Castello di Villandry, Francia

Il castello di Villandry (francese: Château de Villandry) è un’architettura e giardini intrecciati con intreccio, situato a 15 km a ovest di Tours, nel dipartimento francese dell’Indre-et-Loire, nella regione Centro-Valle della Loira.

L’ultimo dei grandi palazzi costruiti sulle rive della Loira nel XVI secolo, il castello di Villandry, porta un ultimo tocco alla ricerca del Rinascimento francese, annunciando le conquiste di Ancy-le-Franc (Borgogna) e Ecouen (Île-de-France).

Con i suoi arredi unici, l’arredamento e l’atmosfera, il castello di Villandry è una testimonianza vivente del patrimonio francese. Quando Jean Le Breton acquistò la tenuta Villandry, l’edificio fu una fortezza medievale. L’architettura difensiva è stata abbattuta, aperta e migliorata con elementi di arredamento rinascimentale. Nel XVIII secolo, il Marchese di Castellane si trasferì a Villandry e apportò alcuni importanti cambiamenti per trasformare l’edificio in una casa calda, luminosa e confortevole che riflettesse l’arte di vivere in quel momento. Alla fine del XIX secolo la tenuta era caduta in disuso e fu salvata dall’abbandono da Joachim Carvallo e Ann Coleman, che a sua volta intrapresero una campagna di restauri per riportarla al suo stato rinascimentale. Henri Carvallo, l’attuale proprietario di Villandry, sta seguendo le orme dei suoi antenati preservando entrambi questo sito storico unico e aprendolo ai visitatori.

Gli attuali giardini del castello di Villandry, sono il risultato di una ricostituzione paziente fatta nel 1906 dal dott. Joachim Carvalo da tavole e testi antichi dell’architetto Jacques Androuet du Cerceau, per poi occuparsi di un giardino rinascimentale tipico del XVI secolo.

Quest’area ora occupa un’area di oltre sei ettari disposti su quattro livelli di terrazze.

Dopo l’apertura al pubblico del Sun Garden nel giugno 2008 e tre nuove stanze nel castello tra il 2006 e il 2007, il Château de Villandry sta focalizzando l’attenzione sull’accoglienza dei visitatori e sull’essere un luogo di qualità.

i visitatori potranno approfittare del castello che è stato interamente restaurato e arredato, così come 4 mostre, 4 eventi sui giardini … Soprattutto, i visitatori potranno ammirare la straordinaria bellezza dei giardini. L’orto in particolare sta diventando gradualmente organico: zappatura, scavo, insetti utili, ecc. Sono tornati a favore, con conseguente riduzione dell’uso di trattamenti fitosanitari.

L’intero castello e i suoi giardini sono elencati al 12 aprile 1927 nell’elenco dei monumenti storici prima di essere definitivamente classificati nel settembre del 1934. Il dominio è ora parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

disposizione
Con i suoi arredi unici, l’arredamento e l’atmosfera, il castello di Villandry è una testimonianza vivente del patrimonio francese. Quando Jean Le Breton acquistò la tenuta Villandry, l’edificio fu una fortezza medievale. L’architettura difensiva è stata abbattuta, aperta e migliorata con elementi di arredamento rinascimentale. Nel XVIII secolo, il Marchese di Castellane si trasferì a Villandry e apportò alcuni importanti cambiamenti per trasformare l’edificio in una casa calda, luminosa e confortevole che riflettesse l’arte di vivere in quel momento. Alla fine del XIX secolo la tenuta era caduta in disuso e fu salvata dall’abbandono da Joachim Carvallo e Ann Coleman, che a sua volta intrapresero una campagna di restauri per riportarla al suo stato rinascimentale. Henri Carvallo, l’attuale proprietario di Villandry, sta seguendo le orme dei suoi antenati preservando entrambi questo sito storico unico e aprendolo ai visitatori.

Il castello
Il mastio rimane l’unico elemento medievale e ricorda che Villandry era un tempo una fortezza prima dei drammatici cambiamenti subiti a seguito dell’acquisizione da parte di Jean le Breton nel XVI secolo. È l’unico elemento architettonico sostanziale per mostrare i merli e merli tipici delle strutture difensive costruite nel Medioevo.

Un occhio astuto raccoglierà i segni del foro fatti nel mastio nel XVIII secolo, ma successivamente riempito da Joachim Carvallo come parte del suo grande progetto per riportare Villandry al suo splendore rinascimentale.

L’ardesia era il materiale utilizzato per coprire i tetti nel periodo rinascimentale. I tetti del castello di Villandry, restaurati tra il 1995 e il 2003, si ergono orgogliosamente sopra l’edificio. Immensi, imponenti e fortemente inclinati, conferiscono all’edificio una certa dinamica. L’ingegnosità degli architetti del Rinascimento è evidente nella loro capacità di spezzare l’impressione di un’unica grande entità attraverso la punteggiatura del tetto con lucernari e camini.

Per mantenere l’ordine, l’armonia e la simmetria, le finestre degli edifici rinascimentali erano allineate sia orizzontalmente che verticalmente. Per enfatizzare questo perfetto allineamento, pilastri scolpiti e cornici sono stati aggiunti alla facciata.

Per quanto riguarda i bovindi, sono divisi in quattro da montanti (orizzontali) e montanti (verticali) scolpiti. Insieme formano una finestra a croce.

A livello del tetto si trovano i lucernari rinascimentali finemente lavorati. Alte e luminose senza competere con le finestre, sono anche divise in quattro da montanti scolpiti e traversi. L’ornamento è completato da un frontone triangolare, a sua volta impreziosito da un elemento decorativo che ricorda un piccolo edificio, da cui deriva il nome “aedicule”.

Su ogni frontone è un profondo sollievo. Qui puoi vedere lo stemma di Jean Le Breton, il primo proprietario di Villandry. È inoltre possibile vedere lo stemma di Florimond de Robertet, che era segretario di Francesco I, tesoriere della Francia e patrono del castello di Bury. Sua figlia sposò il figlio di Jean Le Breton.

La galleria arcata è una delle caratteristiche dell’architettura rinascimentale. Questo passaggio al piano terra collega l’esterno con l’interno e funge da transizione delicata tra casa e giardino.

I tre edifici che circondano il cortile principale formano un’apertura a ferro di cavallo sulla valle. Per rompere la monotonia della simmetria, il senso delle proporzioni e l’uniformità così amate in stile rinascimentale, l’architetto di Château de Villandry ha introdotto alcune sottili differenze: le ali non sono esattamente della stessa lunghezza, l’allineamento delle finestre centrali è leggermente fuori -centro, ecc. Sta a te trovare le altre differenze quando visiti Villandry!

Il salotto e lo studio
Il salotto al piano terra emana una confortevole atmosfera familiare che i visitatori apprezzeranno quando visiteranno l’interno del castello.

Disposti intorno a un pianoforte a coda su cui sono esposti i ritratti di famiglia, i mobili del XVIII secolo sono ricoperti di seta Touraine che viene ancora prodotta oggi.

I pannelli sulla parete completano l’arredo del XVIII secolo e garantiscono che la stanza mantenga il calore.

Lo studio si trova al piano terra del mastio. In questa stanza, Joachim Carvallo ha redatto i piani per coltivare l’orto, tra le altre cose.

La sala da pranzo
La sala da pranzo è dotata di un tavolo fisso ed è una sala molto moderna per il 18 ° secolo. Fino a metà del secolo, quando i cacciatori tornarono, fu eretto un tavolo a cavalletti. Ma il bisogno di conforto e privacy portava gradualmente a ogni stanza con uno scopo specifico, e per quanto riguardava la sala da pranzo era necessario un tavolo permanente.

La sala da pranzo del Château de Villandry sfoggia pannelli in color rosa salmone scintillante e una fontana, che ricorda le origini provenzali del marchese di Castellane che possedeva la tenuta nel XVIII secolo. Sono anche testimonianza del gusto del proprietario, che ha apportato molte modifiche importanti sia al castello che ai giardini.

Il pavimento in marmo è tipico di una sala d’accesso, con il parquet riservato alle aree private.

La sala da pranzo del castello di Villandry è stata classificata come monumento storico dal 1934, così come lo scalone principale.

La cucina
La cucina era una stanza utilizzata dal personale di servizio e, come tale, ha un aspetto rustico. Ci sono pavimenti in cotto, un muro di pietra a vista e l’imponente camino imponente. Pentole e padelle di rame e una rosticceria ricordano lo scopo di questa stanza. Le verdure sul tavolo in rovere massello sono un cenno all’orto di Villandry.

La scala principale
I piani superiori sono stati raggiunti da una scala ottagonale esterna situata nel cortile principale, come spesso accade negli edifici rinascimentali. Quando il marchese di Castellane realizzò importanti cambiamenti strutturali nel XVIII secolo, la scala esterna fu rimossa. Tutti i piani possono ora essere raggiunti da una scala interna.

La scalinata principale è un’opera di grande finezza che gioca con il contrasto tra il candore del maestoso volo di scalini in pietra di Tuffeau e le pergamene della balaustra in ferro forgiato di colore scuro ma estremamente delicato.

I visitatori osservanti noteranno le iniziali intrecciate del marchese di Castellane sugli sbarchi.

La scala principale è stata classificata come monumento storico dal 1934, così come la sala da pranzo.

La camera da letto del principe Jérôme
Sotto il primo impero, il castello di Villandry apparteneva per breve tempo al fratello minore di Napoleone I, il principe Jérôme. Questo episodio della storia del castello è ricordato da questa camera da letto con i suoi mobili in mogano, le sete rosse, i drappeggi e gli arredi militari.

La camera da letto di Joachim Carvallo
Un medico di origine spagnola, Joachim Carvallo salvò Villandry dalla distruzione quando l’acquistò nel 1906. I lavori di restauro e la creazione dei giardini incapsulano la sua personalità. La sua devozione a restaurare il castello alla sua gloria rinascimentale esemplifica il suo approccio scientifico e l’interesse per l’architettura. Il suo amore per l’arte – in particolare i dipinti spagnoli, che ha raccolto – è chiaro dalla galleria di dipinti. Per quanto riguarda i giardini, sono una riproduzione di antichi giardini che fondono architettura, pittura e scienza, ma rappresentano anche la pietà di Joachim Carvallo. Ciò è particolarmente evidente nel labirinto e nei cespugli di rose del Garden, simbolo di un monaco che si prende cura del suo giardino.

La camera da letto di Joachim Carvallo, con il suo arredamento sobrio, riflette il suo ex proprietario. Ha una magnifica vista sui giardini ornamentali e il giardino della cucina.

La Biblioteca
La biblioteca contiene opere e oggetti relativi a Joachim Carvallo e Ann Coleman. La collezione ci fornisce indizi sulle loro idee, motivazioni e piani per rinnovare Villandry.

La camera da letto Garden Garden
Con la sua magnifica vista sul giardino della cucina, la cosiddetta camera da letto “Garden” è degna di nota per la bellezza del suo pavimento in parquet. Questa opera d’arte del XVIII secolo combina diversi tipi di legno in una varietà di tonalità marroni.

La camera da letto del fossato
Ann Coleman, la moglie di Joachim Carvallo, scelse questa stanza, che fu aggiornata nel XVIII secolo. I pannelli verdi morbidi; la seta bianca impreziosita da fiori colorati e uccelli che evocano giardini e musica; i ritratti di Ann Coleman e di due dei sei bambini della coppia dipinti dal loro amico, l’artista Milcendeau; e la morbidezza dell’alcova allude alla femminilità e alla maternità.

La galleria d’arte
Joachim Carvallo e sua moglie, Ann Coleman, erano accaniti collezionisti di dipinti antichi, con una particolare predilezione per l’epoca d’oro della pittura spagnola: il 17 ° secolo. Quando comprarono Villandry nel 1906, era con l’intenzione di avere un posto dove esporre la loro collezione. La loro collezione aveva acquisito una grande notorietà prima della guerra, ma è stata poi demolita per scopi ereditari. Nonostante ciò, Villandry conserva ancora una superba collezione di dipinti che Henri Carvallo, pronipote di Gioacchino, sta cercando di ricostruire. La maggior parte di queste opere proviene dal movimento del realismo spagnolo, nato da una fusione di stili fiamminghi e italiani. Molte delle opere esposte in questa galleria e appese nelle altre stanze del castello sono dipinti religiosi.

Visitando la galleria d’arte è una parte integrante della visita del castello, che è aperto al pubblico per la maggior parte dell’anno.

Il salotto orientale
Un ritrovamento inaspettato in un castello della Loira, il salotto orientale è notevole per il suo soffitto ispano-moresco, una volta parte del palazzo ducale di Maqueda costruito a Toledo nel 15 ° secolo. Il palazzo fu smantellato nel 1905 e Joachim Carvallo acquistò uno dei suoi quattro soffitti – quello del salotto “La Martina” – a Villandry. Gli altri tre sono attualmente ospitati al Museo Archeologico Nazionale di Madrid, al Victoria and Albert Museum di Londra e al De Young – Museo della Legion of Honor Fine Arts di San Francisco.

Ci è voluto un anno per rimontare i 3.600 pezzi del soffitto in legno policromo.

Creato in stile mudéjar da artigiani moreschi per i loro mecenati spagnoli, combina elementi decorativi di arte sia cristiana che moresca. Le corde francescane, conchiglie di capesante, decorazioni floreali e stemmi araldici reali si mescolano con trafori, dorature e iscrizioni arabe per formare un’alleanza armoniosa.

I dipinti esposti sotto il soffitto raffigurano quattro scene di una “porta ottomana” (ora Turchia). Sono un ricordo della carriera diplomatica del Marchese di Castellane come ambasciatore francese al sultano sotto Luigi XV. Questi dipinti appartenevano al marchese, quindi possiamo ragionevolmente presumere che fossero a Villandry tra il 1754 e il 1791.

I giardini
Un estetismo sotto l’influenza italiana
I giardini del Rinascimento francese sono uno stile di giardino ispirato originariamente a quelli del Rinascimento italiano, che in seguito si è evoluto per dare vita al più grande e formale stile del giardino francese sotto il regno di Luigi XIV dalla metà del XVII secolo .

Nel 1495, il re Carlo VIII ei suoi nobili riportarono lo stile rinascimentale in Francia dopo la loro campagna di guerra in Italia. I giardini del Rinascimento francese sono culminati nei giardini del castello reale di Fontainebleau e nei castelli di Blois e Chenonceau.

I giardini del Rinascimento francese sono caratterizzati da aiuole o letti simmetrici e geometrici, piante in vaso, sentieri di sabbia e ghiaia, terrazze, scale e rampe, acqua corrente sotto forma di canali e cascate. e fontane monumentali, e l’uso estensivo di caverne artificiali, labirinti e statue di figure mitologiche. Divennero un’estensione dei castelli che circondavano e furono progettati per illustrare gli ideali di misura e proporzione del Rinascimento e per ricordare le virtù dell’antica Roma.

I giardini del Rinascimento passano dalla penna utilitaristica, piena di simbolismo cristiano, a ampie prospettive usando il vocabolario pagano, e il cui scopo principale è l’unica delizia, piacere. Le considerazioni estetiche e personali diventano quindi di primaria importanza. Lo spazio del giardino è sempre meno influenzato dai precetti religiosi (nonostante le visioni di Erasmo e Palissy). I riferimenti iconologici non sono più esclusivamente classici: appartengono alla mitologia attraverso l’uso del suo simbolismo, temi illustrati, statue … I giardini hanno anche una dimensione politica (i grandi giardini sono progettati per la gloria dei luoghi principali), e l’evoluzione dell’arte del vivere ne fa l’ambiente per feste e sontuosi banchetti. La loro storia è anche un riflesso di quello, parallelo, della botanica (introduzione di nuove specie, approccio sempre più scientifico) e l’evoluzione delle teorie e delle pratiche culturali.

I parterre di Villandry
I giardini furono creati nello stesso periodo del castello rinascimentale, in origine la parte essenziale era un giardino decorativo con piante esotiche provenienti da vari paesi europei e americani. I discendenti e i successori di Jean Le Breton hanno trascorso due secoli a conservare questa eredità.

Questo set sarà tuttavia trasformato in un giardino inglese all’inizio del XIX secolo in via di sviluppo “in ondulazioni e capezzoli (…), piantati con molte specie esotiche recentemente importate: cedro, pino, cedro, magnolia, massaggiato sul dorso di tumuli artificiali … Il castello stesso [scompare] nel mezzo di una foresta di alberi e vegetazione.

Gli attuali giardini del castello di Villandry sono quindi il risultato di una paziente ricostituzione effettuata tra il 1908 e il 1916 da Joachim Carvallo del Monasticon Gallicanum e le antiche tavole e testi dell’architetto Jacques Androuet du Cerceau, che tratta di un giardino del Rinascimento tipico del XVI secolo: vuole quindi dare a Villandry la sua autenticità.

Questo gruppo occupa attualmente un’area di oltre sei ettari disposti su quattro livelli di terrazze:

La terrazza superiore che ospita il nuovissimo giardino solare, inaugurata il 20 giugno 2008, è una sorta di belvedere che si affaccia sulle diverse sezioni del giardino. Quest’ultima realizzazione si estende su un vecchio prato circondato da tigli. Dal 1908 al 1918, Joachim Carvallo progettò un piano di principio per questa terrazza. Nell’ambito del centenario della ricreazione dei giardini rinascimentali, Henri Carvallo, attuale proprietario, ha voluto realizzare questo giardino ispirato al disegno del bisnonno Joachim. Questo set rispetta i principi generali di organizzazione dei giardini di Villandry, formando un chiostro di verde composto da tre stanze:

La camera a nuvola si sviluppa in piccoli sentieri erbosi che formano triangoli che si snodano tra cespugli di rose e cespugli nei toni del blu e del bianco.

La Sun Room, la parte centrale del giardino, ha una piscina a forma di sole rappresentata da una stella a otto punte, progettata all’epoca da Joachim Carvallo, così come ciuffi di piante perenni dominate dal giallo-arancio.

La camera dei bambini è composta da alberi di mele decorativi con giochi all’aperto.

Situato a sud del parco, il giardino d’acqua non è altro che il giardino francese voluto da Michelangelo Castellane nella metà del XVIII secolo. Circondata da un chiostro di tigli, questa sezione è ora composta da tappeti verdi adornati da artificieri le cui forme classiche si sviluppano intorno a uno stagno centrale costituente un vero specchio d’acqua di Luigi XV.

Una terrazza intermedia che estende le sale del castello accoglie il giardino ornamentale o il giardino di ricami composto da bosso e topiaria di tasso. Organizzato da Lozano, pittore sivigliano, coadiuvato dal pittore e giardiniere paesaggista Javier de Winthuysen, questa sezione si compone di quattro saloni che rappresentano giardini d’amore:

L’amore tenero simboleggiato da cuori separati da piccole fiamme. Nel centro delle maschere che sono state messe sugli occhi durante le palle ha permesso ogni tipo di conversazione.

Amore passionale con cuori spezzati dalla passione, incisi in un movimento che ricorda la danza e i turbini di passione.
Il volubile amore con i suoi quattro fan negli angoli rappresenta la leggerezza dei sentimenti. Il colore dominante in questo quadrato è il giallo, simbolo dell’amore ingannato.

Tragico amore con pugnali e spade per rappresentare i duelli causati dalla rivalità amorosa. In estate i fiori sono rossi per simboleggiare il sangue versato durante questi combattimenti.

A sinistra, al centro: un disegno facile da riconoscere la croce di Malta. Dietro questa croce, a destra, quella della Linguadoca e, a sinistra, quella dei Paesi Baschi. Infine, molto stilizzati, fiori di giglio lungo il fossato.

Situato al livello del castello, il giardino decorativo riprende la tradizione del giardino del semplice medievale, dedicato alle piante aromatiche, ai condimenti e ai medicinali di cui si cela una trentina di specie. In uno stile rinascimentale, si compone di nove piazze fiancheggiate da alberi da frutto in corde e piantate con verdure armoniosamente disposti in colori che sono associati nello spirito dei giardini italiani del XIV secolo, elementi decorativi, fontane, pergolati e quadrati di fiori, sapientemente disposti per distrarre i camminatori, trasformando così l’orto in un giardino di piacere.

Situato a sud-ovest del complesso, è composto da un labirinto piantato con pergole che mirano a salire spiritualmente alla sua piattaforma centrale.

L’ultima sezione soprannominata Foresta si sviluppa in terrazze fiorite attorno a una serra e una piccola follia del XVIII secolo, il padiglione dell’udienza. Formando una delle sezioni dei giardini francesi costruiti nel XVIII secolo, Michelangelo de Castellane “diede il pubblico” agli agricoltori e ai contadini che lavoravano nella sua terra. Questa fabbrica è stata completamente rinnovata nel 2004.

Le fontane e le pergole del giardino sono state restaurate dal 1994. I giardini formano un insieme limitato a nord dalla strada di Tours, a sud dalla strada rurale dell’ovile, a ovest dal muro di recinzione lungo il labirinto vegetale . Hanno ottenuto l’etichetta di Remarkable Garden. L’8 febbraio 2012 è stata organizzata una giornata di studio nell’ambito del Rendez-vous aux jardins 2012 della Direzione generale del patrimonio e del Consiglio nazionale dei parchi e dei giardini. Infine, nel 2010 è stato riaperto un campo da tennis in erba.

Giardino biologico
Dal suo arrivo a Villandry nel 2009, il capo giardiniere, Laurent Portuguez, ha avuto una cosa in mente: rendere organici i magnifici giardini di Villandry.

I primi sforzi si sono concentrati sugli orti, dove i metodi di lavoro sono stati interamente ripensati, con il motto “osservare per anticipare e prevenire di non usare trattamenti chimici”.

Per il team di giardinieri, questo non è un compito banale: oltre a una nuova organizzazione del lavoro, alcuni strumenti sono apparsi nei capannoni e ogni giardiniere deve sorvegliare da vicino tutte le piante per prevenire parassiti e malattie.

Ecco alcuni esempi concreti di ciò che è stato fatto dal 2009 nei giardini:

Stop ai pesticidi
Tutti i pesticidi sono stati eliminati dai giardini e sostituiti da ausiliari parassiti o predatori o da nematodi, che si nutrono di larve di ditteri (mosche, ecc.).

Ad esempio, i predatori nativi dell’acaro della calce sono stati introdotti seguendo le raccomandazioni della tecnologia universitaria e dell’unità di trasferimento delle competenze Innophyt specializzata in metodi biologici per prevenire la diffusione di acari della calce, che causano scolorimento e caduta delle foglie nei tigli nei giardini di Villandry . Questi predatori naturali vengono introdotti in condizioni controllate in modo che alla fine diventino residenti permanenti dei giardini.

Infine, poiché abbiamo smesso di usare insetticidi chimici, gli insetti finora naturalmente presenti hanno iniziato a tornare nell’orto e molti dei nemici naturali degli afidi (mosca verde o nera), come le sirene di syrphus, le lacewings verdi e le vespe parassite , sono presenti e sono al lavoro per attaccare questi parassiti.

Inoltre, nella primavera del 2010 sono stati installati quattro alveari sulle terrazze meridionali dei giardini.

I fungicidi naturali
Allo stesso tempo, stiamo combattendo contro le malattie delle foglie trasmesse da funghi senza l’utilizzo di trattamenti sintetici: stimolando le difese naturali di rose, viti e alberi da frutto con trattamenti che utilizzano minerali, oligoelementi, oli essenziali, liquami e decotti per rafforzare le piante e fare più resistenti alle malattie.

La fertilizzazione organica
La concimazione chimica è stata eliminata e ora è stata sostituita dalla fertilizzazione organica, sotto forma di compost che comprende una varietà di granuli che forniscono azoto, fosforo e potassio. Tutti i fertilizzanti possono essere utilizzati nell’agricoltura biologica, ma richiedono diverse applicazioni mirate come e quando necessario per evitare che il suolo si impoverisca.

L’eliminazione della fertilizzazione chimica è avvenuta con poche modifiche:

Cambiamenti nei metodi di coltivazione: le vanghe multi-tinate sono ora utilizzate per preservare l’attività dei batteri contenuti nella cima da 10 a 15 centimetri di suolo. A differenza dei normali scavi, evita di seppellire questa vita microscopica di 30 cm sotto la superficie. Anche la zappatura viene eseguita più frequentemente per rendere più efficiente l’irrigazione.

Cambiamenti nella scelta delle piante: introduzione di piante, semi e compost con certificazione “agricoltura biologica”. Quindi gli schemi di piantagione primaverili ed estivi sono ora completamente biologici.

Di proprietà della famiglia Carvallo, il castello di Villandry è aperto al pubblico ed è uno dei castelli più visitati di Francia; nel 2007 il castello ha ricevuto circa 330.000 visitatori.

Tags: