansborg come pendente della statua del re Federico VII nella piazza del palazzo.

La scultore Anne Marie Carl-Nielsen, moglie del compositore Carl Nielsen, ha vinto la competizione con la sua proposta di una nuova statua equestre. Nella proposta, la statua è stata esposta su un alto piedistallo, ai lati del quale c’erano rilievi raffiguranti una processione dei principali uomini del giorno, tra cui l’industriale Carl Frederik Tietgen, il politico Jakob Brønnum Scavenius Estrup e i poeti Jens Peter Jacobsen e Holger Drachmann . I rilievi furono successivamente tagliati e l’architetto Andreas Clemmensen disegnò il piedistallo che porta il cavallo oggi.

Lo scultore cercò in tutto il paese come modello per il cavallo giusto, ma lo trovò ad Hannover in Germania. Ciò ha suscitato un grande dispiacere tra gli allevatori di cavalli danesi.

Il monumento impiegò molto tempo per essere completato, ma nel 1927, 21 anni dopo la morte del re, fu svelato nel complesso del Riding Ground.

Gestione:
Il Palazzo di Christiansborg è di proprietà dello stato danese ed è gestito dall’Agenzia dei Palazzi e delle Proprietà. Diverse parti del palazzo sono aperte al pubblico.

Tags: