Distretto di Chorweiler, Colonia, nella Renania settentrionale-Vestfalia, Germania

Chorweiler è il quartiere più settentrionale di Colonia. Il distretto cittadino comprende i distretti di Blumenberg, Chorweiler, Esch / Auweiler, Fühlingen, Heimersdorf, Lindweiler, Merkenich (con Rheinkassel, Langel e Kasselberg), Pesch, Roggendorf / Thenhoven, Seeberg, Volkhoven / Weiler e Worringen.

Grazie alla sua posizione periferica – l’attuale distretto di Chorweiler si trova a circa 14 chilometri a nord del centro di Colonia – il distretto della città è circondato a nord e ad ovest da foreste e terreni coltivabili e dai prati del Reno che delimitano il distretto a est. Il distretto di Chorweiler è l’unico sobborgo di Colonia che non è adiacente al centro della città.

Il distretto comprende il nord di Colonia, sulla riva sinistra del Reno. Prende il nome dalla città satellite di Chorweiler, costruita negli anni ’70 e ’80 come uno dei più grandi complessi residenziali prefabbricati in Germania. Oltre al distretto centrale di Chorweiler, i distretti di Seeberg e Heimersdorf a sud di Chorweiler e Blumenberg a nord di Chorweiler appartengono a questa nuova area di sviluppo, chiamata “Città Nuova” nel piano di sviluppo originale. Nei prossimi anni, il distretto di Kreuzfeld sarà costruito a nord-ovest di Blumenberg per completare l’intero progetto.

Storia
Gli scavi nella zona nel 1927 hanno dimostrato che qui si sono verificate le ricostruzioni germaniche di un tumulo funerario della metà del I secolo d.C., in modo che qui si possano dedurre gli insediamenti umani. Il paesaggio a quel tempo era costituito principalmente da foreste e paludi a Chorbusch (“Goirbusch”), Worringer Bruch e in Gohrer – Straberger Sumpf-Bruch (“Gohrer Broich”, “Straberger Broich”). La parola componente “Broich” in numerosi toponimi sul Basso Reno (come Grevenbroich) indica ancora oggi la foresta di cava.

Fin dal Medioevo, il capitolo della cattedrale di Colonia possedeva il cespuglio del coro (“Gohrbusch”) come accessorio della sua villa di Worringen. Il Worringer Fronhof ei feudi dipendenti di Worringen, Thenhoven, Roggendorf e Dormagen erano giustificati per il disboscamento, il pascolo e l’ingrasso. Già il 7 agosto 1532 c’era un contratto tra il conte Wilhelm von Neuenahr e Moers e l’arcivescovo di Colonia, Hermann V. von Wied, sull’uso della foresta nel “Goirbusch”. Il capitolo della cattedrale ha riservato i suoi diritti al cespuglio del coro in un documento del 1602, che formava un’area boschiva contigua con l’Hackenbroicher Busch. Il grande bisogno di legno è stato soddisfatto dalle foreste capitolari della cattedrale Pescher Holz (oggi: Volkhoven / Weiler) e Chorbusch. Questo è il motivo per cui esisteva un regolamento sul legno dal giugno 1690,

Durante il periodo francese nel 1794, i cespugli dell’ex Colonia elettorale, il Mühlenbusch e il Chorbusch, passarono sotto il dominio francese. L’area intorno a Worringen divenne parte del 3 ° cantone (appartenente al Arrondissement de Cologne), che dal 1798 apparteneva al cantone di Dormagen. Nella carta dei tranchot dell’agosto 1807 sono registrati diversi tagli di torba (tourbiere francesi) nella zona, tipici della zona paludosa. Nel 1815, dopo il Congresso di Vienna, queste aree forestali sulla riva sinistra del Reno caddero nel Regno di Prussia e divennero così proprietà della città di Colonia.

Nel 1922, sotto il sindaco Konrad Adenauer, esisteva già una riserva di terra nel nord, il cui urbanista Fritz Schumacher avrebbe dovuto realizzare l’idea di una “città nuova”. Prima, tuttavia, avvenne il 1 aprile 1922 l’incorporazione del sindaco di Worringen (con i villaggi Feldkassel, Fühlingen, Kasselberg, Langel, Merkenich, Rheinkassel, Roggendorf, Thenhoven e Weiler) nella città di Colonia. La maggior parte dell’attuale comune di Chorweiler apparteneva all’ufficio del sindaco di Worringen. Rudolf Schwarz riprese l’idea della “Città Nuova” nel 1957 per far fronte alla carenza di alloggi del dopoguerra e per creare uno spazio abitativo vicino alle aree industriali nel nord della città. Come “New City of Cologne Chorweiler”, un nuovo quartiere doveva emergere come estensione della città di Colonia.

Il 21 aprile 1964, il consiglio comunale di Colonia decise di chiamare il nuovo grande complesso residenziale a nord di Colonia “Cologne-Chorweiler”. Il nome del nuovo distretto cittadino è un composto da componenti verbali della zona umida di Chorbusch e del villaggio di Weiler. I piani di costruzione basati sul modello di sviluppo urbano “Urbanity through density” prevedevano fino a 100.000 abitanti, primo fra tutti lo spazio abitativo per 40.000 abitanti su una superficie di 80 ettari. Il distretto, che è stato costruito principalmente in edifici prefabbricati fino a 24 piani dal 1966, è diventato il più grande complesso residenziale prefabbricato del Nord Reno-Westfalia. Il vettore di Bedeutendster era su una società immobiliare specializzata di grandi complessi residenziali Nuova casa. Attraverso i sussidi statali per gli alloggi, circa l’80% di tutti i 6.000 appartamenti originariamente erano alloggi sociali. Un primo libro di architettura sui piani di sviluppo a Chorweiler apparve nel 1967. Gli architetti includevano Gottfried Böhm e Oswald Mathias Ungers. Il 16 dicembre 1971 fu posata la prima pietra del centro principale di Chorweiler.

Nel corso del 1972 si trasferirono i primi inquilini, sebbene l’insediamento non fosse ancora del tutto completato. Nel giugno 1972 è iniziata la costruzione del tunnel nell’area del centro principale della Città Nuova. Nel 1973 Gottfried Böhm creò una doppia fila di case plurifamiliari di diverse altezze (superficie di 1,8 ettari con 193 appartamenti per 435 residenti). Nel novembre 1973, la Colonia Stadtbahn ha rilasciato l’estensione della linea da Longerich alla stazione ferroviaria di Colonia-Chorweiler di nuova creazione.

A seguito della riforma regionale nel Nord Reno-Westfalia nel gennaio 1975, furono aggiunti Esch / Auweiler e Pesch, che in precedenza facevano parte dell’allora comunità di Sinnersdorf. Il distretto urbano è caratterizzato dal netto contrasto tra le restanti parti del villaggio, come Weiler, Roggendorf / Thenhoven, Fühlingen o Esch, e gli insediamenti satelliti emersi nella seconda metà del XX secolo. Il centro commerciale “City-Center Köln-Chorweiler” con una superficie di vendita di 27.500 m² è stato aperto nel 1976. La piscina per il tempo libero “Aqualand Chorweiler” ha aperto le sue porte nel 1991 con una superficie di 18.000 m². La moschea centrale DITIB a Colonia-Chorweiler è stata aperta nel novembre 2008. Il 31 dicembre 1990, il comune di Chorweiler contava 74.481 abitanti. Negli anni successivi, il numero di residenti nel distretto più settentrionale di Colonia è salito a 83, 215 (31 dicembre 2000). Da allora, la popolazione è diminuita. Il 31 dicembre 2005, 82.865 persone vivevano nel distretto e il 31 dicembre 2011, 80.247 persone vivevano nel distretto.

Acceso dal 1981 nell’interesse pubblico back end abbandono sia di molte abitazioni che del coro paesaggistico del borgo cittadino 1985 “programma di consolidamento urbano correttivo e sociale” che si è svolto in due fasi (1987-1989 e 1989-2000) ha risposto con a. Inoltre, tra il 1996 e il 2004 vengono utilizzati i finanziamenti finanziari del finanziamento dello sviluppo urbano dal programma finanziato dallo stato e federale “Città sociale”. Questi programmi sono stati accompagnati da un intenso lavoro sociale, stabilizzazione sociale e qualificazione.

La sede dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione si trova nel distretto di Chorweiler (distretto di Volkhoven / Weiler) a Colonia dal 1988.

Già nel 1967 ci furono le prime considerazioni per costruire un nuovo distretto di Kreuzfeld a ovest di Blumenberg, che iniziò nel 1993 con un concorso di idee. Tuttavia, i piani sono stati sospesi dal 2005. Dal 2019 è stato avviato un nuovo processo di pianificazione che dovrebbe portare a un piano di sviluppo entro il 2023.

Turismo
Chiese, moschee, sinagoghe, templi
Tre chiese nel quartiere della città meritano una visita: A Rheinkassel c’è St. Amandus, una piccola chiesa romanica. La chiesa risale per lo più al 1200 circa. È costruita abbastanza generosamente per essere una chiesa del villaggio, in quanto apparteneva all’abbazia di St. Gereon a Colonia ei canonici erano piuttosto ricchi.

Un’altra chiesa romanica del villaggio da vedere è a Esch. San Martino è stato costruito tra l’XI e il XIII secolo. Come era consuetudine in passato, il cimitero del paese si trova ancora intorno alla chiesa.

Il terzo edificio della chiesa che vale la pena vedere è una delle chiese più recenti di Colonia: Santa Katahrina von Siena a Blumenberg, costruita tra il 2001 e il 2003. Un’architettura insolita per una chiesa, ma ancora sacra, rende l’edificio degno di essere visto.

Le altre chiese del borgo risalgono al XIX e XX secolo e interessano veramente solo gli amici più affermati dell’architettura sacra. Anche le moschee nel quartiere della città non sono architettonicamente eccezionali.

Castelli, castelli e palazzi
L’unico castello nel quartiere della città è Haus Arff, lontano da qualsiasi altro edificio appena prima dei confini della città nell’estremo nord. Il piccolo palazzo barocco fu costruito dall’architetto della corte elettorale Leveilly tra il 1750 e il 1755 come residenza di campagna di un ricco ecclesiastico di Colonia. Dopo diversi passaggi di proprietà, il castello è ancora di proprietà privata e può quindi essere visto solo dall’esterno. È quindi più adatto come meta di tappa in un breve tour in bicicletta attraverso il Chorbusch fino al monastero di Knechtsteden o fino a Zons.

L’Haus Fühlingen è un ex prigioniero semidiroccato a sud di Fühlingen. Fu costruito intorno al 1880 e da diversi anni è stato trasformato in condomini di classe. Finora, a parte l’insegna della costruzione, nulla è cambiato negli ultimi anni e l’edificio continua a deteriorarsi.

Suddivisioni
Chorweiler è composto da 12 Stadtteile (parti della città):

Distretto di Blumenberg
La zona di Blumenberg, uno dei quartieri più giovani di Colonia, è stata abitata migliaia di anni fa. Durante gli scavi alla fine degli anni ’80 sono state trovate tracce di un insediamento databili intorno al 3500-4000 a.C. Per il periodo intorno al 1000 aC furono trovate undici cortili con palafitte. Si ritiene che la battaglia di Worringen abbia avuto luogo in una parte del distretto nel 1288. L’arcivescovo Siegfried von Westerburg, signore della città di Colonia, ei suoi alleati furono definitivamente sconfitti lì da diversi principi della regione e cittadini arrabbiati di Colonia.

Prima del 1922 l’area del distretto apparteneva all’ufficio del sindaco di Worringen e fu poi incorporata a Colonia. L’ex sindaco di Colonia, Konrad Adenauer, lo intendeva come una silenziosa riserva di terra. Come parte della “Città Nuova”, Blumenberg era stato progettato come un quartiere di 5.000 abitanti dal 1963, ma è stato solo nel 1986 che i piani sono stati attuati con case prevalentemente mono e bifamiliari in un ambiente verde.

In netto contrasto con l’adiacente complesso residenziale a molti piani Chorweiler Nord, uno dei primi insediamenti ecologici in Germania si trova all’estremità meridionale di Blumenberg. Le case che Robert Laun ha progettato e costruito dimostrano che è possibile costruire ecologicamente in uno spazio ridotto. Inoltre, le case in legno con i tetti d’erba, i giardini senza recinzioni e le strade pedonali rendono chiaro che la vita e la qualità della vita e l’edilizia ecologica vanno di pari passo.

A Blumenberg si trova un notevole edificio ecclesiastico, Santa Caterina da Siena, inaugurato nel 2003. Oltre alla chiesa, il complesso comprende un asilo nido, una parrocchia, una sala parrocchiale, appartamenti e studi, nonché un parcheggio sotterraneo. Nella motivazione della scelta del progetto, la giuria ha dichiarato, tra le altre cose: La chiesa al centro dell’intero complesso edilizio affascina con il suo design nuovo e non convenzionale. È determinato dall’allineamento della comunità trasversalmente all’asse longitudinale della pianta del locale “a nave” e dai suoi due ingressi sui lati di prua e di poppa. Lo spazio introverso della chiesa come una clip tra due strade crea un’esperienza spaziale sorprendente.

Cose da vedere
Scuola elementare comunitaria Ernstbergstrasse, insediamento ecologico, Sankt Katharina von Siena con centro parrocchiale e asili comunali in Langenbergstrasse

Un insediamento di 16 case a schiera nel distretto costituisce uno dei più antichi insediamenti ecologici in Germania. Qui sono state seguite considerazioni ecologiche sia in termini di approvvigionamento idrico e smaltimento (ciclo dell’acqua di processo, utilizzo di acque grigie, utilizzo di acqua piovana) che di metodo di costruzione.

Distretto di Chorweiler
Il nome “Chorweiler” deriva da un lato da “Chorbusch”, una zona umida nelle immediate vicinanze, e dall’altro dal vecchio toponimo “Weiler”. Chorweiler è il centro della “Città Nuova” a nord di Colonia. Chorweiler è stato progettato dall’urbanista Fritz Schumacher sotto il sindaco Konrad Adenauer, dopo che vaste terre erano state incorporate a Colonia nel 1922. Tuttavia, i piani non furono attuati fino a dopo la seconda guerra mondiale.

Per il distretto di Chorweiler sono stati progettati grattacieli residenziali e strutture centrali. La sua costruzione iniziò nella prima metà degli anni ’60. Ci sono principalmente case singole, doppie e plurifamiliari intorno ai grattacieli. Dalla fine degli anni ’60 agli anni ’80, in una seconda fase costruttiva, nel centro furono costruiti fino a 24 condomini, che caratterizzano lo skyline della “Città Nuova”.

I grattacieli di Chorweiler hanno seguito il principio di “urbanità attraverso la densità” e sono considerati un tipico esempio di politica urbana e abitativa negli anni ’70. In fase di realizzazione, nel corso degli anni ’70 si sono attivati ​​per la realizzazione di scuole, asili, centri giovanili, parchi giochi, impianti sportivi e strutture di assistenza per anziani. Inoltre sono state realizzate ampie aree per il tempo libero, lo svago, lo sport e il parcheggio. Il quartiere è ben collegato al centro di Colonia e all’area circostante grazie al collegamento autostradale, alla stazione degli autobus e alle fermate della metropolitana leggera e della S-Bahn.

La Pariser Platz, circondata da grattacieli, è il centro del quartiere in cui le strade hanno preso il nome da città di altri paesi europei. Famosi architetti sono stati coinvolti nello sviluppo, ad esempio Hans Schilling nella progettazione del centro sociale e culturale. La maggior parte delle opportunità di shopping si trovano nel “City Center” con oltre 28.000 metri quadrati di superficie commerciale.

Oltre al municipio del distretto di Chorweiler, altri uffici dell’amministrazione comunale di Colonia hanno la loro sede nel distretto della città. La casa di città sull’anello di Atene ospita, tra le altre cose, il tesoro e l’ufficio delle imposte della città di Colonia. Inoltre, nel distretto di Chorweiler si trovano la sede dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione e il centro di formazione dell’amministrazione doganale. Le aziende di medie dimensioni sono state stabilite in una fattoria artigiana. Il quartiere di Chorweiler, una struttura urbana che inizialmente era piena di molti punti interrogativi, si è trasformato in un vivace sobborgo di Colonia.

Cose da vedere
Aqualand, Ufficio federale per la protezione della Costituzione, Centro città, Centro comunitario protestante e cattolico, Liverpooler e Pariser Platz, Olof-Palme-Park, centro di formazione dell’amministrazione doganale, municipio di Chorweiler

La chiesa parrocchiale cattolica di San Papa Giovanni XXIII si trova sulla Pariser Platz, diagonalmente di fronte al municipio del distretto. con annessi. Fino alla consacrazione del cardinale Meisner nel marzo 2009, la chiesa è stata nominata San Giovanni nella Città Nuova per 28 anni. Nel 2010 le parrocchie di Chorweiler, Merkenich e Heimersdorf sono state fuse con il nuovo nome. Nelle immediate vicinanze si trova anche la chiesa della città è la chiesa evangelica Colonia New Town, l’area della comunità / comprende non solo Chorweiler i distretti Seeberg Heimersdorf, Blumenberg e Volkhoven. Ha lo status di edificio multifunzionale.

Distretto di Esch / Auweiler
I due villaggi di Esch e Auweiler sono caratterizzati da fattorie che erano di proprietà di grandi monasteri e monasteri di Colonia fino alla secolarizzazione nel 1803. Alcune delle fattorie sono ancora in uso oggi. A Esch, il centro con la chiesa parrocchiale di San Martino dell’XI secolo, il sagrato, la scuola e diversi manieri come il Damianshof si trova un po ‘più in alto. Il Doktorshof, che probabilmente apparteneva a Sankt Andreas, e altri masi intorno alla piazza centrale del paese si trovano ad Auweiler. In entrambi i luoghi, intorno ai centri urbani, sin dagli anni ’60 si sono sviluppate zone residenziali con case unifamiliari e plurifamiliari.

Esch fu menzionata come villa ascha (cenere) già nel 989 in un atto di donazione dell’Arcivescovo Everger di Colonia per il monastero benedettino Groß Sankt Martin. Il documento è uno dei più antichi di questo grande e ricco monastero. Il vicino villaggio di Esch viene menzionato per la prima volta nel 1312 come Ourwiler, che indica una fattoria (vilare) in una zona ricca di acqua (ouwa, auga). Fino al XIX secolo inoltrato, l’agricoltura dominava a Esch e Auweiler, tanto che le persone lavoravano nelle fattorie come fittavoli, braccianti o domestiche. Poiché l’ubicazione dei cortili è rimasta in gran parte invariata, le antiche strutture del villaggio sono ancora oggi visibili.

Nel 1975 Esch e Auweiler, che fino ad allora appartenevano alla comunità di Sinnersdorf, furono incorporati a Colonia. Da allora, molti cittadini stanchi della città si sono trasferiti in questa parte della città, che ha ancora conservato molto idillio rurale. Quindi cerchi invano grattacieli qui e non troverai quasi nessun semaforo. Esch / Auweiler è anche caratterizzato da una vivace vita da club. Come riferimento rappresentativo dovrebbe essere fatto alla comunità del villaggio Greesberger Esch, “Gospelonians”, Escher Pänz music train, SV Auweiler-Esch 59 e il gruppo di danza delle ragazze Escher.

Una destinazione popolare in estate è il “Sundown Beach Club” sul lago Escher, che fa parte dell’area ricreativa “Stöckheimer Höfe”. Tre anni dopo l’incorporazione, la città di Colonia si era impegnata a progettare e creare un’area ricreativa. Il lido è incorporato negli ex stagni di cava di Esch / Auweiler, Pesch e Pulheim.

Cose da vedere
Damianshof, Doktorshof, Kirchgasse, Sankt Martin, “Sundown Beach Club” sul Lago Escher e Stöckheimer Höfe

Parrocchia cattolica romana
Alla chiesa cattolica romana di Esch fu dato il nome di San Martino. La medievale Martinus Churchstill domina il centro storico. L’edificio mostra tracce di numerosi rimaneggiamenti e ampliamenti; la struttura più antica risale all’XI secolo. Intorno al 1200 la piccola chiesa ad aula fu innalzata e ampliata di una navata laterale sul lato nord, completata nel XIII secolo con una navata sud e una torre quadrata romanica. Nel corso dei secoli successivi ci furono vari cambiamenti. Durante l’ultimo restauro degli anni ’90, ripreso lo stato dopo le modifiche gotiche, la volta è stata nuovamente decorata con motivi floreali. Quando la vecchia chiesa del villaggio divenne troppo piccola a causa dell’espansione del centro cittadino con alcuni nuovi insediamenti abitativi, la nuova chiesa parrocchiale di Santa Maria ‘ s Name è stato costruito dal 1967 al 1968 su progetto dell’architetto Hans Schilling. Il Martinushaus si trova di fronte alla nuova chiesa cattolica dal 1997.

Escher See
Esch si trova nell’area di un ex braccio del Reno. Pertanto, nella zona sono state trovate sabbia e ghiaia di alta qualità. Diversi stagni di cava sono stati creati attraverso lo smantellamento. Quando Esch è stata costituita nel 1975, la città di Colonia si è impegnata tre anni dopo a pianificare e costruire un’area ricreativa. Nel 1986 è stata creata l’area ricreativa Stöckheimer Höfe, in cui sono incorporati gli ex stagni di cava di Esch-Auweiler, Pesch e Pulheim. Nel 2003 l’attività balneare è stata interrotta dalla KölnBäder GmbH. Dal 2007 la piscina all’aperto è gestita da un imprenditore privato con il nome di Sundown Beach. Oltre ai bagnanti, il lago è utilizzato anche dai pescatori. Un sentiero escursionistico circolare conduce intorno al lago Escher.

Distretto di Fühlingen
Fühlingen è meglio conosciuta per la più grande struttura per il tempo libero a nord di Colonia, il cui centro è il Fühlinger See, che è stato creato negli anni ’70. Ciò che non è così noto è che l’area fu popolata presto. I reperti archeologici risalgono al Neolitico. È stato ritrovato anche il cranio di un uomo Aurignac che visse come cacciatore, pescatore e raccoglitore tra 45.000 e 31.000 anni fa.

Gli inizi del villaggio di Fühlingen possono essere fatti risalire al Medioevo. Il luogo si è sviluppato da diverse fattorie che erano tra il Rheinkassel e Weiler. Il centro del paese era lungo la Neusser Landstrasse. Gli abitanti vivevano come agricoltori indipendenti, fittavoli, braccianti o servi dell’agricoltura. L’area apparteneva all’ufficio del sindaco di Worringen, con il quale Fühlingen fu incorporata a Colonia nel 1922.

Nella seconda metà del XIX secolo, nel 1884, la famiglia di banchieri von Oppenheim di Colonia acquistò gran parte della Fühlingerheide e vi costruì una scuderia con un ippodromo. Il ricavato della vendita della proprietà è stato utilizzato per la costruzione della Chiesa di Santa Maria, dove Josef Cardinal Frings, poi arcivescovo e cittadino onorario di Colonia, ha lavorato come rettore della parrocchia dal 1915 al 1922.

Il carattere del villaggio di Fühlingen è stato preservato fino ad oggi. I cortili più importanti, alcuni dei quali sono ancora conservati, sono l’Arenzhof, il Kriegerhof, lo Schmittenhof e l’Heinrichshof. Formano ancora le dominanti nel paesaggio urbano attorno al quale sono raggruppati gli edifici residenziali. Un sorprendente edificio a graticcio a due piani nel centro della città è la Gasthaus Fühlingen, situata sulla Neusser Landstrasse, del 1752. A quanto pare Napoleone è già arrivato qui quando ha ispezionato il regolamento sul Reno tra Worringen e Dormagen il 13 settembre 1804.

Il Fühlinger See risale a un’area di ghiaia. Le sabbie e la ghiaia dragate lì erano necessarie in grandi quantità come materiale da costruzione per la “Città Nuova” di Chorweiler. Oltre al lago principale, ci sono altri sette sub-laghi artificiali, alcuni dei quali prendono l’acqua attraverso le infiltrazioni dal Reno. Il centro è un campo di regata largo 130 metri e lungo 2,3 chilometri.

Cose da vedere
Arenzhof, Gasthaus Fühlingen, giardino d’arrampicata, area ricreativa locale “Fühlinger See” con corso di regata, Neusser Landstrasse e Sankt Marien con canonica e vecchia scuola

Il luogo ha ancora strutture a villaggio, sebbene sia emersa una nuova area edificabile più ampia sul margine occidentale e numerose case unifamiliari e bifamiliari sono state costruite anche all’interno del villaggio. A causa della struttura dell’insediamento, delle dimensioni gestibili e della posizione in mezzo ai campi e sul Fühlinger See, il luogo è una popolare zona residenziale.

Casa Fühlingen: questi sono i resti di un edificio storico risalente al 1880 circa, costruito da Eduard Freiherr von Oppenheim. La casa padronale è alta 2,5 piani e presenta una loggia con scala esterna. Secondo un articolo del Kölner Stadtanzeiger del 30 gennaio 2008, il palazzo sarebbe da restaurare; Sono previsti 32 appartamenti in affitto. Tuttavia, i lavori di costruzione non sono iniziati entro aprile 2020.
Fattorie: a Fühlingen esistono diverse vecchie fattorie, di cui solo alcune sono ancora in uso. Ad esempio, un’ex fattoria sulla Neusser Landstrasse 31. Si tratta di un cortile chiuso del 1870 circa. L’Arenzhof su Arenzhofstrasse fu costruito nel 1812. L’Heinrichshof, ancora in uso, fu costruito intorno al 1890. Il Kriegerhof, che fu trasformato in appartamenti, è stato costruito nel 1892 e ha uno stemma. Infine, c’è lo Schmittenhof del 1870, che ha anche un cancello. Ci sono anche molti piccoli cortili, molti dei quali sono stati ricostruiti più volte.
Casa a graticcio: Nel mezzo del villaggio sulla Neusser Landstrasse c’è una locanda oggi chiusa del 1752. Si tratta di una casa a graticcio a due piani.
St. Marien: La chiesa fu costruita nel 1887/88 e ampliata nel 1934. Gli architetti furono Carl Rüdell e Richard Odenthal, che in seguito progettarono anche l’Agneskirche nel quartiere Neustadt di Colonia. L’ex pastore di Fühlingen Albert Paessens, membro della commissione artistica dell’arcivescovo, ha fornito un arredamento coerente e prevalentemente neogotico per la “sua” chiesa negli anni ’60 e ’80, che ha riunito da numerose chiese in Germania e all’estero.

Distretto di Heimersdorf
Heimersdorf è un quartiere con molto verde. La grande popolazione di alberi, i numerosi orti e giardini domestici e le diverse aree verdi sono sorprendenti. Le scuole e il Johanniter-Stift Gut Heuserhof si trovano al centro della zona verde intorno alle zone residenziali.

Il nome “Heimersdorf” è stato menzionato per la prima volta in un documento alla fine del XII secolo. Cento anni dopo, nelle fonti compare “Heimersdorfer Hof”. Per molti secoli l’Heimersdorfer Hof si trova tra le città di Volkhoven e Longerich. Dopo la secolarizzazione, viene venduto e diviso nel 1810. Nelle immediate vicinanze furono costruiti i masi Heuserhof e Thiebach. L’area apparteneva all’ufficio del sindaco Longerich ed è stata incorporata a Colonia nel 1888. Lo sviluppo di un’area residenziale inizia negli anni ’20 con la costruzione di un piccolo insediamento.

Il 1958 ha visto l’inizio della pianificazione della “Città Nuova”, la prima fase di costruzione è stata Heimersdorf. La maggior parte degli edifici residenziali sono stati completati tra il 1961 e il 1965. Durante la vendita, è stata prestata attenzione alle condizioni favorevoli e al numero dei bambini, in modo che Heimersdorf fosse uno dei distretti più ricchi di bambini nella Repubblica federale di i primi giorni. Durante la pianificazione delle aree pubbliche, è stata posta enfasi sulla separazione tra traffico e traffico locale. Anche le aree di traffico e le zone pedonali erano chiaramente strutturate.

Cose da vedere
Comunità evangelica e centro giovanile “Magnet”, scuola elementare comunitaria, centro commerciale “Haselnusshof”, Johanniter-Stift Gut Heuserhof, Chiesa cattolica della Trasfigurazione di Cristo con organo illuminato, Mercatorstrasse, chiesa mormone “Gesù Cristo degli ultimi giorni” e Ursula-Kuhr scuola media

Il sistema nello stile del sistema americano Radburn è caratteristico di Heimersdorf, separando il traffico locale e il traffico e le zone pedonali. Heimersdorf è un quartiere verde grazie agli spazi verdi, ai numerosi giardini domestici, ai giardini di lottizzazione e alla grande popolazione di alberi. Nel mezzo della zona verde ci sono le scuole, la Chiesa cattolica romana della Trasfigurazione di Cristo e la casa di riposo e di riposo Johanniterstift Gut Heuserhof. Il centro comunitario evangelico è stato abbandonato nel 2017, il centro per bambini e giovani “Magnet” è stato trasferito nel centro commerciale.

Distretto di Lindweiler
Lindweiler è noto per la sua vivace vita da club. Ne sono un esempio SC Lindweiler, Bürgererverein Lindweiler e. V. e l’associazione dei giardinieri di riparto Erbacher Weg.

La storia di Lindweiler è strettamente legata a quella del Lindweiler Hof. Fu menzionato per la prima volta nel 1276. Due suoi edifici sono ancora conservati oggi. Il posto apparteneva all’ufficio del sindaco Longerich. Con lei, Lindweiler fu incorporata nell’espansione della città del 1888. Durante la crisi economica intorno al 1930, l’area tra Unnauer Weg, Pescher Weg, Kitschburger Weg e Stallagsweg fu divisa in 2-4 acri di terra e affittata a 70 famiglie a Colonia da l’ufficio immobiliare comunale. La dimensione dei lotti è stata progettata in modo che le famiglie potessero mantenersi.

Il materiale da costruzione per le case in legno proveniva dalla caserma militare demolita del vicino aeroporto di Butzweiler Hof. È stato trasportato a Lindweiler su carretti a mano. I collegamenti alla rete elettrica e idrica non sono stati forniti per molto tempo. Fino alla fine della seconda guerra mondiale, le famiglie potevano pompare l’acqua potabile dai propri pozzi sul terreno in affitto. Le strade erano ancora sterrate. Durante la guerra, Lindweiler ricevette elettricità in modo che le lampade a carburo non fossero più necessarie. Dopo la fine della guerra, Lindweiler fu anche allacciato alla rete idrica.

Nel 1945 la città di Colonia costruì delle baracche in pietra che servivano da rifugi di emergenza. Nel corso dei decenni hanno lasciato il posto a edifici residenziali ordinati, che si raggruppano attorno al Marienberger Hof, il centro della città. Qui si trovano negozi e il ristorante “Shiva” precedentemente “Haus Lindweiler”. Come risultato del cambio generazionale, le giovani famiglie si stanno trasferendo di nuovo e la popolazione che è in calo dagli anni ’90 non è più in calo.

Cose da vedere
Lindweiler, luogo di incontro della chiesa protestante “Lindweiler Treff”, il centro sociale Lino-Club, il ristorante Shiva, 3 asili nido, la GGS Soldinger Str., The Special School Soldiner Str., The Catholic Marienkirche e Marienberger Hof

Distretto di Merkenich
Merkenich si trova direttamente sulla vecchia strada militare romana che porta da Colonia a Neuss. Presumibilmente il campanile romanico della chiesa parrocchiale Sankt Brictius si erge con le sue fondamenta su una torre di avvistamento che serviva a mettere in sicurezza la strada. Lungo l’antica strada romana da Merkenich a nord si arriva a Rheinkassel, dove si trova una delle 24 chiese romaniche di Colonia, Sankt Amandus.

Dal Medioevo al XIX secolo, Merkenich e i suoi dintorni furono modellati da ampi cortili che erano di proprietà dei monasteri e dei monasteri di Colonia. Nel corso della secolarizzazione nel 1803 passarono in proprietà privata. Nel piccolo centro del paese, già rappresentato su mappe del XVII e XVIII secolo, vivevano famiglie di piccoli contadini e artigiani. Nel 19 ° secolo il luogo apparteneva all’ufficio del sindaco di Worringen, con il quale fu incorporato a Colonia nel 1922.

L’insediamento di grandi società ha avuto un effetto positivo per Merkenich. È iniziato con le fabbriche di vernici Bayer sulla riva destra opposta del Reno. Sulla riva sinistra del Reno si aggiunsero gli stabilimenti Ford e le società chimiche Wacker ed ExxonMobil. A sud si trova la centrale termica, visibile da lontano con il suo camino alto 250 metri. Circondato da queste note aziende industriali, il centro del distretto ha mantenuto il suo carattere rurale fino ad oggi.

Cose da vedere
Chiesa evangelica di Sant’Andrea, centrale termica di Colonia-Merkenich, Kaplanshof e Ivenshof, Sankt Amandus e Sankt Brictius

Chiesa cattolica di San Brittio: La torre della chiesa parrocchiale cattolica risale alla seconda metà del XII secolo. Il piano superiore e l’elmo articolato soprastante furono costruiti solo nel 1886. La torre è autoportante dal 1964, poiché la chiesa neoromanica direttamente adiacente alla torre fu demolita e sostituita da un nuovo edificio eretto tra il 1961 e il 1963.
Kaplanshof: Secondo l’iscrizione, il Kaplanshof fu costruito nel 1784. Si tratta di un cortile quadrato con un cancello d’ingresso. I fabbricati agricoli sono in parte ancora costituiti da case a graticcio.

Distretto di Pesch
Una carta del 1609 mostra Pesch come “Besch”. Il nome del luogo può probabilmente essere derivato da pascuum, la parola latina per salice. Nel XVII secolo Pesch era circondata da ampi pascoli e consisteva in quattro fattorie. Il più importante era il Krisch o Kriegshof, i cui edifici a cortile sono ancora oggi conservati. Fino all’inizio del XX secolo Pesch era un villaggio lungo le odierne Escher e Johannesstrasse. Un altro sviluppo era su Longericher Strasse.

Anche prima che fosse incorporata a Colonia nel 1975, i primi complessi residenziali a più piani furono costruiti negli anni ’60 e altri seguirono negli anni ’70. È così che Pesch, che apparteneva a Sinnersdorf prima che fosse incorporata, si sviluppò in un sobborgo residenziale di Colonia.
Determinanti per l’aspetto della città furono i possedimenti di corte situati all’ingresso del paese, oltre al Kriegshof, al Paulshof, al Johanneshof, al Gut auf der Wonne (Hof Bollig) e all’Heribertshof.

A sud ea nord di Pesch ci sono diverse ex cave di ghiaia che sono state ricoltivate come stagni di cava. Quando Pesch e i villaggi circostanti furono incorporati, la città di Colonia si impegnò a creare questa area ricreativa. La favorevole situazione del traffico con un collegamento diretto all’autostrada ha favorito la creazione di un’area commerciale nella parte settentrionale della città. In Schulstrasse è stato costruito un grande centro scolastico con liceo, scuola media e scuola elementare.

Cose da vedere
Stagni di cava, cappella Donatus, zona industriale di Pesch, Heribertshof, chiesa parrocchiale di Santa Elisabetta, Schumacher-Hof e centro scolastico Schulstraße

Ci sono numerosi stagni di cava (ex cave di ghiaia) intorno a Pesch, che fungono da area ricreativa locale. Quando Pesch, Esch e Auweiler furono incorporati, la città di Colonia si impegnò a pianificare e costruire questa area ricreativa. È così che è stata creata l’area ricreativa “Stöckheimer Höfe”, in cui sono incorporati gli ex stagni di cava di Pesch, Esch / Auweiler e Pulheim.

Numerose sono anche le opportunità per fare sport a Pesch. Le società sportive con sede a Pesch BC Köln Pesch 04 (basket), TTC Pesch (ping pong) e FC Pesch (calcio) sono sempre alla ricerca di bambini, giovani e adulti interessati al basket, al ping pong o al calcio. Inoltre, è presente un poligono di tiro sotterraneo per tiratori sportivi con un totale di dieci corsie da 25 metri ciascuna nel parco industriale di Pesch. C’è anche la St. Donatus Schützenbruderschaft Köln-Pesch 1955 a Pesch

Distretto di Roggendorf / Thenhoven
Si dice che Thenhoven risalga al monastero di Thiedinhove menzionato nel 948. Roggendorf fu menzionato per la prima volta nel XIV secolo. Fino al 1922, i due villaggi di strada Roggendorf, sulla Sinnersdorfer Straße, e Thenhoven, sulla Berrischstraße, appartenevano all’ufficio del sindaco di Worringen. Dalla fine del XIX secolo, entrambi erano cresciuti insieme per formare un doppio villaggio lungo Quettinghofstrasse. Come parte della riforma territoriale comunale del 1975, sono diventati un distretto di Colonia.

Fuori dal centro abitato, il quartiere è costituito dai campi e dal coro, un’area boschiva ai margini della quale si trova il Castello di Arff, costruito tra il 1750 e il 1755. Il quartiere con i suoi numerosi cortili, alcuni dei quali sono ancora oggi utilizzati per l’agricoltura, ha mantenuto il suo fascino rurale e di villaggio.

Un modello di Colonia ha fatto notizia a livello nazionale nel 1975: il cosiddetto “insediamento zingaro”. Diciotto famiglie Sinti si trasferirono in case permanenti a Roggendorf. Le famiglie provenivano da un parcheggio fatto di vagoni ferroviari che la città li aveva fatti rotolare nelle vicinanze del centro di Thenhoven. Il servizio sociale maschile cattolico si era preso cura di loro.

Il modello si è basato su un concetto sviluppato insieme ai residenti della piazza, che è stato approvato dal Comune di Colonia. L’idea principale di integrare le persone nel quartiere con un piccolo insediamento, ma tenendo conto delle esigenze speciali nella progettazione delle planimetrie e dei dintorni, ha avuto un tale successo che l’insediamento è stato l’ispirazione per progetti simili altrove.

Cose da vedere
Chorbusch, campo da golf comunale, Sankt Johann Baptist, Schloss Arff e Wegekreuz

Il castello di Arff è un antico castello con fossato nel villaggio di Roggendorf / Thenhoven di Colonia. Si trova a 20 km a nord-ovest del centro di Colonia e proprio al confine con la città di Dormagen, nel distretto renano di Neuss. La casa padronale è attribuita all’architetto Michael Leveilly ed è una ripetizione semplificata del castello di Falkenlust vicino a Brühl, che fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO “Augustusburg Brühl” e dove Leveilly era il responsabile del sito sotto François de Cuvilliés il Vecchio. Leveilly ha anche progettato la casa Horr a Grevenbroich nel distretto renano di Neuss e lo storico municipio di Bonn.

Da vedere anche la chiesa cattolica locale di St. Johann Baptist del XIX secolo. Contiene un organo della compagnia danese Marcussen del 1991, la cui brochure dell’organo risale al 1710.

Eventi culturali
Ricevimento di Capodanno dell’associazione di cittadini in collaborazione con la Schützenbruderschaft a gennaio, tiro di Pasqua il lunedì di Pasqua, ballo a maggio, festa biennale della scuola elementare cattolica, tornei giovanili e torneo di calcio di paese a maggio e giugno, nella biennale ciclo dei vigili del fuoco volontari TdoT Roggendorf / Thenhoven, celebrazione parrocchiale durante i mesi estivi, festa del tiro intorno alla prima domenica di agosto, Kevelaer – pellegrinaggio in ottobre, San Martinszug a novembre, installazione dell’albero di Natale davanti alla chiesa locale il il primo Avvento e molto altro ancora.

Il campo da golf comunale si trova a nordovest del paese. Qui è possibile praticare lo sport anche senza l’appartenenza a uno dei circoli di golf spesso molto esclusivi.

Distretto di Seeberg
Il nome Seeberg ha origine dalla vicinanza del distretto al Fühlinger See. Il comprensorio e il lago sono separati l’uno dall’altro solo da una strada e da una piccola area boschiva. Il quartiere è la parte più meridionale e più antica della “Città Nuova” a nord di Colonia, ideata dall’urbanista Fritz Schumacher sotto l’ex sindaco Konrad Adenauer.

Seeberg si caratterizza per il suo variegato sviluppo residenziale. Alla fine degli anni ’50 iniziò la costruzione di case unifamiliari, che furono integrate da case plurifamiliari negli anni ’60. Alla fine degli anni ’60, noti studi di architettura hanno messo in pratica le loro idee di sviluppo urbano pionieristico in un concorso. Lo sviluppo è continuato negli anni ’70: è stata creata una fascia a forma di ferro di cavallo di grattacieli, che circonda un parco. Tra i grattacieli e il parco sono state costruite case unifamiliari, spesso in stile bungalow.

Cose da vedere
Scuola elementare comunitaria Riphanstraße, scuola secondaria e secondaria Karl-Marx-Allee (Gustav-Heinemann-Schule e Henry-Ford-Schule), scuola elementare cattolica Balsaminenweg e impianti sportivi per l’equitazione e il tennis

C’è un piccolo centro commerciale a Seeberg-Süd. Fino alla metà degli anni ’70, questo consisteva in un negozio di calzolaio, un parrucchiere, il mercato di Edeka, una farmacia, una lavanderia, un panificio, una macelleria e un chiosco. Oggi ci sono solo una macelleria e un chiosco.

Oltre la Neusser Landstrasse (B 9), che confina con il distretto di Seeberg, si trova l’Oranjehof. Questa è la casa padronale di un antico cortile del XVIII secolo. Dal 1965 i fienili e le scuderie hanno ceduto il posto al circolo ippico di Oranjehof. A nord si trova un campo da tennis. Poiché la Neusser Landstraße forma il confine di Seeberg a est, l’Oranjehof si trova in realtà nella zona del distretto di Fühlingen, ma dista circa 2,5 chilometri dalla città di Fühlingen.

Distretto di Volkhoven / Weiler
Nel corso della riforma regionale del 1975, i due villaggi vicini di Volkhoven e Weiler sono stati fusi in un unico distretto. Volkhoven fu incorporata a Colonia già nel 1888, mentre Weiler divenne un sobborgo di Colonia solo nel 1922. Dalla metà degli anni ’20 fu costruito un piccolo insediamento tra i due villaggi, che successivamente crebbe sempre di più insieme. Il paesaggio urbano è ancora oggi modellato da un gran numero di grandi cortili. Rendono chiaro il carattere agricolo, che è particolarmente evidente a Weiler. Tra le altre cose, si conservano il Kriegerhof, il Bürgershof, il Kartäuserhof e il Georgshof.

Una caratteristica speciale delle due periferie è la cosiddetta Simultanhalle Volkhoven. Alla fine degli anni ’70, sull’ex cortile della scuola fu costruita una costruzione di prova di una parte del nuovo edificio per il Museo Ludwig. È servito per indagare come l’incidenza della luce avrebbe influenzato le immagini nel nuovo museo. Oggi la sala è utilizzata come studio e per mostre.

Con l’incorporazione del 1922, la popolazione di Colonia è raddoppiata. Tra le altre cose, ciò ha comportato un notevole aumento del consumo di acqua. Nel 1925 il consiglio comunale decise quindi di costruire un acquedotto a Weiler, che l’architetto Clemens Klotz costruì dal 1927 al 1931. Per l’impianto fu scelto un luogo in un bacino terziario del Reno. Questo cosiddetto Escher Laach offriva le condizioni idriche e di approvvigionamento più favorevoli, poiché il flusso delle acque sotterranee dall’Eifel al letto del Reno poteva essere sfruttato con esso. Tra il 1973 e il 1976 l’acquedotto fu ricostruito e ampliato per includere un sistema di filtraggio a carbone attivo e un serbatoio per l’acqua potabile.

Cose da vedere
Alt Sankt Cosmas and Damian, ex Bürgershof, caserma dei pompieri per il distretto di Chorweiler, cimitero (Chorweiler) a Weiler, Heinrich-Mann-Gymnasium, Neu Sankt Cosmas and Damian, Volkhoven Simultan Hall, acquedotto Weiler e numerosi cortili antichi

La sala simultanea è notevole: nel cortile della scuola dell’ex scuola del villaggio di Volkhovener, negli anni ’70 è stato costruito un segmento temporaneo del nuovo edificio progettato per il Museo Ludwig. Qui è stato provato l’effetto dell’incidenza della luce sulle immagini del museo. Dopo la fine di questi tentativi, la sala fu lasciata ad artisti locali come studio e sala espositiva.

Distretto di Worringen
Probabilmente il nome del quartiere più settentrionale di Colonia deriva da un forte (Castrum Boruncum) che i romani avevano costruito per proteggere la rotta commerciale tra Neuss e Colonia. La tribù Eburonen e successivamente la tribù Ubier si erano già insediate in questa zona dal V secolo a.C.

La prima menzione documentaria di Worringen risale al X secolo d.C. Il distretto è meglio conosciuto per la battaglia di Worringen nel 1288, a cui commemora un memoriale nel centro della città. A sud del villaggio sul Fühlinger Heide, i residenti arrabbiati di Colonia sconfissero il signore della città di Colonia, l’arcivescovo Siegfried von Westerburg, ei suoi alleati in un’alleanza con altri. Da quel momento in poi l’arcivescovo dovette prendere la sua residenza fuori Colonia. La supremazia dell’arcivescovo di Colonia nella città è stata spezzata. Ciò ha aperto la strada alla città imperiale indipendente e libera di Colonia con cittadini che si autogovernano.

Nei secoli successivi Worringen divenne la città più grande tra Colonia e Neuss. Viveva dell’agricoltura e del commercio di passaggio. Inoltre, la vicinanza al Reno forniva lavoro e pane. I Worringer lavoravano come pescatori, sommozzatori, piloti o operai nell’area del porto e furono così in grado di sostenere le loro famiglie.

Insieme a Roggendorf-Thenhoven, Weiler, Fühlingen e Langel, Worringen costituì l’ufficio del sindaco nel XIX secolo. Nel 1922 l’ufficio di questo sindaco fu incorporato a Colonia su istigazione dell’allora sindaco di Colonia e in seguito primo cancelliere federale, Konrad Adenauer. Decisiva per l’incorporazione fu la progettazione di una vasta area industriale e commerciale sul Reno. È così che sono nati gli stabilimenti Bayer a Dormagen, dove ancora oggi lavorano molti abitanti di Worringen.

Le strutture tardo medievali di Worringen sono facilmente riconoscibili nel centro del paese dagli antichi cortili. In particolare, i grandi cortili di Sankt-Tönnis-Straße e le case del XVIII e XIX secolo illustrano l’originario carattere rurale di Worringen. La diga sul Reno, che protegge Worringen dalle inondazioni, è una destinazione popolare. Puoi camminare o andare in bicicletta sulla diga. Altre destinazioni popolari che possono essere raggiunte dal Rheinaue sono Rheinkassel o Langel.

Cose da vedere
Cimitero, cortili su Sankt-Tönnis-Straße, nuova chiesa Sankt Pankratius con canonica, Rheinaue con diga sul Reno, monumento ai caduti e Worringer Bruch

La chiesa parrocchiale cattolica romana di San Pancrazio fu costruita nel 1837 e completata nel 1848 dalla torre che può essere vista da lontano. Già nel 1866, la chiesa fu trasformata in una chiesa a sala a tre navate installando volte e due file di colonne. Il vecchio edificio medievale sulla piazza del mercato vecchio, che era diventato troppo piccolo, è stato trasformato in una scuola. Il vecchio campanile della chiesa e la navata, ora trasformata in edificio residenziale, sono ancora lì. La Chiesa evangelica della pace è stata completata nel 1961. C’è anche una casa di Dio della Chiesa Neo-Apostolica.

La riserva naturale di Worringer Bruch si trova a sud-ovest di Worringen. Qui c’è la possibilità di lunghe escursioni. In passato, i prati del Reno a sud-est di Worringen erano ideali per un’escursione. Dalla primavera del 2019, tuttavia, qui è stata creata un’area di compensazione per la costruzione del ponte Leverkusen.

Tags: