Chateau-Arnoux-Saint-Auban, Alpi dell’Alta Provenza, Francia

Château-Arnoux-Saint-Auban è un comune francese, situato nel dipartimento delle Alpi dell’Alta Provenza nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Quinta città delle Alpi dell’Alta Provenza, conta 5500 abitanti. Capitale dell’omonimo Cantone, è la città centrale del Pays Durance Provence e della Comunità di Agglomeration Provence Alpes Agglomeration. Il castello, che attualmente ospita il municipio, è stato elencato più volte.

Château-Arnoux-Saint-Auban si trova in Alta Provenza, sulla riva destra della Durance, nel cuore del dipartimento delle Alpi dell’Alta Provenza. Accessibile da Aix Marsiglia dalla A 51 e da Grenoble dalla Route Napoléon e dalla A 51, Château-Arnoux-Saint-Auban si trova al crocevia di questo asse Duranciano e la strada di Napoleone che conduce a Nizza.

Il territorio del comune è densamente occupato nei tempi antichi. La sua posizione favorevole sulle rive della Durance e su una strada trafficata ha motivato la creazione di un castello, che prende il nome da uno dei suoi primi signori. Château-Arnoux rimane un unico distretto rurale fino all’inizio del xx secolo. La sua posizione lontana dai confini, protetta dalle invasioni delle Alpi e dotata di un collegamento ferroviario, ha motivato l’installazione di un importante impianto di produzione di armi chimiche nel villaggio di Saint-Auban durante la prima guerra mondiale, che cambia volto.

Oggi, il nome della città tiene conto di questa dualità, un villaggio medievale da un lato, una città industriale dall’altro, la cui fabbrica Arkema ha corso molti rischi dal primo inquinamento della Durance, ma porta la prosperità a tutto cittadina.

Storia
La Durance fu in particolare nel periodo neolitico un luogo attivo di commercio e insediamento. Ne è testimonianza il sito vicino ad Aubignosc. L’era gallo-romana fece della Durance un importante asse di comunicazione. Via terra, con la Via Domizia che confina con il territorio, via acqua, la Durance era quindi navigabile. L’antico porto di Bourguet, a Escale sull’altra sponda, è una testimonianza notevole.

antichità
Ben situato nella valle della Durance, il territorio del comune è densamente occupato durante l’antichità. Il suo territorio fa parte di quello dei Sogiontiques (Sogiontii), il cui territorio si estende dal sud delle Baronnie alla Durance. I Sogiontiques sono federati con i Voconces e, dopo la conquista romana, sono collegati con loro alla provincia romana di Narbonnaise. Nel II secolo, sono distaccati da Voconces e formano una civitas distinta, con la sua capitale Segustero (Sisteron).

Medioevo
Nel Medioevo, il villaggio occupava le alture di Saint-Jean, al riparo dal temuto passaggio delle truppe armate e dai capricci e dai fastidi del fiume.

Mentre il sud-est della Gallia era una terra borgognona, il re degli Ostrogoti Teodorico il Grande conquistò la regione tra la Durance, il Rodano e l’Isère nel 510. Il comune dipende quindi di nuovo brevemente dall’Italia, fino al 526. In effetti, per riconciliarsi con il re borgognone Gondemar III, il reggente ostrogotico Amalasonthe gli restituisce questo territorio.

La località appare per la prima volta nelle carte nel 1182 (Castrum Arnuphum), il villaggio si trova quindi sulla collina di Saint-Jean.

Nel 1129, il conte di Forcalquier Bertrand I di Forcalquier conquistò il castrum, che apparteneva a Entrevennes-Mison. Gli abitanti si erano rifiutati di pagare l’albergue, approfittando delle guerre Baussenque per dichiarare di essere sottomesse al conte di Barcellona. Nel XIII secolo, l’abbazia Saint-André de Villeneuve-lès-Avignon possiede il Saint-Pierre-de-la-Durance e percepiva entrate.

Il 29 giugno 1220, gli accordi Meyrargues furono firmati tra Guillaume de Sabran e Raymond Bérenger IV de Provence, sulla contea di Forcalquier che stavano contestando. Il nord della contea, da Forcalquier compreso fino a Buëch, andò al conte di Provenza, meno alcune enclavi come Château-Arnoux che rimasero a Guillaume de Sabran.

Il feudo dipendeva da Agoult nel XIV secolo, prima di trasferirsi a Glandevès (XV secolo) e nella Foresta (Xvi secolo), e infine in Lombardia (che aggiunge Château-Arnoux nel loro nome). La comunità passò sotto la sorveglianza di Sisteron.

Tempi moderni
Lo sviluppo economico e il commercio portano al trasferimento del villaggio nella valle, la sua situazione attuale. Château-Arnoux era una delle residenze di una delle più potenti famiglie provenzali, i GLANDEVES, che costruirono il loro castello.

Durante le guerre di religione, i duchi di Lesdiguières e Lavalette si incontrarono lì nel 1588, al fine di pacificare la regione.

Rivoluzione ed Impero
Durante la Rivoluzione francese, in seguito al decreto della Convenzione del 25 ° anno Vendémiaire che invita i comuni con nomi che potrebbero ricordare memorie di regalità, feudalesimo o superstizioni, per sostituirli con altri nomi, il comune cambia nome in Roche-Arnoux.

Nel 1793 il castello fu demolito, anche se i lavori non furono completati.

Tuttavia, le cinque torri furono abbassate in questo momento.

19esimo secolo
L’istituzione della ferrovia, il ponte sul Durance che sostituì il sistema dei traghetti, mise Château-Arnoux nell’era industriale.

Nel 1829, la costruzione di un ponte sospeso doveva raddoppiare l’antico ponte Baume de Sisteron, più a monte. La sua costruzione fu completata nel 1833, ma le catene di sospensione si ruppero durante la prova di carico (con 10 m 3 di ghiaia insaccata posta sul ponte). Fu infine messo in servizio nel 1836; il suo grembiule è lungo 114 m.

Come molti comuni del dipartimento, Château-Arnoux aveva una scuola molto prima delle leggi di Jules Ferry: nel 1863 ne aveva già una che forniva istruzione primaria ai ragazzi, nella capitale. La stessa istruzione viene impartita alle ragazze, sebbene la legge di Falloux (1851) richieda solo l’apertura di una scuola femminile nei comuni con oltre 800 abitanti. La città beneficia dei sussidi della seconda legge Duruy (1877) per rinnovare la sua scuola.

20 ° secolo
Lo stabilimento in città in un luogo chiamato Saint-Auban nel 1916 dello stabilimento chimico ALAIS-FROGES-CAMARGUE. Destinato all’industria bellica in questa prima guerra mondiale. Nacque così uno dei principali siti industriali alpini con un massimo di 2.500 lavoratori all’inizio degli anni ’70.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, per prepararsi allo sbarco in Provenza, il 143 ° Reggimento di fanteria americano libera le città e i villaggi sul suo cammino, tra cui Saint-Auban e, di conseguenza, Château-Arnoux.

Fino alla metà del xx secolo, la vite veniva coltivata a Château-Arnoux-Saint-Auban. Il vino prodotto, di qualità mediocre, era destinato al consumo domestico. Questa cultura è ora abbandonata.

Nel 1959, il ponte sospeso di 123 anni fu chiuso, dopo essere stato sottoposto a importanti riparazioni nel 1899 e nel 1919. Fu sostituito dal ponte della diga L’Escale.

L’installazione cittadina produsse un complesso industriale autonomo su larga scala, una fabbrica e una città dei lavoratori. Incredibile melting pot di nazionalità, dotato di tutti i servizi del paternalismo industriale trionfante, la città dei lavoratori di Saint-Auban è stata per molti anni un modello in questo campo. Questo esemplare in realtà è un modello del patrimonio industriale del XX secolo. Giardini cittadini, struttura il paesaggio urbano e le relazioni sociali di un’epoca. Due popolazioni vivevano così fianco a fianco sullo stesso territorio. La città operaia di Saint-Auban e il villaggio rurale di Château-Arnoux. Due popolazioni con aspirazioni e tradizioni divergenti hanno partecipato a un mix economico e sociale. Questa simbiosi fu confermata dal cambio di nome da Château-Arnoux a Château-Arnoux-Saint-Auban durante gli anni ’80.

Oggi, il comune sta lavorando all’interno della Comunità di Middle Durance e Pays Durance nei comuni della Provenza alla nascita di un nuovo modello economico che combina industria tradizionale e sviluppo turistico. Per questo, si basa sull’eccezionale qualità del suo ambiente. La Durance e il suo lago, le colline dell’Alta Provenza sono diventate una destinazione riconosciuta per la pratica di sport all’aria aperta e l’osservazione della flora e della fauna.

Patrimonio storico
Sul bordo del lago, c’è una passeggiata alberata. Importante sito ornitologico. Il castello è un sito classificato.

Castello
Il municipio è situato in un castello rinascimentale ma in stile gotico, in parte elencato e in parte elencato come monumento storico. Fu costruito da Pierre de Glandevez, intorno al 1510-1515, il castello fu completato prima del 1530, su un vecchio castello fortificato. Dal vecchio castello, ci sono ancora feritoie bloccate e un cannoniere in una delle torri. È accostato da cinque torri, due tondi, due quadrati e uno esagonale in cui si sviluppa una scala monumentale, di 84 gradini decorati con sculture rinascimentali che rappresentano personaggi mitologici, tranne al primo piano, dove la coppia commissionante (Pierre de Glandevès e Madeleine de Villemus) è rappresentato; le finestre sono bifore. Alcuni sono sormontati da timpani semicircolari, in stile rinascimentale, altri da semplici pinnacoli con ornamenti. Appartiene al comune dal 1947. Il camino monumentale e la porta della Sala Grande sono riccamente decorati con intonaci. Fu restaurato nel 1966 e 1979.

Raro esempio di architettura rinascimentale, il castello fu costruito da Pierre de Glandeves dal 1515. Ha ancora gli attributi di una roccaforte: tracce di macchicolazioni, feritoie miste, corde e armi da fuoco.

Le sue quattro torri di difesa e la sua magnifica scalinata lo rendono fantastico. La scala monumentale è decorata con sculture mitologiche. La porta di accesso alla sala d’onore è storica. La scala, classificata come monumento storico, è visitabile su richiesta.

Le facciate rinascimentali hanno magnifiche bifore. Osserviamo anche gli stupefacenti ceppi aggrovigliati dei camini e i gargoyle particolarmente evocativi. Dal 1947, il castello ha ospitato i servizi municipali in uno dei municipi più belli dell’Alta Provenza.

Il parco è organizzato attorno ai percorsi delle briglie. È adornato con una fontana che ricopre il pendio del terreno in questa posizione. Le terrazze sono disposte grazie a terrazze e boscose con querce, aceri, tigli e castagni. Con il suo parco, è classificato come sito registrato dal 1951.

Architettura civile
A Petites Fillières, c’è una fattoria risalente al 1667, a volta con archi bassi ad arco. Al Font-Robert, i grandi tetti della casa colonica ad una sola pendenza, risalenti al xvii secolo: attualmente ospita un auditorium.

Case di legno con una struttura portante interna a forma di bussola furono costruite nel 1943 da Jean Prouvé e Pierre Jeanneret in un complesso residenziale. Due di questi, situati in rue de la Colline, sono monumenti storici elencati. Mulino a vento; ponte della diga.

Passaggio del canale di Oraison. Diga lunga 445 m.

Un ponte sospeso fu costruito sopra la Durance negli anni 1830: la decisione fu presa nel 1829 e il sito durò fino al 1833. Il ponte era lungo 114 m; ma le catene di sospensione si rompono durante la prova di carico. Fu ricostruito più solido e messo in servizio nel 1836 o 1837 con un grembiule di 118 m in una sola campata presa dalla RN 85. Subì importanti riparazioni nel 1899 e 1919, e non fu chiuso fino al 1959 con la costruzione dell’Escale ponte-diga.

La città ha uno dei rari monumenti ai morti pacifisti in Francia.

Villaggio di Château-Arnoux-St Auban
Situata sulla riva destra della Durance, è la quinta città del dipartimento con 5500 abitanti. I due villaggi, Château-Arnoux a est e Saint-Auban a ovest, formano un unico comune. Castrum Arnulphi era probabilmente il nome del costruttore del primo castello fortificato situato sulla collina di San Giovanni.

La Chapelle Saint-Jean (1667-1668) ad un’altitudine di 665 metri è accessibile dall’ufficio turistico da un sentiero segnato. Mobili contemporanei e vetrate del famoso artista Bernar Venet. La cappella è aperta il mercoledì a luglio e agosto dalle 16:00 alle 19:00. Ogni domenica mattina, c’è un grande mercato provenzale a Saint-Auban in Place Pechiney. Giovedì pomeriggio dalle 15:00 alle 19:00, un piccolo mercato biologico in Place de la Resistance a Château-Arnoux.

Il prestigioso castello fu costruito da Pierre de Glandevès tra il 1510 e il 1530. Oggi ospita i locali del Municipio. La scala a chiocciola, classificata come monumento storico, è decorata con notevoli figure mitologiche. Il parco del castello è stato classificato dal 1951 come “sito naturale e monumento”, con alcune querce antiche come il castello.

Patrimonio religioso
Il priorato di Saint-Pierre-es-Liens, il xi secolo, classificato monumento storico è costruito vicino al cimitero. Alcune pareti dell’abside e della porta rimangono dal primo stato. Attualmente, questi resti sono integrati in una villa.

La chiesa parrocchiale, posta sotto il nome di San Bernardo, e patrocinata dai legami di San Pietro, è stata costruita nel 1634. La navata è a volta con costole e delimitata da navate laterali. Il campanile è una torre, costruita contro il coro, con una freccia a fianco di quattro piramidioni.

La cappella Saint-Jean-Baptiste, costruita nel 1667-1668, ha una baia coperta e due volte. Offre uno splendido panorama sulla valle della Durance e sulle Alpi.

La Chiesa di Gesù Lavoratore a Saint-Auban fu costruita nel 1938-1939 da Bénézech, dove nel 2007 il coro era stato appena ridipinto in 3 dipinti di ispirazione locale.

Eredità culturale

Mercato biologico
Ogni giovedì dalle 15:00 alle 19:00, in Place de la Resistance, produttori locali, vendita di prodotti biologici o prodotti da agricoltura sostenibile.

Festival ed eventi
Questa piccola città è la cornice di vari eventi.

Evento culturale: “Les Festives de Font Robert” a luglio.
Evento sportivo: giro in mountain bike “La Jarlandine” a maggio.
Evento gastronomico: la festa dell’amico del pane, 1 ° domenica di settembre, numerosi eventi, mostre di artisti regionali, pasti …
Mercato delle pulci: ogni altro sabato, Esplanade de la Resistance, organizzazione ufficiale e professionale
Domenica mattina, grande e tradizionale mercato provenzale a Saint-Auban.

Spazio naturale

Agricoltura e agro-turismo
Un plateau agricolo relativamente omogeneo nel settore Plan. È la zona agricola più importante della città, che ha un’ottima idoneità del suolo (pendii bassi, abbastanza carico di pietre e fertilità abbastanza elevata), di buona qualità agronomica e irrigata. Il suo forte potenziale agricolo e il suo valore paesaggistico rendono il Piano un’area agricola da preservare.

Una zona agricola a Les Salettes, all’interno della pianura alluvionale della Durance, presenta un forte interesse turistico. Questa zona agricola, che è in parte interessata dal progetto di ecoturismo realizzato da Provence Alpes Agglomeration.

Escursionismo
La base per mountain bike della Val de Durance si trova presso l’Ufficio del Turismo di Château-Arnoux e offre oltre 600 km di sentieri segnalati. 28 circuiti ad anello di tutti i livelli, un circuito di evoluzione, officine di manovrabilità … Ci sono anche molti sentieri escursionistici disponibili nella zona. Le guide Topo sono in vendita presso l’Ufficio del Turismo.

Un altro modo di scoprire la natura e praticare sport: orientamento: disciplina sportiva o attività del tempo libero, l’orientamento consiste nel trovare gli indicatori usando una mappa e una bussola. Percorsi permanenti sono in atto a Château-Arnoux. Mappa in vendita presso l’Ufficio del Turismo.

Numerosi sono anche i percorsi di interpretazione del patrimonio, accessibili a tutti.

Ciclismo
Questo itinerario vi porta da Château-Arnoux a Peyruis attraverso un bellissimo sentiero in mezzo alla natura. Partenza da Château-Arnoux, è un circuito molto bello con alcune difficoltà tecniche, passerelle pedonali, ponti, autobus lunghi, principalmente su piste a binario singolo, mountain bike pura.

Arrampicata su roccia
La roccia è fatta di pietra calcarea e si evolve su diversi profili: lastra, verticale, inclinata. L’altezza minima è di 15 me la massima è di 40 m.

Tags: