Castello di Montpoupon, Céré-la-Ronde, Francia

Il castello di Montpoupon è un castello nel comune di Céré-la-Ronde nel dipartimento di Indre-et-Loire della Francia. Si trova ad est di Tours, a 10 km a sud di Montrichard in una valle boscosa.

Storia
Originariamente una fortezza medievale, il castello fu alterato dai signori di Prie e Buzançais. La Postern fu costruita nel XVI secolo.

Dalla metà del XIX secolo, il castello appartiene alla famiglia delle Motte Saint Pierre. Ospita uno dei tre musei francesi dedicati alla caccia con i cani.

È stato elencato dal 1930 come monumento storico dal Ministero della Cultura francese.

Etimologia
Il promontorio roccioso su cui è costruito il castello di Montpoupon è stato scelto da un clan germanico al tempo di Carlo Magno, il Poppo. L’etimologia del nome è direttamente correlata a questo clan [rif. necessario]: Mons Poppo (Poppo clan hill), diventerà il ritmo dell’evoluzione della lingua “Mons Popeo”, “Mont Bébé” e infine “Montpoupon”.

Padre Miller, un linguista che ha fatto lunghi soggiorni nel castello di Montpoupon e ha scritto una storia etimologica del nome Montpoupon, fa risalire il nome al IX o X secolo dopo che la sua composizione indica un’origine gallo-germanica. Questa parola essendo formata dal nome comune Mont, a cui si aggiunge il nome del fondatore Poupon, nome proprio tedesco. Troviamo “Poppo” nell’elenco dei nomi dei primi uomini. Il nome di questo luogo associato a un nome tedesco indica che l’alloggio dovrebbe sorgere in questa posizione.

Il Medioevo a Montpoupon
Nerra Fulk e Odo di Blois
Nel Medioevo, il castello era una roccaforte strategica, situata a metà strada tra Loches (per mano di Foulques Nerra) e Montrichard (appartenente a Eudes de Blois). Ciò muterà spettatore delle lotte tra i due uomini.

Foulques Nerra, Conte d’Angiò, noto come Falco Nero, fu una delle più grandi figure militari del Medioevo. Possedeva la Loira, parte del signore d’Amboise, castello e città inclusi. Ha anche catturato molte fortezze: Semblançay, Langeais, Montbazon … Trascorse la maggior parte della sua vita in guerra contro i suoi vicini e specialmente Eudes I di Blois, Conte di Blois, che possedeva le città di Montrichard, Saint-Aignan, Chinon, Saumur …

Foulques Nerra, andato in Terra Santa espiando i suoi atti di crudeltà, vide le sue terre devastate dal conte di Blois. Quando tornò, decise di combattere per Montrichard e costruire una fortezza potente. Guardò le comunicazioni della valle di Cher e della strada da Blois a Loches. La posizione del castello di Montpoupon su questa via dell’Aquitania lo designò naturalmente Foulques Nerra come punto strategico per collegare le sue due importanti roccaforti di Loches e Montrichard.

Quando tornò dalla sua seconda crociata nel 1012, decise di portare la guerra nei territori dei suoi nemici e di riprendersi il suo castello di Montrichard. Incontrò l’esercito del Conte d’Angiò nella battaglia di Pontlevoy nel 1016, facendo 6.000 morti o prigionieri. Con questa vittoria, Fulk Nerra consolidò i suoi possedimenti.

Foulques Nerra poi andò in Terra Santa per la terza volta. Morì al suo ritorno nel 1040. Senza dubbio contribuì alla costruzione di una roccaforte a Montpoupon. La base della grande torre è certamente la testimonianza. Durante i lavori intrapresi nel 1920 al castello, furono scoperte le fondamenta di questo antico castello con un edificio rettangolare affiancato sulla facciata nord di due torri semicircolari utilizzate per la difesa. E ‘stato costruito ripidamente sulla roccia.

La casa di Amboise
La casa di Amboise, a cui i signori di Montpoupon sono legati durante i secoli, fu fondata da Hémon o Aymon de Buzançais (nell’Indre). Carlo il Calvo donò Aymon de Buzançais intorno all’840, nel distretto di Amboise. Lisois di Bazogers (xi secolo) sposò Hersende Buzançais e sarà ricompensato per il suo coraggio da Fulk Nerra governando invece di Amboise, fondando così la potente famiglia.

Montpoupon allora alzò la casa di Amboise.

Nel 1151, Enrico II Plantageneto, futuro re d’Inghilterra, prese possesso di Anjou, Touraine e Maine. Avendo sposato Eleonora d’Aquitania, divenne maestro di tutta la Francia occidentale con un territorio grande come quello del re di Francia.

Hugues II di Amboise, suzerain di Montpoupon prese la parte di Enrico II Plantageneto che fu proclamato re d’Inghilterra nel 1154, causando molti conflitti con i vicini signori che avevano giurato fedeltà al re di Francia Luigi VII.

Scoppiò poi molte lotte tra Riccardo Cuor di Leone, successore al trono d’Inghilterra e Filippo II Augusto, re di Francia. Montrichard sarà conquistato dall’esercito di Filippo Augusto dopo un assedio di due mesi e probabilmente Montpoupon che è sulla sua strada. Alla fine i due re si allearono e abbandonarono i loro luoghi fortificati prima di partire insieme in Terra Santa.

John Lackland, approfittando dell’assenza di suo fratello, cercò di usurpare la corona d’Inghilterra e le sue proprietà Touraine di cui Loches. Suplice III di Amboise, figlio di Ugo II di Amboise, abbandonò la parte del re d’Inghilterra. John Landless prese la corona d’Inghilterra alla morte di suo fratello nel 1195 a scapito del nipote assassinato, provocando la rabbia dei signori. Filippo Augusto assediò Tours nel 1204 e tutta la Touraine fu annessa alla corona di Francia nel 1205.

I conflitti con gli inglesi si trascinarono per molti anni, devastando le banche della Cher e dei paesi limitrofi. Montpoupon rimase un posto di grande importanza, sfortunatamente nessuna registrazione dei nomi dei governatori o dei capitani che avevano la custodia del castello in quel momento era nota.

La casa di Amboise fu più strettamente legata ai Lords Montpoupon con il matrimonio di Madeleine d’Amboise con Antoine de Prie nel 1431.

La famiglia di Prie
La casa di Prie, signori di Buzançais nell’Indre, aveva un sotterraneo in parte demolito oggi. Philippe Auguste l’ha preso più volte. La prima linea di signori di Montpoupon conosciuta sarà nel 1328 con Philippe de Prie. Nessun documento ci dice come Philippe de Prie divenne signore di Montpoupon. I Pries erano loro signori o governatori di Montpoupon prima di Philippe de Prie? Non lo sappiamo e nulla non ci dirà esattamente quali fossero i signori Montpoupon, successori di Philippe de Prie a suo nipote, Antoine de Prie.

Antoine de Prie, signore di Buzançais e Montpoupon, entrò molto presto al servizio del re di Francia. Ha preso parte all’assedio di Orleans con Giovanna d’Arco. Consigliere del re Carlo VII (al servizio della Camera del re), sarà nominato Grand Queux de France (incaricato della supervisione della cucina) nel 1431 e primo barone della Touraine.

Dal 1450, Antoine de Prie e sua moglie allevarono il castello di Montpoupon dopo essere stati quasi completamente distrutti durante la Guerra dei Cent’Anni. Hanno costruito su quello che era rimasto del precedente edificio principale una residenza del primo Rinascimento molto confortevole Touraine, che può ancora essere visto oggi. Le pareti della facciata nord erano ancora in piedi. Antoine de Prie li rinforzò, aprì finestre e fece altre aperture sulla facciata sud, terminando in due torrette angolari a sbalzo. Nel mezzo della facciata sud, in una torre quadrata ormai defunta c’era una scala a chiocciola. Sotto ogni torretta lasciava un muro, sostituendo la cortina militare del XII secolo che univa da una parte la torre isolata e dall’altra la vecchia postern. Tra esso e la torre isolata sorgeva la cappella, sono stati trovati alcuni frammenti di affreschi. Molti di loro sono ancora visibili nella cappella convertita nel xix secolo. Ci sono scene della Passione di Cristo e le braccia della famiglia di Prie. Nulla rimane di questa cappella che fu demolita durante la Rivoluzione.

Louis de Prie, il loro figlio, ereditò la tenuta intorno al 1490. Prese il posto di suo padre e fu l’ultimo Grand Queux de France. I suoi figli morirono abbastanza giovani e senza figli, fu Aymar de Prie (3 e figlio di Antoine de Prie e Madeleine d’Amboise) che divenne signore di Montpoupon nel 1527.

Aymar de Prie, consigliere del re Carlo VIII, accompagnò il re alla conquista del regno di Napoli nel 1495. Ispirato dal gusto della costruzione visto durante questi viaggi in Italia, si dedicò ad abbellire la sua casa e costruì la Postern che noi vedere oggi, probabilmente al posto di una vecchia postern con ponte levatoio. Questo elegante edificio a due piani con torrette e una grande porta con architettura spezzata, è un gioiello del Rinascimento.

Confermato la sua posizione come consigliere del re Francesco Ier, Aymar de Prie godette allora del favore del re. È probabile che François I venne per la prima volta a Montpoupon e occupò la camera del re. Le travi dipinte della stanza sono state realizzate da lavoratori italiani.

Nel 1523 Aymar de Prie fu nominato Gran Maestro dei Balestrieri, uno dei più importanti della corona. Il Gran Maestro dei Balestrieri “aveva il comando di tutti i fanti e aveva l’amministrazione degli ufficiali che erano a capo della macchina da guerra prima dell’invenzione della polvere e dell’artiglieria”. Questa funzione è stata soppressa fino alla morte di Aymar de Prie, la sua importanza è stata notevolmente ridotta dalla nomina di un Gran Maestro dell’Artiglieria e di una Fanteria Generale del Colonnello.

In questi ultimi anni Aymar de Prie è stato addestrato nella ribellione del Conestabile di Borbone e imprigionato. Con l’indulgenza di Louise de Savoie (madre di François I er), fu rilasciato nel 1525.

La sua prima moglie, Claude de Choiseul, Aymar de Prie aveva due figlie, Renee Requests per essere la damigella d’onore di Claude de France, figlia di Luigi XII e moglie di François I er. Avrà anche 3 figli dal suo secondo matrimonio, incluso Edme de Prie che gli è succeduto a Montpoupon. Aymar de Prie morì intorno al 1527.

Le signore di Prie
Aymar II de Prie (pronipote di Aymar de Prie) sposò Louise de Hautemer. Molto violento, avrebbe, secondo le leggende, ucciso con un colpo di archibugio un uomo che lavorò alla piombatura della grande torre perché non scendeva abbastanza in fretta alla sua chiamata. Allo stesso modo, essendo in ritardo un giorno di messa, avrebbe ucciso il prete davanti all’altare della cappella di Montpoupon perché non aveva aspettato che lui iniziasse il servizio. È stato anche riferito che nella camera delle richieste, sua moglie Louise Hautemer sarebbe stata rinchiusa da quest’ultimo, essendo stata trovata infedele.

Louis de Prie succedette a suo padre e sposò Françoise de Saint Gelais Lusignan. Hanno avuto due figlie: Charlotte e Louise. Succedendo al peso della madre governante di Luigi XIII, Francoise de Saint-Gelais Lusignan divenne Signora d’onore di Anna d’Austria nel 1642. Alla sua morte nel 1673, la casa delle Richieste morì con essa.

Sua figlia Louise fu molto notata a Parigi dove sposò nel 1650 il maresciallo di Francia Philippe de La Mothe-Houdancourt. Morì nel 1657 lasciando la moglie vedova all’età di 34 anni e con poca fortuna. La marescialla della Motte era poco conosciuta a corte. Trascorse i primi anni della sua vedovanza nel paese. Nel 1664, Madame de Montpensier, che non poteva assumere le due posizioni di Regina d’onore e governante di Monsignore, offrì l’incarico di Governatore di Monsignore, figlio di Luigi XIV, al Maréchale de la Motte Houdancourt. Aveva le sue parole “La Maréchale de la Motte è una donna di bell’aspetto … Ha un buon pasto e onora la corte, tutti erano felici”.

Louise de Prie era governante dei bambini reali sotto Luigi XIV e sovrintendente della loro casa. Per questi, sua figlia, la duchessa di Ventadour gli succederà. Una carica che sarà trasmessa per tre generazioni.

Ereditando il castello di Montpoupon alla morte di sua madre, Louise de la Motte Houdancourt abbandonò la proprietà, il suo ufficio la teneva a corte. La tenuta sarà affittata da un contadino generale che viveva nel castello, Louis Debunon. Deceduta nel 1709, la Maréchale lasciò in eredità la tenuta di Montpoupon alla sua terza figlia, Isabelle Gabrielle de la Motte Houdancourt, moglie di Henry François Duca di Ferté Senneterre. I due coniugi furono processati per molti anni, il loro disaccordo fu completo e non si vedevano. La duchessa passò la vita in tribunale, dove ebbe una grande situazione. Questa è Françoise Charlotte de la Ferté, la loro seconda figlia, che ha ereditato la signoria di Montpoupon. Passò poi al figlio di quest’ultimo, Philippe Louis, Marchese de la Ferte Senneterre. Nel 1763, la mancanza di mezzi per mantenere la tenuta, la vendita è stata decisa. Il marchese di Tristan acquistò Montpoupon per la somma di 60.000 sterline.

Il marchese di Tristan
La casa di Tristan è di illustre estrazione. Riconosce per l’autore Charles Tristan i signori del cavaliere Ostels, il barone Talcy che visse nel secolo xii. Tristan occupava alti uffici e grandi carichi.

Nicolas Tristan vendette la terra di Houssoy in Piccardia per acquistare le signorie di Montpoupon e di Luzillé. Era stato tenente, poi capitano di una compagnia di fanteria nel reggimento di Richelieu. Si era sposato nel febbraio del 1732, Marguerite Judith des Champs. Dopo l’acquisizione di Montpoupon, cancellò l’affitto del generale dell’agricoltore Claude Defrance e immediatamente iniziò a lavorare nel castello per ripristinare il suo antico splendore. Quest’ultimo era in pessime condizioni a causa dell’abbandono in cui era stato lasciato per molti anni, abitato solo dai contadini generali dalla morte di Francois Saint Gelais Lusignan nel 1653. Non poteva svolgere il lavoro, morendo nel 1765. Il suo figlio maggiore, Nicolas Marie Tristan, ereditò il castello di Montpoupon.

Nicolas Marie Tristan, detto il Marchese de Tristan, signore di Montpoupon, Luzillé e altri luoghi circostanti, nacque il 30 agosto 1733. Fu cavaliere del Regio Ordine di San Luigi, fece la campagna d’Italia dal 1747 al 1748 e prese parte a la guerra dei sette anni. Alla morte di suo padre, nel 1765, accettò la sua proprietà solo con il beneficio di inventario, la sostituzione di proprietà del marchese e la Marquise de la Ferte Senneterre gli avevano fatto temere la validità della vendita effettuata nel 1763. Questa vendita fu ratificata nel 1772 dal marchese e dalla marchesa de la Ferté.

Il marchese di Tristan si stabilì a Orleans nel 1771, ma venne costantemente a Montpoupon e fece varie riparazioni. Coprì le travi delle stanze con soffitti in gesso bianco, allargò le porte, distrusse la torre quadrata della facciata sud in cui era la scala a chiocciola che saliva al piano superiore e costruiva una scala in legno e mattoni nel luogo in cui oggi si trova la scala in pietra. Ha anche creato i corridoi ai piani. Per gli esterni, ha immaginato la creazione di un parterre in stile francese di fronte alla facciata nord del castello, sulla base del fatto che è stato eseguito solo parzialmente, molto probabilmente a causa dei problemi della rivoluzione. È così che ha creato la mezza luna che vediamo ora e la forma geometrica del canale della fontana con un ponte centrale che è stato successivamente distrutto.

Il castello di Montpoupon ha attraversato l’epoca rivoluzionaria senza soffrire troppo. Solo la cappella, situata tra la Postern e la torre isolata, fu interamente distrutta dai giacobini di Franceuil. Le pietre della demolizione di questo edificio sono rimaste per lungo tempo sul posto e alcune sono state utilizzate per le riparazioni del castello. Nella parte sud della finestra sono stati rinvenuti i recessi della sala da pranzo e della stanza di Amboise, nel 1919, pietre recanti dipinti molto antichi raffiguranti la Passione di Cristo e le braccia di Prie.

Nicolas Marie de Tristan morì a Orleans il 7 agosto 1820 all’età di 87 anni. La sua vedova mantenne la terra di Montpoupon fino alla sua morte nel 1830. Alla divisione della proprietà nel 1831, fu la figlia maggiore della coppia, la marchesa de la Touanne, che ereditò Montpoupon. L’area della tenuta era ben ridotta e consisteva in soli 486 ettari. Solo pochi soggiorni brevi a Montpoupon furono fatti dal marchese e dalla marchesa di Touanne, trascorsero la maggior parte dell’anno nel castello di Emerillon e Orleans. Eppure rimasero molto attaccati alla terra di Montpoupon. Nel 1834 fu discussa la modifica del percorso della strada da Montrichard a Loches. Un primo progetto stava passando questa nuova strada ai piedi della grande torre e vicino alla fontana sul lato nord del castello.

Alla morte del marchese nel 1834, i suoi eredi, non avendo lo stesso attaccamento per Montpoupon, decisero di vendere la proprietà. Il 2 marzo 1836, la vendita fu fatta a favore di Benoit Lancillotto Elisabeth Garnier Farville per la somma di 180.000 franchi.

Monsieur Farville
La famiglia di Farville era originaria di Chartrain in Beauce. Lancelot Garnier de Farville era stato ufficiale del battaglione reale dell’Alvernia, aveva sposato Adélaïde Cécile Miron de la Motte e viveva nel castello di Mareau-aux-Près nel Loiret. La coppia ha avuto tre figli, un figlio morto alla scuola di Saint-Cyr e due figlie.

Nell’inventario realizzato nel 1836 dopo l’acquisto del castello, ci sono molti mobili e dipinti, il che sembra indicare che parte del mobilio della famiglia Tristan fu acquistata da Monsieur de Farville. Ciò era particolarmente vero per gli arazzi di Beauvais che oggi si possono vedere nel castello o nei mobili che Luigi XVI imprime a Giacobbe nel soggiorno.

Il signor de Farville ha lavorato per rendere Montpoupon una proprietà di relazione sviluppando colture, mulini e metairie. Si è sfruttato parte della sua terra e reso più comune il castello nel 1840 per dare loro l’aspetto che sono conosciuti al giorno d’oggi.

Monsieur e Madame de Farville fecero diverse donazioni alla chiesa di Céré-la-Ronde nel 1840 e ottennero, nel 1843, la concessione della cappella di Saint-Etienne, a destra del coro. Hanno dato alla chiesa l’altare e la balaustra sono ancora in questa cappella.

Verso la fine della sua vita, nel 1855, il signor de Farville prese in affitto la fattoria principale di Montpoupon adiacente al castello e installata nell’attuale Commons. Morì a Orleans il 5 febbraio 1856. La sua vedova e i suoi eredi vendettero il 1 ° aprile 1857, Land Montpoupon con tutte le sue dipendenze con una capacità di cinquecento ettari a Jean Baptiste Leon St. Pierre Motte, per la somma di 314.000 franchi.

La famiglia La Motte Saint-Pierre
Jean-Baptiste de la Motte Saint-Pierre è nato il 14 dicembre 1806 a Beauvais. Proprietario del castello di famiglia di Argy, fu sindaco della città. Sfortunatamente mutui eccessivamente gravosi, mutui e scarsi raccolti hanno reso difficile la sua situazione finanziaria. Con riluttanza decise di rivendere la proprietà di Argy acquisita nel 1828. Dopo diversi anni una società belga lo acquistò nel 1855.

Il 1 ° aprile 1857 Jean-Baptiste Léon de la Motte Saint-Pierre acquistò i soldi dalla vendita, acquistò il castello di Montpoupon e vi si stabilì con sua moglie Clementine. Iniziarono immediatamente i lavori per ripristinare l’aspetto rinascimentale del castello che conosciamo oggi: l’installazione di montanti, una scala in pietra … Anche avendo il cuore per sviluppare il campo, Jean-Baptiste Léon de la Motte San Pietro ha deciso di sfruttare la propria terra . Lo fece con scarso successo e rapidamente abbandonò questo compito al figlio maggiore Émile. Quest’ultimo divenne il proprietario Montpoupon la morte di suo padre nel 1872.

Emile Léon de la Motte Saint-Pierre è nato il 18 marzo 1838 al castello di Argy. Studiò a Parigi e fu ammesso alla Scuola di acqua e foreste nel 1857. Divenne guardia generale di Acque e Foreste a Béarn, Guascogna, poi a Vierzon, divenne disponibile e si stabilì con sua moglie Laure Gabrielle a Montpoupon nel 1868. Su loro Arrivati ​​al castello, la coppia si adoperò per rendere confortevole e abbellire la loro casa: una cappella fu costruita al secondo piano della Postern, la cucina trovò posto nel seminterrato, fu eretta una torre e il tetto fu completamente rifatto. Con la sua formazione, Emile Léon de la Motte Saint-Pierre ha dato grande importanza all’area che ha ampliato con successive acquisizioni. Ha organizzato e ripopolato i boschi in abete, quercia e betulla. Ha ricevuto per questo un prezzo.

Emile Léon de la Motte Saint-Pierre si è anche dedicato al villaggio di Céré-la-Ronde da cui dipende il castello. Divenne sindaco nel 1874 e si dedicò alla città per 36 anni.

Finalmente, nel 1873, fondò, con l’aiuto dei suoi vicini, Montpoupon Crew. Abbiamo iniziato con la caccia ai cervi e in seguito ai cervi.

Alla sua morte, il 10 maggio 1912, il suo terzo figlio Bernard ereditò la terra di Montpoupon, i suoi due altri ragazzi che avevano abbandonato la tenuta.

Bernard Charles Marie de la Motte Saint-Pierre, terzo figlio di Émile e Laure Gabrielle di Motte Saint-Pierre, nacque il 28 agosto 1875 nel castello di Montpoupon. Fu agitato nella cappella del castello il giorno dopo la sua nascita. È stato cresciuto tra Montpoupon e Parigi. Impegnato in studi militari, si unì al 6 ° Dragons Evreux e fu presto nominato sottufficiale. Sposò, nel 1911, Thérèse Béeche é Irarrazaval di origine cilena, ma cresciuto in Francia. Il 2 agosto 1914 Bernard de la Motte Saint-Pierre partì per unirsi al suo nuovo reggimento, il 25 ° Dragons d’Angers. Ferito, fu nominato capitano del 13 ° Dragone al suo ritorno al fronte nel 1918 e fino al suo congedo nel marzo del 1919.

Durante la guerra, Thérèse de la Motte Saint-Pierre gestì la tenuta di Montpoupon. Ha dato alla luce la sua unica figlia, Solange, il 21 settembre 1918.

Appena tornato dalla guerra, Bernard de la Motte Saint-Pierre intraprese importanti lavori di ammodernamento al castello: installazione di elettricità, acqua corrente e riscaldamento centralizzato. La sua opera ha permesso ai castellani di scoprire alcuni elementi del castello come le travi dipinte che erano state nascoste da controsoffitti. Bernard de la Motte St. Pierre ha anche legato per rimuovere le enclavi che esistevano sul campo, scambi o acquisti.

Durante la seconda guerra mondiale, il castello fu occupato per due settimane da un battaglione austriaco e tedesco. Avvertito dalle truppe nemiche che si stavano avvicinando, il Real St. Pierre Motte aveva stabilito la loro proprietà più preziosa nei sotterranei della torre del xiii secolo. I castellani non abbandonarono il castello durante la permanenza dei militari. La linea di demarcazione (la Cher) era stata fissata il 22 giugno 1940. I soldati si ritirarono senza causare danni.

Il 3 agosto 1944, il marchese di Coz, il cosiddetto nobile che diffuse il terrore nella regione, irruppe nel cortile del castello e prese Bernard de la Motte Saint-Pierre e sua figlia in ostaggio. Madame de la Motte Saint-Pierre, non volendo abbandonarli, furono tutti e tre portati nella foresta di Brouard, vicino a Saint-Aignan-sur-Cher. Liberato da un riscatto e dall’intervento dei membri della resistenza, la famiglia di San Pietro Motte lasciò qualche tempo dopo l’episodio di Montpoupon.

Dopo la guerra, la vita riprese a Montpoupon e con essa le caccia. Bernard de la Motte Saint-Pierre, stanco, decise di abbattere il suo equipaggio il 2 aprile 1949. Già nel 1951, informò sua figlia Solange degli affari della tenuta. Morì a Montpoupon il 6 luglio 1956.

Solange de la Motte Saint-Pierre, figlia di Bernard e Thérèse de la Motte Saint-Pierre, è nata al castello di Montpoupon il 21 settembre 1918. Due camere sono state allestite al terzo piano del castello: una per Solange e la altro per la sua infermiera che faceva anche da studio. Un insegnante venne a Montpoupon nel quarto anniversario di Solange de la Motte Saint-Pierre. All’età di sette anni, Solange andò a Parigi per studiare alla School of Birds. Ha conseguito la laurea liceale nel 1936 e la laurea in giurisprudenza nel 1939. Si è quindi unita all’École du Louvre.

Dopo la guerra, iniziò a occuparsi degli affari di Montpoupon e ereditò la tenuta dopo la morte di suo padre, mentre sua madre aveva rinunciato all’usufrutto. Aprì il castello al pubblico nel 1971. Poi furono accessibili la cappella, la biblioteca e una stanza al livello dei comuni che raccoglievano i ricordi dell’equipaggio di Montpoupon e delle macchine a cavallo della famiglia. Essendo molto coinvolto nella vita locale, Solange de la Motte Saint-Pierre è stato all’origine della creazione della Camera dell’Agricoltura della Touraine, Gîtes du 37, ma anche della Route des Dames de Touraine.

Negli anni ’90 Solange de la Motte Saint-Pierre associa il suo pronipote, conte Amaury de Louvencourt, alla direzione del castello. Quest’ultimo ha creato nel 1995 il museo del Cacciatore, situato nel comune del castello. Divenne proprietario della tenuta quando la sua prozia morì nel 2005. Molte stanze del castello sono aperte ai visitatori nel corso degli anni. Oggi, undici camere arredate sono proposte ai visitatori, una passeggiata nel parco e una trentina di stanze al livello del museo.

Il castello di Montpoupon e le sue dipendenze sono stati inscritti monumento storico il 1 ° maggio 1930, poi una parte, le facciate e i tetti del castello e la torre nota come Le Donjon sono stati classificati il ​​28 gennaio 19662.

Timeline semplificata
IX secolo: installazione di un clan germanico, il Poppo
X secolo: costruzione di un castello sotto Fulk Nerra
13 ° secolo: costruzione del castello
14 ° secolo: distruzione parziale del castello durante la guerra dei cent’anni
1460: costruzione dell’attuale castello da parte di Antoine de Prie sulle rovine di precedenti costruzioni
1520: costruzione della postern
1763: acquisto del castello dal marchese di Tristan
1792: distruzione della cappella durante la rivoluzione francese
1836: acquisto del castello da parte del signor Garnier de Farville
1840: Costruzione dei Comuni
1857: acquisto del castello da parte di Jean-Baptiste Léon de la Motte Saint-Pierre
1860: costruzione dell’angolo della torretta a sinistra del castello
1905: costruzione della torre quadrata sulla destra del castello
1971: apertura del castello al pubblico
1995: apertura del Museo della caccia
2005: Il Louvencourt succede alla Motte Saint-Pierre
2009: apertura della passeggiata nella foresta
2016: apertura di appartamenti privati

Tags: