Château de Fontainebleau, Francia

Il Palazzo di Fontainebleau o Château de Fontainebleau, situato a 55 chilometri (34 miglia) a sud-est del centro di Parigi, nel comune di Fontainebleau, è uno dei più grandi castelli reali francesi. Il castello medievale e il palazzo successivo servirono da residenza per i monarchi francesi da Luigi VII a Napoleone III. Ora è un museo nazionale e un patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Con oltre 1500 stanze nel cuore di 130 acri di parchi e giardini, Fontainebleau è l’unico castello reale e imperiale che è stato continuamente abitato per sette secoli.

Capétiens, Valois, Bourbons, Bonaparte e Orléans, tutti membri delle dinastie francesi, hanno vissuto all’interno di queste mura. Re e regine, imperatori e imperatrici si sono sforzati di apportare i propri miglioramenti al castello costruito attorno al mastio originale. La tenuta divenne rapidamente un enorme palazzo in cui si sono svolti molti eventi storici importanti.

Una visita a Fontainebleau apre una vista impareggiabile sulla storia francese, la storia dell’arte e l’architettura.

Appartamenti Grand:
Galleria di Francesco I
La Galleria di Francesco I è uno dei primi e migliori esempi di decorazione rinascimentale in Francia. Fu costruito originariamente nel 1528 come passaggio tra gli appartamenti del Re con il cortile ovale e la cappella del convento Trinitaires, ma nel 1531 Francesco I ne fece una parte dei suoi appartamenti reali, e tra il 1533 e il 1539 fu decorato da artisti e artigiani dall’Italia, sotto la direzione del pittore Rosso Fiorentino, o Primatice, nel nuovo stile rinascimentale. Le pareti inferiori del passaggio erano opera del maestro italiano di mobili Francesco Scibec da Carpi; sono decorati con lo stemma di Francia e la salamandra, l’emblema del re. Le pareti superiori sono coperte da affreschi incorniciati da stucchi riccamente scolpiti. Gli affreschi utilizzavano scene mitologiche per illustrare le virtù del re.

Sul lato della galleria con finestre, gli affreschi rappresentano Ignorance Driven Out; L’unità dello stato; Cliobis e Biton; Danae; La morte di Adone; La perdita della gioventù perpetua; e La battaglia dei Centauri e dei Lapiti.

Sul lato della galleria di fronte alle finestre, gli affreschi rappresentano: Un sacrificio; The Royal Elephant; The Burning of Catane; La Ninfa di Fontainebleau (dipinta nel 1860-61 da J. Alaux per coprire una precedente entrata alla galleria); L’affondamento dell’Ajax, l’educazione di Achille e la frustrazione di Venere.

Sala da ballo
La sala da ballo fu originariamente iniziata come un passaggio aperto, o loggia, da Francesco I. Nel 1552 circa il re Enrico II la chiuse con alte finestre e un soffitto a cassettoni ornato e la trasformò in una sala per feste e balli. La ‘H’, l’iniziale del Re, è prominente nell’arredamento, così come le figure della luna crescente, il simbolo dell’amante di Enrico Diane de Poitiers.

All’estremità occidentale è un camino monumentale, decorato con statue di bronzo originariamente copiate da statue classiche a Roma. All’estremità orientale della stanza c’è una galleria dove i musicisti suonavano durante le palle. L’arredamento è stato restaurato molte volte nel corso degli anni. Il pavimento, che rispecchia il disegno del soffitto, fu costruito da Luigi Filippo nella prima metà del XIX secolo.

Gli affreschi sulle pareti e sui pilastri furono dipinti a partire dal 1552 da Nicolò dell’Abate, su disegni di Primatice. Sul lato del giardino della sala da ballo, rappresentano: The Harvest; Vulcan forgiando armi per amore su richiesta di Venere; Phaeton implorava il sole per lasciarlo guidare il suo carro; e Giove e Mercurio nella casa di Filemone e Bauci.

Cappelle di San Saturnino
Dietro la sala da ballo, c’è la cappella di San Saturnino. La cappella inferiore fu originariamente costruita nel 12 ° secolo, ma fu distrutta e completamente ricostruita sotto Francesco I. Le finestre realizzate a Sèvres furono installate durante il periodo di Luigi Filippo e furono progettate dalla figlia Marie, un’artista stessa. La cappella superiore era la cappella reale decorata da Philibert de l’Orme. Il soffitto, realizzato nello stesso stile della sala da ballo, termina con una cupola.

Sala delle Guardie
Una stanza per le guardie era sempre situata vicino alle camere reali. La Salle des Gardes fu costruita durante il regno di Carlo IX. Alcune tracce del decoro originario restano del 1570, tra cui il soffitto a volta e un fregio di trofei militari attribuito a Ruggiero d’Ruggieri. Nel XIX secolo Louis Philippe trasformò la stanza in un salone e la ridecorò con un nuovo pavimento in parquet di legni esotici che riecheggiava il disegno del soffitto, e un camino monumentale (1836), che incorpora pezzi di ornamento provenienti da stanze demolite dal XV e presto 16 ° secolo. Il busto di Enrico IV, attribuito a Mathieu Jacquet, è di quel periodo, così come le due figure ai lati del camino. La cornice scolpita attorno al busto, di Pierre Bontemps, era originariamente nella camera da letto di Enrico II. Le decorazioni aggiunte da Luigi Filippo comprendono un grande vaso decorato con temi rinascimentali, realizzato dalla manifattura di porcellane di Sèvres nel 1832. Durante il regno di Napoleone III, la sala era utilizzata come sala da pranzo.

Scala del re
La scalinata del Re fu installata nel 1748 e nel 1749, nello spazio occupato durante il regno di Francesco I dalla camera da letto di Anna de Pisseleu, la duchessa di Étampes, una delle preferite del re. È stato progettato dall’architetto Ange-Jacques Gabriel, che ha utilizzato molti elementi decorativi della prima sala, che erano stati originariamente decorati da Primatice. La parte superiore delle pareti è divisa in pannelli, ovali e rettangolari, con scene che rappresentano la vita amorosa di Alessandro Magno. I dipinti sono incorniciati da grandi statue di donne di Primatice. La parete orientale della stanza fu distrutta durante la ricostruzione e fu sostituita durante il regno di Luigi Filippo nel XIX secolo con dipinti di Abel de Pujol.

Camera da letto della regina
Tutte le regine e le imperatrici di Francia da Maria de ‘Medici all’Imperatrice Eugenia, dormirono nella camera da letto della Regina. Il soffitto decorato sopra il letto fu realizzato nel 1644 dal costruttore di mobili Guillaume Noyers per la regina regina Anna d’Austria, madre di Luigi XIV, e reca le sue iniziali. La stanza è stata ridecorata da Marie Leszczynska, la regina di Luigi XV nel 1746-1747. Il soffitto dell’alcova, la decorazione attorno alle finestre e le boiserie sono state realizzate da Jacques Vererckt e Antoine Magnonais nello stile rocaille del giorno. La decorazione del camino risale allo stesso periodo.

Boudoir di Marie-Antoinette
Il boudoir vicino alla camera da letto della regina fu creato per la regina Maria Antonietta nel 1786 e permise alla regina di avere una certa privacy. La stanza è il migliore esempio superstite dello stile decorativo poco prima della rivoluzione francese, ispirato agli antichi modelli romani, con arabeschi delicatamente dipinti, cammei, vasi, figure antiche e ghirlande di fiori su uno sfondo bianco, incorniciate da elementi in legno dorato e scolpito.

La stanza è stata fatta per la regina dalla stessa squadra di artisti e artigiani che hanno anche fatto la sala giochi; il progetto fu dell’architetto Pierre Rousseau (1751-1829) (fr); i pannelli di legno sono stati scolpiti da Laplace e dipinti da Michel-Hubert Bourgeois e Louis-François Touzé. Otto figure delle Muse sono state realizzate in gesso da Roland; il manto ornato del camino è stato realizzato da Jacques-François Dropsy e decorato con opere in bronzo glaciale di Claude-Jean Pitoin. Il pavimento in parquet di mogano, decorato con gli emblemi della Regina, fu realizzato da Bernard Molitor e terminato nel 1787. Il soffitto dipinto, di Jean-Simon Berthélemy, mostra Aurora con un gruppo di angeli.

Sala del trono di Napoleone (ex camera da letto del re)
Nel 1808 Napoleone decise di installare il suo trono nell’ex camera dei re di Francia da Enrico IV a Luigi XVI, nel luogo esatto in cui si trovava il letto reale. Sotto l’antico regime, il letto del re era un simbolo dell’autorità reale in Francia e veniva salutato dai cortigiani che passavano accanto ad esso. Napoleone voleva mostrare la continuità del suo impero con le monarchie della Francia passate. La maggior parte del soffitto in legno intagliato, la parte inferiore dei pannelli in legno e le porte risalgono al regno di Luigi XIII. Il soffitto direttamente sopra il trono fu realizzato alla fine del regno di Luigi XIV. Luigi XV creava la porzione del soffitto direttamente sopra il trono, un nuovo camino, medaglioni in legno scolpiti vicino al camino, i disegni sopra le porte e la pregiata lavorazione in legno intagliata sul trono (1752-54). Aveva anche il soffitto dipinto di bianco e dorato e decorato con mosaici, per abbinare il soffitto della camera da letto della Regina.

Napoleone aggiunse gli standard con la sua iniziale e l’aquila imperiale. La decorazione attorno al trono fu originariamente progettata nel 1804 da Jacob-Desmalter per il Palazzo di Saint-Cloud, e il trono stesso proveniva dal Palazzo delle Tuileries.

Il camino era originariamente decorato con un ritratto di Luigi XIII dipinto da Philippe de Champaigne, che fu bruciato nel 1793 durante la Rivoluzione francese. Napoleone lo sostituì con un ritratto di se stesso, di Robert Lefèvre. Nel 1834, il re Luigi Filippo abbatté il quadro di Napoleone e lo sostituì con un altro di Luigi XIII, da un pittore della scuola di Champaigne,

Camera di consiglio
La Camera del Consiglio, dove i re e gli imperatori incontravano i loro più stretti consiglieri, era vicina alla Sala del Trono. In origine era l’ufficio di Francesco I ed era decorato con pannelli di legno dipinto che mostravano i seguenti disegni di Primatice, le virtù e gli eroi dell’antichità. La stanza fu ingrandita sotto Luigi XIV e il decoratore, Claude Audran, seguì lo stesso tema. La stanza fu interamente ridecorata tra il 1751 e il 1754 dall’architetto Ange-Jacques Gabriel, con arcate e pannelli boscosi che mostravano le virtù e le allegorie delle stagioni e degli elementi, dipinti da Jean-Baptiste Marie Pierre e Carle van Loo. Il pittore Alexis Peyrotte ha aggiunto un’altra serie di medaglioni sulle pareti superiori raffiguranti temi floreali, le scienze e le arti. I cinque dipinti sul soffitto a volta sono opera di François Boucher e mostrano le stagioni e il sole che inizia il suo viaggio e caccia via la notte. Una mezza-rotonda sul lato del giardino della stanza fu aggiunta da Luigi XV nel 1773, con un soffitto dipinto di Lagrenée raffigurante Gloria circondato dai suoi figli.

Appartamento del Papa e dei Queen-Mothers
L’appartamento del Papa, situato al primo piano dell’ala della Regina Madri e del Gros Pavillon, prende il nome dalla visita del 1804 di Papa Pio VII, che vi soggiornò mentre si recava a Parigi per incoronare Napoleone I l’imperatore della Francia. Rimase lì di nuovo, involontariamente, sotto la stretta supervisione di Napoleone dal 1812 al 1814. Prima di questo, a partire dal 17 ° secolo fu la residenza della regina Madri Maria de ‘Medici e Anna d’Austria. Era anche la casa del Grand Dauphin, il figlio maggiore di Luigi XIV. Nel XVIII secolo fu utilizzato dalle figlie di Luigi XV e poi dal conte di Provenza, fratello di Luigi XVI. Durante il primo impero fu usato da Luigi, il fratello di Napoleone, e sua moglie, la regina Hortense, figlia dell’imperatrice Giuseppina. Durante il regno di Luigi Filippo, fu usato dal figlio maggiore, il Duca di Orleans. Durante il Secondo Impero, fu occupata da Stephanie de Bade, la nipote adottiva di Napoleone I. Fu restaurata nel 1859-1861 e utilizzata successivamente per gli ospiti di alto rango. In origine erano due appartamenti, che sono stati divisi o uniti nel corso degli anni a seconda dei suoi occupanti.

Galleria di Diana
La Galleria di Diana, un lungo corridoio di ottanta metri ora rivestito di librerie, fu creato da Enrico IV all’inizio del XVII secolo come luogo di passaggio della regina. I dipinti sul soffitto a volta, dipinti all’inizio del 1605 da Ambroise Dubois e il suo laboratorio, rappresentavano scene del mito di Diana, dea della caccia. All’inizio del 19 ° secolo, la galleria era in rovina. Nel 1810 Napoleone decise di trasformarlo in una galleria dedicata alle conquiste del suo impero. Alcuni dei dipinti ancora in buone condizioni sono stati rimossi e inseriti nella Gallery of Plates. L’architetto Hurtault ha progettato un nuovo piano per la galleria, ispirato alla Grande Galleria del Louvre, con dipinti sul soffitto che illustrano i grandi eventi del regno di Napoleone. Nel 1814 il corridoio era stato ricostruito e le cornici decorative dipinte da Moench e Redouté, ma il ciclo di dipinti sull’Impero non era stato avviato, quando Napoleone cadde dal potere.

Una volta restaurata la monarchia, il re Luigi XVIII fece completare la galleria in stile neoclassico. Una nuova serie della dea Diana fu eseguita da Merry-Joseph Blondel e Abel de Pujol, usando le cornici dipinte preparate per il ciclo di Napoleone. Inoltre, lungo il corridoio sono stati aggiunti dipinti che illustrano la storia della monarchia francese, dipinta in stile Troubador degli anni 1820 e 1830, dipinta da una squadra di importanti pittori accademici. A partire dal 1853, sotto Napoleone III, il corridoio fu trasformato in biblioteca e la maggior parte dei dipinti furono rimossi, ad eccezione di un grande ritratto di Enrico IV a cavallo di Jean-Baptiste Mauzaisse. Il grande globo vicino all’ingresso della galleria, collocato lì nel 1861, proveniva dall’ufficio di Napoleone nel Palazzo delle Tuileries.

Appartamenti di Napoleone:
Nel 1804 Napoleone decise di volere la sua suite privata di appartamenti all’interno del palazzo, separati dai vecchi appartamenti di stato. Prese possesso di una suite di sei stanze che era stata creata nel 1786 per Luigi XVI, accanto alla Galleria di Francesco I, e le aveva ridecorate in stile Impero.

Il vecchio appartamento comprendeva uno spogliatoio (cabinet de toilette), studio, biblioteca e bagno.

Camera da letto dell’imperatore
A partire dal 1808, Napoleone fece costruire la sua camera da letto nell’ex camerino del re. Da questa stanza, usando una porta nascosta dietro il drappeggio alla destra del letto, Napoleone poteva andare direttamente alla sua biblioteca privata o agli uffici al piano terra.

Gran parte dell’arredo originario è rimasto invariato dal tempo di Luigi XVI; i caminetti, i pannelli di legno intagliato scolpiti da Pierre-Joseph LaPlace e la scultura sopra la porta di Sauvage rimasero come erano. Le pareti erano dipinte con emblemi Imperiali in oro su bianco di Frederic-Simon Moench. Il letto, realizzato appositamente per l’imperatore, era il vertice dello stile impero; fu incoronato con un’aquila imperiale e decorato con sculture allegoriche che rappresentano Gloria, Giustizia e Abbondanza. L’Imperatore aveva un tappeto speciale realizzato da Sallandrouze a forma di croce della Legion d’Onore; i rami della croce si alternano a simboli di attributi militari e civili. Le sedie vicino al camino sono state progettate appositamente, con un lato più alto dell’altro, per contenere il calore del fuoco, consentendo agli occupanti di vedere le decorazioni del camino. Il dipinto sul soffitto della stanza fu aggiunto più tardi, dopo la caduta di Napoleone, da Luigi XVII. Dipinto da Jean-Baptiste Regnault, è un’allegoria che rappresenta la clemenza del re che ferma la giustizia nel suo corso.

Lo studio era una piccola stanza designata come la stanza di lavoro di Napoleone. Nel 1811 aggiunse il letto da campo, simile al letto che usava nelle sue campagne militari, in modo da poter riposare brevemente durante una lunga notte di lavoro.

Il salone dell’Imperatore era semplicemente arredato e decorato. Fu in questa stanza, sul piccolo tavolo in mostra, che l’Imperatore firmò la sua abdicazione nel 1814.

Teatro:
Concerti, spettacoli teatrali e altre produzioni teatrali erano una parte regolare della vita di corte a Fontainebleau. Prima del regno di Luigi XV avvenivano in diverse stanze del palazzo, ma durante il suo regno fu costruito un teatro nell’ala Belle-Cheminée. Fu ricostruito dall’architetto Gabriel, ma fu distrutto da un incendio nel 1856. Era già stato giudicato troppo piccolo per la corte di Napoleone III, e un nuovo teatro era stato iniziato nel 1854 all’estremità orientale dell’ala di Louis XIV. Fu progettato dall’architetto Hector Lefuel nello stile di Luigi XVI e ispirato al teatro dell’opera del palazzo di Versailles e quello di Maria Antonietta al Palazzo del Trianon. Il nuovo teatro, con quattrocento posti sistemati in un parterre, due balconi e scatole a ferro di cavallo, fu terminato nel 1856. Ha le macchine sceniche originali e molti dei set originali, tra cui molti trasferiti dal vecchio teatro prima del incendio del 1856.

Il teatro fu chiuso dopo la fine del Secondo Impero e fu usato raramente. Un restauro è iniziato nel 2007, finanziato con dieci milioni di euro dal governo di Abu-Dhabi. In cambio, il teatro fu rinominato per lo sceicco Khalifa Bin Zayed al Nahyan. È stato inaugurato il 30 aprile 2014. Il teatro può essere visitato, ma non può più essere utilizzato per le opere teatrali perché alcune parti del teatro, incluso il palcoscenico, non sono state incluse nel restauro.

Museo cinese:
Il Museo Cinese, al piano terra del Pavillon Gros vicino allo stagno, era tra le ultime stanze decorate all’interno del Castello mentre era ancora una residenza imperiale. Nel 1867, l’imperatrice Eugenia fece rifare le stanze per mostrare la sua collezione personale di arte asiatica, che comprendeva doni dati all’imperatore da una delegazione inviata dal re del Siam nel 1861, e altri oggetti presi durante la distruzione e il saccheggio del Vecchio Palazzo d’estate vicino a Pechino da una spedizione militare franco-britannica congiunta in Cina nel 1860.

Gli oggetti esposti nell’anticamera comprendono due palanchini reali donati dal re del Siam, uno progettato per un re e l’altro (con tende) per una regina. All’interno dei due saloni del museo, alcune pareti sono coperte con pannelli in legno laccato nero e oro, presi da schermi cinesi del XVII secolo, insieme a custodie appositamente progettate per esporre vasi di porcellana antica. Altri oggetti in mostra includono uno stupa tibetano contenente un Buddha prelevato dal Palazzo d’Estate in Cina; e una corona reale siamese donata a Napoleone III. I saloni sono riccamente decorati con arredi e oggetti d’arte sia asiatici che europei, compresi arredi ricoperti di seta e sculture del Secondo Impero di Charles Cordier e Pierre-Alexandre Stonework. La stanza serviva anche da luogo per giochi e intrattenimento; un vecchio gioco di bagatelle e un pianoforte meccanico di quel periodo sono in mostra.

Cappella della Trinità:
La Cappella della Trinità fu costruita alla fine del regno di Francesco I per sostituire la vecchia cappella del convento dei Trinitari. Fu terminato sotto Enrico II, ma rimase senza decorazioni fino al 1608, quando il pittore Martin Freminet fu incaricato di progettare affreschi per il soffitto e le pareti. Lo scultore Barthèlemy Tremblay creò le volte del soffitto in stucco e scultura. I dipinti di Freminet nelle volte centrali rappresentano la redenzione dell’uomo, dall’apparizione di Dio a Noè al lancio dell’Arca (Oltre la tribuna) all’Annunciazione. Hanno circondato questi con dipinti più piccoli raffiguranti gli antenati della Vergine Maria, i re di Giuda, i Patriarchi che annunciavano la venuta di Cristo e le Virtù. Tra il 1613 e il 1619 Freminet e Tremblay aggiunsero dipinti con cornici in stucco tra le finestre ai lati della cappella, raffiguranti la vita di Cristo. Freminet morì nel 1619 e il lavoro non riprese fino al 1628.

La cappella della Trinità, come la Sainte-Chapelle a Parigi altre cappelle reali, aveva una sezione superiore o tribuna, dove il re e la sua famiglia sedevano, con un ingresso separato; e una parte inferiore, dove è stato collocato il resto della Corte. A partire dal 1628, le cappelle laterali furono decorate con cancelli di ferro e pannelli di legno intagliato, e lo scultore fiorentino Francesco Bordoni iniziò a lavorare sull’altare di marmo. La figura a sinistra raffigura Carlo Magno, con le fattezze di Enrico II, mentre la figura a destra raffigura Luigi IX, o San Luigi, con le fattezze di Luigi XIII, suo protettore. Bordoni progettò anche la pavimentazione di marmo multicolore davanti all’altare e alle pareti della navata. Il dipinto della Santissima Trinità sopra l’altare, di Jean Dubois il Vecchio, fu aggiunto nel 1642. Nella metà del XVII secolo l’artigiano Anthony Girault realizzò le porte in legno scolpite della navata. mentre Jean Gobert faceva le porte della tribuna dove adorava la famiglia reale.

Nel 1741, la tribuna reale fu ingrandita, mentre i balconi decorati di ferro battuto furono aggiunti tra la tribuna reale e i balconi più semplici usati dai musicisti e coloro che cantavano la messa. Nel 1779, sotto Luigi XVI, gli affreschi di Freminet che illustrano la vita di Cristo, che si erano deteriorati col tempo, furono sostituiti da nuovi dipinti sullo stesso tema. I dipinti sono stati realizzati nello stesso stile da una decina di pittori della Royal Academy of Painting and Sculpture.

Giardini e il parco:
Dal tempo di Francesco I, il palazzo era circondato da giardini formali, che rappresentano i principali stili paesaggistici delle loro epoche; il giardino rinascimentale francese, ispirato ai giardini rinascimentali italiani; il giardino formale francese, lo stile preferito di Luigi XIV; e, nel XVIII e XIX secolo, il giardino paesaggistico francese, ispirato al giardino paesaggistico inglese.

Giardino di Diana
Il Giardino di Diana fu creato durante il regno di Enrico IV; era il giardino privato del Re e della Regina, ed era visibile dalle finestre delle loro stanze. La fontana di Diana era originariamente nel centro del giardino, che a quel tempo era chiusa da un’altra ala, contenente uffici e più tardi, sotto, Luigi XIV, un’arangerie. Quell’edificio, e un altro, l’ex cancelleria, furono demoliti nel 19 ° secolo, raddoppiando le dimensioni del giardino. Dal 17 fino alla fine del 18 ° secolo, il giardino era in stile formale italiano e poi francese, diviso da sentieri rettilinei in aiuole rettangolari, aiuole, centrato sulle fontane e decorato con statue, piante ornamentali e agrumi alberi in vaso. Fu trasformato durante il regno di Napoleone I in un giardino paesaggistico in stile inglese, con sentieri tortuosi e alberi raggruppati in paesaggi pittoreschi, e fu ampliato durante il regno di Luigi Filippo. è stato aperto al pubblico dopo la caduta di Napoleone III.

La fontana al centro è stata realizzata da Tommaso Francini, il maestro artigiano della Fontana, il cui lavoro includeva la Fontana dei Medici nei Giardini del Lussemburgo a Parigi. La statua in bronzo di Diana, la dea della caccia, con un giovane cervo, fu fatta dai fratelli Keller nel 1684 per un’altra residenza reale, a Marly. È una copia di un’antica statua romana, Diana di Versailles, che fu donata dal Papa al re Enrico IV e che ora si trova al Louvre. La statua originale della fontana, realizzata da Barthelemy Prieur nel 1602, è visibile nella Galleria dei Cerfs all’interno del palazzo. Le sculture di cani da caccia e cervi attorno alla fontana furono realizzate da Pierre Biard.

Laghetto delle carpe, giardino inglese, grotta e primavera
Il grande stagno vicino al palazzo, con una superficie di quattro ettari, fu costruito durante il regno di Enrico IV, ed era usato per le feste in barca dai membri della Corte, e come fonte di pesce per la tavola e per il divertimento. Le descrizioni del palazzo nel 17 ° secolo raccontano di ospiti che davano da mangiare alla carpa, alcuni dei quali raggiungevano dimensioni enormi e si diceva che avessero cento anni. La piccola casa ottagonale su un’isola al centro del lago, il Pavillon de l’Ètang, fu aggiunta durante il regno di Luigi XIV, poi ricostruita sotto Napoleone I e decorata con la sua iniziale.

Anche il giardino inglese risale al regno di Enrico IV. In una parte del giardino, noto come il giardino dei pini, contro l’ala di Luigi XV, si trova una struttura più antica risalente a Francesco I; la prima grotta in stile rinascimentale da costruire in un giardino francese, una struttura in pietra rustica decorata con quattro statue di Atlas. Sotto Napoleone, il suo architetto, Maximilien-Joseph Hurtault, trasformò questa parte del giardino in un parco inglese, con sentieri tortuosi e alberi esotici, tra cui la catalpa, i tulipani, i sophora e i cipressi della Louisiana, e con un pittoresco ruscello e massi antichi. Il giardino presenta due copie in bronzo del XVII secolo di antichi romani, il gladiatore di Borghese e il Gladiatore morente. Un sentiero conduce dal giardino attraverso una cortina di alberi alla sorgente che ha dato il nome al palazzo, accanto a una statua di Apollo.

Parterre e canale
Dall’altro lato del castello, uno del sito del giardino di Francesco I, Enrico IV creò un grande giardino formale, o parterre Lungo l’asse del parterre, costruì anche un grande canale lungo 1200 metri, simile a uno al vicino castello di Fleury-en-Bière. Tra il 1660 e il 1664 il capo giardiniere di Luigi XIV, André Le Nôtre e Louis Le Vau ricostruirono il parterre su una scala più grande, riempiendolo di disegni geometrici e di sentieri bordati da siepi di bosso e pieni di aiuole colorate. Hanno anche aggiunto un bacino, chiamato Les Cascades, decorato con fontane, alla testa del canale. LeNotre piantò alberi da ombra lungo la lunghezza del canale, e stese anche un ampio sentiero, fiancheggiato da alberi di olmo, parallelo al canale.

Le fontane di Luigi XIV furono rimosse dopo il suo regno. Più recentemente, le cascate sono state decorate con opere di scultura del XIX secolo. Una grande fontana ornamentale fu installata nel bacino centrale nel 1817. Una replica in bronzo di un’antica statua romana, “Il Tevere”, fu posta nel bacino rotondo nel 1988. Sostituì una precedente statua del XVI secolo che in precedenza aveva decorato il bacino. Due statue di sfingi di Mathieu Lespagnandel, del 1664, sono poste vicino alla balaustra del canal grande.

Museo di Napoleone I.
Il Museo di Napoleone I fu creato nel 1986 nell’ala sul lato destro della Corte d’Onore, dove erano stati collocati gli appartamenti dei principi del Primo Impero. Comprende una galleria di ritratti di membri della famiglia di Napoleone, medaglie e decorazioni, diversi costumi indossati durante l’incoronazione di Napoleone come imperatore e una foglia d’oro dalla corona che indossava durante l’incoronazione; una grande collezione di porcellane e obiettivi decorativi dal tavolo da pranzo imperiale, una culla, giocattoli e altri souvenir dal figlio dell’imperatore, il re di Roma. Ha anche una collezione di souvenir delle sue campagne militari, tra cui una ricreazione della sua tenda e dei suoi arredi e oggetti pratici che ha portato con sé nelle sue campagne.

Tags: