Cattedrale di San Cristóbal a Las Casas, Chiapas, Messico

Cattedrale di San Cristóbal a Las Casas, un edificio coloniale in stile barocco la cui costruzione iniziò nel 1528 e nel corso dei secoli è stato un emblema della città. Una bellezza e tesori che conserva al suo interno e un po ‘della sua storia che rende San Cristóbalenses così orgoglioso.

Fondata sotto la dedicazione di Nostra Signora dell’Assunta, con una facciata che offre linee geometriche che danno luce e ombra all’osservatore e la cui architettura mostra la forza dell’adobe con i suoi elementi barocchi, mudéjar e neoclassici. Questo edificio del XVI secolo è diventato uno dei simboli più importanti di San Cristóbal, sia per la sua architettura che per essere stato nominato Cattedrale della Pace.

Storia
Originariamente la chiesa della Cattedrale fu costruita per la venerazione di “La Vergine dell’Assunta”, la sua costruzione iniziò nel 1528 poco dopo l’arrivo di Diego de Mazariegos, conquistatore spagnolo fondatore di San Cristóbal e Chiapa de Corzo.

Per espanderlo, ai residenti fu ordinato in un consiglio il 24 gennaio 1533, di inviare gli indiani a lavorare sotto la loro responsabilità, la domenica e nei giorni festivi; in caso contrario, verrebbero accreditati con una multa di due pesos d’oro. Pedro de Estrada fu il primo amministratore, nominato il 3 settembre 1537, incaricato non solo della contrazione, ma anche della costruzione e del finanziamento delle spese.

È fino al 1538 che la Chiesa di La Asunción fu elevata al rango di Cattedrale e il suo primo vescovo fu Fray Bartolomé de las Casas che si distinse per essere un difensore dei nativi americani, diventando così la diocesi di San Cristóbal de las Casas nel quinta diocesi più antica del Messico dopo quelle di Tlaxcala, Messico, Morelia e Oaxaca.

Il vescovo Olivera y Pardo la ingrandì per raddoppiarne le dimensioni nel 1720, ricostruì completamente la parte vecchia, eresse la facciata e la cappella di Guadalupe. Le caratteristiche architettoniche che presenta oggi sono attribuite al vescovo Fuero. Un altro fatto interessante si riferisce al rinnovamento contemporaneo degli interni che, tra il 1915 e il 1920, fu fatto su iniziativa di Don Carolos Z. Flores. Le colonne furono scolpite e la forma delle finestre cambiò. Il battistero nel suo attuale disegno, proveniente dallo stesso tempo, è opera del maestro muratore Don Jovo Hernández, originario del quartiere di San Diego.

Architettura
L’edificio originale subì alcune trasformazioni, le più importanti furono realizzate nel 18 ° secolo quando fu ampliata a due volte la sua dimensione originale e fu costruita la facciata che possiamo apprezzare fino ad oggi in stile barocco.

interno
All’interno della Cattedrale di San Cristóbal de las Casas, imponenti colonne in stile neoclassico che sostengono la chiesa, splendide pale d’altare classiche e barocche ricoperte di foglie d’oro, il pulpito magistralmente intagliato, l’immagine del santo patrono “San Cristoforo Martire” e, naturalmente, bellissimi dipinti con temi religiosi risalenti al XVII, XVIII e XIX secolo.

Al suo interno è possibile ammirare un dipinto di San Giovanni Battista e di Sant’Andrea Apostolo, del 17 ° secolo, nonché il battesimo di Gesù dello stesso periodo. La cattedrale è dove vengono svolte le principali funzioni della religione cattolica officiate dal vescovo, come Natale, Capodanno, Pasqua e altre.

Il primo ha ancora un’originalità speciale e incoraggia la popolazione a mantenere viva la tradizione di produrre dolci commemorativi, che vengono venduti nel primo dipinto della città. Vere opere d’arte in zucchero e coloranti, con le rappresentazioni più stravaganti di fiori, uccelli, frutti e infiniti altri motivi.

La pala d’altare principale fu realizzata alla fine del 1790. Salomonico barocco, appare nella colonna stipe, pilastro a forma di piramide tronca con la base inferiore rivolta verso il basso; e la cariatide medievale, una figura umana che funge da colonna nel corpo architettonico. Questo tempio e l’unità che si integra con le sue strutture ausiliarie, contiene pezzi, articoli e opere d’arte di notevole interesse. Nella sacrestia, il facsimile del Royal Certificate of Carlos I che conferisce alla città uno stemma, in seguito accettato come stemma del Chiapas. Un dipinto dell’Immacolata Concezione, imitazione Murillo, del XVIII secolo; il suo autore è sconosciuto.

Il grande olio di Santa Maria Magdalena, di Miguel Cabrera, dipinto nel 17 ° secolo. La pietà proviene da quel momento, sebbene da un autore diverso; si ammira anche un murale del XIX secolo: la preghiera del giardino, sebbene di autore ignoto. Può anche essere visto, un’icona del diciassettesimo secolo di famigerata qualità artistica, è uno stile Christ Chimabue che senza essere una scultura evidenzia l’anatomia del Signore in legno. Inoltre, vi è un Cristo crocifisso, scultura guatemalteca del 17 ° secolo e mobili in legno intagliato dello stesso periodo. Nel corridoio, puoi vedere tre foto degli apostoli e una di Gesù crocifisso che rappresenta i sette sacramenti della Chiesa.

Nella stanza, accanto alla scala che conduce alla sala capitolare, ci sono diverse opere di autori anonimi del XVII e XVIII secolo. San Emilio, un dipinto della Sagrada Familia, l’olio di San Onofre e la riproduzione del ritratto di Paolo III che si trova nel museo nazionale di Napoli. Nella sala capitolare, già incorporata nel museo di San Nicola, la galleria dei vescovi del Chiapas, da Fray Bartolome de Las Casas a Mr. Villalvazo. È di interesse documentario a causa dei dati biografici che contribuisce e di ciò che hanno fatto durante il suo mandato, nell’ordine civile, spirituale e materiale. Istituzioni educative, arti, riformatori, templi, cappelle, allestimenti stradali, introduzione di acqua potabile, trasporto e persino fornitura di generi alimentari in periodi di scarsità. La data esatta in cui furono completati è sconosciuta, probabilmente a metà del diciannovesimo secolo, Higinio Antonio Liévano, artista di San Cristobalence; Tranne due, Mr. Colina e Mr. Vilialvazo, di Anselmo Rodas, anch’egli artista locale.

Secondo gli intenditori, quest’ultimo si distingue per la tecnica della stoffa. Sull’altare di Perdón è presente una raccolta di quadri datati e autografati del pittore Duranguense di epoca coloniale, Juan Correa. Nella cappella di Guadalupe c’è un dipinto di San Pedro e un altro di Maria Magdalena, firmato dall’artista di San Cristobal Jerónimo Aguilar, così come il grande dipinto ad olio della Virgen del Refugio in mezzo alle anime del purgatorio, opera di anche il pittore locale Don Eusebio Aguilar. La tradizione dice che tra le anime si distingue don Eusebio stesso, facile da distinguere perché è l’unico che ha lo scapolare di Carmen.

La pala d’altare di San Juan Nepomuceno mostra la figura in umido del santo, molto ben fatta, tutta intagliata; Le tele che illustrano i passaggi della sua vita portano il cognome Solórzano, originario della città, che può essere visto in uno dei suoi angoli. Sull’altare di San José è possibile ammirare la scultura del santo, in umido e ben realizzata, nonché quella di San Ignacio de Loyola e numerose altre opere di autori anonimi. Nella pala d’altare dei re si possono vedere opere di Don Eusebic Aguilar, il cui pennello ha lasciato anche i dipinti dell’altare della Vergine della Medaglia Miracolosa. C’è la scultura a grandezza naturale di San Cristóbal Mártir; fu scoperto per caso e dopo molti anni che la parte posteriore celata con una porta scorrevole era vuota, dove rimanevano i dati relativi alla sua fabbricazione.

C’è anche l’immagine di un fascio del Sacro Cuore di Gesù, realizzato a Barcellona, ​​in Spagna e portato dal vescovo Luque nel 1899. Oltre alla Vergine dell’Assunta, in umido, tranne che per un atto avventato la follia della pittura a olio è stato commesso. Infine, vale la pena menzionare un dipinto della Virgen de la Merced, in una tela di filo d’argento con decorazioni dorate, il cui autore è sconosciuto. Nella piazza centrale, puoi goderti uno splendido tramonto, godendoti i dolci tipici delle montagne del Chiapas, sempre accompagnati dalla bella immagine della chiesa cattedrale, le sue montagne e la magia della sua gente.

Oggi di fronte alla chiesa cattedrale si trova la Plaza de la Paz, dove si svolgono varie mostre culturali ed è un importante punto di incontro.

Restauro
La Cattedrale di San Cristóbal de las Casas rimane assediata due anni dopo i terremoti di settembre 2017. Una barriera di piastre con campioni di arte urbana impedisce l’accesso al sito che ha subito danni strutturali e rimane in attesa di risorse del Fondo per i disastri naturali.

Il terremoto del 7 settembre 2017, considerato il più forte dell’ultimo secolo, danneggiò l’eredità quella stessa notte e il giorno seguente, tra la paura della gente di scosse di assestamento, l’accesso alle persone fu impedito dal danno che lo spazio presentava, perché le sue colonne ebbe molti danni, oltre a presentare crepe e pietre nella parte superiore della facciata, che cadde sul coro e distrusse un antico organo.

Le ferite alla cattedrale hanno anche reso impossibile l’uso del suo campanile. Settimane dopo il movimento tellurico, gli spazi sono stati adattati per venerare le immagini e continuare con le loro attività religiose, sebbene la comunità mantenga ancora la speranza di restaurare i templi.

Sebbene i fedeli della comunità del Chiapas si aspettino che i lavori di restauro vengano presto completati, il personale che lavora negli uffici del tempio principale di San Cristóbal ha assicurato che con le risorse che hanno ricevuto dall’assicurazione, sono riusciti a coprire piccole crepe e a occuparsi di la facciata del tempio, ma hanno bisogno del Fonden per continuare con le opere più importanti.

Alcune risorse che erano state stanziate e, si spera, presto il lavoro può essere ripreso per tenere aperta la porta, come è stato fatto con le altre chiese.

Tags: