Cattedrale di Santa Croce e Santa Eulalia a Barcellona, ​​Spagna

La Cattedrale di Santa Creu i Santa Eulàlia è la cattedrale gotica di Barcellona, ​​sede dell’arcidiocesi di Barcellona. La cattedrale fu costruita tra il XIII e il XV secolo sullo stesso sito dove c’erano una cattedrale romanica e, prima ancora, una cattedrale paleocristiana. La facciata, di stile gotico, moderno (secolo XIX). L’edificio è un bene di interesse culturale e, dal 2 novembre 1929, un monumento storico artistico nazionale.

La cattedrale è dedicata alla Santa Croce, sua principale devozione, ea Santa Eulalia, patrona di Barcellona, ​​una giovane vergine che, secondo la tradizione cristiana, subì il martirio in epoca romana. La dedica del tempio alla Santa Croce, molto insolita, è una delle più antiche del mondo cristiano e risale probabilmente alla metà del VII secolo. La dedica a Sant’Eulalia è nota dall’877, quando il vescovo Frodo localizzò le spoglie della santa e le trasferì solennemente nella cattedrale.

La sua forma è pseudo-basilicale, a volta su cinque navate, le due esterne divise in cappelle. Il transetto è troncato. L’estremità orientale è un abside di nove cappelle radianti collegate da un ambulacro. L’altare maggiore è rialzato, permettendo una visione chiara della cripta. La cattedrale ha un chiostro gotico in cui vivono tredici oche bianche (si dice che Eulalia avesse tredici anni quando fu giustiziata e che allevava oche nella sua proprietà a Sarrià, vicino alla città).

Gli stalli del coro conservano gli stemmi dei cavalieri dell’Ordine del Toson d’Oro. Nel suo primo viaggio in Spagna, Carlo, il futuro imperatore del Sacro Romano Impero, scelse Barcellona come sede di un capitolo del suo Ordine. Il re era arrivato per la sua investitura come conte di Barcellona e la città, in quanto porto del Mediterraneo, offriva la più stretta comunicazione con altri lontani domini asburgici, mentre le grandi proporzioni della cattedrale avrebbero potuto ospitare le grandi cerimonie richieste. Nel 1518 l’araldo dell’Ordine, Thomas Isaac, e il suo tesoriere, Jean Micault, furono incaricati di preparare il santuario per la prima seduta del capitolo nel 1519. Juan de Borgonya eseguì la decorazione dipinta del santuario.

Storia
La città di Barcellona deve aver ricevuto presto la luce della fede cristiana. I martiri di Sant’Eulalia e di San Cugat, durante la persecuzione di Diocleziano-Massimiano, testimoniano che c’erano cristiani a Barcellona almeno alla fine del III secolo e nei primi anni del IV.

Tutte solide congetture suggeriscono che a quei tempi Barcellona avesse già un tempio episcopale, o cattedrale, che poco dopo avrebbe utilizzato per il ministero pastorale altri vescovi significativi della nostra diocesi: San Paciano (390), Lampi (400), Nundinari (461 ), Nebridi (540), Ugne (599), Sever (633), Quirze (656), Idali (688), Laülf (693), Frodoí (890), ecc. Nel 599 questa cattedrale appare in un documentario dedicato al Santa Croce (secondo concilio di Barcellona).

Gli scavi di Suara effettuati nel seminterrato di Carrer dels Comtes a Barcellona (che attualmente delimita la parete est della Cattedrale) hanno portato alla luce un edificio a tre navate, separate da due serie di colonne di marmo bianco, che è senza dubbio da identificare. con questa basilica paleocristiana di Barcellona costruita nel IV secolo e nobilitata, nonostante le difficoltà causate dalla lotta ariana, da altri vescovi per sette secoli.

Nell’877, questa basilica ospitava solennemente, in una delle sue cappelle, le reliquie di Sant’Eulalia, le quali, nascoste affinché gli invasori arabi della nostra penisola (711) non le dissacrassero, furono miracolosamente ritrovate in quella data nel tempio di Santa Maria de les Arenes, o del mare.

Questa cattedrale primitiva, profondamente danneggiata da Almançor, quando questo leader arabo diede fuoco e distrusse la città, rimase in piedi fino al 1046, quando il conte di Barcellona, ​​Ramon Berenguer, il Vecchio, e sua moglie Almodis, con il vescovo Guislabert, intrapresero il costruzione di un’altra cattedrale, la cosiddetta cattedrale romanica. Questa seconda cattedrale fu consacrata il 18 novembre 1058 dall’arcivescovo Guifred, metropolita di Narbonne.

Sulle fondamenta della primitiva basilica paleocristiana, e della successiva cattedrale romanica, fu edificata l’attuale cattedrale in stile gotico. I lavori iniziarono il 1 maggio 1298, durante il pontificato del vescovo Bernat Pelegrí e il regno di Giacomo II d’Aragona, il Giusto; e furono praticamente completati a metà del XV secolo, al tempo del vescovo Francesc Climent Sapera e di Alfonso V re d’Aragona.

Nel 1882, in occasione dell’Esposizione Universale convocata per il 1888, dopo quasi quattrocento anni senza grandi lavori nella cattedrale, grazie al promotore Manuel Girona i Agrafel e ai suoi fratelli, se ne andò. a convocare il concorso per la costruzione della facciata, che stabiliva come criterio il rispetto dello stile gotico. La riforma fu assegnata a Josep Oriol Mestres, architetto titolare della cattedrale dal 1855, che si ispirò alle tracce fatte nel 1408 da Carles Galtés de Rouen.

Alla fine del XIX secolo, l’industriale di Barcellona, ​​Manuel Girona i Agrafel, si offrì di pagare per i lavori sulla facciata e sulle sue due torri laterali, eseguiti secondo i piani dell’architetto Josep O. Mestres, ispirato da il progetto iniziale che era già stato disegnato nel XV secolo. I figli del signor Girona completarono l’attività del padre con la costruzione della cupola, completata nel 1913.

L’edificio
L’edificio è costituito dal tempio e dal chiostro perfettamente uniti da un proprio stile gotico. Le dimensioni della cattedrale sono all’esterno 93 metri di lunghezza per 40 di larghezza e 28 di altezza nella navata centrale; il giardino del chiostro è di 25 metri per lato più sei di ciascuna delle quattro gallerie che lo circondano. I campanili sono alti 53 metri; la cupola, 80 all’esterno e 41 all’interno, dal pavimento alla chiave di volta. All’interno le navate sono lunghe 79 metri e larghe 25 metri, a cui vanno aggiunti sei metri per lato per la profondità delle cappelle laterali. Questi sono alti nove metri e larghi sei all’ingresso. La navata centrale è alta 26 metri e larga tredici; quelle laterali, alte 21 e larghe 6 (quanto le cappelle). I pilastri, dal pavimento alle persiane, sono alti 15,5 metri. Nel 1997,

La Cattedrale di Barcellona ha tre navate, ma con un’unica abside e deambulatorio, o deambulatorio. Le navi hanno cinque sezioni; la sezione immediata della facciata è più lunga delle altre tre, per assecondare le sue dimensioni a quelle della cupola che si eleva accanto al portone principale. La struttura architettonica tipica del gotico catalano, ordinata per sfruttare gli spazi interni dei contrafforti, permette di aprire verso l’interno della Cattedrale una serie seguita da cappelle secondarie che circondano tutta la basilica: nelle navi, queste cappelle sono due per ogni tratto.

Agli estremi del tratto prossimo al presbiterio, libero da cappelle laterali, si innalzano i due grandi campanili, uno sopra il portale di San Luigi e uno sopra la porta interna di accesso al chiostro; sulle terrazze della basilica, queste torri sono ottagonali, con corpo prismatico, destinato a scale, cui è annessa (1386-1393 e XVI secolo). Grandi finestre, aperte sull’imboccatura delle cappelle radiali del deambulatorio, illuminano il presbiterio. La parte superiore delle cappelle, nelle navate laterali, corre un alto loggiato con le finestre aperte sul muro esterno della basilica. Un piccolo triforio circonda la navata centrale e il presbiterio intorno alla volta.

Struttura del tempio
La cattedrale è formata da tre navate della stessa altezza, che dalla falsa crociera le navi circolari si uniscono in girola, avvenendo dietro il presbiterio e formando un arco semicircolare, dove alloggiano nove cappelle; al di sopra di queste cappelle vi sono grandi vetrate istoriate e un falso triforio da cui si possono vedere le chiavi della volta a una distanza di circa tre metri.

Una caratteristica singolare è che la cupola non è, come al solito, nel transetto, ma ai piedi della navata centrale, a coronamento del primo tratto, adiacente alla facciata principale. È, quindi, il primo elemento architettonico che vede chi entra dal portone principale. La facciata fu chiusa nel 1417 e i lavori per la cupola iniziarono nel 1422, ma sei anni dopo furono interrotti: le corna e la galleria gotica ottagonale, la ringhiera e l’inizio degli archi, così come i medaglioni e i chiodi, avevano stato fatto. decorativo, opera dei fratelli Antoni e Joan Claperós. Quando il vescovo Climent Saperadied nel 1430, la costruzione fu interrotta: fu posto un tetto in legno che durerà fino alla ripresa dei lavori nel 1906, quando August Font i Carreras incoronò la cupola.

La navata centrale è larga il doppio dei lati e oltre alle cappelle della testata ve ne sono altre diciassette distribuite nel suo perimetro, a cui vanno aggiunte le venti cappelle del chiostro e la cappella di Santa Lucia con ingresso dall’esterno .

La distribuzione a tre navate è comune nelle grandi chiese gotiche, ma mentre nelle cattedrali francesi e in quelle che ne seguono lo stile, quella centrale è più alta di quelle laterali e ha grandi finestre nelle pareti, (si veda ad esempio la cattedrale di Reims) a Barcellona sottolinea l’unità dello spazio, sollevando le tre navi quasi alla stessa altezza, analogamente a quanto si fa in altre chiese del gotico catalano: ad esempio, a Santa Maria del Mar adotta approssimativamente la stessa soluzione, e in altri casi, come in Santa Maria del Pi o nella chiesa del monastero di Pedralbes, l’unità dello spazio è portata a termine realizzando un’unica navata.

Contrafforti interni
I muri delle facciate esterne non sono posti ai lati delle navate laterali, ma si spostano all’esterno lasciando i contrafforti interni all’edificio, quando normalmente sono esterni. Ciò aumenta la larghezza apparente della cattedrale, con l’impressione di aggiungere un’altra navata su ciascun lato, ma poiché lo spazio tra i contrafforti non è coperto da una volta a transetto ma da due, l’impressione è che abbiano aggiunto due navate su ciascuna laterale e che la cattedrale ha sette navate invece di tre. Ciò ha effetti sull’illuminazione degli interni e sulla disposizione delle cappelle.

Effetti luminosi
Allargato lo spazio, le vetrate sono molto più lontane dal centro, e anche l’arrivo della luce è ostacolato dai contrafforti e dagli archi che sorreggono le volte tra i contrafforti. La parte della cattedrale in cui si verifica meno questo oscuramento è l’abside, che è l’unica parte in cui i contrafforti sono lasciati all’esterno e le vetrate sono collocate sul bordo della navata laterale.

Effetti sulle cappelle
Quando i contrafforti si trovano all’esterno, tra di loro si trovano le volte che formano il tetto delle cappelle e hanno un’altezza proporzionata alla loro dimensione, come nella chiesa di Santa Maria del Mar). Nella cattedrale di Barcellona, ​​invece, l’altezza del soffitto tra i contrafforti è eccessiva per formare lo spazio raccolto che si adatta alle cappelle, quindi le cappelle (due in ogni spazio tra i contrafforti) sono coperte da volte più basse di quelle che lasciano una galleria in cima.

L’intenzione originaria era quella di costruire più cappelle sopra la galleria, e infatti quattro furono costruite sopra la galleria accanto al Vangelo accanto alla porta di San Giovanni, di cui si può ancora vedere la fornitura di cappelle doveva essere eccessiva perché non più sono stati costruiti.

Esterno
Le dimensioni esterne della Cattedrale sono lunghe 93 metri, larghe 40 metri e alte 28 metri nella navata centrale. I campanili si innalzano fino a 54 metri. La cupola è alta 70 metri all’esterno e 41 metri all’interno.

Facciata principale e cupola
La facciata neogotica, progettata dall’architetto Josep Oriol Mestres nel 1882, è larga 40 metri, è costituita da una facciata fiancheggiata da due torri con finitura agugliata ed è decorata con tutti i tipi di elementi di stile gotico di linee verticali e con grande profusione di immagini di angeli e santi. Sulla facciata sono visibili otto vetrate, la maggior parte delle quali moderniste, ma anche rinascimentali, come la famosa Noli me tangere disegnata da Bartolomé Bermejo, in basso a sinistra.

La cupola, progettata dall’architetto August Font i Carreras ha un’altezza di 80 metri, è stata realizzata tra il 1906 e il 1913. Il coronamento esterno della cupola termina con la colossale immagine di Sant’Elena, madre di Costantino, che innalza la Croce. Secondo la tradizione ha riscoperto la Vera Croce, invocazione della cattedrale insieme a quella di Sant’Eulalia; questa scultura è stata realizzata dall’artista Eduard Alentorn ed è stata girata durante la guerra civile spagnola. Alle estremità della cresta ci sono immagini di angeli alati.

Porte
Ci sono cinque porte per la Cattedrale di Barcellona:
La porta principale, situata al centro della facciata della Plaza de la Catedral, è stata progettata dall’architetto Josep Oriol Mestres. È del XIX secolo in stile neogotico, con un grande arco gotico con archivolti, presieduto nella sua parte principale da una scultura di Cristo, dallo scultore Agapit Vallmitjana i Barbany, e su entrambi i lati della porta, le immagini di gli apostoli, dello stesso autore. Negli archivolti del portale sono presenti sculture di angeli, profeti e re per un totale di 76 figure che insieme alla falegnameria della porta furono realizzate dallo scultore Joan Roig i Solé. La faccia interna, invece, risale al XV secolo, e sull’estradosso dell’arco d’ingresso troviamo i medaglioni incisi nella pietra, che sono dell’artista Antoni Claperós, e che rappresentano l’Ascensione e la Pentecoste.

Portal de Sant Iu, è il più antico e per cinquecento anni è stato l’ingresso principale della cattedrale, dalla croce sul lato del Vangelo. La sua dedizione è dovuta all’edificio di fronte a lui, appartenuto per molti anni ad avvocati, il cui santo patrono è Sant Iu. Realizzato in marmo e pietra della montagna di Montjuïc, è uno dei primi tentativi di arco ogivale del gotico catalano (1298), e contiene alcuni elementi piuttosto originali all’interno del gotico e che sono considerati un esempio dei dubbi inizi del questo stile.

Così, sui pilastri ci sono angeli musicali che sporgono la testa dall’estradosso dell’arco, come se volessero uscire dal muro, e gli archi sopra la porta sono separati da elementi che rappresentano bastoni da passeggio, con l’estremità curva in alto, al posto dei pilastri, come è più comune (si veda ad esempio la facciata di Santa Maria del Pi, di composizione molto simile). Nel timpano è un’immagine di Santa Eulalia attribuita alla scuola di Jaume Cascalls fine secolo XIV, su ogni lato, all’interno del timpano, è presente una piccola testa, meramente ornamentale.

Su ogni lato della copertina sono presenti rilievi marmorei costituiti da imposte, tre per lato, rappresentanti due temi: la lotta dell’uomo contro le bestie e l’interpretazione della natura in modo religioso e simbolico, sulla linea dei bestiari medievali.

Da sinistra a destra troviamo:
Una gru che cattura un agnello tra i suoi artigli e che simboleggia il demone che intrappola l’anima del peccatore.
Un uomo selvaggio, con il corpo ricoperto di peli e vestito solo con una specie di pantaloncini. Rappresenta gli impulsi concupiscenti dell’uomo e nella sua mano porta un’arma che potrebbe essere un bastone o una mazza, ma non è possibile sapere perché un pezzo di esso sia andato perduto. Fa il gesto di colpire qualcosa che è di rilievo, cosa che non sappiamo neanche sia, ma sembra molto improbabile che sia la gru del rilievo sul lato. Infatti, visto l’ambiente forestale a cui sarebbe appartenuto l’uomo selvatico, alcuni autori hanno ipotizzato che in origine fosse destinato ad affiancare i rilievi sull’altro lato (il cerbiatto e la leonessa), che si ricollegherebbero allo stesso scenario .
La lotta di un uomo, vestito da soldato, con una gru, che simboleggia la lotta contro il diavolo. Non è chiaro chi vincerà, ma più efficace della spada, che la gru stringe per la lama, sembra essere lo scudo, con una grande croce incisa.
Un uomo vestito con una tunica e che combatte contro un leone, al quale accoltella un pugnale. Si suppone che rappresenti Sansone, a causa della sua somiglianza con altre rappresentazioni contemporanee, anche se dovrebbe uccidere il leone con le sue mani e non con un pugnale.
Un cerbiatto, che simboleggia il desiderio dell’anima di avvicinarsi a Dio. Sul retro c’è un albero con tre corone e due piccoli gufi in cima, che potrebbero essere solo a scopo decorativo.
Una leonessa che allatta due dei suoi cuccioli e ne protegge un terzo tra le gambe, di incerta interpretazione.

Alcuni autori attribuiscono questi rilievi all’antica cattedrale romanica, mentre altri ritengono che siano stati realizzati da artisti italiani nel XIV secolo. Sebbene le caratteristiche stilistiche denotino che provenissero dalla stessa mano o dalla stessa bottega, i rilievi non sembrano essere stati concepiti con un programma unitario né sono correlati tra loro, e alcuni studiosi hanno addirittura ipotizzato che la sua disposizione sia non quella prevista dallo scultore.

Porta della Misericordia. È uno degli ingressi esterni al chiostro, con un arco a baldacchino fiancheggiato da alti pinnacoli scolpiti con grande finezza. Sul timpano è presente un rilievo ligneo con la rappresentazione della Pietà (cioè la rappresentazione del dolore di Maria con Gesù morto in grembo) circondato dai simboli della Passione, opera dello scultore tedesco Michael Lochner, stabilito a Barcellona sin dal 1483; nell’angolo inferiore destro del timpano e in piccole dimensioni è rappresentato il canonico Berenguer Vila, che fu il donatore che finanziò il rilievo. Questa porta serve per fare l’ingresso alla cattedrale dalla crociera accanto all’Epistola, una volta attraversato il chiostro.

Porta de Santa Eulàlia, si trova in Carrer del Bisbe e l’ingresso è attraverso il chiostro, simile alla Porta de la Pietat, è costruita con un arco a baldacchino e nel timpano c’è una scultura di Santa Eulàlia, una riproduzione del originale dello scultore Antoni Claperós che è conservato nel museo della cattedrale. Ai lati dell’immagine sono scolpiti gli stemmi del vescovo Francesc Climent Sapera che ha pagato la galleria ovest del chiostro. Gli archivolti sono intagliati con fine fogliame.

Porta di Santa Lucia. È l’ingresso alla cappella esterna di questo santo, essendo la terza porta di accesso al chiostro. La porta è romanica con archivolti semicircolari, sorretti da tre annessi pilastri quadrangolari e due sottili colonne circolari libere di legno liscio su entrambi i lati della porta, e capitelli scolpiti con figure di animali e personaggi, accompagnati da trenta piante appartenenti a sei specie comuni. che sono distribuite da imposte e archivolti: foglie di quercia, di Anemone sp., di agrimonia e di Potentilla sp., fronde polypodium (una felce) e un’erba indeterminata.

Queste piante sono rappresentate con abbastanza realismo da identificarle, il che mostra che lo scultore aveva le piante di fronte, e la loro presenza è stata messa in relazione con la moda, che apparve nel nord della Francia all’inizio del XIII secolo, coerente con l’abbandono dell’acanto idealizzato che il Il romanico aveva ereditato dall’ordine corinzio dell’architettura classica, sostituendoli con rappresentazioni naturalistiche della flora locale. Oltre ai motivi vegetali, in alcuni archivolti e nella fascia superiore delle imposte troviamo motivi geometrici.

I quattro capitelli delle colonne, i due interni hanno solo motivi vegetali, l’esterno destro ha scolpito due quadrupedi (uno per lato, ma condividendo la stessa bocca, che è stata notata come un campione di non troppo buona qualità della scultura di questa porta) ea sinistra sono rappresentate le scene dell’Annunciazione e della Visitazione. Parte della decorazione della porta dovette essere ricostruita nel 1842 dalla caduta di una bomba, e il timpano, liscio, presenta dipinti non troppo ben conservati dell’inizio del XX secolo.

Campanili
Dalla fine del XIII secolo sono i due campanili, dall’inizio della costruzione gotica, la cui ubicazione corrisponde alle estremità del transetto. Entrambi sono ottagonali e alti 53 metri.

Una delle torri chiamate ore o orologio, si trova all’ingresso di Sant Iu. In cima a questa torre si trovavano gli orologi di riferimento in tutta la città, per iniziativa del Consiglio Comunale, come quello costruito da Bernat Desplà nel 1401, quello di Bernat Vidal dal 1464 al 1466, quelli di Jaume Ferrer del 1490 e il 1494 e soprattutto il cosiddetto orologio fiammingo (in servizio tra il 1577 e il 1864, oggi al Museo di Storia di Barcellona) e quello costruito dall’orologiaio svizzero Albert Billeter nel 1864, tuttora funzionante. All’ingresso della sala dell’orologio un’iscrizione ricorda che fu fatta nel 1577 e un’altra lapide riporta i nomi dei consiglieri di quell’anno.

La campana Eulàlia si trova anche in questa torre, che è la più grande, pesa 7 tonnellate, ed è quella che tocca le ore, e quella che porta il nome di Honorata e dà i quarti. La struttura superiore è in ferro splendidamente decorato ed è stata costruita alla fine del XIX secolo seguendo lo stile modernista. La vecchia versione dell’Honorata era stata distrutta dalle autorità borboniche nel 1714, insieme alla Piramide del Born, in un processo di distruzione dei simboli nazionali. La campana era servita come campana che suonava per mobilitare la popolazione durante i 14 mesi prima dell’assedio. Fu distrutta e con i cannoni di metallo fuso furono costruiti per la Cittadella.

L’altra torre è responsabile dell’orario della chiesa. In questo ci sono undici campane, tutte con nomi femminili.

Le campane
Il campanile del chiostro ospita un totale di undici campane di origini e tempi differenti. Dopo la Guerra Civile Spagnola al campanile rimasero solo cinque campane, due delle quali ancora oggi utilizzate: sono “l’Angelica”, piccola e dei primi del Settecento (è la più antica) e “la Tomasa”, quest’ultima è una delle campane più conosciute della città e della Catalogna; è un pezzo molto grande con un suono molto bello ma è completamente invisibile dalla strada. La Tomasa oltre ad essere molto spessa è anche molto spessa, questo rende la nota più acuta rispetto ad altre di dimensioni minori. Finita la guerra, quattro nuove campane furono suonate per arricchire il tutto.

Negli anni ’70 del Novecento l’azienda Guixà spostò le campane all’interno della torre e incorporò altre quattro campane. Le note della maggior parte delle campane esistenti offrivano la possibilità di creare un set sulla scala diatonica di si bemolle maggiore. Tre delle vecchie campane furono scartate e da allora sono state abbandonate in una stanza al centro della torre. La notte comune partì nel progetto di creazione della campana maggiore intonata in If b, la nota tonificante dell’ensemble, nel 1998 fu fusa la nuova campana denominata “Montserrat”, dono del Comune di Barcellona e della banca Crédito y Caución. Questa campana era la più grande e l’ultima realizzata da Guixà.

Gargoyles
Come la maggior parte delle cattedrali gotiche, anche quella di Barcellona ha centosessanta gargoyle, attraverso i quali l’acqua piovana scorre dai tetti.

I doccioni più antichi della cattedrale sono quelli dell’abside vicino alla porta di Sant Iu, che deve essere dell’inizio del XIV secolo, e rappresentano un uomo che indossa un berretto che ricorda un berretto, un cavaliere armato a cavallo, un unicorno e un elefante. Quella con l’elefante porta sul dorso una struttura a forma di castello, nello stile di quelli usati in oriente per la caccia o la guerra, e che gli elefanti indossano spesso nelle rappresentazioni medievali; il corno, che vediamo di colore diverso, è il risultato di una successiva riparazione.

Il gargoyle del cavaliere, apparentemente adornato con elmo, armatura, scudo e speroni, e il cavallo con le briglie, è stato collegato alla confraternita dei freneros o degli stevas (dall’invocazione di san Esteve), che raggruppava i freneros e i relativi mestieri , che produceva finimenti, armi e armature e occupava questa parte della città, conosciuta come il quartiere di La Freneria (c’è un pezzo di strada che conserva ancora questo nome) che si estendeva fino a Plaza de Sant Just; in questa stessa zona della cattedrale, in uno degli ossari situati tra i primi contrafforti dell’abside, si legge ancora un’iscrizione del 1740 con il nome della confraternita. Gli altri gargoyle nell’abside raffigurano animali comuni, come un bue, un agnello, un maiale e un cane dal collare, e nei contrafforti inferiori pecore, cani e lupi. Sono accompagnati da un leone,

I doccioni del chiostro risalgono al XV secolo e i quattro agli angoli rappresentano i simboli degli evangelisti. Secondo una tradizione popolare, i gargoyle sono streghe che, al passaggio della processione del Corpus Domini, sputano, essendo punite per essere state pietrificate come figure mostruose, con la missione di sputare acqua dai tetti della cattedrale.

Cappella di Santa Lucia
Ad angolo del chiostro con ingresso esterno si trova la cappella di Santa Lucia o delle Undici Mille Vergini. Fu costruita tra il 1257 e il 1268 in stile tardo romanico, su mandato del vescovo Arnau de Gurb (1252-1284) come cappella del palazzo episcopale, al quale era unito, e inizialmente estraneo alla cattedrale, che a quel tempo era più piccolo e non la raggiunse (la cappella fu completata trent’anni prima che iniziasse la cattedrale gotica).

A pianta rettangolare, a navata unica con volta a botte a sesto acuto e dimensioni molto ridotte, è costruito con volte molto regolari, la sua facciata presenta una porta ad arco semicircolare con archivolti e due colonne per lato con capitelli scolpiti a figure geometriche e d ‘animali; al centro della facciata si innalza un piccolo campanile a due cavità (aggiunto successivamente). All’angolo tra la facciata della cappella e la via del Vescovo si trova una colonnina scolpita a bassorilievo, che secondo una tradizione seicentesca ripetuta a lungo, sarebbe servita da modello di misurazione per il vecchio canneto usato in città, corrispondenti a 1.555 mm. Questa interpretazione è attualmente respinta, in quanto si tratta di un bastone decorativo che non ha le dimensioni di un bastone e si ripete, per simmetria, sull’altro lato della facciata.

Presenta un portone posteriore che consente l’accesso al chiostro e aveva una porta laterale che dava su via Bishop, murata nel 1821, il cui timpano è ancora visibile con un Agnus Dei in transizione dal romanico al gotico. All’interno sono presenti in due archi laterali, due tombe. Quello accanto all’Epistola (cioè entrando dalla porta principale a destra) è quello del vescovo in stile gotico Arnau de Gurb, che era stato murato per molti anni fino a quando non fu riscoperto e restaurato nel 1891. così il la disposizione di alcuni elementi potrebbe non essere quella originale, e quella del fianco del Vangelo (entrando dalla mano sinistra) quella del Canonico Francesco di Santa Coloma, del XIV secolo, sopra il quale si trova un calvario scolpito nella pietra con sfondo di vetro, lo stesso canone è raffigurato inginocchiato accanto alla croce,

La dedica originale della cappella era alla Vergine Maria, a Santa Quiteria ea tutte le sante vergini, con un altare dedicato a Santa Lucia e un altro a Sant’Agata. La dedica esclusiva a Santa Lucia risale al 1296 quando, secondo la tradizione, per intercessione miracolosa di questa santa, le ottenne una fanciulla nata senza occhi (Santa Lucia è considerata protettrice della vista).

Interni
Le dimensioni interne della Cattedrale, senza contare le cappelle su ogni lato, sono lunghe 79 metri e larghe 25; l’ingresso di ciascuna cappella è alto 9 metri, largo 5 metri e profondo circa 6 metri. La navata centrale è larga 13 metri e alta 26; le navate laterali sono larghe 6 metri e alte 21 metri; i pilastri, in piedi fino all’inizio degli archi, sono alti 15 metri.

Altare maggiore
Consacrata nel 1337 dal vescovo Ferrer Abella (1335 – 1344), ora lunga tre metri è in marmo e bianca è mantenuta dai due capitelli del primitivo tempio visigòtico del vino del secolo. Sullo sfondo ea metà delle colonne centrali è visibile l’immagine dell’Esaltazione della Croce circondata da sei angeli, opera dello scultore Frederic Marès i Deulovol realizzata nel 1976.

Fino al 1970, sull’altare maggiore si trovava una pala d’altare gotica prettamente architettonica, in legno dorato con una struttura di nicchie sovrapposte che formano archi e trafori, senza altre decorazioni scultoree. Risale alla fine del XIV secolo ed è uno dei pochi esemplari conservati di questo tipo di pala d’altare. Il XVI secolo fu costruito su un piedistallo rinascimentale. Nella nicchia centrale c’era una croce scolpita del 1746. Fu sostituita per adattare il presbiterio alla liturgia postconciliare e trasferita nella vicina chiesa di Sant Jaume a Barcellona, ​​dove oggi si trova come l’altare maggiore di questa parrocchia.

In basso si trova la sedia, scolpita nell’alabastro alla metà del XIV secolo, il cui schienale in legno è del 1967 e su di essa è lo stemma del cardinale arcivescovo Ricard Maria Carles i Gordó (1990-2004).

Vetro colorato
Considerato una delle caratteristiche dell’arte gotica, con l’apertura di grandi finestre per lasciare il posto alla luce esterna, dopo l’epoca romanica, che gli edifici erano muri spessi e privi di aperture o se c’erano, pochi e molto stretti, con eccezioni come il una delle Cattedrale di Augusta dell’anno 1100 con figure precursori di quelle gotiche.

Le vetrate gotiche della cattedrale sono tutte con la stessa disposizione a tre vie, quella centrale con l’immagine del titolare e ai lati con decorazioni geometriche che incorniciano scudi reali, la città, angeli e coronamento trilobato.

I tempi delle vetrate si possono dividere in tre parti: La prima, datata 1317 – 1334 dallo stemma del vescovo Ponç de Gualba che si può vedere nelle vetrate di Santa Creu e Santa Eulàlia, raccoglie tutte le vetrate della testa, sopra le cappelle radiali. Oltre a questo, quello di Sant Pere, quello di Papa Sant Silvestre dove ai lati sono presenti teste di santi vescovi dell’autore chiamato Mestre de Sant Silvestre realizzati nel 1386 e quello di Sant Esteve.

Della seconda fase, intorno all’anno 1400, sono quelle delle estremità dell’abside: Sant Andreu con gli stemmi del vescovo Armengol dell’anno 1398/1408, e quella di Sant Antoni Abat, realizzata da Nicolau de Maraya negli anni 1405/1407.

Nella terza fase o gruppo sono realizzati nel secolo XV, come la vetrina di San Michele Arcangelo e la principale, situata nella cappella del battistero, dell’anno 1495 l’autore del quale era Gil de Fontanet con cartoni disegnati da Bartolomé Bermejo. Come puoi leggere nella fascia inferiore della vetrata, questo è il Noli me tangere.

Realizzati nel XX secolo, sono ai piedi del tempio: quello pagato dalla Diputació de Barcelona è quello che rappresenta San Giacomo, Sant’Antonio Abate, Sant’Alessandro e Santa Joaquima de Vedruna; quello pagato dal Comune di Barcellona, ​​con Saint Sever, Saint Josep Oriol, Saint Medir e Saint Vicenç Ferrer; quello della Vergine degli Angeli e di San Bartolomeo, sostenuto da Bartolomé Barba Hernández, governatore civile di Barcellona (1945 – 1947); quella della Vergine del Busto e di san Gregorio, con lo scudo dell’arcivescovo-vescovo Gregorio Modrego Casaus (1942 – 1967), ecc.

Chiavi indietro
Il restauro eseguito nel 1970, ha permesso di scoprire la policromia delle chiavi della volta che il passare dei secoli aveva oscurato.

La cattedrale ha un totale di 215 chiavi, le più grandi delle quali sono quelle della navata principale; hanno un diametro di due metri e pesano circa 5 tonnellate. Le chiavi della volta centrale, a partire dal presbiterio, sono:

Cristo crocifisso tra la Vergine Maria e San Giovanni, con i simboli del sole e della luna.
Sant’Eulalia con lo stemma di Bianca di Napoli, moglie di Giacomo II. Datata 1320.
La Vergine della Misericordia, che accoglie sotto il suo mantello, da una parte, un papa, un re, un cardinale, un vescovo e un canonico; dall’altra la regina, una suora e altre tre figure femminili. Datato 1379.
L’Annunciazione. La Vergine Maria con l’arcangelo San Gabriele. Nel 1379.
Un vescovo con i diaconi. Si ritiene che sia stato il vescovo Pere Planella (1371-1385) perché c’è il suo scudo sul lato della chiave.
L’Eterno Padre circondato da angeli, dello scultore Pere Joan. Prodotto nel 1418.

Un’altra grande chiave è quella che si trova nella cripta di Santa Eulàlia e che rappresenta il santo con la Vergine e Gesù Bambino. Vicino alla porta di Sant Iu, la sua chiave rappresenta San Pietro ed è circondata da altre quattro piccole a forma trilobata. Quello all’uscita del chiostro, sul lato opposto, rappresenta San Giovanni Evangelista con il simbolo della sua aquila; è inoltre circondato da quattro più piccoli.

Colore
I lavori per il coro iniziarono sotto il vescovo Ramon d’Escales nel 1390. Le pareti del coro furono realizzate da Giorgio di Dio con mensole che rappresentano i profeti dell’Antico Testamento. Sul lato sinistro l’artista stesso ha realizzato la scala per il seggiolone e, sui suoi stipiti d’ingresso, due piccole sculture raffiguranti l’Annunciazione.

Nel 1394, Pere Sanglada, uno scultore già affermato, fu incaricato di realizzare lo sgabello del coro; per ordine del capitolo della cattedrale si recò a Girona, Elna, Carcassonne e infine a Bruges, dove acquistò legno di quercia per la sua esecuzione. Si circonda di buoni aiutanti come Pere Oller e Antoni Canet e inizia la prima fase del coro con la muratura bugnata, i medaglioni dei braccialetti e le misericordie, dove si concentrano le sculture più importanti. Di vari soggetti, i religiosi sono i meno rappresentati e sono le scene di danza, giochi e musica, tra gli altri, i più suggestivi.

Pere Sanglada è incaricato di realizzare il pulpito, anch’esso in quercia, in modo prismatico, con uno sfondo architettonico di trafori e pinnacoli dove sono presenti quindici immagini che rappresentano, tra le altre, Gesù Cristo con San Pietro e San Paolo e un altro pannello di la Vergine con Sant’Eulalia e Santa Caterina. In fondo al pulpito ci sono archi con chiavi a volta che rappresentano quelle della cattedrale. Fu completata nel 1403, quando lo scultore ricevette cento fiorini come saldo del conto del pulpito: Pro operando tronam dicte Sedis ubi predicatur et ymagines que existunt eadem .. Anni dopo, il coro proseguì con la muratura bugnata di Macià Bonafè , che tagliò altre 48 sedie e le finì nel 1459. Con quest’opera superò quella di Pere Sanglada per essere il seggiolone.

Nel 1483 il tedesco Michael Lochner fu incaricato di scolpire le tettoie a forma di alti pinnacoli, che a causa della sua morte nel 1490, dovette continuare il suo assistente Johan Friederich Kassel fino al 1497. Nel 1517, lo scultore Bartolomé Ordóñez progettò i tramezzi di quercia per accesso alla muratura bugnata, con scene in rilievo dell’Antico Testamento e della Passione, una delle grandi opere della scultura rinascimentale spagnola. Ha partecipato anche Diego de Siloé.

Carlo V, decide che la celebrazione del diciannovesimo capitolo dell’Ordine del Toson d’Oro sia a Barcellona e ordina di abilitare il cuore della sua cattedrale per la data del 5 marzo 1519. Giovanna di Borgogna era incaricata di dipingere l’araldica su i 64 pannelli della muratura bugnata. Al centro del coro, sul marciapiede, c’è l’ingresso alla cripta sepolcrale dove sono sepolti i vescovi di Barcellona e i canonici della Cattedrale.

Riregistra
Si tratta di un’opera rinascimentale realizzata da Bartolomé Ordóñez di Burgos, noto per aver lavorato a quest’opera nel 1519, progettandola come un colonnato dorico coronato da una balaustra e i cui intercolonne sono costituiti da quattro scene in rilievo della vita di Sant’Eulalia, due su ogni lato della porta e alle loro estremità nicchie contenenti sculture di corpi. Per l’esecuzione si è avvalso della collaborazione del mantovano Simone da Bellalana e del fiorentino Vittorio da Cogono, della sua bottega. Non riuscì a portare a termine i lavori a causa della sua prematura scomparsa nel 1520 a Carrara, dove si era trasferito per acquistare il marmo ed eseguire l’incarico. Fu terminato nel 1564 dal suo discepolo Pere Villar secondo il progetto del maestro.

Lo storico Justi ha sottolineato che Villar aveva operato sullo sfondo di Barcellona, ​​negli anni 1562-1563, «i rilievi della flagellazione e della crocifissione, sebbene ben fatti, ma freddi, tuttavia, come opera di imitatore». Anche José Camón Aznar era di questa opinione. Studi successivi hanno dato come opera di Pere Villar solo il rilievo della Crocifissione di Sant’Eulalia; l’altro rilievo della Flagellazione di Sant’Eulalia è un’opera dopo la morte di Villar, realizzata dallo scultore Claude Perret negli anni 1619-1621. Le restanti sculture libere di Sant Oleguer e Sant Raimon de Penyafort, all’interno delle nicchie, con i nomi incisi nelle basi,

Organo a canne
Sebbene vi sia documentazione relativa all’organo datata 1259, l’attuale strumento iniziò il suo viaggio nel 1538 e la sua costruzione fu completata nel 1540. La fattura originale per l’organo fu fornita da Pere Flamench (la scuola d’organo della Corona d’Aragona attualmente riceve un serie di influenze da organisti fiamminghi e francesi che lasceranno un grande segno) e l’intagliatore. Antoni Carbonell, è stato installato sotto il campanile della porta di Sant Iu. Da allora, l’organo ha ricevuto il contributo di almeno 16 maestri organisti che hanno apportato una serie di modifiche alla sua fattura per adattarla ai gusti estetici di ogni epoca e fornirgli ogni tipo di innovazione estetica e meccanica. L’ultimo intervento è stato effettuato da Gabriel Blancafort dal 1984 al 1994.

La cassa dell’organo è quella originale, in stile rinascimentale, piatta, di scuola catalana come le scatole degli organi di Santa Maria del Mar (1560), la cattedrale di Tarragona (1567), quella di Valencia (1510, demolita e parzialmente riutilizzato), tra gli altri. Si compone di due corpi, il più grande di 16 ‘(piedi) che sfrutta in parte la fabbrica del tempio e funge da facciata; le sue canne sono le originali tranne quelle disposte in battaglia (orizzontalmente), più un piccolo corpo (un palco vero e proprio) di 4 ‘posto al centro della tribuna dell’organo sul retro dell’organista. Questa è la più antica cassa d’organo conservata in Catalogna. All’interno dell’organo sono presenti tubi di tutte le epoche dei diversi interventi che ha ricevuto, che sono stati rispettati al massimo nell’ultimo intervento eseguito. Tutta la parte tecnica è attuale.

L’attuale organo ha una nuova planimetria, quattro tastiere da 56 note e una pedaliera da 30 note, con trazione meccanica e una distribuzione del suono che segue i precetti del “werkprinzip”, parola del Novecento che definisce la disposizione interna del gli organi barocchi tedeschi:

la prima tastiera o sedia è posta sullo schienale dell’organista.
La seconda tastiera o organo maggiore è all’altezza della base della facciata dell’organo; a questa tastiera appartengono le canne sulla facciata.
La terza tastiera, quella “espressiva”, deve il suo nome al fatto che l’esecutore può far aumentare o diminuire il volume a piacimento. Fisicamente un pavimento è posto sopra il grande organo.
La quarta tastiera attiva la battaglia e l’eco. La battaglia consiste in una serie di registri posti orizzontalmente sulla facciata appena sopra la testa dell’organista; è un insediamento tipicamente iberico che si è diffuso nei territori d’oltremare portoghesi e spagnoli e successivamente, nel XX secolo, ha raggiunto il resto del mondo. L’eco è un baule con un coperchio che l’organista apre e chiude a piacimento per provocare l’effetto eco.
I tubi dei pedali (azionati con i piedi) si trovano su entrambi i lati dell’organo, nella zona più lontana dall’asse centrale, dove si trova l’organista. Lo strumento dispone di 58 registri con un totale di 4013 tubi sonori e 128 combinazioni di registri libere.
Grandi porte, piuttosto telai di porte ricoperte di twill (tele), chiudevano la cassa il Giovedì Santo dopo la Gloria della Messa e non riaprirono fino alla domenica di Pasqua in segno di lutto, sicché per tutto quel tempo l’organo tacque. Queste tele, opera di Pere Serafí «el Grec» del 1560, furono rimosse nel 1950 e sono conservate nel Museo della Cattedrale.

Oltre ad accompagnare musicalmente gli atti liturgici, l’organo della cattedrale viene spesso utilizzato per grandi concerti.

Cripta di Santa Eulalia
La cripta si trova sotto il presbiterio e la sua costruzione si deve a Jaume Fabre, all’inizio del XIV secolo. L’ingresso da un’ampia scalinata sotto un arco quasi piatto, ornato al centro dal ritratto di un vescovo, sembra essere appartenuto a Ponç de Gualba, sotto il cui mandato fu costruito. Accanto a loro ci sono gruppi di piccole teste di personaggi dell’epoca. Sulle pareti laterali della scala sono presenti due archi con sculture di teste umane, che costituivano l’ingresso a due cappelle rivestite nel 1779 da lavori di rimodellamento per far avanzare i gradini dell’altare maggiore.

La volta schiacciata è suddivisa in dodici arcate che convergeranno tutte in una grande volta centrale chiave di volta, che rappresenta la Vergine Maria con Gesù Bambino che pone il diadema del martirio su Sant’Eulalia. Fu completata nel 1326, anche se il trasferimento delle spoglie del santo non fu fatto fino al 1339. La presenza di una cripta non è affatto comune nelle chiese gotiche, ma si ritiene che sia stata costruita a Barcellona per mantenere il organizzazione della cattedrale romanica, che aveva nello stesso luogo la cripta con la tomba di Santa Eulalia.

Il nuovo sarcofago in alabastro fu scolpito dallo scultore pisano Lupo di Francesco; ed è esposto dietro la mensa dell’altare, al centro della cripta, sorretta da otto colonne di diverso stile con capitelli corinzi dorati. Sulla copertina e sui lati sono incise scene del martirio di Sant’Eulalia; nei quattro angoli superiori ci sono degli angeli e al centro la Vergine Maria con il bambino Gesù. Sulla parete di fondo si trova l’antica tomba del IX secolo insieme all’iscrizione dell’anno 877 che evoca il ritrovamento delle reliquie a Santa Maria del Mar, detta Santa Maria de les Arenas.

Ex sala capitolare
Nota per la cappella di Sant Oleguer e il Santissimo Sacramento, così come per il Sant Cristo de Lepanto, che è una delle immagini più devote della cattedrale. La sala capitolare fu costruita da Arnau Bargués nel 1407 con una magnifica risoluzione architettonica con una pianta rettangolare coperta da una grande volta a stella. La chiave di volta della volta centrale della cappella rappresenta la Pentecoste ed è stata realizzata da Joan Claperós nel 1454. Al centro del pavimento c’è una lapide sulla tomba del vescovo Manuel Irurita, presumibilmente assassinato nel 1936. Quando il vescovo di Barcellona, ​​Sant Oleguer , canonizzato nel 1676, si decise di dedicarlo al suo mausoleo. Sopra il tabernacolo si trova la tomba del santo, in stile barocco con un’urna di vetro che permette di vedere dal presbiterio il corpo incorrotto del santo, l’opera degli scultori Francesc Grau e Domènec Rovira II; su quest’opera fu collocata la statua sdraiata del vescovo Oleguer che era già stata eseguita dallo scultore Pere Sanglada nel 1406.

Al di sopra di questa tomba si trova il Santo Cristo di Lepanto, del XVI secolo, che fino al 1932 era stato venerato nella cappella centrale dell’ambulacro; ai piedi del crocifisso c’è l’immagine di un Pietat, riproduzione di una scultura di Ramon Amadeu i Grau. Il Cristo di Lepanto era la croce della galea di Giovanni d’Austria, l’ammiraglia che combatté nella battaglia di Lepanto nel 1571. Il Cristo crocifisso è inclinato a destra; la leggenda vuole che la figura si sia spostata da questa parte per schivare un tubo. Secondo la credenza, questo era un segno del Dio dei cristiani che prefigurava la sconfitta ottomana, che alla fine ebbe luogo. Ai due lati dell’altare si trova l’ingresso al presbiterio, del primo terzo del Settecento, posto dietro la tomba del santo. È adornata di marmo e diaspro, porte intagliate e soffitto ligneo a cassettoni con pannelli con dipinti, che alcuni autori attribuiscono ad Antoni Viladomat e altri a Manuel Tramulles. Al centro di questa sala si trova il corpo incorrotto di Sant’Oleguer di Barcellona, ​​morto nel 1137.

Cappelle interne
Per la presenza del gotico meridionale, i contrafforti avevano una proiezione interna, che consentiva la creazione di doppie cappelle di grande profondità tra loro, con volte a vela e coronate da chiavi di volta.

È noto dai documenti che all’inizio del XV secolo quasi tutti erano già dotati di una pala d’altare. Come accadeva in quasi tutte le grandi cattedrali, negli anni subirono alterazioni, sia nella sostituzione con correnti di nuove arti dell’epoca, di pale d’altare gotiche barocche, sia nelle invocazioni al cambiamento di benefattori.

Cappelle accanto all’Epistola
Li descriviamo disposti dalla porta principale all’altare:

Cappella di Sant Cosme e Sant Damià
Accanto alla vecchia sala capitolare, è questa cappella, inizialmente dedicata alle sante Clara e Caterina, completata intorno al 1436 dal capomastro Bartomeu Gual, fu pagata da Sança Ximenis de Cabrera per realizzare la sua tomba, realizzata da Pere Oller, un scultore che ha lavorato anche nel cuore della cattedrale. La tomba è posta all’interno di un arcosoli con due cagnolini scolpiti ai piedi della figura sdraiata, sul fronte sono rappresentate le figure di uomini in lutto in due gruppi che circondano una figura femminile con un libro in mano e altre donne in preghiera. Sulla tomba, dipinta sul muro, è una rappresentazione dell’elevatio animae (cioè l’ascensione dell’anima del defunto al Giudizio Universale) del pittore Lluís Dalmau. La pala d’altare, dedicata ai santi dottori Cosme e Damià, fu iniziata da Bernat Martorell e, alla sua morte nel 1452,

Cappella di Sant Josep Oriol
Il suo altare è di stile modernista, costruito poco dopo la canonizzazione di santo nel 1909. Di fronte si trova il mausoleo, realizzato dallo scultore Josep Llimona, del cardinale Salvador Casañas i Pagès († 1908), il principale promotore della canonizzazione del barcellonese Josep Oriol.

Cappella di Sant Pancraç e Sant Roc
Ha una pala d’altare barocca policroma del XVIII secolo, con immagini dei santi Roc de Montpellier e Pancras di Roma, di scarso valore artistico.

Cappella di Sant Ramon de Penyafort
Sotto l’altare di questa cappella si trova la scultura sdraiata di Sant Ramon, in rilievo su una lastra. Sull’altare, il sarcofago in marmo bianco policromo, con scene a sbalzo della vita del santo, risalente al XIV secolo. I due pezzi provengono dall’antico Convento di Santa Caterina a Barcellona dell’Ordine Domenicano.

Cappella di San Paolo
La pala d’altare di questa cappella è tardo barocca, basata su una traccia del pittore Francesc Tramullas i Roig, autore delle pitture d’altare. L’opera scultorea è dello scultore e architetto Carles Grau e la policromia è opera di Francesc Petit, 1769-1770. Il santo titolare è San Paolo di Tarso, accompagnato da San Domenico Guzman e San Pietro Martire. Nella predella si trova un intaglio della fine del XIX secolo che rappresenta, Sant Gaietà de Thiene.

Cappella di Nostra Signora del Pilar
Pala d’altare barocca del XVIII secolo, di scarso valore artistico. Il mausoleo dell’arcivescovo Gregorio Modrego Casaus († 1972), conserva un busto dello scultore Frederic Marès i Deulovol del 1972.

Cappella di Sant Pacià e Sant Francesc Xavier
La pala d’altare di alta qualità di Sant Pacià, dedicata all’ex vescovo di questa sede, è barocca del 1688 da Joan Roig (padre). Nella pala d’altare sono presenti ai lati scene della vita di Pacià, pannelli e medaglioni con la vita di Gesù e un bellissimo rilievo con la scena della Santa Cena nella predella (da una xilografia di Albrecht Dürer). Sull’altare una splendida immagine sdraiata di San Francesco Saverio in estasi, realizzata nel 1687 da Andreu Sala. Sul terreno si trova la tomba del vescovo Joan Dimas Loris († 1598).

Cappelle ai piedi del tempio
In molte grandi chiese a tre o più navate, ciascuna navata ha un portale sulla facciata principale. Questo non è il caso della cattedrale di Barcellona, ​​poiché come in altre chiese gotiche catalane si è preferito sfruttare il lato interno della facciata principale per posizionare più cappelle, una su ciascun lato della porta:

Cappella del Battistero.
Il fonte battesimale è in marmo bianco di Carrara, scolpito dall’artista fiorentino Onofre Julià nel 1433. L’ornamento in pietra della porta a destra e dell’armadio a sinistra è di Antoni Canet nel 1405. Il rilievo dello sfondo, con il Il battesimo di Cristo, è l’opera del XX secolo. Una lapide ricorda che nella pila furono battezzati i primi sei indiani giunti in Europa dall’America, portati da Cristoforo Colombo nell’aprile del 1493.

In questa cappella si trova la vetrata Noli me tangere, che raffigura la Maddalena con Gesù Risorto, di Gil de Fontanet secondo le tracce dell’artista cordovano Bartolomé Bermejo, che la disegnò alla fine del XV secolo.

Cappella dell’Immacolata Concezione.
La cappella fu dedicata a questa devozione nel 1848, quando divenne sede della Confraternita dell’Immacolata Concezione. La sua immagine è recente, una copia della quale è stata tagliata da Joan Massat nel 1603, distrutta in un incendio nel 1936, e tiene tra le mani le chiavi della città offerte dal consiglio comunale come ex voto per la peste dell’anno 1651 che subì il comune. Il musicista Joan Pau Pujol è stato sepolto lì. Sulla parete sinistra della cappella si trova il mausoleo del 1899 del vescovo di Barcellona, ​​Francesc Climent Sapera († 1430).

Cappelle dalla parte del Vangelo
Sono descritti in ordine dalla porta principale all’altare:

Cappella di Sant Sever.
È il primo ad essere trovato dalla porta principale (entrando dal lato sinistro). La pala d’altare barocca è opera dello scultore Francesc Santacruz i Artigas del 1683. Collaborarono il falegname Agustí Llinàs e l’orafo Pau Llorenç. Mostra scene della vita del santo, come il trasferimento nel 1405 delle reliquie da Sant Cugat del Vallès, alla presenza del re Martí l’Humà.

Cappella di San Marco.
La sua pala d’altare gotica originale fu pagata dalla corporazione dei calzolai della città, dedicata al santo, e fu dipinta nel 1346 da Arnau Bassa. Fu trasferito nella Basilica Collegiata di Santa Maria de Manresa, dove è attualmente conservato, e fu sostituito nel 1443 da un altro di Bernat Martorell, ora scomparso, con una predella con la scena della Flagellazione, di Jaume Huguet. Successivamente fu sostituito dall’attuale pala d’altare barocca dello scultore Bernat Vilar terminata nel 1683, data che appare in due medaglioni su entrambi i lati delle porte laterali e dorata da Josep e Francesc Vinyals tra il 1691 e il 1692, come appare in un medaglione sull’immagine del santo.

Su entrambi i lati della cappella ci sono due eccellenti dipinti ad olio di Francesc Tramullas Roig del 1763: San Marco che scrive il Vangelo e Martirio di San Marco. La volta e il recinto superiore della cappella mostrano interessanti affreschi su tela con scene della Santa Cena e della Cena in Casa Emmaus, oltre a un ricco repertorio di angeli e fiori con scene alludenti all’Eucaristia. Questi dipinti sono attribuiti aFrancesc Tramullas e al suo discepolo Francesc Pla, detto il Vigatà.

Cappella di Sant Bernadí.
Fu l’ultima cappella costruita nel primo periodo di costruzione. Nel 1349 fu consacrata sotto l’invocazione di San Marco, trasferendovi la corporazione dei calzolai che fino ad allora si trovava in una cappella del chiostro. Nel 1431 questa gilda tornò a quella con la maggiore capacità. La cappella rimase senza culto fino a quando nel 1459 la corporazione dello sparto e delle vetrate la occupò, ponendola sotto l’invocazione di San Bernardo e dell’angelo custode. Le discrepanze tra le corporazioni consigliavano al capitolo di mantenere la corporazione degli esparteros e spostare la corporazione dei vetrai nella cappella di San Michele Arcangelo, nell’ambulacro.

Nella sua attuale pala d’altare, del 1705, si possono vedere le immagini di San Bernardo da Siena, San Michele Arcangelo e Sant’Antonio da Padova. La pala d’altare, che in precedenza si trovava in una cappella del chiostro, è stata finanziata da Jeroni de Magarola i Grau, conte di Quadrells, motivo per cui c’è un’immagine di San Girolamo di Estridó in cima alla strada centrale. Nella predella si osserva una trasfissione di Santa Teresa. In precedenza c’era stata una pala d’altare gotica dedicata a San Bernardo e all’angelo custode, un’importante opera di Jaume Huguet e ora conservata nel Museo della Cattedrale.

Cappella della Vergine del Roser.
Potete vedere una pala d’altare del 1619 dello scultore di Terrassa, Agustí Pujol, basata su rilievi scultorei strutturati in tre strade sormontate da un frontone e con un’immagine su ciascuna di esse. Nella via centrale, coronata da una scultura di San Lorenzo sul frontone, sotto c’è un’incoronazione della Vergine, un’Assunta e in basso, la Vergine del Roser. Sulla via sinistra, con San Michele Arcangelo che lo incorona, dall’alto, una fustigazione e un’Annunciazione. Sulla strada di destra, un San Girolamo in alto e sotto una Resurrezione di Gesù e una Natività. È una delle opere barocche più notevoli della Cattedrale.

Cappella di Santa Maria Maddalena, San Bartolomeo e Santa Elisabetta.
Del pittore Guerau Gener, apprendista nella bottega di Lluís Borrassà, è la pala d’altare di questa cappella del 1401. È strutturata in tre strade, predella e parapolvere. Nella via centrale, in alto c’è un calvario e in basso, i santi titolari San Bartolomeo e Santa Elisabetta d’Ungheria. Sulla via sinistra, dall’alto, esorcismo della figlia del re Polem, martirio di San Bartolomeo e predicazione di San Bartolomeo massacrato. Sulla via destra, intercessione miracolosa di S. Elisabetta, S. Elisabetta che guarisce i malati e miracoli postumi di S. Elisabetta. Nella predella, da sinistra, l’Annunciazione, la Natività di Gesù, la Vergine e il Bambino circondati da santi e angeli, l’Epifania, la presentazione di Gesù al tempio. Sul pavimento c’è la lapide del vescovo ausiliare Ricard Cortés i Culell,

Cappella di San Sebastián e Santa Tecla.
Ha una pala d’altare degli anni 1486/1498, commissionata dal canonico della cattedrale a John Andrew Sors Jaume Huguet il 14 aprile 1486, anche se lo fece e ordinò la sua bottega, vale a dire Rafael Vergós, Francesc Mestre e Pere Alemany. È strutturato in tre strade, predella e copertura antipolvere. Nella via centrale, in alto, Gesù tra i dottori e in basso, i santi titolari San Sebastiano e Santa Tecla con il donatore in preghiera inginocchiato davanti a loro. Sulla via sinistra, dall’alto, Santa Tecla nella fossa dei leoni, Santa Tecla nel falò e Santa Nicasi. Sulla via destra, San Sebastiano che distrugge i simboli, il martirio di San Sebastiano e San Rocco.

Nella predella, da sinistra, Michele Arcangelo, Maria Maddalena, Ecce Homo, Giovanni Evangelista, Santa Barbara. Le porte laterali mostrano Giovanni Battista, a sinistra, e Sant’Andrea, a destra. Nella parte centrale della copertina antipolvere c’è un’Annunciazione; è inoltre decorato con 6 simboli di gilda dei costruttori. Le porte laterali mostrano Giovanni Battista a sinistra e Sant’Andrea Apostolo a destra.

Cappelle della Vergine della Gioia e della Vergine di Montserrat.
Entrambi hanno pale d’altare: la prima dello scultore Josep Maria Camps i Arnau del 1945; con sul muro un’immagine moderna di Papa San Pio X. Nella seconda, la pala d’altare presenta un’incisione in alabastro del 1945, replica della Moreneta, installata davanti a un’opera pittorica del 1940.

Cappelle ambulatoriali
Li descriviamo in senso orario:

Cappella dei Santi Innocenti
Si trova dopo la porta di Sant Iu; sul suo altare c’è uno scrigno d’argento del XVI secolo con le reliquie che il Duca di Venezia donò a Giovanni Magno a condizione che fossero conservate nella cattedrale di Barcellona. Sulla parete c’è un archosoli contenente un sarcofago del vescovo Ramon d’Escales (1386-1398), opera dello scultore Antoni Canet del 1409, squisita scultura gotica, sia nella magnifica statua reclinata del vescovo che in quelle piangenti sotto Archi gotici sul fronte della tomba. La pala d’altare della cappella, realizzata intorno al 1709, è opera della scultrice Marià Montanya e dipinti di Joan Gallart (ca. 1670-1714).

Cappella del Sacro Cuore di Gesù
C’è un’immagine dello scultore Vicenç Vilarrubias realizzata nel 1940.

Capella de la Mercè
Questa cappella condivide la devozione con San Pietro Nolasc. Ha un altare barocco dello scultore Joan Roig (padre) del 1688. Le immagini principali, molte delle quali risolte in un grande rilievo, mostrano la Fondazione dell’Ordine della Misericordia alla presenza di quella del re Giacomo I e del vescovo Berengeu de Palou II. In questa stessa cappella, il pittore Pasqual Bailon Savall realizzò quattro dipinti nel 1688: Il primate di Pietro, Papa San Silvestro che amministra il battesimo di Costantino, La visione di San Pietro Nolasc e La predicazione di San Ramon nella Cattedrale di Barcellona prima di James Itoday non visibile nella cappella. Questi lavori furono pagati dal prete della cattedrale e dottore in legge, teologia e filosofia, Pere Roig i Morell.

Cappella di Santa Clara e Santa Caterina
La pala d’altare dell’anno 1456 è stata realizzata da Miquel Nadal (la predella) e Pere Garcia de Benavarri (il resto). Sulle sue pareti laterali si possono vedere Francesc Tramulles Roig, due bei dipinti: il martirio di Santo Stefano e la liberazione di Galceran II di Pinos di Santo Stefano. Sant Esteve era l’antica invocazione della cappella, che era di proprietà della corporazione dei freni.

Cappella di Sant Pere
Ha dipinti sulle pareti laterali con scene della vita di Sant Pere e la pala d’altare è dedicata a Sant Martí de Tours e Sant Ambròs; fu realizzato da Joan Mates nel 1415, con un marcato carattere franco-fiammingo. Presenta otto dipinti a tempera con i seguenti motivi: Calvario; Sant Martí e Sant Ambròs; Nascita di Sant’Ambrogio e miracolo dello sciame di api; Il sogno miracoloso di San Martino; Consacrazione di Sant’Ambrogio a Vescovo di Milano; Sant Martí che si spacca il mantello; Consacrazione di San Martino a Vescovo di Tours; Predicazione di Sant’Ambrogio.

Cappella di Santa Elena
È la cappella dell’asse della cattedrale, al centro; il Santo Cristo di Lepanto vi rimase fino al 1932. L’attuale pala, anticamente collocata nel chiostro, è dedicata a San Gabriele e fu realizzata tra il 1381 e il 1390 da autore ignoto.

Cappella di San Giovanni Battista e San Giuseppe
Cappella della corporazione dei falegnami, che aveva avuto come patrono, prima di San Giuseppe di Nazareth, San Giovanni Battista. La pala d’altare, dedicata a San Giovanni, è anonima del 1577. È presente un’immagine di San Giuseppe del XVIII secolo. La pala d’altare rinascimentale è di intaglio policromo, con porte dipinte ad olio di Joan Mates che rappresenta gli evangelisti. L’arredamento, articolato su quattro livelli, sottotetto e cinque strade, contiene le seguenti immagini e scene in rilievo (elencate dall’alto in basso e da sinistra a destra): Battesimo di Gesù; Annunciazione a San Zaccaria della nascita di San Giovanni; Nascita di San Giovanni; immagine di San Giovanni Battista; Visitazione della Vergine; Predicazione di San Giovanni; Arresto di San Giovanni; Prigionia di San Giovanni; Banchetto di Erode; Decapitazione di San Giovanni; Preghiera di Gesù nell’orto; Flagellazione di Gesù; immagine di St. Giuseppe con il bambino; Incoronazione di spine; Camí del Calvari, Sant Josep; San Giovanni Battista.

Cappella della Trasfigurazione
Chiamato anche Sant Benet. La pala d’altare della Trasfigurazione, è opera di Bernat Martorell, una delle opere più importanti della Cattedrale e la pittura gotica catalana è stata realizzata negli anni 1445/1452 su commissione del vescovo Simon Salvador († 1445). Sulla parete sinistra c’è un arco con il mausoleo di Ponç de Gualba, vescovo di Barcellona (1303-1304) con un calvario coronato dall’artista Jaume Cascalls. La scultura gratuita di Sant Benet, del 1932, è di Josep Maria Camps i Arnau.

Cappella della Visitazione
Fu il canonico Nadal Garcés a commissionare la pala d’altare nel 1466/1475 a un autore sconosciuto. Alla sua sinistra si trova il mausoleo del vescovo Berenguer de Palou II, forse parte dell’antica cattedrale romanica.

Cappella di Sant Antoni Abat
Questa cappella corrispondeva alla corporazione dei portatori e la pala d’altare barocca del santo risale al 1690-1712. L’opera scultorea è attribuita a Joan Roig padre e figlio, mentre la doratura è opera di Joan Moixi. La seguente muratura ospita gli intagli e i rilievi: Santo Domingo de Guzmán; Sant Antoni Abat; Sant Antoni de Padua; San Benedetto; San Francesco d’Assisi; scena del Miracolo della mula di Sant’Antonio da Padova; Tentazioni di Sant’Antonio; Miracolo di San Francesco d’Assisi. I dipinti laterali della cappella mostrano scene relative a Sant’Antonio Abate e sono di un anonimo pittore settecentesco. Accanto a questa cappella si trova la sacrestia.

Sacrestia e tesoro
La sacrestia è composta da tre ambienti, nel muro d’ingresso sono presenti elementi di stemma in pietra coronati da una croce. Nel 1408 fu ampliato con la sala del tesoro e nel 1502 con l’altra sala, dove si vestono i sacerdoti.

Tra i pezzi per il culto che custodisce, spicca la custodia processionale, realizzata in argento e oro con applicazioni di strass, ed è di architettura gotica con alcuni elementi rinascimentali. Si tratta di un’opera della fine del XIV secolo. L’ostensorio, con maniero in pietra, rappresenta una cattedrale gotica. Poggia su un trono o una sedia donati dal re Martí l’Humà (1396-1410), secondo i libri d’inventario della sacrestia. La sedia, nota come King Martin Chair, ha un’anima in legno, ricoperta da piatti d’argento placcati in oro in uno sgargiante stile gotico., È portatile e rimovibile. L’intaglio del legno è di grande delicatezza: dà l’impressione che sia un’opera interamente di oreficeria (spesso si trovano pubblicazioni che indicano erroneamente che la sedia è di argento dorato). Sulla custodia è montata una corona a forma di diadema donata dalla regina Violant de Bar o, secondo altri, dallo stesso Martí l’Humà; ha inciso le iniziali SYRA, di cui finora non è stata trovata alcuna trascrizione convincente.

Pezzi importanti sono anche la croce processionale di Francesc Vilardell del 1383, argento dorato con le immagini del Crocifisso e Santa Eulàlia, adornata con smalti dei quattro evangelisti sullo stemma della croce, due lipsanotheques dell’XI secolo, la croce del re Martí del 1398 con il suo Lignum Crucis o la spada del re Pietro IV di Catalogna, conestabile del Portogallo.

Chiostro
Al tempo del vescovo Frodoí il secolo IX fu istituito quando il gruppo dei canonici, che presuppone l’esistenza di una facoltà associata. L’attuale chiostro gotico si trova sullo stesso lato che occupava il primitivo romanico minore. La sua costruzione risale al XIV e XV secolo e coinvolse grandi architetti come Andreu Escuder e scultori come Claperós, padre e figlio. Al chiostro si accede attraverso le porte esterne di La Pietat e Santa Eulàlia, nonché l’interno della cattedrale situato nel transetto realizzato in marmo bianco con archivolti di colonne sottili e timpano chiaramente gotico.

Questa porta che collega la cattedrale con il chiostro si apre alla fine del transetto, sul lato opposto della porta di S. Iu. È di marmo bianco italico e romanico, anche se leggermente ogivale, e ora si crede che sia una delle porte laterali della cattedrale romanica, che si trovava nello stesso luogo, sebbene per tutto il XX secolo diversi autori abbiano sostenuto che fosse la porta principale (spostata e ridotta, per trasformare l’arco semicircolare in un ogivale) o che fosse un’opera importata da una bottega italiana. Ha archivolti decorati con motivi geometrici, e sui capitelli, persiane e abachi sono scolpiti temi dell’Antico e del Nuovo Testamento e della lotta dell’uomo con le bestie. Sopra c’è uno stemma gotico successivo che aiuta a integrare la porta in tutta la cattedrale.

Nell’angolo più vicino alla Porta de la Pietat si può vedere un tempio con la fontana del capomastro Escuder, al centro della quale si trova una chiave di volta con la scena di San Giorgio che combatte con il drago degli scultori Antoni e Joan Claperós di 1448 e un’altra scultura di Sant Jordi con un cavallo al centro della fontana, questa è dello scultore contemporaneo Emili Colom, realizzata nel 1970. L’uovo mentre danza è una tradizione del giorno del Corpus, consistente nel ballare un uovo vuoto sulla sorgente del getto della fontana del chiostro, che è adornata di fiori, anche se è una tradizione che attualmente viene eseguita in altre fonti della città vecchia.

Le scene dei pilastri degli archi del chiostro mostrano scene dell’Antico Testamento e chiavi della volta del Nuovo Testamento, nonché rilievi scolpiti nella fascia a forma di capitello che circonda le colonne degli archi. ogive possiamo vedere la leggenda dell’Albero della Santa Croce. In tre delle sue gallerie ci sono cappelle, che inizialmente erano sotto il patrocinio di qualche istituzione o corporazione, nonché un pantheon di qualche famiglia. Tutte le cappelle sono coperte da volte a vela (per lo più quadripartite) con chiavi di volta all’incrocio dei nervi.

Due delle cappelle hanno tombe moderniste: quelle della famiglia Sanllehy, dove è sepolto Carles Sanllehy, realizzate dall’artista Josep Llimona i Bruguera e quella della famiglia Girona, che rappresentano le tre virtù teologali (fede, speranza e carità) dello scultore Manel Fuxà i Leal, il crocifisso è opera dello scultore Eduard Alentorn del 1910. Al centro del chiostro si trova un giardino ristrutturato nel 1877 con magnolie e grandi palme; fino ad allora era stato piantumato di aranci (la Casa de la Ciutat, la Llotja e il Palau de la Generalitat avevano avuto anche aranceti, ma solo quest’ultimo rimane). Gli aranci, insieme a limoni e cipressi, erano già presenti nel 1494, secondo la descrizione data dal viaggiatore tedesco Jeronimo Münzer, e per ricordarli nel 1974 fu ripiantato un arancio.

Nella lavanderia del chiostro ci sono tredici oche bianche, un numero che la tradizione ricollega all’età di Santa Eulàlia e al numero dei tormenti da lei subiti.

Nuova Sala Capitolare e Museo della Cattedrale
Situato con ingresso dalla galleria nord del chiostro (l’unico senza cappelle) accanto alla cappella di Santa Llúcia. Si compone di due annessi, il capbrevació (vecchia sala da pranzo per i poveri) e la nuova sala capitolare, del XVII secolo a pianta rettangolare e coperta da una volta a botte con lunette, completamente decorata con dipinti; il pannello centrale raffigura la Glorificazione di Santa Eulàlia e Sant Oleguer, i lati sono dipinti con figure allegoriche con testi delle Sacre Scritture con voli di angeli. È opera del pittore barcellonese Pau Prim, realizzata dal 1703 al 1705. È possibile che nella sua esecuzione sia stato coinvolto anche qualche altro artista ma non è stato possibile attribuirlo. La raccolta di opere non è molto ampia, ma significativa. Del vecchio tempio romanico,

Dipinto, gotico tra le varie tavole, è la Misericordia Desplà, di Bartolomé Bermejo, finanziato dal Canonico Louis Desplà e datato 1490. Del pittore Jaume Huguet, la Pala di San Bernardino e l’Angelo Custode degli anni 1465/1470. magnifiche facciate d’altare ricamate, raffiguranti scene della vita di Gesù nel XV secolo.

Pittura
Le pale d’altare gotiche realizzate da Guerau Gener, Lluís Borrassà, Gabriel Alemany e Bernat Martorell, tra gli altri, sono conservate nelle cappelle della Cattedrale.

Il Museo della Cattedrale conserva dipinti gotici di artisti come Pere Destorrents, Jaume Huguet e Bartolomé Bermejo, autore di La Pietat.

Arte decorativa

Custodia
La custodia è uno dei tesori della Cattedrale; fatto di oro e argento, è adornato di gioielli che erano un’offerta di profonda devozione popolare. Dalla metà del s. XV, la sedia del re Martí, di argento dorato, svolge le funzioni di piedistallo della custodia. Questa sedia prende il nome dal fatto che si tratta di una presunta eredità o donazione del re Martí l’Humà e risale al s. XIV. Il bugnato nel cuore della cattedrale risale al XIV e XV secolo. Sul retro della muratura a bugnato sono gli stemmi dell’Ordine del Toson d’Oro, dal s. XVI.

In questo set c’è anche il seggiolone, opera di Pere Çanglada e Maties Bonafé, con la collaborazione di Antoni Claperós e John Lambert, realizzato tra il 1394 e il 1499. Gli alti baldacchini a forma di pinnacoli, del 1499, sono opera degli artisti Kassel e Michael Lochner. Il fondo è chiuso con un rivestimento in marmo con rilievi del s. XVI, realizzato da Bartholomew Ordo’6nez e Pedro Billiards.

Le vetrate colorate
La cattedrale ha molte vetrate gotiche e moderne. Tutte seguono lo stesso schema di tre vie, quella centrale con l’immagine del titolare e quelle laterali con decorazioni geometriche che incorniciano scudi reali, della città, angeli, ecc. E coronamento trilobato.

I tempi delle vetrate possono essere suddivisi in quattro parti: La prima, datata agli anni 1317-1334, dallo scudo del vescovo Ponç de Gualba che si può vedere nelle vetrate di Santa Creu e Santa Eulàlia, raccoglie tutto le vetrate della testa, sulle cappelle radiali. Oltre a questo, quello di Sant Pere, quello di Papa Sant Silvestre dove ai lati sono presenti teste di santi vescovi dell’autore chiamato Mestre de Sant Silvestre realizzati nel 1386 e quello di Sant Esteve.

La seconda fase, intorno all’anno 1400, sono quelle delle estremità dell’abside: Sant Andreu con gli stemmi del vescovo Armengol dell’anno 1398/1408, e quella di Sant Antoni Abat, realizzata da Nicolau de Maraya nel 1405- 1407.

La terza fase sono le vetrate realizzate nel XV secolo, come la vetrata di San Michele Arcangelo e la più importante, chiamata Noli me tangere, situata nella cappella del battistero, è opera di Gil de Fontanet , con vignette disegnate da Bartolomé Bermejo, dell’anno 1495.

La quarta fase copre la fine della s. XIX alla fine del s. XX e comprende le finestre della facciata e le pareti laterali.

Singolarità
La Cattedrale di Barcellona è una cattedrale gotica che può essere inquadrata all’interno di quello che è noto come il gotico catalano, tuttavia, nonostante si salvano le differenze che si verificano nella cattedrale per questo motivo rispetto al resto delle cattedrali europee, ci sono alcuni tratti caratteristici che inoltre non può essere spiegato dato questo ramo catalano del gotico principale e che hanno ragione solo quando l’edificio è inteso come un’altra parte dell’insieme totale che è Barcellona e, quindi, come un riflesso della struttura sociale unica della città, quasi completamente distaccati dall’influenza della nobiltà e della Chiesa, che perdono il potere a favore della classe borghese sempre più sviluppata e del re. Con tutto ciò, la cattedrale è un edificio di rappresentanza, in egual misura, del potere civile e religioso, ed è quindi la chiesa del vescovo e del re. Le caratteristiche strutturali caratteristiche derivanti da

Al piano terra è presente un intero secondo piano di tribune che avevano la funzione di ospitare i personaggi di spicco in celebrazioni importanti e all’interno di queste, la regia si trova ai piedi della navata centrale, davanti all’altare. maggiore. È un fatto insolito che può essere spiegato solo considerando l’influenza delle grandi figure della città e del re nella costruzione della cattedrale.
La posizione della cupola: come regola generale, le cattedrali gotiche tendono ad avere la cupola situata nel punto in cui la navata centrale si interseca con il transetto, in modo da illuminare l’altare maggiore; la cattedrale, invece, ha la cupola disposta ai piedi della navata centrale, quasi a sfiorare il prospetto principale e la sua funzione diventa quella di illuminare la tribuna reale, che si trova appena sotto. In questo modo il re e l’altare maggiore (che riceve la luce del triforium) hanno la stessa illuminazione durante le celebrazioni e, quindi, lo stesso grado di importanza.
L’ingresso alla cripta di Santa Eulàlia, composta da un enorme scalone, è espressamente rivolto verso la galleria reale, ribadendo così il potere del monarca. Come regola generale, gli ingressi alle cripte occupano posti secondari nella struttura generale del tempio, di cui è parte principale e partecipa fortemente alla sua forma.
La posizione delle due torri principali non è, come al solito, su entrambi i lati della facciata principale, dove sarebbero state escluse dal resto della città (di fronte a una piccola piazza che toccava le mura della città), ma come alle estremità della nave da crociera, di fronte al centro della città. Altra particolarità di questi sono i due orologi meccanici installati, uno in ciascuno, dall’inizio della cattedrale nel XIII secolo, segnando le ore civili (quella che sta toccando il palazzo reale) e religiose (quella che sta toccando il palazzo episcopale ).
Oltre a queste principali singolarità, vi era una tribuna costruita durante il regno di Martí l’Humà (1396-1410) in un luogo più discreto di quello reale e che era collegata da un corridoio al secondo piano con il palazzo reale. Purtroppo questa tribuna non è più conservata – i suoi resti sono stati utilizzati per l’installazione dell’ascensore – e il ponte che collegava i due edifici è stato demolito, sebbene sia ancora visibile il muro di post-costruzione. originale del muro. Si tratta però di un elemento molto esemplare della bivalenza della cattedrale, in quanto la sua funzione era legata alla possibilità che il re volesse visitare la cattedrale senza dover essere visto e quindi distaccato da ogni senso religioso.

Lavori di restauro
Dal 2005 sono iniziati i lavori di ricostruzione della facciata principale insieme alle due torri laterali e alla cupola.

A causa delle dilatazioni dovute agli sbalzi di temperatura e alle infiltrazioni d’acqua all’interno le pietre, ancorate da elementi in ferro, già ossidate, sono state rotte con pericolo di frane.

Gli architetti incaricati del restauro sono Josep Fuses i Comalada e Mercè Zazurca i Codolà, che hanno calcolato un budget di oltre quattro milioni di euro, anche se studi successivi per rafforzare il perimetro della cattedrale hanno portato il budget a circa sette milioni. Si prevede di smantellare un terzo della facciata e sostituire quelle pietre distrutte, così come le ancore di ferro con altre in acciaio inossidabile o titanio. Si intende che la pietra sia la stessa dell’originale, proveniente da Montjuïc, sebbene la cava fosse già chiusa molto tempo fa. Il consiglio comunale, tuttavia, ha nei suoi depositi municipali blocchi di pietra di Montjuïc che potrebbero essere utilizzati nel restauro. Se ciò non bastasse, ne sarebbe importato uno simile da alcune cave della Scozia.

Nel 2010 la statua in bronzo di Sant’Elena è stata rimossa dal pinnacolo della cupola per restaurarla, operazione che è stata svolta nel chiostro. Questo è stato rimesso a posto sulla punta della cupola durante i festeggiamenti de La Mercè del 2011.

Tradizioni

Le oche
Nel chiostro della Cattedrale c’è un laghetto accanto a una fontana. Lì troviamo tredici oche, tante quante, secondo la leggenda, Santa Eulàlia aveva anni quando fu martirizzata.

Benedizione
La mattina del 3 maggio, il comune di Barcellona viene benedetto dai tetti della Cattedrale, in occasione della festa della Santa Croce, proprietaria della Cattedrale. L’evento è aperto a chiunque voglia partecipare.

corpo di Cristo
In occasione della celebrazione della festa del Corpo e del Sangue di Cristo, si celebra la Messa in Pla de la Seu, presieduta dall’Arcivescovo di Barcellona, ​​e poi si svolge una processione del Santissimo Sacramento per le strade di intorno, con la partecipazione di bovini e castellers e altri balli tradizionali della città.

L’uovo mentre balla
Ogni anno, durante la festa del Corpus Domini, nel chiostro della Cattedrale viene allestita la tradizione dell’uovo come danza.

L’uovo ballato è un’usanza che consiste nel far ballare un uovo nella fontana del chiostro, adornato di fiori e ciliegie rosse.

La Cattedrale di Barcellona è stata la prima a presentare l’uovo come danza a Barcellona, ​​almeno dal 1636.

Santa Lucia
Nel giorno della sua festa, il 13 dicembre, i devoti di questo martire, invocato per la protezione della sua vista, si avvicinano alla sua cappella romanica nella Cattedrale per venerarne le reliquie.

Fiera di Santa Llúcia
Dai primi giorni di dicembre fino al 23 dello stesso mese, si svolge la Fiera di Santa Llúcia, il mercato dei presepi e degli oggetti natalizi sull’Avinguda de la Catedral.

Santa Rita
Il 22 maggio, festa di Santa Rita di Cassia (che ha una cappella nel chiostro del Duomo), le rose vengono benedette dopo la messa delle 11.

Tags: