Château de Bouges, Francia

Lo Château de Bouges è un palazzo del 18 ° secolo nella città di Bouges-le-Château, nel dipartimento dell’Indre della Francia, nella Valle della Loira. È classificato come monumento storico e i giardini sono elencati dal Ministero della Cultura come tra i notevoli giardini di Francia. Il castello e i giardini sono aperti al pubblico.

Il castello ha un parco di ottanta ettari, che comprende un giardino paesaggistico, un arboreto, un giardino floreale creato nel 1920, grandi serre e un giardino alla francese. Comprende anche grandi stalle che in seguito furono usate come garage dagli ultimi proprietari.

Non si può lasciare Bouges senza girovagare per il parco di 80 ettari, piantato con numerose specie di alberi, con qualche essenza rara (tulipier, quercia rossa americana, liquidambar). All’interno degli edifici principali troverete anche un’importante collezione legata alla caccia e ai cavalli.

Questo luogo dall’aspetto ancora abitato e la bellezza dei dintorni sono costitutivi del fascino di questo castello. Qualunque sia la stagione, sarete accolti nel castello con i fiori del giardino appena sistemati.

Storia:
Bouges era in origine una casa padronale rurale con un castello fortificato. Nel 1759, Claude Charles François Leblanc de Marnaval, generale esattore delle tasse di Luigi XV, acquistò la terra e presto sostituì il vecchio castello con un’elegante costruzione in stile “italiano”.

Il nuovo edificio alla moda era una dimostrazione dell’ambizione del suo ricco maestro di ferro, che era riuscito a farsi un nome nel mondo finanziario parigino e aveva recentemente ottenuto un titolo nobiliare (attraverso il matrimonio). Il suo stile di vita era oggetto sia di stupore che di gelosia. Circa 12 anni dopo, si ritrovò in bancarotta e il suo castello fu recuperato e venduto.

Durante il 19 ° secolo, il sito passò attraverso un certo numero di proprietari, tra cui il Principe di Talleyrand.

La maggior parte del lavoro di trasformazione del castello è stata condotta da Henry Viguier, il direttore di un grande negozio parigino, e da sua moglie Renée, da una ricca famiglia di drappi. Hanno rianimato la proprietà installando splendidi pezzi di arredamento, in armonia con l’ambiente circostante. Hanno inoltre modernizzato il castello introducendo elettricità, riscaldamento e acqua corrente.

L’acquisto di Bouges ha dato a Henry Viguier la possibilità di dedicarsi al suo amore per l’equitazione, e ha usato i suoi cavalli per ogni aspetto delle sue attività quotidiane (caccia, equitazione, picnic, viaggi e forniture d’acquisto). Possedeva una scuderia di cavalli da corsa e amava particolarmente le belle carrozze trainate da cavalli. Le stalle, le sellerie e la sala da trasporto offrono una rappresentazione particolarmente buona di questa passione.

Renée Viguier, nel frattempo, era appassionata di fiori, e questo motivo ricorrente può essere visto in tutto l’arredamento interno del castello. La coppia trasformò l’orto esistente in un giardino fiorito (il “jardin bouquetier”), e nella grande serra furono installate piante esotiche. Hanno anche restaurato le piante e i paesaggi nei giardini formali inglesi e francesi creati dai Duchênes sotto la proprietà precedente.

Nel 1967, senza discendenti, la coppia lasciò la tenuta e la sua collezione alla Caisse nationale des monuments historiques et des sites (ora il Centre des Monuments Nationaux). L’espresso desiderio di Henry Viguier era che la proprietà fosse aperta al pubblico e che le entrate generate dovessero essere utilizzate per mantenere e ripristinare la proprietà.

Architettura
Il castello di Bouges fu attribuito senza alcuna prova ad Ange-Jacques Gabriel sulla base di una approssimativa somiglianza con il Petit Trianon di Versailles costruito dal famoso architetto tra il 1762 e il 1768 esattamente nello stesso periodo, il che è sufficiente per rendere questa attribuzione altamente improbabile . Ora è sfidato da tutti gli autori.

Il nome “Gabriel” inciso su uno dei frontoni è probabilmente solo un graffito dovuto a uno dei lavoratori del sito, come quello di “Fayeti” che lo supera. I registri parrocchiali menzionano la sepoltura nel novembre 1767 di un certo Gabriele, apprendista di Louis Thonet, muratore che lavora al castello, che è forse quello che incise il suo nome sul castello. Anche menzionato nel 1768 furono Claude Vidard, falegname, e François Le Neuf, “maestro falegname al castello”. Nel 1770, François Le Neuf, il fabbro Antoine Favel e Jean Bardon assistettero alla sepoltura del fratello di quest’ultimo, descritto come “pittore e doratore della città di Bourges”.

Le delibere del fiduciario citano le affermazioni di Richard Colasse, maestro pensatore a Parigi, e Mathieu La Chaussée, maestro falegname a Parigi, “per la copertura di una nuova cupola”, realizzato nel 1778 secondo le indicazioni di Sieur Vittard, architetto. Non ne sappiamo nulla e non possiamo attribuire ad esso con certezza l’intero progetto di Bouges, nel quale abbiamo anche trovato similitudini con l’hotel Bertrand di Châteauroux, opera contemporanea dell’architetto ingegnere Martin Bouchet.

esterni
Se Bouges è innegabilmente una costruzione molto ordinata, non presenta le sottigliezze architettoniche del Petit Trianon. D’altra parte, la sua organizzazione di padiglioni evoca alcuni hotel parigini come l’hotel Peyrenc de Moras e anche il castello di Marly. Nella seconda metà del XVIII secolo, ci sono evidenti somiglianze con il castello di Canon (Calvados), ristrutturato nel 1770 per Jean-Baptiste Elie de Beaumont.

Il castello è un edificio a pianta rettangolare di 28 x 21 metri con nove campate sulle facciate principali e cinque campate sulle facciate laterali. Le facciate principali si aprono sul cortile principale e l’altra sulla grande prospettiva del tappeto verde. Sotto un frontone triangolare, le tre baie centrali spiccano in leggera sporgenza, formando un falso front-body, su una base continua di refends che rispondono agli angoli trattati nei boss con fenditure. Al piano terra, questo falso fronte è trafitto da tre finestre semicircolari, tra cui la porta d’ingresso a cui si accede da pochi gradini, e sul pavimento di tre campate rettangolari unite da un balcone sostenuto da quattro mensole.

L’asse mediano è anche caratterizzato dall’uso di un frontone triangolare, l’uso di tetti continui e l’uso di una baia centrale semicircolare al piano terra, e rettangolare al primo piano, incorniciata da un occhio di bue traforato o simulato. Ogni croce delle facciate laterali è evidenziata da una cornice di aiuole che anima le pareti di pietra liscia.

La casa è costruita in pietra Villentrois. La separazione tra i due livelli è contrassegnata da una semplice striscia e una cornice prominente, che rendono impercettibile il livello tra il piano terra e il primo piano e il livello delle stanze di servizio situate al secondo piano. La scultura è limitata ai frontoni e alle consolle dei balconi e all’uso sistematico delle balaustre per circondare le aiuole e per nascondere la terrazza sul tetto che fu incoronata con una cupola di ardesia nel XVIII secolo.

Interiors
Château de Bouges si distingue grazie all’ingegnosità della sua organizzazione interna a tre profondità, che offre la massima apertura verso l’esterno rilasciando il centro dell’edificio, occupato al piano terra da un grande vestibolo che collega la sala d’onore alla fiera dei giochi . Le altre sale di ricevimento sono disposte al piano terra con le necessarie autorizzazioni e le stanze di servizio, mentre la grande scalinata viene respinta sul lato nello spessore del vestibolo. Al piano superiore, l’estremità destra della scala conduce a un vuoto centrale attorno al quale si sviluppano gli appartamenti padronali e le camere degli ospiti, cinque in numero. Le ampie finestre sono dotate di persiane interne e sono sapientemente suddivise per dare il giorno al soppalco. Le cucine, la lavanderia, le cantine e lo stoccaggio sono nel seminterrato.

La creazione, molto probabilmente solo alla fine del diciannovesimo secolo, di un lucernario illuminato da un lucernario sopra il vuoto centrale, ha introdotto un secondo asse luminoso molto originale tracciando una parte interessante dal layout originale.

Parco
La tenuta comprende su 80 ettari un parco paesaggistico, un arboreto, un bouquet di fiori creato nel 1920, grandi serre e giardini francesi di un ettaro ridisegnati nel secolo scorso dal padre e dal figlio Duchêne. Il parco offre anche bordure di bosso e tassi di cono, tutti circondati da una doppia fila di tigli. La prospettiva del bacino conduce al buffet d’acqua del ninfeo, al centro del prato si erge un gruppo scolpito di marmo bianco rappresentante Ercole. Il giardino è composto da due assi principali, all’incrocio del quale è un bacino circolare. La grande serra ospita alcune specie di piante rare o esotiche.

Il parco in stile inglese copre 80 ettari di alberi liquidambar, alberi di tulipani, faggi, berberi, sommi … Il parco è etichettato con il logo che mostra due mezze sagome di alberi Giardino notevole.

Stalle sontuose installate nel comune, sede delle carrozze trainate dai suoi ultimi proprietari.

Protezione
Château de Bouges è stato classificato come monumento storico dal 7 settembre 2001. Questo riguarda il castello, i suoi annessi, i suoi giardini, il suo parco, così come gli edifici e le mura di recinzione e il vialetto. ‘arrivo. Questo decreto annullò le precedenti misure di protezione: il decreto di classificazione come monumenti storici del 28 dicembre 1961 e gli ordini di iscrizione sotto i monumenti storici del 21 ottobre 1944 e del 3 marzo 1997.

Filmografia
Il castello e il suo parco sono stati utilizzati come ambientazione per alcune scene del film di Yves Angelo Le Colonel Chabert (1994) con Gérard Depardieu e Fanny Ardant.

Tags: